Ol Batistì

Öna ˛lta àla Ca Bianca, a pröf a Söspedùs, gh'era öna faméa: tata, madrégna e du tusécc. Ol piö zùen 'l sa ciamàa Batistì e 'l gh'era sìc agn, chel'otra l'era öna tusa.

La madrégna la ga ülìa pròpe miga bé a sto tus, e la fàa dè töt per fal möré.

  dé, che 'l tata l'era 'ndà a laurà e la sorèla l'era a scöla, la madrégna la ga dis al Batistì: "A sö 'n camera a tö la farina per fa la polénta".

La madrégna la séra che la cassa dèla farina la gh'era 'l coèrcc gréf che stàa miga sö e la speràa che 'l ga burlès zó söla crapa e 'l la schisès.

Ol tus l'è 'ndà sö, l'a èrzì fò la cassa e 'l s'è sgobà zó per tö s÷ la farina, ma 'l coèrcc gréf 'l ghè burlà adòs e 'l gh'à sérà 'l co 'n dè cassa.

La madrégna l'è andada sö a edè e l'a ést che 'l Batistì l'era mort, gliura la l'a taià sö a tochèi e l'a comincià a fàgol rösté al sò tata e àla sò sorèla.

A mesdé l'è turnà la sorèla e 'l tata e i a domandà söbet 'n do che l'era 'l Batistì. La madrégna la gh'a décc che l'è égnìda la nona a truài e che la l'a portà quacc dé àla sò ca.

Ol dé dopo la sorèla, 'ntat che la turnàa a ca dè scöla, l'a ést ün usèl che 'l ga ulàa 'ntùren, 'n po' dè nàcc e 'n po' dè dré e 'l na l ndàa miga e dopo 'n po' dè strada 'l sè metì dré a cantà:

"La me mama mata, mata la m'a serà ol co 'n dè cassa;

ol me tata, bruto, bruto, 'l m'a mangiato tuto tuto;

la me sorèla, 'n po' piö bèla la m'a portà a ca 'n scarsèla".

Dopo 'l ga s'è pundì söla spala, gliura la sorèla la l'a ciapà e la l'a metì 'n scarsèla.

Dopo, a piansét, perché la gh'era pura che 'l ga fös capità érgòt al Batistì, l'è 'ndada a ca dè corsa.

A mesdé, 'ntat chi mangiàa l'a lagà 'ndà l'usèlì che l'è ulà söl camì e 'l s'è metì dré a cantà sö amò la stessa cansù.

La madrégna l'a ciapà la scùa per cupàl, ma lü 'l sa fàa miga ciapà. Ol tata l'a söspetà èrgot, l'è curì sö 'n dè camera e l'a ést la cassa amò spurca dè sanc.

Gliura l'a brancà la madrégna e 'l gh'a fàcc confessà töt.

Despirà per chesto sigrì, 'l s'è metì dré a piàns e, 'nsèma cola sò tusa, l'è 'ndà a ciamà 'l guardie chi è curìde a ligà sö la madrégna e a portàla 'n prèsù.

Per töta la éta, tata e fiöla i è stà 'nsèma, ma ogni tat i ga pensàa ét a chel che 'l gh'era capità al sò Batistì e i püdìa miga dàs pàs.

Battistino

Una volta alla Ca' Bianca, presso Cespedosio, viveva una famiglia: papà, matrigna e due figli. Il più giovane si chiamava Battistino ed aveva cinque anni, l'altra era una bambina. La matrigna non voleva affatto bene al bambino e voleva ad ogni costo farlo morire.

Un giorno, mentre il papà era al lavoro e la sorella era a scuola, la matrigna disse al Battistino: "Vai in camera e prendi la farina per la polenta" * La matrigna sapeva che la cassa della farina aveva il coperchio pesante che non stava aperto e sperava che gli cadesse sulla testa e la schiacciasse.

Il bambino salì, aprì la cassa e si chinò per prendere la farina, ma il coperchio pesante gli cadde sopra e gli chiuse la testa nella cassa, uccidendolo.

La matrigna salì a vedere e scoprì il Battistino morto, allora lo tagliò a pezzetti e lo cucinò al papà ed alla sorella.

A mezzogiorno la sorella ed il papà tornarono a casa e subito chiesero dove fosse il Battistino.

La matrigna rispose che era venuta la nonna e che l'aveva portato qualche giorno a casa sua.

Il giorno seguente la sorella, mentre tornava da scuola, vide un uccello che volava attorno a lei, un po' davanti ed un po' di dietro. Non se ne andava e dopo un tratto di strada iniziò a cinguettare queste parole:

La mia mamma, matta, matta,

mi ha chiuso la testa nella cassa;

il mio papà, brutto, brutto,

mi ha mangiato tutto, tutto;

La mia sorella, un po' più bella,

mi ha portato a casa nella tasca.

E, così dicendo, si posò sulla spalla della bambina che lo prese, se lo mise in tasca e, piena di lacrime, perché temeva fosse capitata qualche disgrazia al Battistino, corse a casa.

A mezzogiorno, durante il pranzo, lasciò libero l'uccellino che volò sul camino e cantò di nuovo la stessa canzone.

La matrigna prese la scopa per ucciderlo, ma lui non si faceva prendere. Il papà ebbe qualche sospetto, corse in camera e vide la cassa ancora sporca di sangue.

Allora abbrancò la matrigna e la costrinse a confessare tutto.

Disperato per questa tragedia, si mise a piangere assieme alla figlia e andò a chiamare le guardie che corsero ad ammanettare la matrigna e portarla in carcere.

Per tutta la vita padre e figlia rimasero assieme, ma ogni tanto ripensavano a quello che era successo al loro Battistino e non Potevano trattenersi dal piangere.

homepage