Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 

 

Il Ginecologo Risponde  F.A.Q.  di Fertility.it

Parte III  F.A.Q. su Rapporti a rischio: Pillola del Giorno Dopo,  Metodiche Contraccettive, IVG legge 194.

Sessuologia

a cura della dott.ssa A. Boffa

  La dottoressa Antonella Boffa, classe 1948, laurea 1971, medico chirurgo ginecologa, sessuologa, è stata una delle prime fondatrici dei consultori, nei quali ha lavorato per più di 40 anni,  donna di carattere, sessantottina, femminista, da sempre militante a favore dei diritti delle donne, favorevole alla legge 194 sull'IVG  fin dalla prima ora.  Attualmente in pensione, ha accettato di collaborare con fertility.it. Prima di rivolgerle qualsiasi domanda, si prega di leggere attentamente il contenuto di queste pagine,  fate le vs domande solo se non trovate la risposta in queste pagine.

La dott.ssa A . Boffa si occupa anche di sessuologia e potete rivogerle tranquillamente le vs domande in merito.

La dott.ssa A Boffa coordina anche alla ns rubrica di Telediagnosi

L'indirizzo a cui inviare tutte le vs domande alla dott.ssa A .Boffa è  petflo@iol.it  precisate sempre la vostra età e la città da cui scrivete

  

 

Parte I: F.A.Q. su argonenti in generale

Parte II: Prevenzione

    

 

 

 

 

 

 

 


 

 

Premessa staff fertility

   Inevitabilmente quando si affronta il problema "rapporti a rischio", ci si rende subito conto di quanto panico possa essere generato dalla paura di una "gravidanza non voluta" Ed è così che giungono, a valanga, tanti S.O.S,  tante richieste di aiuto; ne sono state pubblicate solo una piccola parte, purtoppo si tratta sempre delle stesse solite domande, domande del tipo ...ho avuto un rapporto a rischio ....secondo voi sarò rimasta incinta?   Ho  dimenticato una pillola, due pillole, tre pillole ecc posso rimanere incinta? ho iniziato la pillola in anticipo / in ritardo c'è rischio di gravidanza?  Prendo la pillola ed ho avuto diarrea oppure ho vomitato,  c'è rischio di gravidanza?.   ho preso la pillola del  giorno dopo adesso però ho un ritardo metruale, sono incintà? ,   i test di gravidanza delle farmacie ci si può fidare?  ecc ecc ecc  il 99% delle domande sono riconducibili a queste.

 

 Sono sempre tutte  domande alle quali la dottoressa già dato abbondantemente e chiaramente risposta in questa pagina

 

Evitate, quindi,  per favore,  di fare alla dott.ssa Boffa queste  domande,  perchè  la dott.ssa non vi risponderà.

 

Il nostro consiglio è di leggere attentamente queste pagine, se dalla lettura di esse non avete trovato risposta ad un vostro problema, Vi invitiamo a rivolgervi al vostro medico di fiducia, al farmacista di fiducia, al consultorio, al Pronto Soccorso, alla Guardia Medica o ad altro medico o struttura sanitaria. 

 

Nei casi dubbi vi invitiamo ad eseguire un test di gravidanza , come ad esempio, quelli che trovate in farmacia, che si positivizzano  dopo due settimane dal rapporto a rischio.

 

Tenete presente che i tests  della farmacia, come anche quelli che trovate oggi anche nei supermercati,  sono molto precisi ed affidabili, quindi vi potete fidare

 

Si ricorda infine che il ricorso alla pillola del giorno dopo può provocare ritardi  ed irregolarità mestruali

 

 

Questa sezione del sito Fertility.it è dedicata ai rapporti a rischio, pillola del giorno dopo, metodiche contraccettive, IVG vuole essere uno dei modi possibili per cercare di affrontare questo problema.  Tutto ciò ha come obbiettivo finale un grande sforzo che è quello, mediante una corretta informazione sulla contraccezione, di prevenire il ricorso all'interruzione di gravidanza.

 

 

 

 

 

 

 

 

Queste Pagine sono riservate alle persone maggiorenni.

 

Qualcuno  ci ha domandato: e i minorenni a chi si devono rivolgere?  La nostra risposta è questa: I Minorenni devono inanziututto rivolgersi ai loro genitori e a chi esercita la patria potestà, poi esistono altre figure di riferimento che sono gli insegnanti, il medico di famiglia, le assistenti sociali, ci sono  poi i consultori per i giovani, per la cui ubicazione, basta chiedere alla asl, ed infine, nei casi urgenti, ci si può recare in pronto soccorso, meglio se accompagnati da una figura adulta di riferimento (genitore, parente ecc)

 



Come più volte specificato, Tutto ciò non sostituisce la visita medica.

 

 Nuova pagina dedicata alla Telediagnosi inviate le Vostre immagini per una diagnosi a distanza, gratuitamente, con la massima riservatezza ed in maniera del tutto anonima.

 

 

 


   

Sezione dedicata ai Rapporti a Rischio, Pillola del Giorno Dopo & Contraccezione, IVG e Sessuologia

 

Mi Chiamo Mara e sono un pò preoccupata!
S.O.S ho avuto un rapporto a rischio...e adesso?
SOS Richiesta urgente di Aiuto! ... ho dimenticato la pillola!
Antibiotici e Pillola
Farmaci in genere e  Pillola anticoncezionale
Assunzione in ritardo della Pillola
Come comportarsi in caso di vomito durante l'assunzione della pillola anticoncezionale?
Pillola e vomito
Pillola e diarrea
Rapporti a rischio dopo un Aborto
Profilattico ed Eiaculazione Esterna
La dieta  influisce sulla regolarità delle mestruazioni?
Coito interrotto associato a calcolo dei giorni fertili come metodica contraccettiva
Rapporti anali e profilattico,  rischio di gravidanza
Pillola del giorno dopo
Tenuta del profilattico e posizioni amorose
Il Profilattico rimasto in vagina
Diane ed effetto anticoncezionale
Gravidanza non ostante le mestruazioni?
Petting e rischio di gravidanza
Calcolo dei giorni fertili con il metodo Ogino Knaus

La pillola anticoncezionale va sospesa ogni tanto?

Rapporti dopo IVG Interruzione Volontaria di Gravidanza

Il cerotto anticoncezionale

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 



 

  S.O.S ho avuto un rapporto a rischio...e adesso?  
  Dottore è urgente, la prego mi aiuti, ho avuto circa un'ora fa un rapporto a rischio, per me, in questo momento è fondamentale evitare una gravidanza, ho già assunto la pillola del giorno dopo, ma non mi sento tranquilla, cos'altro potrei fare, per essere più sicura? La prego mi risponda in fretta!  
     
  Risposta  
   

Subito dopo un rapporto a "rischio"... cosa conviene fare?

Vorrei porre la Vs attenzione sul fatto che: I rapporti possono essere a rischio di due circostanze: Gravidanze non volute  oppure infezioni sessualmente trasmesse.

In questa risposta verrà Trattato il Tema : Rapporti a  Rischio di gravidanza non voluta

E' fondamentale Assumere, al più presto, la pillola del giorno dopo , questo può essere già sufficiente.

Però La pillola del giorno dopo, prima si assume è meglio è. Infatti entro le 24 ore, la sua efficacie è massima, (95% circa). Io vi consiglio di non superare le 48 ore, tenendo presente che  la "dead line" della pillola del giorno dopo è di 72 ore, oltre le quali è perfettamente inutile assumerla anzi si rischia un effetto contrario.

Se non siete tranquille, e volete qualcosa in più ci sono alcune informazioni che potranno esservi Utili, si consiglia comunque di evitare il "ricorso alla medicina fai da te" 

Se il rapporto è avvenuto di recente, può essere utile aspirare con una piccola peretta, i residui di sperma eventualmente presenti in vagina  ed effettuare anche un lavaggio alcalino, eventualmente può essere introdotta una candeletta spermicida. E' noto infatti fin dalla notte dei tempi, che subito dopo un rapporto a rischio, un irrigazione vaginale poteva ridurre sensibilmente le possibilità di gravidanza successiva. Le Cortigiane che frequentavano la corte del Re di Francia, utilizzavano sovente questo espediente. Il razionale di questa procedura nasce dalle moderne osservazioni che la fecondazione è un azione coordinata di gruppi di spermatozooi, di solito il primi spermatozooi non  sono quelli fecondanti ma svolgono una funzione di "apripista" agli altri che vengono dopo. Infatti per questo è importante anche il numero degli spermatozooi.

La pratica dell'irrigazione vaginale subito dopo un rapporto ha anche una importante funzione igienica perchè allontana i residui di sperma che rimanendo in vagina potrebbero fermentare producendo cattivi odori.

Dopo un rapporto a Rischio Di Fondamentale Importanza è capire se il rapporto è avvenuto o meno in un periodo fertile.

Non Tutti sanno che: nella Donna  i giorni fertili sono pochi, tre o al massimo cinque.

Vediamo perchè: Il giorno dell'ovulazione è sicuramente fertile, l'ovocita può sopravvivere, se non viene fecondato 48 ore la massimo,  quindi, dopo l'ovulazione si hanno ancora due giorni di fertilità. Gli spermatozooi invece possono al massimo sopravvivere 72 ore, quindi sono attivi fino a 72 ore prima dell'ovulazione, pari a 3 giorni. Totale 5 giorni, al massimo  di fertilità al mese.

In realtà abbiamo fatto un calcolo pessimistico perchè occorre tenere presente che dopo 72 ore gli spermatozooi che rimangono in vita sono pochi è quelli che restano sono esausti e potrebbero anche non essere piu' in grado di fecondare, d'altra parte l'ovocita, vecchio di 48 ore non è facilmente fertilizzabile e chi ne capisce di FIVET lo sa bene!

Il punto cruciale è quindi sapere se il rapporto a rischio è avvenuto o meno nel periodo fertile ma... questo non è difficile saperlo, basta  fare la diagnosi di ovulazione!

La diagnosi di ovulazione si fa in base ai segg criteri:

Importante: In caso di rapporti a rischio, Se non volete spiacevoli sorprese,  è preferibile che sia  un medico a fare la diagnosi di ovulazione.

Se il rapporto a rischio è avvenuto al di fuori del periodo fertile, conviene prendere sempre la pillola del giorno dopo ma è inutile preoccuparsi.

Se invece il rapporto è avvenuto proprio nel periodo fertile, sarà il medico a valutare se la pillola del giorno dopo è sufficiente e generalmente lo è, oppure occorrono altre precauzioni aggiuntive.

 

 


 

 


 

SOS Richiesta urgente di Aiuto! ... ho dimenticato la pillola!

 

 

 


Sono una ragazza di 23 anni e per la prima volta ho cominciato ad assumere la pillola anticoncezionale Yasmin. Ho iniziato la prima confezione questo mese ed ho completamente dimenticato di assumere la sedicesima pillola, quindi la dimenticanza è avvenuta nella terza settimana. Ho poi continuato ad assumere il resto delle pillole normalmente, fino alla fine del blister.

 

Dopo l'assunzione della ventunesima pillola sono passati due giorni ed è comparsa la mestruazione, al terzo giorno del ciclo ho avuto un rapporto non protetto.
Quello che mi chiedo è se si può rimanere incinta a causa della mancata assunzione
di una pillola avendo un rapporto completo durante il ciclo da sospensione. 
Dottore, Sono molto preoccupata, per favore mi risponda!

 

 

 

Risposta

 

 

  Gentile Signorina, se Lei ha dimenticato una sola pillola, ed ha avuto rapporti durante le mestruazioni successive, le probabilità che lei possa essere rimasta incinta, sono estremamente basse.
Pertanto le consiglio di tranquillizzarsi e di adottare soltanto un pò di attenzione, in futuro, nell'assunzione della pillola.

 

 

 

  Grazie Dottore però INCREDIBILE....
Ho trovato la sua mail per caso su internet perché ero disperata. LA MIA GINECOLOGA, HA CESTINATO LA MIA MAIL... HA DETTO DI NON AVER RICONOSCIUTO IL MIO NOME!

Se avessi avuto alle spalle un dottore presente come lei avrei sicuramente combinato meno "casini".


Devo confessare che prima di trovare il suo indirizzo, ho mandato anche dei messaggi ad altri ginecologi, ma nessuno ha risposto e l'angoscia aumentava.......

Lei invece non ha esitato a rispondere anche se non sono una sua paziente. Non so proprio come ringraziarla... ho una grandissima ammirazione per lei e per il modo in cui svolge la sua professione.


Vede, Io non amo troppo i dottori, forse sono stata sfortunata ma ho sempre trovato persone con poca sensibilità e questo pensi mi ha portato ad aspettare 23 anni per recarmi dal ginecologo! Avevo il terrore.
Caro Dottore, io credo una cosa... il Medico a parere mio e' come un prete. DEVE AVERE LA VOCAZIONE per poter svolgere al meglio la sua attività! Forse ho polemizzato un pò troppo e le ho rubato del tempo prezioso, ma voglio dirle ancora una volta GRAZIE, anzi... scusi la sfacciataggine? le stampo sulla guancia un mega bacio virtuale per esprimerle la mia gratitudine.

Cordialissimi saluti

 

 

 

Risposta

 

 

  Carissima, non te la prendere con la tua dottoressa perché ha cestinato la tua e-mail, probabilmente l’avrà scambiata per uno spam, (spesso gli spam si presentano come richieste di aiuto) sono sicuro che si tratta di una Collega molto brava e magari per questo anche molto impegnata.

 

Per quanto mi riguarda  penso di avere sicuramente un pò di vocazione medica,  ma non penso di essere come un prete,  in confidenza ho anch'io i miei difetti e le mie mancanze..

 a risentirci...

 

 

 

 

 

 


 

 

Antibiotici e Pillola

 

 

                     Salve ho assunto antibiotici e pillola. Come devo comportarmi in caso di rapporti?

 

 

 

 

 

Risposta

 

 

  Ci sono alcuni Antibiotici che possono interferire con la pillola anticoncezionale. Come ad  esempio: Macrolidi, Cefalosporine, Tetracicline, Rifabutina e Rifampicina. Si raccomanda quando si assume la pillola, in caso di prescrizione di antibiotici o di altri farmaci, di farlo sempre presente  al medico che prescrive. Si raccomanda altresì di leggere attentamente anche il foglio delle istruzioni (cosiddetto bugiardino) dell'antibiotico o di qualsiasi altro farmaco prescritto,  Infine di chiedere sempre al proprio medico di fiducia. Nel dubbio adoperare sempre misure precauzionali aggiuntive (es. Pillola del giorno dopo, Profilattico).

 

 

 

Ecco un utile Link al sito del Ministero della Salute dove potrete trovare tutte  Le informazioni su ogni tipo di farmaco comprese le interazioni con la pillola anticoncezionale:    Ministero della Salute Informazioni sui Farmaci   oppure cliccare su questo link :  http://www.ginecolink.net/Interazioni_contracc.htm

 

Esiste anche il  Numero Verde del Ministero della Salute per un informazioni corrette sull'uso dei farmaci:

(800.571661-tasto 1), un servizio gratuito, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.00.                  N. Verde 800 5716161

 

 


  

Dubbio?


 

Farmaci e Pillola anticoncezionale

 

 

 
Buongiorno, questo mese, a causa di una forte lombosciatalgia dovrò assumere, in concomitanza con la pillola, altri farmaci, come devo comportarmi con i rapporti?

 

 

 

 

 

Risposta

 

 

 Alcuni Farmaci possono interferire con  la pillola, a tal proposito bisogna sempre dichiarare al medico che prescrive il farmaco che si sta assumendo la pillola anticoncezionale, nei casi dubbi basta  dare  un'occhiata al foglietto illustrativo del farmaco (bugiardino), dove ogni eventuale interferenza con altri farmaci viene specificata chiaramente.

 

Questo è un elenco di farmaci che sicuramente interferiscono con la pillola anticoncezionale: carbamazepina, griseofulvina, modafinil, nelfinavir, nevirapina, oxcarbazepina, fenitoina, fenobarbital, primidone, ritonavir, topiramato e soprattutto, le rifamicine, cioè rifabutina e rifampicina. Possibili anche interazioni con i farmaci  antiretrovirali per la cura dell'HIV.

 

Nei casi dubbi o nell'impossibilità di contattare un medico il nostro consiglio è quello di associare alla pillola un altra metodica anticoncezionale es. profilattico oppure in caso in cui il rapporto ci sia già stato, di ricorrere alla pillola del giorno dopo.

 

 

Ecco un utile Link al sito del Ministero della Salute dove potrete trovare tutte  Le informazioni su ogni tipo di farmaco comprese le interazioni con altri farmaci:    Ministero della Salute Informazioni sui Farmaci  oppure cliccare su questo link : http://www.ginecolink.net/Interazioni_contracc.htm

 

 

Esiste anche il  Numero Verde del Ministero della Salute per un informazioni corrette sull'uso dei farmaci: (800.571661-tasto 1), un servizio gratuito, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.00.

N. Verde 800 571661

Infine Raccomandiamo sempre il ricorso ad un medico di fiducia.

 

 

 


 

Assunzione in ritardo della Pillola

 

 

                                    

Immagine di repertorio

 

 

Salve, Ho dimenticato di prendere un confetto  della pillola anticoncezionale, appena me ne sono ricordata ho ingerito il confetto con 18 ore di ritardo.

Sono a rischio di gravidanza?

Come devo comportarmi con le prossime pillole?
 

 

 

 

 

 

 

Risposta

 

 


Giungono tante tantissime domande su questo argomento: "pillola assunta in ritardo"  cercheremo di dare una risposta chiara che valga per tutte.
 

Inanzitutto: non è obbligatorio prendere la pillola sempre allo stesso orario, importante è prenderla più o meno nella stessa fascia di orario,  esempio: la sera.

 

C'e una tolleranza di dodici ore per assumere la pillola, si avete capito bene ben dodici ore !


 

Quando assumere la pillola dimenticata?

Al più presto, appena ci si accorge di averla dimenticata.

 

E le altre pillole?

Verranno assunte regolarmente quando è il loro turno.

 

E se la pillola dimenticata non viene proprio assunta, magari perché sono passati alcuni giorni?

 

In questo caso si può anche non assumerla e buttarla via, però nei  7 giorni successivi, potresti non essere protetta è consigliabile utilizzare precauzioni aggiuntive. (es. profilattico, pillola del giorno dopo )

 

Si possono assumere assieme due pillole quella in ritardo e quella legittima?

Si,  infatti succede spesso di accorgersi il giorno dopo di aver dimenticato la pillola, in questo caso si assumono due pillole contemporaneamente.

 

Qual'è il periodo più critico in cui si rischia maggiormente in caso di dimenticanza?

È importante ricordare che il momento critico per la riduzione della protezione si verifica quando viene saltata un’assunzione all’inizio o alla fine di un ciclo (poiché si allunga in questo modo l’intervallo di sospensione).

 

E se le pillole dimenticate sono più di una ?

 

Se le pillole dimenticate sono da 2 fino a tre quattro è consigliabile utilizzare sempre precauzioni aggiuntive. (es. profilattico, pillola del giorno dopo ) per i sette giorni successivi,   si può continuare ad assumere regolarmente la pillola, le pillole dimenticate possono essere buttate via.

 

Se però questi sette giorni si prolungano oltre la fine della confezione, iniziare la nuova scatola subito dopo la precedente, cioè saltare il normale intervallo di sospensione. Questo significa che potresti non avere il flusso mestruale fino alla fine della prossima scatola, ma questo non ha nessun effetto negativo sul tuo corpo

 

Quando le pillole dimenticate sono più  tre o quattro ?

Quando le pillole dimenticate sono piu' di  tre o quattro, utilizzare sempre precauzioni aggiuntive. Di solito al quarto quinto giorno di dimenticanza, compare la mestruazione, in questo caso conviene iniziare una nuova confezione di pillole anticoncezionali.  Se la mestruazione non dovesse comparire, esiste rischio effettivo di gravidanza, conviene rivolgersi ad uno specialista.


 

 

 

 

 

 


  Come comportarsi in caso di vomito durante l'assunzione della pillola anticoncezionale?  
     
 

Episodi di vomito nelle tre ore successive all’assunzione della pillola possono interferire con l’assorbimento. Misure profilattiche aggiuntive,  dovrebbero essere utilizzate per la durata dei disturbi e nei sette giorni successivi alla guarigione. Se il vomito  si verifica durante l’assunzione delle ultime sette pillole, l’intervallo di sospensione dovrebbe essere saltato (in caso di impiego di pillola di 28 giorni bisognerebbe eliminare le pillole inattive, in pratica non ci deve essere sospensione di assunzione di principio attivo).

Si raccomanda sempre il ricorso al proprio medico di fiducia

 
 

 


 

Pillola, Bulimia e vomito

 

 

Salve!!L'aberrazione dell'anoressica:questa ragazza guardandosi allo specchio si vede grassa.
Ho una domanda che da mesi mi tormenta..Ed ho bisogno una risposta.. Se no impazzisco!! sono una ragazza bulemica da...da parecchio tempo!! Da qualche mese prendo la pillola..Ma nonostante cio', non riesco a smettere totalmente di procurarmi il vomito!! Visto la mia grande preoccupazione, non ho ancora avuto rapporti..Ma non posso continuare così per il resto dei miei giorni.
  Ho letto e riletto "le istruzioni" inerenti la pillola..Le quali dicono che se si vomita entro 3-4 ora la pillola molto probabilmente non é stata assorbita, quindi non si é protetti o non si é sicuri di esserlo!!
vomito solo dopo 22 ore dall'assunzione (cioè solo dopo cena) ma il punto é che lo faccio tutti i giorni!! vale comunque quello che viene detto per le 3-4 ore, quindi non devo farmi problemi; o proprio perché é una cosa che succede tutti i giorni, la pillola non ha effetto?!


Se potesse darmi una risposta più chiara possibile, finalmente sarei più tranquilla ed avere tranquillamente il mio primo rapporto!

La ringrazio anticipatamente.
 

 

 

Risposta

 

 

 Carissima Amica, non c'è bisogno di impazzire!
E' ovvio che essendo passate più di 3-4 ore dall'assunzione della pillola, non succede nulla!
In altre parole dopo 2 ore dall'assunzione i principi attivi della pillola sono già completamente passati nel sangue e non c'è più traccia della pillola nel tubo digerente.
Quindi direi ....no problem!
Per dovere di cronaca sappi che esiste anche il cerotto anticoncezionale che potrebbe ovviare all'inconveniente, quando poi avrai avuto i tuoi rapporti potrai anche eventualmente utilizzare l'anello vaginale anticoncezionale.

OK? tranquilla adesso?
 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Pillola e Diarrea

 

In caso di diarrea, come bisogna comportarsi con la pillola anticoncezionale?

 Risposta

 La diarrea non dovrebbe influire sull'assorbimento della pillola anticoncezionale,  poichè La diarrea interessa  il colon dove oramai la pillola non c'è più in quanto già completamente assorbita a livello gastrico e duodenale nel giro di due ore al massimo. Tuttavia alcune pillole, nel loro foglietto di istruzioni, accennano alla DIARREA MOLTO GRAVE che nelle tre ore successive all’assunzione della pillola potrebbe interferire con l’assorbimento. Misure profilattiche aggiuntive  dovrebbero essere utilizzate per tutta la durata dei disturbi e nei sette giorni successivi alla guarigione. Se la diarrea si verifica durante l’assunzione delle ultime sette pillole, l’intervallo di sospensione dovrebbe essere saltato (in caso di impiego di pillola di 28 giorni bisognerebbe eliminare le pillole inattive, in pratica non ci deve essere sospensione di assunzione di principio attivo)

Si raccomanda sempre il ricorso al proprio medico di fiducia

 


 

 


 

Rapporti a rischio dopo un Aborto

 

 

Gentile dottor Floriano, sono una ragazza di 24 anni e ho appena subito un raschiamento per aborto. C'è il rischio di rimanere incinta subito dopo il raschiamento? Ho avuto un rapporto non protetto due giorni dopo l'intervento. E' vero che subito dopo un raschiamento c'è il rischio di rimanere incinta facilmente?

Dopo quanto tempo appaiono le prime mestruazioni?

Dopo l'intervento non ho avuto neanche le perdite e ora sto prendendo le compresse Methergin.
Aspetto con ansia una sua risposta.
Saluti.
 

 

 

Risposta

 

 

 

 Carissima, devo dirti che il rischio di una gravidanza subito dopo l'intervento di raschiamento esiste ed è persino maggiore. 
A tale scopo, in caso di rapporto a rischio, conviene prendere subito la pillola del giorno dopo.

Però fortunatamente per Te per questa volta non dovrai assumere la pillola del giorno dopo perché il rapporto c'è stato subito dopo (due giorni) dall'intervento, in futuro però dovrai stare attenta.

Le mestruazioni compaiono circa dopo 40 giorni dall'intervento
immagine di repertorio

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Profilattico ed Eiaculazione Esterna

 

 

Buon giorno, avrei un quesito da esporle, le scrivo brevemente il fatto accaduto.
  Io e la mia rag
Profilattici coloratiazza abbiamo avuto un rapporto protetto, lei era in fine ciclo e presentava solamente qualche lieve perdita, premetto che la mia ragazza a un ciclo regolare di ventotto giorni, alla fine del rapporto io ho avuto l'eiaculazione all'esterno però per qualche motivo ci siamo ritrovati le lenzuola sporche di sperma.
  A questo punto agitatissimi abbiamo controllato subito il preservativo e si presentava totalmente integro ma comunque siamo rimasti con un sacco di dubbi.
Secondo un suo parere e nell'eventualità che ci fosse stato sperma sulle labbra esterna la vagina saremo a rischio di gravidanza? Le chiedo inoltre, qualora avessimo avuto rapporto protetto da preservativo e io avessi l'eiaculato dentro e ci fosse per qualsiasi caso una fuori uscita di sperma alla base del pene, considerati i tempi del ciclo saremmo a rischio gravidanza?
 Attendo con ansia una sua cortese risposta e la saluto distintamente.

 

 

 

 

 

Risposta

 

 

 Caro amico sento il bisogno di tranquillizzarti poiché la tua ragazza, avendo un ciclo regolare è molto difficile che possa essere rimasta incinta essendo da poco finito il ciclo.

Ovviamente ti invito ad una maggiore attenzione in futuro poiché se per caso, dovesse cadere del liquido seminale sui genitali esterni della tua ragazza, nei giorni fecondi, le possibilità di una gravidanza sono concrete.
Come pure Io raccomando sempre, nel caso si utilizzi un profilattico, di terminare il rapporto appena avviene l'eiaculazione e di retrarre il pene tenendo fermo sulla base del pene, il profilattico, al fine di evitare una possibile perdita di sperma.

Infine Nel caso in cui ci sia un rischio di gravidanza non voluta è sempre possibile assumere la pillola del giorno dopo.
 

 

 

 

 

 

 


La dieta  influisce sulla regolarità delle mestruazioni?

 

La mia domanda è la seguente:

Qual'è il legame tra dieta e mancanza di mestruo a patto di non aver avuto rapporti sessuali con ragazzi?          

Ho spesso sentito parlare di amenorrea dovuta a stress di che cosa si tratta?

La ringrazio anticipatamente per la sua attenzione

 

 
     

      

Risposta

 Ovviamente Lo stress influisce su tutto quindi anche sulla regolarità delle mestruazioni.

Spesso però si tende a dare colpa allo stress laddove possono esserci altre cause per esempio ormonali o da anoressia

Se può essere utile questo è il mio protocollo che adotto di fronte ad un'amenorrea secondaria, non gravidica, di natura non determinata:

Non sottovalutare mai il problema

Attenta anamnesi

Accurata Visita Medica Generale e Ginecologica

Peso ed altezza della paziente (importante!)

ECOGRAFIA PELVICA VAGINALE questo esame preferisco eseguirlo personalmente, perché, mediante l'ecografia eseguita personalmente, riesco ad assumere molte più informazioni di quelle contenute in un referto ecografico standard.

Serie e di esami ormonali standard  base che sono:

TSH FT3, FT4,  TESTOSTERONE, CORTISOLO (da eseguire una sola volta in qualsiasi momento del ciclo)

LH, FSH, PROLATTINA, 17BESTRADIOLO, PROGESTERONE, Da eseguirsi ripetutamente al 7, 14, 21 giorno del ciclo, (ciclo di 28 giorni).

Rivalutazione finale del caso eventuali altri esami a complemento quindi:DIAGNOSI e conseguente TERAPIA

Attenzione: se non si fa la prima la DIAGNOSI è sempre sbagliato proporre qualsiasi TERAPIA!

 

Per ciò che concerne il meccanismo dell'amenorrea da anoressia, si tratta di un meccanismo di difesa, l'organismo risparmia le mestruazioni per non indebolirsi ulteriormente.Ragazza anoressica

 

Ricordo che di fronte ad un'amenorrea da anoressia Io non curo mai l'amenorrea (non servirebbe a nulla! ed indebolirebbe maggiormente l'organismo) Io affronto piuttosto l'anoressia, una volta risolta l'anoressia si risolve definitivamente anche l'amenorrea! e si riesce anche ad avere figli! questo lo sanno benissimo le mie tante pazienti ex-anoressiche che oggi sono mamme grazie a questo mio modo di procedere.

                                                                                              

 


 

Coito interrotto associato a calcolo dei giorni fertili come metodica contraccettiva

 

 

 So perfettamente che il coito interrotto non è una pratica sicura perché c'è rischio di gocce di sperma nel liquido uretrale.

Ma vorrei sottoporle lo stesso questa metodica:

Non si tratta solo di controllarsi e di uscire prima di eiaculare (come avviene di solito nel coito interrotto), ma di uscire abbastanza prima, per terminare il rapporto orale o con la masturbazione.

A ciò si associa il calcolo dei giorni a rischio con astinenza nel periodo fertile (in una donna con ciclo regolare, ovviamente).

Può essere efficace? che ne pensa?

 

 

 

 

 

Risposta

 

 

Risponde il dott. Petrone coordinatore dello staff di fertility.it

Io non siamo d'accordo.

Per 15 anni, mi sono occupato di IVG, fino alla fine del 2003, poi ho smesso, in questi anni ho raccolto una casistica di fallimenti di qualsiasi tipo di contraccezione o tentativo di contraccezione che potrei scrivere un libro!

Se ho capito bene tu pensi che se L'uomo si retrae molto prima dell'eiaculazione, non fuoriesca liquido uretrale potenzialmente fecondante in quanto ricco di spermatozoi?

Sbagliato!

 

Peccato che la tua idea non è nuova, qualcuno ci ha già pensato a metterlo in pratica  ma.....non ha funzionato (mi spiace!).

 

Per quanto riguarda il calcolo dei giorni fertili, l'ovulazione, anche se il ciclo è perfettamente regolare, non avviene mai lo stesso giorno, Il metodo di Ogino-Knaus che si basa su questo calcolo è stato definitivamente messo al bando, dopo aver provocato tanti fallimenti ed aimè tante IVG (aborti volontari) che potevano essere evitati.

 Accetta il mio consiglio: Vuoi ricorrere ai metodi naturali?

Benissimo, adopera quello che vuoi tra il metodo della temperatura basale oppure il  metodo degli stiks,  entrambi i metodi possono essere associati insieme, ma ricorda che necessitano di un periodo di apprendimento più o meno lungo, la loro efficacia, ai fini contraccettivi è del 85% circa.

Se il tuo partner è d'accordo ed è in grado di controllarsi, nulla vieta che Tu possa anche associare il coito interrotto.

 

 

OK? spero anche per questa volta di essere stato chiaro ed utile

 

 

 

 

 

 


  A proposito di Interruzione di Gravidanza IVG e Pillola RU 486  
 

 

Una mia carissima amica era in lista per effettuare l'interruzione di gravidanza con la pillola RU 486 ed invece, per vari problemi, ha dovuto  ricorrere all'intervento tradizionale.

 

Io mi chiedo per quale motivo mentre in tutti i paesi civili del mondo la pillola abortiva viene oramai usata da anni con successo in Italia le donne debbano essere escluse, da questo tipo di procedura. Io vorrei sapere dove è scritto che chi ha diritto ad abortire ai sensi di una legge dello stato italiano debba essere condannata a tali sofferenze ed essere privata dei risultati dei progressi della medicina.

 

Io non so se lei mi risponderà, perché sappiamo bene che Lei ha aiutato tante donne ad esercitare i loro diritti, tuttavia la ringrazio per qualsiasi risposta mi vorrà dare.

 
     
  Risposta  
  Carissima Utente, Mi sembra giusto però che la gente sia informata di alcune verità, poco conosciute, sulla pillola RU 486.

l'RU 486 fu utilizzato in Francia, per la prima volta,  nel 1988 e poi successivamente si diffuse rapidamente in tutta Europa,  recentemente nel 2000 il suo utilizzo è stato autorizzato anche negli USA, fino ad oggi più di 500.000 donne hanno abortito con l'RU 486.

Quello che è sbagliato pensare sulla pillola RU 486 è che essa possa dissolvere nel nulla la gravidanza in modo semplice come si trattasse di una bacchetta magica.

L'Italia è un paese costituzionalmente poco recettivo ai processi di apertura nei confronti dell'aborto volontario.  Per anni si è parlato di Introdurre l'RU 486 anche nel nostro paese, senza successo. Le campagne di informazione a favore dell'RU 486, in Italia si sono basate sul concetto, al quale accenna anche Lei, che ricorrendo all'aborto farmacologico con RU 486 si possa soffrire di meno e magari fare più fretta.

Le cose stanno così: L'RU 486 mifepristone è un'antagonista del progesterone, il progesterone è un ormone essenziale in gravidanza, L'RU 486 occupa i recettori del progesterone,  la gravidanza, senza l'azione del progesterone  si interrompe, nel senso che si ha  il distacco della camera gestazionale ed il cuore dell'embrione cessa la sua attività. L'espulsione avviene grazie ad un altro farmaco, a base di prostaglandine, che provoca la dilatazione del collo uterino e contrazioni che provocano l'aborto, con contrazioni, dolore,  associati ad una perdita di sangue, inoltre ci può essere nausea ed emicrania.

in una piccola percentuale di casi l'espulsione non è completa ed occorre l'intervento chirurgico tradizionale. Ma questo è normale, succede in tutti i paesi, la paziente viene anche informata di questa possibilità.

IL dolore, la perdita di sangue, sono simili, a quelli che si hanno dopo l'intervento chirurgico tradizionale.

Allora.... qual'è il reale vantaggio dell'RU 486?

Il vantaggio è questo: Nella maggior parte dei casi, con l'RU 486,  si evita,  un intervento chirurgico di istero-suzione ed eventuale raschiamento o curettage, con tutte le complicanze annesse e connesse ed anche l'anestesia che può essere generale o locale.

Quindi "Si tratta di una procedura medica piuttosto che chirurgica"

Evitare l'intervento e l'anestesia : Questo è il progresso, questo è il vantaggio della pillola RU 486.

Vantaggio per la donna, vantaggio per la Sanità. Evitando l'intervento chirurgico le sale operatorie, il personale, gli anestesisti,  possono essere impiegati per altre funzioni.

il Mifepristone  causa "un aborto medico", un aborto "meno invasivo" di quello tradizionale chirurgico che necessita di strumenti  chirurgici per rimuovere l'embrione dall'utero.

L' RU 486 contribuisce a realizzare un IVG in epoca più precoce; infatti si effettua al massimo fino alla 7 settimana di amenorrea.

Tuttavia, questo non significa che la  procedura sia  più semplice.

L'RU 486 pone un problema tipicamente Italiano, all'estero, come ho avuto modo di osservare, la RU 486 viene somministrata in ambulatorio alla paziente che deve assumerla davanti al medico, poi la paziente viene inviata a casa e ritorna dopo due giorni, per il primo controllo ecografico, constatata l'interruzione del battito embrionale,  riceve la seconda pillola, quella che genera le contrazioni, quindi la paziente viene inviata a casa propria, dove avviene materialmente l'aborto, ritorna poi per un altra ecografia,  viene convocata infine dopo due settimane  per valutare se l'utero si è svuotato completamente.

In Italia, noi non siamo ancora tutti pronti ad accettare che un aborto, sia pure  medico,  si esplichi tra le mura domestiche, con dolore, contrazioni e perdita di sangue, ecc ecc. Attualmente si ricorre ad un ricovero di circa almeno tre giorni, il tempo necessario per l'esplicazione dell'aborto, questo ovviamente comporta un problema logistico  aggiuntivo, e se vogliamo un inconveniente per le donne che devono "mascherare" l'aborto e/o che vorrebbero risolvere in fretta.

Aborto di 6 settimane ottenuto mediante RU486

Ciò non ostante in tutto il mondo e si prevede anche in Italia, molte donne preferiscono l'aborto medico a quello chirurgico perché lo ritengono meno invasivo, meno pericoloso e sono contente di evitare anche l'anestesia.

Questa è la verità sull'RU 486 scritta da chi , credetemi....ha avuto una lunga esperienza di Interruzioni di gravidanza e  conosce bene tutte le problematiche connesse, come ad esempio l'inferno che si passa per combattere gli obbiettori fanatici che nelle corsie degli ospedali boicottano ogni volta in tutti i modi possibili l'applicazione della legge 194!

"Non mi piacciono gli operatori sanitari obbiettori che di fronte ad una donna disperata, che chiede anche una semplice informazione su come o dove effettuare sull'interruzione di gravidanza, gli negano con disprezzo ogni risposta. Oppure quelli che offendono, trattano male e addirittura spaventano chi si trova con l'acqua alla gola e la necessità di  avvalersi della legge 194"

 

 

 

 


Rapporti anali e profilattico,  rischio di gravidanza

 

   Sono una ragazza 18enne ed ho un grosso problema che non mi da pace. Ho scritto via internet a molti medici ma non ho mai ricevuto risposta. Ho appena visitato il suo sito e mi pare ottimo.
Perciò le scrivo.
Ho avuto le ultime mestruazioni il 6;  Il 18 ho avuto un rapporto sessuale col mio ragazzo.

 Abbiamo usato il preservativo per il rapporto normale, ma per quello anale, no, perché pensavamo entrambi che non ci fosse pericolo di gravidanza. Ma solo dopo, consultando Internet, ho scoperto che è possibile, rimanere incinta, anche col rapporto anale, perché alcune gocce di sperma possono, uscendo dall'ano, scivolare fino alla vagina e gli spermatozoi possono risalire il percorso. Insomma, ora le mestruazioni sono in ritardo e non so cosa fare.

 

Risposta

 

 Gentile Signorina, a quanto pare Lei la risposta se le già data da sola. Vorrei porre l'attenzione sull'importanza del profilattico nei rapporti anali.

Il profilattico può essere adoperato per i rapporti anali, in questo caso oltre la funzione contraccettiva c'è anche un motivo igienico, e di prevenzione di infezioni e malattie sessualmente trasmesse,  il suo utilizzo, nei rapporti anali è persino raccomandato dall' OMS. 

 

P.S. In caso di ritardo faccia un test di gravidanza.

 

Si ricorda che in caso di rapporti anali sarebbe opportuno effettuare anche la visita rettale. In questo modo sarà possibile diagnosticare, prevenire e curare molte patologie associate ad i rapporti anali.

  

 

 

 

 

 



Pillola del giorno dopo

 

  Ciao a chi mi sta ascoltando!! ho 18 anni ed ho bisogno di aiuto perché ieri ho avuto  il mio primo rapporto sessuale con un ragazzo ma senza usare il preservativo e neanche altri metodi di contraccezione, lui non ha raggiunto l'orgasmo, però Io non mi sento tranquilla, ho sentito parlare della pillola del giorno dopo, nel mio caso potrebbe essere utile?

 

 

Risposta

 

  Non ti senti tranquilla?  Questo significa che sei una ragazza cosciente e responsabile. Le possibilità di rimanere incinta, anche se il tuo ragazzo non ti è venuto dentro, anche se basse, esistono lo stesso, questo perché durante il rapporto, a causa dell'eccitazione, fuoriescono dal pene alcune gocce  di liquido, ricche di spermatozoi.

Però Tu non devi preoccuparti, esiste il rimedio ed è la pillola del giorno dopo.

 

La pillola del giorno dopo, può prevenire una gravidanza non voluta e di conseguenza previene anche L' IVG (aborto volontario).

 

Il suo utilizzo è viene raccomandato anche dal  ministero della sanità e dall'OMS.

La pillola del giorno dopo, che in realtà sono due pillole, nome commerciale NORLEVO  per essere efficace, deve essere assunta al più presto dopo un rapporto a rischio, si calcola che il massimo dell'efficacia 95% si abbia entro le 12 ore mentre oltre le 72 ore è inutile prenderla.

La pillola del giorno dopo si trova in farmacia, è necessaria anche la ricetta medica.

Per la ricetta ci si può rivolgere dal proprio gine di fiducia, in caso di difficoltà ci si può recare al più vicino Pronto Soccorso, la prestazione è esente dal tiket. E' preferibile anche se purtroppo non sempre è possibile, che il ginecologo che effettua la prescrizione della pillola del giorno dopo effettui anche una visita ginecologica e/o un ecografia endovaginale, al fine di evitare controindicazioni, imprevisti  o gravidanze già in atto.

Se si ricorre alla pillola del giorno dopo, in caso di ritardo mestruale è necessario fare un test di gravidanza.

La pillola del giorno dopo è una contraccezione di emergenza, pertanto una volta superata questa situazione d'urgenza occorre rivolgersi ad uno specialista ginecologo per la prescrizione di un contraccettivo regolare.

 

 

 


 

 

Tenuta del Profilattico e posizioni amorose
  Cara Dottoressa , sono una ragazza di 23 anni, Ieri dopo aver fatto l'amore con il mio ragazzo,  lui era seduto su di una sedia ed Io a cavalcioni, sopra di lui, ci siamo accorti che un pò di liquido seminale è fuoriuscito dal preservativo. Quante sono le possibilità che lo sperma fuoriuscito dal preservativo sia risalito attraverso la mia vagina, magari con un movimento vaginale da me procurato? In questo caso potrei  essere incinta? in questi casi è utile la pillola del giorno dopo?  

Risposta

 

Carissima, ovviamente sia la posizione che il tuo "movimento vaginale" hanno influito sulla tenuta del profilattico, che pur non rompendosi,  purtoppo ha perso aderenza proprio sul suo bordo esterno.

Tuttavia a ben considerare la tua situazione in generale, non dovrebbero esserci rischi particolari di gravidanza, quindi direi che puoi stare tranquilla. La pillola del giorno dopo è sempre utile prenderla, purchè entro e non oltre le 48 ore dal rapporto. Ovviamente in caso di ritardo, conviene sempre fare un test di gravidanza.

 

 


 

 

  Il Profilattico rimasto in vagina  
 

Gentile dottoressa volevo chiederle una cosa, facendo sesso con la mia ragazza mi si è liberato il preservativo, purtroppo senza rendermene conto. Come se non bastasse, il preservativo è rimasto incastrato dentro di lei, abbiamo tentato di estrarlo, ma invano e ora abbiamo molta paura. Mancano solo 2 o 3 giorni prima delle mestruazioni c'è la possibilità che esca con il mestruo?. SOS... Vi prego di rispondere al più presto possibile, la ringrazio molto.

 
     
  Risposta  
 

  Caro Amico, l'evenienza del profilattico che rimane in vagina è più frequente di quanto si possa pensare. Non c'è da preoccuparsi ma bensì da recarsi da un ginecologo di fiducia oppure in un pronto soccorso. Infatti è necessario per motivi di igiene estrarre il profilattico o  i frammenti di esso dalla vagina della tua ragazza, altrimenti si rischia con il passare dei giorni un infezione. Le mestruazioni potrebbero non essere sufficienti a farlo uscire. Immagino che se non siete riusciti ad estrarlo da soli perchè la tua ragazza è un pò... nervosa e magari ha anche vergogna della situazione? beh sono cose che succedono!. Tranquillizza pure la tua ragazza, portala da un bravo specialista che abbia comprensione e pazienza, basta estrarre delicatamente con una piccola pinzetta il profilattico dalla vagina, dare un occhiata che tutto sia a posto ed... è tutto è finito. Rischi di gravidanza non dovrebbero esserci perchè sta per arrivare il ciclo.

 
     

 


 

 

  Diane ed effetto anticoncezionale  
     
  Sono una ragazza di 19 anni.
Il dermatologo, dopo appositi esami e l'individuazione di un ovaio micropolicestico, mi ha prescritto la pillola combinata Diane per curare acne e peluria.
 
  • Vorrei sapere se questo farmaco è sicuro ed efficace per risolvere i problemi della pelle?
  • Se è vero che il Diane va utilizzato per moti anni?
  • Che problemi può dare questo tipo di pillola?
  • Cosa succederà quando smetterò di assumere il Diane
  • Posso stare stare tranquilla dal punto di vista anticoncezionale. (Sul foglio illustrativo è ripetuto più
    volte che questa pillola non è da prescrivere per fini contraccettivi.)
  • Una mia amica con lo stesso problema sta utilizzando un nuovo farmaco Visofid, Lei cosa ne pensa?

Aspetto una sua risposta.
Grazie mille in anticipo.
Cordiali saluti.

 

 
  Risposta  
 

 Cara Signorina, alcuni problemi dermatologici della donna come acne, seborrea ed irsutismo, sono riconducibili ad una aumentata produzione di androgeni o ad una particolare sensibilità a questi ormoni.

Il trattamento ormonale di scelta, nelle adolescenti e nelle giovani donne in età fertile, (come nel suo caso) è l'associazione di etinilestradiolo (l'estrogeno che è contenuto nella maggior parte delle pillole anticocezionali) con un antiandrogeno progestinico, il ciproterone acetato che riduce la funzionalità delle ghiandole sebacee e risolve gli incrementi della peluria del volto.

La Pillola Diane  

 

La pillola Diane va assunta per alcuni anni, se si vuole che il suo effetto, sui sintomi sia efficace.

Esperienze cliniche e dati di letteratura hanno dimostrato che anche trattamenti lunghi molti anni (10- 15 - 20) non hanno prodotto alterazioni di rilevo tranne quelle tipiche delle comuni pillole anticoncezionali.

 

Quello che succede quando si smette di assumere questo tipo di pillola?

Ovviamente, sia pure gradualmente, tutto ritorna come prima! questo ci fa capire meglio perchè questo tipo di pillola va assunto per anni.

 

In alcuni casi però si osserva che dopo aver smesso il diane, i sintomi: irsutismo ed acne ecc sembrano essere migliorati rispetto al passato, solo perchè l'ovaio maturando con gli anni tende a produrre sempre meno androgeni.

 

 

 

Benchè sul foglio illustrativo è scritto chiaramente che, il Diane, non può essere utilizzato come anticoncezionale, l'effetto anticocezionale esiste, anzi il Diane ha un ottimo potere anticoncezionale.

Questa precisazione serve perchè Diane va somminsitrata solo in caso di iperandrogenismo, per curare acne, pelle grassa ed irsutismo. sarebbe un errore somministrare ad una ragazza che non soffre di iperandrogenismo, il Diane  come anticoncezionale, poichè contiene quantità di progestinico (ciproterne acetato) maggiori rispetto alle altre pillole anticoncezionali.

 

Recentemente è uscita in commercio, maggio 2005, sostenuta anche da un certo lancio pubblicitario che faceva pensare che si trattasse di una novità per la cura dell'acne e dell'irsutismo, una nuova pillola con le stesse indicazioni del Diane, si chiama Visofid, in realtà si tratta della stessa cosa, i due farmaci, Diane e Visofid,  infatti hanno la  la stessa ed identica composizione (2mg ciproterone acetato + 0,035 mg Etilinestradiolo).

 

Quindi: nulla di nuovo sotto il sole... il Diane esisteva già da più di 30 anni!

 

PS: Il Visofid  6,95 Euro, costa 50 centesimi in meno rispetto al Diane 7,45 Euro. Occorre ricetta medica non ripetibile, Entrambi sono in classe "A"

 

 

 

 

 


 

  Gravidanza non ostante le mestruazioni?  
 

Dottoressa la prego mi aiuti, perchè Io sto vivendo una situazione angosciante.

Tre mesi fa ho dimenticato per due volte di seguito assumere la pillola anticoncezionale  poi le mestruazioni sono venute regolarmente.

Poichè ho letto da qualche parte che si può essere incinta e le mestruazioni possono esserci lo stesso, Sono oramai tre mesi che non vivo più tranquilla angosciata dal pensiero di essere incinta.

Gentile Dottor Petrone Lei potrebbe dirmi che probabilità ci sono di essere incinta e se fosse così Io dovrei abortire, visto che prendo la pillola? La ringrazio infinitamente.

 
     
   Risposta  
 

Gentile Signorina, fin quando arrivano le mestruazioni non ci può essere alcuna gravidanza.

Ciò che Lei ha letto sui libri è fenomeno diverso che è la cosiddetta "marcatura" che tra l'altro è molto rara, è possibile che in gravidanza, però solo lei primi due max tre mesi, ci sia un accenno di mestruazione, in corrispondenza dei periodi in cui, se non ci fosse stata la gravidanza, ci sarebbero effettivamente state le mestruazioni, tale fenomeno si chiama  "marcatura" e talvolta viene confuso anche con la minaccia d'aborto, IN QUESTO CASO PERO' LE MESTRUAZIONI SONO STRANE ED IRREGOLARI.

Ma se le mestruazioni arrivano regolarmente, come già detto: non ci può essere gravidanza.

Se ciò non basta a vincere l'angoscia che Lei stà vivendo oramai da tre mesi il mio consiglio, è quello di andare in farmacia, acquistare un qualsiasi test di gravidanza ed in dieci minuti Lei saprà se è effettivamente incinta o no.

Aggiungo per completezza che in caso di gravidanza, basta interrompere l'assunzione della pillola  e di perchè  il bambino non corre alcun rischio dall'assunzione della pillola anticoncezionale.

 

 
     

 

 


 

  Petting e rischio di gravidanza  
 

Salve sono una ragazza di 21 anni, con il mio ragazzo abbiamo deciso, per il momento di rimanere vergini, infatti non abbiamo  rapporti completi, l'altra sera però con il mio ragazzo, noi pratichiamo il Petting, facendo la doccia insieme, è capitato che abbia strusciato, per un pò di tempo, appoggiandolo il suo membro nei pressi delle mia parti intime e per qualche secondo e forse per solo qualche mm, entrando, con il suo membro all'interno della mia vagina.
E' possibile rimanere incinta anche solo con il semplice contatto di pochi secondi?
Aggiungo che il mio ragazzo non ha eiaculato nei pressi delle mie parti intime.

Ho letto che sul pene eccitato è presente del liquido seminale ed è anche questo che desta anche la mia preoccupazione.
SOS dottore la prego mi risponda al più presto!

 

 
     
  Risposta

Cos'è il PETTING?   Il Petting  consiste nel contatto superficiale del  pene che scivola, avanti ed indietro,  fra le piccole labbra vaginali, pattinando sul muco lubrificante vaginale prodotto dall'eccitazione femminile, senza mai penetrazione.

Il Petting è la pratica sessuale più diffusa tra le coppie vergini.

ATTENZIONE!!!   il Petting non mette al sicuro da gravidanze indesiderate e neppure dalla trasmissione di malattie sessualmente trasmesse

  •  L'Eiaculazione di sperma esterna, sulla mucosa vulvare, può fecondare in quanto gli spermatozoi vengono veicolati nel muco vaginale  nella vagina e quindi nell'utero.

  •  

  • Anche se non avviene l'eiaculazione, ci sono ugualmente molti spermatozoi nel liquido uretrale, che si produce nell'eccitazione maschile, questi spermatozoi possono ascendere in vagina navigando nelle secrezioni vaginali.

  •  

  • Le dita che vengono a contatto con lo sperma, devono essere accuratamente lavate, prima di venire a contatto con la mucosa vulvare per le manovre di masturbazione. Diversamente si rischia ugualmente una gravidanza.

  •  

  • Il rischio gravidanza esiste ugualmente anche se il "contatto" avviene per pochi secondi.

In molte lettere mi è stato chiesto, qual'è la percentuale di gravidanza , in queste situazioni di contatti esterni.

 

La possibilità di una gravidanza,  mediante la pratica del petting,  esistono, ma sono molto rare.

In pratica bisogna essere particolarmente sfortunate per rimanere incinte .

 

Il rischio gravidanza dipende innanzitutto dal momento del ciclo in cui si trova la ragazza, se la ragazza non è nel periodo ovulatorio, ovviamente le possibilità di gravidanza non sussistono.

 

Se invece la ragazza si trova nel periodo fertile, e si è avuta una eiaculazione diretta sulla mucosa vulvare,  le possibilità di una gravidanza sono al massimo. Mentre possibile, ma molto difficile, una gravidanza in caso di petting senza eiaculazione. Infine le dita sporche di sperma, possono fecondare allo stesso modo del pene sporco di sperma

 

In ogni caso se si ritiene di aver avuto un contatto "a rischio" conviene sempre ricorrere alla  pillola del giorno dopo  ed al test di gravidanza in caso di ritardo mestruale.

 

Attenzione!!! la pillola del giorno dopo è un farmaco, che può avere controindicazioni ed effetti collaterali, il medico che la prescrive, potrebbe ritenere necessaria una visita ginecologica, e/o un ecografia.

 
     
     

 


 

Calcolo dei giorni fertili con il metodo Ogino Knaus
  Sono 1 donna di 28 anni ho 1 ciclo molto regolare ogni 27 giorni é iniziato il 31 luglio ho avuto 1 rapporto non protetto oggi. (15 agosto) sulla base del mio calcolo sull'ovulazione non dovrei aver corso rischi, ma ho 1 po' di paura grazie x il suo tempo, scrivo dalla Sicilia.  
Risposta
 

 

Gentile Signora, purtroppo non ho buone notizie per Lei.  

  

Il suo calcolo sull'ovulazione risulta sbagliato, infatti Lei ha avuto un rapporto al 16 giorno, pertanto è da ritenersi un rapporto a rischio.    Calcolo dei gioni fertili sec. Ogino Knaus

Inoltre

Il metodo del calcolo dei giorni fertili, detto anche metodo di Ogino Knaus,  è  fallito.
 

E' fallito perchè con il metodo Ogino Knaus, si sono avute molte gravidanze indesiderate.

 

Il metodo Ogino Knaus, è fallito anche perchè costringeva le coppie ad una meccanica rigorosa programmazione dei rapporti che prevedeva anche lunghi periodi di astinenza.

 

Il metodo di Ogino Knaus è stato infine ampiamente superato dai metodi naturali di rilevazione della temperatura basale, degli Stiks  ovulatori, ed infine dai sistemi di calcolo computerizzati della fertilità  (babycomp)


Pertanto


Le conviene prendere subito la pillola del giorno dopo ed in caso di ritardo mestruale effettuare un test di gravidanza.

 

 

 

 


 

 

 

  La pillola anticoncezionale va sospesa ogni tanto?  
  Avrei una domanda da fare : La pillola anticoncezionale va sospesa ogni tanto?  
  Risposta:  
 

 E' del tutto sbagliato pensare che ci possano essere dei vantaggi a sospendere periodicamente la pillola anticoncezionale.

Il metabolismo della pillola anticoncezionale è molto rapido, già dopo 48 ore dall'assunzione non c'è più traccia nel sangue degli ormoni contenuti nella pillola. Pertanto i sette giorni di sospensione, sono più che sufficienti all'organismo per depurarsi.

Esistono invece molti svantaggi che possono essere provocati dalla sospensione periodica della pillola.

L'ovaio viene messo a riposo durante l'assunzione della pillola, la brusca sospensione della stessa, provoca un immediato stimolo all'ovaio che deve riprendere rapidamente la sua funzione ovulatoria.  Smettere e ricominciare periodicamente la pillola, si traduce in un continuo stress per le ovaie.

Inoltre è dimostrato che subito dopo la sospensione della pillola si ha un incremento notevole della fertilità che si traduce spesso in un aumento di gravidanze non volute.

In pratica la sospensione periodica della pillola anticoncezionale è una delle cause più frequenti di ricorso all'IVG  Interruzione Volontaria di Gravidanza.

 
     
     

 


 

  Rapporti dopo un IVG Interruzione Volontaria di Gravidanza  
  Oggi ho fatto un interruzione volontaria di gravidanza, quando potrei riprendere ad avere rapporti?  
     
  Risposta: Premessa riceviamo frequentemente questa domanda, fino alla noia, ci viene da pensare che l'unico pensiero di alcune donne e per fortuna non tutte, che affrontano una interruzione volontaria di gravidanza sia solo quello di quando poter riprendere l'attività sessuale, senza magari pensare, anche solo per un attimo, che la soddisfazione del proprio desiderio sessuale è costata il sacrificio di un bambino innocente che non nascerà mai. Ci risulta anche che all'atto della dimissione talvolta vengono fornite insufficienti informazioni a riguardo. Comunque... fatta questa premessa... la risposta è questa: Considerato che il ricorso ad un IVG dovrebbe essere un "incidente di percorso"  unico nella vita di una donna e che pertanto non dovrebbe mai più ripetersi, si dovrebbe riprendere l'attività sessuale solo dopo aver iniziato una qualsiasi forma di contraccezione sicura,  in ogni caso, per ovvii motivi di igiene e prevenzione di infezioni non si possono avere rapporti fin quando non siano cessate definitivamente perdite e secrezioni post abortive, il che significa per sicurezza, almeno tre settimane, salvo diverse evenienze.  
     
     

 


 

 

 

 

Il Cerotto Anticoncezionale
Ho 26 anni ed Assumo la pillola da tre anni, siccome sono molto preoccupata della cellulite ed ho paura di ingrassare, vorrei sapere se con il  Cerotto Anticoncezionale, questi effetti sono più attenuati, volevo anche sapere se occorre la ricetta medica per procurarselo.
Risposta
 

 

  Gentile Signorina, se con la pillola il suo problema è la cellulite e la paura di ingrassare, mi spiace doverla deludere ma:

  • Il Cerotto Anticoncezionale  ha gli stessi effetti collaterali della Pillola Anticoncezionale.

  • Le Controindicazioni sono le stesse

  • La sicurezza anticoncezionale è la stessa

  • Utilizza lo stessi estrogeni della pillola anticoncezionale: Etilinestradiolo 20 mgr /24 ore

  • Il dosaggio degli estrogeni corrisponde a quello delle pillole a basso dosaggio

  • E' un Farmaco

  • Occorre  la Ricetta Medica

  • Stesse Interferenze con i Farmaci che interferiscono con la pillola

 

I Vantaggi sono:

  • Maggiore comodità

  • Minori rischi dovuti a dimenticanza

  • Non Interferisce con cibi e bevande

  • Non risente di Vomito e Diarrea

 
 Pertanto Il Cerotto Anticoncezionale è particolarmente indicato in quelle donne che spesso dimenticano la pillola, o che vanno soggette ad episodi di vomito o diarrea grave. O semplicemente per chi vuole liberarsi del  problema di ricordarsi ogni volta di assumere la pillola ovvero l'incubo di aver dimenticato la pillola.

Come si Usa: La prima volta (il primo mese)  che si utilizza il cerotto anticoncezionale, si applica, il primo cerotto (uno alla volta) a partire da primo giorno del ciclo mestruale per sette giorni esatti. Successivamente si applica, sempre un solo cerotto alla volta, esattamente per sette giorni, per tre settimane, seguite da sette giorni (una settimana) senza usare il cerotto.

Durante la settimana senza cerotto, normalmente arriveranno le mestruazioni. Durante la settimana senza cerotto, si è protette ugualmente dalle gravidanze indesiderate.

Il primo mese di utilizzo l'efficacia contraccettiva non è garantita occorre utilizzare precauzioni aggiuntive

  • Bisogna Cambiare il cerotto sempre lo stesso giorno della settimana (es. Lunedì) preferibilmente alla stessa ora.
  • Non bisogna far passare piu di 7 giorni consecutivi senza cerotto
  • Evitare di applicare il cerotto su pelle arrossata,irritata o che presenta tagli
  • Il cerotto deve aderire completamente alla pelle per poter agire in modo corretto
  • Il cerotto va applicato sempre in zone diverse, se applicato nella stessa zona può provocare irritazione.
  • Controllare una volta al di' che  il cerotto non si sia staccato
  • Non bisogna smettere di usare i cerotti, anche se si hanno rapporti di rado.
  • Se il cerotto cade, occorre sostituirlo con uno nuovo, entro e non oltre 24 ore
  • Se si dimentica di sostituire il cerotto per oltre 2 giorni (48 ore) c'è rischio di rimanere incinta
  • Doccia, Bagni e Sauna, non dovrebbero far staccare il cerotto, si consiglia comunque di controllare lo stesso

 

 

 

Se, dalla lettura di queste pagine, non avete trovato risposta ad un vostro problema, non inviateci e-mail, perchè non possiamo rispondervi, vi invitiamo a rivolgervi al vostro medico di fiducia, al Pronto Soccorso, alla Guardia Medica o ad altro medico.

 

 

Per qualsiasi problema di salute femminile potete prenotare una visita a Milano tel:

 

 

 


 

 

Indice delle risposte per argomenti:

Parte I: Pagina Principale e risposte a domande di argomento vario

Parte II: Prevenzione: dei Tumori, delle Malattie Sessualmente Trasmesse, Pap test, Mammografia, DNA Pap ecc.

Parte II: Contraccezione e rapporti a rischio, IVG, sessuologia.

lo staff di fertility.it

Napoli: Metropolitana, Stazione di piazza Dante

 

 



 

                                                                   

fertility.it   MILANO  Italy.  

 

   Per prenotazioni visite  02 49460612  petflo@iol.it 

 

 

Questa pagina fa parte del sito fertility.it  in internet dal 2002

Il materiale contenuto in queste pagine è soggetto a limitazioni di copyright tuttavia può essere copiato, riprodotto o duplicato, a patto che sia fatta la citazione della Fonte con Link al sito   http://digilander.libero.it/fertility.it

  Benché  queste pagine siano state scritte con la massima attenzione, tuttavia è possibile che vi siano errori ed omissioni di cui non ci si assume alcuna responsabilità.  Particolarmente gradite e-mail di utenti che vogliano segnalare eventuali errori od omissioni, il tutto al fine di rendere questo servizio sempre migliore.

Attenzione: La consultazione di queste pagine non sostituisce la visita medica inoltre se ne consiglia la consultazione esclusivamente ad un pubblico adulto


 >