Agira e la sua storia. Viaggio all'interno di una cittadina in provincia di enna

 

HOME PAGE

INTRODUZIONE

 Origine del nome

 La storia

CHIESE PRINCIPALI

 Reale Abbazia

 S. Antonio da Padova

 S. Margherita
 S.S Salvatore
 S. Maria Maggiore

PALAZZI

 Palazzo Zuccaro

ZONE STORICHE

 Castello

 Quartiere Rocche

 Grotta S. Filippo
 Fontana di Majmone
 Cimitero Canadesi

PERSONAGGI 

 Diodoro Siculo

 Fortunato Fedele

 G. Giusti Sinopoli
 Don Pietro Mineo
 A.Valenti
 Altri

GIUSEPPE GIUSTI SINOPOLI

Drammaturgo e commediografo tra i pi¨ veristi del teatro siciliano. Nato ad Agira il 24/2/1866, ancora giovanissimo pubblico " Versi" e "20 settembre 1870", a soli ventiquattro anni, scrisse "Muschigghiunazzu niuru" e qualche anno dopo "Falgaris di Spagna". Nel 1896, allineatosi alla vita del verismo di Verga, di  Capuana, di Martoglio, pubblico " La Zolfara" Opera ambientata  nella miniera zolfifera "Zimbalio" di Assoro dove lavoravano moltissimi agirini, egli aveva trovato  spunto per questo tema allorchŔ, avendo ottenuto

l'insegnamento in una scuola elementare della vicina Nissoria, percorreva ogni mattina a piedi la strada Orselluzzo - Piano della Corte - S. Giorgio per raggiungere il posto di lavoro assieme ai minatori che da agira si recavano alla vicina miniera.

Venne presentata al pubblico italiano ed estero da Giovanni Grasso, Angelo Musco, Rosina Anselmi, Giovanni Emanuel, Achille Vitti, Carolina Balistrieri, ecc, e divenne il cavallo di battaglia della "Compagnia Drammatica Dialettale Siciliana Nino Martoglio" 

Altri suoi lavori ricordiamo "Calanniredda", "Signor Mastru Sinnacu", nel 1900 venne fuori "il fondo della coppa" in seconda ristampa intitolato "il casto Giuseppe", recatosi a Roma nei primi anni del 900 scrisse, in lingua italiana " il liberatore", un dramma sul processo a Ges¨.

Opere comprese nel periodo 1903 ed il 1911 sono "Finale di commedia", "Popolo mio" e ancora inedito, "La Samaritana", lavori questi dove affiora l'amarezza per le immeritate difficoltÓ finanziare in cui versava negli ultimi anni della sua vita. Morý a Roma, il 10/7/1923, povero e malato in una stanzetta di via Mecenate.

Il 14/7/1923 sull'Epoca di Roma apparve un articolo di encomio firmato dallo scrittore Francesco Bernardini, che lo mise alla pari solo del Verga e del Capuana.

   Le tradizioni della Cucina Siciliana
 Aggiungi a preferiti
 Pagina Iniziale
 Contatto

INFORMAZIONI UTILI

Come raggiungere Agira

Informazioni Turistiche

Le farmacie ad Agira

Appuntamenti

Cinema ad Agira

LE TRADIZIONI

Festa di S. Filippo

Il Presepe vivente

Venerdý Santo

Carnevale 

Antichi Sapori

LO SPORT

 Calcio U.S Agira

 Pallavolo

 Club Moto d'epoca

VARIE

 Lago Pozzillo

 Proverbi Agirini

 Vocaboli Agirini

 Cartoline elettroniche

   EVENTI IN SICILIA:

Tutto il materiale non prodotto da Agira e la sua storia  (immagini, articoli, ecc.) Ŕ copyright dei rispettivi autori.
  Nessuna infrazione di questi copyright Ŕ pertanto intesa.

Notizie da: Agiraweb.it - Agira.orgSiciliano.it La Sicilia - Il Giornale di Sicilia

Sito ottimizzato per una risoluzione 1024x768 ed Internet Explorer 5.0 e succ.