PAOLINO un scito do belin!
  POESIE IN GENOVESE 2/2
POEXÎE IN ZENEIZE

Ecco qui alcune poesie del maestro, nonch grande amico, Antonio Piero Fioravanti:

Carruggi
Carruggi,
scui, stremensii
chu da m itt,
pe' cait
rest comme da sempre,
comme da quande v'han fti.
In ta vostra vitta
quanti citi,
e crii, e raxon
i sento:
de turchi, greci,
spagnolli, franeixi,
tripolin
che do nostro parl
no han capo
mai un b....
Ah, m caruggi,
dovve an nascii
m po e m mo,
me pai ciuttosto cangi.
A quelli tempi
ghe stavan solo zeneixi de c
e i batsi
a ronsse, a remesci.
Aoua africani, albaneixi,
cineixi, magrebin,
coren, afgani,
rompi b....,
stan a inciastrve,
a rovinve.
E no si ci quelli
da m zovent.
Ma no perdo a speransa
che porrii ritorn
a se quelli netti,
puliti, educh
comme ai tempi de
m poe m mo.
(sc, perch a vitta,
asc pe e itt,
a l' comme 'na rua).
Genova
Carruggi
Carruggi,
scuri, stretti
cuore della mia citt
per carit
rimanete come da sempre,
come da quando vi hanno fatti.
Durante la vostra vita
quante parole
e gridi, e discorsi
avete sentito:
da turchi, greci,
spagnoli, francesi,
tripolitani
che della nostra lingua
non hanno mai capito
un bel niente.
Oh, miei caruggi
dove erano nati
mio padre e mia madre,
mi apparite alquanto cambiati.
A quei tempi
abitati solo da genovesi
e i ragazzi
a spingersi, a divertirsi.
Ora africani, albanesi,
cinesi, magrebini,
coreani, afgani,
intrusi
vi sporcano,
vi rovinano.
E non siete pi quelli
della mia giovent.
Ma non perdo la speranza
che potrete ritornare
ad essere puliti,
sereni, gradevoli
come al tempo
di mio padre e di mia madre.
(S, perch la vita,
anche quella delle citt,
come una ruota).
A. Piero Fioravanti
Rondaninn-a
L' pass 'na rondaninn-a
Contra o e grixio de perla.
an anni che no vedeivo
Rondaninn-e comme ti;
Ma rondon che paivan blu.
Ti ti m' resciou o chu.
Rondaninn-a, rondaninn-a,
Cosc in rto e sc piccinn-a,
O tu xeuo o me fa allegria.
Te vedeivo in primmaveia
Anni fa quand'a figgiu:
T'aivi o nio sott'a-e trabacche.
Ti xoavi con gran da fa
Pe sfam a tu ni.
Poi a gura a l'ha deruu
Teito, casa, e t' sparia.
Ttti doi mmo stramu
E t'ho perso, rondaninn-a.
A quest' aoua mi son vgio.
Che sorpreisa a l'imbrun!
Doppo anni t'ho rivisto!
Quanti son? Ma no i conto?
Te ringrassio pe' stasseia:
l' torn a m primmaveia.
Genova, 24 giugno 2004
Rondinella
passata una rondinella
Contro il cielo grigio-perla.
Erano anni che non vedevo
Rondinelle come te;
Ma rondoni che sembravano blu.
Tu mi hai rallegrato il cuore.
Rondinella, rondinella,
Cos in alto e piccina,
Il tuo volo mi d allegria.
Ti vedevo in primavera
Anni fa quand'ero bambino:
Avevi il nido nel sotto-tetto.
Volavi con tanto impegno
Per sfamare la tua nidiata.
Poi la guerra ha distrutto
Tetto, casa, e sei scomparsa.
Tutti e due siamo traslocati
E ti ho perduto, rondinella.
Oramai io sono vecchio:
Che sorpresa all'imbrunire!
Dopo anni t'ho rivisto!
Quanti sono? Ma non li conto?
Ti ringrazio per questa sera:
ritornata la mia primavera.
A. Piero Fioravanti
Orassion de n figgin a-o Bambin Gex
O Bambin
piccin comme mi,
amime, Te prego,
e stamme a sent.
Son contento de parlate
cosc, in to m sen
e poi, son sego,
Ti me capisci ben!
No son sempre bravo
comme ti veu Ti, Bambin,
l'rieiva, ma no ghe a fasso!
Aggiuttime un pittin!
Damme a Teu Grassia
e un po' da Teu bont;
benedisci m mamma
e dagghe feliit.
E benedisci un ommo
che tanto o se d da f:
benediscilo Ti, Bambin
quell'ommo: o l' o m pap.
E fanni, se te pixe,
che in to mondo ghe segge tanta pxe,
pe' vive tutti in am e cait
pe' poi arriv insemme lasci da-o Po.
Ti m'h capio, l' vea,
anche se ben non me son spiegu?
Ciao, Bambin beneito,
e Ti seggi sempre ldu!
Genova, Natale 1955
Preghiera di un bimbo al Bambino Ges
O Bambino
piccolo come me,
guardami Ti prego,
e ascoltami
Sono contento di parlarTi
cos, nel mio cuore
e poi, sono sicuro,
Tu mi comprendi bene!
Non sono sempre buono
come vuoi Tu, Bambino,
lo vorrei, ma non ci riesco!
Aiutami un pochino!
Dammi la Tua Grazia
e un po' della Tua bont;
benedici la mia mamma
e dalle felicit.
Benedici un uomo
che tanto s'affanna:
benedicilo Tu, Bambino,
quell'uomo: il mio pap.
E fa, se lo vuoi,
che ci sia nel mondo tanta pace,
per vivere tutti con amore e carit
e giungere poi insieme lass dal buon Pap.
Mi hai capito, vero,
anche se non mi sono spiegato bene?
Ciao, Bambino benedetto,
e che tu sia sempre lodato!
A. Piero Fioravanti
In te-a festa da Befana
Mia un po' che gh' a Befana
co-e sciarblle e a spassoia,
a l' vgia e appissuia
e a no s ci donde and.
A l'andi pe bricchi e fosci,
sci e zu pe fumaieu
a port carbon e dsci
a figgette e a figgieu.
Gh' chi veu a bamboccetta,
chi o trenin o ballon,
gh' chi cianze e gh' chi rie
e chi fa vegn z o tron.
A figgetta a se scialla
fra a Barbie e i nastrin,
mentre i mass-ci se arrobattan
sensa ami chi han vixin.
Cosc a fua a finisce
con ronson e streppon,
con lerfon ben dti in gio
da un'inverso, stuffo, po.
Basta crii, basta galoppi:
s' ferm a marezz;
a giorn a l' finia.
A Befana a l' pass.
Genova
Nella festa della Befana
Guarda un po' c' la Befana
con le ciabatte e con la scopa,
vecchia e striminzita
e non sa pi dove andare.
Girer per monti e valli,
su e gi per caminetti
a portare carbone e dolci
a bambine e a maschietti.
C' chi vuole la bambolina,
chi il trenino o il pallone,
c' chi piange e c' chi ride
e chi fa un gran baccano.
La bambina si diverte
con la Barbie e i nastrini,
mentre i maschi fan la lotta
senza badare a chi vicino.
Cos il gioco qui finisce,
con spintoni e strattonate,
e ceffoni ben distribuiti
da un babbo assai seccato.
Basta gridi, basta salti:
s' fermato il movimento;
la Befana passata,
finita la giornata.
A. Piero Fioravanti

E qui ecco una poesia composta da un padre per la sua piccola:

Natale l'...
De segûo l' 'na cösa
ch'a sa tanto de speciâle
pe un figgio ch'o sente
ch'o l'arive o Natale.
Natale che parlla
l' difiile capîla
asc se i grendi
son senpre l a dîla.
Provemmo a metise
a-o psto di picin
e vedde cse ghe sciorte
pensando cian cianin.
Ecco gh' a moæ
a cominse a fâ o psto
pe mette l'erbo
e ch'o segge ben dispsto.
Se vedde o poæ
con ttte e balette
de tanti cô
ch'o no sa ci donde e mette!
Pöi gh' o barba
co s'aranpighe sci pe-a scâa
pe mette sta stella
ch'a se vedde fin da o mâ.
In cuxinn-a gh' a nnna
ch'a prepare i raiêu
dôe setemann-e primma
e ti te i mangi zâ d'ancheu!
E o nnno o mette e lûxi
chi s'aendan e i s'asmrto
i son daperttto
asc inte l'rto!
E pöi ttti ancon part
comme unn-a spediion
pe acattâ sti regalli
ch'i no piaxo mâi a nisciun!
Mêno mâ che a vedde
ttto sto movimento
pe sti belli "Orsetti"
o l' in divertimento.
Perch o Natale no l'
sôlo frenexîa:
a l' 'na festa pe stâ
insemme in conpagnîa.
E manco de segûo
ttto o dâ e o pigiâ
ma 'na cösa de rispetto
pe i amixi e a famiggia.
No l' tanto faile
vddila comme i figeu
ma ghe semmo pasi ttti
poriescimo fâlo asc ancheu.
E l' prpio quello o bello do momento
aspêtâlo ttti insemme comme i fan i nsci picin
a parlâse e remiâse
pe scrovîse ci vixin.
Alôa sc che poriescimo dî
cöse l' che vaa:
poise ougurâ de cheu
Bon Denâ!
Casarza Lig.(Ge), Natale 2006
Natale ...
Di sicuro una cosa
che sa tanto di speciale
per un figlio che sente
che arriva Natale.
Natale che parola
difficile capirla
anche se i grandi
son sempre l a dirla.
Proviamo a metterci
al posto dei bambini
e vedere cosa ci esce
pensando piano piano.
Ecco c' la mamma
comincia a fare posto
per mettere l'albero
e che sia ben disposto.
Si vede il pap
con tutte le palline
di tanti colori
che non sa pi dove metterle!
Poi c' lo zio
che s'arrampica sulla scala
per metter questa stella
che si vede fino dal mare.
In cucina c' la nonna
che prepara i ravioli
due settimane prima
e tu te li mangi gi oggi!
E il nonno mette le luci
chi s'accendono e si spengono
sono dapperttto
anche nell'orto!
E poi tutti ancora partire
come una spedizione
per comprare questi regali
che non piacciono mai a nessuno!
Meno male che a vedere
tutto questo movimento
per questi bei "Orsetti"
un divertimento.
Perch il Natale non
soltanto frenesia:
una festa per stare
insieme in compagnia.
E neanche di sicuro
tutto il dare e il pigliare
ma una cosa di rispetto
per gli amici e la famiglia.
Non tanto facile
vederla come i bambini
ma ci siamo passati tutti
potremo farlo anche oggi.
Ed proprio quello il bello del momento
aspettarlo tutti insieme come fanno i nostri piccini
a parlarsi e riguardarsi
per scoprirsi pi vicini.
Allora si che potremo dire
cos' che vale:
potersi augurare di cuore
Buon Natale!
Marco Dentone (aiuto traduzione Paolino)

Ed infine una poesia dedicata ad una categoria di lavoratori spesso poco considerati:

O Spassin
Zâ (fîto) de matin
ghn in gîo di menabelin,

gh tanta gente mâducâ:
a cacce röba de chi e de l,

sô, ægoa o vento,
ti spassi gni momento.

T' pöco conscideru da-a gente,
ma de paiensa ti ne devi avéi da vende:

nisciun t'agiûtta, manco pe mêza motta,
te vegnan de quelli sc-ciuppoìn de fotta!

No l un bello mestê,
de vtte te ne fan pasâ a coæ,

ma do resto se sa,
bezugna de longo spasâ!

Cicche, papê, stte de can,
ttti se ne lavan e man,

rumenta daperttto,
l coscì brtto!

Pöchi son i dinæ da spende,
a vtte ti voriesci lasciâ perde,

ma rmai t abituu
a tegnî ttto ben netezzu.
S.Margherita Lig.(Ge), 2009
Lo Spazzino
Gi (presto) di mattina
ci sono in giro dei rompiballe,

c' tanta gente maleducata:
butta roba di qua e di l,

sole, pioggia o vento,
tu scopi ogni momento.

Sei poco considerato dalla gente,
ma di pazienza ne devi avere da vendere:

nessuno t'aiuta, neanche per pochi centesimi,
ti viene di quei momenti di rabbia!

Non un bel mestiere,
a volte te ne fan passare la voglia,

ma del resto si sa,
bisogna sempre scopare!

Cicche, carta, sterco di cani,
tutti se ne lavano le mani,

spazzatura dappertutto,
così brutto!

Pochi sono i soldi da spendere,
a volte vorresti lasciar perdere,

ma ormai sei abituato
a tenere tutto ben nettezzato.
<< ALTRE POESIE GE     su  

Poesie e filastrocche genovesi di Natale
HOMEPAGE CULTURA E TRADIZIONI PROVERBI GE.