Home Sommario Forum New Age

New Age Italy - Terzo Millennio

Movimento per l'autoformazione di una nuova Coscienza Incondizionata Globale
Articoli SocietÓ Storia Scienze Ecologia Economia Etica Data Gallery

 

Preistoria
Storia Antica
Medioevo
Rinascimento
Storia moderna
XX Secolo
Storia contemporanea

Storia

La storia Ŕ una necessitÓ sociale. Non esiste societÓ che possa progredire senza conoscenza della propria storia. La storia Ŕ per la comunitÓ umana ci˛ che la memoria Ŕ per l'individuo, permette alla societÓ (e all'individuo come membro di tale societÓ), di porsi in rapporto al proprio passato, in relazione alle altre societÓ (o nazioni) e di assumere un ruolo nel corso degli eventi, una propria identitÓ sia come individuo sia come popolazione. Significa sapere verso dove stiamo andando. Grazie alla Storia, ci rendiamo conto di non essere completamente alla deriva su un oceano temporale sconfinato, privi di qualsiasi punto di riferimento, ma abbiamo idea di chi siamo e dove ci troviamo. Una discussione politica implica quasi sempre un giudizio di carattere storico. Se poi guardiamo case, edifici, chiese, ci troviamo immediatamente in contatto (storico) con l'epoca alla quale risalgono gli edifici.
Che ci piaccia o no, molto di quello che avviene nella vita di ognuno di noi, Ŕ governato dagli sviluppi che si sono prodotti nel passato, o da ci˛ che la gente ha pensato si fosse prodotto nel passato.

Inoltre, la storia Ŕ l'interpretazione del passato fatta dagli storici. Gli storici non possono evitare di usare parole come "massacro", "resistenza", "dissenso", "ambizione", o "terrorismo". La storia quindi non potrÓ mai essere completamente obiettiva. I fatti, Ŕ stabilito, non possono mai parlare da soli senza l'interpretazione degli storici. E ogni epoca tende a interpretare il passato a partire dalle proprie ansie e dai propri pregiudizi.  Per esempio gli storici del settecento criticavano gli uomini del medioevo perchŔ non si dimostravano all'altezza dei criteri di cultura e comportamento richiesti dall'alta societÓ del XVIII secolo, ed erano considerati un assortimento di curiositÓ.

Io credo che l'uomo, nella societÓ, debba essere studiato come gli scienziati studiano i fenomeni fisici del mondo naturale.

Partendo da una visione consolidata, il pensiero Marxista, o concezione materialistica della storia, operiamone la distinzione fondamentale: da una parte la struttura economica di base della societÓ attraverso cui viene prodotta la ricchezza, dall'altra la sovrastruttura, termine col quale Marx intende le leggi, le istituzioni, le idee, la cultura, l'arte. Marx dimostra inoltre che la storia si Ŕ sviluppata in diverse fasi: asiatica, antica, feudale e borghese moderna ognuna delle quali Ŕ determinata dalle condizioni di riproduzione della ricchezza che in essa prevalgono ( per esempio, nella fase feudale la ricchezza Ŕ ricavata dalla proprietÓ terriera, nella fase borghese essa viene ricavata dalla proprietÓ industriale, ecc). Infine, la forza motrice per lo sviluppo da una fase all'altra Ŕ data dalla "lotta di classe", dove le classi sono determinate in relazione alla funzione di riproduzione della ricchezza. Alla fine di ogni fase viene raggiunto un punto dove nuove forze produttive vengono in conflitto con classi esistenti, ed in quel momento inizia un'epoca di "rivoluzione sociale".

Il concetto fondamentale della dialettica marxista consiste nel ritenere che ogni fase storica contiene al suo interno una contraddizione che porterÓ ad una nuova fase.

Ma lo schema marxista Ŕ astorico in quanto offre questo modello interpretativo prima di fare uno studio esatto degli eventi storici reali. Esso comporta il rischio di osservare il passato non nei suoi stessi termini, non dal suo interno, ma solo come materiale documentario adatto a illustrare la spiegazione teorica marxista. Tuttavia se la concezione materialistica della storia, data l'importanza della struttura economica della societÓ , viene usata con intelligenza e spirito critica, potrÓ rivelarsi uno strumento molto utile, importante per aver accennato ad una forma di "storia totale" nella quale  si dÓ rilievo alle interrelazioni tra arte, idee, politica ed economia

 

Visitate e partecipate al Forum NEW AGE ITALY o inviate una e-mail a newageitaly@libero.it.
La Vostra partecipazione Ŕ molto gradita.
Ultimo aggiornamento: 25-11-05