Omraam Mikhaël Aïvanhov
La vita e le opere - parte seconda

Omraam Mikhaël Aïvanhov





L'infanzia e l'adolescenza

" In una famiglia povera, un bel bambino nascerà, in un paese balcanico questa aquila verrà, nel paese del gallo abiterà, del suo nome simile al mio il mondo si ricorderà, la sua voce la folla ascolterà e dopo grandi traversie una nuova Era inizierà " [1]

Omraam Mikhaël Aïvanhov, nasce all'alba del ventesimo secolo, il 31 gennaio 1900 a Serbzy, in una famiglia povera di un piccolo villaggio della Macedonia ai piedi della Babouna Planina. Il suo nome originario è Michael Ivanoff.

L'ambiente nel quale trascorre la sua infanzia è estremamente difficile in quanto la Macedonia, dominata dagli ottomani, è afflitta da continue lotte condotte dai popoli vicini: turchi, greci, serbi e bulgari. Nel 1907 il villaggio dove abitava la famiglia è incendiato dai nazionalisti greci e la famiglia si trasferisce a Varna in Bulgaria vicino al mar Nero [2].

Anche le condizioni famigliari sono difficili. All'età di nove anni Mikhaël perde il padre ed assume responsabilità nella famiglia per aiutare la madre e il suo piccolo fratello. Svolge, infatti, parecchi lavori artigianali (fabbro, sarto, operaio...) grazie ai quali può portare un piccolo salario alla Madre a cui è legato da grande affetto e devozione. La madre, conosciuta nella regione per la sua bontà e per la sua dedizione verso il prossimo è il primo modello a cui ispira la sua condotta di vita.

Mikhaël malgrado sia impegnato nei lavori, frequenta normalmente le scuole, ma con scarso interesse per le materie tradizionali; non ha i mezzi economici per comprare i libri di scuola e impara le lezioni gettando un colpo d'occhio sui libri presi in prestito dai compagni durante l'intervallo [3].

Ha, invece, una forte attrazione per i libri spirituali dei quali viene in possesso fin da bambino: il Vangelo di S.Giovanni, il Libro dei Proverbi di Salomone, la Genesi. Gesù rappresenta una grande fonte di ispirazione per i suoi pensieri e i suoi sentimenti.

Diventa un frequentatore assiduo delle biblioteche presso le quali trova, malgrado le difficoltà socio-politiche della Bulgaria, i classici di tutte le grandi religioni...legge tra gli altri, i libri di Steiner, della Blavatsky, di Spinoza e Paracelso [4].

All'eta di 13 anni scopre, tramite la lettura di alcuni libri, il Budda, i Maestri induisti, le tecniche yoga di respirazione di Ramacharaka sulle quali si concentra in modo particolarmente assiduo.

Mikhaël già da bambino è animato da uno straordinario desiderio di perfezionamento, da un ideale elevato di aiutare l'umanità, e da un bisogno profondo di raggiungere la piena conoscenza delle cose e ciò lo induce a dedicare molto tempo alle letture e agli esercizi spirituali.

E' attratto fortemente dalla ricerca concreta del mondo spirituale e delle facoltà nascoste dell'uomo[5]. Sperimenta le tecniche di concentrazione, la forza del pensiero [6], il contatto interiore con il mondo invisibile [7], studia la luce, i suoi effetti sul prisma e i colori che ne derivano [8].

E' interiomente convinto della presenza del mondo invisibile e cerca nelle forme della natura le scintille di vita che ne originano le manifestazioni [9] Più di una volta sua madre, lo trovava assorto, già all'età di 4 anni, nei pressi delle sorgenti d'acqua o di un fuoco acceso. L'acqua e il fuoco costituiscono fin dalla prima infanzia due elementi e due simboli che saranno costantemente presenti nella sua vita e nelle sue conferenze [10].

Una straordinaria intuizione gli consente di cogliere e presagire i legami tra i fenomeni fisici e quelli spirituali. Ma è ancora troppo giovane. Dirà in una conferenza "...mi ero lanciato perdutatamente in certi esercizi di yoga, di respirazione, di concentrazione erano notti e giorni di studio, di digiuno, di meditazione".

Sarà questa una esperienza fisica e mistica molto importante, della quale egli stesso parlerà in seguito più volte [11], sia perchè gli insegnerà l'importanza dell'equilibrio (dirà "la vera comprensione non si fa con qualche cellula del cervello, ma con tutto il corpo")[12] sia perchè sarà di fatto il preludio [13] ad un'altra esperienza che ricorderà più volte nelle sue conferenze: "Una sera mi è accaduto qualcosa che non potrò mai dimenticare...ero in uno stato di dormiveglia, quando mi sono apparsi due esseri: uno aveva una statura impressionante...respirava la forza e la potenza, il suo viso era duro e il suo sguardo tenebroso, era una visione terrificante. L'altro accanto a lui era un essere irradiante, molto bello, il cui sguardo esprimeva l'immensità dell'Amore divino...Ed era come se dovessi fare una scelta...Ero impressionato dalla potenza del primo, tuttavia nel mio cuore, nella mia anima ero spaventato poichè sentivo in lui qualcosa di terribile: mi sono lasciato attirare dall'altro ed ho scelto quello che aveva il viso del Cristo che era l'immnagine della dolcezza, della bontà, del sacrificio" [14].

Il giovane Mikhaël aveva fatto la sua scelta definitiva: lavorare con la Luce e mettersi al servizio della Luce!

Questa esperienza che il Maestro ha vissuto in modo cosi intenso nell'età giovanile, in realtà, sotto forme più tenui, si verifica per tutti gli uomini. Tutti noi, infatti, ci troviamo di fronte a delle scelte, siamo indotti nella vita a compiere scelte di valori e talvolta non ne siamo consapevoli e ne sottovalutiamo le conseguenze."Il Creatore ha lasciato la sua creatura libera; tocca quindi a lei capire la direzione da seguire per svilupparsi veramente. Mi chiederete: "Perché? Non sarebbe meglio che Dio si imponesse agli esseri umani e dettasse loro la condotta da seguire?" No, sono loro che devono impegnarsi per capire dov'è che risiede realmente il loro interesse; è compito loro rendersi conto del perché è meglio prendere una direzione o fare una scelta piuttosto che un'altra. Bisogna che ne siano veramente convinti. Cosa guadagnerebbero veramente se fossero spinti, contro la loro volontà, sul cammino del bene e della luce? Molto poco, e dovrebbero ogni volta ricominciare tutto daccapo. Il Creatore e gli spiriti celesti lasciano perciò libero l'uomo poiché sta a lui capire e sentire quale sia la strada migliore per sé" [15].

Le note biografiche contenute in questo sito contengono riferimenti provenienti dalle opere di Aivanhov e dalle seguenti biografie distribuite in Italia dalla Prosveta Edizioni:

  • Louise-Marie Frenette: "OMRAAM MIKHAËL AÏVANHOV Il cammino della luce - biografia di un Maestro occidentale
  • Agnès Lejbowicz: "Omraam Mikhaël Aïvanhov, le maitre de la Grande Fraternitè Blanche Universelle"
  • Georg Feurstein: "La vie et l'Inseignement d'Omraam Mikhaël Aïvanhov-Le mystere de la lumière"
  • Svezda: "Vie et inseignement en France du Maitre O.M.Aïvanhov"
  • Album de photos - Prosveta

Torna su



Note
  1. Questa quartina di Nostradamus è citata ed interpretata da Georg Feurstein in " La vie et l'Inseignement d'Omraam Mikhaël Aïvanhov - Le mystere de la lumière" pagg.20 e segg - Editions Prosveta)
  2. cfr. Louise-Marie Frenette: "Omraam Mikhaël Aïvanhov, Il cammino della luce, Edizioni Mediterranee; Agnès Lejbowicz "Omraam Mikhael Aivanhov e l’insegnamento della fratellanza"
  3. Agnès Lejbowicz - op.citata - pag. 22 e segg.; cfr "L'educazione inizia prima della nascita"coll.izvor;
  4. Frenette: op.cit pag. 35 e segg con ulteriori riferimenti sulle prime letture di Aivanhov;
  5. Aïvanhov- Le porte dell’invisibile coll.Izvor n.228;
  6. Aïvanhov - Potenze del pensiero - coll.Izvor- n. 224;
  7. Aïvanhov- Centri e corpi sottili aura, plesso solare, centro hara, chakra coll.izvor n.219;
  8. Aïvanhov- " Gli Splendori di Tiferet " coll. omnia "La luce, spirito vivente" coll.Izvor;
  9. Aïvanhov- Segreti del Libro della natura" coll.Izvor n. 216;
  10. Aïvanhov - Le rivelazioni dell'acqua e del fuoco - coll, izvor; cap. II."La seconda nascita in "Natale e Pasqua nella Tradizione iniziatica - n. 209;
  11. Frenette - opera citata pag.69
  12. Frenette - opera citata pag.69-70
  13. Georg Feurstein - op.cit. pagg.37 e segg
  14. Aïvanhov - in Il libro della magia divina pagg. 17-18- ove afferma tra l'altro " L'occultismo non è la vera scienza spirituale. Io non amo il termine "occulto", poichè le scienze occulte sono un miscuglio di bene e di male. La vera magia è la magia divina"
  15. Pensieri Quotidiani - ed.Prosveta

Importanti informazioni sulla vita di Aivanhov possono essere reperite anche nel sito http://www.fratellanzabiancauniversale.it , nonchè nella novità editoriale 2011:

Omraam Mikhaël Aïvanhov - Per diventare un libro vivente - elementi autobiografici 1 - Un'opera redatta sulla base di estratti dalle conferenze e da documenti di archivio

Gli artisti creano, in una materia esterna a loro, opere che sono esterne a loro; è su questa materia esteriore che concentrano i propri sforzi, e compiono prodigi. Ma vi dirò che, per me, il vero artista è colui che è capace di prendere anzitutto se stesso come materia della propria creazione. Tutti i metodi della vita spirituale sono lì a sua disposizione, per aiutarlo e ispirarlo in questo compito. Nel mondo psichico, noi possiamo essere musicisti, poeti, architetti, scultori, ecc. Nel lavoro del discepolo della Scienza Iniziatica, sono comprese tutte le arti. Che scoperta è stata per me, il giorno in cui ho compreso che potevo lavorare su una materia che non mi era estranea: la mia stessa materia. Perciò, io mi occupo soltanto di scrivere il libro che mi è proprio, vale a dire “me stesso”; non ho mai scritto altro se non il libro che io sono. Direte: «Ma allora, e i suoi libri che noi leggiamo?» Non li scrivo io: ho affidato questo lavoro ad alcune persone. Io mi applico unicamente a scrivere il mio stesso libro, e parlo sapendo che parlare significa anche scrivere. Sì, io parlo sforzandomi di imprimere nelle vostre anime degli scritti celesti. … Anche ciascuno di voi è un libro, un libro che egli stesso sta scrivendo: i suoi pensieri e i suoi sentimenti tracciano i caratteri di una scrittura che si imprimerà nella materia dei suoi corpi sottili. Dunque, diventare un libro vivente: ecco d’ora in avanti un lavoro per voi. Applicandovi in questo lavoro, eserciterete un’influenza benefica su tutti coloro che vi avvicineranno. L’amore fraterno è anche questo.

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Indice:

I - Le misteriose vie del destino, II - Un’infanzia fra i monti della Macedonia, III - A Varna, sulle rive del Mar Nero, IV - Apprendistato, V - L’esperienza del fuoco VI - Fino al cuore della rosa, VII - Nella sinfonia universale, VIII - Incontro con il Maestro Peter Deunov, IX - Frantsia: la Francia,X - Nessuna prigione può trattenere lo spirito, XI - Un anno in India: febbraio 1959 - febbraio 1960, XII - Io sono un figlio del sole, XIII - Fra parola e silenzio, IV - Io scrivo soltanto il libro che mi è proprio, XV - Tutta la Creazione mi parla, e anch’io le parlo, XVI - Un ideale di vita fraterna, XVII -Voglio soltanto la vostra libertà, XVIII - Altri vi aiutano attraverso me, XIX - Solo ciò che è irrealizzabile è reale, Documenti

Prosveta 2011 - ISBN 978- 88-95737-12-6 - Pagg. 500 - euro 23,00

 

Focus su risorse e opere in lingua italiana

Torna su

 

 

La Via Luminosa nella Vita Quotidiana

secondo l’Opera di Omraam Mikhaël Aïvanhov, 2017

Stella mattutina edizioni

L'edizione elettronica può essere prelevata gratuitamente

"Cittadinanza globale e società fraterna" 2019

Stella mattutina edizioni

Il Codice delle Leggi Morali, approccio olistico al cambiamento, 2012

L'edizione elettronica può essere prelevata gratuitamente

 

Pubblicazioni sulla vita e le opere
di Omraam Mikhaël Aïvanhov

( per info » www.prosveta.it)

  • Frenette Louise-Marie, Une nouvelle conscience , Selon les enseignements d'Omraam Mikhaël Aïvanhov 2009. Cfr. su Youtube clip della Frenette intitolata "Omraam Mikhaël Aïvanhov, Biographie" :
  • Frenette Louise-Marie, Omraam Mikhaël Aïvanhov - Il cammino della luce, Edizioni Mediterranee ( Francese, inglese, bulgaro, lituano, spagnolo...info www. lmfrenette.com)
  • Album di Foto, con note biografiche in lingua francese, Prosveta
  • Lejbowicz Agnès, Omraam Mikhaël Aïvanhov e l’Insegnamento della Fratellanza, Prosveta, 1995.

Torna su

Les Editions Prosveta segnalano l'uscita del primo film realizzato su
Omraam Mikhaël Aïvanhov, intitolato "La présence d'un Maître"

 

http://omraam.tv: DVD - documentario realizzato da "Productions Gamahaé Inc. (Canada)" in francese e inglese.

Altre opere

Torna su



Selezione titoli

Torna su

life en spanish life en bulgarian life of master
ì nouvelle coscience album photos aivanhov


Focus


Torna su


Omraam Mikhaël Aïvanhov - Auprès du Maître Peter Deunov
Éléments d'autobiographie II

«Même si la parole d'un Maître spirituel peut être contenue dans des livres, les livres de papier lui paraîtront toujours insuffisants. Il est lui-même un livre vivant et il a besoin que ses disciples deviennent aussi des livres vivants. C'est sur eux d'abord qu'il écrit, c'est dans leur tête et dans leur cœur qu'il dépose les semences de son Enseignement, avec l'espoir qu'elles iront un jour fructifier partout dans le monde. Ainsi, le Maître a écrit un livre que personne d'autre que lui n'aurait pu écrire : moi. Oui, je suis un livre qu'il a écrit.
La terre est si éloignée du soleil ! Mais la distance n'empêche pas le soleil d'écrire sur la terre, et cette écriture, ce sont les pierres, les plantes, les animaux, les humains, auxquels il donne sa lumière, sa chaleur et sa vie. Comme le soleil, le Maître écrivait sur moi à distance. Ce sont des milliers et des milliers de pages qu'il a écrites et qui sont maintenant résumées dans ce livre que je suis. Et puis un jour, il m'a dit : "Maintenant, tu es prêt, tu peux partir". »

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Table des matières:

I. L'émerveillement d'une rencontre II. Un prophète face aux Églises III. Dans la clarté du monde spirituel IV. On m'appelait l'éternel étudiant V. Izgrev, à Sofia VI. Les premiers enseignements de la montagne : le Vitocha VII. Que signifie avoir un Maître ? VIII. Maîtres et disciples tissent ensemble les fils de la vie IX. Des énigmes à déchiffrer X. À Tarnovo XI. « Continue à travailler dans les trois mondes » XII. « Où les hommes vivent en frères » XIII. L'été, dans les montagnes de Rila XIV. Au royaume de la nature vivante XV. Dans le fourneau alchimique XVI. « Tu es construit pour travailler avec les femmes » XVII. « Je possède une pierre précieuse d'une valeur inestimable ».

456 pages, 21 photos et 1 carte - Prosveta Edizioni
Format 14,8 x 21 cm


Frenette Louise-Marie, Une nouvelle conscience , Selon les enseignements d'Omraam Mikhaël Aïvanhov 2009


Pourquoi cherchons-nous à nous transformer, à améliorer notre vie ? Pour être plus heureux. C’est dans cette perspective que l’auteur décrit, dans un témoignage personnel vivant et imagé, l’impact que peuvent avoir, au quotidien, les idées et les méthodes d’Omraam Mikhaël Aïvanhov.

Ces enseignements répondent aux besoins les plus quotidiens : comment se nourrir consciemment sur tous les plans, comment utiliser les difficultés de la vie, comment élargir son amour, comment préparer un avenir meilleur pour soi-même et pour l’humanité.

Torna su



Frenette Louise-Marie, Omraam Mikhaël Aïvanhov -
Il cammino della luce, Edizioni Mediterranee

(Francese, inglese, bulgaro, lituano, spagnolo...info www. lmfrenette.com)

Questa è la prima biografia dettagliata e approfondita di Omraam Mikhaël Aïvanhov, maestro spirituale contemporaneo che ha portato all'Occidente una filosofia solare e universale. Il libro, attraverso gli avvenimenti della sua vita e le prove che ha vissuto, ci fa percorrere le tappe della sua trasformazione; è al tempo stesso biografia, itinerario spirituale e introduzione al suo insegnamento. Nato in Bulgaria nel 1900, rivolto al mondo dello spirito sin dall'infanzia, dopo aver vissuto esperienze mistiche spontanee incontra il suo maestro Peter Deunov a 17 anni. Nel 1937 va in Francia dove diffonde per quasi 50 anni l'insegnamento della Fratellanza Bianca Universale (la parola 'bianca' si riferisce al colore della luce solare che contiene tutti gli altri colori) fino alla sua morte avvenuta nel 1986 a Bonfin, nel sud della Francia. Migliaia di persone in tutto il mondo traggono ispirazione dal suo insegnamento. Dalle innumerevoli conferenze sono stati pubblicati ad oggi settantasette volumi tradotti in più di ventisette lingue. Aïvanhov è stato l'esempio di un insegnamento che collega l'Oriente all'Occidente e che realizza una spiritualità perfetta per il mondo d'oggi

Quest'opera, afferma L.M. Frenette, è al tempo stesso biografia e itinerario spirituale, si rivolge a tutti coloro che sono ispirati dalla vita dei grandi esseri. Omraam Mikhael Aïvanhov, nato in Bulgaria nel 1900, fu un Maestro spirituale eccezionale, un "portatore di luce", un essere fraterno, accessibile, entusiasta, vivificante. Un modello. La sua vita testimonia una perfetta coerenza tra il suo pensiero, le sue parole e le sue azioni. Il suo desiderio più ardente era di essere utile a tutti quelli che incontrava, di illuminarli e accompagnarli sul cammino della loro evoluzione personale, come una guida di alta montagna conduce i suoi compagni verso le vette. Ma soprattutto il suo pensiero costante era la creazione di una vera fratellanza tra gli esseri umani, su tutta la terra. Attualmente quasi tre milioni di volumi tratti dalle sue conferenze, tradotti in oltre venti lingue, sono stati venduti nel mondo. Omraam Mikhaël Aïvanhov è e sarà una fonte di ispirazione in diversi campi: spirituale, filosofico, educativo, letterario, musicale e artistico. "L'amore è della stessa essenza del sole, ritorna quindi al suo luogo di origine e da questo centro riscalda e nutre tutti gli esseri. Piante, fiori, alberi, animali, esseri umani vivono grazie a questo calore che viene da anime piene d'amore" (Omraam Mikhaël Aïvanhov).

Torna su