San Francesco

San Francesco - Miracoli

Fidelis Dei - Universo cattolico
San Francesco
Siti da visitare
monastero invisibile
Gruppo di preghiera.
Maria Vergine
Un richiamo irresistibile.
San Giuseppe
Un grande Patriarca.
San Benedetto
Contro malattie e malefici
Santa Rita da Cascia
Una tra le più amate.
San Antonio da Padova
Un grande Taumaturgo.
Santa Elisabetta
La principessa Santa.
Santa Gemma Galgani
affascina nel misticismo.
S. Teresa di Lisieux
Ha accettato pene di amore.
Santa Lucia
Un grido d'amore.
San Antonio Galvao
Un fraticello fatto Santo.
Santa Caterina Labouré
Una storia commovente.
S. Giovanni Bosco
L'apostolo della gioventù.
Caterina Emmerick
Narra la via Crucis.
Amore e passione
La passione di Gesù Cristo
Miracoli Eucaristici
Le Ostie in carne viva.
Gli Angeli
Esseri che ardono di amore.
Accendi la speranza
La vera gioia.
Lectio divina
La Parola vivifica il cuore.
Viaggio interiore
Un cammino nella psiche.
Essere cristiani
Aspirazione per ogni cuore.
I primi venerdì
Al Sacro cuore di Gesù.
Decalogo
I dieci comandamenti.
Maria Valtorta
La Passione.
La Misericordia di Dio
Padre d'infinita pazienza.
La fede
Una virtù soprannaturale
La carità
Amore operante
Anima
Incredibile energia
La preghiera
Un mezzo efficace
Il Demone
Un seduttore.
  italiano español english Precedente  

Miracoli

Francesco giunse nella città di Toscanella e fu ospitato da un cavaliere che aveva un figlio zoppo. Dietro alle suppliche insistenti di costui e grazie all'ospitalità offertagli, Francesco guarì il ragazzo tra la gioia dei presenti.

Un paralitico di nome Pietro viveva nella città di Nardi. Un giorno, saputo della venuta di Francesco in questa città per predicare, fece giungere al Vescovo diocesano la supplica affinché gli inviasse il Poverello di Assisi. Francesco accetto. Si recò da Pietro e con un semplice segno della croce guarì il paralitico.

Una donna, nella stessa città di Nardi, riacquisto la vista nel momento in cui Francesco fece il segno della croce.

Donna con le mani rattrappite a tal punto da non poterle utilizzare, saputo della venuta del Santo a Gubbio sua città, lo esortò per riacquistare l'uso delle mani. Francesco ascoltò la sua preghiera la guarì.

San Francesco ebbe pena per un Frate colpito da epilessia, si recò da lui e dopo averlo benedetto, lo guarì.

Una donna posseduta viveva nella Città di Castello, Francesco passando in quel luogo, scacciò il demonio e liberò la donna dal male.

Nel processo di canonizzazione del Santo sono stati riportati e riconosciuti dalle Autorità Ecclesiastiche più di quaranta miracoli. Eccone alcuni:
  • Una donna particolarmente devota a San Francesco morì nella città di Montemarano. Nella veglia funebre si radunarono molte persone per pregare, improvvisamente il cadavere si risveglia e domanda al Sacerdote che era lì presente di usufruire della confessione. Terminato la confessione, confida al Sacerdote: "Ero in attesa di essere condannata a una dura pena ma San Francesco ha chiesto e ottenuto per me la grazia di tornare in vita, per pentirmi e confessare tutte le mie colpe". Dopo la donna si riaddormentò nel Signore.

  • A Pomarico vivevano due coniugi che amavano teneramente la loro bambina. Un giorno la loro piccola improvvisamente morì. La mamma accasciata dal dolore prego e supplicò con ardenti suppliche San Francesco, il Santo le apparve assicurandola sulla sorte dell'amata figliola. Poco dopo la figlioletta si sveglio tra la meraviglia dei presenti, e si alzò come se nulla fosse successo.

  • A Capua, un ragazzo annegò nel Volturno, un uomo dopo averlo scorso lo ritrasse a riva oramai cadavere. I presenti accorsi pur costatando la morte del ragazzo presero a invocare l'intervento di San Francesco. Il frate non li deluse, il ragazzo, infatti, si alzò come se nulla fosse successo tra la gioia e lo stupore dei presenti.

  • A Sessa Aurunca una casa crollò uccidendo una giovane che era all'interno, i soccorritori la estrassero dalle macerie e la adagiarono su un lettuccio. La mamma fiduciosa in Dio e nei meriti di San Francesco si mise a pregare. L'una di notte la giovane si risvegliò perfettamente sana. Il prodigio fece esultare di gioia i presenti.

  • A Ragusa mentre un giovane stava lavorando presso un torchio perché era tempo di vendemmia, una catasta di legno posta lì vicino, gli cadde sulla testa e lo uccise. Il padre prontamente accorso, prese a supplicare San Francesco perché gli ridonasse il figlio. Il miracolo avvenne, il giovane tornò in vita perfettamente sano. Ancora una volta Gesù Cristo aveva ascoltato l'intercessione di Santo Francesco.

  • A Tebe viveva una donna devota s San Francesco e cieca dalla nascita. Alla vigilia della festa del Santo aveva praticato il digiuno per rendergli omaggio. Il giorno seguente fu condotta nella Chiesa dei Frati per assistere alla Santa Messa, durante l'atto di elevazione del Corpo di Cristo i suoi occhi acquistarono improvvisamente la luce. Subito per la gioia eruppe in grida di giubilo alle quali si unirono i molti presenti. San Francesco aveva ottenuto la grazia di guarigione.

  • Nel Gargano, un uomo intento ad accudire ai tralci di una vigna, colpì con la roncola violentemente l'occhio recidendolo. Il povero uomo si appellò con fede a San Francesco che non lo deluse. L'occhio si cicatrizzò all'istante in modo perfetto tanto che non si vide nemmeno il segno della lesione.

  • A un uomo, nella città di Assisi, per un presunto furto gli furono strappati gli occhi. Il poveretto, cosi orribilmente mutilato, si fece portare all'altare di San Francesco dove, piangendo per la sua innocenza, implorò l'aiuto del Santo. Francesco non rimase insensibile alle suppliche dell'uomo e ottenne da Gesù la grazia. Dopo tre giorni al cieco miracolosamente spuntarono nuovi occhi, anche se più piccoli, e con essi la vista.

  • Nella Chiesa di San Francesco ad Assisi, mentre era in corso la predica del Vescovo di Ostia una grossa pietra, lasciata incautamente sul pulpito marmoreo, cadde sulla testa di una donna seduta sotto il pulpito. I presenti dopo aver visto la testa schiacciata della donna, la coprirono con un mantello perché fu creduta morta. Grande fu lo stupore dei presenti quando, finita la predica, la videro rialzarsi perfettamente integra. La donna raccontò di essersi affidata a San Francesco e di essere certa che il prodigio era per merito dell'intercessione di questo glorioso Santo.

  • A Vincalvi viveva un Chierico di nome Matteo. Un giorno Matteo ingerì inavvertitamente un potente veleno che agì immediatamente, irrigidendo le membra e bloccandogli la parola. Matteo esortò Gesù si salvargli la vita per i meriti di San Francesco. Improvvisamente riuscì con le labbra a pronunciare il nome del Santo e a vomitare il veleno ingerito. Così recuperò pienamente la salute.

  • Nel Castello di Cori, situato nella diocesi di Ostia, un uomo era disperato perché per un tumore aveva perso l'uso della gamba. Si appellò al poverello di Assisi per ottenere soccorso e non fu deluso. Gli apparve Francesco in compagnia con un altro frate, con un bastoncino a forma dio Tau gli toccò la parte malata della gamba, subito e incredibilmente riacquistò l'uso dell'arto, così perfettamente guarito e poteva camminare liberamente. A ricordo del prodigio era rimasto impresso, nella parte toccata da San Francesco, il simbolo del Tau.
  Da visitare:
Francesco Inferno - una terribile realtà Francesco Meditazioni - il respiro dell'anima
Francesco Il Peccato - non solo trasgressione Francesco Apparizioni Mariane - Maria segue l'umanità
Francesco Purgatorio - fratelli che ci tendono la mano Francesco Santuario di Oropa - il cuore di Maria
Francesco La speranza - Un vero sentimento Francesco L'amicizia - Aspirazione per ogni cuore
Francesco Paradiso - Vado a prepararvi un posto Francesco Miracoli - Segni della presenza divina
Per informazioni:  monastery@tiscali.it Numero accessi: visite  
San Francesco il poverello di Assisi - Tutti i diritti riservati