Torna alla Home
 
Una carriera da detective privato.
Il tema.
Indagini in punta di piedi.
L'avventura italiana.

Klaus Löwitsch è nato a Berlino l'8 Aprile 1936. Il padre, un architetto, la madre, direttrice di una scuola di danza a Vienna che lo inizia al balletto. Dopo gli studi alla Wiener Akademie für Musik und Darstellende Kunst, a diciannove anni fa il suo debutto ufficiale come ballerino .

Fino al 1961 resta al Teatro di Vienna, dove ottiene un enorme successo con il musical «Kiss me, Kate». Quindi viene ingaggiato dalla Münchener Kammerspiele, uno dei più importanti trampolini di lancio per gli artisti tedeschi. Dal 1979 al 1983 ha lavorato come attore e regista presso la Bayerisches Staatschausspiel di Monaco.

Del suo incontro con Reiner Werner Fassbinder l'attore ricordava che «è stato amore a prima vista, ci siamo sentiti subito attratti l'uno dall'altro». E infatti con il regista bavarese Löwitsch lavorò ben quatro volte in «Il mercante delle quattro stagioni» (1971), «Welt am Draht» (una sorta di science-fiction datata 1973) , «Despair» (1978) e quindi ancora con «Il matrimonio di Maria Braun» [«Die Ehe von Maria Braun»].

Nella carriera televisiva di Löwitsch ci sono anche ruoli da assassino, conquistati ben prima di quello di detective. Nel 1974 è in «Derrick» nell'episodio "Hoffmann Höllenfahrt" [Mi ha sempre chiamato zio Hoffmann] e nel 1985 è ancora al fianco di Tappert in "Ein eiskalter Hund" [Un uomo senza scrupoli]. È protagonista di "I tre testimoni", il primo episodio della serie «Il Commissario Kress».

I suoi tratti "da cattivo" lo hanno privilegiato in numerosi ruoli in cui il cinismo dominava su tutto. Durante la pausa delle riprese tra la terza e la quarta stagione di «Peter Strohm», Löwitsch tentò anche fortuna con l'emittente privata RTLPlus che gli propose di realizzare una serie dal titolo «Zorc - Der Mann ohne Grenzen», in cui l'attore dava corpo ad un ex legionario assoldato come guardia del corpo di un'affascinate giornalista. L'esperienza durò l'arco di dieci puntate, quindi Löwitsch decise di tornare al suo personaggio di Peter Strohm. Del suo personaggio ammetteva l'impossibilità di darne uno sviluppo poiché l'azione era spesso fine a sé stessa e non vi era modo di inserire nelle storie conflitti umani che dessero spessore alle vicende.

Klaus Löwitsch è morto a Monaco il 3 Dicembre 2002, malato di cancro al pancreas dopo aver annunciato, nel Giugno dell'anno precedente, il suo ritiro dalle scene.

 

Klaus Löwitsch nel ruolo di Strohm. (Foto ARD)
Main Theme.

La sigla di testa e di coda del telefilm si intitola "He's a Man" ed è cantata da Mandy Winter. Di questa cover esistono due diverse edizioni pubblicate nel 1989: una prima in Maxi 45 giri ed un CD editi da Mercury.

Testo e musica della canzone sono di J. Wolter e G. Seitz.

 

Guarda la clip della canzone