questo l'é o scîto de
PAOLIN
un scîto do belin!
sull'avarizia
la storica
Carlo Dapporto

BARZELLETTE GENOVESI
BARSELÉTTE ZENEIXI

-Un Genovese al gabinetto, gli cade un EURO nella tazza, sta un po' a pensarci poi decide... ne butta dentro un altro: "Adesso ne vale la pena raccoglierli!"

-Un genovese torna a casa dopo aver comprato una costosa bottiglia di vino. Sulle scale di casa scivola e cade a terra. Poco dopo sente del liquido colare sulla schiena... "Dio, speriamo che sia sangue..."

-Un genovese ordina un doppio whisky. Sta per bere, quando si accorge di una mosca che nuota all'interno. Con aria furente la tira fuori dal bicchiere e l'appoggia sul tavolo, premendola tra le dita. «Sputa, bastarda, sputa!»

-Su una lapide di un cimitero genovese: "Qui giace Punin, che morì in una rissa scatenata per raccogliere 5 centesimi trovati per terra..."
sulla lapide a fianco: "Qui giace suo fratello, che morì d'infarto per non essere riuscito a partecipare alla rissa..."

-In prigione a Genova: «Perché sei qui tu?»
«Perché ho rubato dei gioielli infrangendo la vetrina con una mazza»
«E ti hanno preso sul fatto?»
«No, il giorno dopo quando sono andato a riprendermi la mazza!»

-Cos'è il moto perpetuo? Un genovese che rincorre uno scozzese che gli deve dei soldi...

-Dei genovesi rimangono bloccati da una tormenta di neve in una baita. Alcuni giorni dopo arrivano i soccorsi e bussano alla porta:
«Chi è?»
«È la Croce Rossa»
«Grazie, ma abbiamo già dato!»

-Un genovese va a registrare una nascita al suo comune. Allo sportello dello Stato Civile chiede:
«Quanto costa la registrazione di un bambino?»
L'impiegato: «Nulla. La registrazione è completamente gratuita».
E il genovese: «Molto bene! Allora registro anche la nascita del gemello».

-Un genovese torna a casa presto dal lavoro. Nel giardino di casa vede parcheggiato il furgoncino di un idraulico. Alzando lo sguardo al cielo esclama: "Ti prego, Signore, fa che sia il suo amante..."

-Partita di calcio Genoa-Sampdoria. L'arbitro lancia la monetina, duemila feriti...

-Come si fa a far guarire un genovese dalla balbuzie? Gli si fa fare una telefonata intercontinentale!

-Farmacia in un piccolo paese vicino Genova, non ci sono ancora molti turisti, il farmacista è sulla porta, vede passare un turista lo chiama e gli dice:
«Lei è venuto a comprare stamattina?»
«Si, ho comprato l'aspirina»
«Guardi, la commessa si è sbagliata, le ha dato la strichinina»
«Ma c'è differenza?»
«Eh sì, 6700 Lire!»
(3,46 €)

-Un vecchietto di 80 anni entra in farmacia e chiede:
«Ce l'avete il viagra?»
«Si»
«E i pannoloni?»
«Si»
«E le padelle?»
«Si»
«E i pappagalli?»
«Certo, ma perché tutte queste domande?»
«Mi devo sposare con una mia coetanea e volevamo fare la lista di nozze.»

-Genova una sera, la moglie del signor Parodi dice al marito:
«Le mie amiche dicono che i loro mariti vanno sempre in quei locali, a vedere gli spogliarelli... ci vai anche tu con gli amici?»
«Ah no, mi vaggo a zugâ a-e carte»
«Voglio che mi porti in un "night"»
«Ma mi no ghe son mâi anæto...»
«Vabbè, allora ci andiamo insieme».
Allora vanno in un locale, quando entrano lasciano il cappotto al guardaroba...
«Oh buonasera signor Parodi»
«Ma come? M'avevi detto che non c'eri mai stato...»
«Belin, ma Parodi gh'é n'é tanti a Zena...»
Poi entrano nel salone, arriva il direttore e dice:
«Il solito tavolo, signor Parodi?»
«Ma non starmi a raccontare delle storie, eh!»
«Ma o se saiâ sbaliòu...»
Dopo un po' arriva quella che fa lo spogliarello, si toglie le mutandine e chiede a voce alta:
«A chi le diamo queste mutandine?»
E tutti gridano: «Al signor Parodi!»
La moglie: «Ora basta! Andiamo via!»
Escono dal locale e chiamano un tassì; durante il viaggio di ritorno la moglie dice al marito:
«Ora per farti perdonare mi devi comprare una pelliccia, una collana di gioielli e portarmi in crociera»
Allora il tassista dice: «Scio Parodi, de bagasce n'avemmo portòu, ma câe comme questa mâi!».

-Unn-a figginn-a de 14 anni a va da a maman:
«Moæ: son doî meixi che no me vegnan...»
A Moæ a l'acatta o test de gravidansa e amian: poxitivo!!!
«Ti t'é unn-a svergognâ, lê o l'è un pòrco, òua ti doviæ spiegâ tùtto a teu poæ...»
A figginn-a, a se sêra inta seu stansia, piggia o telefonin, parla pe doî segondi e sêra.
Tenpo un quarto d'ôa, d'arente a-a casa o s'aresta un Ferrari, o chinn-a n'òmmo distinto, grîxo, ben vestîo e o va a parlâ co-a famiggia, intorno a-a töa do tinello, co-o poæ che o l'amîa catîo.
«Me despiâxe pe quello ch'o l'è sucesso; tra e âtre cöse, no pòsso spozâ vòstra figgia perché mi gh'ò n'âtra scitoaçion familiâre; però, pe no defiâme da-e mæ responsabilitæ, dimmo che... se nascesse unn-a figinn-a, ghe intestiò... dimmo doî apartamenti, træ butêghe e... mah, femmo un conto corente da 500.000€. Se fuise un màsccio, alôa ghe intestiæ dôe fabriche e un conto corente da 500.000€. In câxo de doî binelli, femmo unn-a fabrica e 250.000€ a testa. E se, maniman, vòstra figgia a dovesse perde o figgieu...»
O poæ, ch'o l'êa stæto, scûo in scio môro, a sentî, o se issa, o ghe mette 'na man in sciâ spalla e o ghe dîxe:
«E se, maniman, a figginn-a a dovesse perde o figgieu... ti, ti te a becci n'âtra vòtta!!!»

-Pòrto de Zena, gh'è di òperai chi lòuan, stan caregando 'na nâve quande a un çerto ponto cazze un container e o scio Parodi o gh'areste sotta e o mêue. Alôa i seu colêghi len preocupei de comme fâ ad avisâ a mogê sensa traomatizâla, nisciùn ghe veu andâ finn-a che un o dîxe:
«Va ben ghe vaggo mi»
«Scì, ma digghelo con gàibo»
«Scì, va ben».
O l'arîve davanti a-a cà da mogê, o seune e quande s'arve a pòrta o dîxe:
«Vedova Parodi?»
«Parodi si, ma vedova no»
«Scommettiamo?»

-Gêxa de San Loenso a Zena, un câdo ezageròu, gh'è 'na scignôa un pitin gròssa, a l'è asetâ in sci scæn da gêxa ca se mange 'na patêca, a l'à e ganbe un pitin larghe e se ghe vedde tùtto l'òrto, passe un scignôro e o ghe dîxe:
«Scignôa, ca sêre un pö e ganbe che se vedde tùtto!»
e lê: «E scì, se sêro e ganbe e mosche i me van in sciâ patêca!»

-Un cacciatore va a caccia: Pim! una pernice. Pum! un fagiano. Pam! un altro fagiano.
Torna a casa dalla moglie e le dice: «Mia! Pim Pum Pam, unn-a pernîxe e doî fagian».
E lei gli risponde: «Mia, Pe in Ponpin unn-a pelissa e un capelin!»

-Zena, 'na séia tra tante. O scio Pêo o l'à mangiòu tròppo, o va in létto, un bruxô de steumago, o gh'à a borsa de l'ægoa câda, o ghe mette l'ægoa: a perde. N'açidente! O va de là, o seune da-o vixin.
«Cöse gh'é Pêo?»
«Mario, ti gh'é mîga a borsa de l'ægoa câda? Gh'ò un mâ de steumago e a l'é rotta»
«Mîa, mi no l'adêuvio a borsa de l'ægoa câda, da quande gh'ò o gatto»
«Ah sci?»
«Mîa, mi m'òo metto lì in sciô steumago, câo ti...»
«Ti m'òo prestiesci?»
«E sci che t'òo presto, ghe manchiéiva âtro. Chi gh'é o gatto»
A l'indoman matin o sente picâ a-a, o gh'àrve: «Tè! Ti e o teu gatto!»
«Ma scuza, cöse l'é sucesso? O l'é senpre stæto brâvo...»
«Ma sci... o l'êa brâvo... o problema l'é nasciûo quande ò çercòu de métighe l'ægoa drento!»

-Un'avvenente bionda si reca la sera sulla scogliera di Portofino e, insoddisfatta della vita decide, di suicidarsi. Ferma sull'orlo del baratro, guardando sotto le nere onde che si infrangono sugli scogli in un ribollire di schiuma e frastornata dall'ululare del vento, pensa e ripensa alla sua vita trascorsa, alle insoddisfazioni, alle angherie sopportate, alle offese e agli errori commessi. In questo stato d'animo è quasi finalmente decisa a saltare nel vuoto quando passa di lì un marinaio che le dice:
«Ma perché sei tanto triste? Non fare pazzie! Tu sei importante prima di tutto per te stessa! Anzi guarda, io domani salpo con la mia nave per l'America, se vuoi ti porto con me e provvederò a tutto: viveri, acqua per il viaggio, una sistemazione e un lavoro una volta giunti a New York.»
La poveretta, pensando che a quel punto non aveva nulla da perdere, accetta e l'indomani si incontra con il marinaio che la fa salire a bordo di una nave e la nasconde in una lancia di salvataggio. Ogni notte il marinaio viene a trovarla e le porta dei panini, del succo di frutta e tutto ciò di cui ha bisogno. Lei, un po' per riconoscenza per colui che l'aveva salvata ed un po' per l'affetto che cominciava a provare, si concede al marinaio e fanno sesso tutte le notti. La cosa va avanti così per alcune settimane, sino a quando il comandante del bastimento la scopre dentro la scialuppa, durante un giro di ricognizione e su tutte le furie la interroga:
«Cosa fa a bordo della mia nave e dove crede di andare?»
La donna risponde: «Ero disperata, un suo marinaio mi ha aiutata, tutte le notti mi porta da mangiare e del succo di frutta da bere e io per riconoscenza gli permetto di fare l'amore con me per tutta la notte, sino a quando non saremo giunti a New York, dove mi ricostruirò una nuova vita...»
«Senti bellezza... - risponde il comandante - che tu sia stata disperata lo capisco, che tu voglia andar in America a rifarti una nuova vita anche, ma c'è una cosa che devi sapere: questo è il traghetto che fa servizio fra Genova e la Corsica, tutte le notti, andata e ritorno...»

-Un Genovese va dal gommista con un profilattico forato e gli domanda:
«Per favore me lo vulcanizzi ancora una volta?»
Il gommista lo guarda con sgomento e risponde: «Ma, belandi, te l'ho già riparato 5 volte, non sarebbe ora che te ne comprassi uno nuovo?»
E l'altro: «Eh si, io lo comprerei uno nuovo, ma i miei 5 soci non sono mica d'accordo...»

-Fra due amiche:
«Cöse t'à regalòu teu màio pe Natale?»
«Oh, un belin...»
«T'òu faiésci càngio co'n foulard?»

-Fra due amici:
«Dove la porti tua moglie per le nozze d'argento?»
«A Caracas»
«Oh belin... e per le nozze d'oro?»
«La vado a riprendere».

-Padre e figlio genovesi vanno in America.
«Papà, ma quando arriviamo?»
«Stai zitto e nuota!».

-Al cimitero: una vedova sta pulendo la lapide della tomba del marito, poi dopo aver messo i fiori freschi, saluta il marito con la mano «Ciao caro, ciao...» e indietreggia senza voltare le spalle alla tomba, facendo passi all'indietro. Un signore che passa di lì, la vede e le dice:
«Signora, perché cammina all'indietro? Potrebbe cadere»
«Ha ragione, ma mio marito mi diceva sempre che ho un culo che fa resuscitare i morti!»

-Doî amixi s'incontran dòppo un pö de tenpo che l'êan spozéi, un o ghe dîxe a l'âtro:
«Comm'a va co-a mogê?»
«Ò atrovòu 'na mogê inpagabile!»
«Perché?»
«Perché co-i brichetti a l'açende o gazzo, pöi a i mette lì, quande ghe n'é un bello mùggio a l'açende e a l'ascâda o cafè»
«Eh, a teu ninte! A mæ l'é ciù brava!»
«Perché?»
«A va a pigiâ o belin da-i âtri pe avansâme o mæ!»

-Cosa pensano che sia il 740 nelle varie città d'Italia?
A Milano: la denuncia dei redditi.
A Genova: una rapina!
A Roma: la Volvo 740.
A Napoli: le otto meno venti.
A Palermo: ma chi minchia di calibro iè questo?

Sull'AVARIZIA:
-Colmo per un ligure? Usare la carta igienica da un lato solo!

-Colmo per un avaro? Ascoltare un discorso... senza interesse!

-Economo: autodefinizione dell'avaro!

-Notizia giornalistica: scontro fra 2 tassì a Genova, 20 feriti!

-Come si fa a far stare 12 liguri in un taxi? Si getta una monetina sul sedile posteriore.

-Perché i liguri d'inverno si fanno crescere la barba? Perché è il modo più economico per riscaldarsi.

-Perché i genovesi non amano i frigoriferi? Perché non sono mai sicuri che chiudendo la porta si spenga la luce!

-Perché i genovesi seppelliscono i morti con la testa di fuori? Per risparmiare sulla fotografia!

-Che tipo di olio usa la tipica massaia genovese? Quello della vicina.

-Fra liguri:
«Bacci ha lasciato tutto all'orfanatrofio.»
«Ah si? E cosa ha donato?»
«8 figli!»

-«È morta zia Caterina»
«E cosa aveva?»
«Due catenine, un orologio d'oro...»

-Parlando di un defunto: «...perfino il vuoto che lasciò nei cuori era a rendere!»

-Coppia di marito e moglie, lei rimane affascinata davanti alla vetrina di una gioielleria e, guardando il marito, dice:
«In çinquant'anni no ti m'é mai acatòu ninte!»
«Veramente non sapevo c'avessi qualcosa da vendermi.»

-Chi è stato l'inventore del puzzle? Un genovese quando gli sono cadute 1000 lire nel frullatore.

-Che cos'è l'avarizia? È un continuo vivere in miseria per paura della miseria.

-Perché l'avaro è un ottimista? Perché pensa sempre al futuro (convinto di esserci ancora!)

-Sono molto affezionato al mio orologio. Me lo ha venduto mio padre sul letto di morte! (Woody Allen)

-Un ebreo e un genovese si incontrano in una trattoria per una colazione di lavoro; mangiano e discutono dei loro affari. Quando si presenta il cameriere con il conto, lungo silenzio e poi si sente una vocina che dice in perfetto genovese «Ninte schersci! Ancheu pago mi!» (oggi pago io)
Titolo sul giornale del giorno dopo "noto ventriloquo ebreo ucciso a forchettate in una trattoria della Foce".

-Come si capisce che una barca è di un genovese? Non la seguono i gabbiani.

-I soldi non danno la felicità, ma mettono di buon umore.

-L'importante è la salute, ma senza palanche (soldi) è una mezza malattia.

-Un genovese porge qualcosa al facchino che gli ha portato le valigie, dicendogli: «Si prenda un caffé...»
e quello stupito: «Ma è una bustina di zucchero!»
«Ah, beh... se lo preferisce amaro me la riprendo».

La STORICA (1920):
-Baciccin sul letto di morte guarda i suoi parenti raccolti attorno al letto:
«La Marietta, mia nipote è qui?»
«Son qui barba!» (zio)
«E mia moglie la Nina dovve a l'è?»
«Son qui, stai tranquillo, ghe semmo tutti!»
«Ma allora nello scagno (ufficio) chi c'è rimasto?» variante «Ma allora come mai che in cucina c'è la luce accesa?»

Di Carlo Dapporto:
-Un Genovese va in visita dal dottore. Si spoglia e il dottore chiede: «Allora, dove le fa male?»
«Se mi fa lo sconto glielo dico...».

-Genova, a Sottoripa, in uno scagno (ufficio di un armatore navale) c'è il signor Parodi che dice al galoppino:
«Fortunin, amîa un pö che tenpo fa»
L'uomo s'affaccia alla finestra e dice: «Scio Parodi, ho l'impressione che oggi c'avremo un po' di pioggia»
«Ci avremo?? No semmo mîga sòcci!»


HOMEPAGE CULTURA TRADIZIONI LIGURIA VIGNETTE Dizionari