Proverbi e detti Veneti
visita anche

Paul's Web Saloon 

www.paulsaloon.altervista.org

 

Home
Album foto
Dizionario
E-mail
Giochi
Webcam
Proverbi e detti Veneti
My English Corner         

 

Proverbi e Detti Veneti!!

Detti Veneti    Le donne    Venssia

 

Detti Veneti

 

Tirasse su na costa: si dice quando si riceve qualcosa di utile in un momento di difficolt, rinfrancarsi new.gif (339 byte)

Unqu te ghe s, doman no te ghe s altro

Avere 50 franchi de mona in scarsa: si dice quando, per quieto vivere, si da ragione a persone di parere contrastante (per tenersi amici tutti e non avere rotture di palle...)

Pai orbi xe scuro anca a mexod

Scanta bauchi sveja macachi

"ma va' pisare sul saeno che'l vien su beo norbio!" = vai a fare la pip sul sedano che cresce bene...usato nella zona dell'alta padovana per mandare qualcuno a "quel paese".

 

Le donne

Tndare e tose e btare e nose xe tenpo perso.

Ae done, ai sassi e ai bissi, colpi ciari e fissi.

Fmene, cani e bacae pi che te bati, pi i vien boni.

Do fmene e un'oca fa un merc.

Do fmene fa un marca', tre fa na piassa.

Ghe voe sete fmene pa' fare un testimone.

Sento omani sta in amicissia, do fmene fa barufa.

Co parla na bea fmena tuti ghe da rason.

E fmena: che e piasa, che e tasa e che e staga casa.

E fmene xe come e meansane, ghe voe el baston pa farle vegnere su drite!

E fmane xe come e scorese: o te e moi o te e sofeghi.

E fmene xe come i schei: pi te ghe n'e' e pi' te ghe ne vorissi.

E fmene xe come e nuvoe: co e va via xe na bea jornada.

E fmene xe come i platani: pur de fare e raize e te desfa anca e strada.

E fmene xe come e tavanee: co e se taca teo ciucia tuto finche' no te ghe
n'e' altro (el sangue).

E fmene xe come e carta: costa' p riciclarla che torghene de nova.

E fmene xe come e sbrixe: e pi bee e sta sempre co e soche pi' grandi!

E fmene xe come e sardee: buta' via e testa el resto xe tuto bon.

E femene crea e vita, noialtri ghe e toemo.

E fmene ga' bisogno de do animai: un toro in leto e un musso che lavora.

E fmene xe come on falsin: batarle ogni tanto, guzarle senpre.

E fmene ghe piase furbire e fasse furbire.

E fmena xe come l'acua santa: tanto f poca come tanta.

E fmene no sa de ssare sent dessora aea so fortuna.

Tece, pignate e piati da lavare: fmena cori casa (e va in figa de to
mare).

Trovare na fmena bea e intejente xe come magnare pastisso e pretendere de
cagare a strati.

Xe pi' e fmene che varda i omani che e stee che varda e tera.

Libri, fmene e cavai no se presta mai.

Baso no fa buso.

Al ciaro de na candea no se stima n dona n tea.

Assa che e mojre e comanda in casa: soeo cuss e te struca e e te
basa.

Vrze scald e mojere ritorn no xe mai bone.

Novantanove maridai fa' sento bechi.

Conpare de aneo, pare del primo puteo.

Chi serca cavaeo e fmena senza difeto, no el gavar mai cavao in staea e
fmena in leto.

Chi voe el pomo sbassa e rama, chi voe e tosa caressa e mama.

Chi che se marida de carnevae slonga e ganbe e scursa le bae.

Chi che ga na bea mojre no e xe tuta sua.

Chi che se marida vecio sona de corno.

Chi dise sposa dise spesa.

Cusina che fuma, dona cativa e coverta rota manda l'omo in maeora de troto.

El naso dei gati, i zenoci dei mani e el cueo dee fmene xe senpre fredi.

El primo ano se ghe voe tanto ben che e se magnaria, el secondo se bestema
de no verla magn.

Leto fato e fmena peten, e casa xe destrig.

Mjo na dona bea senza camisa che una bruta co sete camise.

E gaina che ghe piase el gaeo, ghe piase anca el so ponaro.

Forsa e corajo... che e figa ga el tajo! Corajo e forsa se e figa ga
scorsa!

Forsa e corajo fin che e mona no sa da aio.

Se laora e se fadiga pa e panza e pa e figa.

Guanto, figa e bareta no ga da esser mai streta.

Avanti Savoia (che e fig xe moia)!

Vrespe e fmene, no sta tocarghe el cueo.

Ocio celeste, ocio de dama; ocio moro, ocio da putana.

Al son de na canpana (schei) ogni dona se fa putana.

Scarpe grosse e maro bruto, va tranquia dapartuto.

Dona de mondo no ga mai fondo.

Dona e luna, ora serena ora bruna.

Dona sconpagn xe senpre mal vard.

Co l'et l'omo fa pansa e e fmena fa stomego.

Co l'et l'omo fa pansa e e fmena slarga el cueo.

Fe da maridar, ossi duri da rosegar.

Bea bionda, beato chi te sfonda.

Bea mora, beato chi te sbora.

Rossa de peo, mata pa l'oso.

Dona nana, tuta tana.

Bea in fassa, bruta in piassa.

Bruta de muso, larga de buso.

Fin che na bea xe vard, na bruta xe marid.

Dopo i confeti se vede i difeti.

Ogni fmena xe casta se no la ga chi la cassa.

E tose lo desidera, e marid lo prova, e vedove lo ricorda.

On paeo in pi, na stropa dom e na fmena destir i porta quanto peso che
te voi.

L'omo marid porta quatro "p": pene, pensieri, pentimenti e pecati.

Una dona, omo beato. Do done, omo gato. Tre done, omo santo. Cuatro done,
omo mato.

Cuando che el Signore voe castigate el te manda l'ispirassion de torte na
ostaria o de sposarte.

Signore, f che no sia beco; se ghe so', f che no e sapia; se e s, f
che no ghe bada.

 

Venessia

 

Spa pin e spnsi (s di rosa) guavo. Sapa da calpestare e spnsi da spingere. Lo si dice ad una persona che piano piano inesorabilmente mette in atto qualsiasi cosa aveva in mente di fare anche a danno di altri.

Se ore ea cresse, se ea cea. Ogni sei ore l'acqua entra dal mare alla laguna per poi ritornarci. Questa una frase che viene detta a chi, per esempio, si arrabbia perch a lui va tutto storto: lo si consola dicendogli che per quanto gli vada male prima o dopo sicuramente gli andr bene. Per lo stesso motivo per chi si gongola troppo della sua fortuna. 

 

...el vien dal Garda. I classici temporali violenti che avvengono nel Veneziano provengono quasi tutti da ovest. Cielo terso, poi sempre pi grigio, caldo afoso, brezza in crescendo, colpi di vento, nuvolone nero, verde e poi pioggia a dirotto. C' qualcuno che dice che provenghino tutti da quella direzione. Io sono stato in gita al lago ed ho domandato ai locali il punto esatto: mi hanno risposto da dietro quelle montagne, sono andato sulle montagne e...

 

Bisogna veder sel mar riceve o se el torna indro. Sempre di carattere meteologico questa frase significa che le previsioni sono previsioni e non certezze e quindi quando il maltempo va da ovest verso est e quindi verso il mare Adriatico si spera che "non torni indietro" e si sfoghi in mare e non a Venezia. Questa anche una scusa per quelle persone famose per essere dei meteorologi perfetti: come Sibilla si ha sempre ragione.

 

Ma te vien dal Deo? Ad una persona che non tanto sveglia. Dolo un paese vicino a Venezia dove non assolutamente vero che ci siano persone cos. Ma va bene lo stesso. 

 

Al Deo e g meo e ea Mira 'lgh tira. Frase tipica tanto per fare la rima infatti: non vero che a Dolo tutti i maschi ce l'hanno moscio come non altrettanto vero che a Mira ce l'hanno tutti in perenne erezione.

 

Seghen. La frase completa sarebbe "se ghe n el magna e se no ghe n nol magna". Rivolto ad uno scansafatiche che non si d tanto da fare per guadagnare e quindi a spendere i soldi per mettere qualcosa sotto i denti .

 

E g visto pi cassi a che i cessi de S.Brtoeo. Detto ad una donna di facili costumi. Vicino al campo S.Bortolo ci sono dei gabinetti pubblici, e chi fa la pipi lo mette in mostra.

 

S e s come e pee del casso. Quando uno va a zonzo inutilmente questa la giusta frase da dire. Infatti, in modo spregiativo, anche la parte esterna del pene, sia quando si ha un rapporto sessuale sia quando ci si masturba, si muove avanti e indietro.

 

Se no ghe fosse el ponte el mondo sara un'soea. Il ponte quello "della libert" e collega la terraferma con Venezia. No comment.

 

Luna sentda marinr in pe. Quando la falce lunare rivolta vero terra sintomo di bel tempo e quindi il marinaio pu stare in piedi nella sua barca, altrimenti se il tempo brutto e c' onda deve restare gi.

 

Ae porte dell'ospel. Quando uno sta molto male non lo si consiglia d'andare dal dottore o all'ospedale ma "ae porte dell'ospel". Lo si intima anche al bambino capriccioso quando non ascolta i genitori e rischia di farsi male.

 

El rusa, ea rasa...: Modo di dire che significherebbe d'aver colto in fallo una persona che ha appena scoreggiato o preavvisare simpaticamente la propria pernacchia. La frase intera un indovinello: "ea rusa, ea rasa, ea va in giro per casa, nissuni ea vede ma tuti ea sente...cossa se?".

 

Dal Trasto ea sentina: Il trasto la parte superiore di una barca e la rende solida; la sentina la parte inferiore. La differenza di essere seduti sul trasto e seduti gi in sentina signicherebbe in pratica "cadere dall'alto in basso". 

 

A pail: "andar a pajol" significa cadere nel pagliolato ed quando uno ubriaco a tal punto che non si regge in piedi. Anche se adesso bonariamente lo si dice, soprattutto tra i gondolieri, a qualsiasi che inciampa e cade per terra.

 

Nome che...: Rafforzativo di una frase. Es.:"c st tempi che va via gavmo nome che miseria" (di questi tempi abbiamo solamente miseria).

 

"Ma ti g el moreto a casa?": significa domandare se a casa uno abituato o no d'avere il servo di colore che che lo sostituisca nei gesti di costesia. Questa frase viene normalmente detta quando uno lascia la porta aperta (per es. aperta la porta del vaporetto lasciando entrare aria troppo fresca).

 

Primo, secondo e Capodistria: Il primo il primo canale della Rai, il secondo il secondo e Capodistria sarebbe la prima rete televisiva vista dopo quella nazionale. Oltre ai cartoni animati di "Gustavo" ci si rammarica di non essere mai riusciti a vedere le donne nude che si diceva fossero presenti a mazzi ogni notte. 

 

Palco, sorapalco e musica in platea: il complesso sistema, macchinoso di un'opera teatrale pagagonato qui ad un'abbigliamento altrettanto rindondante della persona a cui indirizzata la frase. (Quando uno g sentoma mage).

 

Chi dise ma in ceo e g: chi in dubbio se lo prende sempre in quel posto. Lo si dice quando una persona comincia un discorso con un "ma..." in sospensione.

 

Perderse par'l cago: quando uno fa tardi ad un appuntamento probabilmente perch ha trovato la nebbia.

 

Pantaen s in chba: i soldi ormai ce li hai in tasca.

 

Un alto e un basso f un guavo: se ne nella vita una volta va male, un'altra volta andr bene e perci avrai pareggiato.

 

Impissa e 'uce! Gavemo da star tanti ani al scuro: Accendi la luce! Abbiamo tanti anni da passare al buio (sottoterra). Lo si dice tante volte quando uno, al crepuscolo per esempio, o per risparmiare o perch non ci fa caso si dimentica di accendere la luce.

 

Magna e bevi che e vita se un lampo: approffitta, mangia e bevi che la vita breve e dopo non potrai pi godertela a questo modo. No alla dieta, dunque.

 

I te porta da Capeeti: frase di qualche tempo fa. Il Prof. Cappelletti era un famoso medico dei pazzi che esercitava a Venezia.

 

Ma ti vien da Maroco? (o da S.Srvoeo o da S.Clemente). Sono tutte ( o lo erano) sedi di manicomi provinciali.

 

Che togo! Famoso fino a pochi anni fa, si riferisce al celebre ammiraglio giapponese che sbaragli la flotta russa nella grande battaglia navale degli stretti di Tsushima. Detto di cosa meravigliosa. Varianti: "Che figo!".

 

Da novo tuto se beo: detto specialmente nel rapporto tra fidanzatini novelli, dove sembra che l'amore sia infinito e che lo stato di grazia durer inalterato per sempre.

 

Nialtri semo altri teri: il ter , ad esempio, il telaio della finestra. Detto di capacit di sopportare le magagne della vita perch, appunto, temprati dall'esperienza.

 

Mimorti che Aristodemo st omo: detto di persona prolissa. Usato dalle donne nei confronti del marito quando prolunga la discussione con una lunga polemica. 

 

Che Dio te mandasse pan, pesse e un spin in ceo che te saltassi alto come un caveo: che il Signore ti doni di che sfamarti (pane e pesce) ma che, digerendo il tutto, almeno uno spino ti buca il buco del culo e che sentendo molto dolore, tu faccia un salto cos alto solo come un cavallo pu farlo. Invece di "Oh bella, ma guarda un p".

 

C l'acqua riva aea gea anca i stronsi nua: quando le difficolt stanno quasi per avere la meglio, chiunque (anche uno stronzo) trova la forza per reagire.

 

El se parto c toe e cavaeti: detto di persona che assume improvvisamente un comportamento tanto anormale da sembrare rasentare la follia.

 

Vado a coionar i orbi: vado a prendere in giro i ciechi. Vado a dormire.

 

El se entr e i o g port fora in quatro: stato ricoverato in ospedale e subito lo hanno portato fuori in quattro (becchini). Si deciso ad entrare in ospedale...troppo tardi.

 

No se pol morr de san: nessuno muore di "sano", di qualcosa bisogna pure ammalarsi e morire.

 

Ci, ciapa! Mtitio in soasa: Eccotelo. Mettitelo in cornice. Sottoliineare l'altrui seriosa affermazione (da incorniciare) con sarcasmo, alludendo cos alla pratica innutilit o alla leggerezza del concetto espresso.

 

Te vegno e e c un morsegon te staco el lai: se vengo l, con un solo morso ti stacco il fianco destro (il lai) della barca. Pittoresca maniera di iniziare una baruffa "nautica", da gridare in piedi a pieni polmoni, vestiti in cannottiera e a braccia conserte, avendo peraltro cura di non accennare minimamente a spostarsi dalla propria barca.

 

Far i gatini: vomitare dopo una gran bevuta di alcolici.

 

Va remengo Garibaldi: Garibaldi ha "unito l'Italia del sud con quella del nord", si usa dire. E a quelli del nord non va gi.

 

Siera da scorese: avere una brutta cera.

 

Baretta fracada: soggetto incazzato col cappello ben impiantato in testa fino alle sopraciglia.

 

Cori zotolo: invitare qualcuno a togliersi dai piedi e lasciarlo andare dove vuole lui.

   

Corighe drio ti...: quando non vale la pena di fare qualcosa in cui si debba far fretta si lascia andare avanti un altro a farla tanto non si perde niente.

 

Magnime el bgari: invitare qualcuno a cibarsi del nostro pene per evidenziare la nostra fermezza di non ottemperare a quel dato inutile, e probabilmente rischioso, bisogno.

 

No go anda:non avere anda significa non avere voglia.

 

Andar a torsio: andare in giro inutilmente senza combinare un gran ch.

 

Man sgorlando: a mani vuote. Es: quando uno va ad ricevimento e non porta niente

 

C sti ciari de luna: con questo andazzo...

 

"); //-->