Filelis Dei - Universo cattolico

Segnala questo sito
ad un amico

Introduci la E-mail del destinatario:

Universo Cattolico

italiano español 
 Pagina: Uno     Argomento: Preghiera    versione: italiano     
Precedente  
La preghiera

La preghiera è la vita del cuore
Lo Spirito Santo la cui unzione impregna tutto il nostro essere, è il maestro interiore della preghiera cristiana. Vi sono tanti cammini di preghiera quanti sono coloro che pregano, ma è lo stesso Spirito che agisce in tutti e con tutti. (Cat. 2672).

Dopo il consenso dato nella fede al momento dell'annunciazione e mantenuto, senza esitazione sotto la croce, la maternità di Maria si estende ora ai fratelli e alle sorelle del Figlio suo. Gesù l'unico Mediatore, è la vita della nostra preghiera: Maria, Madre sua e Madre nostra, è pure trasparenza di lui: Ella ne è il Segno. (Cat 2674).

Da questa cooperazione di Maria all'azione dello Spirito Santo, che le chiese hanno sviluppato la preghiera alla santa Madre di Dio, incentrandola sulla persona si Cristo manifestata nei suoi misteri. (Cat. 2675).

La Tradizione della Chiesa propone ai fedeli dei ritmi di preghiera destinati ad alimentare la preghiera continua. Alcuni sono quotidiani: la preghiera del mattino e della sera, prima e dopo i pasti. La Liturgia delle Ore. (Cat. 2698).

Gesù ci invita a pregare sempre. Accogliendo il Suo ardente invito possiamo attingere al dono della Grazia che rinnova e ci fa crescere spiritualmente. Ci libera dalla corruzione, dal male e ci trasforma in creature libere. Ed è proprio attraverso la preghiera che Gesù può scendere nelle nostre miserie con l’abisso della sua Misericordia.

La preghiera, dovrebbe essere composta di parole alternata a silenzi, ove Dio può parlare al nostro cuore. Sì, dobbiamo evitare che sia sempre l’uomo a parlare per ottenere, ringraziare, o chiedere perdono, ma saper ascoltare nel vuoto mentale la parola di Dio.
La potenza della preghiera è immensa, poiché coinvolge tutta l’umanità che prega. La sua luce può estendersi sino ad illuminare tutte le generazioni e dare testimonianza di Dio in ogni angolo del mondo.

Grandezza della preghiera
La preghiera non può essere relegata solo nell’ambito delle necessità e soddisfazioni di carattere umano, altrimenti perde la sua fulgida grandezza. Poiché la preghiera è la comunione con le potenze Celesti e tesa alla glorificazione di Dio, non è di questo mondo. Alla base della preghiera deve imperare il desiderio di compiere la volontà di Dio: "Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà" (Lc 22,42). La preghiera afferma il Climaco unisce a Dio, sostiene il mondo, abbellisce le anime, cancella le colpe, persevera dalle tentazioni, difende nella lotta, consola nelle pene, alimenta le gioie spirituali e le delizie dei cuori.

Natura della preghiera
La preghiera è invocazione a Dio con la speranza di ottenere una risposta. È una necessità radicata nel profondo della coscienza. È un invito di Dio per trovare l’unione e, in questa fusione, scoprire la realtà dell’anima e la grandezza di Dio. La preghiera conduce a dei risultati inesauribili che superano ogni più roseo pensiero. Cala nella realtà di Dio e realizza l’incontro con il Creatore, dove si trova un Dio vivo, un Dio presente, un Dio vicino. Questa comunicazione è possibile ottenerla con il cuore e la mente, difatti si può comunicare solo se pensiamo e amiamo lo spirito.

Efficacia della preghiera
Gli Evangelisti narrano di fatti prodigiosi avvenuti nella Palestina; ossia di ciechi, malati, paralitici che rivoltosi con fede a Gesù, hanno ottenuto la guarigione. Risuonano ancor oggi le sue parole: "Chiedete e otterrete perché la vostra gioia sia piena" (Gv 16,24). È per così dire un invito alla preghiera per accostarsi a Lui, il medico divino, capace di annullare le nostre miserie, concedere la guarigione, riempire d’amore il cuore ed inviare la luce dello Spirito Santo, necessaria per la conversione e la salvezza. Sì, attraverso la preghiera è possibile sperimentare la Potenza di Dio e cambiare in profondità la vita, combattere i peccati, le lussurie, le passioni per divenire uomini liberi. Con l’orazione, afferma San Bonavventura, si ottiene l’acquisto d’ogni bene, la liberazione d’ogni male. San Bernardo, altro grande Santo, aggiunge che Gesù esaudisce sempre le suppliche e può sostituire la grazia richiesta, qualora sia incompatibile con la giustizia, con una grazia più utile.

Necessità della preghiera
In un mondo dove imperano gli idoli del denaro, delle brame, delle concupiscenze, del potere, della menzogna, delle ingiustizie, della prepotenza, dell’incredulità e del peccato, la preghiera è necessaria per la salvezza delle anime. Per l’anima, la preghiera è l’unico strumento per chiedere soccorso a Dio, implorare la luce divina, chiedere la forza necessaria per sottomettere le passioni e non cedere nel peccato. È lo stesso Gesù che raccomanda: "Bisogna pregare e pregare sempre" (Lc 18,1) La preghiera ottiene come dono la pace nel cuore, difende il cuore dalla cupidigia, rischiara la mente sul male, permette di scoprire i difetti, gli errori, le miserie. La preghiera coltiva la temperanza, elimina la collera, ostacola l’orgoglio fa volare l’anima nell’orizzonte di Dio.

In sintesi.
La preghiera è principalmente rivolta al Padre; tuttavia è indirizzata anche a Gesù, soprattutto attraverso l'invocazione del suo Santo Nome.(Cat. 2680).

La Chiesa ci esorta a invocare lo Spirito Santo come Maestro interiore della preghiera cristiana. (Cat. 2681).

In forza della sua singolare cooperazione all'azione dello Spirito Santo, la Chiesa ama pregare in comunione con la Vergine Maria, per magnificare con lei le grandi cose che dio in lei ha fatto e per affidarle suppliche e lodi. (Cat. 2682).

A chi rivolgere le preghiere.
Con chi pregare
Dio chiama ogni persona al misterioso incontro alla preghiera. Oltre alla comunione con Lui ci invita anche ad unirci ai fratelli, perché "In verità vi dico ancora: se due di voi sopra la terra si accorderanno per domandare qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli ve la concederà, perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro". (Mt. 18:19) La preghiera comunitaria è dunque una garanzia per ottenere la presenza di Gesù. A tal scopo è stato creato un gruppo di preghiera denominato "Monastero invisibile di carità e fratellanza". Di questo gruppo di preghiera parleremo dettagliatamente nella pagina seguente per permettere a chiunque di partecipare ad un esteso gruppo di preghiera dalla propria abitazione. La partecipazione è gratuita come pure il libretto di preghiera.

 monastero invisibile Aggiungi ai Preferiti     Imposta come Homepage
   Accessi: visite

FIDELIS DEI - Universo cattolico - tutti i diritti riservati