T B D    S Y S T E M

Vita (TP) - Italy

Citt di Vita Tagliavia S.Giuseppe e S.Padre Scuole Archivio Cronaca e Sport Benvenuto

 

Superiore
124 anni fa
Garibaldi (discorso)
Risorgimento Vitese
Proverbi
Indovinelli
"Parti di lu Bamminu"
"Simana Santa"
Rosari
"Parti di S.Giuseppi"
Credenze
Ninna nanna
Preghiere ai Santi
Orazioni
Santa Brigida
(non solo) Preghiere
La cacciata
Terremoto 1968

Novit

Mappa

Si consiglia una risoluzione video 800 x 600

sezione Archivio

La "cacciata"

Mitica era un tempo la "cacciata", al tempo della battitura.

               [ I ]

Ges, Giuseppi e Maria,

Sant'Anna, San Jacu, San Jachinu e la Madonna,

e tutti li santi di lu Paradisu

chi m'aiuta e m'accumpagna.

 

         [ II ]

'Nchiana

e 'nchianamula pi davveru,

prima facemu na bedda 'nchianata

e poi facemu na bedda curruta:

'nchiana .... 'nchiana e batti

chi l'aria ti cummatti.

 

         [ III ]

Nunn' lu 'nchianari di tuttu lu jornu

e mancu lu cacciari di tuttu l'annu!

Quant' beddu stu Signuri Sacramintatu,

Diu d'amuri .... abbenta cori .... e abbenta ciatu!

 

         [ IV ]

Evviva Diu sacramintatu

e Maria senza piccatu

 

         [ V ]

Dicemucci un Patri  Nostru a Ges Sacramintatu

chi n'avi a dari 'razia e saluti,

prima di l'anima e poi di lu corpu.

                            Patri Nostru...

 

         [ VI ]

Stu Patri Nostru nannu(?) di Mu

'nterra di Mu

di l'angilu biatu, sia ludatu

a Ges Sacramintatu

prisintatu (?)

 

         [ VII ]

Santa Rusalia

ni scanzi di guerri, pesti,

di tirrimoti e malatia

a tutta quanta la cumpagnia

 

         [ VIII ]

Caccia cumpagnu e caccia cu mia,

la Rigina di l'Angili, Maria,

la Rigina di l'Angiuli chiamamu nui,

vegna, Signura, aiutatimi vui.

 

[ IX ]

San Jacu lu maggiuri

ni scanzi di cavuci e duluri

a tutti quanti li pirsuni

e puru ancora... a ssi cavaddi e muli.

 

         [ X ]

Lu sai cu veni ora? La Carmilitana

chi di lu celu e di la terra la patruna

e di lu paradisu la Rigina.

 

E la rigina di l'angili chiamai,

vegna, Signura, aiutatimi vui.

Damu a ssi canti

chi ci su li santi,

e 'nta lu mezzu c' la Vergini Maria

chidda chi m'aiuta a tia e a mia;

caccia, cumpagnu, e caccia cu mia.

 

         [ XI ]

Ed ogn'ura e ogni mumentu

sia ludatu e ringraziatu

lu santissimu e divinissimu Saramentu.

Oggi e sempri sia ludatu,

viva Diu saramintatu;

e sempri sia ludata Maria

nata pura e cuncetta,

senza macchia di piccatu originali.

 

         [ XII ]

Ah! Ah! Ah!...

Reggiti e curreggiti

chi t'ha mannari a scialari,

e jeu l'aria ha' vutari.

 

         [ XIII ]

San Simuni, mannati l'acitu e lunuzzuni          

pi' miricari si capati a ssi muli.               

Santa Nicola, beddu lu santu

e bedda la parola.

A la turnata sti muli

di dintra hannu a jiri fora.

Ma nun chista d'ora,

all'autra... all'autra ancora.

 

         [ XIV ]

Santa Niculicchia

cacciamu n'autra anticchia.

Maria annunziata,

si unn' chista la turnata,

e la turnata sia.

Evviva Maria. Evviva Maria.

 

         [ XVI ]

Scatta lu diavulu e crepa l'avarizia,

evviva la Madonna di la 'razia.

 

 

Sia lodato ogni mumentu, sta finennu lu furmentu;

oggi e sempri sia ludatu, sta finennu lu siminatu.

 

Oggi lu sabbatu di lu biancusigghiu. (?) (bon cunsugghiu)

priamu sta vergini ch'adura a so' figghiu

...........................

 

 

Innanzitutto si predisponeva l'aia: un'area di forma circolare, dal diametro di circa dieci metri; la si ripuliva delle erbacce, quindi la si inumidiva con spruzzi d'acqua. All'interno si sistemavano i covoni di frumento (ma potevano essere avena, fave, o altro raccolto) e li si lasciavano essiccare per bene, sotto i raggi cocenti del mese di giugno. Nella tarda mattinata iniziava la "cacciata". Il contadino si disponeva al centro dell'aia e attorno a s faceva girare la mula - talvolta due mule appaiate - guidando l'animale con la corda della redina. Sotto gli zoccoli ferrati della bestia, lentamente e gradualmente, il frumento andava maciullandosi, le spighe si aprivano e i chicchi via via si liberavano, mentre gli steli andavano trasformandosi in paglia. 

Sento ancora nelle orecchie il calpestio ritmato delle mule. 

Di tanto in tanto veniva fatto invertire il senso della marcia, oppure le bestie venivano fatte riposare un po'. Talvolta, per evitare che alla mula venisse il capogiro, le si bendavano gli occhi o le si avvolgeva il capo. Ogni tanto era necessario "vutari l'aria", ossia rivoltare i covoni, trasferendo in superficie quelli che si trovavano sotto.

Il contadino teneva in testa un cappello di paglia.

Tutt'intorno, il paesaggio era asciutto, arido, essiccato.

La cacciata era accompagnata da una cantilena "vivace" che il contadino magistralmente interpretava con voce rude, modulando opportunamente le parti iniziali, di centro e quelle finali del verso o della strofa. Spesso erano strofe di invocazione a Dio e ai Santi, ma, soprattutto, era il timbro e la modulazione del canto che avevano una chiara funzione di sprone nei confronti degli animali. 

 

 

 

 

 

  Pagina Guida  -  Mappa del sito  - Links                 
Pagine Web a cura di Vito Tibaudo