UNITED STATES OF AMERICA NAVY

- PORTAEREI -

AIRCRAFT CARRIER


PORTAEREI LEXINGTON (CV2) "LADY LEX"

LEXINGTON (CV2) AIRCRAFT CARRIER - "LADY LEX"


CARATTERISTICHE TECNICHE

Nave Lexington (CV2)
Tipo CV
Ordinato 1916 (come incrociatore da battaglia)
Riclassificato 1922 (come portaerei)
Cantiere di costruzione Fore River Shipbuilding Corporation
Aerei imbarcati 80
Impostazione 8 gennaio 1921
Varo 3 ottobre 1925
Entrata in servizio 14 dicembre 1927
Lunghezza 270,65 metri
Larghezza 32,30 metri
Lunghezza ponte di volo 234,70 metri
Larghezza ponte di volo 27,43 metri
Immersione 7,43 metri
Dislocamento 40.000 tonnellate
Apparato motore 16caldaie- 4 gruppi turbogeneratori-8 motori elettrici
Potenza 180.000 cavalli vapore
VelocitÓ 33,25 nodi (61,58 Km/h)
Combustibile -
Autonomia 19.000 Km a 10 nodi (19 Km/h)
Armamento 8 cannoni da 203 mm.-12 cannoni da 127 mm.a.a.-4 cannoni da 76 mm.-2 elevatori-1 catapulta
Protezione verticale cintura 152 mm.
Protezione orizzontale ponte protezione 76 mm.
Equipaggio 1899 (originale)

2791 (nel 1942)


A differenza della prima portaerei americana, la Langley, che non aveva isola, queste ebbero una grande isola costituita da una sovrastruttura di dimensioni cospicue sul lato destro, munita di torrione, di albero e di un gigantesco fumaiolo, molto alto e molto allungato, che sostituiva i sette fumaioli previsti dal progetto originale. Il ponte di volo era lungo 234,70 metri e largo da 22,85 metri a 27,43 metri a seconda delle posizioni ed era all'altezza di 18,30 metri sul livello del mare. L'aviorimessa occupava il ponte sottostante aquello di volo e fra i due ponti vi erano due elevatori, ambedue in posizione centrale, uno a lato del torrione e uno a lato del fumaiolo.  La Lexington e la Saratoga, come la Langley, avevano sul lato destro, nella parte prodiera del ponte di volo, una catapulta lunga 47 metri che serviva per far decollare i pesanti aerei da bombardamento e siluranti dell'epoca.

L'armamento principale, a differenza di quello delle contemporanee portaerei inglesi, invece di essere sistemato all'altezza del ponte aviorimessa e distribuito nel senso della lunghezza, era concentrato sul ponte di volo in quattro torri binate da 203 mm., due a proravia e due a poppavia dell'isola. L'armamento antiaereo era invece sistemato in maniera convenzionale in quattro postazioni ai quattro estremi del ponte di volo, a livello di un interponte pi¨ basso, ciascuna costituita da tre pezzi singoli da 127 mm. Inoltre, in epoca successiva, furono sistemate delle mitragliere a.a. sulle sovrastrutture. Tutti i cannoni da 203 mm. furono eliminati all'inizio della guerra e venne aumentato contemporaneamente il numero di mitragliere antiaeree, che a fine guerra sulla Saratoga, l'unica sopravvissuta, raggiunsero il numero di 96 da 40 mm. La protezione era costituita da una corazza in cintura dello spessore di 152 mm. che si estendeva dalla verticale della torre prodiera da 203 mm. fino a poppa estrema. In senso orizzontale vi era un ponte di protezione a livello del galleggiamento dello spessore di 76 mm; erano inoltre corazzati i condotti del fumo nel tratto fra il ponte di protezione e il ponte di volo.

Per la difesa subacquea esistevano un doppio fondo e un triplo fondo e le unitÓ erano munite di controcarene su ambedue i lati. L'apparato motore era costituito da 8 motori elettrici, due per ciascuna delle quattro eliche, aventi ognuno la potenza di 22.500 cavalli. L'energia elettrica era fornita da 4 gruppi di turbogeneratori, le caldaie erano 16 e scaricavano in 4 condotte separate in un unico fumaioli. Lexington e Saratoga negli anni dal 1927 al 1941 costituirono i prototipi su cui si basarono i progetti delle successive portaerei americane.


LEXINGTON / LEXINGTON CV2


U.S. NAVY


PORTAEREI NELLA STORIA / AIRCRAFT CARRIER


NAVI DA GUERRA / WARSHIPS AND BATTLESHIPS

PORTAEREI NELLA STORIA USA NAVY-LEXINGTON CV2 - AIRCRAFT CARRIER LEXINGTON CV2 - LADY LEX -