La Caterina malbidienta

L gh'era na lta, z 'n Cnf, na tusta che la bida mai la s mama, la ga ida mai a fa i mestr ma la passa ol s tp a pnns e ards en d spcc.

La s mama la ga disa semper: "Caterina, arda che 'l ta comparsr ol Diol".

na ncc ol Diol l' ri dl b, l' 'nd a la ca d sta fama, l'a met na scala sota la finestra dla tusa cata e l'a cuminci a ciamla: "Caterina, Caterina, s che 'n funt a' scale, con sa na cagna e pchn d fr, gne a pnnt!".

La Caterina la st a ciam e la sa mt dr a us: "Mama, mama, sint, sint!" La mama la ga respunt: "Drma, drma che t' mai drm!"

Ol Diol el dis: "Arda che so al prim basl!" "Mama, mama, sint, sint!" "Drma, drma che t' mai drm!"

"Arda che so al segnd basl!" "Mama, mama, sint, sint!" "Drma, drma che t' mai drm!"

"Arda che so al trs basl!"

"Mama, mama, sint, sint!"

"Drma, drma che t' mai drm

'Nfna che l' ri 'nsma la scala. "Caterina, arda che so a l'ltm basl!" "Mama, mama, sint, sint!" "Drma, drma che t' mai drm!"

"Arda che so dr a rs la finestra!" "Mama, mama, sint, sint "Drma, drma che t' mai drm!"

"Arda che so 'n d camera!"

"Mama, mama, sint, sint!"

"Drma, drma che t' mai drm

"Arda che so ai p dl  lcc!" "Mama, mama, sint, sint!" "Drma, drma che t' mai drm!".

"Arda che ta branche!"

"Mama..!"

Ma 'l Diol 'l l'a brancda e 'l s' met dr a pnnla, col so pchn d fr. 'L ga strpa f i cai dla crpa e 'l la fa 'nd tta a sanc.

La Caterina la pianza e la usa: "Basta, basta, per carit!"

Ma 'l Diol el grgna e 'l ga respunda: Vle, ple e tro 'n d cagna".

El sgheta a pnnla, 'nfna che l 'mpin la cagna e po' 'l n' 'nd.

La Caterina l' restda sensa gn cal, cla crpa tta pina d sanc.

La so mama, quande che la l'a sta, la gh'a dcc: "Ads, forse, ta desmter d pnnt e ta ma dar na m a fa i mestr".

La Caterina l'a cuminci a fa la bra, ma ormai l'era brta e pi nig i ga arda.

Caterina disubbidiente

C'era una volta, al Confino, una ragazzetta che non ubbidiva mai alla mamma, non la aiutava mai nelle faccende di casa, ma passava il tempo a pettinarsi e specchiarsi.

La mamma le diceva sempre: "Caterina, attenta che ti apparirà il Diavolo!" Ma la Caterina non le dava retta.

Una notte il Diavolo venne davvero, arrivò alla casa di questa famiglia, appoggiò una scala sotto la finestra della ragazza cattiva e cominciò a chiamarla: Caterina, Caterina, sono qui in fondo alle scale, con una cesta ed un grosso pettine, vengo a pettinarti".

Caterina sente che la chiamano e si mette a gridare: "Mamma, mamma, ascolta, ascolta!". Ma la mamma le risponde: "Dormi, dormi, che non hai mai dormito!".

Il Diavolo dice: "Guarda che sono al primo gradino!". "Mamma, mamma, ascolta, ascolta!". "Dormi, dormi, che non hai mai dormito!".

"Guarda che sono al secondo gradino!" "Mamma, mamma, ascolta, ascolta!". "Dormi, dormi, che non hai mai dormito!".

"Guarda che sono al terzo gradino!". "Mamma, mamma, ascolta, ascolta!". "Dormi, dormi, che non hai mai dormito!".

Finché arrivò in cima alle scale. "Caterina, guarda che sono all'ultimo gradino!" "Mamma, mamma, ascolta, ascolta!". "Dormi, dormi, che non hai mai dormito!".

"Guarda che sto aprendo la finestra!" "Mamma, mamma, ascolta, ascolta!". "Dormi, dormi, che non hai mai dormito!".

"Guarda che sono in camera!" "Mamma, mamma, ascolta, ascolta!" "Dormi, dormi che non hai mai dormito!"

"Guarda che sono ai piedi del letto!" "Mamma, mamma, ascolta, ascolta!" "Dormi, dormi che non hai mai dormito!"

"Guarda che ti prendo!"

"Mamma... "

Ma il Diavolo la prese e iniziò a pettinarla, con il suo pettinone di ferro.

Le strappava i capelli dalla testa e la riempiva di sangue.

Caterina piangeva e gridava: "Basta, basta, per carità!"

Ma il Diavolo rideva e rispondeva: "Pelo, pelo e getto nella cesta ".

E continuò a pettinarla finché non ebbe riempito la cesta, poi se ne andò.

Caterina, rimase senza capelli e con la testa ricoperta di sangue.

La mamma, quando la vide, le disse: "Adesso forse, smetterai di pettinarti e mi aiuterai nelle faccende di casa!".

Caterina iniziò a comportarsi bene, ma ormai era brutta e nessuno la guardava.

homepage