PAOLINO un scito do belin!
  POESIE IN GENOVESE 1/2
POEXÎE IN ZENEIZE

Sono numerosi i poeti in Liguria che scrivono stupendi versi in dialetto, che ci rallegrano e ci fanno meditare ricordando le nostre radici. Ho pensato cos di proporre alcune delle migliori poesie in lingua genovese, tratte dall'annuale antologia del "Premio Ciävai", con la relativa traduzione in italiano per i "foresti". Nota: nelle poesie stata rispettata la grafa originale usata dall'autore.

Solo ûn bricchetto
In ta pövea teu casa solitaia
in imma a-o monte
intro.
Ti ti sensa lûxe,
g'ho solo ûn bricchetto:
l'aendo
o l'illûmina o letto
poi mentre o s'asmorta
m m'aendo e t'aendo
e creemmo l'incendio.
Genova Sturla, 1991
Solo un fiammifero
Nella tua povera casa solitaria
in cima al monte
entro.
Sei senza luce,
ho solo un fiammifero:
l'accendo
illumina il letto
poi mentre si spegne
io m'accendo e t'accendo
e creiamo l'incendio.
Giuliano Medardo Poggi
Quarcsa
Ho bezugno de credde
in quarcsa
co no segge lontan
comme o .
Quarcsa co segge ci vixin,
ci concreto,
co me parle, co me stagghe a sent.
Co me dagghe amicizia, emoziin, am.
Co me fasse sogn.
Che insemme se posse
gii, soffr
de ttto quello che o futuro
da vitta o l'avi da parte pe no.
E questo quarcsa
vuriae che ti fosci t.
Genova, 1991
Qualcosa
Ho bisogno di credere
in qualcosa
che non sia lontano
come il cielo.
Qualcosa che sia pi vicino
pi concreto
che mi parli, che mi ascolti.
Che mi dia amicizia, emozioni, amore.
Che mi faccia sognare.
Che insieme si possa
gioire, soffrire
di tutto quello che il futuro
della vita avr in serbo per noi.
E questo qualcosa
vorrei fossi tu.
Aldo Gennaro
A natûa
De baxaic sarvgo,
nasce o csto, nell'orto,
stto a-o figo.
Niscin l'ha misso,
niscin ghe dâ dell'gua,
ma ancn l' l,
sempre ci bello, dôso.
Comme i figgiêu descsi
che vegnân sci da sli,
forti, sensa 'na moutta.
Quarche vtta mi penso
che dâse tanto affanno
ne f perde raxn e tempo.
Saiva mgio ammiâ de ci a natûa
e d'se a-o mndo,
un pittin ci contenti.
Rivarola di Carasco (Ge) 2003
La natura
Di basilico selvatico,
nasce un crespo, nell'orto,
sotto al fico.
Nessuno l'ha messo
nessuno gli d dell'acqua,
ma ancora l,
sempre pi bello, odoroso.
Come i bambini scalzi
che crescono da soli,
forti, senza una malattia.
Qualche volta io penso
che darsi tanto affanno
ci fa perdere ragione e tempo.
Sarebbe meglio guardare di pi la natura
e d'essere al mondo,
un pochino pi contenti.
Gianna Bonomo Mozzo
Ogni menûto 'na pansâ de futta
Ogni menûto 'na pansâ de futta
p corpa de 'sto mondo mâdûcou,
ch'o fa rincianze i tempi de 'na votta
quande o proscimo o l'a ciû rispettou:
chi in sce righe vorrieva fâte secco,
chi te sâte davanti da-o fornâ,
chi l'ammasse l'amigo che o fa becco,
e doppo ûn pô o l' za l a passeggiâ;
chi s'abbelinn-e con ûn pô de pûa
p no voei affrontâ 'na vitta dûa,
che ancon ciû dûa a divente quello giorno
ch'o vorri piggiâ a stradda do ritorno;
chi nêutte e giorno te rompe o belin
ciarabattando c telefonin,
chi porte o can lasciando a c a paletta
e cosc sotta i pê a l' merda sccitta.
Pe 'sta gente gh'avieva a soluziun
per existe 'na controindicaziun:
daiva tanti casci in to panê
che doppo ûn pô me se gonfiva o pê.
Livi (Ge), 2003
Ogni minuto una panciata di rabbia
Ogni minuto una panciata di rabbia
per colpa di questo mondo maleducato
che fa rimpiangere i tempi di una volta
quando il prossimo era pi rispettato:
chi sulle righe (pedonali) vorrebbe farti secco,
chi ti salta davanti dal fornaio,
chi ammazza l'amico che lo fa becco,
e dopo un po' gi l a passeggiare;
chi si instupidisce con un po' di polvere
per non voler affrontare una vitta dura,
che ancor pi dura diventa quel giorno
che vorrebbe prender la strada del ritorno;
chi notte e giorno ti rompe il "belino"
parlottando con il telefonino,
che porta il cane lasciando a casa la paletta
e cos sotto i piedi merda schietta.
Per questa gente avrei la soluzione
per esiste una controindicazione:
darei tanti calci nel sedere
che a lungo andare mi si gonfierebbe il piede.
Andrea Puri
L'urtimo poeta zeneise
Comme peizan i cavelli gianchi!
M'han creu l'artrosi cervicale:
dôi in sci cian da testa,
in to copûsso, de votte l' comme se pestessan
in ten mortâ tanto fan m.
L' alla che strenzo i denti
e caccio zû 'na poexia in zeneise
che mai nisciun lzi.
A-i concorsci i vei zeneisci son sempre meno;
'sto popolo o s'asmorta comme 'na candia
lasciando o passo a gente de tre regioin,
de tri mondi che conoscian tante lengue
ma o nostro dialetto no.
Semmo i urtimi superstiti de n'antiga tradizion,
portemmo avanti con giammin
- quaxi tutti careghi de anni e de malanni -
unna sciamma ch'a vive de ricordi assopii
- rifiorii in te neutti sensa seunno -
quande o vento frioso de Liguria
o porta voxi. Me vn da rie e da cianze
a pensâ a l'urtimo zeneise ch'o se presentia
a l'urtimo concorso de poexia.
O strenziâ o premmio a-o cheu
e o s'allontana discreto
- tra cineixi e marocchin, cileni e magrebin -
che han sciummi de figgieu
in ta 'na Zena ch'a no pâra ci a s.
Genova Sturla, 2003
L'ultimo poeta genovese
Come pesano i capelli bianchi!
M'hanno creato l'artrosi cervicale:
dolori al centro della testa,
alla collttola, a volte come se pestassero
in un mortaio tanto fanno male.
allora che stringo i denti
e creo una poesia in genovese
che mai nessuno legger.
Ai concorsi i veri genovesi son sempre meno;
questo popolo si spegne come una candela
lasciando il passo a gente di altre regioni,
di altri mondi che conoscono tante lingue
ma il nostro dialetto no.
Siamo gli ultimi superstiti di un'antica tradizione,
portiamo avanti a stento
- quasi tutti carichi di anni e di malanni -
una fiamma che vive di ricordi assopiti
- rifioriti nelle notti senza sonno -
quando il vento furioso di Liguria
porta voci. Mi vien da ridere e da piangere
a pensare all'ultimo genovese che si presenter
all'ultimo concorso di poesia.
Stringer il premio al cuore
e s'allontaner discreto
- tra cinesi e marocchini, cileni e magrebini -
che hanno fiumi di figli
in una Genova che non sembrer pi la sua.
Giuliano Medardo Poggi
Innamoâse a primmaveja
Coêugge un fiore
do colore de l'am
e veddighe drento
i sêu êuggi.
Accaessâ petali rêuza
morbidi comme vellû
e sentî a sêu pelle
sott-a e die.
Vedde un ochin
xoâ felie
e sentîse lasci
in to e.
Serrâ i êuggi
pe un momento
e immaginâse
- forte forte -
l'abbrasso do têu amô.
Chiavari (Ge), 2002
Innamorarsi a primavera
Cogliere un fiore
color del miele
e vederci dentro
i suoi occhi.
Accarezzare petali rosa
morbidi come velluto
e sentire la sua pelle
sotto le dita.
Vedere un gabbiano
volare felice
e sentirsi lass
nel cielo.
Chiudere gli occhi
per un momento
e immaginarsi
- forte forte -
l'abbraccio del tuo amore.
Ernestina Belloglio
E a l'è cuscì
Quaranta righe propriu i nu bastu
pe pue d quante u mundu u l' guastu.
Pe evit in po de speise
descie guere i l'han asseise.
E a listuia ancon a s'allunga
oua che ghemmu l'ommu bumba.
E radiasin chi ne trapassu
e mille cose chi n'ammassu.
Frta e verda a l' avvelen,
carne e pesciu chi te fan m.
Nu se pu ciu respi
perch l'aja a l' impest.
Quante figgiu da famme l' creppou
e gh chi ge in se carrosse d'u.
Gh a mo chi ccciu in tu bidon
e chi ccce zu du barcon.
Poi gh a mo c chu de tigre
che a u fa neg in ta lavatrice.
In TV regna a viulensa
e donne ne sensa cosciensa:
a i figgiu cusc i ghe fan
schua "a delinquere" pe u duman.
Ogni giurnu, casciu strano,
cazze sempre n'areuplanu.
Poi gh i grattacieli chi van z
e chi sensa u viagra u nu sta sci!
I Euru fti tantu piccin
chi fan in po gi u .....
Pe f an in po ciu lisciu
u Panella u beie u pisciu.
U fmme di automobili chi cresciu delungu
i l'han purtu a fin du mundu.
U busu in te l'ozonu e u s cu ne fa m
se femmu ben i cunti: ghe pocu da scamp.
E pe megioa a situasiun
se fan sfilate de modda e parte de ballun.
Vistu che u vive u nu l' ciu giucundu
speremmu che almenu i nu clonu anche u mundu.
S. Salvatore dei Fieschi (Ge), 2002
Ed è così
Quaranta righe proprio non bastano
per poter dire quanto il mondo guasto.
Per evitare un po' di spese
dieci guerre hanno accese.
E la cosa ancor si allunga
adesso che abbiamo l'uomo bomba.
Le radiazioni che ci trapassano
e mille cose che ci ammazzano.
Frutta e verdura avvelenata,
carne e pesce che ti fanno male.
Non si pu pi respirare
perch l'aria impestata.
Quanti bambini dalla fame son morti
e c' chi gira sulle carrozze d'oro.
C' la mamma che li butta nel bidone
e chi li butta dal balcone.
Poi c' la mamma col cuore di tigre
che lo fa affogare in lavatrice.
In TV regna la violenza
e le donne nude senza coscienza:
ai bambini cos ci fanno
scuola "a delinquere" per il domani.
Ogni giorno, caso strano,
cade sempre un areoplano.
Poi ci son i grattacieli che vanno gi
e chi senza il viagra non sta su!
Gli Euro fatti tanto piccoli
che fanno un po' girare il ......
Per fare andare un po' pi liscio
Panella beve il piscio.
Il fumo delle automobili che crescono sempre
hanno portato alla fine il mondo.
Il buco nell'ozono e il sole che ci fa male
se facciam bene i conti: c' poco da vivere.
E per migliorare la situazione
si fanno sfilate di moda e partite di pallone.
Visto che il vivere non pi giocondo
speriamo almeno che non clonino anche il mondo.
Dario Berisso
U me dialett (poesia 3 classificata 2002)
C, pasium, pase, am e am,
c, fgu, fora, nona, mu e pu.
Su, e, rappi mari, orive inscie
furnelli, carbn, menestrui e rustie.
Scciumera, troeggi, ciatezzi da luntn,
anc pe l'oia, tramezzi au din-din-dn.
Sciure e profmmo sci pe i sent,
camamilla, viulette e zenestre spantegh.
Seire de rsoi, nuvene eterne, sileni pin de insensu
lent scure du temp, Madonna du Cormu e firmamentu.
Due oia, due tempi, due zug senza demre
cnette d'œgua giass, brche de pap
in mzo au m.
Dialett, pe' mir franze l'unda n'ti scoggi,
dialett, pe senti u ventu scigur n'ti bricchi.
Dialett, pe' cant e nan ai matetti,
pe' fli indurm da brovi angiuretti.
Vitta, vitta, luxe e culure, tutta in dialett.
N'tu nu du me c u l not un passurettu
n nipotn, teneru, picn, ma u l n cinesn!
Vitta, cumme a far a rispunde au so pio-pio
se n'tu dialett nu ghe posso mancu d:
dorme me bambin, to nona a te sar sempre da vixin!
Montevideo (Uruguay), 2002
Il mio dialetto
Cuore, passione, paese, amore e miele,
casa, fuoco, favola, nonna, madre e padre.
Sole, cielo, grappoli maturi, olive gonfie,
focolari, carbone, minestroni e arrostite.
Fiume, truogoli, pettegolezzi lontani
ancora nell'aria, in mezzo al din-din-dan.
Fiori e profumo su per i sentieri,
camomilla, viole, ginestre sparse ovunque.
Sere di rosari, novene eterne, silenzi colmi d'incenso
lento scorrere del tempo, Madonna del Carmine e firmamento.
Dolce aria dolci tempi dolce giocare senza giocattoli
cunette d'acqua gelata, barchette di carta
in mezzo al mare.
Dialetto, per guardare frangere l'onda negli scogli,
dialetto, per sentire il vento zufolare nei monti.
Dialetto, per cantare le ninnenanne ai bambini,
per farli addormentare da bravi angioletti.
Vita, vita, luce e colore, tutto in dialetto.
Nel nido del mio cuore nato un passerotto,
un nipotino, tenero, piccino, ma cinesino!
Vita, come far a rispondere al suo pio-pio
se in dialetto no gli posso neanche dire:
dormi mio bambino, tua nonna ti sar sempre vicino!
Maria Carla Frione Onorato
Cao amö
Vorriê amiandote,
riflettime in ti tœ œggi,
e... strenzendote a mi,
fondime
in ta t anima.
Genova, 1991
Caro amore
Vorrei guardandoti
riflettermi nei tuoi occhi,
e... stringendoti a me,
fondermi
nella tua anima.
Daniela Traverso
Castagne (premio consulta ligure 2000)
L'a 'na giorn d'autnno, e in ta fresca,
faxendo quattro passi in ta nata,
me son trovou in mzo a n bosco antigo,
dove gh'andvo spesso co 'n'amigo,
a rspaggi e castagne cheite in tra,
quand'mo ancon figgiu in tempo de gura.
A csa ne-e boggvan pe disn,
con due gambe de fenoggio e n p de s.
Me p de sent ancon ciamm m mo:
"vegn, l' pronto in ta, h fto e pi
mangivene due o tr sensa sprec,
che se n'avanse, servan pe en".
Vna illxion, intile speransa,
quande s'ha famme de rba no n'avansa;
e seia, gh'a roste pe cangi,
pe risparmi anche l'gua, l'uio e a s.
Riveddo ancon m po co-e f ball,
in te 'na pola vgia e pertz.
O l' n frto nostr, sensa preteize,
n frûto fæto in p comme o zeneize,
serrou drento a 'na rissa, quæxi ascoso,
ma con in chu tanto de e generoso,
che tanto o n'ha aggittou in ti momenti,
quande gh'a solo da famme sotta i denti.
Me son accucciou, me n'ho inserno due o tr,
ma i m figgiu no me l'han manco ammi.
Lavagna (Ge), 2000
Castagne
Era un giorno d'autunno, e nella frescura,
facendo quattro passi nella natura,
mi son trovato in mezzo a un bosco antico,
dove andavo spesso con un amico,
a spigolar castagne cadute in terra,
quand'eravamo ancora bambini in tempo di guerra.
A casa le facevano bollite per pranzo,
con due costi di finocchio e un po' di sale.
Mi par di sentire ancora mia madre chiamare:
"venite, pronto in tavola, ho fatto le pelate
mangiatene due o tre senza sprecare,
che se ne avanza servono per cenare".
Vana illusione, inutile speranza,
quando si ha fame di roba non ne avanza;
e alla sera, caldarroste per cambiare,
per risparmiare anche l'acqua, l'olio e il sale.
Rivedo ancora mio padre che le fa ballare,
in una padella vecchia e bucata.
un frutto nostrano, senza pretese,
un frutto che assomiglia al genovese,
chiuso dentro un riccio, quasi nascosto,
ma con un cuore tanto dolce e generoso,
che tanto ci ha aiutato nei momenti,
quando c'era solo la fame sotto i denti.
Mi son accucciato, ne ho scelto due o tre,
ma i miei figli non l'anno manco guardate.
Gianni Raffo
  su     ALTRE POESIE GE >>

Poesie e filastrocche genovesi di Natale
HOMEPAGE CULTURA E TRADIZIONI PROVERBI GE.