quÚsto l'é o scîto de
PAOLIN
un scîto do belin!
 

  PROVERBI IN GENOVESE 1/2
PROVERBI IN ZENEIZE

 
"Breve motto popolare arguto e sentenzioso che, esprimendo un'intenzione elementare, dettata dal buon senso, suggerisce una forma di comportamento". Questa Ŕ la spiegazione che dÓ il vocabolario della lingua italiana alla parola Proverbio. La sua diffusione Ŕ dovuta alla facile memorizzazione di espressioni che sono solo apparentemente semplici, richiedendo in realtÓ una stilizzazione del pensiero, raggiunta con le tecniche pi¨ elaborate e complesse, come l'ellissi del verbo ("a buon intenditor poche parole"), la rima ("il mare bagna gli scogli, le donne asciugano i portafogli"), la metafora ("gatta frettolosa fa i gattini ciechi"), l'allitterazione ("chi dice donna, dice danno"), l'antitesi ("molto fumo, poco arrosto"). I Proverbi - si scrive universalmente - rappresentano la saggezza dei popoli, anche se ci˛ non Ŕ sempre veritiero; da essi per˛ traspare tutto il carattere del vecchio genovese: riservatezza, senso di dignitÓ, parsimonia, laboriositÓ. In queste pagine ne vengono proposti alcuni liberamente tratti da raccolte, in versione originale trascritta in grafia ufficiale del genovese, con la relativa traduzione in italiano per i nati un tantino a sud della Lanterna.
"Brêve m˛tto popolâre argûo e sentenscioso che, esprimendo n'intenši˛n elementare, dettâ da o bon senso, a reciamma na forma de comportamento".
Sta chi a l'Ŕ a spiegašion co dÓ o vocabolâio da lengoa italian-a a-a parolla Proverbio. A seu difuxon l'Ŕ dovûa a-a fašile memorizašion de esprescioin che son solo in apparensa sence, domandando in realtæ 'na stilizašion do penscêo, repiggiÔ co e tecniche ci¨ elaboræ e conplesse, comme l'ellissi do verbo ("a bon intenditô poche parolle"), a rimma ("o mâ o bagna i schÚuggi, e donne sciugan i portafÚuggi"), a metafora ("gatta spresciosa a fa i gattin orbi"), l'allitterasion ("chi dixe d˛nna, dixe danno"), l'antittexi ("tanto f¨mme, p˛co r˛sto"). I Proverbi - se scrive universalmente - rapresentan a sagessa di p˛poli, questo no l'Ŕ ascý senpre vêo; da lô per˛ sciorte t¨tto o caratere do vêgio zeneize: riservatessa, senso de dignitæ, parscimonia, laboriositæ. In ste pagine i ne vegnan prop˛sti šertid¨n liberamente pigÚi da-e arecugÚite, in verscion ˛riginâle trascrîta in grafîa ofišiâ, co a relativa tradušion in italian pe quelli nasciûi un tantin ci¨ a sud da Lanterna.

LA VITA, LA MORTE:

A moî e pagâ gh'Ú de longo tenpo.
A morire e pagare c'Ŕ sempre tempo.

L'Ú mêgio vive da âxi che moî da lioin.
È meglio vivere da asini che morire da leoni.

O tenpo o passa e a m˛rte a ven, biâti quelli ch'Ón fæto do ben.
Il tempo passa e la morte viene, beati quelli che hanno fatto del bene.

Quande o diâo o ven vêgio o se mette a fâ o ferâ.
Quando il diavolo viene vecchio si mette a fare il fabbro.
L'etÓ avanzata consiglia molti a migliorare la propria condotta.

Scinn-a a-a m˛rte se gh'ariva vivi.
Sino alla morte si arriva vivi.

IN SALUTE E IN MALATTIA:

A mêgio mêxinn-a a l'é o decheutto de cantinn-a.
La migliore medicina è il decotto di cantina (il vino).

Dezandio, cichetti e pöca cûa, p˛rtan l'˛mmo a-a seportûa.
Disordine, bicchierini e poca cura, portano l'uomo alla sepoltura.

Quande o cheu o l'é frusto, o Segnô o vêgne giusto.
Quando il cuore è consumato, il Signore viene giusto.
Quando la morte s'avvicina, la fede viene a proposito.

A salûte sensa dinæ a l'Ú 'na mêza moutîa.
La salute senza soldi è una mezza malattia.

L'AMORE, IL MATRIMONIO:

A bella de Toriggia, tutti a vêuan nisciun a piggia
La bella di Torriglia, tutti la vogliono nessuno la sposa.

No gh'é bella rêuza ch'a no divente un grattacû.
Non c'è bella rosa che non diventi un grattacapo.
Il significato Ŕ chiaro: la bellezza Ŕ un valore ben effimero.

No gh'é sabbo sensa sô, no gh'é figgia sensa amô, no gh'é cheu sensa dô.
Non c'è sabato senza sole, non c'è ragazza senza amore, non c'è cuore senza dolore.

A-e d˛nne quande stan ben ghe fa mâ a tÚsta.
Alle donne quando stanno bene fa male la testa.

E d˛nne ne san unn-a ci¨ do diâo.
Le donne ne sanno una pi¨ del diavolo.

D˛nna ch'a mÚscia l'anca, s'a no l'é pöco ghe manca.
Donna che muove l'anca, se non lo è (sgualdrina) poco ci manca.

Avéi ci¨ c˛rne de 'n cavagnin de lumasse.
Avere pi¨ corna d'un cesto di lumache: si dice di marito o fidanzato pi¨ volte tradito.

Quande a d˛nna a vêgne vêgia a perde ˛gni virt¨, a pÚlle a se gh'arappa e a chitâra a no seuna ci¨
Quando la donna viene vecchia perde ogni virt¨, la pelle si raggrinzisce e la chitarra non suona pi¨.

Se voÚi astalâlo, dæghe mogê.
Se volete domarlo (l'uomo), dategli moglie.

LA FAMIGLIA:

Chi no Ó un figeu o no Ó nisciun.
Chi non ha un figlio non ha nessuno.

Figeu e g˛tti no son mâi tr˛ppi.
Figli e bicchieri non sono mai troppi.

Chi veu 'na bella famiggia, ch'o comense da 'na figgia.
Chi vuole una bella famiglia, cominci da una figlia.

Di ciæti di âtri no te mescciâ se ti veu vîve in pâxe e no ratelâ.
Dei pettegolezzi degli altri non t'impicciare se vuoi vivere in pace e non litigare.

E mogê di mainæ no son ne výdoe ne maiæ.
Le mogli dei marinai non sono nÚ vedove nÚ sposate.

E sêuxoe son comme e radicce: un pö ci¨ ˛ un pö mêno, amâe o son tutte.
Le suocere son come le radici: un po' pi¨ o un po' meno, amare lo son tutte.

'Na d˛nna a l'Ú a rovinn-a ˛ a l'Ú a fortunn-a de 'na câza.
Una donna Ŕ la rovina o la fortuna di una casa.

Quande son figge Ón quattro brasse, quande Ún maiæ n'Ón dôe ben passe
Quando sono ragazze hanno quattro braccia, quando son sposate ne hanno due ben appassite.

Quande a mogê a manezza i dinæ, o mÓio o vâ pöco asæ.
Quando la moglie maneggia i soldi, il marito vale poco assai.

Vâ ciù 'n amîgo che šento parenti.
Vale pi¨ un amico che cento parenti.

IL MONDO DEL LAVORO:

A pöco pe vòtta s'Ú fæto Zena.
Poco per volta si Ŕ fatto Genova.
Bisogna fare le cose senza troppa fretta.

Chi vanta e seu méie, l'é segno che son marše.
Chi elogia le proprie mele, significa che sono marce.

L'Ú mêgio cazze da 'n scæn che da 'na scâa.
È meglio cadere da uno scalino che da una scala.

L'Ú mêgio o pöco che o ninte.
È meglio il poco che il niente.

L'Ú mêgio êse invidiæ che conpatîi.
È meglio essere invidiati che compatiti.

'Na bonn-a reputašion a vâ ciù de 'n milion.
Una buona reputazione vale pi¨ di un milione.

No goasta chi no fa ninte.
Non provoca guasti chi non fa niente.

Chi no cianze, no tetta.
Chi non piange, non poppa (al seno). Per ottenere occorre farsi commiserare.

Sbalia finn-a o præve into dî messa.
Sbaglia perfino il prete nel dire messa.
Tutti possono commettere un errore.

O tenpo perso o no s'agoanta ciù.
Il tempo perso non s'afferra più.

Se n'acòrziemo a-o frizze, se saiàn pÚsci ˛ anghille.
Ce ne accorgeremo nel friggere, se saranno pesci o anguille.
Certe constatazioni si possono fare soltanto a tempo debito.

Sciusciâ e sciorbî no se peu.
Soffiare e sorbire (contemporaneamente) non si pu˛.

Se Milan o l'avesse o p˛rto, de Zena ne faievan 'n ˛rto.
Se Milano avesse il porto, di Genova ne farebbero un orto.
E per contro:
Se Zena a l'avesse da cianûa, de Milan ne faievan 'na seportûa.
Se Genova avesse della pianura, di Milano ne farebbero una sepoltura.

Vâ ciù un zeneize in t'un dîo che un foestê câs˛u e vestîo.
Vale più un genovese in un dito che un forestiero calzato e vestito.

IN RICCHEZZA E IN POVERTÀ

L'Ú mêgio un dô de stacca che un dô de cheu.
È meglio un dolore di tasca che un dolore di cuore.

Sciô marcheize, segondo e intræ bezeugna fâ e speize.
Signor marchese, secondo le entrate bisogna fare le spese.

No se peu avÚi a mogê inbriæga e a bótte pinn-a.
Non si può avere la moglie ubriaca e la botte piena (di vino).

D'estæ chi alleuga 'na biscia, d'inverno à 'na sâsìssa
D'estate chi mette da parte una biscia, d'inverno ha una salsiccia.

I dinæ son riondi e s'arigoelan.
I soldi sono rotondi e rotolano (via).

Vuoi acquistare un Libro di Proverbi Genovesi? Leggi Recensioni qui.

  Torna su     ALTRI PROVERBI >>
CULTURA e TRADIZIONI POESIE GE MODI DI DIRE BARZELLETTE GE