I do sorle dla Pianca

na lta, s la Pianca, gh'era do sorle chi era sensa mama e i gh'era poca ia d fan, i era 'n po' sgorlandne e i parla doma d murs: i era la crus d s pader.

na sira i ri 'n Pianca du zegn e 'nda sbet f d ca d chle tuse.

Chste i s' face tru sbet e i s' metde d corde d fa gir nsma.

l 'ndade s la Pianchla, 'ndo chi gh'era la stala col vache e, sicome l'era am frcc, perch l'era ol mis d mars, i stade n d stala a fa la, co 'sc du zegn.

Prima i a parl 'n po', dopo i s' met dr a zg, 'nfna chi a cuminci a bal.

Dopo 'n po' d tep i s' met dr a fa di porcde, ma la pi gia, che l'era pi frba, l'a st ch 'l s zen el gh'era i p d aca, glira l'a cap ch l'era ol Diol e, 'ntat ch chesto 'l l'a miga sta, l' scapada a ca a ciam 'l s pader.

Ol s pader, quande l'a sa chste rbe, prima 'l gh'a d na buna pestada la tusa e po' dopo l'a ciam aiuto per end s a salv l'otra tusa,

l part 'n sic o ses, ma quande chi ri s la stala i a tru pi nig, i a ciam e ciam ma nig i respunda.

Finalmente i a st en dl fnr la tusa morta, tta brsda, ma i Dioi i gh'era pi, gna nigher gna bianc.

La sorla la s' metida dr a pians, la s' truda pintda d tir sla cata strada la sorla pi zena, ma ormai l'era trop tarde.

Chsto 'l capita a chi ch sculta miga i s genitr i l fa d s crapa.

Le due sorelle della Pianca

Una volta, alla Pianca, c'erano due sorelle che non avevano la mamma e non avevano molta voglia di lavorare, erano delle giramondo e parlavano solamente di fidanzati: erano la croce del loro padre.

Una sera arrivarono alla Pianca due giovani e si recarono subito fuori dalla casa delle due ragazze. Esse si fecero vive e decisero di fare un giretto assieme.

Andarono alla Pianchella, dove c'era la loro stalla con le mucche e, poiché c'era ancora freddo, perché si era al mese di marzo, rimasero nella stalla a vegliare, con i due giovani.

Prima parlarono un po', poi si misero a giocare ed infine iniziarono a ballare. Dopo un po' di tempo iniziarono anche a fare certe cose... ma la più vecchia, che era la più furba, vide che il suo giovane aveva la zampa di mucca e capì che era il diavolo e, senza farsi scorgere, scappò a casa a chiamare il papà.

Il padre, quando seppe queste cose, diede un sacco di botte alla figlia e dopo chiamò aiuto per andare a salvare l'altra.

Partirono in cinque o sei, ma quando arrivarono alla stalla non trovarono nessuno, chiamarono e chiamarono, ma nessuno rispondeva. Finalmente videro la ragazza, morta, nell'angolo del fieno, era tutta bruciata, ma i diavoli non c'erano più.

La sorella si mise a piangere, pentita di aver portato sulla cattiva strada la sorella più giovane, ma ormai era troppo tardi.

Questo capita a chi non ascolta i genitori e fa di testa propria.

homepage