GRAN BRETAGNA


ROYAL NAVY

-PORTAEREI -

- AIRCRAFT CARRIERS -

Portaerei Ark Royal Portaerei Victorious Portaerei Invincible

PORTAEREI (CV) / AIRCRAFT CARRIERS

Classe Furious

HMS 47 Furious

La portaerei Furious ha l'onore di essere stata la prima portaerei della storia. Nata come incrociatore ha subito durante la sua esistenza una serie continua e profonda di modificazioni che la hanno portata a diventare da una nave in grado solo di lanciare gli aerei (in questa veste partecipò alla Prima Guerra Mondiale ed ebbe l'onore di fare il primo attacco aereo imbarcato della storia) ad una portaerei vera e propria. Ebbe un'esistenza lunghissima (dal 1917 al 1948) ed intensa (fu l'unica portaerei a combattere in due conflitti mondiali) e seguì pari passo l'evoluzione tecnologica dell'arma navale. "Cambiò pelle" infatti almeno quattro volte, risultando, alla fine, una nave totalmente diversa da quella originaria con i suoi poderosi cannoni da 457 mm. Non riuscì mai, però, a diventare una portaerei "tutto ponte" come le coetanee Argus ed Eagle, ma finì per assomigliare alle portaerei giapponesi. Ebbe l'eccezionale caratteristica di avere un'isola sollevabile come un ascensore sul ponte di volo e si caratterizzò per la sua forma ibrida e particolare. La sua importanza storica è innegabile e grandissima ed oscura le sue gesta belliche, peraltro importanti e dignitose. Storica! La nave poteva alloggiare al massimo 36 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 27.250 tonnellate ed una velocità massima di  31 nodi.

Classe Vindictive

Vindictive

Nel programma dell'anno 1915 la Marina inglese aveva incluso 5 incrociatori leggeri da 9.750 tonnellate: Hawkins, Cavendish, Raleigh, Effingham e Frobisher, ma in periodo bellico fu varato solo l'Hawkins mentre la costruzione del Cavendish fu sospesa e lo scafo completato come " incrociatore leggero-portaerei »; il nome fu cambiato in Vindictive e venne varato il 17 gennaio 1918.  Il ponte di coperta era corazzato nella sola zona centrale con spessore di 25 mm; un altro ponte corazzato da 37 mm si trovava a poppa sopra il locale del timone. La trasformazione in portaerei fu decisa quando lo scafo era già stato costruito così che non fu possibile eliminare i fumaioli e l'unità venne completata sulle linee del Furious seconda versione, cioè con un ponte di decollo a prora e uno di appontaggio a poppa, fra i quali si alzavano la sovrastruttura centrale, un albero a tripode e due fumaioli, mentre sul Furious ce n'era uno solo.  I due ponti di volo erano collegati tra loro con una sola passerella sul lato sinistro. Vi era un solo elevatore a poppa, e il ponte di volo prodiero era servito da due alberi di carico ai lati.  Aveva gli stessi difetti del Furious e dopo l'entrata in servizio nell'ottobre 1918 rimase inattiva in attesa che si definisse il suo futuro.   Nel 1923 fu deciso di ritrasformarla in incrociatore, mantenendo però un'aviorimessa per 2 aerei, una catapulta e una gru.   I lavori di trasformazione durarono dal 1923 al 1925 e l'unità divenne uguale alle altre della classe, solo che l'armamento fu di 6 cannoni da 190 mm invece che 7, per la presenza dell'aviorimessa al posto del secondo cannone di prua.   La  portaerei Vindictive fu trasformata in nave scuola nel 1937, in nave officina nel 1940 e fu radiata e venduta nel 1946. La nave poteva alloggiare al massimo 6 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 10.000 tonnellate ed una velocità massima di  30 nodi.

Classe Argus

HMS 49 Argus

La HMS Argus, settima nave da guerra britannica a portare questo nome, è stata una portaerei della Royal Navy, in servizio tra il 1918 ed il 1944. È stata la prima nave ad avere un ponte di volo unico per il decollo e l'atterraggio di aerei. La Argus entrò in servizio il 6 settembre 1918, poco prima della conclusione del primo conflitto mondiale. Il primo appontaggio venne effettuato il 1º ottobre seguente dal Sopwith 1½ Strutter pilotato dal Tenente colonnello Richard Bell Davis. Vista la sua stazza limitata e la bassa velocità di punta, l'unità venne utilizzata scarsamente in combattimento, diventando invece di primaria importanza per lo sviluppo delle successive portaerei e per l'addestramento di piloti ed equipaggi. Nei primi anni venti l'elevatore di poppa venne bloccato in corrispondenza del ponte di volo. Tra il 1925 ed il 1926 venne equipaggiata con una cintura maggiore per risolvere il problema dell'Altezza metacentrica troppo elevata. Alla fine degli anni venti l'unità era ormai obsoleta rispetto alla tecnologia dell'epoca, venendo quindi utilizzata come nave addestramento. Visto che la sua costruzione era stata precedente al 9 dicembre 1921, il Trattato navale di Washington la classificò come nave sperimentale, non richiedendone quindi lo smantellamento. La nave poteva alloggiare al massimo 20 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 15.775 tonnellate ed una velocità massima di  20 nodi.

Classe Eagle

HMS 94 Eagle

La portaerei Eagle  può considerarsi la prima vera portaerei della storia. Fu infatti la prima nave al mondo ad essere costruita espressamente per diventare una portaerei e non una nave trasformata successivamente per questo scopo. Pur essendo un prototipo portava con sé fin dall'inizio caratteristiche che diventeranno tipiche delle portaerei moderne quali il ponte di volo unico e non a scalini (vedi Furious e prima Akagi), la grande isola sul lato destro, gli elevatori dietro l'isola, due elevatori centrali sul ponte, ponti corazzati ed buona velocità di base. Al contempo entrò nella Seconda Guerra Mondiale ormai obsoleta a causa della scarsa velocità, della scarsa capacità di carico (solo 21 aerei e e della ridotta lunghezza e larghezza del ponte di volo. Per questo  si può dire che è nata come nave ultramoderna ed avveniristica ed è stata affondata come nave antiquata ed obsoleta (al pari della portaerei Langley e della portaerei Hermes).Innovativa (Shinano). La nave poteva alloggiare al massimo 21 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 26.500 tonnellate ed una velocità massima di  24 nodi.

Classe Hermes

HMS 95 Hermes

La HMS Hermes (Pennant number 95), è stata una portaerei leggera della Royal Navy, nona a portare questo nome ed unica della sua classe. Costruita nei cantieri Armstrong Whitworth, venne impostata nel gennaio 1918, varata nel settembre 1919 ed entrò in servizio nel 1923. Come la Hōshō, la portaerei Hermes venne costruita su uno scafo simile a quello di un incrociatore, incorporando però le lezioni apprese dalle precedenti portaerei come la Furious e la Argus. Venne previsto un unico ponte di volo per tutta la lunghezza della nave, con un "isola" sul lato di destra che includeva anche il fumaiolo. Questa innovazione permise di avere una buona visuale per il comando della nave senza comunque interferire con le operazioni di volo. Venne scelto di posizionare l'isola a destra in quanto i primi aerei ad elica avevano motori che giravano in senso orario (visti da dietro). La turbolenza e la spinta generate tendevano a spingere gli aerei in decollo a sinistra. Le sovrastrutture vennero quindi posizionate a destra per evitare di fornire eventuali ostacoli ai mezzi in decollo. L'albero a tripode era particolare, avendo due "gambe" davanti e una dietro, in un'impostazione molto insolita. L'esperienza con la Hermes dimostrò che l'equipaggio addetto al volo era troppo ridotto, la protezione della nave era insufficiente e l'autonomia limitata, mentre la velocità era troppo ridotta per permettere all'unità di operare integrata in una flotta. Inoltre la stabilità era scarsa e la nave reggeva poco il mare mosso. Nonostante le dimensioni, la Hermes poteva trasportare solo 20 aerei. Come le altre portaerei del tempo, alla costruzione venne equipaggiata con cavi longitudinali, in seguito sostituiti negli anni 30 con cavi d'arresto trasversali. Rimase in servizio fino alla seconda guerra mondiale. Nel 1941 fu trasferita nell'Oceano Indiano, dove nell'attacco contro Trincomalee, nell'isola di Ceylon, sferrato da oltre 120 bombardieri del Gruppo Portaerei di Attacco dell'Ammiraglio Nagumo (la leggendaria Kido Butai) , fu colpita in navigazione e affondata il 9 aprile 1942. Nella storia delle portaerei merita una menzione particolare in quanto fu la prima nave portaerei ad avere l'isola a dritta. (Shinano). La nave poteva alloggiare al massimo 20 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 10.950 tonnellate ed una velocità massima di  25 nodi.

Classe Courageus

La Glorious e la Courageus rappresentano il tipico esempio di portaerei di transizione essendo nate da altre navi (incrociatori) trasformati in portaerei. La loro forma ha subito continue trasformazioni negli anni per adattarle al continuo miglioramento tecnologico degli aerei imbarcati. Dotate di una buona velocità e di una discreta capacità offensiva hanno però avuto una sfortunatissima carriera bellica. La Glorious è stata subito silurata da un sottomarino (ed in questo ha anticipato la sorte di portaerei ben più gloriose si pensi alle giapponesi Shinano, Shokaku e Taiho). La Courageus invece si è meritata un posto indelebile nella storia della marina. E' stata infatti l'unica portaerei ad "aver avuto l'onore" di essere affondata a cannonate, in particolare dalle artiglierie delle due corazzate tascabili tedesche Scharnhorst e Gneisenau. La medesima sorte sarebbe toccata durante la battaglia di Leyte al gruppo di Ozawa (Zuikaku in testa) se le supercorazzate americane di Halsey fossero riuscite a raggiungerle prima di essere richiamate indietro per salvare le portaerei di scorta di Spruance dal gruppo di corazzate di Kurita. I fatti andarono in modo ben diverso ed il gruppo di Ozawa fu affondato in maniera "classica" dagli aerei delle portaerei di classe Essex americane. In conclusione si può ben dire che la Courageus e la Glorious furono portaerei ben sfortunate! (Shinano). Le navi potevano alloggiare al massimo 48 aerei,  avevano un dislocamento a pieno carico di 27.000 tonnellate ed una velocità massima di  25 nodi.

HMS 50 Courageus

La Courageous servì nella Home Fleet dall'inizio della seconda guerra mondiale. Il 17 settembre 1939, al comando del Capitano W. T. Mackaig-Jones, si trovava in missione di pattuglia antisommergibile al largo delle coste dell'Irlanda scortata da quattro cacciatorpediniere. Due di questi vennero inviati a soccorrere una nave mercantile sotto attacco. In questo momento, l'unità venne individuata e seguita per circa due ore dall'U-boot U-29, al comando del Kapitänleutnant Otto Schuhart. Quando la Courageous virò nella direzione del vento per lanciare i suoi aerei, offrì il fianco sinistro al sommergibile nemico, che lanciò tre siluri, due dei quali andarono a segno. La nave si capovolse e affondò in 15 minuti, con la perdita di 518 uomini dell'equipaggio incluso il capitano. Fu la prima nave da guerra britannica ad essere affondata durante il conflitto, mentre la SS Athenia era stata la prima nave civile ad essere affondata, appena due settimane prima.
La perdita della Courageous e un fallito attacco alla portaerei Ark Royal da parte dell'U-39 spinsero l'Ammiragliato a ritirare le portaerei dai pattugliamenti antisommergibile. La nave poteva alloggiare al massimo 48 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 27.000 tonnellate ed una velocità massima di  25 nodi.

HMS 77 Glorius

La HMS Glorious fu una portaerei della Royal Navy capoclasse della classe Glorious, una modifica estrema di un incrociatore da battaglia convertito in portaerei nel 1922. Venne progettato per essere uno dei large light cruiser ("grandi incrociatori leggeri") di Jackie Fisher che doveva partecipare ad uno sbarco anfibio sulla costa baltica della Germania durante la prima guerra mondiale. La flotta di Sua Maestà accolse la Glorious e le sue (quasi) gemelle Furious e Courageous con un certo scetticismo fin dall'inizio, tanto che vennero loro affibbiati i nomignoli di "Curious", "Spurious" ed "Outrageous", già nel loro ruolo iniziale di "grandi incrociatori leggeri". La nave poteva alloggiare al massimo 48 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 27.000 tonnellate ed una velocità massima di  25 nodi.

Classe Ark Royal

HMS R91 Ark Royal

La portaerei Ark Royal (R91), pur avendo avuto una vita breve, lascia una pagina indelebile nella storia della Royal Navy ed in genere delle portaerei. Tecnicamente era un'unità che anticipava di di quasi vent'anni il concetto di portaerei, avendo il ponte facente parte dello scafo e non posticcio come nelle altre porterei dell'epoca, vedere in particolare le portaerei americane che lo adottarono dalla Classe Midway in poi. Era un'unità veloce, dotata di una buona capacità offensiva e di un discreto gruppo di attacco. Unici punti deboli erano la mancanza di radar e la protezione del ponte di volo nulla che la rendeva vulnerabile agli attacchi aerei. Questi difetti furono prontamente eliminati nelle successive portaerei inglesi di classe Illustrious ed Implacable. Partecipò attivamente alla "caccia alla Bismark" contribuendo, con i suoi aerei, ad immobilizzarla e a renderla un facile bersaglio balistico per le corazzate (Nelson, Rodney e King George V) della Royal Navy. Per gli italiani è tristemente nota per il tragico bombardamento di Genova, che ebbe un impatto fortissimo sull'opinione pubblica facendo cadere il mito sull'invincibilità della "fortezza Italia" tanto sbandierata dal Duce. Finì sorpresa e mortalmente ferita dall'arma più insidiosa e pericolosa della flotta tedesca, l'u-boat. Innovatrice! (Shinano) La nave poteva alloggiare al massimo 60 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 28.143 tonnellate ed una velocità massima di  31 nodi.

Classe Illustrious

La classe Illustrious rappresenta quanto di meglio la Royal Navy costruì nell'ambito delle portaerei. Furono le prime portaerei corazzate della storia e si dimostrarono praticamente inaffondabili ed a prova di kamilaze come dimostrarono nelle operazioni in cui furono impegnate nel 1945 nello scacchiere del Pacifico. Per concezione erano esattamente l'opposto delle portaerei giapponesi (caratterizzate dalla scarsa corazzatura per favorire il maggior numero di aerei ospitabili possibile e permettere un'elevata autonomia necessaria per potersi muovere nell'Oceano Pacifico). L'unico loro grande difetto stava nel numero limitato aerei (48 per la Indomitable e 36 per le altre 3) ospitabile nell'hangar, a causa della grande corazzatura della nave. Questa carenza obbligava a mantenere costantemente il 50% della forza aerea ospitabile (72 aerei) o parcheggiata sul ponte di volo o appesa ai lati della nave. In  pratica pur essendo delle portaerei di attacco ospitavano un numero di aerei pari a quelli delle portaerei di scorta americane, ad esempio del tipo Indipendence. L'altro grande primato di questa classe (grazie alla Victorious) consiste nel ponte di volo angolato (ripreso successivamente dagli americani con la Antienam e con la Hancock). La Victorious fu infatti la prima portaerei nella storia dotata di ponte angolato, dando vita ad una configurazione che diverrà normale a partire degli anni Cinquanta e che gli permetterà di continuare ad essere operativa fino al 1969. Altra loro caratteristica è la linea filante ed esteticamente molto bella, difficilmente riscontrabile nelle porterei dell'epoca. Belle e potenti! (Shinano).

HMS R 87 Illustrious

La portaerei Illustrious ebbe una vita gloriosa come le altre portaerei della sua classe ma è indubbio che è entrata prepotentemente nella storia per l'attacco di Taranto, il primo nel suo genere e senza dubbio il maggior ispiratore del successivo attacco giapponese a Pearl Harbor. "Protetti dall'oscurità, l'11 novembre 1940 dodici biplani Fairey Swordfish decollarono dal ponte della portaerei britannica Illustrious e si diressero attraverso il Mediterraneo verso il territorio italiano, circa 315 chilometri a nord - ovest. I fragili velivoli erano in rotta per attaccare la flotta italiana all'ancora nella rada di Taranto, una base navale ben munita di artiglieria contraerea. Il radar sarebbe stato un ultimo test sull'efficacia delle portaerei come armi navali: mai prima di allora degli aerei imbarcati avevano colpito una flotta di navi da guerra. Guidati dal capitano di corvetta Kenneth Williamson, i 12 aerei (6 armati con siluri, 4 con bombe e 2 con bengala illuminanti) si separarono prima dell'obiettivo per cercare di confondere la contraerea. A meno di un'ora di distanza giunse la seconda ondata con altri 9 aerei della portaerei Illustrious. Affrontando un incessante fuoco di sbarramento, gli Swordfish attaccarono la rada e colpirono 3 corazzate, 1 incrociatore e 2 cacciatorpediniere. Gli assalitori persero solo 2 velivoli. Il giorno seguente a questo micidiale attacco i resti della flotta italiana si diressero a nord rifugiandosi a Napoli e lasciando le rotte mediterranee, in un momento critico della guerra, nelle mani della Royal Navy." (Shinano)

HMS R67 Formidable

La portaerei Formidable sostituì la portaerei Illustrious nel Mediterraneo all'inizio del 1941, dove uno dei suoi aerei silurò la Vittorio Veneto il 28 marzo. Contribuì all'affondamento di tre incrociatori pesanti italiani il giorno successivo (Battaglia di Capo Matapan): uno dei suoi aereosiluranti colpì il Pola che fu costretto a fermarsi, mettendo quindi in grado le navi da battaglia inglesi di serrare le distanze. Colpita da due bombe da 1.000 Kg. il 26 maggio 1941, rimase fuori servizio per sei mesi. Continuò ad operare nel Mediterraneo fino all'autunno del 1944, quando raggiunse le altre unità della sua classe in Estremo Oriente, dove venne leggermente danneggiata da un kamikaze nel maggio 1945. Passata in riserva nel 1947, fu venduta nel 1953 e demolita nel 1955.

HMS R 38 Victorious

La portaerei Victorious esplicò una notevole attività in guerra prendendo parte a operazioni in tutti i mari.  Nel 1940-1941 fu in Mediterraneo, assegnata alla forza H di Gilbilterra e fu impiegata nella scorta dei convogli diretti a Malta. Nel maggio 1941 prese parte alla caccia alla corazzata tedesca Bismark nell'Atlantico centrale. Nell'estate - autunno 1941 fu con la Home Fleet nelle acque della Norvegia, poi ritornò in Mediterraneo, sempre con base a Gilbilterra e partecipò all'operazione svoltasi nell'agosto del 1942 per il rifornimento di Malta. Nel novembre 1942 fu di nuovo in Atlantico per l'operazione Torch (lo sbarco degli Alleati in Africa settentrionale). Nel marzo del 1943 passò in Pacifico, giungendo a Pearl Harbor per operare con la flotta americana contro i giapponesi nelle isole Salomone. Rientrata in Inghilterra fu con la Home Fleet nelle acque della Noevegia nell'aprile - maggio 1944 per operazioni contro la corazzata tedesca Tirpitz, rifugiata nell'Altenfiord. Nel luglio del 1943 ritornò in Pacifico, dove prese parte alle operazioni nelle Indie Olandesi e contro le isole del Giappone. Mentre operava nelle acque delle Indie Olandesi fu colpita, non gravemente, da un aereo kamikaze. Dopo questo glorioso passato bellico, nell'ottobre 1947 fu trasformata in nave scuola e ormeggiata alla banchina a Portland. Dal 1950 al 1958 subì lavori di ammodernamento che la dotarono di ponte angolato. Fu radiata il 31 marzo del 1968.

HMS  R92 Indomitable

La portaerei inglese HMS Indomitable fu vittima di un bombardamento aereo nel Mediterraneo, quando, durante l'operazione "Pedestal", venne colpita da due bombe da 500 Kg. che la costrinsero a tornare in Gran Bretagna per le riparazioni. Appoggiò le operazioni alleate in Sicilia nel 1943, ma venne silurata il 16 luglio; riparata negli U.S.A. si runì alle forze navali in Estremo Oriente nel luglio del 1944 e il 4 maggio del 1945 venne colpita da un kamikaze. Nel dopoguerra rimase in servizio nel Mediterraneo e con la Home Fleet. Nel maggio del 1953 fu venduta per essere demolita.

Classe Implacable

La classe Implacable venne costruita circa 30 mesi dopo la classe Illustrios. Rispetto a questa le navi della classe erano più vicine come progetto alla Ark Royal, con le pareti degli hangar più sottili per avere una migliore distribuzione del peso. Venne anche introdotto un hangar inferiore. Per aumentare la velocità di punta, venne aggiunta un'altra sala macchine, che rese simili per prestazioni le navi della classe alle classe Essex statunitensi. Utilizzando parte del ponte di volo come area di parcheggio per parte degli aerei imbarcati, si riuscì ad aumentarne il numero fino a 81 durante il servizio con la Pacific Fleet tra il 1944 ed il 1945 L'Implacable e l'Indefatigable furono le ultime due portaerei di squadra costruite dalla Marina inglese nel periodo della guerra, infatti delle successive unità, quelle programmate nel 1942, solo due, Eagle e Ark Royal, furono ultimate molti anni dopo la fine del conflitto mentre le altre non furono mai costruite (2 classe Eagle e 3 classe Gibraltar}. Erano unità derivate dalla prece dente classe Illustrious; la principale differenza era la aviorimessa su due ponti, quello inferiore estendentesi però solo nella metà poppiera. Anche l'ultima unità della classe Illustrious la Indomitable, ebbe uguale sistemazione di aviorimessa. Una seconda differenza era nella composizione dell'apparato motore: infatti le Implacable ebbero 4 gruppi turbine azionanti 4 eliche, mentre 12 classe Illustrious ne aveva solo 3. La costruzione delle due Implacable durò molti anni perchè dopo l'inizio della guerra, vale a dire dopo il settembre 1939 l' Ammiragliato aveva dato priorità alla costruzione di naviglio sottile da impiegare contro la temuta invasione tedesca delle Isole Britanniche e nella guerra contro i sommergibili. Nel 1941 fu ripresa la costruzione di grandi navi, ma si dette la preferenza alle corazzate che si ritenevano più utili per le operazioni nel Mare del Nord e nell'Artico. Infine l'affondamento dell' Ark Royal, avvenuto il 14 novembre-1941, aveva creato perplessità che influirono a ritardare la costruzione di altre portaerei. Le fulminee vittorie giapponesi in Pacifico dovute esclusivamente al massiccio impiego di portaerei fecero scomparire le perplessità e la costruzione dell'Implacable e dell'Indefatigable fu ripresa, così che le due unità poterono essere consegnate rispettivamente il 21 agosto e il 3 maggio 1944. Come aspetto generale si presentavano simili alle Illustrious: il ponte di volo lungo m 233,25 e largo m 33,90, costituiva parte integrante dello scafo, vi erano due elevatori di cui quello prodiero serviva il solo ponte aviorimessa esistente in  tale zona, mentre quello poppiero serviva anche il secondo. A prora sinistra del ponte di volo era sistemata una catapulta del tipo idraulico. L 'isola era più piccola di quella delle Illustrious, con analoga disposizione del l'albero a traliccio e del fumaiolo. Ai lati del ponte di volo, in posizioni leggermente asimmetriche dietro l'isola, vi erano due gru a traliccio. L'armamento principale costituito da 16 cannoni da 120 mm a.a., era sistemato in otto torrette binate piazzate a gruppi di due su plancette esterne al ponte di volo emesse a lato degli elevatori. A proravia e a poppavia dell'isola vi erano rispettivamente tre e due postazioni a 6 canne di mitragliere da 40 mm pom-pom, altre postazioni simili erano su tre plancette opposte all'isola sul lato sinistro; altri armi da 40 e da 20 mm erano in postazioni singole  binate alle quattro estremità del ponte di volo, infine sotto il bordo poppiero di detto ponte vi era una batteria di 6 armi singole. La protezione a murata aveva lo spessore di 37 mm e si estendeva solo nella zona centra le a livello del galleggiamento, come sulle Illustrious Non risulta che fossero corazzati ne il ponte di volo ne quello dell'aviorimessa. Le navi potevano alloggiare al massimo 81 aerei,  avevano un dislocamento a pieno carico di 32.110 tonnellate ed una velocità massima di  32 nodi.

Implacable

La HMS Implacable, (Pennant number R86), terza nave da guerra della Royal Navy britannica a portare questo nome, è stata una portaerei della omonima classe in servizio negli ultimi due anni della seconda guerra mondiale. Impostata nei cantieri Fairfields il 21 febbraio 1939, venne varata il 10 dicembre 1942 ed entrò in servizio il 28 agosto 1944. In settembre 1945 venne deciso il trasferimento dell'unità nella British Pacific Fleet, allora ancora in via di creazione. Nel gennaio 1946 visitò Melbourne insieme alla Indefatigable, tornando quindi in patria nel mese di giugno. Venne quindi trasferita in riserva e sottoposta a un ciclo di lavori prima di tornare in servizio come ammiraglia della Home Fleet nel 1949. L'anno successivo, a causa di problemi di organico venne ritirata dal servizio attivo insieme ad altre unità della flotta, venendo trasferita nella Squadra d'addestramento, dove rimase fino al 1954. Trasferita in riserva, venne in seguito messa in vendita per la demolizione, che iniziò ad Inverkeithing il 3 novembre 1955 nei cantieri War. La nave poteva alloggiare al massimo 81 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 32.110 tonnellate ed una velocità massima di  32 nodi.

Indefatigable

La HMS Indefatigable (Pennant number R10), settima nave da guerra britannica a portare questo nome, è stata una portaerei classe Implacable della Royal Navy. Costruita nei cantieri John Brown & Company, venne impostata il 3 novembre 1939, due mesi dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale, varata l'8 dicembre 1942 ed entrò in servizio il 3 maggio 1944. All'ingresso in servizio, venne asseggnata alla Home Fleet con base a Scapa Flow. Il 17 luglio prese parte insieme alle portaerei Formidable e Furious ad una missione di bombardamento della nave da battaglia tedesca Tirpitz ancorata in acque norvegesi. Gli attacchi lanciati dagli aerei imbarcati non andarono a segno a causa delle cortine fumogene alzate dalle forze nemiche. In settembre del 1945 venne deciso il trasferimento dell'unità nella British Pacific Fleet, allora ancora in via di creazione. Nel dicembre 1945 l'unità visitò la Nuova Zelanda, mentre nel gennaio 1946 visitò Melbourne insieme alla Implacable. Venne quindi utilizzata nuovamente come trasporto truppe tornando in patria nel mese di settembre. Nel 1947 venne quindi trasferita nella riserva dove rimase fino al 1951 quando, dopo lavori di ammodernamento, divenne ammiraglia dello Squadrone d'addestramento. La nave tornò in riserva nel 1954, venendo quindi messa in vendita due anni dopo. Venduta alla BISCO, giunse a Dalmuir per la demolizione il 4 novembre 1956. La nave poteva alloggiare al massimo 73 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 32.110 tonnellate ed una velocità massima di  32 nodi.

 

Classe Eagle

Ark Royal ed Eagle appartenevano in origine a una stessa classe, ma siccome la prima fu completata con alcuni anni di ritardo rispetto alla seconda, ebbe alcune differenze nelle dimensioni, dislocamento, armamento, disposizione del ponte di volo e, per qualche anno, ebbe anche tre elevatori invece di due.  Il programma navale inglese del 1942 prevedeva, tra l'altro, la costruzione di quattro portaerei del dislocamento di 36.800 t, cui erano stati dati i nomi di Audacious, Africa, Eagle e Irresistible.  Tre di queste unità furono impostate e precisamente l' Audacious nell'ottobre 1942, l'Irresistible nel maggio 1943 e l'Eagle nell'aprile 1944.  L'Africa non fu mai impostata.  La situazione della industria cantieristica inglese nel periodo della guerra non era tale da permettere la costruzione contemporanea di queste navi e delle numerose altre unità; inoltre la necessità di dare la precedenza al completamento di navi di altro tipo, fecero sospendere i lavori sulle tre portaerei già impostate, le quali alla fine della guerra erano ancora ben lontane dall'essere ultimate.  Siccome in tempo di pace le necessità della Marina inglese erano ben diverse da quelle del tempo di guerra, nell'anno 1945 fu elaborato un nuovo programma di costruzioni navali, in base al quale nove delle portaerei del programma 1942, che non erano ancora state impostate, furono cancellate: delle quattro unità della classe Eagle fu così eliminata l' Africa e si demolì quello che era stato costruito della Eagle, che era stata l'ultima a essere impostata.  Le altre due invece furono ribattezzate e completate: la Audacious prese il nome di Eagle e fu varata nel 1946; la Irresistible divenne Ark Royal e fu varata quattro anni dopo nel 1950. La Eagle  e la Ark Royal sono state le ultime grandi portaerei tuttoponte inglesi ed hanno chiuso un'epoca importantissima per la Royal Navy, quella delle CVN. Sono state infatti sostituite dalle nuovissime porta elicotteri ed aerei a decollo verticale della classe Victorious, meno mastodontiche ma più agili e versatili. Hanno concluso l'evoluzione delle portaerei inglesi portando allo stremo la corazzatura e la potenza offensiva della classe Illustrious, quindi sono state ben diverse per impostazione e caratteristiche tecniche dalle super portaerei americane (dalla classe Forrestal in poi). Potenti, veloci, in grado di portare un gran numero di aerei (da 80 a 110 nella versione originale, quindi al pari con la classe Essex americana), sono state per lungo tempo al top al livello mondiale. Loro caratteristica estetica principale era l'enorme isola, lunga quasi un quarto dell'intero ponte di volo, ripresa probabilmente dalla prima Eagle. Storiche e potenti! (Shinano).

Eagle II R05

Costruita nei cantieri Harland & Wolff di Belfast, venne impostata nel 1942 come HMS Audacious. Ribattezzata Eagle all'inizio del 1946 in sostituzione della precedente unità affondata nel 1942. Varata nel marzo 1946, prese parte agli eventi noti come crisi di Suez nel 1956, venne sottoposta ad importanti lavori di ammodernamento nel 1959 e nel 1966 e ritirata dal servizio attivo nel 1972. Utilizzata a lungo come fonte di pezzi di ricambio per la Ark Royal, è stata demolita nel 1980. La nave poteva alloggiare al massimo 45 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 50.536 tonnellate ed una velocità massima di  31 nodi.

Africa (non costruita)

Ordinata ai cantieri Fairfield di Govan nel luglio 1943, riordinata come parte della classe Malta nel 1944 e cancellata nell'ottobre 1945.

Eagle (non costruita)

Ordinata ai cantieri Swan Hunter di Wallsend nell agosto 1942. Trasferita alla Vickers-Armstrong nel dicembre seguente e cancellata alla fine della seconda guerra mondiale. 

Ark Royal II R09

Costruita nei cantieri Cammell Laird di Birkenhead, venne impostata nel 1943 come HMS Irresistible ma rinominata Ark Royal dopo la perdita della omonima portaerei nel 1941. Venne varata nel 1950 e sottoposta a diversi cicli di ammodernamento nel 1954 e nel 1967. Ritirata dal servizio attivo nel 1979, è stata demolita a partire dal 1980. La nave poteva alloggiare al massimo 50 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 50.786 tonnellate ed una velocità massima di  31,50 nodi.

Classe Malta

La classe Malta è stata un gruppo di quattro portaerei progettate per la Royal Navy britannica durante la seconda guerra mondiale. Il progetto prevedeva diverse innovazioni ispirate alle unità statunitensi nel disegno degli hangar e nell'organizzazione delle operazioni di volo. Tre unità vennero ordinate nel 1943, mentre una quarta venne aggiunta l'anno successivo. Nonostante ciò il progetto definitivo non venne completato prima della fine del conflitto e tutte e quattro le unità vennero cancellate. Le unità classe Malta vennero progettate come portaerei d'attacco, visto che le portaerei britanniche in servizio non erano in grado di trasportare e gestire lo stesso numero di aerei delle portaerei della US Navy. Le unità classe Midway vennero utilizzate come prototipo, anche se venne prevista una maggiore lunghezza pari a 273 metri e una larghezza di 35,28 metri. Le classe Malta avevano importanti differenze dalle altre portaerei britanniche, prevedendo un ponte hangar aperto che avrebbe permesso agli aerei di scaldare i motori prima di trasferirsi sul ponte di volo per il lancio. Il ponte di volo da 273 metri per 41 avrebbe consentito di operare simultaneamente più velivoli in decollo o appontaggio e la presenza di 4 elevatori (due centrali e due laterali) avrebbe permesso un rapido spostamento degli aerei. Il ponte di volo corazzato, giudicato necessario anche alla luce degli attacchi kamikaze portati dai piloti giapponesi, aveva uno spessore di 100 mm, leggermente minore di quello delle precedenti classi di portaerei. Il numero di aerei imbarcati previsto era di circa 80.

Gibraltar (non costuita)

Malta (non costruita)

New Zeland (non costruita)

Africa (non costruita)

Classe Queen Elizabeth

La classe Queen Elizabeth (in precedenza CV Future o CVF project), è una classe di due portaerei  sviluppate per la Royal Navy. La HMS Queen Elizabeth (R08) era previsto che entrasse in servizio alla fine del 2015, mentre la gemella HMS Prince of Wales (R09) alla fine del 2018; tuttavia, la Queen Elizabeth dovrebbe entrare in servizio del 2020, mentre la sorte della Prince of Wales è incerta visto che lo "Strategic Defence and Security Review" del 2010 prevede una sola portaerei. I vascelli avranno una stazza di circa 65.000 tonnellate a pieno carico, saranno lunghe 280 metri, larghi 70, alti 39 e in grado di trasportare 40 aerei. La necessità di sostituire la vecchia classe Invincible, era già stata confermata dal Ministero della Difesa britannico nel 1998.

Queen Elizabeth HMSR08  (varata)

La HMS Queen Elizabeth è la più grande nave da guerra mai costruita per la Royal Navy ed è in grado di trasportare fino a quaranta velivoli. È stata varata dalla regina Elisabetta II il 4 luglio 2014 e è prevista per commissionare nei primi mesi del 2017, con capacità operativa iniziale a partire dal 2020, il suo primo comandante sarà il  Commodoro Jerry Kyd, l'ex capitano della HMS Ark Royal e HMS Illustrious .A differenza di molti altre grandi portaerei (vedi la classe Nimitz americana) non è dotata di catapulte per la partenza e fili di arresto così si può affermare che è stata costruita per far funzionare aerei di tipo V / STOL, come dimostra lo sky jump prodiero.Il suo gruppo di aerei sarà costituito dai tanto discussi e crititicati F-35B Lightning II (cacciabombardieri) e Merlin ed elicotteri per l'allerta precoce e la guerra anti-sommergibile. Il design sottolinea la flessibilità di utilizzo, con sistemazione per ben 250 Royal Marines e la capacità di sostenerli con elicotteri d'attacco di tipo Apache e di trasporto truppe di tipo  Chinook. La portaerei Queen Elizabeth è la seconda nave della Royal Navy nave a portare il nome di HMS Queen Elizabeth dopo la leggendaria corazzata della Prima Guerra Mondiale.Per ora non è possibile avanzare un giudizio su questa nave, certo il costo dell'investimento è enorme, vedremo in futuro se sarà adeguatamente ripagato! (Shinano)

Prince of Wales HMSR09 (in costruzione)

PORTAEREI LEGGERE (CVL) / LIGHT CARRIERS

Classe Unicorn

Unicorn

La HMS Unicorn (Pennant number I72), decima nave da guerra britannica a portare questo nome, è stata una portaerei leggera e nave di manutenzione aeromobili della Royal Navy. Ordinata come parte del programma di costruzioni navali del 1938, venne costruita nei cantieri Harland and Wolff di Belfast, venne impostata il 26 giugno 1939, varata il 20 novembre 1941 ed entrò in servizio il 12 marzo 1943. Fu classificata portaerei da trasporto nel giugno 1953 e radiata nel 1959. La Unicorn fu la prima portaerei di scorta della storia, fu infatti la prima nave adibita alla riparazione ed al collaudo degli aerei destinati ad essere imbarcati. La sua importanza storica sta tutta in questo ruolo pionieristico. Non combattè in epiche battaglie e non ebbe un ruolo di portaerei d'attacco ma svolse in modo ligio ed encomiabile il suo lavoro di supporto. Disciplinata. La nave poteva alloggiare al massimo 35 aerei,  aveva un dislocamento a pieno carico di 20.300 tonnellate ed una velocità massima di  24 nodi.

Classe Colossus

La classe Colossus fu una classe di portaerei della Royal Navy costruita durante il secondo conflitto mondiale. La classe avrebbe dovuto essere costituita da sedici unità classificate come portaerei leggere, ma soltanto dieci vennero completate, mentre le ultime sei vennero allestite con delle modifiche progettuali, costituendo la classe Majestic; di queste, cinque vennero completate e vendute a nazioni del Commonwealth, mentre l'ultima, il cui allestimento venne sospeso, venne successivamente utilizzata per fornire le caldaie ad una nave della classe Colossus che aveva avuto un incendio ad una delle caldaie. Delle dieci unità completate due portaerei, la HMS Pioneer (R76) e la HMS Perseus (R51), vennero utilizzate per la manutenzione degli aeromobili, con la HMS Perseus (R51) che in particolare venne usata per le prime prove della catapulta a vapore. Le navi potevano alloggiare al massimo 35 aerei,  avevano un dislocamento a pieno carico di 18.300 tonnellate ed una velocità massima di  25 nodi.

15/R.61 Colossus / Arromanches

Unità capoclasse ceduta prima in prestito e poi venduta alla Francia, ribattezzata Arromanches e demolita nel 1978.L'Arromanches (R 95), già HMS Colossus (R15), era una portaerei leggera di costruzione britannica noleggiata e poi acquistata dalla Francia dopo la fine della seconda guerra mondiale ed utilizzata dalla Marine nationale, la marina militare francese, tra l'agosto del 1946 e il 1974, quando venne radiata e avviata alla demolizione. In Francia fu ribattezzata Arromanches in onore della città di Arromanches-les-Bains, a ricordo dello sbarco in Normandia. La nave era il prototipo di una serie di nove portaerei classe Colossus. La sua costruzione iniziò il 1º giugno 1942 nei contieri Vickers-Armstrong (Regno Unito). Varata il 30 settembre 1943 entrò in servizio nel dicembre del 1944 nella Royal Navy con il nome HMS Colossus (R15), inquadtata nella Pacific Fleet in cui prestò servizio fino al 1946 senza aver preso parte ad azioni di guerra ed utilizzata per il trasporto di velivoli e per il rimpatrio dei militari inglesi dall'area del Pacifico al termine del conflitto. Al rientro nel Regno Unito venne dapprima ceduta in affitto dalla Marine nationale nel mese di agosto 1946 per un periodo di cinque anni, al termine dei quali nel 1951 venne acquistata dalla Francia.

R.71 Vengeance / Minas Gearis

Servì con l'Australia dal 1953 al 1955. Venduta al Brasile nel 1956 e ribattezzata Minas Gerais, venne ritirata dal servizio nel 2001 e demolita nel 2004.

04/R.63 Venerable / Karl Doorman / ARA XXV de Mayo

Venduta ai Paesi Bassi nel 1948 e ribattezzata Karel Doorman. Venne rivenduta all'Argentina nel 1968 e ribattezzata ARA Veinticinco de Mayo. Già in precario stato e con le catapulte a vapore parzialmente inefficienti durante la guerra delle Falkland venne ritirata dal servizio attivo nel 1990, radiata nel 1997 e demolita nel 1999 ad Alang in India.

D.767R.76/A 198 Mars (Pioneer)

Originalmente denominata Ethalion e poi Mars, venne successivamente ribattezzata Pioneer e completata come portaerei riparazioni. Demolita nel 1954.

62/R.62 Glory

La HMS Glory, (Pennant number R62), terza nave da guerra della Royal Navy britannica a portare questo nome, è stata una portaerei classe Colossus. Costruita nei cantieri Stephens di Govan, venne impostata l'8 novembre 1942, varata il 27 novembre 1943 ed entrò in servizio il 2 aprile 1945, negli ultimi mesi della seconda guerra mondiale. Demolita nel 1961.

68/R.68 Ocean

La HMS Ocean (Pennant number R68), quinta nave da guerra britannica a portare questo nome, è stata una portaerei leggera classe Colossus della Royal Navy. Venne costruita nei cantieri Alexander Stephen and Sons di Glasgow, venendo impostata l'8 novembre 1942, varata l'8 luglio 1944 ed entrò in servizio nell'agosto 1945, subito dopo la conclusione della seconda guerra mondiale.

D.51/R./A.197 Perseus / Edgar

Inizialmente battezzata Edgar, venne rinominata Perseus alla consegna avvenuta nel 1945 e demolita nel 1958.

64/R.64 Theseus

La HMS Theseus (Pennant number R64), terza nave da guerra della Royal Navy britannica a portare questo nome, è stata una portaerei classe Colossus. Impostata dalla Fairfield Shipbuilding and Engineering Company a Govan, in Scozia, nel 1943, venne varata il 6 luglio 1944 ed entrò in servizio il 9 febbraio 1946, a Seconda guerra mondiale oramai conclusa. Venne tuttavia utilizzata in combattimento durante la Guerra di Corea e durante la Crisi di Suez, nel corso della quale ebbe luogo il primo attacco su larga scala effettuato con elicotteri, avvenuto il 6 novembre 1956, nel quale elicotteri Bristol Sycamore e Westland Whirlwind decollati dalla Ocean e dalla Theseus, sbarcarono 425 uomini del 45° Commando e più di 20 tonnellate di attrezzature a Port Said in soli 90 minuti. La Theseus rimase in servizio fino al 1962, anno della sua radiazione e successiva demolizione ad Inverkeithing.

16/R. 16/A.108 Triumph

Trasformata prima in nave scuola, poi in nave officina per aerei e trasporto truppe, nel 1965 ebbe il distintivo ottico A-108; ritirata dal servizio nel 1975 venne demolita nel 1981.

31/R.31 Warrior / ARA Independencia

Ceduta in prestito alla Marina del Canada nel 1946, subito dopo aver completato la costruzione, venne restituita al Regno Unito nel 1948, per essere poi venduta nel 1958 all'Argentina dove, ribattezzata ARA Independencia (V-1), dopo prestò servizio per oltre un decennio per essere poi demolita nel 1971.

Classe Majestic

La classe Majestic è stata una classe di sei portaerei leggere costruite per la Royal Navy britannica ma che servirono con la Royal Australian Navy, la Royal Canadian Navy e la Indian Navy.

Majestic / HMAS Melbourne

Varata nel 1945, venne venduta all'Australia nel 1947. Venne ampiamente modificata e divenne la terza nave al mondo ad essere costruita con ponte di volo angolato e catapulta a vapore. Venne rinominata HMAS Melbourne ed entrò in servizio nel 1955. Durante il suo servizio partecipò marginalmente ai conflitti in atto, rimanendo però coinvolta in due diversi incidenti. Nel 1964 affondò il cacciatorpediniere Voyager in seguito a una collisione e la stessa cosa avvenne nel 1969 con il cacciatorpediniere statunitense USS Frank E. Evans. Venne radiata nel 1982 e venduta alla Cina per essere demolita nel 1985. Invece di demolire la nave, la Marina dell'esercito popolare studiò l'unità e la utilizzò per l'addestramento dei piloti.

Hercules / INS Virkant

Varata nel 1945, i lavori vennero sospesi per 10 anni fino all'acquisto da parte dell'India. Entrata in servizio nel 1961 come INS Virkant venne radiata nel 1997, è stata venduta per demolizione nel 2014.

Leviathan

Varata nel 1945, non venne mai completata. Le caldaie vennero rimosse per riparare la ARA Veinticinco del Mayo nel 1968 e lo scafo venne demolito nello stesso anno.

Magnificent

Varata nel novembre 1944 entrò in servizio con la Royal Canadian Navy nel 1948. Venne restituita alla Royal Navy il 14 giugno 1957, rimase in riserva fino al 1965 e venne demolita a Faslane.

Powerful / HMCS Bonaventure

Varata nel 1945, venne acquistata dal Canada nel 1952 venendo modernizzata sulla stessa linea della Majestic. Venne rinominata HMCS Bonaventure ed entrò in servizio nel gennaio 1957, sostituendo la sorella Magnificent, che non aveva subito le stesse modifiche. Venne radiata nel 1970 e demolita a Taiwan nel 1971.

Terrible / HMAS Sydney

Varata nel 1944, venne trasferita alla Royal Australian Navy nel 1948 come HMAS Sydney. Radiata nel 1958, tornò in servizio come trasporto truppe veloce nel 1962. Partecipò alla guerra di Corea e alla guerra del Vietnam, venendo radiata nel 1973 e venduta nel 1975 ad un'impresa sudcoreana per la demolizione.

Classe Centaur

La Classe Centaur è stata l'ultima classe di portaerei convenzionali della Royal Navy. La costruzione di queste unità, classificate portaerei leggere venne avviata alla fine della seconda guerra mondiale.

Albion

Arrogant (non costruita)

BulwarK R08

Centaur

Hermes R12

Monmouth (non costruita)

Polyphemus (non costruita)

INCROCIATORI ANTISOMMERGIBILI (CAH)

Classe Invincible

La classe Invincible era una classe di portaerei CVS[1] in servizio con la Royal Navy britannica. Le 3 navi di questa classe furono ufficialmente considerate "incrociatori tuttoponte" per aggirare la decisione politica di eliminare le portaerei convenzionali dalla Royal Navy, ma in realtà erano portaerei a tutti gli effetti. Esse hanno avuto una grande utilità in servizio, soprattutto la prima della classe, impiegata nella guerra delle Falklands.

Invincible (CAH-1)

Illustrious II (CAH-2)

Ark Royal III RO7 (CAH-3)

Classe Bogue

Le due unità di questa classe costituiscono il primo gruppo delle 24 navi mercantili del tipo C 3 che la Marina degli Stati Uniti fu autorizzata a comperare per trasformarle in portaerei ausiliarie subito dopo l'attacco giapponese contro Pearl Harbor. Siccome le prime C VE Long Island e Charger, che avevano motori diesel, avevano dimostrato di possedere una velocità troppo bassa, furono scelte unità a propulsione a turbine, con velocità di 18-19 nodi.

Bogue

PORTAEREI DI SCORTA (CVE)

Classe Audacity

Audacity

Classe Pretoria Castle

Pretoria Castle

Classe Activity

Activity

Classe Campania

Campania

Classe Vindex

Vindex
Classe Nairana

Nairana

Classe Charger

Oltre alla Mormacmail divenuta portaerei di scorta C VE I Long Island, la Marina americana comperò altri 50 scafi mercantili del tipo C 3 da trasformare.  La Mormacland, gemella della Long lsland fu ceduta alla Marina inglese divenendo H.M.S. Archer; altre 4 unità (Rio Hudson, Rio Paranà, Rio de la Plata e Rio de Janeiro} furono completate nella seconda metà del 1941 diventando le portaerei di scorta A venger .Biter. Charger e Oasher di cui solo Charger rimase alla Marina degli Stati Uniti inizialmente con la sigla BA VG 4, sostituita poi da C VE 30; 1e altre tre furono consegnate alla Marina inglese nel corso del 1942.  L'unità nel suo aspetto si differenziava dalla Long Island perchè aveva un'Isola sul lato destro, costituita da una piccola sovrastruttura esternamente la plancia e sormontata da un albero a traliccio di forma irregolare.  Non vi era fumaiolo e gli scarichi dei diesel venivano espulsi ai due lati del ponte di volo da un collettore trasversale.

CVE 30 Charger

HMS D14 Avenger

HMS D97 Biter

HMS D37 Dasher

PORTAEREI MERCANTILI (MAC)

Classe Ancylus

Ancylus

PORTA IDROVOLANTI

Classe Campania

Campania

Classe Ark Royal

Ark Royal

Classe Empress

Empress

Classe Ben My Chree

Ben My Chree

Classe Manxman

Manxman

Classe Pegasus

Pegasus

Classe Nairana

Nairana

NAVI DA GUERRA / WARSHIPS AND BATTLESHIPS

PORTAEREI NELLA STORIA / AIRCRAFT CARRIERS

PORTAEREI NELLA STORIA  -ROYAL NAVY - AIRCRAFT CARRIERS - ROYAL NAVY