Brevi note di grammatica della lingua piemontese
8) - Gli altri pronomi
una lingua neolatina indipendente

brevissime note di un dilettante ...
... per cui non si esclude la presenza di qualche errore (questo un eufemismo)

indice casa indietro


.


    Morfologia - Pronomi (seconda parte)
Completiamo rapidamente con questa pagina la nostra chiacchierata sui pronomi nel piemontese. I pronomi che restano non presentano particolari difficoltà. Si tratta dei pronomi dimostrativi, relativi, interrogativi generici, indefiniti.
Per i pronomi relativi vi una Sintassi alquanto diversa, che verr vista, appunto, nella sezione di Sintassi.

Pronomi dimostrativi

Si visto che spesso gli aggettivi dimostrativi utilizzano le particelle s, l, la, che seguono il sostantivo a cui l'aggettivo si riferisce. Anche per i pronomi si ha questo uso, ma poich non vi un sostantivo (sostituito dal pronome stesso), queste particelle seguono direttamente il pronome. La particella di solito unita al pronome da trattino (sempre quando il pronome finisce per consonante).
Sono suddivisi nelle due categorie di persona (ëd person-a) e di cosa (ëd còsa). Dividiamo questi gruppi di pronomi in due tabelle, che poi faremo seguire da alcuni esempi.

Riferiti a persona:
Pronome
italiano
Singolare maschile Singolare femminile Plurale maschile Plurale femminile
quel, quello
colui
col \cul\ cola \c'ul&\ coj \c'ui\ cole \c'ule\
quello lì
quello là
col-lì \cull'i\
col-l, \cull'&\
cola lì, \cul& l'i\
cola l, \cul& l'&\
coj-lì \cuil'i\
coj-là; \cuil'&\
cole lì \c'ule l'i\
cole là \c'ule l'&\
questo cost \kust\ costa \kust&\ costi \k'usti\ coste \kuste\
quegli chiel-lì \kiell'i\
chiel-l, \kiell'&\
chila lì, \kil& l'i\
chila l, \kil& l'&\
lor-lì \lur l'i\
lor-là \lur l'&\
lor-lì \lur l'i\
lor-là \lur l'&\
questo
costui
codesto
col-sì \culs'i\\ cull'&\ cola sì, \cul& s'i\ coj-sì \cui s'i\ cole sì \c'ule s'i\
questi
cost-sì \custs'i\
sto-sì \stu s'i\
chiel-sì \kials'i\
costa sì \cust& s'i\
sta sì \st& s'i\
chila sì \kil& s'i\
costi sì \custi s'i\
sti sì \sti s'i\
lor-sì \lur s'i\>/SPAN>
coste sì \custe s'i\
ste sì \ste s'i\
lor sì \lur s'i\

Si noti che le espressioni chil-l, chila-l, lor-l, etc. hanno significato letterale (ma solo letterale) lui l, lei l, loro l, etc. e spesso hanno un lieve senso dispregiativo o ironico.
È molto difficile trovare "sto, sta, sti, ste" usati come pronomi, perch suonano comunque male, a differenza di "sto-s, sta-s, sti-s, ste-s".

Riferiti a cosa:
Pronome
italiano
Singolare maschile Singolare femminile Plurale maschile Plurale femminile
questo, questo qui (qua) sòn \so[ng]\
sossì \sus'i\
cost \cust\
cost-sì \cust s'i\
sto \stu\
sto sì \stu s'i\
----- \-----\
----- \-----\
costa \cust&\
costa sì \cust& s'i\
sta \st&\
sta sì \st& s'i\
----- \-----\
----- \-----\
costi \c'usti\
costi sì \custi s'i\
sti \sti\
sti sì \sti s'i\
----- \-----\
----- \-----\
coste \c'uste\
coste sì \custe s'i\
ste \ste\
ste sì \ste s'i\
quello, quello lì (là) lòn \lo[ng]
lolà \lul'&\
col-l, \cull'&\
-----\-----\
-----\-----\
cola là \cul& l'&\
-----\-----\
-----\-----\
coj là \cui l'&\
-----\-----\
-----\-----\
cole là \cule l'&\
codesto lòn \lo[ng]\
lolì \lul'i\
col-lì, \cul l'&\
-----\-----\
-----\-----\
cola lì \cul& l'i\
-----\-----\
-----\-----\
coj lì \cui l'i\
-----\-----\
-----\-----\
cole lì \cule l'i\

Si nota che lol e lol si trovano anche nella forma ln-l e ln-l Questa forma meno corrente ma altrettanto corretta.
È molto difficile trovare "sto, sta, sti, ste" usati come pronomi, perch suonano comunque male, a differenza di "sto-s, sta-s, sti-s, ste-s".
Si fanno i seguenti esempi:
Lòn che am pias nen a l'é che chiel-sì a veul che mi i fasa sòn. Quello che non mi piace è che questo qui vuole che io faccia questo.
Con an p'd sosì e 'n p'd lolà rangioma coj che a rivo. Con un po' di questo e un po' di quello sistemiamo quelli che arrivano.
Lor-là a fan mach ëd fum, mentre cost-sì a travaja da mat. Quelli fanno solo fumo, mentre costui lavora da matti.
Sn a smija p bel che ln, ma cole ch'it dise ti a van nen bin. Questo sembra pi bello di quello, ma quelle che dici tu non vanno bene,
Soss a l' nen vaire ln, varda se lol a va mj. Questo non un gran che, guarda se quello va meglio.
Si nota che esse nen vire ln una frase idiomatica piemontese che letteralmente sarebbe non essere molto quello e che significa non essere un gran che, non andare molto bene.

Pronomi possessivi

Sono uguali agli aggettivi possessivi, con qualche particolarit. Mentre infatti si visto che gli aggettivi possessivi rifiutano l'articolo, salvo il maschile plurale dove l'articolo ammesso (non necessario, comunque, se non vi ambiguit tra singolare e plurale), per i pronomi l'articolo quasi sempre necessario, e non si commettono errori ad usarlo sempre.

persona masc. sing. femm. sing. masc. plur. femm. plur.
prima sing. (ël) m \mæ\ (la) mia \mi&\ (ij) mè \mæ\ oppure (ij) mèi \mæi\ (le) mie \mie\
seconda sing. (ël) tò \to\ (la) toa \tu&\ (ij) tò \to\ oppure (ij) ti \toi\ (le) toe \tue\
terza sing. (ël) sò \so\ (la) soa \su&\ (ij) sò \so\ oppure (ij) si \soi\ (le) soe \sue\
prima plur. (ël) nòstr \nostr\ (la) nòstra \nostr&\ (ij) nòstri \nostri\ (le) nòstre \nostre\
seconda plur. (ël) vòstr \vostr\ (la) vòstra \vostr&\ (ij) vòstri \vostri\ (le) vòstre \vostre\
terza plur. (ël) sò \so\ (la) soa \su&\ (ij) sò \so\ oppure (ij) si \soi\ (le) soe \sue\


Per il plurale maschile esiste anche la forma mi (i miei), ti (i tuoi), si (i suoi, i loro), come evidenziato in tabella. Nel caso dei pronomi, a differenza degli aggettivi, le due forme non sono del tutto equivalenti, in quanto le espressioni ij mi, etc. e solo loro, indicano i genitori (i miei i tuoi etc.).
Facciamo i seguenti esempi:
Mè capél a l'é bél, ël tò pa vàire, Il mio cappello è bello, il tuo non molto.
A l' andait a trov ij si È andato a trovare i suoi.
Mie sche a son rote, le toe nen I miei zoccoli sono rotti, i tuoi no.
Costa a l' nstra part e nen la vstra Questa la nostra parte e non la vostra.
A l'ha pij ij nstri përch a l'ha perd ij s Ha preso i nostri perch ha perso i suoi.
T can a l' bon da trifole, l m a v mj da cassa Il tuo cane buono da tartufi, il mio va meglio da caccia.
Si nota che nelle espressioni rette dal verbo essere nelle quali la particella possessiva si trova dopo il sostantivo a cui si riferisce ed separata da questo dal verbo, come in questo libro mio, la particella possessiva si comporta come aggettivo e la traduzione sar sto lber a l' m. Questo succede anche quando la frase diretta conseguenza (come una risposta) alla frase precedente che cita il sostantivo, come in: di chi questo libro? - (esso) mio che ha traduzione d chi a l' sto lber? - a l' m. In questi casi l'uso dell'articolo rimarca il possesso o l'unicit della cosa posseduta: questo libro il mio = sto lber a l' 'l m. Sa situazione simile alla corrispondente italiana.

Pronomi relativi

Il piemontese ha un modo suo di trattare i pronomi relativi. In piemontese, il pronome chi corrisponde al chi italiano ed utilizzato allo stesso modo, salvo quanto si vedr in Sintassi.
Il pronome piemontese che corrisponde al che italiano, ma ha un uso molto pi esteso. Infatti, in piemontese, viene utilizzato non solo al nominativo ed all'accusativo ma, spesso, anche per gli altri casi, senza la preposizione. Questo uso particolare pu portare ambiguit nella frase, ed allora viene aggiunta una particella pronominale al verbo, oppure un avverbio, che sarebbe ridondante, ma serve a charire la frase. Questo si vedr meglio in Sintassi, mentre qui facciamo solo alcuni esempi.
Un pronome relativo piemontese che non esiste in italiano (ma che esiste in francese) dont che equivale all'italiano di cui, in cui, da cui. secondo il contesto della frase.
Questi tre pronomi sono invarianti in genere e numero
In piemontese non esiste una espressione specifica che corrisponda a il cui, esiste invece la serie (ël) qual, (ij) quai, (la) qual, (le) quai ed anche (ël) qual, (ij) quai, (la) quala, (le) quale corrispondente alla serie italiana (il) quale, (i) quali, (la) quale, (le) quali. Questa serie, comunque viene usata il meno possibile, perch in piemontese "suona male". In pratica forma per discorsi dotti e pomposi.
Una forma spesso usata, e corretta secondo la grammatica piemontese, chi che al posto del semplice chi
Anche qui facciamo alcuni esempi:
Chi a ven s as treuva bin. = Chi viene qui si trova bene.
Chi ch'a l'ha dite ln a l' un gadan. = Chi ti ha detto quello un fessacchiotto.
A son ij pressi che a chërso, che a fan l'inflassion = Sono i prezzi che salgono che fanno l'inflazione.
A son cose dont a venta arcordesse. = Sono cose di cui bisogna ricordarsi.
Chi (che) a dis parej a l'é un che a l'ha capì gnente. Chi dice così è uno che non ha capito niente.
Ël pais dont i stago = Il paese in cui abito., ma, ancora meglio, Ël pais andova ch'i stago
la person-a che it l'has parlaje = La persona a cui hai parlato. (traduz. lett. la persona che gli hai parlato).
Ël pais da 'ndova i ven-o = Il paese da dove vengo anzich Il paese da cui vengo..
L'ultima frase indica che in piemontese, quando possibile, si tende a non usare il pronome relativo.

Pronomi interrogativi generici

Da non confondere con i pronomi interrogativi personali. Sono i corrispondenti degli italiani Chi? Cosa? Che cosa? Quale?, Quali? e sono derivati dai pronomi relativi. In piemontese questi pronomi molto spesso aggiungono un "che" dopo il pronome, mai prima. Se la parola successiva inizia per vocale, il "che" diventa "ch' ".Si trova dunque "Csa che...?, Cs che....?" ma mai "che csa...?, che cs...?". Questi sono:
Italiano Piemontese Esempi
Chi? Chi...?, Chi che...? Chi a parla? / Chi ch'a parla? (chi parla?)
Cosa?, che cosa? Cs...?, Cs che...? Cs it dise? / Cs dis-to? / Cs ch'it dise? (cosa dici?)
Cosa?, che cosa? Csa...? Csa it dise? / Csa dis-to? (cosa dici?)
Cosa?, che cosa? Ln che...? Ln che it dise? (cosa dici?) unica forma permessa - Vedi note
Quale? / Quali? Qual...? / quala / quai / quale Quala veus-to? (quale vuoi? - riferito a femminile) - Vedi note
Quale? / Quali? Qual che...? / quala che ...? etc. Qual che veus-to? (quale vuoi?) - Vedi note

Note: Còsa che...? Còs che...? la costruzione con pronome personale interrogativo pu non essere usata. Con la forma Ln che...? la costruzione con pronome personale interrogativo non usata. In genere la forma con pronome personale interrogativo non si usa se presente il rafforzativo che.
La forma Qual...?, Quai...? per il maschile poco usata, mentre si usa di pi Quala...?, Quale...? per il femminile. Le forme pi usate sono quelle che aggiungono il che e cio Qual che...?, Quala che...?, Quai che...?, Quale che...?. In ogni caso si tratta di forme poco ricorrenti. Molto pi spesso queste forme sono sostituite da analoghe facenti uso del pronome dimostrativo col che... ?, cola che... ?, coj che... ?, cole che... ? come ad esempio:
Quale il tuo? = col ch' a l' 'i t?
Nel linguaggio corrente a volte la forma Cs...?, per ragioni di eufonia, si abbrevia in C...?.
Facciamo ancora qualche esempio:
Chi ch'a l'ha flo = chi lo ha fatto?
C' dis-to? = cosa dici?
Csa i veule? = cosa volete?
Cs it veule? = cosa vuoi?
Ln che it toire? = cosa combini? (letteralm: cosa mescoli?)
Qual che i veule? = quale volete?
Quale che i veule? = quali volete? (tra cose al femminile)
Quai che i veule? = quali volete? (tra cose al maschile)

Pronomi indefiniti

Tra questi innanzitutto si considera il pronome (in italiano si ed in francese on), che si usa nelle forme impersonali dei verbi. Queste sono quasi sempre alla 3^ persona singolare, ed a volte alla 3^ persona plurale. Poiché in piemontese esiste sempre il pronome verbale, che per le terze persone (sing. e plur.) è a, l'uso di diventa:
1)- Davanti a verbi che iniziano per consonante si fonde con il pronome verbale:
As dis = si dice
2)- Davanti a verbi che iniziano per vocale si apostrofa:
A s'avìsa = si avvisa (ma anche "as avisa")
3)- Davanti a verbi che iniziano per s impura si applicano le regole già viste:
A së scriv, as ëscriv = si scrive

Diamo una lista dei più caratteristici pronomi indefiniti piemontesi, lasciando gli altri al dizionario piemontese contenuto in queste pagine (del resto i pronomi, salvo alcune eccezioni, sono simili agli aggettivi indefiniti visti prima).
un \[ue][ng]\ = uno
utr \'&utr\ = altro
(vedi nota) ognidun \u[gn]id'[ue][ng]\ = ognuno
tant \t'&nt\ = tanto,
trp \tr'op\ = troppo.
quaidun \[qu]&id'[ue][ng]\ = qualcuno (vedi nota)
quaics \[qu]&ic'oz\ = qualcosa (vedi nota)
qualsëssia \[qu]&lsës'i&\ = chiunque
minca \m'i[ng]c&\ = ogni
minca un \m'i[ng]c& [ue][ng]\ = ciascuno
minca un-a \m'i[ng]c& [ue][ng]&\ = ciascuna
motobin \mutub'i[ng]\ = molto (vedi nota)
pa un \p& [ue][ng]\ = nessuno
nen un \næ[ng] [ue][ng]\ = nessuno
gnun \[gn][ue][ng]\ = nessuno
nen d'autut \næ[ng] d &ut'[ue]t\ = nulla, niente affatto
tal \t&l\ = tale
tut \t[ue]t\ = tutto
Note - utr spesso dato in forma partitiva d'utr (di altro). Questo si vede negli esempi qui sotto.
Il pronome quaidun ha altre forme grammaticalmente corrette che sono:caidun, cheidun, cheichedun, cheicadun, quaicadun, queicadun
Il pronome quaics ha altre forme grammaticalmente corrette che sono:caics, cheics, cheicsa, caicsa, quaicsa, queics, queicsa
Rispetto al pronome motobin notiamo che invariante. L'aggettivo corrispondente non usato come tale, perch per dire molto qualcosa si usa la forma partitiva molto di qualcosa, ma anche molta, molti , molte di qualcosa. In questo modo il suo significato pi avverbiale che aggettivale.
Per queste questioni vedasi anche la Sintassi.

Esempi:
Ognidun a sa che a sa nen d'autut dë ste còse Ciascuno sa che non sa nulla di queste cose.
Dam-ne dj'utre Dammene altre (dammene delle altre).
Quaidun a l'ha pij cheics Qualcuno ha preso qualcosa
Lor-l as mangio tut Quelli si mangiano tutto

.

avanti indice casa

cervino
Il Cervino Una scappata in Valle d'Aosta, sui colossi delle Alpi. Qui il Monte Cervino. (foto R. Robiglio)