Terra e Luna
Home Pianeti Profondo cielo Telescopio Foto & Teorie

 
 
LA LUNA il nostro satellite naturale, dista mediamente 384.400 Km dalla Terra, ed ha un'et di circa 4,5 miliardi di anni, come il nostro pianeta e il resto del Sistema Solare. Ci che ancora avvolto da mistero come si sia formata. Tra le ipotesi si pensa che: 
 
1) La Luna fosse un corpo vagante formatosi lontano dalla Terra e catturata casualmente dal campo gravitazionale terrestre. 
 
2) Come tutti i pianeti del Sistema Solare si sia consolidata a partire dalla nebulosa primitiva per la graduale aggregazione di planetesimi (corpi rocciosi pi piccoli di un pianeta)
 
3) La Terra in origine possedesse anelli simili a quelli di Saturno, e che questo materiale abbia alimentato la crescita della protoluna.
 
4) Quando la Terra aveva da poco consolidato la propria crosta rocciosa, un protopianeta di almeno 6.000 Km di diametro (quasi quanto Marte) si sarebbe scontrato con il nostro sconvolgendo crosta e mantello e provocando in pochi minuti la formazione di due gigantesche protuberanze di materiale vaporizzato nell'urto. Entro poche ore dall'impatto, il materiale espulso avrebbe cominciato a condensarsi in orbita intorno alla Terra. Questa la teoria pi accreditata in base a simulazioni effettuate al computer, secondo le quali sarebbero bastate 23 ore perch la protoluna prendesse forma.
 
Il moto della Luna estremamente complicato, dominato dalla presenza gravitazionale della Terra, molto influenzato anche dal Sole e dagli altri pianeti. Essa ruota intorno a un proprio asse polare: rispetto al piano della rivoluzione, l'asse inclinato di circa 5. Ci comporta che il giorno lunare abbia solo minime variazione stagionali e minime differenze di durata alle diverse latitudini. 
 
Il Sole arriva sempre all'orizzonte dei Poli lunari, inoltre, poich il periodo e il verso di rotazione sono uguali al periodo e verso della rivoluzione, la Luna espone sempre la stessa met alla Terra: un fenomeno dovuto all'attrazione terrestre che ha frenato la rotazione lunare originaria. 
 
Il periodo di rivoluzione lunare, cio il periodo che intercorre fra due passaggi della Luna nello stesso punto dell'orbita, detto anche mese siderale, della durata di 27,32 giorni solari medi. Il piano di rivoluzione lunare inclinato rispetto all'eclittica di un angolo che varia (a seconda delle interferenze gravitazionali) fra 458' e 519'. 
 
L'illuminazione della faccia lunare rivolta a noi cambia a seconda della posizione del nostro satellite rispetto alla Terra e al Sole. I diversi aspetti con cui ci appare la Luna sono detti fasi e sono le seguenti: 
 
- Luna nuova: quando Sole, Luna e Terra in quest'ordine sono sulla stessa linea, quindi la Luna invisibile in quanto sorge e tramonta insieme al Sole. 
 
- Luna crescente: si verifica dopo la luna nuova, la parte illuminata diventa da uno spicchio sottilissimo, sempre pi estesa. Talvolta possibile osservare in questa fase la restante parte buia della Luna debolmente illuminata dalla cosiddetta luce cinerea, la Luna infatti riflette verso di noi la luce che le giunge riflessa dalla Terra e illuminata dal Sole. 
 
- Primo quarto: la congiungente Terra-Luna a 90 dalla congiungente Terra-Sole, si vede un quarto della superficie lunare (prima met del disco). 
 
- Luna piena: Sole, Terra e Luna, in quest'ordine, sono sulla stessa linea, tutto il disco lunare appare illuminato perch la Luna sorge quando il Sole tramonta. 
 
- Luna calante: dopo la Luna piena, la parte illuminata diventa sempre meno estesa fino a ridursi a uno spicchio. 
 
- Ultimo quarto: la congiungente Luna-Terra a 180 dalla congiungente Terra-Sole, si vede un quarto della superficie lunare (seconda met del disco, quella che resta oscura al primo quarto. Le fasi di primo ed ultimo quarto sono dette anche quadrature. Resta sempre di valido aiuto un vecchio detto per riconoscere se la fase lunare che si sta osservando: gobba a levante (rivolta ad Est) Luna calante, gobba a ponente (rivolta ad Ovest) Luna crescente.
 
 
 
Pagina aggiornata il 11/02/06 .