La Chiesa vive dell'Eucarestia

La Chiesa vive dell'Eucarestia

La Chiesa vive dell'Eucarestia
Salmo
Siti da visitare
monastero invisibile
Gruppo di preghiera.
Maria Vergine
Un richiamo irresistibile.
Inferno
Una terribile realtà.
Purgatorio
Fratelli che tendono la mano.
Paradiso
Vado a prepararvi un posto.
Amore e passione
La passione di Gesù Cristo
Miracoli Eucaristici
Le Ostie in carne viva.
Miracoli
Segni della presenza divina.
Meditazioni
Il respiro dell'anima.
Apparizioni mariane
Maria segue l'umanità.
Gli Angeli
Esseri che ardono di amore.
Accendi la speranza
La vera gioia.
Il Peccato
Non solo trasgressione.
Viaggio interiore
Un cammino nella psiche.
Caterina Emmerick
Narra la via Crucis.
La speranza
A che serve la speranza?
I primi venerdì
Al Sacro cuore di Gesù.
La Misericordia di Dio
Padre d'infinita pazienza.
La fede
Una virtù soprannaturale
La carità
Amore operante
Anima
Incredibile energia
La preghiera
Un mezzo efficace
Il Demone
Un seduttore.
 .italiano .español Precedente  

Abbiamo pregato, perché lo Spirito di Dio ci assista, perché non abbiamo a cadere nelle tenebre dell'errore, ma restiamo sempre luminosi nello splendore della verità. Sono parole che non hanno bisogno di ulteriore chiarimento, ognuno avrà modo di approfondirle.

Ora vorrei la nostra attenzione su altre parole di Gesù. Premetto subito che sono colloqui privati e come tali possono anche essere presi con riserva; sappiamo che la Chiesa è assai prudente a questo riguardo e fa bene; però è innegabile che tali parole contengono e quindi mettono in risalto una realtà preoccupante.

Vi confesso che, personalmente, sono stato e lo sono tuttora molto scosso da tali parole specie se me le ripropongo stando dinnanzi al Tabernacolo; provate anche voi e poi saprete dirvi se sono parole da lasciarle passare e non piuttosto fermarle perché vadano fino in fondo al cuore perché possano compiere ciò per cui sono state dettate. Eccole:
"L'ultimo dono che voglio fare all'umanità perché si salvi è la riscoperta dell'Eucaristia, poi non so più che cosa fare per lei".

Adesso passiamo alle altre che ci toccano più da vicino!" "Quanto vorrei più vicino a Me i miei consacrati, più dentro di loro stessi. Sarebbero più perfetti se pregassero di più. Non sulle macchine, sui treni e nei salotti, ma li aspetto ai miei piedi.

L'unico e ardente mio desiderio è avvicinare le anime, specie i miei Sacerdoti, alla fonte di ogni santità: il mio altare! Quanti dei miei consacrati si sono allontanati e non se ne accorgono! Fanno di tutto: si radunano, studiano tanto, scrivono libri per migliorare la loro parrocchia e salvare le anime, ma dimenticano il TUTTO! Rischiano così di rendere infruttuoso lo stesso Concilio!

Muoiono di fame per non sfruttare il più grande, l'unico capitale: IL SANTO TABERNACOLO. Se vivessero più vicino al mio Ciborio dimenticato, tutto ritornerebbe a rivivere nelle anime. Là il mio sacerdote dovrebbe passare la sua giornata dopo le occupazioni; là i fedeli dovrebbero trovarlo per essere aiutati dalla sua opera; non cercarlo altrove, ma nella mia Chiesa.

Tante opere che sembrano necessarie, tante iniziative che obbligano a girare ed a parlare sono vere lusinghe di voler agitarsi e muoversi; si dice: "tutto faccio per le anime". Quanto sono lontani dal vero apostolato!

È la promessa sacra ed onnipotente di un Dio: "Benedirò e sarò salvezza di quella Parrocchia dove il mio sacerdote vive le sue ore vicino al mio Tabernacolo pregando ed anche studiando. A poco a poco lo trasformerò tutto! Oggi si vuol vedere folle entusiaste che accorrono.
No! Il vero bene si fa attendere, e chi crede veramente in Me non pretende di vedere subito i frutti!"

Riguardo alle vocazioni ecco il pensiero di Gesù:"C'è l'ambizione di riuscire gli uni meglio degli altri: in feste, accademie, canti e giochi, ed Io nell'ultimo posto! Non voglio professori e maestri solo umani; voglio santi, vivendo attorno al mio altare come il Centro. No, non sarebbe così la società, le parrocchie, gli istituti se Io fossi cercato ed amato.

Quante benedizioni sui miei piccoli, se le mie Suore li portassero vicino a Me. Quante vocazioni donerei se il mio popolo trovasse spesso il mio consacrato, sacerdoti e suore vicino a Me; quanto più crederebbero nella mia presenza in mezzo a loro. Ma Io annienterò tanti Istituti che desiderano solo apparire con belle opere, tanti diplomi e case comode. Non so che fare di loro! Benedetto quell'Istituto, anche se poco conosciuto e stimato, che mi Ama e serve con un fiore ed un lino pulito! In tante chiese nessuno mi pensa ed Io sono nello sporco e nell'abbandono!"

Proprio così, sporco ed abbandono; un sacerdote teneva la Santa Eucaristia avvolta in un foglio di giornale! In una casa religiosa la superiora da due anni non sapeva di avere l'Eucarestia in casa; la presenza di una consorella di passaggio, spolverando l'altare impolverato con fiori secchi e tovaglie sporche, aprendo il Tabernacolo ha avuto la bella sorpresa: c'era l'Eucarestia.

Non Voglio prolungarmi di più, solo in altra affermazione di Gesù: "Voglio i miei consacrati più vicini a Me e solo a Me! Voglio che credano che, passando le loro ore accanto al mio Tabernacolo, Io sarò con loro, lavorerò con loro e cambierò i loro cuori. È sul niente che Io edifico le mie grandi opere. Ma fino a quando essi non mi lasceranno Padrone delle loro parrocchie e dei loro Istituti, non attendano vocazioni e santità di vita ... ma agirà la mia giustizia."

Che ve ne pare di questa crisi vocazionale che da anni ci portiamo sulle spalle con conseguenze molto spiacevoli (chiusura di case, riduzione di apostolato, dipendenze sempre più forti da forze esterne ecc... ) e di un certo malessere morale ed intellettuale che serpeggia nelle nostre case? Che non sia già in azione la giustizia di Dio?

Sì, la possiamo però attenuare e, forse, farla sospendere se ci impegniamo a mettere fine ai lamenti di Gesù, dando alla nostra vita quotidiana un maggior indirizzo e spirito Eucaristico.


Siti da visitare
San GiuseppeLa grandezza di questo Santo è inimmaginabile
San BenedettoContro malattie e malefici
Maria ValtortaLa Passione
DecalogoI dieci comandamenti
L'amiciziaUn vero sentimento
Santuario di OropaIl cuore di Maria
Essere cristianiAspirazione per ogni cuore.
  Santi e Beati: Fidelis Dei - Universo cattolico
lectioSan Francesco di AssisilectioSan Antonio da Padova
lectioSanta Teresa di LisieuxlectioSanta Rita da Cascia
lectioSanta LucialectioSanta Gemma Galgani
lectioSan Antonio GalvaolectioSanta Elisabetta
lectioSanta Caterina LabourélectioSan Giovanni Bosco
Per informazioni:  monastery@tiscali.it Numero accessi: visite  
Lectio Divina - Tutti i diritti riservati