Ol cagnì

Zó 'n Pradeàl gh'era zó óna tusa che la gh'era öna madrégna catìa, che la ga ülìa miga be.

dé la madrégna la ga dis a sta tusa: 'Ndèm che 'n va 'n dèl bosc a per ciclamini!".

Quande chi è stade 'n dèl bosc, cola scüsa dè 'nda a èt ü laùr, la madrégna l'a lagà la tusa dè per lé e l'è scapàda a ca.

La tusa, piena dè pura, l'a cimà töta la sìra e l'a sircà la strada per turnà a ca, ma sensa truàla.

Quande l'è sta nòcc, l'a truà öna baita e la gh'è riàda a 'nda dè dét e l'a cumincià a dormé.

La matina la sét chi pica àla porta e töta spaentàda, la 'a a èrs.

'L gh'è dè fò ü cagnì, con d'ü fagutì ligà sö al còl, che 'l ga dis: "'l ma manda ol tò angel cüstòde dèl Paradìs, ta gh'é dè dé sö tre Ave Marie che domà 'l vé la Madona a töt; 'n chesto fagutì gh'è ét öna fèta dè polénta, ü michét dè pà e 'n po' dè formài".

La matina dopo la sét chi ciàma fò dè fò, la 'a a èt e la èt la Madona che la l'a istìda dè bianc, con d'ü nastro blö e la l'a portàda 'n ciél.

Il cagnolino

Una volta a Pratovalle c'era una bambina che aveva una matrigna che non le voleva affatto bene.

Un giorno la matrigna le disse: 'Andiamo nel bosco a raccogliere ciclamini!".

Quando furono nel bosco, con la scusa di andare a vedere una cosa, la matrigna la lasciò sola e scappò a casa. La bambina, piena di paura, chiamò tutto il giorno e tutta la sera e cercò la strada per tornare a casa, ma senza trovarla.

Quando venne la notte, trovò una baita e riuscì a entrare; lì si addormentò e passò la notte.

La mattina sentì che bussavano alla porta e tutta spaventata andò ad aprire.

C'era un cagnolino, con un fagottino legato al collo che le disse: 'Vi manda il tuo angelo custode del Paradiso: devi recitare tre Ave Maria e domani verrà la Madonna a prenderti; in questo fagotto ci sono una fetta di polenta, un pane ed un po' di formaggio".

La mattina dopo la bambina sentì che bussavano alla porta, andò a vedere e trovò la Madonna che la vestì di bianco, con un nastro blu e la portò in cielo.

homepage