PAOLINO un scito do belin! POESIE E FILASTROCCHE
CONFUOCO
TRALLALLERO DE L'ERBO
CANTI DI NATALE
PRANZO DI NATALE
PAOLINO un scito do belin!


NATALE A GENOVA - DÊNÂ A ZENA
LA NOTTE DI NATALE IN GENOVESE
A NÉUTTE DE DÊNÂ IN ZENEIZE

Il presepe: c'era quello di casa, frutto di serate di lavoro, e c'era quello delle chiese, spesso a livello artistico, con le figurine del Maragliano, del Pittaluga e di altri scultori liguri del legno, che ricordavano ai pi vecchi le antiche "cantâte" come l'anonima "A nutte de Dênâ", dove descritto l'avvio dei pastori verso la capanna. Dei pastori liguri, bene inteso, che si muovono con la calma, con la parsimonia dei gesti

Nutte de Natale
L'êa de nutte frido e scûo
tiâva o vento a ci no dî
za da nive l'êa vegnûo
e ne voiva ancon vegnî.

Inta stalla s'êan retiæ
i pastoî pe no sentî
quello frido, e li acoêgæ
comensâvan za a dormî.

Intra drento tuttasmme
un ch'o lûxe comme o sô:
Corî, o dîxe, a Betlemme
perch o l nasciûo o Segnô.

Quelli, mêzi adormigiæ
stâvan li comme mincion,
ma un, ci vêgio: "Si aloæ? -
o ghe dîxe - si pötron?

Presto, alôa, sâtæ sci in pê
piggia o læte ti, Bepin,
o formaggio, Bertomê,
unn-a pêgoa ti, Tognin;

Ti, Batista, da-o conpâ
e ti, Zâne, va da a moæ,
Loenso, ti da-a madonâ,
avizæli e caminæ,


che noiâtri intanto aniêmo
a atrovâ presto o Segnô,
questa röba ghe portiêmo
e de l'âtro portian lô."

Dîto questo o s'incamnn-a
lê co-i âtri zu a-a cianûa,
n dan mente a-o vento e a-a brinn-a
a-a notonn-a frida e scûa.

Dppo fæto do camin
da lontan veddan luxî,
e di canti con di son
da li a 'n pö ghe p sentî.

Van ci presto, a-a fin arîvan
a 'na stalla dirocâ
gh'êa de nûvie ch'a crovîvan
e gh'êa di Angei li a cantâ.

Inta grupia gh'êa o Banbin
gh'êa... ma cöse staggo a dî?
Se 'n prezpio amiæ 'n pitin
mêgio asæ porii capî.

Gh' i pastoî che pe o Segnô
n'n avâri ne pötron,
e pe fâghe festa e önô
curan tutti, grammi e bon.

E o Banbin, pe nstro ben,
fâse pövou gh' piaxûo,
e figeu inte'n pö de fen
pe noiâtri o l' vegnûo.

Gh'... ma tâxo che me pâ
segge tenpo de finî,
No voriiva za tediâ,
s mâ dîto, conpatî.

L'uso dei "discorsi" davanti al presepe, comunque, ha delle origini molto antiche. É ben probabile - ha scritto padre Antonio Lucchetti, che ha studiato l'argomento - che abbia da ricollegarsi ai "brevi sermoni" fatti recitare da San Filippo davanti al Bambino Ges. I "discorsi" erano ancora molto diffusi negli anni '30, dopo si sono spenti rapidamente. Ne rimangono ancora delle tracce in qualche chiesa: per esempio, in quella bellissima di San Barnaba, vicino a Oregina, quando i frati fanno il presepe non si dimenticano di aggiungere la pedana per le recitazioni, sebbene non ci salga pi nessun bambino per borbottare delle poesie come queste:

Fæ fîto, fæ presto
grandi e picin!
Chi côre ci lsto
a-i pê do Banbin?
I vstri regalli
vixin ghe meti
Pensæ che a Madnna
a 'mîa con piâxi
E i ngei atenti
sorveggian da-o ê
se e cöse ci bonn-e
e dæ prpio a Lê.

Finn-a l'âze o s'inzenoggia
ch davanti a ti, Banbin.
Ma o superbio o no se doggia
manco a fâte 'n pö d'inchin:
mi son prpio 'n âzentto,
o confesso ben de cheu
ma 'n zenoggio ancon me metto
comme fan tutti i figeu
e con l'âze a grande glria
de trovâme co-o Segnô,
mentre i diâi son pin de bria
e i superbi stan con lô.


Câo Banbin, ti cianzi e ti rîi
Ti me 'nvîti e ti me crîi
Ma l' senpre o stesso cheu
ch'o veu o ben di s figeu.

O Santo Banbin
te daggo 'n baxin
Da brâvo figeu
te o daggo de cheu
E dæto o mæ bâxo
te prêgo e pöi tâxo.




(quello in corsivo non è genovese)


Questo per dare un'idea di come si viveva una volta lo spirito del Natale
La cena della notte di Natale in casa dei vecchi genovesi non si mai usata;
un'usanza della gente del sud Italia, presa probabilmente dagli Spagnoli quando comandavano da Napoli alla Sicilia.

Bibliografia:  zeneize.net di C.M.  e "Oulidin oulidin olidena" Canti Popolari Liguri, 1970


Su

CULTURA E TRADIZIONI   CONFUOCO   PRANZO DI NATALE   NATALE A GENOVA