TASPI


Vai ai contenuti

Magia

Tratto da: "La Cabala Mistica" di Dion FortuneXXII, Netzach




cccc.

E' importantissimo per noi renderci conto che questi Sephiroth inferiori del Piano dell'illusione sono densamente popolati da forme-pensiero; che ogni cosa che l'immaginazione umana stata capace di concepire, sia pure oscuratamente, ha una forma costruita attorno ad essa per idealizzarla, pi precisa diviene la forma.


Di conseguenza, generazioni successive di veggenti, quando questi cercano di discernere la natura spirituale e la pi intima essenza di ogni forma di vita, s'imbattono in queste immagini, le "creazioni del creato", e saranno ingannate da esse, prendendole per l'essenza astratta stessa, che non pu essere trovata su nessun piano che d immagini alla visione psichica, ma soltanto su quelli che sono visti dall?intuizione pura.

cccccc.



(nota)

Pertanto occorre fare attenzione quando noi "vediamo" l'invisibile, perch la visione un'immagine creata da qualche illusione ingannatoria.
Noi dobbiamo imparare a vedere attraverso la nostra psiche, attraverso la percezione, e non farci allucinare dagli occhi e dalle orecchie.

Taspi




la Magia


a cura di Roberto Rossetti
Taspi


Anticamente, la dottrina e la pratica di antichi sacerdoti (Magi) che dominavano la Natura, nei suoi 4 elementi. Con l'avvento del cristianesimo essi furono perseguitati e la loro scienza fu relegata come malefica, non soddisfatti, tentarono di distruggere ogni libro, o quanto altro, possa essere d'insegnamento. Infatti tutte le "Filosofie", le conoscenze "Esoteriche", le "Forze della Natura" ed i "Poteri Naturali" dell'uomo, sono stati relegati come manifestazione del male. Le religioni inventarono l'inferno e vi misero tutti i Dei delle altre religioni innalzando la propria divinit al di sopra di tutte le cose. Questo port l'umanit nel materialismo.
Per parlare di Magia occorre, pertanto, in primo luogo, parlare di quello che noi intendiamo con la parola "Dio" e di tutto ci che riguarda la sua manifestazione o potenza.

E' interessante leggere quanto detto da Albert Einstein:

---------------------------------------------------------------------------

" ... Qual il significato della vita umana e di quella di ogni altra creatura? Conoscere una risposta a questa domanda significa essere religiosi. Vi domandate: Vale la pena porla?. Io rispondo: Chiunque consideri la propria e altrui vita come priva di significato, , non soltanto infelice, ma appena degno di vivere.
Tutte queste religioni hanno un elemento in comune: il carattere antropomorfico (un Dio a somiglianza duomo) dellidea di Dio.
Ma vi uno studio della vita religiosa, assai raro nella sua pura espressione,ed quello della Religione Cosmica. Essa non pu essere pienamente compresa da chi non la sente, poich non vi corrisponde nessuna idea di un Dio antropomorfico. fondamentale dell'arte e della scienza a mio avviso, quello di risvegliare e mantenere vivo questo sentimento tra coloro che si dimostrano capaci di accoglierlo. Giungiamo cos ad una visione dei rapporti tra scienza e religione molto diversa da quella corrente."

--------------------------------------------------------------------

se Dio ...

Se Dio il Puro Amore e Lui in tutte le cose perch tutto parte di Dio in quanto tutto Dio, ed essendo Dio la sola verit la sola Luce il solo Amore, tutte le cose, essendo tutto parte di Lui, sono Verit Luce Amore: perch in Dio non vi pu essere male.
Ed a tale proposito che il male, sotto ogni espressione che lo si voglia intendere, possiamo ritenerlo inesistente.
Se tutto Dio in quanto parte di Esso, anche l'uomo Dio nella sua parte e pertanto anche l'uomo cosa buona, non esistendo il male. Ma l'uomo non pu?ancora intenderlo essendo in uno stato di sonno nell'attesa del suo risveglio.
Inoltre se tutto ?Dio e null'altro esiste all'infuori di Lui, tutto quello che esiste eterno in quanto Dio l'Eternit l'Infinito.
Se Dio Eterno e Infinito, nulla pu essere creato e nulla pu essere distrutto; perch se si potesse creare anche una piccolissima parte, significherebbe che questa parte prima non esisteva, ma siccome non esiste nulla al di fuori di Dio, questa piccolissima parte non pu essere creata. Come pure non si pu distruggere alcuna cosa, altrimenti distruggeremo una parte di Dio, e ci non possibile.
Da questo si desume che nessuno nasce e nessuno muore (non facciamo confusione tra il formarsi del corpo materiale che chiamiamo nascere. Per costruire il corpo noi prendiamo in prestito del materiale della Terra nei suoi quattro elementi, che in seguito rendiamo), ma tutto si evolve in eterno.
Ogni cosa, essendo parte dell'UNO, collegata, pertanto operando su se stessi, si opera su tutto l'Universo.




LE "POTENZE DIVINE"
Le forze scaturite dal "Primo Principio"



Dall'Essenza Prima trasformatasi nella dualit uguale e contraria gli Heni iformarono attraverso il "Mare denso" tutto il mondo invisibile e visibile. Ci che noi chiamiamo "materia".
Lo Spirito dell'uomo che viaggia nell'eterna evoluzione del proprio S utilizza le forme create con la materia dagli Heni. Infatti, anticamente f scritto: "Gli Heni i crearono il Cielo e la Terra e tutti gli esseri viventi, compreso l'uomo"; poi gli scritti mutarono con le varie religioni.
Tra il Divino ed il Terreno, risiedono delle "Potenze" che aiutano lo Spirito dell'Uomo a crescere sia nel Bene che nel Male.
Occorre
spiegare che il Bene significa costruzione, creazione ed il Male significa distruzione, ci che in Magia viene chiamato: "Solve et Coagula". La vita non pu esistere se dovesse mancare una delle due forze, essendo esse parte integrale dell'Unit ci che noi chiamiamo Dio.

I
Demoni sono le Potenze che utilizzando entrambe le forze possono aiutarci nella nostra esistenza terrena, ci aiutano nei bisogni quotidiani, nelle difficolt della vita. Quindi i Demoni non sono "cattivi", come spesso vengono designati da "credi" portanti verso l'oscurantismo, verso la mancanza di conoscenza divina; che spesso l'uomo, nella sua misera malvagit chiede ad essi di aiutarli a fare cose distruttive e non per quelle costruttive.

Gli
Angeli sono le Potenze che portano i messaggi dal Divino al Terreno e ci guidano verso la Luce. I Demoni sono le Potenze che tendono a materializzare lo spirito umano e ci portano verso le Tenebre. Pertanto gli Angeli e i Diavoli sono Potenze di una sola natura: o positiva o negativa.

Le
Forze che dominano i quattro elementi, e che possono essere chiamate in aiuto nel bisogno, sono i seguenti:

Spiriti del Fuoco sono le Forze che hanno il potere del Fuoco: le Salamandre
Spiriti dell'Aria sono le Forze che hanno il potere dell'Aria: le Silfidi
Spiriti dell'Acqua sono le Forse che hanno il potere dell'Acqua: le Ondine
Spiriti della Terra sono le Forze che hanno il potere della Terra: gli Gnomi

Vi
sono anche altre "Forze" nella Natura che vengono create dall'insano pensiero dell'uomo, queste forze vengono chiamate Larve. Quando una persona crea un pensiero molto negativo crea una Larva, e questa rimane "realmente" in vita assorbendo l'energia vitale degli uomini. Le religioni hanno erroneamente chiamato le Larve con il nome di dmoni, diavoli o demni, e le elencano in un luogo da loro chiamato "Inferno". (A parte che Inferno deriva da "Inferi" e che significa "inferiore", il piano terreno quello inferiore del piano divino pertanto questo il piano "Inferi" e l'uomo si trova sopra la terra e sotto il cielo).



Taspi

-----------------------------------------




Magia
(di Elifas Levi)


Magia la divinit dell'uomo conquistata dalla scienza in unione colla fede; i veri Maghi sono Uomini-Dei, in virt della loro intima unione col principio divino. Essi sono senza timore e senza desideri; non sono dominati da alcuna falsit non condividono alcun errore; amano senza illusione e soffrono senza impazienza, poich lasciano che tutto avvenga come pu e riposano nella quiete del pensiero eterno. Essi s'appoggiano alla religione, ma questa non pesa su di loro; la religione la Sfinge che obbedisce ma giammai li divora. Essi conoscono ci che la religione, e sentono che necessaria e eterna.
Per le anime degradate la religione un giogo imposto, attraverso il proprio interesse dalle vilt del timore e dalle follie della speranza. Per le anime superiori essa una forza che sorge dall'intensificata fiducia nell'amore dell'umanit.
La religione la poesia collettiva delle grandi anime. Le sue immaginazioni sono pi vere della stessa Verit pi vaste dell'Infinito; pi durevoli dell'Eternit in altre parole sono essenzialmente paradossali.
Esse sono il sogno dell'Infinito nell'Ignoto, del Possibile nell'Impossibile, del Definito nell'Indefinibile, del Progresso nell'Immutabile, dell'Essere Assoluto nel Non-esistente.
Esse sono la spiegazione razionale ultima dell'Assurdo, che afferma se stesso, per negare il dubbio; sono la scienza della follia, l'abbraccio della Demenza e della Conoscenza ...
... Dio in ogni luogo lideale di coloro che con ignoranza lo adorano; feroce tra i selvaggi, istintivo e con umane passioni presso i Greci, un despota Orientale per gli Ebrei, geloso e spietato come un prete celibe per gli Ultramontani (cattolici). Ciascuno e tutti creano un personaggio che essi dotano, in un grado infinito, delle loro stesse caratteristiche e dei loro stessi difetti.
Ogni uomo adora quel Dio che egli ha creato per se stesso a sua propria immagine, o quello riconosciuto dalle autorit le quali hanno pi o meno interesse ad imporglielo, nella sua ignoranza e debolezza. Adorare con timore e tremore quasi odiare bench il timore mascheri l'odio; adorare senza timore amare ...

La Volont

... Il Principe Sakyamuni, che stato chiamato Budda, ha detto che tutti i tormenti dellAnima Umana traggono origine dal timore o dal desiderio; ed ha concluso con due massime che possiamo cos tradurre:
-
Non desiderate nulla, neppure la Giustizia; attendi, sino a che presto o tardi il cielo la compir.
- Nirvana
non annientamento; , nell'Ordine di Natura, la grande quiete.
Volere senza timore e senza desiderio
il segreto della volont Onnipotente.
Dio
non teme nulla; sa che il male non pu trionfare e non desidera nulla; sa che la buona volont compie se stessa, ma egli vuole che la verit sia, perch vera, e che giustizia sia fatta perch giusto.

La Magia dovrebbe volere ci che il Mago vuole. Egli vuole la bellezza della natura, che gode nella sua pienezza perch mai ne abusa. Vuole che venga la primavera carica di fiori, che le rose splendano nella loro bellezza, che i fanciulli siano felici e le donne amate.
Egli vuole che gli uomini si assistano reciprocamente, che incoraggino i giovani ed aiutino i vecchi. Egli vuole che l'eterno bene trionfi sul transitorio male, e partecipa pazientemente e tranquillamente al lavoro della Societ e della Natura.
Egli vuole l'ordine, vuole la ragione, vuole la bont vuole l'amore, e per quello che vuole lavora con tutta la sua forza, perch cos guadagna l'immortalit e la felicit.
Non desiderando nulla, ricco; non temendo nulla, libero; volendo solo ci che deve volere, felice.
Ogni sofferenza porta ad una nascita; la povert genera ricchezza, la malattia salute, la cattivit liberazione, la punizione espiazione e perdono; le lagrime sono il seme della gioia. La morte nutre la vita. Per chi conosce ed ama tutto speranza e felicit ...
... Il Mago, o, se preferite, il Saggio, d il benvenuto al piacere, accetta le ricchezze, merita gli onori, ma non mai loro schiavo. Sa come essere povero o parsimonioso e come soffrire; e sopporta di buon grado loblio, perch la felicit che sua propria, non attende nulla e nulla chiede ai capricci della Fortuna.

Magia e Magismo
La
parola magia, dopo essere stata nel Medioevo cos paurosa e cos esecrata, divenuta ai nostri giorni quasi ridicola. Un uomo che seriamente si occupi di Magia difficilmente sar considerato come un essere ragionevole, a meno che si presenti come medico e ciarlatano. Il popolino credulone suppone che tutti i medici siano capaci di far miracoli, ed essendo inoltre convinto che solo i Santi della sua Comunione abbiano il diritto di effettuare miracoli attribuisce le idee e i fenomeni della magia all'influenza del Diavolo e degli Spiriti maligni.
Non si deve confondere la Magia con Magismo. Magia una forza occulta, Magismo una dottrina che trasforma questa forza in un potere. Un Mago senza Magismo solo uno Stregone. Un magista senza magia soltanto uno che sa. L'autore di quest'opera magista che non pratica la magia; un uomo di studio e non di fenomeni. Non pretende di essere un mago e pu alzare le spalle quando preso per uno stregone. Ha studiato la Cabala e le dottrine magiche degli antichi santuari; sente di comprenderle e sinceramente vi crede e le ammira; ritiene che siano la Scienza pi vera e pi nobile e rimpiange profondamente che siano cos poco note ...

Il Grande Segreto
... Non soggiacre alle invariabili forze della natura, ma dirigerle; non lasciarci rendere schiavi di esse, ma usarle a beneficio della immortale libert: questo il grande Segreto della Magia. La natura intelligente, ma non libera. I corpi Celesti hanno anime istintive come gli animali, e si fecondano a vicenda; i pianeti sono il serraglio del Sole, ed i Soli sono il docile gregge di Dio. La Terra ha unanima che obbedisce al Sole, sotto i decreti del Fato, ed obbedisce alluomo, istintivamente. Ma il comandare lanima della Terra esige dalluomo grande conoscenza e grande saggezza, o grande esaltazione (spirituale)
Luomo, figlio della Terra, rimane in comunicazione magnetica con essa. Egli stesso uno speciale magnete, che pu indefinitamente aumentare i suoi poteri, combinando limmaginazione colla volont. Allora oggetti inerti vengono magnetizzati, e sotto linfluenza dellanima fisica della Terra, attratti e mal diretti dalluomo, possono spostarsi, sollevarsi, far udire colpi e schianti; a volte una specie di coagulazione aerea modella persino rozzamente qualche forma fugace; la gente crede di vedere luci o mani; i sogni prendono corpo e la natura sembra diventar delirante; nuove pitonesse scarabocchiano a caso nuovi oracoli, altrettanto poco seri che quelli degli antichi: la stessa causa produce sempre gli stessi effetti.
Riuscir mai l'uomo a soggiogare interamente questo roteante e divorante animale che chiamiamo Terra? No, sino a che non riuscir a scoprire un fulcro per la leva di Archimede e sino a che il destriero sar sicuro di poter disarcionare il suo cavalcatore. Invano l'uomo tormenta la Terra; questa finir sempre col divorarlo. Perci il gran sogno di Prometeo, ossia del genio umano, sempre stato il segreto di Ermete, vale a dire la scoperta di una panacea per le malattie, la vecchiaia e la morte (fisica).
Il
desiderio d'immortalit che ha sempre tormentato l'anima umana, una protesta contro la nostra soggezione alla voracit della Terra, ma la Religione ha posto l'immortalit nella morte e si lusinga semplicemente di riuscire a liberare dalla schiavit della Terra quella parte di noi che essa vuole innalzare al Cielo. Ma nel linguaggio del simbolismo Cielo spirito e Terra materia, Cielo luce e Terra ombra, Cielo bene e Terra male, Cielo paradiso e Terra inferno. Inoltre i Teologi, che credono in un Inferno come luogo non possono trovare un posto per esso, eccetto che nel centro della Terra, e ci sembra affermare che il male materialit.

Eliphas Levi



----------------------------------------------
conclusione


Credo che Eliphas Levi sia stato abbastanza chiaro nell'esprimere il significato della parola "Magia" e dell'utilit che l'uomo pu trarre da essa, ad ogni modo bene ricordare che tutte le forme, oggi conosciute, dell'esoterismo sono la Magia dell'uomo saggio, sono la Conoscenza della Natura.
Ma tutti coloro che abuseranno della conoscenza, o meglio coloro che credono di avere la conoscenza, e faranno del male al prossimo per un proprio tornaconto materiale (ricchezza, potere), ne subiranno le conseguenze. La Giustizia non ha premura, la vita eterna nella sua rinascita, e se non ci sar una condanna in questa esistenza, di sicuro ci sar nella prossima. per coloro che non credono
Ad ogni modo, l'Arte della Magia comprende: la Religione, la Filosofia, la Divinazione, la Cabala, i Tarocchi, i Simboli (Indiani, Pellerossa, Asiatici, Egiziani, ecc.) che ben pochi conoscono. E sono in questo settore i :Magi, Sacerdoti, Divinatori, e tutti gli Iniziati nella Giusta Sapienza.
Sia ben chiaro che quando parlo dei personaggi, non intendo dire uomini in senso "maschile", ma uomini in senso di umanit perci i personaggi, sopra citati, sono da intendere sia maschile che femminile.
Termino col dire che la Vera
"Magia" non la si trova sui libri, anche se in alcuni vi celato il segreto della giusta via, ma si trova con la pazienza, la sofferenza, lo studio con animo aperto e tanti errori, prima di giungere alla soglia del Tabernacolo. E quando si giunge alla soglia del Tabernacolo, o al Cancello del Tempio, non detto che lo troveremo aperto.


Taspi






Torna ai contenuti | Torna al menu