UNITED STATES OF AMERICA NAVY

- PORTAEREI  -

AIRCRAFT CARRIERS

La Enterprise CV6 in navigazione La Midway CV 41 in navigazione La Ronald Reagan CVN76  in navigazione

U.S. NAVY

AEREI DELLA U.S. NAVY (U.S. NAVY AIR FORCE)

PORTAEREI D'ATTACCO (Heavy Carriers)

Classe Langley

La portaerei Langley fu una nave che ebbe un'importanza enorme per la Marina americana. Fu infatti la prima portaerei della U.S. Navy e fu utilizzata come un laboratorio sperimentale dell'aviazione imbarcata, in questo risiede la sua importanza storica. Senza di essa non ci sarebbero state nè la Lexington, l'Enterprise ma neanche la Nimitz o la R.Reagan.

Langley (CV1)

Classe Lexington

Le due portaerei Lexington e Saratoga erano state programmate nel 1916, cioè durante la guerra 1914-1918, come incrociatori da battaglia; il dislocamento previsto era di 35.300 tonnellate, ma successivamente venne maggiorato. Dovevano appartenere a una classe di 6 unità e sarebbero stati gli incrociatori da battaglia più grandi, più armati e potenti del mondo, ma furono superati alcuni anni dopo dall'incrociatore da battaglia inglese Hood che fece servizio dal 1920 al 1941 prima di venire affondato dalla Bismarck. Queste unità furono messe in costruzione solamente dopo la fine della guerra, quando ancora tutte le grandi Marine continuavano nella corsa agli armamenti.

Lexington (CV2)

La portaerei USS Lexington (CV-2) , soprannominata "Lady Lex", è stata una delle prime portaerei costruite per la Marina degli Stati Uniti. Era la nave che diede il nome alla classe di portaerei anche se la sua unica nave gemella, la Saratoga , fu commissionata un mese prima. "Lady Lex" è stata quindi una forte e poderosa unità che si è dovuta arrendere di fronte "al nuovo che avanza" ma comunque è servita di esperienza e di base per le portaerei della classe Essex, quelle che avrebbero in seguito vinto la Guerra del Pacifico.

Saratoga (CV3)

La portaerei USS Saratoga (CV-3) è stata la seconda portaerei della United States Navy e la quinta nave a prendere il nome dalla battaglia di Saratoga. Appartenente alla classe Lexington, fu varata un mese prima della sorella e capoclasse Lexington. Essendo la Saratoga identica alla Lexington sul suo fumaiolo fu dipinta una grande striscia verticale nera per permetterne l'identificazione da parte dei piloti in appontaggio, per questo la nave si meritò il soprannome di Stripe-Stacked Sara. La Saratoga, assieme alla Enterprise ed alla Ranger, fu l'unica delle portaerei prebelliche statunitensi a sopravvivere all'intera seconda guerra mondiale.

Classe Ranger

Ranger (CV4)

La portaerei Ranger fu la prima progettata e costruita come tale dalla Marina degli Stati Uniti, in quanto le tre che l'avevano preceduta erano tutte unità trasformate: la Langley era una carboniera e la Saratoga e la Lexington dovevano essere incrociatori da battaglia. La Ranger si può considerare come l'antesignana delle portaerei medio-piccole americane, anticipando per forma e stazza la Wasp e la classe della Enterprise. Si caratterizza per l'unicità dei sei fumaioli laterali.

Classe Enterprise

La classe Enterprise di portaerei venne costruita dagli Stati Uniti d'America non molto prima della seconda guerra mondiale in una serie di tre. Le prime due navi, la Yorktown (CV-5) e la Enterprise (CV-6), furono commissionate nel 1937 e 1938. La lezione appresa dall'opera di conversione dei grandi incrociatori da battaglia classe Lexington, rispetto all'espressamente costruito Ranger (CV-4), insegnò alla marina che le grandi portaerei, piuttosto che le piccole, erano operativamente più flessibili e durevoli. Grazie a queste lezioni la marina costruì le nuove portaerei nel più grande tonnellaggio (25.000 tons) permesso dai trattati dell'epoca. Le navi risultarono grandi, flessibili e potenti, dando all'US Navy una forza complessiva di cinque portaerei per un totale di 134.000 tons, che in aggiunta alle 20.000 tons della Wasp (CV-7) portarono la US Navy fino al valore limite del trattato. La fine dei trattati nel 1937 permise alla US Navy di costruire ulteriori portaerei, la prima portaerei di questo nuovo programma fu un'altra portaerei classe Yorktown, la Hornet (CV-8), commissionata nel 1941. Miglioramenti al progetto delle Yorktown portarono al progetto della classe Essex.


Yorktown (CV5)

La Yoktown può considerarsi una tra le portaerei più famose e gloriose della marina americana.  Nata come portaerei di seconda generazione, dopo la Langley e la classe Saratoga, fu tra le prime portaerei americane ad essere costruita come tale. Veloce, potente, in grado di ospitare ben 100 aerei, rappresentò il prototipo sulla quale si basò la successiva classe Essex. Notevole era l'autonomia, con una velocità di 15 nodi poteva infatti raggiungere i 22.5000 Km. Affrontò lo scontro coi giapponesi quando il numero delle forze in campo era ancora in favore dei nipponici e quindi in situazione di inferiorità numerica e di esperienza bellica.  Si dimostrò una portaerei quasi inaffondabile. Dopo essere stata gravemente danneggiata al Mar dei Coralli, in quella che fu la prima battaglia tra portaerei della storia ed "essere stata riattaccata col filo di ferro" (come disse Spruance) combatté magnificamente alle Midway.  Riuscì non si sa come a rimanere a galla dopo i disperati e suicidi attacchi degli areosiluranti della Hiryu, per poi essere finita definitivamente da un sommergibile giapponese, quando ormai si pensava di poterla salvare.. Magnifica. (Shinano)

Enterprise (CV6)

La gloriosa storia di questa unità non meriterebbe ulteriori commenti. La portaerei Enterprise (CV6), denominata "Big E" è e rimarrà senza dubbio la più grande e gloriosa portaerei della storia! Per rendere un'idea della sua vita bellica basta il dato dei successi che fu esposto durante la visita a New York nell'ottobre del 1945, quindi a guerra finita: 20 battaglie, 911 aerei distrutti, 71 navi affondate

Costituì con le due gemelle Hornet e Yorktown il nucleo centrale del Pacifico allo scoppio delle ostilità coi giapponesi. Si dimostrò alla prova del fuoco una portaerei solida, difficilmente affondabile,duttile e potente, al contrario delle ben più grosse Akagi e Kaga giapponesi che furono miseramente affondate alle Midway.  Dal punto di vista storico può essere paragonata alle gemelle terribili giapponesi Zuikaku e Shokaku, con la differenza che riuscì ad uscire indenne da tante battaglie dolorose ed eroiche, basti pensare alle tre bombe incassate a Santa Cruz....., per entrare nell'Olimpo delle grandi navi della storia, paragonabile solo alla Victory di Nelson e forse superiore, per fama, alla leggendaria Bismarck.  Come ben si vede la sua storia sconfina nella leggenda!  Non dimentichiamoci, però, che al contrario di una corazzata, una portaerei non dipendeva solo dal proprio equipaggio e dalla sua contraerea, ma per sopravvivere doveva fare affidamento soprattutto sulla propria squadriglia aerea (caccia e bombardieri) che ospitava. L'Enterprise seppe, tramite i propri comandanti, forgiare i migliori gruppi aerei della Seconda Guerra Mondiale ed utilizzarli al meglio in maniera letale e terribile, diventando l'incubo degli ammiragli giapponesi. Dalla fine della Battaglia di Santa Cruz  all'avvento della classe Essex resse quasi da sola lo sforzo bellico americano, rimanendo l'ultimo bastione difensivo.  Dopo l'avvento delle nuove grandi portaerei della classe Essex continuò a forgiare, tramite l'aiuto dei propri veterani, i migliori piloti della U.S. Navy e combattè come portaerei notturna fino alla battaglia di Okinawa ed allo schianto del kamikaze Tomi Zai con onore e ferocia. Leggendaria. (Shinano).

Hornet (CV8)

La settima USS Hornet (CV-8) della United States Navy fu una portaerei classe Enterprise della seconda guerra mondiale, famosa per aver trasportato i bombardieri dell'incursione aerea su Tokyo, come partecipante alla battaglia delle Midway e per azioni nelle Salomone prima di essere affondata nella battaglia delle isole di Santa Cruz. Venne varata il 14 dicembre 1940 dal cantiere di Newport News Shipbuilding di Newport News, Virginia, battezzata da Annie Reid Knox (moglie del Segretario alla Marina Frank M. Knox) ed entrò in servizio a Norfolk il 20 ottobre 1941, al comando del capitano Marc A. Mitscher. Alle 1:35 della notte del 27 ottobre 1942 la Hornet affondò al largo delle Isole Santa Cruz durante l'omonima battaglia. Non ebbe la gloriosa storia delle altre due "gemelle" della stesa classe (Enterprise e Yorktown) ma entrò comunque nella storia per il "Doolittle Raid", il quale dimostrò per la prima volta ai giapponesi che potevano essere attaccati anche sul proprio territorio.(Shinano)

Classe Wasp

Wasp (CV7)

La portaerei Wasp può considerarsi una "portaerei di classe Yorktown in miniatura" per esigenze di limiti massimi di tonnellaggio raggiungibili. Si caratterizzava per l'alto numero di aerei trasportati e quindi per la significativa capacità di attacco e per la notevole autonomia operativa.  Purtroppo aveva una scarsissima protezione sia verticale che di ponte (sempre per rientrare nei suddetti limiti di tonnellaggio) ed era quindi molto vulnerabile in caso di attacchi aerei o sottomarini. Difatti venne facilmente affondata da un sommergibile giapponese

Classe Essex

La classe Essex, una versione ingrandita della classe di portaerei Yorktown, ha rappresentato la più importante classe di portaerei statunitensi della seconda parte della seconda guerra mondiale. Capaci di ospitare circa 90 aerei, con altrettanti cannoni antiaerei con calibri compresi tra il 20 e il 127 mm, con un'eccellente autonomia e grande quantità di carburante avio, esse hanno avuto grande successo. Il loro principale punto debole era il ponte di volo, costruito solo da 20 cm di legno, assolutamente non corazzato, per ridurre i pesi in alto, ma questa capacità di ospitare un gran numero di aerei grazie alle dimensioni conseguenti le rendeva vulnerabili in caso di bombardamenti o attacchi kamikaze. Originariamente le unità di questa classe non erano dotate di ponte di volo angolato, che fu aggiunto in un secondo tempo.

Essex (CV9)

La USS Essex (CV/CVA/CVS-9), capoclasse della classe omonima, è stata una grande portaerei della US Navy, che ha combattuto nella seconda guerra mondiale. Evoluzione della classe Yorktown, era una nave da circa 270 metri e 30.000 tonnellate, la Essex fu impostata il 28 aprile 1941 nei cantieri Newport News Shipbuilding and Dry Dock Co., e varata il 31 luglio 1942, con madrina la signora Artemus L. Gates, moglie del vice segretario alla Marina e all'Aviazione. Fu immessa in servizio il 31 dicembre 1942 al comando del capitano di vascello Donald B. Duncan. Capace di ospitare circa 90 aerei, con un'eccellente autonomia e grande quantità di carburante avio, ha avuto grande successo insieme al resto delle navi della classe. Il suo principale punto debole era il ponte di volo, costituito solo da 20 cm di legno, assolutamente non corazzato, per ridurre i pesi in alto, ma questa capacità di ospitare un gran numero di aerei grazie alle dimensioni conseguenti le rendeva vulnerabili in caso di bombardamenti o attacchi kamikaze. Originariamente le unità di questa classe non erano dotate di ponte di volo angolato, che fu aggiunto in un secondo tempo, anche se non a tutte le unità del primo lotto del quale la Essex faceva parte. In effetti la nave era leggermente più corta della successiva Ticonderoga che insieme alle gemelle viene a volte considerata classe a se.

Yorktown  (CV10)

Hornet  (CV12)

La USS Hornet (CV/CVA/CVS-12) è stata una delle 24 portaerei appartenenti alla Classe Essex completate durante o immediatamente dopo la seconda guerra mondiale. La Hornet, chiamata inizialmente USS Kearsarge, è stata così battezzata in onore della precedente USS Hornet (CV-8) di Classe Yorktown affondata nell'ottobre 1942 durante la battaglia navale di Santa Cruz quando questa unità era in costruzione; è l'ottava ed ultima unità della United States Navy a portare questo nome. La Hornet ha partecipato al recupero dell'equipaggio dell'Apollo 11, sceso nell'Oceano Pacifico dopo lo storico volo del luglio 1969 sulla Luna. Il punto dell'atterraggio in mare fu a 13 gradi 19 primi N, 169 gradi 9 primi W, cioè 640 km a SSW di Wake Island e 24 km dalla nave. La portaerei Hornet è attualmente ormeggiata e funzionante come nave museo in Alameda, California  aperto al pubblico dal 17.10.1998.

Franklin (CV13)

La USS Franklin (CV/CVA/CVS-13, AVT-8), soprannominata "Big Ben" fu una delle 24 portaerei appartenenti alla classe Essex costruite durante la seconda guerra mondiale per la U.S. Navy. Questa nave fu la quinta nella storia della Marina militare americana ad essere chiamata con questo nome. La chiglia della Franklin fu posata il 7 dicembre 1942, il primo anniversario dell'attacco di Pearl Harbor, e la nave fu varata il 14 ottobre 1943 dalla Newport News Shipbuilding Company, in Virginia. La madrina fu il capitano di corvetta Mildred H. McAfee, la direttrice della WAVES. La nave fu intitolata in onore di Benjamin Franklin, non in memoria della battaglia di Franklin, combattuta durante la guerra di secessione americana, come, talvolta, è erroneamente affermato.

Bunker Hill (CV17)

Wasp  (CV18)

L’USS Wasp (CV/CVA/CVS-18) era una portaerei degli Stati Uniti d'America della classe Essex. Nell'ottobre 1952 le venne assegnato il nuovo numero di identificazione CVA-18 All’atto della posa in chiglia, avvenuta il 18 marzo 1942 presso il cantiere navale della Bethlehem Steel Corporation di Quincy, Massachusetts, era previsto di nominarla Oriskany. A causa dell’affondamento della USS Wasp (CV-7), avvenuto il 15 settembre 1942, venne deciso che la nave in costruzione assumesse la successione di quest'ultima. Il varo della nave avvenne il 17 agosto 1943, mentre l’assunzione in servizio avvenne il 24 novembre 1943.

Boxer (CV32)

Antietam (CV36)

La portaerei Antietam fu una delle unità della classe Essex incluse nel programma 1943; fu impostata nell'Arsenale di Philadelphia il 15 marzo del 1943 ed entrò in servizio il 28 gennaio del 1945. Non prese parte attiva alla guerra nel Pacifico, ma dopo la resa del Giappone operò con la Task Force 72 nel Mar Giallo nel settembre-ottobre del 1945 in appoggio alle operazioni di sbarco in Cina ed in Corea, fu poi impiegata nella guerra di Corea dall'ottobre 1951 fino alla fine del conflitto. L'Antietam fu la prima portaerei a essere munita di ponte di volo angolato, cioè di un ponte di volo costituito da una parte prodiera allineata con l'asse della nave e da una parte poppiera da poppa estrema fino ad oltre l'isola, con asse che fa un angolo di circa 8° con quello della nave, divergendo verso prora.

Leyte (CV37)

Princeton (CV39)

Lake Champlain (CV40)

Tarawa (CV45)

Valley Forge (CV47)

Philippine Sea (CV48)

Reprisal (CV35) - Mai realizzata -

Iwo Jima (CV46) - Mai realizzata -

Senza nome (CV50) - Mai realizzata -

Senza nome (CV51) - Mai realizzata -

Senza nome (CV52) - Mai realizzata -

Senza nome (CV53) - Mai realizzata -

Senza nome (CV54) - Mai realizzata -

Senza nome (CV55) - Mai realizzata -

Senza nome (CV56) - Mai realizzata -

Classe Hancock (Essex  a prora lunga)

Le sette unità di questo gruppo appartenevano tutte alla classe Essex e dalla loro costruzione fino al 1952 ebbero il ponte di volo rettilineo, due elevatori sull'asse di detto ponte, uno nella zona prodiera e uno in quella poppiera, più un terzo elevatore esterno e abbattibile, sistemato sul lato sinistro di fronte all'isola. Le caratteristiche fondamentali di questo progetto erano: sistemazione di due catapulte a vapore al posto di quelle idrauliche a proravia del ponte di volo; sistemazione del ponte di volo angolato; modifica dell'elevatore prodiero da forma rettangolare a forma appuntita per contenere aerei più lunghi; abolizione dell'elevatore centrale poppiero e installazione di un nuovo elevatore esterno situato sul lato destro del ponte di volo a poppavia dell'isola, riduzione dell'armamento a soli 4 cannoni da 127 mm.

Hancock (CV19)

La USS Hancock (hull classification symbol CV/CVA-19) fu una delle ventiquattro portaerei Classe Essex realizzate negli Stati Uniti d'America durante la Seconda guerra mondiale su richiesta della United States Navy, la marina militare statunitense. Questa fu la quarta unità navale della flotta US Navy a portare questa designazione, così battezzata a memoria di John Hancock, presidente del secondo Congresso Continentale e primo governatore del Commonwealth del Massachusetts. La Hancock entrò in servizio nell'aprile 1944 venendo coinvolta in numerose operazioni belliche nel teatro della Guerra del Pacifico, ottenendo quattro battle star. Dismessa poco tempo dopo il termine del conflitto, fu oggetto di un'opera di modernizzazione adottando un ponte di volo angolato in luogo di quello originale, dritto, secondo il progetto 27-C[1]. Venne nuovamente varata nei primi anni cinquanta come Attack Aircraft Carrier (CVA).

Intrepid (CV11)

Ticonderoga (CV14)

Randolph (CV15)

Lexington  (CV16)

Bennington (CV20)

Bon Homme Richard (CV31)

Kearsarge (CV33)

La USS Kearsarge (CV / CVA / CVS-33), è stato una delle 24 portaerei di classe Essex completate durante o subito dopo la seconda guerra mondiale per la Marina degli Stati Uniti . La nave è stata la terza nave della US Navy a portare il nome. La portaerei Kearsarge è stato commissionata nel marzo 1946. Rimodernata nei primi anni 1950 come una portaerei di attacco (CVA), ha servito durante la Guerra di Corea , per il quale ha ottenuto due stelle di battaglia . Alla fine del 1950 è stata ulteriormente modificata per diventare una portaerei anti-sommergibile (CVS). Kearsarge era la nave di recupero per gli ultimi due capsule delle missioni spaziali Mercury in 1962-1963. Ha completato la sua carriera al servizio nella guerra del Vietnam , guadagnando cinque stelle di battaglia.
Lei è stato dismesso nel 1970, e venduto per rottami nel 1974.

Oriskany (CV34)

La USS Oriskany (CV/CVA-34), soprannominata anche Mighty O, The O-boat e Toasted O, è stata una delle ventiquattro portaerei appartenenti alla classe Essex completate durante o immediatamente dopo la seconda guerra mondiale. La Oriskany è stata così battezzata in onore dell'omonima battaglia, parte della guerra di indipendenza americana ed in particolare della battaglia di Saratoga; è la terza unità della United States Navy (la marina militare statunitense) a portare questo nome.
La storia della Oriskany differisce da quella delle altre sorelle in quanto originariamente era stata progettata con scafo allungato. Sospesa la costruzione nel 1947, venne ricommissionata nel 1950 e modificata con il design SCB-27. Inizialmente ha operato nel Pacifico fino agli anni settanta: durante la guerra di Corea ha guadagnato due battle star, mentre nella guerra del Vietnam ne ha guadagnate cinque. Nel 1966 un razzo al magnesio esploso accidentalmente provocò sulla Oriskany uno dei peggiori incendi dalla fine della seconda guerra mondiale; tale incendio provocò la morte di 44 membri dell'equipaggio. Venne decommissionata nel 1976 e venne radiata dal registro navale nel 1989. Nel 2006 è stata fatta affondare, ed al 2012 è il più grande reef artificiale del mondo.

Shangri-La (CV38)

Classe Oriskany

La Oriskany dà il nome a una classe di portaerei costituita completamente da unità appartenenti alla classe Essex, le quali, dopo aver servito in guerra e per alcuni anni del dopoguerra nella loro forma originale, furono poi modificate, secondo il progetto che la Marina americana aveva chiamato 27-A, per adattarle alle nuove esigenze nate dopo l'entrata in servizio degli aerei a reazione, più grandi, più pesanti e che consumavano più combustibile di quelli a elica.   Negli anni fra il 1954 e il 1958, oltre alle modifiche suddette, sulle undici unità della classe il ponte di volo da rettilineo fu trasformato in angolato (l'elencazione « unità della stessa classe" in testa al capitolo si riferisce alla situazione nel 1958-59, dopo l'esecuzione di tale modifica). 


Oriskany (CV34)

La USS Oriskany (CV/CVA-34), soprannominata anche Mighty O, The O-boat e Toasted O, è stata una delle ventiquattro portaerei appartenenti alla classe Essex completate durante o immediatamente dopo la seconda guerra mondiale. La Oriskany è stata così battezzata in onore dell'omonima battaglia, parte della guerra di indipendenza americana ed in particolare della battaglia di Saratoga; è la terza unità della United States Navy (la marina militare statunitense) a portare questo nome.
La storia della Oriskany differisce da quella delle altre sorelle in quanto originariamente era stata progettata con scafo allungato. Sospesa la costruzione nel 1947, venne ricommissionata nel 1950 e modificata con il design SCB-27. Inizialmente ha operato nel Pacifico fino agli anni settanta: durante la guerra di Corea ha guadagnato due battle star, mentre nella guerra del Vietnam ne ha guadagnate cinque. Nel 1966 un razzo al magnesio esploso accidentalmente provocò sulla Oriskany uno dei peggiori incendi dalla fine della seconda guerra mondiale; tale incendio provocò la morte di 44 membri dell'equipaggio. Venne decommissionata nel 1976 e venne radiata dal registro navale nel 1989. Nel 2006 è stata fatta affondare, ed al 2012 è il più grande reef artificiale del mondo.

Essex (CV9)

La USS Essex (CV/CVA/CVS-9), capoclasse della classe omonima, è stata una grande portaerei della US Navy, che ha combattuto nella seconda guerra mondiale. Evoluzione della classe Yorktown, era una nave da circa 270 metri e 30.000 tonnellate, la Essex fu impostata il 28 aprile 1941 nei cantieri Newport News Shipbuilding and Dry Dock Co., e varata il 31 luglio 1942, con madrina la signora Artemus L. Gates, moglie del vice segretario alla Marina e all'Aviazione. Fu immessa in servizio il 31 dicembre 1942 al comando del capitano di vascello Donald B. Duncan. Capace di ospitare circa 90 aerei, con un'eccellente autonomia e grande quantità di carburante avio, ha avuto grande successo insieme al resto delle navi della classe. Il suo principale punto debole era il ponte di volo, costituito solo da 20 cm di legno, assolutamente non corazzato, per ridurre i pesi in alto, ma questa capacità di ospitare un gran numero di aerei grazie alle dimensioni conseguenti le rendeva vulnerabili in caso di bombardamenti o attacchi kamikaze. Originariamente le unità di questa classe non erano dotate di ponte di volo angolato, che fu aggiunto in un secondo tempo, anche se non a tutte le unità del primo lotto del quale la Essex faceva parte. In effetti la nave era leggermente più corta della successiva Ticonderoga che insieme alle gemelle viene a volte considerata classe a se.

Intrepid (CV11)

Ticonderoga (CV14)

Randolph (CV15)

Lexington (CV16)

La USS Lexington (hull classification symbol CV/CVA/CVS-16) era una portaerei degli Stati Uniti d'America della classe Essex. Nell'ottobre 1952 le venne assegnato il nuovo numero di identificazione CVA-16 All’atto della posa in chiglia, avvenuta il 15 luglio 1941 presso il cantiere navale di Fore River Shipyard, era previsto di nominarla Cabot. A causa dell’affondamento della USS Lexington (CV-2), avvenuto il 15 settembre 1942, venne deciso che la nave in costruzione assumesse la successione di quest'ultima. Il varo della nave avvenne il 17 agosto 1943, mentre l’assunzione in servizio avvenne il 24 novembre 1943.
La nave venne data per affondata dai giapponesi varie volte, fatto che le guadagnò il nomignolo di Blue ghost (fantasma blu).

Hanckock (CV19)

La USS Hancock (hull classification symbol CV/CVA-19) fu una delle ventiquattro portaerei Classe Essex realizzate negli Stati Uniti d'America durante la Seconda guerra mondiale su richiesta della United States Navy, la marina militare statunitense. Questa fu la quarta unità navale della flotta US Navy a portare questa designazione, così battezzata a memoria di John Hancock, presidente del secondo Congresso Continentale e primo governatore del Commonwealth del Massachusetts. La Hancock entrò in servizio nell'aprile 1944 venendo coinvolta in numerose operazioni belliche nel teatro della Guerra del Pacifico, ottenendo quattro battle star. Dismessa poco tempo dopo il termine del conflitto, fu oggetto di un'opera di modernizzazione adottando un ponte di volo angolato in luogo di quello originale, dritto, secondo il progetto 27-C[1]. Venne nuovamente varata nei primi anni cinquanta come Attack Aircraft Carrier (CVA).

Bennington (CV20)

Bon Homme Richard (CV33)

Kearsarge (CV33)

La USS Kearsarge (CV / CVA / CVS-33), è stato una delle 24 portaerei di classe Essex completate durante o subito dopo la seconda guerra mondiale per la Marina degli Stati Uniti . La nave è stata la terza nave della US Navy a portare il nome. La portaerei Kearsarge è stato commissionata nel marzo 1946. Rimodernata nei primi anni 1950 come una portaerei di attacco (CVA), ha servito durante la Guerra di Corea , per il quale ha ottenuto due stelle di battaglia . Alla fine del 1950 è stata ulteriormente modificata per diventare una portaerei anti-sommergibile (CVS). Kearsarge era la nave di recupero per gli ultimi due capsule delle missioni spaziali Mercury in 1962-1963. Ha completato la sua carriera al servizio nella guerra del Vietnam , guadagnando cinque stelle di battaglia. Lei è stato dismesso nel 1970, e venduto per rottami nel 1974.

Shangri-La (CV38)

Classe Midway

La classe Midway è una classe di portaerei della United States Navy, entrate in servizio al termine della seconda guerra mondiale e ritirate nei primi anni '90. Le tre portaerei di questa classe, la Midway, la F. D. Roosevelt e la Coral Sea, furono impostate durante la seconda guerra mondiale, ma non fecero in tempo a partecipare alle operazioni militari contro il Giappone. Furono le portaerei di maggior dislocamento costruite in quegli anni. Il progetto rispondeva a specifiche che richiedevano di coniugare il concetto americano di portaerei dalle grandi capacità offensive con il concetto inglese che privilegiava la corazzatura del ponte di volo e delle strutture, necessaria per ridurre i danni in caso di colpi, a scapito del numero di aerei imbarcati. Il dislocamento salì così a oltre 45.000 tonnellate, molto alto per gli standard dell'epoca. Le grandi dimensioni però ben si prestarono alle modifiche che si resero necessarie nei decenni successivi per consentire di imbarcare i nuovi aerei a reazione. Ammodernate e parzialmente ricostruite più volte, rimasero in servizio rispettivamente sino al 1977 la F.D. Roosevelt, sino al 1990 la Coral Sea e sino al 1992 la Midway.

Midway (CV41)

La portaerei Uss Midway (CV-41) è stata la prima nave di questa classe (superata dalla successiva classe Nimitz); commissionata durante la seconda guerra mondiale fu consegnata a guerra terminata ma ha comunque prestato servizio dal 1945 al 2002, e trasformata nel 2004 in museo galleggiante all'ancora al molo n. 2 nella baia di San Diego in California. Concepita secondo le teorie in voga durante la seconda guerra mondiale, è stata modificata ed ampliata per ben due volte per rispondere alle nuove esigenze belliche e alle maggiori prestazioni degli aerei a reazione (anche se non è mai stata idonea per gli F-14). Ha partecipato alla guerra di Corea, del Vietnam, ed alla prima guerra del Golfo, oltre anche a progetti della NASA come il lancio di una V2 tedesca ed il recupero di varie missioni Apollo.

F. D. Roosevelt (CV42)

Coral Sea (CV43)

Senza nome (CV44) - Mai realizzata -

Senza nome (CV56) - Mai realizzata -

Senza nome (CV57) - Mai realizzata -

Classe United States

United States (CV58) - Mai realizzata -

La USS United States (CVA-58) avrebbe dovuto essere la prima di una nuova classe di portaerei con funzioni di attacco nucleare nella complessa situazione strategica dei primi anni della Guerra Fredda. Progettata per alcuni anni[3], fino alla posa della chiglia nel 1949, sarebbe stata la prima superportaerei della storia con una lunghezza di 332 metri e un dislocamento di 65.000 tonnellate. Si trattava di un design radicalmente nuovo che comprendeva soluzioni innovative quali un'isola retrattile, elevatori esterni e moderne catapulte a vapore. Venne impostata il 18 aprile 1949 ma la neonata US Air Force non vide di buon occhio il tentativo della US Navy di offrire una deterrenza nucleare alternativa a quello dei costosissimi bombardieri intercontinentali Convair B-36 e riuscì ad ottenere già il 23 aprile 1949 la cancellazione della nave. Questo contrasto condusse alla famosa "rivolta degli ammiragli" e a una fase di ostilità tra i due corpi.

Classe Forrestal

"Forrestal", "Saratoga", "Ranger","Indipendence" furono le prime grandi costruzioni navali della Marina degli Stati Uniti nel dopoguerra. Queste quattro unità differivano lievemente fra di loro, la "Forrestal", prima unità costruita, era leggermente più piccola.  Erano le più grandi portaerei costruite dopo la giapponese Shinano nel 1944. Il loro progetto era basato su quello della "United States" ma modificato per trarre vantaggio dal nuovo ponte angolato britannico. Nel 1952, quest'ultimo fu sottoposto con esito favorevole a prove sulla portaerei "Antienam" (CV-36) della classe "Essex" e procurò lo spazio necessario in copertura pur mantenendo un'isola fissa e il fumaiolo.


Forrestal (CV59)

La USS Forrestal (CV-59) fu la prima nave dell'omonima classe. Contribuì molto all'evoluzione delle portaerei, poiché su di essa vennero applicate concezioni nuove. Benché a propulsione convenzionale, presentava dimensioni enormi per l'epoca: 80000 tonnellate a pieno carico. (Le portaerei classe Essex pesavano quasi la metà). Con l'adozione di un nuovo tipo di ponte si guadagnò molto spazio per gli aerei imbarcati: la nave arrivò a portarne più di 90. Furono introdotte due nuove catapulte, posizionate su una seconda rampa di lancio, con un'angolatura di 30° rispetto a quella principale, permettendo così a 4 aerei di decollare contemporaneamente. Prestò servizio nell'Oceano Atlantico fino al 1965, quando fu rimodernata e mandata in Vietnam. Nel luglio del 1967 fu danneggiata da un'esplosione causata da un razzo scoppiato sul ponte di volo, che riuscì a raggiungere le bombe di uno degli aerei pronti al decollo. Nell'incidente morirono 132 marinai. La Forrestal è stata demolita a Brownsville, Texas, nel 2014.

Saratoga (CV60)

La USS Saratoga (nome d'identificazione CV-60), appartenente alla classe Forrestal, è stata una delle prime superportaerei della US Navy e la sesta nave dedicata alla battaglia di Saratoga della rivoluzione americana. Questa nave è entrata più volte in azione: dislocata nel Mediterraneo, fu impiegata in Vietnam, ove fu decorata per le imprese dei suoi piloti. Nel 1986 alcuni suoi aerei contribuirono al bombardamento della Libia e nel 1990 partecipò all'operazione Desert Storm. Fu ritirata dal servizio dopo quasi 40 anni, nel 1994.

Ranger (CV61)

Indipendence (CV62)

Classe America

Le portaerei "Constellation", "Kitty Hawk" e "America" costituiscono la terza serie della classe "Forrestal". Le portaerei "Constellation", "Kitty Hawk" in origine dovevano essere la quinta e la sesta unità della classe Forrestal., la quale, secondo i programmi doveva essere costituita da sette unità di cui l'ultima fu cancellata. Le due unità per circa sette anni sono state incluse nella classe di origine, sia pure come gruppo a sè, dall'anno 1968 sono state ufficialmente trasferite nella classe America alla quale ancora oggi appartegono. La loro costruzione subì notevoli ritardi così che fu possibile apportarvi delle modifiche, in particolare nella sistemazione degli elevatori, che le hanno rese uguali alla CVA 66 America e alla CVA 67 J. F. Kennedy. Di dislocamento e dimensioni maggiori, differiscono dalle unità delle prime due serie per la diversa sistemazione dei locali interni, per linea e posizione dell'isola, per le sistemazioni aereonautiche.


Kitty Hawk (CV63)

Constellation (CV64)

America (CV66)

La USS America (CVA-66) è stata una portaerei statunitense della classe Kitty Hawk, attiva nella U.S. Navy dal 1965 al 1996. Il 9 maggio 2005 la nave è stata "autoaffondata" con cariche esplosive per valutare gli effetti su una nave di queste dimensioni (319 metri di lunghezza, 84.900 tonnellate) di un attacco sottomarino. È la più grande nave militare finora affondata.

Classe Enterprise

Enterpise (CVN65)

La portaerei USS Enterprise CVN 65 può considerarsi la capostipite delle portaerei a propulsione nucleare e per questo la sua genesi fu molto travagliata. E' stata infatti il prototipo delle portaerei del futuro ed a lungo ha rischiato di essere l'unica portaerei nucleare della storia. E' una delle poche portaerei della storia americana che non ha avuto una gemella (come la Langley e la Wasp), in quanto è nata come nave sperimentale

Classe Kennedy

La portaerei CV 67 John Kennedy è' sta l'ultima portaerei a propulsione convenzionale, se pur successiva alla nucleare "Enterprise" ad essere costruita dalla Marina degli Stati Uniti. Molte delle sistemazioni, delle apparecchiature e della disposizione generale della nave hanno risentito di tale esperienza, se pur la si può considerare una derivazione naturale della serie delle grandi portaerei iniziatesi con la "Forrestal".

J.F. Kennedy (CV67)
Classe Nimitz

La classe Nimitz comprende tutte le dieci portaerei a propulsione nucleare attualmente in servizio con la US Navy. Prende il nome dell'ammiraglio Chester Nimitz, comandante delle forze statunitensi e alleate del Pacifico durante la seconda guerra mondiale. La classe Nimitz rappresenta la massima evoluzione delle portaerei a decollo orizzontale. La grandissima autonomia, il potente armamento e l'enorme capacità offensiva dei suoi caccia e dei suoi bombardieri ne fanno una macchina da distruzione poderosa. L'unica critica che si può fare sta nel rischio di concentrare una così grande e costosa capacità bellica su un'unica nave.


Nimitz (CVN68)

La portaerei statunitense USS Nimitz (CVN-68) è la prima nave della classe Nimitz ed è una nave della United States Navy. Si prevede che la sua demolizione avverrà una volta varata la nuova CVN-79. È tutt'oggi tra le più grandi portaerei di tutto il mondo e fu tra le prime della nuova generazione. La prima traversata oceanica della Nimitz ebbe luogo il 7 luglio 1976, alla volta del Mar Mediterraneo assieme alla South Carolina e alla California, navi che in seguito avrebbero formato il suo corpo d'azione.

Eisenhower (CVN69)

La portaerei americana USS Dwight D. Eisenhower (CVN-69) è la seconda nave della classe Nimitz ed è una nave della United States Navy. È chiamata come il 34º Presidente americano, Dwight D. Eisenhower. Originariamente, la portaerei sarebbe stata chiamata Eisenhower ma il 25 maggio 1970, il suo nome fu allungato, quindi Dwight D. Eisenhower.

Carl Vinson (CVN70)

La USS Carl Vinson (CVN-70) è una portaerei a propulsione nucleare della U.S. Navy, la terza in ordine di costruzione della classe Nimitz.  Come le altre della sua classe, può ospitare fino a 85 aerei ad ala fissa o rotante, ed è spinta da due reattori nucleari Westinghouse A4W. Può imbarcare fino a 5.680 persone (3.200 marinai + 2480 aviatori). Porta il nome di Carl Vinson, membro del Congresso degli Stati Uniti e promotore della costruzione delle prime portaerei nucleari americane verso la fine degli anni cinquanta. La sua base di appoggio è attualmente la Naval Air Station North Island di San Diego, in California.

Classe T. Roosevelt

Sono le più grandi navi da guerra e le maggiori ad energia nucleare. Le prime tre unità della classe furono autorizzate nel 1967, nel 1970 e nel 1974. Seguì nel 1981 l'ordine per la costruzione della quarta unità, cioè la T. Roosevelt. Le altre quattro entrarono in servizio dal 1989 al 1998. Le linee generali dello scafo derivano da quelle delle portaerei della classe "Kitty hawk", come pure la pianta del ponte di volo, la sistemazione delle catapulte, la disposizione degli ascensori. Le unità della classe Nimitz di seconda generazione sono state dotate di un sistema di controllo per le operazioni A.S: e di apparecchiature per l'impiego di aereo mobili A.S.


T.Roosevelt (CVN71)

La USS Theodore Roosevelt, soprannominata the Big Stick o TR, è la quarta portaerei appartenente alla classe Nimitz, in forze alla United States Navy. Entrata in servizio nell'ottobre 1986, prende il nome dal 26º presidente degli Stati Uniti d'America, Theodore Roosevelt.

Lincoln (CVN72)

La portaerei statunitense, USS Abraham Lincoln, soprannominata Abe, è la quinta unità della classe Nimitz ed è una nave della United States Navy. In servizio dal 1989, è intitolata al presidente americanoAbraham Lincoln. Varata nei cantieri navali di Newport News nel 1984, la Lincoln entrò in servizio nel 1989 e l'anno seguente raggiunse la flotta del Pacifico.

G. Washington (CVN73)

La portaerei USS George Washington (CVN-73) è una portaerei a propulsione nucleare della U.S. Navy, la sesta in ordine di costruzione della classe Nimitz. È intitolata a George Washington, primo Presidente degliStati Uniti, ed è la quarta unità della U.S. Navy a portare il suo nome. Come le altre portaerei nucleari della sua classe, la USS George Washington è lunga 333 metri ed ha un dislocamento a pieno carico di 99.000 t. Il ponte di volo ha un'area di 18.000 mq, circa 2,5 volte quella di un campo di calcio. Può imbarcare fino a 80 velivoli ad ala fissa o rotante ed è spinta da due reattori nucleari Westinghouse A4W. Le quattro eliche, ciascuna del peso di 30 tonnellate, possono imprimere alla nave una velocità di oltre 30 nodi (56 km/h). In piena operatività ha un equipaggio di 5.680 persone (3.200 marinai + 2.480 aviatori). Dal settembre 2008 la sua base di appoggio (Home Port) è la Yokosuka Naval Base, in Giappone. È l'unica portaerei della U.S. Navy ad avere la base permanente fuori degli Stati Uniti.

C.Stennis (CVN74)

La USS John C. Stennis (CVN-74) è una portaerei a propulsione nucleare della U.S. Navy, la settima in ordine di costruzione della classe Nimitz, entrata in servizio in dicembre del 1995. Prende il nome delsenatore statunitense John C. Stennis. La sua base di appoggio è attualmente a Bremerton, nello stato di Washington.

Harry S. Truman  (CVN75)

R. Reagan (CVN76)

La USS Ronald Reagan è la nona super-portaerei di Classe Nimitz appartenente alla US Navy. La nave fu intitolata all'ex presidente Ronald Reagan quand'egli era ancora in vita. Si tratta di una nave a propulsione nucleare servita da due reattori nucleari A4W con velocità di oltre 30 nodi e un'autonomia, senza necessità di rifornimenti di combustibile nucleare, di 20 anni. Alta come un palazzo di 20 piani, misura 333 metri da poppa a prua. La Ronald Reagan ospita 6.000 persone, come l'intera popolazione di Aspen in Colorado. Porta provviste sufficienti per rimanere in mare per 3 mesi: ci sono 30.000 impianti di illuminazione e 1.400 telefoni. Lungo i corridoi si snodano 2.100 km di cavi.

G. Bush (CVN77)

La USS George H. W. Bush (CVN-77) è una portaerei a propulsione nucleare della US Navy, la più recente della classe Nimitz nonché l'ultima programmata di questa classe. È intitolata al 41º Presidente degli Stati Uniti, George H.W. Bush. Come le altre portaerei della classe Nimitz, è spinta da due reattori nucleari Westinghouse, e può ospitare uno stormo imbarcato di oltre 80 mezzi aerei ad ala fissa o rotante. È stata varata nel cantiere Newport News Shipbuilding il 9 ottobre 2006 ed è entrata ufficialmente in servizio con la US Navy l'11 maggio 2009. La sua base di appoggio è la Naval Station Norfolk, in Virginia.

Classe G. Ford

La classe Gerald R. Ford (conosciuta anche come progetto CVN-21) è l'ultima classe di superportaerei a propulsione nucleare della U.S. Navy, che sostituirà le unità della classe Nimitz. Il nome di questa classe, e della prima unità, è quello di Gerald Ford, 38° Presidente degli Stati Uniti. C'è un nuovo disegno del reattore nucleare A1B, una caratteristica più stealth per ridurre la visibilità ai radar e una forte presenza di apparecchiature avanzate per l'automazione della nave, per ridurre il personale imbarcato e quindi i costi di esercizio. La prima portaerei della classe Gerald R. Ford è la USS Gerald R. Ford (CVN-78), la cui costruzione è incominciata nel 2007, e ultimata nel 2015. Sostituisce la USS Enterprise (CVN-65), che è stata posta in disarmo nel 2012, dopo 50 anni di servizio.

USS Gerald Ford (CVN78)

La USS Gerald R. Ford (CVN-78) è la prima nave della nuova classe di portaerei a propulsione nucleare CVN-21 della U.S. Navy. La costruzione è iniziata l'11 agosto 2005 nei cantieri navali di Newport News in Virginia ed è stata consegnata alla US NAVY il 22 Luglio 2017.  La nave è stata varata il 09.11.2013 ed è stata consegnata il 21.07.2017.

USS John F. Kennedy (CVN79) -  in costruzione

La USS John F. Kennedy (CVN-79) sarà la seconda imbarcazione della Classe Gerald R. Ford, dopo la CVN-78. Vi sono poche indiscrezioni intorno a questa portaerei a parte il nome. Indicativamente, dovrebbe vedere il mare nel 2018/2019. Userà i nuovi reattori nucleari A1B. Dovrebbe sostituire la USS Nimitz (CVN-68), assumendo che la CVN-78 sostituirà la USS Enterprise (CVN-65) e che la USS Nimitz (CVN-68) è la prima delle portaerei della classe Nimitz ed è stata varata nel 1972.

USS Enterprise  (CVN80) -  in costruzione

La USS Enterprise (CVN-80) dovrebbe essere la terza unità del programma di portaerei avanzate CVN-21. Secondo i progetti della US Navy, dovrebbe entrare in servizio nel 2020/2025. Le notizie ufficiali, come per le portaerei gemelle della stessa classe, sono molto poche. Dovrebbe essere confermato l'utilizzo dei nuovi reattori nucleari A1B. Sostituirà la USS Dwight D. Eisenhower (CVN-69), assumendo che la CVN-79 sostituirà la USS Nimitz (CVN-68).

Nel corso della cerimonia per l'inattivazione della USS Enterprise (CVN-65), il Segretario della Marina, Raymond Edwin Mabus ha annunciato che questa portaerei prenderà il nome "Enterprise".
Le navi CVN-80 saranno costruite da Huntington Ingalls Industries-Newport News Shipbuilding di Newport News, Virginia. L'Enterprise è attualmente programmato per iniziare la costruzione attiva intorno al 2018 e la consegna è stimata nel 2025. Tuttavia, nel tentativo di ridurre i costi, il Congressional Research Service indica che il Dipartimento della Marina sta esaminando la possibilità di estendere il periodo di tempo utilizzato per costruire sia il John F. Kennedy (CVN-79) e l'Enterprise in due anni. Se approvata, la nave non entrerebbe in servizio fino al 2027 impedendo qualsiasi istanza di 12 navi di entrare in servizio in qualsiasi momento.  La nave è attualmente prevista per sostituire la USS Dwight D. Eisenhower (CVN-69).

 
PORTAEREI LEGGERE (Light Carriers)
Classe Independence

All'entrata in guerra degli Stati Uniti i cantieri navali del paese erano impegnati in un grande programma di costruzione di portaerei: 5 unità della classe Essex già in costruzione e 8 in ordinazione per un totale di 13 unità.  Anche lavorando giorno e notte con tre turni di personale, i cantieri non potevano completare una nave in meno di due anni, inoltre occorreva un altro anno per averla addestrata e pronta al combattimento.  Per abbreviare questo lungo tempo di approntamento, la Marina si orientò verso scafi già costruiti e disponibili: a questo scopo furono scelti nove incrociatori leggeri della classe Cleveland, il primo dei quali l'Amsterdam, fu completato nel gennaio 1943 come portaerei leggera con il nome di Independence (CVl 22).

Indipendence (ex Amsterdam) CVL22

Princeton (ex Tallahasse) CVL 23

Belleau Wood (ex New Haven) CVL 24

Cowpens (ex Huntington) CVL25

Monterey (ex Dayton) CVL26)

Langley (ex Crown Point) CVL27

Bataan (ex Buffalo) CVL29

San Jacinto (ex Reprisal) CVL30

Classe Saipan

Le due portaerei leggere saipan e Wright furono costruite utilizzando gli scafi di due incrociatori pesanti della classe Baltimore, classe costituita da 12 incrociatori contraddistinti dalle sigle da CA 68 a CA 75 e da CA 130 a CA 136.  Come le portaerei leggere della classe Independence furono costruite utilizzando scafi destinati a diventare incrociatori della classe Cleveland, così per accelerare i tempi di costruzione, agli inizi dell'anno 1944 fu deciso di utilizzare altri due scafi di incrociatori che dovevano ancora essere impostati nel cantiere della New York shipbuilding Corporation a New jersey, perchè la Marina aveva riconosciuto che erano più necessarie portaerei piuttosto che incrociatori.

Saipan CVL48

Wright CVL49

PORTAEREI DI SCORTA (Escort Carriers)
Classe Long Island

La Long Island fu la prima portaerei di scorta della Marina degli Stati Uniti e fu anche la prima del mondo, precedendo la inglese Empire Audacity anch'essa del giugno 1941 e la giapponese Unyo del maggio 1942. In base alle esperienze conseguite in oltre un anno di convogli in Atlantico, fu sentita la necessità di disporre di portaerei di prestazioni ridotte da im piegare nella scorta dei convogli. Il problema fu discusso nel dicembre 1940-gennaio 1941, e nel marzo successivo furono comperati gli scafi delle motonavi Mormacmail e Molmacland, la prima delle quali, trasformata nel giro di tre mesi, divenne la A VG 1 Long Island: la sigla di classifica fu cambiata in ACV nell'agosto 1942 e infine in C VE nel luglio 1943.

Long Island CVE1

Archer HMS D.78

Classe Avenger

Oltre alla Mormacmail divenuta portaerei di scorta C VE I Long Island, la Marina americana comperò altri 50 scafi mercantili del tipo C 3 da trasformare.  La Mormacland, gemella della Long lsland fu ceduta alla Marina inglese divenendo H.M.S. Archer; altre 4 unità (Rio Hudson, Rio Paranà, Rio de la Plata e Rio de Janeiro} furono completate nella seconda metà del 1941 diventando le portaerei di scorta A venger .Biter. Charger e Oasher di cui solo Charger rimase alla Marina degli Stati Uniti inizialmente con la sigla BA VG 4, sostituita poi da C VE 30; 1e altre tre furono consegnate alla Marina inglese nel corso del 1942.  L'unità nel suo aspetto si differenziava dalla Long Island perchè aveva un'Isola sul lato destro, costituita da una piccola sovrastruttura esternamente la plancia e sormontata da un albero a traliccio di forma irregolare.  Non vi era fumaiolo e gli scarichi dei diesel venivano espulsi ai due lati del ponte di volo da un collettore trasversale.

Avenger HMS D.14

Biter HMS D.97

Charger CVE 30

Dasher HMS D.37

Classe Bogue

Le due unità di questa classe costituiscono il primo gruppo delle 24 navi mercantili del tipo C 3 che la Marina degli Stati Uniti fu autorizzata a comperare per trasformarle in portaerei ausiliarie subito dopo l'attacco giapponese contro Pearl Harbor.

Siccome le prime C VE Long Island e Charger, che avevano motori diesel, avevano dimostrato di possedere una velocità troppo bassa, furono scelte unità a propulsione a turbine, con velocità di 18-19 nodi.

Tracker HMS D.24

Battler HMS D.18

Hunter HMS D.2

Bogue CVE9

Chasser HMS D.32

Card CVE 11

Copahee CVE 12

Core CVE13

Fencer HMS D.64

Stalker HMS D.91

Nassau CVE16

Pursuer HMS D.73

Altamaha CVE18

Striker HMS D.12

Barnes CVE20

Block Island CVE21

Searcher HMS D.40

Breton CVE23

Ravager HMS D.70

Croatan CVE25

Prince William CVE31

Slinger HMS D.26

Atheling HMS D.51

Emperor HMS D.98

Ameer HMS D.01

Begum HMS D.38

Trumpeter HMS D.37

Empress HMS D.42

Khedive HMS D.62

Speaker HMS D.90

Nabob HMS D.77

Premier HMS D.23

Shah HMS D.21

Patroller HMS D.07

Rajah HMS D.10

Ranee HMS D.03

Trouncer HMS D.85

Thane HMS D.48

Queen HMS D.19

Ruler HMS D.72

Arbiter HMS D.31

Smiter HMS D.55

Puncher HMS D.79

Reaper HMS D.82

Classe Sangamon

Dopo l'attacco giapponese a Pearl Harbor, la Marina americana comprò 25 scafi da convertire in portaerei di scorta: 21 erano del tipo C 3 con una sola elica e 4 erano petroliere veloci con due eliche, che costituirono la classe Sangamon.  Le 4 unità erano state ultimate nel 1940 come petroliere per la marina con i nomi AO 28 Esso Trenton, AO 29 Seakay, AO 31 Esso New Orleans e AO 33 Markay.  Esse non differivano molto da quelle della classe Bogue per la disposizione del ponte di volo, dell'isola, dei due elevatori e della catapulta.

CVE 26 Sangamon

CVE 27 Suwanee

CVE 28 Chenango

CVE 29 Santee

Classe Casablanca

Dopo il primo gruppo di 25 portaerei di scorta definito nel dicembre 1941, la Marina degli Stati Uniti nel 1942 ordinò altre 76 navi di questo tipo per un totale di 101 unità. Di queste furono consegnate alla Marina inglese 12 unità del primo gruppo e 26 del secondo. Le altre 50 navi costituirono la classe Casa bianca (poi Anzio) e furono navi di tipo speciale. che invece di turbine montavano macchine alternative.

CVE 55 Casablanca

CVE 56 Liscome Bay

CVE 57 Anzio

CVE 58 Corregidor

CVE 59 Mission Bay

CVE 60 Guadalcanal

CVE 61 Manila Bay

CVE 62 Natoma Bay

CVE 63 St. Lo

CVE 64 Tripoli

CVE 65 Wake Islands

CVE 66 White Plains

CVE 67 Solomons

CVE 68 Kalinin Bay

CVE 69  Kasaan Bay

CVE 70 Fanshaw Bay

CVE 71 Kitkum Bay

CVE 72 Tulagi

CVE 73 Gambler Bay

CVE 74 Nathenta

CVE 75 Hoggatt Bay

CVE 76 Kadashan Bay

CVE 77 Marcus Island

CVE 78 Savo Islands

CVE 79 Ommaney Bay

CVE 80 Petrof Bay

CVE 81 Rudyerd Bay

CVE 82 Saginaw Bay

CVE 83 Sargent Bay

CVE 84 Shamrock Bay

CVE 85 Shipley Bay

CVE 86 Shamrock Bay

CVE 87 Steamer Bay

CVE 88 Cape Esperance

CVE 89 Takanses Bay

CVE 90 Thetis Bay

CVE 91 Makassar Bay

CVE 92 Windham Bay

CVE 93 Makin Island

CVE 94 Lunga Point

CVE 95 Bismarck Sea

CVE 96 Salamaya

CVE 97 Hollandia

CVE 98 Kwajalein

CVE 99 Admiralty Islands

CVE 100 Bouganville

CVE 101 Matanikan

CVE 102 Attu

CVE 103 Roi

CVE 104 Munda

Classe Commencement Bay

Dopo la costruzione delle 50 portaerei di scorta della classe Casablanca, la Marina americana impostò un altro programma di costruzione in serie di 35 unità che dovevano rappresentare un miglioramento dei tipi Sangamon.

Solo le prime 11 unità furono però ultimate, e solo tre ebbero effettivo impiego nella guerra in Pacifico: C VE 106 Block Island, C VE 107 Gilbert Island e C VE 109 Cape Gloucester.

CVE.105 Commencement Bay

CVE.106 Block Island

CVE.107 Gilbert Islands

CVE.108 Kula Gulf

CVE.109 Cape Gloucester

CVE.110 Salerno Bay

CVE.110 Salerno Bay

CVE.111 Vela Gulf

CVE.112 Siboney

CVE.113 Puget Sound

CVE.114 Rendova

CVE.115 Bairoko

CVE.116 Badoeng Strait

CVE.117 Saidor

CVE.118 Sicily

CVE.119 Point Cruz

CVE.120 Mindoro

CVE.121 Rabaul

CVE.122 Palau

CVE.123 Tinian


NAVI DA GUERRA (WARSHIPS)


PORTAEREI NELLA STORIA (AIRCRAFT CARRIERS)


PORTAEREI NELLA STORIA (AIRCRAFT CARRIERS)


INCROCIATORI E CORAZZATE (BATTLECRUISERS, CRUISERS AND BATTLESHIPS)


BATTAGLIE NAVALI (NAVAL BATTLES)

- PORTAEREI NELLA STORIA USA NAVY - PORTAEREI AMERICANE - UNITED STATES AIRCRAFT CARRIES -