La preghiera


Preghiera

preghiera

Covid19 Coronavirus

Sommario

- Tenebre e luce

- Preghiera contro il flagello

- Preghiera di soccorso

Unisciti a noi

Tenebre e luce

In questo tempo l'umanità deve superare una prova difficile. Una emergenza sanitaria provocata da un miniscolo virus. La scienza al momento è in affanno nel ricercare i vaccini, le strutture di soccorso sono al collasso ed i sistemi produttivi inceppati.

L'uomo scopre di essere vulnerabile, geme trafitto dalle tenebre e si affligge nel terrore di essere preda della malattia. Vaga alla ricerca di una luce e di una speranza.

Pregare diventà così una pratica essenziale per correre incontro a Gesù, per incontrarlo e per farci salvare da Lui perché: "Tu sei buono, Signore, e perdoni, sei pieno di Misericordia con chi t'invoca".
(SI 85,5).

Preghiera contro il flagello

Dinnanzi a tanto strazio, il mio cuore geme,
questo coronavirus sta mietendo le creature,
come in un campo di grano pronto per la raccolta.

Mi sono ridestato dal delirio di onnipotenza
la notte mi aveva oscurato la mente.
Ora non so più a cosa aggrapparmi,
mentre i miei amici più cari
scompaiono tra sofferenze inaudite.

Oh Padre Onnipotente accogli la mia supplica,
non guardare ai tradimenti,
insulti e peccati di ogni genere

Accoglimi come il figliol prodigo.
Voglio ripetere le sue parole:
Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te;
non sono più degno di esser chiamato tuo figlio.

Ora in questa angoscia, tribolazioni e paure
il mio grido ti giunga come quello degli apostoli sulla barca
in balia della tempesta: "Maestro, siamo perduti!".

Allora Tu minacciasti il vento e il mare,
il vento cessò e ci fu grande bonaccia.
Placa le tempeste della mia anima e scaccia le mie angosce.
Liberami dalle paure che non mi danno pace.

Vieni Gesù perché so che laddove ci sei tu
non può esserci il male e la paura.
In ogni dove hai soccorso ogni infermità,
hai risposto ad ogni grido, ti sei commosso per ogni miseria.

I ciechi hanno riacquistato la vista,
i sordi l’udito, i muti la parola,
i paralitici la salute, i morti la vita.
Ora ascolta il mio grido incessante: vieni Gesù, guariscimi!

Sono qui davanti a te, Signore Gesù.
Anche se sono un peccatore mi affido a te.
Non guardare i miei peccati e perdonami,
lavami con il tuo sangue e sarò guarito.

Ascolta il grido di aiuto che sento salire dal profondo.
Entra nel mio cuore, salva la mia anima,
guariscimi da questa afflizione e sofferenza.
Toccami e sarò guarito.

Preghiera di soccorso

Nelle tribolazioni, nelle angosce, nella paura
il mio grido ti giunga come quello degli apostoli sulla barca
in balia della tempesta: "Maestro, siamo perduti!".
Allora Tu minacciasti il vento e il mare,
il vento cessò e ci fu grande bonaccia.
Placa le tempeste della mia anima e scaccia le mie angosce.
Liberami dalle paure che non mi danno pace.

Nel tormento della malattia, nel dolore,
ti voglio supplicare come quel lebbroso che ti ha commosso.
Gli hai teso la mano lo hai toccato
e hai detto: "Lo voglio, sii purificato!" e fu guarito.
Sono qui in attesa, tendi anche a me la tua mano e toccami.

Quando la gravità della malattia mi chiude ogni speranza,
voglio gridare come fece il cieco di Gerico:
"Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!"
e nonostante molti lo rimproverassero, egli gridava più forte.
Allora Tu lo chiamasti e gli dicesti:
"Cosa vuoi che Io faccia per te?" e fu guarito.

Non importa se tanti vogliono che io taccia,
non voglio uccidere la mia speranza e soccombere
ma gridare ancora più forte: "Gesù, abbi pietà di me!".
Attendo con ansia che Tu mi chieda: "Cosa vuoi che Io faccia per te?".

Tu hai soccorso gli apostoli mentre affaticati e stanchi stavano
sulla barca agitata dalle onde per il vento contrario
. Hai camminato sulle acque e hai detto loro:
"Coraggio, sono Io, non abbiate paura".

A Pietro, che desiderava venirti incontro, hai detto: "Vieni!".
Quando, per la violenza del vento, s'impaurì e cominciò ad affondare,
sei corso in suo aiuto e gli hai teso la mano. Appena salisti sulla barca il vento cessò.

Se cammino per venirti incontro
se sto precipitando nel baratro della disperazione
e la fede non mi sorregge, accorri in mio aiuto,
Tendimi la mano e salvami.

Vieni Gesù perché so che laddove ci sei tu non può esserci il male.
In ogni dove hai soccorso ogni infermità,
hai risposto ad ogni grido, ti sei commosso per ogni miseria.

I ciechi hanno riacquistato la vista,
i sordi l’udito, i muti la parola,
i paralitici la salute, i morti la vita.
Ora ascolta il mio grido incessante: vieni Gesù, guariscimi!

Nel tuo nome Gesù è racchiusa tutta la Tua potenza
e solo la tua presenza mi può guarire.
Sono qui davanti a te, Signore Gesù.
Anche se sono un peccatore mi affido a te.
Non guardare i miei peccati e perdonami,
lavami con il tuo sangue e sarò liberato.

Ascolta il grido di aiuto che sento salire dal profondo.
Entra nel mio cuore, salva la mia anima,
guariscimi da questa afflizione e sofferenza.
Toccami e sarò guarito.

Grazie Gesù per tutto ciò che stai facendo per me.
Grazie per il tuo amore.

Tratto da: "Come incontrare l'amore di Dio"