Ringrazio Richard Dawkins per il suo illuminante libro " L' illusione di Dio "
I thank Richard Dawkins for his illuminating book " The God Delusion "



Scienza e Fede guidano il nostro cammino.

La scienza è necessaria alla fede
affinché non scada in integralismo o in credulità,
in modo da recuperare il ruolo insostituibile dell' intelligenza nella vita dell' uomo.

La fede è poi necessaria alla scienza perché essa mantenga una certa umiltà,
e non perda di vista il punto centrale che è l' uomo, mantenendosi al suo servizio.

Ma anche perché l' uomo possa mantenere quella parte di mistero
che dà sapore alla vita, e che soprattutto lascia la porta aperta all' incontro con DIO, dando un senso a questa nostra avventura terrena.




Il mio viaggio spirituale

DALL' ATEISMO AL CRISTIANESIMO



tuffo nell'aldilarinascita

Noi non siamo esseri umani che vivono un' esperienza spirituale
Noi siamo esseri spirituali che vivono un' esperienza umana

Pierre Theilhard de Chardin

 

Non aspettiamo solo di vederle cadere,
andiamo anche su da loro ...


un viaggio tra le stelle

Quando di notte il cielo è limpido,
pensate a fermarvi un momento per contemplare le stelle

Immaginate di lasciare la Terra, con le sue lotte e le sue tragedie,
e di diventare un cittadino del cielo

Meditate sulla bellezza delle costellazioni
e sulla grandezza degli esseri che le abitano …

Via via che procederete in questa ascensione nello spazio,
vi sentirete alleggeriti, liberati,
ma soprattutto scoprirete la pace,
una pace che si introdurrà a poco a poco in tutto il vostro essere

Meditando sulla Saggezza che ha creato l’universo e le creature che lo popolano,
sentirete che la vostra anima dispiega delle antenne sottilissime
che le permettono di comunicare con le regioni più lontane

Vivrete così dei momenti sublimi che non potrete mai più dimenticare

Omraam Mikhaël Aïvanhov




Contact

Viaggiatore che cerchi un sogno ...
fermati un attimo e ricorda il segreto per entrare :
non si vede bene che con il cuore ...




Sono solo in una piazza della mia città
e osservo il CIELO :
c'è una bellissima e luminosissima
LUNA piena; ma poi esplode …
come un potente fuoco d' artificio

Dalle scintille infuocate, riversate
sulla TERRA, originano
delle piccole astronavi
posizionate nel cielo a vari livelli
e nel punto più alto
appare una grande astronave,
l' ASTRONAVE MADRE

E tutte insieme
si dirigono verso di me

 

Poi la scena si capovolge :
ha inizio il mio VIAGGIO
verso l' astronave madre

Salgo sempre più su,
sempre più in alto,
fino a quasi raggiungerla

E mi trovo catapultato
nello SPAZIO ;
ma, al posto dell' astronave,
appare un grande pianeta, SATURNO

Sempre volando … l’ oltrepasso

 

E in questo Universo INFINITO,

una mano invisibile scrive
un grandioso, luminosissimo
e dorato numero 17,

Le  Stelle

stella umana


Il futuro appartiene a coloro che credono
nella bellezza dei propri sogni ...

Eleanor Roosevelt


 

C' è chi ti ama, amami come sei !

GESÙ parla a un' anima

Gesù parla

"Conosco la tua miseria, le lotte e le tribolazioni
della tua anima, le deficienze e le infermità del tuo corpo; so la tua viltà, i tuoi peccati,
e ti dico lo stesso:

"Dammi il tuo cuore, amami come sei…

Se aspetti di essere un angelo
per abbandonarti all'amore, non amerai mai.

Anche se sei vile nella pratica del dovere e della virtù, se ricadi spesso in quelle colpe che vorresti non commettere più, non ti permetto di non amarmi.

Amami come sei !

In ogni istante e in qualunque situazione tu sia,
nel fervore o nell'aridità, nella fedeltà o nella infedeltà, amami... come sei...

Voglio l'amore del tuo povero cuore;
se aspetti di essere perfetto, non mi amerai mai.

Non potrei forse fare di ogni granello di sabbia un serafino radioso di purezza, di nobiltà e di amore ?
Non sono io l' Onnipotente ?

E se mi piace lasciare nel nulla quegli esseri meravigliosi e preferire il povero amore del tuo cuore, non sono io padrone del mio amore ?

Figlio mio, lascia che Ti ami, voglio il tuo cuore.

Certo voglio con il tempo trasformarti, ma per ora amami come sei ... , e desidero che tu faccia lo stesso; io voglio vedere dai bassifondi della miseria salire l'amore. Amo in te anche la tua debolezza, amo l'amore dei poveri e dei miserabili; voglio che dai cenci salga continuamente un gran grido:

Gesù ti amo

Voglio unicamente il canto del tuo cuore, non ho bisogno né della tua scienza, né del tuo talento.
Una cosa sola m'importa, di vederti lavorare con amore.

Non sono le tue virtù che desidero; se te ne dessi, sei così debole che alimenterebbero il tuo amor proprio; non ti preoccupare di questo.
Avrei potuto destinarti a grandi cose;
no, sarai il servo inutile; ti prenderò persino il poco che hai ... perché ti ho creato soltanto per l'amore.

Oggi sto alla porta del tuo cuore come un mendicante, io il Re dei Re !
Busso e aspetto; affrettati ad aprirmi.
Non allargare la tua miseria; se tu conoscessi perfettamente la tua indigenza, moriresti di dolore.
Ciò che mi ferirebbe il cuore è vederti dubitare di me e mancare di fiducia.

Voglio che tu pensi a me ogni ora del giorno e della notte; voglio che tu faccia anche l'azione più insignificante solo per amore.
Conto su di te per darmi gioia ...

Non ti preoccupare di non possedere virtù;
ti darò le mie.
Quando dovrai soffrire, ti darò la forza.
Mi hai dato l'amore, ti darò di saper amare
al di là di quanto puoi sognare...

Ma ricordati... amami come sei...
.
Ti ho dato mia Madre; fa passare,
fa passare tutto dal suo Cuore così puro.

Qualunque cosa accada, non aspettare di essere santo per abbandonarti all'amore, non mi ameresti mai...
Va ...

(Mons. Lebrun)



Dammi il supremo
coraggio dell'amore,

questa è la mia
preghiera,

coraggio di parlare,
di agire, di soffrire,
di lasciare tutte le cose,
o di essere lasciato solo.

Temperami
con incarichi rischiosi,
onorami con il dolore,
e aiutami ad alzarmi
ogni volta che cadrò.

Dammi la suprema certezza nell'amore, e dell'amore,
questa è la mia preghiera,

la certezza che appartiene
alla vita nella morte,
alla vittoria nella sconfitta,
alla potenza nascosta
nella più fragile bellezza,

a quella
dignità nel dolore,
che accetta l'offesa,
ma disdegna di ripagarla
con l'offesa
.

Dammi la
forza di Amare
sempre e ad ogni costo.

K. Gibran

 

Pregare non è chiedere che Qualcuno faccia qualcosa per noi, ma chiedere luce
per sapere noi cosa fare per migliorare noi stessi ed il mondo intorno a noi.
E per essere messi nelle condizioni di farlo al meglio.

Così la preghiera ha ancora un senso quanto mai profondo e utile nella nostra vita.


Signore, mi hai dato tutto

little prayer

Chiesi a Dio di essere forte per eseguire progetti grandiosi;
Egli mi rese debole per conservarmi nell'umiltà.

Domandai a Dio che mi desse salute per realizzare grandi imprese;
Egli mi ha dato il dolore per comprenderla meglio.

Gli domandai la ricchezza per possedere tutto;
Egli mi ha fatto povero per non essere egoista.

Gli domandai il potere perchè gli uomini avessero bisogno di me;
Egli mi ha dato l'umiliazione perchè io avessi bisogno di loro.

Domandai a Dio tutto per godere la vita
e mi ha lasciato la vita perchè io potessi apprezzare tutto.

Signore, non ho ricevuto niente di quello che chiedevo,
ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno
e quasi contro la mia volontà.
Le preghiere che non ti presentai furono esaudite.

Sii lodato, o mio Signore:
fra tutti gli uomini
nessuno possiede quello che io ho.


Preghiera di Kirk Kilgour



Ci sarà più gioia in Cielo per ...

Gesù, il buon pastore

La pecorella smarrita
Si avvicinavano a lui tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano: "Costui riceve i peccatori e mangia con loro". Allora egli disse loro questa parabola: "Chi di voi se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va dietro a quella perduta, finché non la ritrova? Ritrovatala, se la mette in spalla tutto contento, va a casa, chiama gli amici e i vicini dicendo: Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora che era perduta. Così, vi dico, ci sarà più gioia in Cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione.

La dramma ritrovata
O quale donna, se ha dieci dramme e ne perde una, non accende la lucerna e spazza la casa e cerca attentamente finché non la ritrova? E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, dicendo: Rallegratevi con me, perché ho ritrovato la dramma che avevo perduta. Così, vi dico, c`è gioia davanti agli Angeli di DIO per un solo peccatore che si converte".

Il figliuol prodigo
Disse ancora: "Un uomo aveva due figli. Il più giovane disse al padre: Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta. E il padre divise tra loro le sostanze. Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto. Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava. Allora rientrò in se stesso e disse: Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni.

Partì e si incamminò verso suo padre. Quando era ancora lontano, il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio gli disse: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Ma il padre disse ai servi: Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l`anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato. E cominciarono a far festa.

Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò. Il servo gli rispose: E` tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo. Egli si indignò, e non voleva entrare. Il padre allora uscì a pregarlo. Ma lui rispose a suo padre: Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso.

Gli rispose il padre: Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".

Vangelo di Luca, Cap. 15

 

il figliol prodigo

 

 

I doni di DIO provengono dalla sua generosità,
non dai nostri meriti.

Cio che muove il nostro Creatore e Signore è l' Amore
incomprensibile, imprevedibile, instancabile.

Non solo per accogliere chi ritorna a Lui, pentito,

ma anche per aprire il cuore indurito
di chi vorrebbe escludere il fratello
che chiede di essere riammesso in casa.


Fonte: "Messa Festiva" Settimanale Liturgico - 14 Marzo 2010
Domenica  4^ di Quaresima.

 

 

DIO  raramente rivela il futuro agli uomini,
se Lo fa è affinchè essi si modifichino, lo modifichino ... ;

ma lo scopo non è mai solo per un singolo, ma è al servizio di tutti.

All' uomo resta comunque la libertà :
la libertà di credere (fede) ,  la libertà di scegliere (libero arbitrio) .

 

 


 

 




" Datemi un sogno in cui vivere,
perchè la realtà mi sta uccidendo."


Jim Morrison



PROLOGO

"Nella spiaggia a est del paese c'è un' isola sulla quale sorge un gigantesco tempio con tante campane," disse la donna. Il bambino notò che lei indossava strani abiti e che un velo le copriva i capelli. Non l'aveva mai vista prima.
"Hai mai visto questo tempio?" gli domandò lei. "Vai fin laggiù e dimmi cosa ne pensi." Affascinato dalla bellezza della donna, il bambino si recò nel luogo indicato. Si sedette sulla spiaggia e guardò l'orizzonte, ma non vide null'altro se non quello che era solito vedere: il cielo azzurro e l'oceano. Deluso, si avviò verso un gruppo di case abitate da pescatori e domandò loro di un' isola con un tempio.
"Sì, c'era, ma tanto tempo fa, quando qui vivevano i miei bisnonni," disse un vecchio pescatore. "Poi ci fu un terremoto, e l' isola sprofondò nel mare. Eppure, anche se non possiamo più vedere l'isola, riusciamo ancora a sentire le campane del suo tempio, quando il mare le fa ondeggiare, laggiù sul fondo."
Il bambino ritornò alla spiaggia, e aspettò di udire le campane.
Vi passò tutto il pomeriggio, ma riuscì a sentire soltanto il rumore delle onde e le strida dei gabbiani. Quando giunse la sera, i suoi genitori andarono a prenderlo.
Il mattino dopo, il bambino tornò alla spiaggia. Non poteva credere che una donna così bella potesse raccontare delle bugie. Se un giorno lei fosse tornata, avrebbe potuto dirle di non avere visto l'isola, ma di avere udito le campane del tempio, che rintoccavano per il movimento dell'acqua.

Così trascorsero alcuni mesi. La donna non tornò, e il ragazzino la dimenticò. Adesso era intenzionato a scoprire le ricchezze e i tesori del tempio sommerso.
Se avesse udito le campane, avrebbe potuto localizzarlo e recuperare il tesoro nascosto. Ormai non lo interessavano più nè la scuola nè la combriccola di amici.
Si tramutò nel divertimento preferito degli altri bambini, che solevano dire: "Lui non è più come noi. Preferisce starsene a guardare il mare, perché ha paura di perdere quando giochiamo." E, vedendo il bambino seduto in riva al mare, tutti ridevano.
Benché‚ non riuscisse a sentire le campane del tempio, il bambino apprendeva ogni giorno cose diverse. Si accorse che, dopo avere ascoltato a lungo il rumore delle onde, lo sciabordio non lo distraeva più. Passò qualche tempo, e si abituò anche alle strida dei gabbiani, al ronzio delle api, al vento che sibilava tra le palme.

Sei mesi dopo l'incontro con la donna, il bambino era ormai capace di non lasciarsi distrarre da nessun rumore. Ma le campane del tempio sommerso non le aveva ancora udite. Alcuni pescatori andavano a parlare con lui, e insistevano. "Noi le abbiamo sentite !" dicevano. Ma il ragazzino continuava a non sentirle.
Qualche tempo dopo, i pescatori cambiarono tono: "Sei troppo concentrato sul suono delle campane laggiù. Lascia perdere, e torna a giocare con i tuoi amici. Forse soltanto i pescatori riescono a sentirle."

Dopo quasi un anno, il bambino si disse: "Forse hanno ragione loro. E' meglio crescere, diventare pescatore e tornare tutte le mattine su questa spiaggia, perché ho cominciato ad amarla." E pensò anche: "Forse è soltanto una leggenda. Con il terremoto le campane si sono spaccate e non rintoccheranno mai più."
Quel pomeriggio decise di tornare a casa. Si avvicinò all'oceano, per congedarsi. Guardò ancora una volta lo spettacolo della Natura, e allora, siccome non era più concentrato sulle campane, potè sorridere al canto dei gabbiani, al rumore del mare, al vento che sibilava tra le palme. Sentì in lontananza la voce dei suoi amici che giocavano, e si rallegrò al pensiero che ben presto sarebbe tornato ai giochi dell'infanzia. Il bambino era contento. E, come soltanto un bambino sa fare, ringraziò di essere vivo. Sapeva di non avere perduto il proprio tempo, poiché‚ aveva appreso a contemplare e a rispettare la Natura.


A quel punto, sentendo il mare, i gabbiani, il vento, le foglie delle palme e le voci degli amici che giocavano, udì anche la prima campana. E un'altra.
E poi un'altra ancora, finché‚ tutte le campane del tempio sommerso rintoccarono, riempiendolo di gioia.


Anni dopo, ormai adulto, ritornò al paese e alla spiaggia dell'infanzia.
Non voleva più recuperare alcun tesoro in fondo al mare: forse era stato solo un frutto della sua fantasia, forse non aveva mai udito le campane sommerse in quel lontano pomeriggio della sua infanzia. Decise comunque di passeggiare sulla spiaggia, per ascoltare il rumore del vento e le strida dei gabbiani.
Fu profondamente sorpreso nel vedere, seduta sulla sabbia, la donna che gli aveva parlato dell' isola con il tempio. "Che cosa fai qui ?" le domandò. "Aspettavo te," rispose lei. Lui notò che, sebbene fossero passati tanti anni, la donna aveva ancora lo stesso aspetto: il velo che le copriva i capelli non sembrava affatto sgualcito dal tempo. Lei gli porse un quaderno azzurro, con le pagine bianche. Scrivi :

Un guerriero della luce presta attenzione agli occhi di un bambino .
Perché‚ quegli occhi sanno vedere il mondo senza amarezza.
Quando desidera sapere se chi sta al suo fianco è degno di fiducia,
cerca di vedere la maniera in cui lo guarda un bambino."


"Che cos'è un guerriero della luce ?"

"Credo che tu lo sappia," rispose lei, sorridendo.

"E' colui che è capace di comprendere il miracolo della vita, di lottare fino alla fine per qualcosa in cui crede, e di sentire allora le campane che il mare fa rintoccare nel suo letto."

Lui non si era mai ritenuto un guerriero della luce. La donna parve indovinare il suo pensiero: "Di questo sono capaci tutti.
E nessuno ritiene di essere un guerriero della luce, benché‚ in effetti lo sia."
Lui guardò le pagine del quaderno. La donna sorrise di nuovo.

"Scrivi," disse lei infine.

 

Manuale del guerriero della Luce ...

 

EPILOGO

Era ormai buio quando la donna smise di parlare. Rimasero lì a guardare insieme la luna che sorgeva. "Molte delle cose che mi hai detto sono in contraddizione fra loro," disse lui. Lei si alzò. "Addio," disse.

"Tu sapevi che le campane in fondo al mare non erano una leggenda.
Ma sei riuscito a udirle solo quando hai capito che il vento, i gabbiani, il fruscio delle palme facevano parte del rintocco delle campane.


Allo stesso modo, il guerriero della luce sa che tutto quanto lo circonda - le sue vittorie, le sue sconfitte, il suo entusiasmo e il suo scoramento - fanno parte del Buon Combattimento. E saprà adottare la giusta strategia nel momento in cui ne avra bisogno. Un guerriero non cerca di essere coerente: apprende, piuttosto, a vivere con le sue contraddizioni."

"Chi sei?" le domandò lui. Ma la donna si stava allontanando.
Camminava sulle onde del mare, in direzione della luna che sorgeva.



donna sulla spiaggia



Prologo ed Epilogo

del " Manuale del guerriero della Luce "

Paulo Coelho



" Benchè abbia passato tutto quello che ho passato,
non mi pento dei problemi che mi sono creato,
perchè mi hanno portato fin dove desideravo arrivare.

Adesso, tutto ciò che possiedo è questa spada, e la consegno
a coloro che vogliono procedere nel proprio pellegrinaggio.

Porto con me i segni e le cicatrici dei combattimenti:
sono le testimonianze di ciò che ho vissuto,
e le ricompense per quello che ho conquistato.
Sono questi segni e queste cicatrici amate
che mi apriranno le porte del Paradiso.

C'è stato un periodo in cui vivevo
ascoltando storie di eroismo.
C'è stato un periodo in cui vivevo
solo perchè avevo bisogno di vivere.

Ma adesso vivo
perchè sono un guerriero,
e perchè voglio trovarmi un giorno
in compagnia di Colui per cui tanto ho lottato."

John Bunyan  Manuale del guerriero della Luce  Paulo Coelho

 




 

Per ognuno l’esistenza è necessariamente fatta di alti e bassi:
una volta si ha successo, un’altra volta si fallisce;
una volta si viene riconosciuti e apprezzati,
e un’altra volta si è ignorati o perfino disprezzati.

Ma il valore di un essere umano non va giudicato
in base alle fluttuazioni di ciò che gli capita.
Se però, qualunque cosa gli accada, egli accresce la propria luce,
il proprio amore e la propria determinazione,
in tal caso sì che ci si può pronunciare su di lui.

E chi sa rialzarsi dopo una caduta è spesso più forte di chi non è mai caduto.
L'unico criterio infallibile per pronunciarsi su un essere è il seguente:
se cerca la luce, quali che siano gli avvenimenti, quella luce lo salverà.
Se invece non cerca la luce,
perfino il successo, la fortuna e la gloria lo condurranno a poco a poco alla rovina.

Solo per chi ha fame e sete del divino, il male può trasformarsi in bene.

Omraam Mikhaël Aïvanhov




... Il corso di una vita è molto breve e tutto avviene così in fretta
che non riusciamo a vedere il rapporto tra gli eventi,
non possiamo misurare le conseguenze delle azioni.

Crediamo nella finzione del tempo, nel presente, passato, futuro,
ma può anche darsi che tutto succeda simultaneamente ...

Tratto da "La casa degli spiriti" di Isabel Allende




Esistono menti che si interrogano,
che desiderano la verità del cuore, la cercano,
si sforzano di risolvere i problemi generati dalla vita,
cercano di penetrare l’essenza delle cose e dei fenomeni,
e di penetrare in loro stesse.
Se un uomo ragiona e pensa bene,
non ha importanza quale cammino egli segua
per risolvere questi problemi,
deve inevitabilmente ritornare a se stesso,
ed incominciare dalla soluzione del problema
di che cosa egli stesso sia
e di quale sia il suo posto nel mondo attorno a lui.

G. I. Gurdjeff



Non c' è presa di coscienza senza sofferenza.

In tutto il mondo la gente arriva ai limiti dell' assurdo
per evitare di confrontarsi con la propria Anima.
Non si raggiunge l' illuminazione immaginando figure di luce,
ma portando alla coscienza l' oscurità interiore.

Chi guarda fuori sogna, chi guarda dentro si risveglia ...

Carl Gustav Jung



Quante sono le menti umane capaci di resistere alla lenta, feroce, incessante, impercettibile forza di penetrazione dei luoghi comuni ?

Primo Levi



Non strapperò nessun foglio dal libro della mia vita ...
Le pagine che ho girato, sono le lezioni che ho imparato ...

 

dono e perdono

DONO E PERDONO

Donare è spontaneità e gratuità.
La danza del
dono non prevede contraccambio.

«Io do perché tu dia agli altri»

E il
perdono è la via difficile di chi,
senza dimenticare, nel dolore e nella discrezione, cambia se stesso.

Perdonare è donare totalmente.



Il tema del dono è uno tra i piú presenti nel grande cantiere della ricerca
e della riflessione contemporanea,
ma in una società dominata dal mercato e sempre piú individualista
c'è ancora posto per l'arte del donare come atto autentico di umanizzazione ?

Oggi, poi, persino il perdono, atto che attira una curiosità mediatica morbosa
e poco rispettosa, rischia di essere banalizzato.

Chi è arrivato a perdonare sa però che questo è un cammino lungo e faticoso, compiuto a caro prezzo poiché deve fare i conti con il problema del male.

Di fronte a esso le differenti vie religiose percorse dall'umanità hanno percepito
che l'unica cosa seria che si può fare è «soffrire insieme»,
praticare la
compassione .

Essa, anche secondo la rivelazione ebraico-cristiana, è l'unica risposta sensata
che l'uomo può dare davanti alla
sofferenza .
Questo sentimento, questa passione, da assumere in primo luogo nelle relazioni interpersonali, non si può limitare a tale dimensione, ma deve aprire una strada a livello sociale e anche politico ed economico.


Fonte:  Enzo Bianchi  Dono e perdono  Giulio Einaudi Editore

 

 

Il perdono è la qualità del coraggioso ,

non del codardo .


Gandhi

samurai


Molto, molto tempo fa, nei pressi di Tokyo viveva un vecchio e rispettato samurai che aveva vinto molte battaglie. Il suo tempo di guerriero era passato e ora si dedicava a insegnare il buddismo zen a giovani allievi, anche se sopravviveva la leggenda secondo la quale fosse tuttora in grado di sconfiggere qualsiasi avversario.

Un pomeriggio d’ estate, si presentò a casa sua un giovane guerriero noto per la sua arroganza e la poca cavalleria. Era famoso per il suo carattere provocatorio e i pochi scrupoli; la sua strategia era quella di provocare l’ avversario fino a quando questo, mosso dalla rabbia, abbassava la guardia attaccando alla cieca
e così lui contrattaccava con velocità fulminante.
Si dice che non aveva mai perduto uno scontro.

Conoscendo la reputazione di questo vecchio maestro samurai,
aveva quindi deciso di sfidarlo, sconfiggerlo e accrescere così la propria fama.

L' anziano samurai decise di accettare la sfida,
nonostante i suoi allievi si dichiarassero contrari.

Si recarono quindi tutti in una piazza della città: il giovane cominciò a insultarlo, lanciò prima alcuni sassi nella sua direzione, gli sputò poi in faccia,
gli urlò tutti gli insulti che conosceva, offendendo addirittura i suoi antenati.
Per lunghe ore fece di tutto per provocarlo ...

Tuttavia il vecchio maestro samurai si mantenne impassibile
senza sguainare la sua spada.

Giunta la sera, ormai esausto e umiliato,
il giovane impetuoso guerriero si dette per vinto e se ne andò.

Gli allievi del vecchio samurai, irritati dalle provocazioni e dagli insulti
che aveva ricevuto il loro maestro, non capivano perché lui non si fosse difeso
e considerarono il suo atteggiamento come un segno di codardia.

Quindi gli chiesero:

" Maestro, come avete potuto sopportare tante indegnità ?
Perché non avete usato la vostra spada ?
Anche sapendo che avreste potuto perdere la lotta,
avreste mostrato il vostro coraggio !
La gente penserà che siete un codardo ! “

Il maestro rispose:

" Se qualcuno arriva con un regalo e non lo accettate,
a chi appartiene il regalo ? "


" Alla persona che è venuta a consegnarlo ! " rispose uno dei suoi allievi.

" Bene, lo stesso vale per la rabbia, gli insulti e l’ invidia."
rispose l' anziano samurai.

" Quando non sono accettati,
continuano ad appartenere a chi li ha portati con sé ... "


 




L' Amore e il Perdono sono piu' forti di qualsiasi violenza,

solo l' amore e il perdono possono spezzare la catena vittima - carnefice.





detenuto



madre con bambino



abbraccio


Se abbracci qualcuno
con calore, con amore,
se non è soltanto un gesto formale,
se è un gesto caldo,
espressivo, vero,
se il tuo cuore fluisce
in quell'abbraccio,
immediatamente entri in contatto
con il bambino innocente
dentro di te.

Nessuno è troppo grande
per un abbraccio ...

 

angelo triste






Figure di cartone
(Le Orme)


In un mondo strano
tutto tuo
Fatto di figure
di cartone
E di tante bambole
di stoffa, vivi tu

Vivi chiusa in
quelle quattro mura,
Non ricordi chi
ti ci ha portato
E conosci solo
chi ora gioca con te

Tu non hai
le ansie del futuro
Per te il tempo
non ha più valore,
Ciò che hai fatto ieri
tu domani rifarai

E nei tuoi sogni
Parli con gli Angeli

In un cerchio chiuso
di pazzia
Hai perduto
la tua giovinezza
Come un fiore
tolto dal suo ramo
a primavera

Dai un nome
a tutte le farfalle
E confessi al vento
i tuoi amori
Danzi sola
nei corridoi vuoti
quando è sera

Stringi forte al petto
il tuo cuscino
E sul muro bianco
si disegna il profilo
di una donna
con il suo bambino
E così felice
ti addormenti

il video



 






faccina in prigione

Il carcere è solo un mondo
simile a quello esterno
ma solo compresso
come un file musicale




by "un detenuto anonimo"


nessuna gabbia potrà spegnere il nostro bisogno di libertà !


Il mio canto libero (Lucio Battisti)

In un mondo che non ci vuole più
il mio canto libero sei tu
E l' immensità si apre intorno a noi
al di là del limite degli occhi tuoi

Nasce il sentimento,
nasce in mezzo al pianto
e s' innalza altissimo e va
e vola sulle accuse della gente
a tutti i suoi retaggi indifferente
sorretto da un anelito d'amore,
di vero amore

In un mondo che
Pietre un giorno case
prigioniero è respiriamo liberi
ricoperte dalle rose selvatiche rivivono
io e te
ci chiamano
E la verità
Boschi abbandonati
si offre nuda a noi
e perciò sopravvissuti vergini
e limpida è l' immagine ormai
si aprono ci abbracciano

Nuove sensazioni, giovani emozioni
si esprimono purissime in noi
La veste dei fantasmi del passato
cadendo lascia il quadro immacolato
e s' alza un vento tiepido d'amore,
di vero amore

Riscopro te dolce compagna che
non sai domandare,
ma sai che ovunque andrai
al fianco tuo mi avrai se tu lo vuoi

Pietre un giorno case
ricoperte dalle rose selvatiche
rivivono ci chiamano
Boschi abbandonati
e perciò sopravvissuti vergini
si aprono ci abbracciano


In un mondo che prigioniero è
respiriamo liberi io e te
E la verità si offre nuda a noi
e limpida è l' immagine ormai

Nuove sensazioni, giovani emozioni
si esprimono purissime in noi
La veste dei fantasmi del passato
cadendo lascia il quadro immacolato
e s' alza un vento tiepido d'amore,
di vero Amore
riscopro Te …

il video



























Egy al sinth




a testa in giù




il mio canto libero




bambino sulla Terra








Gesù si avviò allora verso il monte degli Ulivi. Ma all'alba si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui ed egli, sedutosi, li ammaestrava.

Allora gli scribi e i farisei gli conducono una donna sorpresa in adulterio e, postala nel mezzo, gli dicono: "Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa.
Tu che ne dici?".
Questo dicevano per metterlo alla prova e per avere di che accusarlo.

Ma Gesù, chinatosi, si mise a scrivere col dito per terra.
E siccome insistevano nell'interrogarlo, alzò il capo e disse loro:

"Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei".

E chinatosi di nuovo, scriveva per terra.

Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno,
cominciando dai più anziani fino agli ultimi.

Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo. Alzatosi allora Gesù le disse:
"Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?". Ed essa rispose: "Nessuno, Signore".
E Gesù le disse: "Neanch' io ti condanno; va' e d'ora in poi non peccare più".

Vangelo di Giovanni   8, 1 - 11



Pietre (Gian Pieretti)

pietre

Tu sei buono e ti tirano le pietre.
Sei cattivo e ti tirano le pietre.
Qualunque cosa fai, dovunque te ne vai,
tu sempre pietre in faccia prenderai.
Tu sei ricco e ti tirano le pietre
Non sei ricco e ti tirano le pietre
Al mondo non c'è mai qualcosa che gli va
e pietre prenderai senza pietà !

E così sarà
finché vivrai
Sarà così

Se lavori, ti tirano le pietre.
Non fai niente e ti tirano le pietre.
Qualunque cosa fai, capire tu non puoi
se è bene o male quello che tu fai.
Tu sei bello e ti tirano le pietre.
Tu sei brutto e ti tirano le pietre.
E il giorno che vorrai difenderti vedrai
che tante pietre in faccia prenderai !

E così sarà
finché vivrai
Sarà così

E così sarà
finché vivrai
Sarà così


    il video



Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre vostro.

Non giudicate e non sarete giudicati;
non condannate e non sarete condannati;

perdonate e vi sarà perdonato ;

date e vi sarà dato;

una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata nel grembo,
perché con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi in cambio".

Vangelo di Luca   6, 36 - 38



 

Ti ricordi il proverbio indiano... diceva pressapoco così:

"Ogni volta che vuoi giudicare qualcuno,
cammina prima per tre lune nei suoi mocassini."

Dobbiamo diventare dei grandi camminatori non credi ?

Camminare, camminare e camminare ancora, uno a fianco dell'altro,
scambiandosi le scarpe, uno nelle scarpe dell' altro.

Camminare pensando al giorno in cui siamo venuti al mondo
e a quello in cui ce ne andremo.

Camminare accanto alla fragilità,
nella nudità senza toghe, senza indici levati.

Dobbiamo camminare per costruire un mondo
la cui base non siano più il giudizio e il pregiudizio,
ma l' umiltà e la comprensione
.


Susanna Tamaro

 


 

La speranza ha due bellissimi figli, lo sdegno e il coraggio.
Sdegno per le cose come sono e coraggio per cambiarle.


Sant' Agostino


Solo quelli che sono abbastanza folli
da pensare di cambiare il mondo
possono cambiarlo davvero.

Gandhi


Gandhi


Come cambiare
il mondo ?


stella marina

Una tempesta terribile si abbatté sul mare.

Lame affilate di vento gelido trafiggevano l'acqua e la sollevavano in ondate gigantesche che si abbattevano sulla spiaggia come colpi di maglio, o come vomeri d'acciaio aravano il fondo marino scaraventando le piccole bestiole del fondo, i crostacei e i piccoli molluschi, a decine di metri dal bordo del mare.
Quando la tempesta passò, rapida come era arrivata, l'acqua si placò e si ritirò.

Ora la spiaggia era una distesa di fango in cui si contorcevano migliaia di stelle marine. Erano tante che la spiaggia sembrava colorata di rosa. Il fenomeno richiamò molta gente da tutte le parti della costa. Arrivarono anche delle troupe televisive per filmare lo strano fenomeno. Le stelle marine erano quasi immobili.
Stavano morendo.

Tra la gente, tenuto per mano dal papà, c'era anche un bambino che fissava con gli occhi pieni di tristezza le piccole stelle di mare.
Tutti stavano a guardare e nessuno faceva niente.
All'improvviso il bambino lasciò la mano del papà, si tolse le scarpe e le calze e corse sulla spiaggia. Si chinò, raccolse con le piccole mani tre piccole stelle di mare e, sempre correndo, le portò nell'acqua . Poi tornò indietro e ripeté l'operazione.

Dalla balaustrata di cemento, un uomo lo chiamò: "Ma che fai ragazzino?"
"Ributto in mare le stelle marine. Altrimenti muoiono tutte sulla spiaggia", rispose il bambino senza smettere di correre.
"Ma ci sono migliaia di stelle marine su questa spiaggia: non puoi certo salvarle tutte. Sono troppe!" gridò l'uomo.
"E questo succede su centinaia di altre spiagge lungo la costa !
Non puoi cambiare le cose !".

Il bambino sorrise, si chinò a raccogliere un'altra stella di mare e gettandola in acqua rispose: "Ho cambiato le cose per questa qui !" .


L'uomo rimase un attimo in silenzio, poi si chinò, si tolse le scarpe e le calze e scese in spiaggia. Cominciò a raccogliere stelle marine e a buttarle in acqua .
Un istante dopo scesero due ragazze ed erano in quattro a buttare stelle marine in acqua. Qualche minuto dopo erano in cinquanta, poi cento, duecento, migliaia di persone che buttavano stelle di mare nell'acqua .
Così furono salvate tutte.


bambino che ributta le stelle marine nel mare
    Per cambiare il mondo

    basterebbe che qualcuno, anche piccolo,

    avesse il coraggio di incominciare ...




Fonte : www.pensieridelgufo.it

 

 

Dieci Cento Mille

Cosa mi aspettavo
questo non lo so'
è strano questo mondo
io sogno ancora un po'
e penso tutta notte
a cosa non si sa
cerco di svegliarmi
adesso non mi va'

sogno solamente fantastiche poesie
in un mondo pazzo e pieno di bugie
vivo intensamente ogni piccola follia
vedo solo gente capace di magia

Dieci Cento Mille
mani che si alzano
poi si muovono
quante sono non lo so'
I protagonisti oggi siamo solo noi
vivi come vuoi e non fermarti mai...
Dieci Cento Mille
mani che si alzano
poi si muovono
quante sono non lo so'
I protagonisti oggi siamo solo noi
vivi come vuoi e non fermarti mai...

Dove stiamo andando
questo non si sa'
io scappo dai confini delle banalità

Dieci Cento Mille
ci manca ancora un po'
io son' vicino al sole
problemi non ne ho
vivo il mio momento in mezzo a tanti se
mi chiedo se il destino ha deciso già per me
adesso sono sveglio e distinguo la realtà
il mondo che volevo lo sto vivendo già

Dieci Cento Mille
mani che si alzano
poi si muovono
quante sono non lo so'
I protagonisti oggi siamo solo noi
vivi come vuoi e non fermarti mai...

Dieci Cento Mille
mani che si alzano
poi si muovono
quante sono non lo so'
I protagonisti oggi siamo solo noi
vivi come vuoi e non fermarti mai...





                  
Dieci Cento Mille ( Brothers)

 

 

 In un famoso aneddoto buddista,

un uomo che sta pilotando la sua barca su un lago in un giorno di nebbia

si arrabbia quando un’altra barca va a sbattergli contro.


Come spesso succede,
la sua rabbia nei confronti dell’altro continua a montare. 

Ma quando la nebbia si dirada, scopre che la barca era vuota. 

E la sua rabbia svanisce... 

 

 


 




carcere


    “Ero in prigione
    e siete venuti a trovarmi …”



Vangelo di Matteo, Cap. 25, 36

Lettera aperta
alle persone e alle comunità
del Friuli Venezia Giulia

NATALE 2006

Care amiche e cari amici, un'altra lettera, la 4^, per comunicarvi qualche frammento di riflessione per poi magari incontrarci nel dialogo, nell'approfondimento, in qualche orientamento e decisione significativi. Ci sentiamo sollecitati dalla partecipazione alle storie umane di tante donne e tanti uomini che fanno particolarmente fatica a procedere; viviamo l'imbarazzo di parlare di loro, consapevoli che è fondamentale, per tutti, noi per primi, incontrare il loro volto, ascoltare la loro voce. Cerchiamo di esprimere i vissuti tribolati e dolorosi, le richieste, le dimensioni umane con cui ci coinvolgono, e percepiamo come questa passione, questo patire con, venga in noi proposto e alimentato dalla compassione di GESU' di Nazaret per ogni persona, con attenzione particolare ai colpiti, agli affaticati, agli oppressi ...

Ci pare di capire che questa profonda vibrazione dell'animo con il coinvolgimento nell'attenzione, nella premura, nella cura, nell'accompagnamento, è fra le esperienze significative dell'appartenenza al Regno di Dio. In particolare l'accostamento di due luoghi provoca in noi profonde perplessità, anche sconcerto, esigenza di analizzare meccanismi sociali, culturali, politici, religiosi; denunciare diffusa disumanità, di proporre percorsi e segni concreti di cambiamento, incoraggiati dalle esperienze positive in atto. Uno dei luoghi è ampio, abitato da tante persone, da noi tutti: è formato dai paesi, città, dal territorio, con l'organizzazione dei vari aspetti della vita, della società e delle comunità. Le persone che vi abitano dovrebbero essere tutte esseri umani con uguale dignità, ma la condizione esistenziale di molte è alquanto diversa; più di qualche volta esse diventano fenomeno sociale su cui si organizzano i convegni di esperti che quasi mai le incontrano e le conoscono.

Il territorio è abitato anche da persone povere materialmente, sole, abbandonate, ai margini; sofferenti nel corpo e nella psiche, dipendenti da sostanze; donne sulla strada, minori senza riferimenti significativi, disoccupati, nomadi, immigrati, usciti dal carcere ...

Storie di persone con problemi da incontrare, non da identificare con il loro problema e quindi da eliminare per risolverlo. Storie nelle quali alcuni criteri della cultura dominante incidono in modo decisivo: - l’accumulo, il possesso, la difesa dei privilegi; - la riuscita vincente, sempre, a qualunque costo; - l’efficienza, la produzione e il consumo comunque ottenuti; - l’esaltazione del corpo giovane, bello, prestante; - l’indifferenza alle situazioni difficili, tribolate, faticose, "limitate"; - la concezione della legge come garanzia personale e di gruppo e della sicurezza come continuità di questo tipo di vita. La legalità per la società è questione decisiva quando afferma egualmente i diritti umani fondamentali per ciascuna persona e quando sancisce e punisce chi viola la legge proprio perché garanzia di questi diritti, soprattutto quello di vivere con dignità, rispondendo quindi alle esigenze fondamentali di ogni persona.

Ci sostiene in questo passaggio della nostra riflessione l'indicazione di don Lorenzo Milani: "Posso solo dire ai ragazzi che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservarle quando sono giuste, cioè quando sono la forza del debole. Quando invece vedranno che non sono giuste, cioè quando sanzionano il sopruso del forte, essi dovranno battersi perché siano cambiate." In diverse situazioni ci pare che le leggi non siano la forza dei deboli. Siamo convinti che la responsabilità personale è sempre importante, anche per un cammino di ripresa e di liberazione; nello stesso tempo riconosciamo gli intrecci delle storie, delle situazioni e dei condizionamenti; nessuna giustificazione del male compiuto che resta tale, ma il tentativo di indagarne le motivazioni proprio per poterne guarire. Chi sbaglia nella società è chiamato a "pagare"; la convinzione della pena giusta e sicura può favorire un clima sociale più rassicurato, come anche l'attenzione e la premura per le vittime e i loro familiari; più di qualche volta in verità emerge la diffusa mentalità che pretende di colpire particolarmente in modo esemplare riducendo alcuni a capri espiatori. Per l'espiazione delle pene ci sono le carceri: è l'altro luogo, totalmente segregato dal primo e per questo istituzione totale. Alcuni di noi, in particolare, lo frequentano spesso e vi incontrano le persone che in gran parte sono quelle incontrate nella società e prima già conosciute. Povere materialmente, sole, abbandonate, ai margini; sofferenti nel corpo e nella psiche, dipendenti da sostanze; donne sulla strada, minori senza riferimenti significativi, disoccupati, nomadi, immigrati, usciti dal carcere e poi rientrati. Riscontriamo quindi non una separazione fra i due luoghi, ma una continuità: quella dell' indifferenza, dell' emarginazione, dell' abbandono. A questo proposito va sottolineata la presenza anche nella nostra Regione di un Centro di permanenza temporanea (CPT) a Gradisca d'Isonzo per contenervi immigrati da identificare con modalità di reclusione, non certo di accoglienza. Le condizioni del carcere sono disumane: per il sovraffollamento, per l'inattività, per la solitudine e l'abbandono, per la mancanza di futuro, di speranza; per una situazione generale di disagio, di incertezza, di burocrazia, di lentezza, di abbandono in cui versa la giustizia. Per gli stranieri così numerosi in carcere si aggiungono altri problemi come la lingua, minore assistenza, la lontananza da casa. Si può affermare che questa società ha bisogno di questo carcere ... Il recente indulto ha ridotto in modo significativo il sovraffollamento; una preparazione culturale, sociale di reinserimento più ampia e lunga nel tempo avrebbe favorito esperienze significative e percorsi più umani in tante persone uscite; anche se, rispetto agli allarmismi diffusi, delle 23 mila persone liberate su 60 mila, meno di un migliaio sono rientrate in carcere per la violazione della legge. Avvertiamo l'esigenza culturale ed etica che, attuando il dettato della nostra Costituzione che indica anche nella rieducazione la finalità della pena, il carcere sia profondamente trasformato; riteniamo che possa avvenire se e quando i due luoghi si rapportano in modo diverso, non alimentando così il corto circuito dell'emarginazione e della disumanizzazione. Una società che tende progressivamente alla sua umanizzazione riduce la marginalità e riconosce la soggettività della persona; umanizza il carcere con scelte caratterizzate dalla fiducia, dall'appartenenza alla comunità, dal lavoro all'interno e fuori; da luoghi alternativi al carcere stesso per poter vivere umanamente la pena; dal.'istituzione della figura di un garante che possa accompagnare in modo significativo una persona nel suo percorso. E' importante che una nuova cultura si diffonda a cominciare dalla scuola, riguardo alla legalità, alla pena, ai luoghi dove scontarla e alle modalità con cui questa esperienza avviene. La politica e le istituzioni, non in modo occasionale e parziale, come ora avviene, dovrebbero assumere la questione con serietà e continuità proprio perché il carcere rimanda l 'immagine della società; la politica, ricordando ancora l'insegnamento di don Lorenzo Milani, "è l' arte di uscire insieme dai problemi, perché tutto il resto è egoismo."

La Chiesa è presente nelle carceri in modo significativo con i cappellani e con qualche altro prete che, proprio perché incontra prima le persone affaticate e ai margini, continua ad incontrarle in carcere. Assume particolare rilievo la presenza di chi volontariamente si dedica ad esperienze di vicinanza e di umanità. Per quanto riguarda la Chiesa, sarebbe importante favorisse in continuità sensibilità e attenzione alle storie di queste persone, magari con "l' adozione" di qualcuno che fa parte della comunità e del territorio, e che si trova in carcere, cerca alternative, vive il periodo successivo.

Nel Vangelo GESU' di Nazaret ha indicato tra le persone in cui possiamo incontrarlo e riconoscerlo ogni giorno i carcerati:

"Ero in prigione e siete venuti a trovarmi ..."

Il coinvolgimento con le storie di queste donne e di questi uomini e delle loro famiglie è dimensione profondamente umana e chiaramente evangelica: le due sensibilità e le decisioni che ne conseguono non sono separabili, sono un 'unica esperienza a cui siamo sollecitati.

Cordiali saluti a tutte e a tutti voi nella speranza di un Natale significativo.

don Pierluigi Di Piazza, Zugliano
don Franco Saccavini, San Domenico, Udine
don Federico Schiavon, Udine
don Andrea Bellavite, Gorizia
don Alberto De Nadai, Gorizia
don Luigi Fontanot, Fiumicello (UD)
don Giacomo Tolot, Vallenoncello (PN)
p. Alessandro Paradisi, Pordenone
don Piergiorgio Rigolo, Pordenone
don Mario Vatta, Trieste
don Alex Cogliati, Muggia (TS)

 

 

<> Comunità di San Martino al Campo, comunità di accoglienza - onlus

Trieste, 10 marzo 2008

"Per noi essere comunità significa accettare una sfida.
La Comunità di San Martino al Campo è, fin dal suo costituirsi nel 1970, un laboratorio: la sua vocazione è trovare, immaginare, sperimentare nuove soluzioni e servizi di fronte all'evolversi delle situazioni di bisogno ed emarginazione sociale." (da "Il dovere della fiducia" Nuovo Documento Base)

La comunità nasce e continua ad esistere per fare un pezzo di strada con chi fa più fatica: giovani e adulti con disturbo mentale, alcolisti, tossicodipendenti, carcerati, senza fissa dimora, persone che nella loro vita hanno incontrato numerosi fallimenti, adolescenti impegnati nella "fatica" della crescita. Concretamente l'azione della Comunità si articola in tre ambiti fondamentali di impegno: accoglienza residenziale, ascolto e assistenza, prevenzione e formazione.


logo Comunità di San Martino al Campo

www.smartinocampo.it

 

Anniversario: dieci anni del Gruppo Carcere

A volte si può inciampare

"Nulla l’ uomo teme di più che essere toccato dall’ignoto. Vogliamo vedere ciò che
si protende dietro di noi: vogliamo conoscerlo o almeno classificarlo.
Dovunque, l’uomo evita di essere toccato da ciò che gli è estraneo”.

Così scrive Elias Canetti nelle prime righe di Massa e potere (ed. Adelphi).
Forse è proprio per questa stessa paura che il carcere resta fuori dal campo visivo dello sguardo sociale. La paura di essere toccati dal male, quel male che vogliamo circoscritto, isolato, rinchiuso fra mura come se il totalmente cattivo non potesse che stare dentro, mentre l’assolutamente buono non debba che restare fuori.
Il carcere per rinchiudere illusoriamente tutti i nostri mali e le nostre paure, ciò che ci è estraneo, ciò che non vogliamo toccare, come dice Canetti, dimenticando che siamo tutti fatti di bene e di male e che sulla via dell’esistenza a volte si inciampa .

Ed è proprio lungo questa via che da dieci anni
il Gruppo carcere si trova ad operare. … ...

Leggi l'articolo completo    di Carmen Gasparotto

pagina 13 de Il Punto n. 74 - marzo 2018,
periodico trimestrale della Comunità di San Martino al Campo di Trieste.

 

 


<> "Ristretti" Pagine di cultura e informazione dalla Casa di Reclusione di Padova e dall'Istituto di Pena Femminile della Giudecca, realizzate da detenuti, detenute, operatori volontari

ristretti

www.ristretti.it





  La creazione del “mostro”...
 I totalmente buoni e gli assolutamente cattivi  pdf

Fonte: Giornata Nazionale di Studi
“I totalmente buoni e gli assolutamente cattivi”
Casa di Reclusione di Padova, 20 maggio 2011 - Redazione di Ristretti Orizzonti.

 

  Oggi le principali agenzie di stampa sono le Procure

Oggi le principali agenzie di stampa sono le Procure  


Fonte: Ristretti Orizzonti - "Oggi le principali agenzie di stampa sono le Procure"
di Nicola Quatrano - Il Dubbio, 14 novembre 2017.

 

  Suicidi in carcere, punizioni disciplinari per chi sopravvive

Suicidi in carcere, punizioni disciplinari per chi sopravvive  icona pdf


Fonte: Ristretti Orizzonti - chiarapenna.it, 24 ottobre 2017.

 

  Appello per la scarcerazione di tutte le persone detenute
                  gravemente ammalate

Appello per la scarcerazione  icona pdf


Fonte: documento pubblicato il 14 luglio 2018 da Ristretti News.

 

  Carcere: ecco come vivono i detenuti nelle prigioni italiane

Sovraffollamento cronico, celle senza doccia, la condanna della Corte europea per i diritti dell' uomo. E i suicidi dietro le sbarre, ancora troppi. Ecco cosa emerge dal
l' ultimo Rapporto sulle condizioni di detenzione dell' associazione Antigone


osservatoriodiritti.it/2018/04/20/carcere-in-italia-detenuti-prigioni-italiane/


Fonte: Osservatorio Diritti, articolo di Gaetano De Monte, 20 aprile 2018

 

  Dal processo mediatico o all' hate speech

Il legame tra le "sentenze" emesse dal popolo e l'uso del web per insultare e minacciare. È un meccanismo ormai consolidato, apparentemente ineluttabile, invincibile: è l' odio in Rete ...

Dal processo mediatico o all' hate speech  icona pdf


Fonte: le news di Ristretti "Dal processo mediatico o all' hate speech"
di Angela Azzaro - Il Dubbio, 18 ottobre 2017.

 

  L' odio ? È sempre esistito, ma ora è stato sdoganato

L'odio? È sempre esistito, ma ora è stato sdoganato  icona pdf


Fonte: le news di Ristretti "L' odio ? È sempre esistito, ma ora è stato sdoganato"
di Savino Pezzotta - Il Dubbio, 1 settembre 2017.

 

  La violenza va combattuta sempre, anche a partire dalle parole

Le persone che sono da anni in carcere rischiano, quando usciranno, di trovare un mondo irriconoscibile, dove si usano parole molto più violente, soprattutto ad opera di chi si nasconde dietro i social per esprimere rabbia e odio.

Quei detenuti, che spesso hanno compiuto atti violenti, e che oggi però stanno facendo un percorso di assunzione di responsabilità, hanno capito che la violenza va combattuta sempre, anche a partire dalle parole, e che ripulire il linguaggio da ogni forma di aggressività è un modo per affrontare la vita tenendo sotto controllo i propri peggiori istinti, quelli che tante volte portano a commettere reati. Quelle che seguono sono le testimonianze di alcuni di loro su questo tema ...

La violenza va combattuta sempre, anche a partire dalle parole  icona pdf


Fonte: le news di Ristretti
"La violenza va combattuta sempre, anche a partire dalle parole"
Il Mattino di Padova, 18 giugno 2018.

 

 

  CORONAVIRUS

 

Affrontare l'emergenza, per la salute, contro l'isolamento,
per la dignità. Le proposte di Antigone, Anpi, Arci,
Cgil e Gruppo Abele

 

clicca qui

 

Fonte: Antigone - Per i diritti e le garanzie nel sistema penale - 14 marzo 2020

 

I Diritti Umani disattesi dei detenuti di Poggioreale
in emergenza Covid-19

 

clicca qui

 

Fonte: magazine The Dailycases - 8 Aprile 2020

 

 




 


 

no ! pena di morte

AMNESTY INTERNATIONAL

 

 

Lupo Alberto

clicca l' immagine
per ingrandirla
in una nuova finestra


san Francesco e il lupo di Gubbio  Il lupo di Gubbio

"Al tempo che santo Francesco dimorava nella città di Agobbio, nel contado d'Agobbio apparì un lupo grandissimo, terribile e feroce, il quale non solamente divorava gli animali, ma eziandio gli uomini; in tanto che tutti i cittadini stavano in gran paura, però che spesse volte s'appressava alla città; e tutti andavano armati quando uscivano della città, come s'eglino andassono a combattere, e con tutto ciò non si poteano difendere da lui, chi in lui si scontrava solo. E per paura di questo lupo e'vennono a tanto, che nessuno era ardito d'uscire fuori della terra.

Per la qual cosa avendo compassione santo Francesco agli uomini della terra, sì volle uscire fuori a questo lupo, bene che li cittadini al tutto non gliel consigliavano; e facendosi il segno della santissima croce, uscì fuori della terra egli co' suoi compagni, tutta la sua confidanza ponendo in Dio. E dubitando gli altri di andare più oltre, santo Francesco prese il cammino inverso il luogo dove era il lupo. Ed ecco che, vedendo molti cittadini li quali erano venuti a vedere cotesto miracolo, il detto lupo si fa incontro a santo Francesco, con la bocca aperta; ed appressandosi a lui
santo Francesco gli fa il segno della santissima croce, e chiamollo a sé e disse così: "Vieni qui, frate lupo, io ti comando dalla parte di Cristo che tu non facci male né a me né a persona". Mirabile cosa a dire! Immantanente che santo Francesco ebbe fatta la croce, il lupo terribile chiuse la bocca e ristette di correre; e fatto il comandamento, venne mansuetamente come agnello, e gittossi alli piedi di santo Francesco a giacere.

E santo Francesco gli parlò così: "Frate lupo, tu fai molti danni in queste parti, e hai fatti grandi malifici, guastando e uccidendo le creature di Dio sanza sua licenza, e non solamente hai uccise e divorate le bestie, ma hai avuto ardire d'uccidere uomini fatti alla immagine di Dio; per la qual cosa tu se' degno delle forche come ladro e omicida pessimo; e ogni gente grida e mormora di te, e tutta questa terra t' è nemica. Ma io voglio, frate lupo, far la pace fra te e costoro, sicché tu non gli offenda più, ed eglino ti perdonino ogni passata offesa, e né li uomini né li cani ti perseguitino più". E dette queste parole, il lupo con atti di corpo e di coda e di orecchi e con inchinare il capo mostrava d'accettare ciò che santo Francesco dicea e di volerlo osservare. Allora santo Francesco disse: "Frate lupo, poiché ti piace di fare e di tenere questa pace, io ti prometto ch'io ti farò dare le spese continuamente, mentre tu viverai, dagli uomini di questa terra, sicché tu non patirai più fame; imperò che io so bene che per la fame tu hai fatto ogni male. Ma poich'io t'accatto questa grazia, io voglio, frate lupo, che tu mi imprometta che tu non nocerai mai a nessuna persona umana né ad animale: promettimi tu questo?". E il lupo, con inchinare di capo, fece evidente segnale che 'l prometteva. E santo Francesco sì dice: "Frate lupo, io voglio che tu mi facci fede di questa promessa, acciò ch'io me ne possa bene fidare". E distendendo la mano santo Francesco per ricevere la sua fede, il lupo levò su il piè ritto dinanzi, e dimesticamente lo puose sopra la mano di santo Francesco, dandogli quello segnale ch'egli potea di fede. E allora disse
santo Francesco: "Frate lupo, io ti comando nel nome di Gesù Cristo, che tu venga ora meco sanza dubitare di nulla, e andiamo a fermare questa pace al nome di DIO". E il lupo ubbidiente se ne va con lui a modo d'uno agnello mansueto; di che li cittadini, vedendo questo, fortemente si maravigliavano.

E subitamente questa novità si seppe per tutta la città; di che ogni gente, maschi e femmine, grandi e piccioli, giovani e vecchi, traggono alla piazza a vedere il lupo con santo Francesco. Ed essendo ivi bene raunato tutto 'l popolo, levasi su santo Francesco e predica loro, dicendo, tra l'altre cose, come per li peccati Iddio permette cotali cose e pestilenze, e troppo è più pericolosa la fiamma dello inferno, la quale ci ha a durare eternalemente alli dannati, che non è la rabbia dello lupo il quale non può uccidere se non il corpo: "quanto è dunque da temere la bocca dello inferno, quando tanta moltitudine tiene in paura e in tremore la bocca d'un piccolo animale. Tornate dunque, carissimi, a Dio e fate degna penitenza de'vostri peccati, e Iddio vi libererà del lupo nel presente e nel futuro dal fuoco infernale". E fatta la predica, disse santo Francesco: "Udite, fratelli miei: frate lupo che è qui dinanzi da voi, sì m'ha promesso, e fattomene fede, di far pace con voi e di non offendervi mai in cosa nessuna, e voi gli promettete di dargli ogni dì le cose necessarie; ed io v'entro mallevadore per lui che 'l patto della pace egli osserverà fermamente". Allora tutto il popolo a una voce promise di nutricarlo continovamente. E santo Francesco, dinanzi a tutti, disse al lupo: "E tu, frate lupo, prometti d'osservare a costoro il patto della pace, che tu non offenda né gli uomini, né gli animali, né nessuna creatura?". E il lupo inginocchiasi e inchina il capo e con atti mansueti di corpo e di coda e d'orecchi dimostrava, quanto è possibile, di volere servare loro ogni patto. Dice santo Francesco: "Frate lupo, io voglio che come tu mi desti fede di questa promessa fuori della porta, così dinanzi a tutto il popolo mi dia fede della tua promessa, che tu non mi ingannerai della mia promessa e malleveria ch'io ho fatta per te". Allora il lupo levando il piè ritto, sì 'l puose in mano di santo Francesco.

Onde tra questo atto e gli altri detti di sopra fu tanta allegrezza e ammirazione in tutto il popolo, sì per la divozione del Santo e sì per la novità del miracolo e sì per la pace del lupo, che tutti incominciarono a gridare al cielo, laudando e benedicendo Iddio, il quale sì avea loro mandato santo Francesco, che per li suoi meriti gli avea liberati dalla bocca della crudele bestia. E poi il detto lupo vivette due anni in Agobbio, ed entravasi dimesticamente per le case a uscio a uscio, sanza fare male a persona e sanza esserne fatto a lui, e fu nutricato cortesemente dalla gente, e andandosi così per la terra e per le case, giammai nessuno cane gli abbaiava drieto. Finalmente dopo due anni frate lupo si morì di vecchiaia, di che li cittadini molto si dolsono, imperò che veggendolo andare così mansueto per la città, si raccordavano meglio della virtù e santità di santo Francesco.

A laude di Gesù Cristo e del poverello Francesco. Amen."


Fonte: Il lupo di Gubbio - Tommaso da Celano, Fioretti, capitolo XXI



Leggenda cherokee dei due lupi (versione semplificata)



il brutto anatroccolo   Il brutto anatroccolo

L'estate era iniziata; i campi agitavano le loro spighe dorate, mentre il fieno tagliato profumava la campagna. In un luogo appartato, nascosta da fitti cespugli vicini ad un laghetto, mamma anatra aveva iniziato la nuova cova. Siccome riceveva pochissime visite, il tempo le passava molto lentamente ed era impaziente di vedere uscire dal guscio la propria prole … finalmente, uno dopo l'altro, i gusci scricchiolarono e lasciarono uscire alcuni adorabili anatroccoli gialli. - Pip! Pip! Pip! Esclamarono i nuovi nati, il mondo è grande ed è bello vivere!
- Il mondo non finisce qui, li ammonì mamma anatra, si estende ben oltre il laghetto, fino al villaggio vicino, ma io non ci sono mai andata. Ci siete tutti? - Domandò. Mentre si avvicinava, notò che l'uovo più grande non si era ancora schiuso e se ne meravigliò. Si mise allora a covarlo nuovamente con aria contrariata.

- Buongiorno! Come va? - Le domandò una vecchia anatra un po' curiosa che era venuta in quel momento a farle visita.
- Il guscio di questo grosso uovo non vuole aprirsi, guarda invece gli altri piccoli, non trovi che siano meravigliosi? - Mostrami un po' quest'uovo. - Disse la vecchia anatra per tutta risposta. - Ah! Caspita! Si direbbe un uovo di tacchino! Ho avuto anche io, tempo fa, questa sorpresa: quello che avevo scambiato per un anatroccolo era in realtà un tacchino e per questo non voleva mai entrare in acqua. Quest'uovo è certamente un uovo di tacchino. Abbandonalo ed insegna piuttosto a nuotare agli altri anatroccoli! - Oh! Un giorno di più che vuoi che mi importi! Posso ancora covare per un po'. - Rispose l'anatra ben decisa. - Tu sei la più testarda che io conosca! - Borbottò allora la vecchia anatra allontanandosi.

Finalmente il grosso uovo si aprì e lascio uscire un grande anatroccolo brutto e tutto grigio. - Sarà un tacchino! - Si preoccupò l'anatra. - Bah! Lo saprò domani! Il giorno seguente, infatti, l'anatra portò la sua piccola famiglia ad un vicino ruscello e saltò nell'acqua: gli anatroccoli la seguirono tutti, compreso quello brutto e grigio. - Mi sento già più sollevata, - sospirò l'anatra, - almeno non è un tacchino! Ora, venite piccini, vi presenterò ai vostri cugini. La piccola comitiva camminò faticosamente fino al laghetto e gli anatroccoli salutarono le altre anatre.

- Oh! Guardate, i nuovi venuti! Come se non fossimo già numerosi! … e questo anatroccolo grigio non lo vogliamo! - Disse una grossa anatra, morsicando il poverino sul collo. - Non fategli male! - Gridò la mamma anatra furiosa - E' così grande e brutto che viene voglia di maltrattarlo! - Aggiunse la grossa anitra con tono beffardo. - E' un vero peccato che sia così sgraziato, gli altri sono tutti adorabili, - rincarò la vecchia anatra che era andata a vedere la covata. - Non sarà bello adesso, può darsi però che, crescendo , cambi; e poi ha un buon carattere e nuota meglio dei suoi fratelli, - assicurò mamma anatra, - la bellezza, per un maschio, non ha importanza, - concluse, e lo accarezzò con il becco - andate, piccoli miei, divertitevi e nuotate bene!

Tuttavia, l'anatroccolo, da quel giorno fu schernito da tutti gli animali del cortile: le galline e le anatre lo urtavano, mentre il tacchino, gonfiando le sue piume, lo impauriva. Nei giorni che seguirono, le cose si aggravarono: il fattore lo prese a calci e i suoi fratelli non perdevano occasione per deriderlo e maltrattarlo. Il piccolo anatroccolo era molto infelice.

Un giorno, stanco della situazione, scappò da sotto la siepe. Gli uccelli, vedendolo, si rifugiarono nei cespugli. "sono così brutto che faccio paura!" pensò l'anatroccolo. Continuò il suo cammino e si rifugiò, esausto, in una palude abitata da anatre selvatiche che accettarono di lasciargli un posticino fra le canne. Verso sera, arrivarono due oche selvatiche che maltrattarono il povero anatroccolo già così sfortunato. Improvvisamente, risuonarono alcuni spari … le due oche caddero morte nell'acqua! I cacciatori, posti intorno alla palude, continuarono a sparare. Poi i lori cani solcarono i giunchi e le canne. Al calar della notte, il rumore cessò. Il brutto anatroccolo ne approfittò per scappare il più velocemente possibile. Attraversò campi e prati, mentre infuriava una violenta tempesta.

Dopo qualche ora di marcia, arrivò ad una catapecchia la cui porta era socchiusa. L'anatroccolo si infilò dentro: era la dimora di una vecchia donna che viveva con un gatto ed una gallina. Alla vista dell'anatroccolo, il micio cominciò a miagolare e la gallina cominciò a chiocciare, tanto che la vecchietta, che aveva la vista scarsa, esclamò: - Oh, una magnifica anatra! Che bellezza, avrò anche le uova … purché non sia un' anatra maschio! Beh, lo vedremo, aspettiamo un po'! La vecchia attese tre lunghe settimane … ma le uova non arrivarono e cominciò a domandarsi se fosse davvero un'anatra! Un giorno, il micio e la gallina, che dettavano legge nella stamberga, interrogarono l'anatroccolo: - Sai deporre le uova? - domandò la gallina; - No … - rispose l'anatroccolo un po' stupito. - Sai fare la ruota? - domandò il gatto; - No, non ho mai imparato a farla! - rispose l'anatroccolo sempre più meravigliato. - Allora vai a sederti in un angolo e non muoverti più! - gli intimarono i due animali con cattiveria. Improvvisamente, un raggio di sole e un alito di brezza entrarono dalla porta. L'anatroccolo ebbe subito una grande voglia di nuotare e scappò lontano da quegli animali stupidi e cattivi.

L'autunno era alle porte, le foglie diventarono rosse poi caddero. Una sera, l'anatroccolo vide alcuni bellissimi uccelli bianchi dal lungo collo che volavano verso i paesi caldi. Li guardò a lungo girando come una trottola nell'acqua del ruscello per vederli meglio: erano cigni! Come li invidiava! L'inverno arrivò freddo e pungente; l'anatroccolo faceva ogni giorno un po' di esercizi nel ruscello per riscaldarsi. Una sera dovette agitare molto forte le sue piccole zampe perché l'acqua intorno a lui non gelasse: ma il ghiaccio lo accerchiava di minuto in minuto … finché, esausto e ghiacciato, svenne. Il giorno seguente, un contadino lo trovò quasi senza vita; ruppe il ghiaccio che lo circondava e lo portò ai suoi ragazzi che lo circondarono per giocare con lui. Ahimè, il poveretto ebbe una gran paura e si gettò prima dentro un bidone di latte e poi in una cassa della farina. Finalmente riuscì ad uscire e prese il volo inseguito dalla moglie del contadino. Ancora una volta il brutto anatroccolo scappò ben lontano per rifugiarsi, esausto, in un buco nella neve.

L'inverno fu lungo e le sue sofferenze molto grandi … ma un giorno le allodole cominciarono a cantare e il sole riscaldò la terra: la primavera era finalmente arrivata! L'anatroccolo si accorse che le sue ali battevano con molto più vigore e che erano anche molto robuste per trasportarlo sempre più lontano. Partì dunque per cercare nuovi luoghi e si posò in un prato fiorito. Un salice maestoso bagnava i suoi rami nell'acqua di uno stagno dove tre cigni facevano evoluzioni graziose. Conosceva bene quei meravigliosi uccelli!

L'anatroccolo si lanciò disperato verso di loro gridando:

Ammazzatemi, non sono degno di voi !

Improvvisamente si accorse del suo riflesso sull'acqua :  che sorpresa !
Che felicità !  Non osava crederci: non era più un anatroccolo grigio …
era diventato un cigno :  come loro !!
I tre cigni si avvicinarono e lo accarezzarono con il becco dandogli così il benvenuto, mentre alcuni ragazzi attorno allo stagno declamavano a gran voce la sua bellezza e la sua eleganza. Mise la testa sotto le ali, quasi vergognoso di tanti complimenti e tanta fortuna: lui che era stato per tanto tempo un brutto anatroccolo era finalmente felice e ammirato.

Fonte: Il brutto anatroccolo - H. C. Andersen

 



 







Gli altri siamo noi
(Umberto Tozzi)


Non sono stato mai più solo di così
è notte ma vorrei che fosse presto lunedì
con gli altri insieme a me per fare la città
con gli altri chiusi in sé che si aprono al sole
come fiori quando si risvegliano, si rivestono,
quando escono, partono, arrivano
ci somigliano, angeli e avvoltoi,
come specchi, gli occhi nei volti,
perché gli altri siamo noi.

I muri vanno giù al soffio di un'idea
Allah come Gesù
in chiesa o dentro una moschea
e gli altri siamo noi ma qui su una stessa via
vigliaccamente eroi lasciamo indietro
i pezzi di altri nodi che ci aspettano
e si chiedono perché nascono e subito muoiono
forse rondini foglie d'Africa ci sorridono
di malinconia e tutti vittime e carnefici
tanto prima o poi gli altri siamo noi.

Quando cantano, quando piangono
gli altri siamo noi siamo noi siamo noi

In questo mondo gli altri siamo noi

Quando nascono, quando muoiono
gli altri siamo noi siamo noi siamo noi

Gli altri siamo noi

Noi che stiamo in comodi deserti
di appartamenti e di tranquillità
lontani dagli altri,
ma tanto prima o poi gli altri siamo noi.

In questo mondo piccolo oramai
Gli altri siamo noi

Gli altri siamo noi Gli altri siamo noi
Gli altri siamo noi Gli altri siamo noi

Si gli altri siamo noi fra gli Indios e gli Indù
ragazzi in farmacie che ormai
non ce la fanno più,
famiglie di operai licenziati dai robot
e zingari dell'est in riserve di periferia
siamo tutti vittime e carnefici
tanto prima o poi gli altri siamo noi.

L'Amazzonia, il Sud Africa,
gli altri siamo noi siamo noi siamo noi
quando sparano quando sperano
Gli altri siamo noi siamo noi siamo noi
Gli altri siamo noi Gli altri siamo noi

In questo mondo gli altri siamo noi
In questo mondo piccolo oramai
Gli altri siamo noi

In questo mondo
gli altri
siamo noi

 












 

Le lacrime che avrai fatto scorrere ...

Le lacrime
che avrai fatto scorrere
dagli occhi di qualcuno,
marcheranno il tuo viso
ancor più profondamente

attacco alle torri di New York

Il peso che avrai posto
sul cuore di un amico,
verrà posto sul tuo,
sempre più pesantemente
nei giorni che verranno

guerra in Iraq

La pietra che avrai scansato
dal sentiero del cieco,
colpirà la vipera
che attende sul sentiero tuo

manifestazione per la pace

Il peso che hai legato
ai piedi di un altro,
trascinerà i tuoi piedi
nella desolazione

soccorso di migranti su un gommone

Il riparo che avrai offerto
al viandante, ti proteggerà
dalle violente tempeste della vita

stop razzismo

Il gioiello che hai rubato
dal forziere di un altro,
brucerà e torturerà la mano
in cui è stato nascosto

girotondo dei bambini del mondo

Il pane che tu hai dato
agli affamati,
varrà per te,
il nutrimento di tanti altri pani



La menzogna per mezzo di cui
hai ottenuto il tuo scopo,
corroderà i tuoi organi vitali

bandiera della pace

Le stringhe delle scarpe
che hai allacciato
agli storpi o agli zoppi,
legheranno come catene
le mani dei tuoi nemici

disertare la guerra

Perché la legge del giusto
non può essere ostacolata a lungo
Ciò che hai seminato raccoglierai,
sia gioia che dolore, sia odio che pace



Perché tu puoi programmare
l'ora della semina,
ma non l'ora del raccolto
L'ora del raccolto
sarà stabilita
soltanto dalla mano di DIO



no xenofobia

bambine afghane

 



" I have a dream
that my four little children will one day live in a nation
where they will not be judged by the color of their skin,
but by the content of their character.
I have a dream today ! "

" Io ho un sogno,
che i miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione
nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle,
ma per ciò che la loro persona contiene.
Io ho un sogno oggi ! "


Martin Luther King

Martin Luther King

 

 

PERSONE   NON CONFINI !   PONTI   NON MURI !





Germany, 1944 e America, 2018



                 Manifestazioni di protesta negli USA

Kikito, a giant baby peering over the US-Mexico border...
Kikito, un bambino gigante che guarda il confine tra gli Usa e il Messico...

 

no frontiere

“Le frontiere non esistono in natura; sono un sistema di controllo.
Non proteggono le persone, le mettono una contro l’ altra.
Non favoriscono l’ incontro, ma generano rancore.
Le frontiere non dividono un mondo da un altro, c’è un solo mondo
e le frontiere lo stanno lacerando.”

Da un volantino della rete di solidarietà Briser les frontiéres - Melting Pot Europa.

 

Oscar Ramirez morto annegato insieme alla figlia Valeria

Oscar Ramirez, 25 anni, morto annegato insieme alla figlia Valeria
di 23 mesi mentre cercava di attraversare il fiume Rio Grande
per raggiungere gli Stati Uniti evitando il muro ...


El Salvador, 26 giugno 2019

 

l'amore non ha frontiere nè colori

L' Amore non ha frontiere
e non vede colori
se non quelli della gioia ...

 

nazionalismo

SEI NATO SULLA TERRA ?
ALLORA NON SEI CLANDESTINO

 

Belgio... Siria, lo stesso dolore

VOCI DAL CAMPO PROFUGHI DI IDOMENI

 

tendopoli: profughi siriani

 


Clandestino (Manu Chao)

 

 

 

bambini stranieri

coronavirus: ragazzo cinese

io non sono un virus

stretta di mani

 

Io non sono razzista ma, anzi sì

BREVIARIO di LUOGHI COMUNI

del razzista medio

in voga nell’Italia del secondo millennio

di Enrico BALDIN (da Popoff, 29 marzo 2017)

 

Se lavorano non va bene perché tolgono il lavoro agli italiani,
se giocano non va bene perché non fanno un cazzo.

Se lavorano per due soldi non va bene perché fanno concorrenza al ribasso agli italiani, se pretendono di esser pagati il giusto ecco che oltre a tutto quello che gli diamo hanno anche pretese.

Se sono negli appartamenti non va bene perché troppo comodi, se li ammassi nei centri di permanenza non va bene perché sono troppi e alla gente fa paura.

Se il prefetto ti convoca per concordarne la distribuzione nel territorio non ci vai perché non li vuoi, se il prefetto te li manda non li vuoi perché non era stato concordato.

Se vengono dalla guerra non va bene perché la usano come scusa per chiedere asilo, se sono migranti economici non va bene perché devono tirarsi su le maniche a casa loro.

Se li lasci liberi non va bene perché sono liberi di delinquere, se li rinchiudi in qualche centro non va bene perché spendiamo soldi per i centri.

Se dici che vanno accolti portateli a casa tua, se li porti a casa tua sei complice dell’invasione.

Se gli fai scuola di italiano le coop lucrano, se non imparano l’italiano non va bene perché non si integrano.

Se chiedono una moschea in cui pregare non va bene per le radici cristiane,
se pregano senza chieder nulla non va bene perché fanno covi di jihadisti.

Se…

 

 

 

dalla mia Africa prendete tutto ...

 

Africa: o come il resto del mondo sta rubando tutti i beni
in nome della "democrazia" ...

Se l’ Africa chiudesse i porti in faccia a noi, che l’abbiamo sfruttata e continuiamo a sfruttarla ? Non avremmo petrolio, gas naturale, oro, il rame dei nostri preziosi cavi elettrici, il coltan per le batterie dei cellulari, il cotone che compriamo a bassissimo prezzo, il caffè che pensiamo essere italiano.
Sfruttiamo le loro risorse, foraggiamo regimi corrotti e autoritari, siamo in gran parte responsabili della loro povertà e delle loro guerre, li sfruttiamo come schiavi quando arrivano da noi (di nuovo !).

E poi, come anime belle, ci lamentiamo se fuggono da una vita grama,
da persecuzioni e guerre, e provano ad avere un futuro
.

Fonte: post su Facebook di MamaAfrica onlus.

 

 

La schiavitù era legale.

Il colonialismo era legale.

L' Apartheid era legale.


La legalità

è una questione di POTERE

non di GIUSTIZIA.

 

 

No CPR !



Due articoli sui CPR (centri di permanenza per i rimpatri)

- Il CPR è un buco nero, intervista ad Alda Re di LasciateCIEntrare

www.pressenza.com/it/2020/01/il-cpr-e-un-buco-nero-intervista-ad-alda-re-di-lasciatecientrare

- Nei CPR si muore e scoppiano le proteste, ma la censura del Viminale impedisce gli ingressi della società civile

www.pressenza.com/it/2020/01/nei-cpr-si-muore-e-scoppiano-le-proteste-ma-la-censura-del-viminale-impedisce-gli-ingressi-della-societa-civile

 

 

Living Darfur (Mattafix)



See the nation through the people's eyes,
See tears that flow like rivers from the skies.
Where it seems there are only borderlines
Where others turn and sigh,
You shall rise
You shall rise

There's disaster in your past
Boundaries in your path
What do you desire when lift you higher ?
You don't have to be extraordinary, just forgiving
Those who never heard your cries,
You shall rise
You shall rise
And look toward the skies.
Where others fail, you prevail in time.
You shall rise.

(You may never know,
If you lay low, lay low)
(You may never know,
If you lay low, lay low)
(You may never know,
If you lay low, lay low)
(You may never know,
If you lay low, lay low)
You shall rise
You shall rise
You shall rise
You shall rise

Sooner or later we must try ... Living
(You may never know,
If you lay low, lay low)
(You may never know,
If you lay low, lay low)
(You may never know,
If you lay low, lay low)
(You may never know,
If you lay low, lay low)

See the nation through the people's eyes,
See tears that flow like rivers from the skies.
Where it seems there are only borderlines
Where others turn and sigh,
You shall rise
You shall rise
You shall rise
You shall rise

(You may never know,
If you lay low, lay low)
(You may never know,
If you lay low, lay low)
(You may never know,
If you lay low, lay low)
(You may never know,
If you lay low, lay low)

Sooner or later we must try ... Living


angioletto moroangioletto biondo

Traduzione

Vivere il Darfur

Guarda la nazione attraverso gli occhi del popolo
Guarda le lacrime che scorrono come fiumi dai cieli
Dove sembra che ci siano solo confini
Dove gli altri si girano e sospirano
Tu devi sollevarti

C’è un disastro nel tuo passato
Limiti nel tuo cammino
Cosa desideri quando ti tiri più su ?
Non devi essere straordinario, solo perdonando
Quelli che non hanno mai sentito i tuoi pianti,
Tu devi sollevarti
E guardare verso i cieli
Dove altri falliscono, tu prevali nel tempo
Tu devi sollevarti

(Non lo puoi mai sapere
Se ti abbatti, ti abbatti)
Tu devi sollevarti

Prima o poi dobbiamo provare … a vivere
(Non lo puoi mai sapere
Se ti abbatti, ti abbatti)

Guarda la nazione attraverso gli occhi del popolo
Guarda le lacrime che scorrono come fiumi dai cieli
Dove sembra che ci siano solo confini
Dove gli altri si girano e sospirano
Tu devi sollevarti

(Non lo puoi mai sapere
Se ti abbatti, ti abbatti)

Prima o poi dobbiamo provare … a vivere

 

madre con il suo bambino


bambini neri e bianchi

 

 

                                                        Jerusalema (versione italiana)

 





I bambini giocano alla guerra

E' raro che giochino alla pace
perché gli adulti
da sempre fanno la guerra,

tu fai "pum" e ridi;
il soldato spara
e un altro uomo
non ride più.

E' la guerra.

bambini che giocano alla guerra

C'è un altro gioco
da inventare:
far sorridere il mondo,
non farlo piangere.

Pace vuol dire
che non a tutti piace
lo stesso gioco,
che i tuoi giocattoli
piacciono anche
agli altri bimbi
che spesso non ne hanno,
perché ne hai troppi tu;

che i disegni degli altri bambini
non sono dei pasticci;
che la tua mamma
non è solo tutta tua;
che tutti i bambini
sono tuoi amici.

E pace è ancora
non avere fame
non avere freddo
non avere paura.


Bertold Brecht

 

no alla guerra

 

se esporti le cause non stupirti delle conseguenze

 

bambino soldato

 

curdi morti

 

guerra in Siria



 

 

non iniziò con le camere a gas...


 



Auschwitz (Nomadi)

bambini ad Auschwitz

Son morto ch' ero bambino,
son morto con altri cento
passato per un camino e ora sono nel vento

Ad Auschwitz c' era la neve,
il fumo saliva lento
Nei campi tante persone che ora sono nel vento

Nei campi tante persone,
ma un solo grande silenzio
Che strano non ho imparato a sorridere qui nel vento

Io chiedo come può un uomo
uccidere un suo fratello,
eppure siamo a milioni in polvere qui nel vento

Ancora tuona il cannone,
ancora non è contenta
di sangue
la bestia umana e ancora ci porta il vento

Io chiedo, quando sarà
che un uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare e il vento si poserà

E il vento si poserà ...


striscia di Gaza  striscia di Gaza  striscia di Gaza

Palestina Libera

abbraccio tra bambino palestinese e bambino israeliano

E il vento si poserà

il video

 

 

angioletto sull'arcobaleno

C'è un altro gioco da inventare :
far sorridere il mondo




   


Stride Gum (Dancing - Where the Hell is Matt? 2008)


faccina "ascolta il cuore"

 


           

migranti a Valencia con la nave Aquarius di Sos Mediterraee

 

NON POSSIAMO TACERE DAVANTI ALLA NUOVA SHOAH

Il respingimento dei migranti in corso ogni giorno sotto i nostri occhi dimostra
che l’estrema disumanità del Nazismo sta velocemente riemergendo.
E il Mediterraneo è il teatro di questa riemergenza.
"È chiaro a tutti che nelle presenti condizioni respingimento ed esternalizzazione
delle frontiere significa sterminio. Sterminio fondato su discriminazione razziale.
Posso dire o no che questo ha una forte somiglianza
con un fenomeno storico chiamato Nazismo?

Non è questione di proporzioni, non stiamo parlando di una gara.
Ma il sentimento culturale e il comportamento politico dei governi
e delle popolazioni europee stanno rimettendo in scena il comportamento
dei tedeschi che identificarono un capro espiatorio negli ebrei e nei rom
durante gli anni della seconda guerra mondiale.

Non sappiamo quanti arabi, afghani, africani siano morti nel Mediterraneo
o nei campi che si trovano nel territorio dal confine ungherese fino a Ceuta.
Quel che sappiamo è che la carneficina attuale
è solo l’inizio di un bagno di sangue colossale.

Intendiamo restare in silenzio
mentre una nuova Shoah si dispiega sotto i nostri occhi..."

Fonte e testo integrale: clicca qui

 

IL MEDICO DI LAMPEDUSA: SUI MIGRANTI
UN MURO D' ODIO, PEGGIO DEL FILO SPINATO

Pietro Bartolo intervistato dalla radio della Cei dice:

"Quante bugie che vi bevete, italiani. Venite a vederli i migranti, da vicino.
Quelli che sembrano Cristi per le ferite, quelli che pesano 30 chili ..."



Pietro Bartolo con la piccola Favour


Pietro Bartolo con la piccola Favour,
la bambina orfana di mamma, morta durante un naufragio



Parole forti, parole dure, parole come pietre.

"Mi viene difficile dire oggi di essere orgoglioso di essere italiano.
Prima mi sentivo orgoglioso, oggi non lo posso dire piu'".
Parole di Pietro Bartolo, medico di Lampedusa
e figura di spicco nell' assistenza ai migranti in quell' area,
in un' intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei,
commentando la situazione attuale e le decisioni del governo italiano
sulla questione migranti.

"Per oltre 25 anni - ha aggiunto Bartolo - non abbiamo mai messo un filo spinato
o un muro. E in questo abbiamo fatto la storia e siamo diventati veramente campioni del mondo. Ma da circa un anno abbiamo alzato due muri: uno in Libia con gli accordi di governo e un altro monumentale, quello della paura e dell' odio che ci ha fatto alzare un muro peggiore del muro di cemento o di filo spinato.

Questo mi dispiace perché l' Italia non è questa.
L' Italia è un popolo accogliente che ha vissuto la migrazione sulla propria pelle.
Spero di tornare a dire al più presto di essere orgoglioso di essere italiano".
"Spesso - ha proseguito nell' intervista il medico - vengono raccontate tante menzogne. La gente non sa qual' è veramente la verità.

Giro l' Italia facendo vedere video e foto della realtà di Lampedusa e dei migranti.
Quindici giorni fa attraverso un' evacuazione medica da una nave militare
che aveva recuperato 120 persone mi hanno portato qua a Lampedusa alcuni migranti che avevano bisogno di cure, erano veramente in condizioni disastrose,
quello che stava meglio pesava 30 chili. Altro che Auschwitz ...
Queste persone non vengono dalla luna ma dalla Libia.
I corpi dei migranti parlano da soli".

Poi sul calo drastico degli sbarchi, il medico protagonista del film Fuocoammare
di Rosi ha aggiunto: "questo non ci fa piacere perché purtroppo sappiamo in che condizioni e in quali lager vengono tenuti. Qualcuno addirittura mi ha raccontato
che è stato costretto a seppellire i propri morti".

E a giudizio di Bartolo "la storia purtroppo si ripete.
E' veramente un nuovo olocausto.
Ci hanno fatto credere che era in atto un' invasione.
Ci hanno riempito di bugie e la gente ha risposto in modo sbagliato.
Ma il popolo italiano non è cattivo, è solo cattivamente informato".


Fonte: articolo su Globalist, 10 luglio 2018

 

 

per uno sconosciuto - gli sconosciuti non piangono

 

Alan Kurdî

PER NON DIMENTICARLO

 

 

         

 

Papa Francesco mentre abbraccia
il suo amico, rabbino Abraham Skorka
e un leader musulmano, Omar Abud.



Visita al Gran Mufti di Gerusalemme
(26 Maggio 2014)

 



ISIS: un esecuzione ...

Furgone investe la folla sulla Rambla
a  Barcellona (17 agosto 2017)

Pasqua di sangue a Colombo - Sri Lanka 2019

Sri Lanka 2019 - Pasqua di sangue a Colombo:
attentati esplosivi a chiese ed hotel
provocano 253 morti e centinaia di feriti

       

" Musulmani, Cristiani
ed Ebrei riconoscono
in Abramo, seppure ciascuno in modo diverso, un padre nella fede e un grande esempio da imitare.

Cari fratelli, cari amici,
da questo luogo santo lancio un accorato appello a tutte le persone
e le comunità
che si riconoscono
in Abramo:

- Rispettiamoci ed amiamoci gli uni gli altri come fratelli e sorelle !

- Impariamo a comprendere il dolore dell’altro !

- Nessuno strumentalizzi per la violenza
il nome di DIO !

- Lavoriamo insieme
per la giustizia
e per la pace ! "

           




"Not in my name"

Manifestazioni dei musulmani italiani
a Roma e Milano contro il terrorismo jihadista
e in segno di solidarietà nei confronti delle vittime
degli attacchi terroristici di Parigi.

(21 novembre 2015)

 

 

birth place: Earth; race: Human; politics: Freedom; religion: Love

 

Bellissimo mantra per la pace
cantato da Tina Turner insieme a 30 bambini di religioni differenti.




Om Om Om
Sarvesham Svastir Bhavatu
Sarvesham Shantir Bhavatu
Sarvesham Poornam Bhavatu…

 

Dalai Lama


Il Dalai Lama dopo l'attacco terroristico a Parigi aveva commentato l’accaduto con queste parole:
“Ci sono giorni in cui penso che sarebbe meglio se non ci fossero le religioni”.  A chi gli domandava cosa intendesse dire con quelle parole, aveva così puntualizzato: “La conoscenza e la pratica della religione sono state utili, questo è vero per tutte le fedi.

Oggi però non bastano più, spesso portano al fanatismo e all’intolleranza e in nome della religione si sono fatte e si fanno guerre.

Nel XXI secolo abbiamo bisogno di una nuova etica che trascenda la religione.
La nostra elementare spiritualità, la predisposizione verso l’amore, l’affetto e la gentilezza che tutti abbiamo dentro di noi a prescindere dalle nostre convinzioni sono molto più importanti della fede organizzata.
A mio avviso, le persone possono fare a meno della religione, ma non possono stare senza i valori interiori e senza etica”.

 

 


Orlando (Florida): strage al locale gay Pulse Club,


50 morti e 53 feriti ... (12 giugno 2016)

 

 

 

 

 

 

stop omofobia

 

 

Lettera aperta di Fiorenzo Gimelli, presidente di Agedo Nazionale:

NON ESISTE NESSUNA TEORIA GENDER:
LASCIATE I FORCONI FUORI DALLE SCUOLE !

I forconi possono far male a chi li usa impropriamente e questo è l'umile consiglio di un figlio di contadini.
Sparute minoranze fortemente ideologizzate e piene di odio stanno via via intossicando la scuola pubblica.
Si sono inventati la "teoria gender" e gridano al complotto di una sedicente lobby gay che vorrebbe omosessualizzare i bambini, costringendoli ad assumere informazioni devianti.
Bene, NON ESISTE NIENTE DI TUTTO QUESTO.
Stiamo raggiungendo il colmo in quanto a falsità, disinformazione e ribaltamento della realtà.
L'Italia, in tema di diritti, educazione sessuale e sentimentale, è il fanalino di coda dell'Europa occidentale: la scuola italiana non garantisce una crescita armoniosa e serena ai figli di tutti proprio perché la diversità viene continuamente stigmatizzata, grazie alla dittatura dell'odio che alimenta disprezzo e omofobia.
E' ora che le persone per bene, i cittadini e i laici comincino ad alzare la testa e ribellarsi per quello che sta succedendo intorno alla scuola.
Perché la scuola non dovrebbe, attraverso personale qualificato, fornire agli adolescenti una formazione specifica su cosa succede loro prima e dopo lo sviluppo e per quanto riguarda la sfera del sesso e dei sentimenti? Perché ciascuno dei nostri ragazzi non può essere, semplicemente se stesso? Quali pericoli ci sono?
Qui non si tratta di imporre scelte etiche o comportamenti, qui parliamo di informazione e di una formazione che abbia alla base contenuti tecnici e scientifici e non un credo religioso, naturalmente rispettabile, ma che non ha il monopolio dell'etica e meno che mai quello delle conoscenze scientifiche.
Qui parliamo di una formazione che sia complementare ai valori insegnati dalla famiglia.
La censura dei libri e dei film non è mai servita a niente.
Impedire ai ragazzi di sapere significa costringerli all'auto-formazione sulla rete senza nessuna mediazione e senza possibilità di discernere la qualità di ciò che trovano.

Tutti i ragazzi, LGBTI+ e non, disabili e non, qualunque sia il colore della loro pelle, il loro credo o lo status socio economico, devono essere aiutati a crescere individualmente ed in armonia con gli altri.
I nostri ragazzi lesbiche, gay, bisessuali, transgender, intersessuali...etc. meritano un futuro e un progetto di vita. Come tutti gli altri.

Chi è sempre contro, quale futuro può disegnare per loro?


associazione A.ge.d.o.

Fonte: post pubblicato su Facebook (marzo 2018)


Associazione A.GE.D.O.
Associazione nazionale di genitori, parenti e amici
di persone omosessuali, bisessuali e trans.

 

 

" I tuoi figli non sono figli tuoi,
sono i figli e le figlie della vita stessa.
Tu li metti al mondo, ma non li crei.

Sono vicini a te, ma non sono cosa tua.
Puoi dar loro tutto il tuo amore, ma non le tue idee,
perché essi hanno le loro proprie idee.

Tu puoi dare loro dimora al loro corpo,
non alla loro anima,
perché la loro anima abita nella casa dell'avvenire,
dove a te non è dato entrare, neppure col sogno.

Puoi cercare di somigliare a loro,
ma non volere che essi somiglino a te,
perché la vita non ritorna indietro e non si ferma a ieri.

Tu sei l'arco che lancia i figli e le figlie verso il domani. "


K. Gibran

 

love makes a family

Dove c' è  amore ,  c' è  famiglia ...

gattino e pulcino

 

 

no alla violenza sulle donne

festa della donna

 

TEOLOGIA E FEMMINICIDIO

Pubblichiamo un recente intervento di Augusto Cavadi
(proveniente dal sito http://livesicilia.it)
in cui viene istituita una relazione tra violenza maschile sulle donne,
struttura sociale a base patriarcale e teismo.
Il testo è ricco di numerosi spunti che invitano alla riflessione e al dibattito nella prospettiva di poter costruire una religiosità su base post-patriarcale.
Augusto Cavadi oltre a essere docente, filosofo, studioso e scrittore,
è anche ispiratore e componente del “Gruppo Noi uomini a Palermo contro la violenza sulle donne”.


Femminicidio una piaga anche in Europa

Per molto tempo si è supposto che la mafia esista quando spara,
solo tardi ci si è chiarito che essa emerge quando trova ostacoli sulla sua escalation
e tace, sommersa, quando può dominare incontrastata.

Quando cesseremo di ripetere l’errore a proposito della violenza maschile sulle donne ? Neppure in questo caso si tratta di un’emergenza.
I casi di cronaca sono solo la spia di una condizione stabile, strutturale,
di oppressione sistemica:
i maschi uccidono quando questa dominazione psicologica e sociologica viene messa in dubbio dalla ribellione di questa o di quella donna.
Se ciò non accade, il maschilismo patriarcale vige e si diffonde come un cancro silenzioso, asintomatico.
Potremmo dire che esso è più forte quando, incontrastato, non ha neppure bisogno di alzare la clava sulla testa delle donne.

Una prevalenza così radicata e diffusa si spiega con ragioni fisiche, psichiche, economiche, sociali e politiche: ma anche culturali.
Basta interrogare i miti religiosi, le fiabe popolari, le leggende tradizionali
per capire quali “archetipi” (diceva Jung) abitano l’immaginario collettivo
dell’umanità.

E’ senza significato, ad esempio, che nel Mediterraneo siano prevalse tre religioni monoteistiche (ebraismo, cristianesimo, islamismo)
secondo le quali il Divino si è configurato come Padre, onnipotente, dai voleri imperscrutabili e indiscutibili?
Nelle quali il ruolo della donna è nettamente inferiore ai ruoli riservati ai maschi?
Il sistema patriarcale vigente in terra è stato, per così dire, proiettato in cielo:
ma, a sua volta, il patriarcato celeste è servito da legittimazione ideologica del patriarcato terrestre.

La teologa Hanna Wolff (alla cui valorizzazione ho dedicato il mio libretto Tenerezza) ha notato come Gesù di Nazareth abbia tentato di rivedere criticamente questa idea di Dio-patriarca mettendo in evidenza i caratteri femminili-materni del Divino; ma come, alla sua morte, da san Paolo in poi, l’antica prospettiva maschile-maschilista sia riemersa in tutta la sua pesantezza.
Ecco perché oggi non è solo la teologia femminista a riesaminare le concezioni tradizionali di Dio per restituire al Mistero quella assoluta incomprensibilità che lo sottragga a rappresentazioni infantili, primitive.
Come scrive qualche teologa, sino a quando Dio viene concepito sempre e solo come Maschio, il maschio avvertirà la tentazione di concepirsi come dio.
E queste dinamiche – sia specificato per chiarezza – riguardano credenti, non-credenti e agnostici: sia chi lo professa sia chi lo nega, è comunque prigioniero di un’idea del Divino antropomorfica e sessista.
Liberarsene a livello di riflessione critica personale, ma anche nell’orizzonte di senso collettivo, sarebbe un modo molto concreto di indebolire alle radici la visione della supremazia maschile di cui le violenze quotidiane e i femminicidi sono soltanto l’effetto terminale.

Augusto Cavadi

Fonte: http://liberospirito.altervista.org/category/cattolicesimo
Autore: liberospirito - 13 Feb 2018.

 

 

Gli uomini abusati esistono e non c'è niente da ridere

https://thevision.com/attualita/abusi-uomini


Fonte: articolo di Jennifer Guerra, pubblicato da The Vision il 22 AGOSTO 2018.

 

 

NO al BULLISMO !

no bullismo

 

 

"Se il tuo Dio è bambino di strada
umiliato, maltrattato, assassinato,
bambina, ragazza, donna violentata, venduta, usata,
omosessuale che si dà fuoco senza diritto di esistere,
handicappato fisico, mentale, compatito,
prostituta dell’Africa, dei Paesi dell’est,
che tenta di sfuggire la fame e la miseria creata dai nostri stessi Paesi,
transessuale deriso e perseguitato,
emigrato sfruttato e senza diritti,
barbone senza casa né considerazione,
popolo del Terzo mondo al di sotto della soglia di povertà,
ragazza mai baciata, giovane senza amore,
donna e uomo cancellati in carcere,
prigioniero politico che non svende i suoi ideali,
ammalato di Aids accantonato,
vittima di sacre inquisizioni,
roghi, guerre, intolleranze religiose,
indigeno sterminato dall’invasione cattolica dell’America,
africano venduto come schiavo a padroni cristiani,
ebreo, rom, omosessuale o altro dissidente
sterminato ad Auschwitz e negli altri lager nazisti
o nei gulag sovietici,
morto sul lavoro sacrificato alla produzione,
palestinese, maya o indigeno derubato della sua terra,
vittima della globalizzazione;
se il tuo Dio ti spinge a condividere con loro
ciò che hai e ciò che sei,
a difendere i diritti degli omosessuali e degli handicappati,
a rispettare quelli che hanno altre religioni e opinioni,
a stare dalla parte degli ultimi
a preferire loro all’oppressore
che vive nei fasti di palazzi profani o sacri,
viaggia con aerei privati,
viene ricevuto con gli onori militari
e osannato dalle folle;
se egli considera la terra e i beni
non come privilegio di alcuni, ma come proprietà di tutti,
se ama ricchi e oppressori
strappando loro le ingiustizie che li divorano come cancro
togliendo il superfluo rubato
e rovesciando i potenti dai loro troni sacri o profani,
se non gli piacciono le armi, le guerre e le gerarchie,
se non fa gravare, come i farisei,
pesi sugli altri che lui stesso non può portare,
se non proibisce il preservativo che ostacola la diffusione dell’Aids,
se ha rispetto per chi vive delle gravidanze non desiderate,
se non impone alle donne le sue convinzioni sull’aborto
ma sta loro vicino con amore e solidarietà,
se non è maschilista e non discrimina le donne,
se non toglie alle persone non sposate il diritto di amare,
se non consacra la loro subordinazione,
se non impone nulla, ma favorisce la libertà di coscienza,
se rispetta gli altri dei e le altre dee,
se non pensa di essere il solo vero Dio,
se non è convinto di avere la verità in tasca e cerca con gli altri;
se è umile, tenero, dolce, a volte smarrito e incerto,
se si arrabbia quando è necessario
e butta fuori dal tempio commercianti e sacri banchieri,
se ama madre terra, piante, animali, fiori e stelle;
se è povero tra i poveri,
se annuncia a tutti il vangelo di liberazione degli oppressi
e ci libera da tutte le religioni degli oppressori;
allora qualunque sia il suo nome, il suo sesso, la sua etnia
il colore della pelle, nera, gialla, rossa o pallida,
qualunque sia la sua religione, animista, cattolica, protestante,
induista, musulmana, maya, valdese, shintoista,
ebrea, buddista, dei testimoni di Geova,
Chiesa dei santi degli ultimi giorni,
di qualsiasi Chiesa o setta
non m’importa
egli sarà anche il mio Dio
perché manifestandosi negli ultimi
è Amore con l’universo delle donne e degli uomini,
nello spazio e nel tempo
e con la totalità dell’essere,
amore cosmico
che era, sta e viene
nell’amore di tutte le donne e di tutti gli uomini,
nei loro sforzi per la giustizia, la libertà, la felicità e la pace."



"Il vangelo di un utopista"
  don Andrea Gallo

 

bandiera anarchica

novecento

 



 

CREDO

unità dei popoli

Credo in DIO, Padre e Madre,
cuore e creatore di una terra che ci fu tolta;

credo nel Dio della VITA, della PACE, dell'AMORE e della GIUSTIZIA,
che si fece Gesù, uomo sofferente, appassionato, coinvolto,
morto e resuscitato; gloria e speranza dei poveri.

Credo in GESU' CRISTO, Fratello e Figlio,
che si è fatto storia del popolo e segna oggi i passi del nostro camminare.

Credo nello SPIRITO SANTO di Dio, vento nuovo che unifica le speranze dei popoli, che crea e ricrea, che vivifica, che dà creatività per vivere.

Credo in MARIA, madre che dà alla luce la vita con dolore e speranza
perchè ci sia vita nuova e piena per tutti.

Credo nei popoli crocefissi, nei poveri come corpo torturato di Gesù.
Credo nel popolo, che ha nome e cognome, che vive e celebra la sua fede,
nei volti sofferenti e luminosi, nella sua organizzazione
e nel suo spirito comunitario, nelle sue lotte, semi di libertà.

Credo nella FRATERNITA' dell'indio, del contadino, dell'emarginato, del rifugiato,
del nero, del giovane, della donna, di tutti i poveri della terra.

Credo nella SOLIDARIETA' dei popoli,
espressione della forza e della tenerezza di Dio.

Credo nella RESURREZIONE dei nostri popoli e nell'unico popolo
che saremo quando celebreremo insieme la vittoria finale,

nel REGNO DI DIO, per i secoli dei secoli. Amen

 

 

Lettera di Natale 2009

Il DIO in cui crediamo


Introduzione

Come negli anni scorsi, nell'occasione del Natale, avvertiamo l'esigenza di comunicare alle persone disposte a leggerli e a dialogare con noi, alcuni spunti di riflessione che emergono dalla nostra vita, dall'incontro con la storia di tante persone, dal riferimento al mistero di Dio, alla persona di Gesù di Nazaret; dall'appartenenza alla Chiesa.
Vorremmo parlare proprio di Dio e di Gesù di Nazaret, con la premessa consapevole che lo facciamo come uomini e come preti limitati, dentro un determinato contesto culturale, teologico, linguistico contingente, non certo esauriente e definitivo, come mai può essere un discorso su Dio.
Ci sentiamo in cammino, in ricerca. Sentiamo questa urgenza nella profondità del nostro essere; la fede è una costante della nostra vita e mette insieme intuizioni, interrogativi, dubbi, ricerca, dono, confidenza, affidamento, preghiera, conforto, responsabilità, incarnazione nei drammi e nelle speranze della storia. E sempre ancora ricerca del Dio ancora "nascosto", di Gesù di Nazaret incontrato e sempre di nuovo da incontrare.


Le esperienze della storia ci insegnano che il nome di Dio può essere invocato e utilizzato in situazioni e con finalità che negano il Dio rivelatosi nella Bibbia, in Gesù di Nazaret, nelle persone, nei segni dei tempi, se anche carnefici organizzati e crudeli, come i nazisti, se ne facevano scudo. Sentiamo attenzione e disponibilità al dialogo con le donne e gli uomini che si riferiscono alla Presenza reale e misteriosa di Dio, chiamandolo con altri nomi, ispirandosi a testi sacri diversi. Ed egualmente nei confronti di donne e di uomini che si dichiarano atei, non credenti e dei quali condividiamo la ricerca sincera della verità, e verso i quali sempre e comunque nutriamo rispetto, convinti che essere e diventare atei e credenti seri chiede sincerità interiore, onestà e impegno.
Ricordiamo che i primi cristiani erano considerati atei, cioè senza Dio, perche proprio in nome della loro fede si rifiutavano di divinizzare I'imperatore e la struttura dell'impero: in un mondo di ricchezza e privilegi di pochi e di povertà di molti, vivevano la condivisione dei beni; in un mondo di padroni e di schiavi vivevano I'uguaglianza e la fraternità; in un mondo in cui l'esercito era struttura portante si rifiutavano di impugnare le armi e in nome del Vangelo della non violenza preferivano essere uccisi piuttosto che uccidere.

II dio in cui NON crediamo

Non crediamo in un Dio lontano, giudice freddo delle debolezze umane, indifferente ai drammi e alle speranze della storia.


Non crediamo in un Dio che giustifica l'esaltazione della proprietà privata, del capitalismo, dell'accumulo del denaro e dei beni.


Non crediamo in un Dio che suggerisce, alimenta e conferma l'inimicizia fra persone e popoli; che quindi legittima la costruzione e la vendita delle armi, le guerre, le ronde, il reato di immigrazione irregolare, i vigili urbani armati, il potere salvifico delle telecamere.


Non crediamo in un Dio onnipotente quando con questo concetto si vuole intendere il più potente dei potenti di questo mondo; che si trova alla sommità delle gerarchie e dell'autoritarismo, che esige onori e privilegi e così conferma autoritarismi, onori e privilegi, da parte delle autorità della società, della politica, delle diverse religioni, della Chiesa.


Non crediamo in un Dio che umilia, che castiga, che alimenta i ricatti e i sensi di colpa delle persone.


Non crediamo in un Dio che si incontra solo o di preferenza nelle Chiese, nelle verità dogmatiche, nei simboli religiosi.


Non crediamo nel Dio delle grandi occasioni religiose, come il Natale, quando sono concepite come ingrediente del materialismo, del consumismo, della superficialità, di una religione che non coinvolge nella storia.


Non crediamo in un Dio bianco, occidentale, friulano - giuliano, neppure "cristiano" quando la sua presenza è pretesa per fondare e legittimare le discriminazioni; la xenofobia, il razzismo; per alimentare paure e sospetti; chiusure etniche, localistiche, identitarie; il culto di quella tradizione che trasforma la liberta evangelica in ossequio al conformismo.


Non crediamo in un Dio che giustifica la presunzione di superiorità e i giudizi moralistici nei confronti delle persone che più fanno fatica a vivere, di coloro che si trovano in condizioni esistenziali, familiari, sessuali "diverse" rispetto alla presunta normalità.


Non crediamo in un Dio maschilista che supporta nella società e anche nella Chiesa sottomissione, strumentalità, volgarità, violenze nei confronti delle donne.


Non crediamo in un Dio utilizzato per confermare il potere della società, del mondo, della Chiesa attuali.

Il DIO in cui CREDIAMO

Crediamo nel Dio che ascolta le grida, i gemiti, i silenzi delle persone e dei popoli impoveriti, colpiti, oppressi, sfruttati, crocifissi; che prende a cuore la loro condizione, si fa presente come il Dio della liberazione e della vita; incoraggia, sostiene e accompagna le esigenze di dignità, di giustizia, di uguaglianza.


Crediamo nel Dio della creazione, che ha fatto ogni cosa per l'armonia e il bene, che ha affidato il creato all'uomo affinché custodisca con diligenza I'ambiente e non dimentichi mai che i beni della terra sono destinati alla vita di tutti.


Crediamo in un Dio con il quale si può dialogare, ma anche protestare, chiedendogli il perchè di tante morti, sofferenze, ingiustizie ...


Crediamo nel Dio in tanti e diversi modi invocato nelle diverse parti del Pianeta, al quale tanti chiedono la forza di vivere in condizioni spesso drammatiche e di amare anche quando non ci si sente amati.


Crediamo nel Dio dei profeti che denunciano l'ipocrisia e la falsità di un culto religioso non solo staccato dalla vita, ma copertura dell'ingiustizia e della violenza; che sollecitano continuamente a prendersi cura dei poveri, degli orfani, delle vedove, degli stranieri.


Crediamo nel Dio della giustizia, della condivisione, della fraternità.


Crediamo nel Dio che si e rivelato nell'Uomo, in Gesù di Nazaret fragile e impotente nel mondo, dalla nascita nella grotta degli animali a Betlemme fino all'uccisione sul legno della croce: crocifisso, vittima fra le vittime; vivente oltre la morte, compagno quotidiano di viaggio nella nostra vita.


Crediamo nel Dio che in Gesù di Nazaret conforta, sostiene, purifica l'amicizia e l'amore; la semplicità di cuore, di sguardi e di gesti; la sobrietà, la convivialità festosa fra le differenze.

Crediamo nel Dio che in Gesù ci chiama continuamente a convertire la mente e il cuore, sempre infondendo fiducia, incoraggiamento e pace ...


Crediamo nel Dio di Gesù presente con il suo santo Spirito nelle case e nelle fabbriche, nelle scuole e negli ospedali, nelle carceri e nelle comunità di accoglienza: per chi soffre nel corpo e nella psiche, per chi dipende da sostanze e situazioni, per chi è straniero.


Crediamo nel Dio presente nelle lacrime, nei silenzi, nei gemiti, nelle grida di sofferenza; nei sorrisi e nelle manifestazioni di gioia; presente in chi è affamato, assetato, nudo, ammalato, carcerato, forestiero; nelle parole e nei gesti di concreta prossimità e solidarietà.


Nel Dio presente nelle resistenze, nelle lotte delle comunità e dei popoli per la giustizia, la verità, la pace; nel Dio presente nel creato e nella contemplazione delle sue manifestazioni.


Crediamo nel Dio che in Gesù si manifesta come il Dio totalmente umano: padre, madre, fratello e sorella, amico di noi donne e uomini in cammino nella storia.
Nel Dio della misericordia e dell'accoglienza di ogni persona di qualsiasi provenienza e appartenenza, di qualsiasi condizione.


Crediamo nel Dio che ci chiede responsabilità, fedeltà, coerenza.
Crediamo nel Dio che nelle parole e nei gesti di Gesù indica la strada a una Chiesa guidata dallo Spirito, capace di condividere i beni; di ascoltare, di prendere a cuore le sofferenze e le fatiche dell'umanità.
Nel Dio che sospinge la Chiesa a uscire dal tempio per vivere in cammino con l'umanità per contribuire a renderla più umana.


Crediamo nel Dio che comunica libertà ed esige libertà, che resta sempre il Totalmente Altro, al di la di tutto ciò che il linguaggio umano può raccontare di Lui, anche di quanto noi stessi affermiamo in questa lettera;
che garantisce laicità perche chiede fiducia, confidenza, affidamento, dialogo e confronto.


Crediamo nel Dio presente nel nostro vivere, amare, dedicarci, impegnarci, soffrire, e quando sarà il momento, morire nel modo più umano possibile.


Nel Dio che ci accoglierà nel suo Mistero dopo averci accompagnati nella quotidianità della nostra vita nella storia.


Pierluigi Di Piazza, Franco Saccavini, Mario Vatta, Alberto De Nadai, Andrea Bellavite, Giacomo Tolot, Piergiorgio Rigolo, Luigi Fontanot e Albino Bizzotto.

 

 

IL "CREDO" CHE CI ACCOMUNA

Fede è affidarsi: è consegnarsi a quel Dio, che a noi si rivela dalla profondità del nostro intimo. Perché Dio ci si manifesti, è pur necessario che gli apriamo una strada in noi, purificandoci e affinando la nostra sensibilità spirituale. Scopriamo così che la vita, in Lui, è tutt’altro che effimera e priva di scopo e di senso, come a volte ci pareva nei momenti di sconforto. Donandosi a noi, Dio conferisce all’esistenza un significato assoluto.

La creazione dell’universo è un lungo processo travagliato, che Dio stesso, diramandosi per lo spazio e il tempo attraverso la varietà innumerevole delle sue energie angeliche, porta avanti con la cooperazione di tutte le sue creature fedeli.
Le forze negative, che tante volte paiono prevalere, saranno alfine sconfitte.
Ci attende un destino di infinita perfezione e di piena felicità intramontabile.
Il pensiero è creativo: nel corso della vita terrena noi foggiamo la nostra anima con la qualità dei nostri pensieri.

Così, dopo la morte fisica, un’anima degradata da una consuetudine di pensieri negativi – malvagi, ma anche solo egoistici, di orgoglio, di invidia, di risentimento, di attaccamento eccessivo ai beni terreni – soggiornerà per un tempo anche molto lungo in una condizione di arida solitudine penosa. All’opposto una consuetudine di buoni pensieri rende l’anima luminosa, atta ad entrare in una condizione di luce. All’una o all’altra condizione accederemo per una sorta di effetto automatico. Il giudizio è la presa di coscienza di come avremo speso la nostra vita terrena, e dei relativi frutti di bene o di male. La maniera consueta di agire, e prima ancora di pensare, imprime al futuro percorso della nostra anima una direzione, una traiettoria, che essa riuscirà a modificare solo con grande sofferenza.

Giova, quindi, prendere bene la mira e scegliere la direzione giusta già da questa vita. La misericordia divina è, comunque, senza limiti, e prima o poi c’è un recupero per l’anima che voglia redimersi. Ma, giova ripetere, quanto è meglio orientarsi bene e immettersi nella retta via fin dall’inizio.

Nell’aldilà ci attende un cammino spirituale. Dovremo liberarci da ogni attaccamento e spogliarci di ogni egoità, per essere di Dio totalmente. È la via della santificazione, che conduce alla meta ultima della deificazione. Ciascuno di noi è un dio in germe: lo è per volere dell’eterno Dio, che vuole darsi tutto a tutti. Dio si dà tutto all’uomo, fino a farsi uomo egli stesso, perché l’uomo possa farsi Dio. Mentre l’aldiquà è il luogo dell’umanesimo, delle scienze, delle arti, delle tecnologie, dell’economia, dell’organizzazione sociale, dell’unificazione mondiale, l’aldilà è per eccellenza il luogo della santificazione.

Conviene, perciò, che terra e cielo convergano in uno, perché la stessa creatività degli uomini vada a integrare, ad arricchire il regno di Dio: quel regno di Dio che è aperto a tutti gli autentici valori. Questo finale incontro di cielo e terra è la resurrezione, dove le anime disincarnate recuperano la loro piena umanità. I risorti infonderanno nei viventi la santità; i viventi faranno dono dell’umanesimo, che avrà raggiunto allora la sua maturazione compiuta. Di questo finale incontro di cielo e terra i nostri colloqui d’amore con l’altra dimensione rappresentano una primizia. Lavorare per il regno di Dio, preparare le vie del Signore comporta un impegno per la santificazione, non solo, ma per ogni forma di promozione umana.
È in questo senso che noi siamo tutti chiamati a collaborare alla piena creazione dell’universo: ciascuno secondo le proprie attitudini e vocazione singolarissima.
Questo il credo che ci accomuna; tale sia il nostro impegno nella lunga fatica dei giorni, e Dio ci aiuti.


Fonte : "Le nostre preghiere" Convivium-Roma




Vai a inizio pagina / Top of the page






pulsante back
pulsante home
pulsante next

                   
Un Ponte d'Amore con l'Aldilà   http://digilander.libero.it/Giles2004   © 2004-2020