Battaglia Di Gaudo

28 marzo 1941

 

Antefatto

 

Il primo anno di guerra non si era concluso molto bene per l'Italia.   
Tralasciando quello che combinava il Regio Esercito in Nord Africa e in Grecia, possiamo con tutta tranquillitÓ asserire che la Marina, di cui il Regime andava tanto fiero e che aveva collocato a pieno diritto l'Italia al quinto posto tra le potenze militari del mondo e alla pari con la Francia, aveva deluso le aspettative.   
Due battaglie, Punta Stilo e Capo Teulada, conclusesi con un nulla di fatto, al dý lÓ dei bollettini di guerra di entrambe le parti, la Notte di Taranto, in cui erano state messe fuori combattimento in una notte sola ben tre navi da battaglia italiane, tra cui la nuovissima Littorio.   
Qualche affondamento da parte di sommergibili o di singole unitÓ c'era stato, ma nulla da poter annunciare alla Nazione con orgoglio e niente che mettesse in discussione la superioritÓ inglese.   Anche l'alleato germanico premeva perchÚ la Regia Marina venisse messa in campo in maniera pi¨ smaliziata, facendo valere tutto il peso della sua potenza.

L'occasione venne data dalla presenza di traffico mercantile tra Alessandria e la Grecia, dove gli inglesi stavano trasportando forti aliquote di soldati per combattere contro gli italiani.   
Pressioni furono esercitate anche dall'alleato tedesco, in vista di un suo intervento contro la Jugoslavia ed in seguito la Grecia, che presto si sarebbe concretizzato.   

Intanto Ŕ da notare che il 26 marzo con un attacco di barchini esplosivi italiani nella baia di Suda, a Creta, fu affondato l'incrociatore pesante York, unica nave del genere presente in Mediterraneo tra le fila degli inglesi.


Il relitto dell'incrociatore York a Suda dopo l'attacco dei barchini esplosivi italiani

Essenziali per la buona riuscita della missione di attacco ai convogli erano considerate due condizioni : l'effetto sorpresa e la scorta aerea, resa necessaria dalla ben nota mancanza di navi portaerei, che sarebbe stata garantita, oltre che da Superaereo (la Regia Aeronautica) anche dal X C.A.T. (Corpo Aereo Tedesco),  frattanto giunto sulle basi della Sicilia.   
Vedremo poi come tutte queste condizioni vennero a mancare, e come nonostante ci˛ si volle follemente proseguire la missione, per mere motivazioni politiche.

 

Le forze contrapposte

 


26 marzo 1941 : la Vittorio Veneto, in arrivo da La Spezia, manovra per ormeggiarsi al molo San Vincenzo nel porto di Napoli

Presero parte alla puntata offensiva : 

corazzata Vittorio Veneto, nave ammiraglia di Iachino

I divisione incrociatori pesanti : Fiume, Pola, Zara

III divisione incrociatori pesanti : Bolzano, Trento, Trieste

VIII divisione incrociatori leggeri : Abruzzi, Garibaldi

XIII squadriglia cacciatorpediniere : Alpino, Bersagliere, Fuciliere, Granatiere

XVI squadriglia cacciatorpediniere : Da Recco, Pessagno

IX squadriglia cacciatorpediniere : Alfieri, Carducci, Gioberti, Oriani

XII squadriglia cacciatorpediniere : Ascari, Carabiniere, Corazziere

sulle probabili rotte delle navi inglesi erano stati schierati i sommergibili di Lero :

5o gruppo sommergibili : Ambra, Ascianghi, Dagabur, Galatea, Nereide


La corazzata Warspite, nave ammiraglia di Cunningham

 

Per quanto riguarda la Royal Navy, furono messe in campo :

Forza A :

corazzate : Warspite, Barham, Valiant

portaerei Formidable

14a flottiglia cacciatorpediniere : Jervis, Janus, Mohawk, Nubian

10a flottiglia cacciatorpediniere : Stuart, Greyhound, Griffin, Hotspur, Havock

Forza B :

Incrociatori leggeri : Orion, Ajax, Perth, Gloucester

2a flottiglia cacciatorpediniere : Ilex, Hasty, Hereward, Vendetta

Forza D :

cacciatorpediniere : Juno, Jaguar, Defender

I rapporti di forza, considerando comunque che non ebbro scontri tra i grossi di entrambe le parti, erano i seguenti :

 

  ITALIA INGHILTERRA
Corazzate 1 3
Portaerei 0 1
Incrociatori pesanti 6 0
Incrociatori leggeri 2 4
Cacciatorpediniere 13 16

 

Si pu˛ immediatamente notare l'enorme disparitÓ di forze tra una squadra, quella italiana, messa insieme con unitÓ veloci e con una sola nave da battaglia, predisposta per una puntata offensiva contro il traffico mercantile, e un'altra, quella inglese, messa in campo per attaccare la formazione nemica, con ben  3 navi da battaglia, un portaerei, determinante in questo scontro, e poche unitÓ leggere.

 

Pagina Seguente  --  Next

 

Torna a Battaglie