Brevi note di grammatica della lingua piemontese
12) - Osservazioni sui verbi - Verbi "fosonant"
Interrogazione e negazione - forma passiva e riflessiva
una lingua neolatina indipendente

brevissime note di un dilettante ...
... per cui non si esclude la presenza di qualche errore (questo un eufemismo)

indice casa indietro



    Morfologia - Osservazioni sui verbi - Verbi "fosonant" - Interrogazione e negazione - forma passiva e riflessiva
Per chiudere il discorso sui verbi, si fanno alcune osservazioni su particolarità (non irregolarità in senso stretto) che si trovano nelle varie coniugazioni, essenzialmente relative a grafia e fonetica. Quindi vediamo le forme interrogativa, negativa, interrogativo.negativa, e le forme passiva e riflessiva.

Per la prima coniugazione si nota:

Le seguenti regole si riferiscono a tutte le coniugazioni, quando capita la situazione descritta, che di solito succede a verbi della prima coniugazione
I verbi che all'infinito terminano in cé, gé, per mantenere il suono dolce aggiungono una i davanti alle desinenze che lo richiedono. Esempio:
Mangé = mangiare. Mi i mangio, ti it mange \mi i m&nju, ti it m&nje\ = Io mangio, tu mangi. Oppure, se un pronome personale (o altro) fa cadere le vocale della desinenza, il suono dolce rimane, secondo le regole di grafia e fonetica, raddoppiando la c, g e mettendo il trattino. Esempio:
Mangg-lo \m'&njlu\ = mangialo. Mangg-roma \m&njr'um&\ = mangeremo.
Quando in un verbo compare la vocale o (pron.\u\), se in alcune voci della coniugazione questa riceve l'accento tonico, allora non mantiene il suo suono e si trasforma in ò (pron.\o\). Esempio:
Robé \rub'e\ = rubare. lor a ròbo \lur & r'obu\ = loro rubano.
Questo salvo qualche eccezione, come per il verbo taconé \t&cun'e\ = rattoppare in cui la o mantiene il suo suono \u\ anche con l'accento tonico e quindi non si cambia in ò. Esempio:
Taconé \t&cun'e\ = rattoppare. Chil a tacon-a \ki'æi & t&c'u[ng]&\ = lui rattoppa. (la "n" invece diventa faucale).

In questa coniugazione, esistono verbi quali rastlé = rastrellare, rablé = trascinare, che appaiono come avere perso una e nella penultima sillaba (rastelé, rabelé). Questa e ricompare nella coniugazione quando lì deve cadere l'accento tonico:
Verbo "rastl = rastrellare". - mi i rastélo = io rastrello, noi i rastloma =noi rastrelliamo.

Una particolarità per l'imperativo presente riflessivo, nella seconda persona singolare e prima plurale. In quesi casi il verbo perde la vocale finale:
gav-te = togliti, lav-te = lavati, gavom-se = togliamoci
Negli stessi casi i verbi con infinito riflessivo terminante in ...gsse, trasformano la g in j mentre il varbo riflessivo arangesse = arrangiarsi, sempre in questi casi, perde la g del tutto:
cogè = coricare, cogèsse = coricarsi, cojte = coricati.
arangè = arrangiare, arangesse = arrangiarsi, arante = arrangiati.

Per la seconda coniugazione si nota:

... che vi è una certa quantità di verbi che possono avere anche, all'infinito, la desinenza ì della terza coniugazione. Si possono distinguere sei diversi gruppi di questi verbi, che vengono chiamati "Verb fosonant", e di cui diamo qualche esempio.

1) - Verbi con tutte le voci solo della seconda coniugazione (ed ambedue le forme dell'infinito presente). Esempi:
tase, tas = tacere ; sven-e, sven = svenire

2) - Verbi ten-e, tn ; ven-e, vn per i quali anche l'imperfetto indicativo pu avere le due forme
mi i tena, ti it tene, chel a tena,..... = io tenevo, tu tenevi, egli teneva, .... oppure
mi i tnisa, ti it tnise, chel a tnisa,...... E similmente per il verbo ven-e, vn:
mi i vena, ti it vene, chel a vena,..... = io venivo, tu venivi, egli veniva, .... oppure
mi i vnisa, ti it ëvnise, chel a vnisa,......

3) - Verbi con il participio passato con terminazione solo in ì (ed ambedue le forme dell'infinito presente).. Esempio:
parte, partì = partire -> part.pass. = partì

4) - Verbi con participio passato ed infinito presente che possono usare ambedue le forme. Esempi:
riesse, riussì = riuscire -> riessù, riussì = riuscito
sente, sentì = sentire -> sentù, sentì = sentito

5) - Verbi con il participio passato con solo terminazione in ì e che possono usare ambedue le forme in tutti gli altri tempi.. Esempi:
averte, avertì = avvertire ; veste, vestì = vestire
Si ha Mi i averto, ti it averte, ..., etc.... oppure mi i avertisso, ti it avertisse, ..., etc...

6) - Verbi con due infiniti (2^ e 3^ coniug.) che nella 2^ coniug. hanno penultima sillaba eu:
Per questi verbi si usa la seconda coniugazione se l'accento tonico cade sulla radice del verbo e la terza coniugazione per quelle voci che hanno l'accento tonico sulla desinenza. Esempi:
seurte, surtì = uscire ; beuje, bujì = bollire
mi i seurto = io esco ; ti it surtiras = tu uscirai. La prima voce della seconda coniugazione, la seconda voce della terza coniugazione.
Alcuni di questi verbi:
assorbire = asseurbe, assurb
raccogliere = cheuje, cuj
dormire = deurme, durm
aprire = deurbe, durb
uscire = seurte, surt

Regola che si applica a tutti i verbi:
In analogia con la regola precedente notiamo che:
Quando la penultima sillaba contiene eu, se l'accento cade sulla desinenza, allora eu si trasforma in u.
a pieuv, a piuvìa = piove, pioveva.
Quando la radice contiene, all'infinito, una o come ultima vocale, nelle voci in cui questa riceve l'accento tonico, di solito si trasforma in eu
dësbroj, dësbreujte = sbrogliare, sbrigati.


Verbi difettivi

Come in italiano, sono usati solo alla terza persona singolare (oppure all'infinito):
Tra questi i verbi metereologici (ricordiamo che in piemontese vogliono l'ausiliare avj):
  • piovere = pieuve
  • nevicare = fioch
  • grandinare = tempest
  • lampeggiare = lozn
  • gelare = gel, geil, zeil
  • brinare = brin
  • tuonare = tron
  • etc. (vedi dizionario)
Quindi i verbi : essere necessario, bisognare = vent, toch, bzogn
Esempi:
a pieuv motobin = piove parecchio
a fiòcava. A l'ha fioc tuta la neuit = nevicava. È nevicato tutta la notte
a venta, a toca = bisogna
a venta desse d'ardriss = bisogna darsi da fare

A proposito di bisognare, facciamo una piccola digressione per indicare come si esprimono i concetti legati a questo verbo:
Il bisogno viene espresso in due modi, solo a volte intercambiabili. Una la forma impersonale vista che di solito indica la necessit di una azione: bisogna ... fare qualcosa.... e quindi bisogna dire..., bisogna andare..., etc. La forma piemontese allora a venta... o le altre espressioni viste a toca..., a bzogna..., (l'ultima pochissimo usata). Ma, anche in italiano, c' un'altra costruzione equivalente, ancora impersonale, che : c' bisogno di ..... Questa espressione, in piemontese, viene resa con la locuzione a-i da manca 'd ...... La forma italiana aver bisogno che non impersonale ma coniugabile, corrisponde in piemontese alla forma avj da manca, che coniugabile.
bisogna andare = a venta and
c' bisogno di soldi = a-i da manca 'd sld
ho bisogno di soldi = i l'hai da manca 'd sld
ho bisogno di cambiare aria = i l'hai da manca 'd cambi aria


Coniugazione interrogativa

Vi sono due possibilità di fare l'interrogazione. Una è quella di utilizzare la frase affermativa ed il tono di voce interrogativo, (segnalata per iscritto solo dal punto interrogativo), l'altra, come già accennato, consiste nell'uso dei pronomi personali interrogativi dopo il verbo. Con questi pronomi, che abbiamo gi visto a suo tempo, non viene pi richiesto il pronome personale verbale prima del verbo, ma pu comunque esserci (poco comune).
Per i tempi semplici (senza ausiliare), il pronome interrogativo si mette dopo il verbo, per i tempi composti si mette dopo l'ausiliare:
cos fas-to? = cosa fai? ; cos l'has-to fait? = cosa hai fatto?.
Si nota che con questa forma le desinenze verbali vengono "adattate", mentre le voci dell'indicativo imperfetto e del condizionale presente diventano quelle pi arcaiche. Si visto che il pronome personale interrogativo della seconda persona plurale non viene pi usato, e questa voce f l'interrogazione come in italiano.
Le forme interrogative dei verbi ausiliari possono eliminare la consonante eufonica, in quanto cade la sua funzione, in particolare se la parola precedente termina per consonante.
Si noti che questa coniugazione interrogativa riguarda soltanto il modo indicativo ed il condizionale. Riportiamo di seguito alcuni esempi, e quindi la completa coniugazione interrogativa per il verbo avj = avere e per il verbo f = fare.. Notiamo che anche la prima persona singolare spesso usa l'interrogazione con solo accento interrogativo, anzich la coniugazione negativa.

Verbo esse = essere, presente indicativo:
son-ne ... ?, ses-to ... ?, -lo ... ? (anche l'-lo ... ?), som-ne ... ?, i seve ... ?, son-ne ... ? (anche son-lo ... ?)

Verbo esse = essere, imperfetto indicativo:
j'er-ne ... ?, j'erës-to ... ?, j'er-lo ... ? (femm. l'-la ... ?), j'er-ne ... ?(anche j'erom-ne ... ?), i j'ere ... ?, j'er-ne ... ? (anche j'er-lo ... ?)

Verbo avj = avere (coniugazione interrogativa completa):

Indicativo
---- Presente Imperfetto Futuro sempl. Passato Trapassato Futuro ant.
1^ pers. sing. (l') hai-ne (l') avij-ne? (l') avri-ne? (l') hai-ne av? (l') avj-ne av? (l') avrai-ne av?
2^ pers. sing. (l') has-to (l') aviës-to? (l') avras-to (l') has-to av? (l') aviës-to av? (l') avras-to av?
3^ pers. sing. (l') ha-lo (l') avij-lo? (l') avij-lo? (l') ha-lo av? (l') avij-o av? (l') avr-lo av?
1^ pers. plur. (l') om-ne? (l') aviom-ne? (l') avrom-ne? (l') om-ne av? (l') aviom-ne av? (l') avrom-ne av?
2^ pers. plur. i l'eve? i l'ave? i l'avreve? i l'eve av? i l'ave av? i l'avreve av?
3^ pers. plur. (l') han-ne? (l') avij-ne? (l') avran-ne? (l') han-ne av? (l') avij-ne avu? (l') avran-ne av?

Condizionale
----- Presente Passato
1^ pers. sing. (l') avrij-ne? (l') avrij-ne av?
2^ pers. sing. (l') avriës-to? (l') avriës-to av?
3^ pers. sing. (l') avrij-lo? (l') avrij-lo av?
1^ pers. plur. (l') avriom-ne? (l') avriom-ne av?
2^ pers. plur. i l'avre? i l'avre av?
3^ pers. plur. (l') avrij-ne (l') avrij-ne av?

Si nota che per il verbo avere il pronome personale interrogativo della terza persona plurale pu anche essere "-lo" oltre che "-ne".
Si nota ancora esplicitamente che la terza persona singolare usa il pronome personale interrogativo "-lo" per il maschile ed il pronome personale interrogativo "-la" per il femminile.

Riportiamo qui sotto questo tipo di coniugazione negativa per il verbo f = fare.
Indicativo
---- ---- Presente Imperfetto Futuro sempl. Passato Trapassato Futuro ant.
1^ pers. sing. cosa faccio?, ... etc... cs fas-ne cs fasij-ne? cs farai-ne? cs l'hai-ne fit? cs i l'ava fit? cs l'avrai-ne fit?
2^ pers. sing. cosa fai?, ... etc... cs fas-to cs fasies-to? cs fars-to cs l'has-to fit? cs l'aviës-to fit? cs l'avras-to fit?
3^ pers. sing. cosa f?, ... etc... cs fa-lo cs fasij-lo? cs far-lo? cs l'ha-lo fit? cs l'avij-lo fit? cs l'avr-lo fit?
1^ pers. plur. cosa facciamo?, ... etc... cs fom-ne? cs fasiom-ne? cs farom-ne? cs l'om-ne fit? cs l'aviom-ne fit? cs l'avrom-ne fit?
2^ pers. plur. cosa fate?, ... etc... cs i feve? cs i fase? cs i fareve? cs i l'eve fit? cs i l'ave fit? cs i l'avreve fit?
3^ pers. plur. cosa fanno?, ... etc... cs fan-ne? cs fasij-ne? cs faran-ne? cs l'han-ne fit? cs l'avij-ne fit? cs l'avran-ne fit?

Condizionale
----- Presente Passato
1^ pers. sing. farj-ne? (l') avrj-ne fit?
2^ pers. sing. fariës-to? avriës-to fit?
3^ pers. sing. farij-lo? avrij-lo fit?
1^ pers. plur. fariom-ne? (l') avriom-ne fit?
2^ pers. plur. i fare? i (l') avre fit?
3^ pers. plur. farij-ne (l') avrij-ne fit?

Notiamo che quando l'interrogazione sostenuta dalle parole cos ... ? = cosa ... ?, chi ... ? = chi ... ?, përch ... ? = perch ... ?, andova ... ? = dove ... ?, ln ... ? = quello, cosa ... ? la coniugazione negativa piemontese pu essere usata, e viene usata spesso. Se per viene usato, come spesso capita, il rafforzativo che, allora la forma interrogativa di cui sopra non pu essere usata e si f l'interrogazione col tono di voce (graficamente con il punto interrogativo). Pertanto:
cosa fai? = cos fas-to? oppure cos ch'it fas? (cos che it fas?)
perch andato? = përch l'-lo andait oppure përch che a l' andit?
cosa vuoi? = ln ch'it veule? non esiste una corrispondente espressione senza il "che".
Si noti ancora che si dice: cs veus-to? oppure cos it veule?. Da cui si deriva che nella forma interrogativa piemontese la seconda persona singolare del verbo termina sempre per "s".

Concludiamo con quache esempio, che compara le due forme per fare l'interrogazione.
Frase in italiano Interrogazione a "?" solo Interrogazione con pron. pers. interr.
Saresti andato tu al posto mio? - --> It sare andait ti a m pst? - --> Sariës-to andit t a m pst?
Faceva caldo a Torino? A fasa cod a Turin? Fasij-lo cod a Turin?
Entri o stai fuori? It intre it ëstas fra? Intrës-to stas-to fra?
Se lui andasse, andermmo anche noi? Se chiel a andisa, i andro 'dc noiutri? Se chiel a andisa, andrij-lo 'dc noiutri?
Quando arriver, tu sarai uscito? Cand che a rivr, ti it saras surt? Cand che a rivr, ti saras-to surt?
Entriamo a vedere? I introma a vëdde? Introm-ne a vëdde?


Notiamo che che tra gruppi di consonanti, quando necessario, si introduce una ë eufonica, oppure la "e" si trasforma in "ë", come per (verbo intr = entrare) che f, ad esempio, ntrës-to? = entri?

Se vi sono particelle pronominali associate al verbo o la particella locativa, allora non si usa la coniugazione interrogativa se il tempo semplice (senza ausiliare). È invece possibile usare la coniugazione interrogativa se il tempo composto (con ausiliare). Ad esempio:
fai questo? ; lo fai? = fas-to sn? ; it lo fas?
lo hai finito? glielo hai dato?= l'has-to finlo? l'has-to dajlo?


Coniugazione negativa

Segue una costruzione diversa rispetto all'italiano. La negazione nen oppure pa viene messa dopo il verbo (per i tempi semplici) o dopo l'ausiliare e prima del participio (per i tempi composti):
Lor a bèivo nen = Loro non bevono ; Lor a l'han nen beivù = Loro non hanno bevuto.
Ti it vade pa = Tu non vai, tu non vai mica.
I son pa fòl = non sono mica fesso.
La negazione con p ha spesso un valore rafforzato rispetto alla negazione con nen, sebbene come uso locale le due negazioni possano essere anche del tutto intercambiabili.
Si nota che il meccanismo di costruzione della negazione diverso tanto dall'italiano quanto dal francese. Il p piemontese non equivale al p francese. Notiamo che la locuzione italiana non ... mica ... in piemontese suppone la negazione con l'uso del solo p, senza il nen.
Torneremo su questo in Sintassi.
Notiamo la seconda persona singolare dell'imperativo, che in italiano particolare: va, non andare. In piemontese anche questa persona si comporta in modo regolare: va, va nen.
Nell'infinito e nel gerundio la negazione nen pu assumere lo stesso posto che ha in italiano. nen f, nen fasend = non fare, non facendo, ma pu anche rimanere, in modo pi corretto, dopo il verbo (in questo caso il gerundio usa la forma terminante in -a). Qualche esempio:
A non fare storie hai solo da guadagnare = a f nen ëd lande it l'has mach da vagnje (per le altre particolarit della frase vedere la Sintassi)
A non andare ci rimetti = a nen and it i-i gionte
Non facendo la spesa resti senza = fasenda nen la spisa it reste sensa ma anche fasenda nen la spisa it reste sensa
Non bevendo avrai sete = nen beivend it l'avras sj ma anche beivend nen it l'avras sj
Nulla cambia per la presenza di particelle pronominali o locative. Esempi:
Non te lo dico = i tlo diso nen
Non te lo ho detto = i l'hai nen ditlo
Non c' = a-i nen


Coniugazione interrogativo-negativa

Anche in questo caso vi sono due possibilità: negazione con tono di voce interrogativo, oppure l'associazione della forma interrogativa alla negazione. In questo caso la negazione viene dopo l'interrogazione. La particella negativa assume sempre la posizione dopo il verbo oppure dopo l'ausiliare:
it fas-to nen? = non fai? it l'has-to nen fait? = non hai fatto?
j'erës-to pa andit? = non eri andato?
introm-ne nen? = non entriamo?
Nel caso in cui non sia usata la forma interrogativa piemontese, la forma negativa ancora quella vista sopra, e si ha:
i veule nen and? = non volete andare?
i l'eve nen vors and = non avete voluto andare?
Quindi si f la solita negazione, pronunciata con voce interrogativa.
Nella forma interrogativo-negativa le differenze tra nen e p diventano ancora pi labili, o scompaiono del tutto.
"non sei andato? = ses-to p andit? = ses-to nen andit?".
Anche in questo caso la presenza di particelle pronominali non facilita l'uso della coniugazione interrogativa piemontese, che risulterebbe macchinosa, nei tempi semplici (senza ausiliare), mentre questo possibile nei tempi composti (con ausiliare): Esempio:
it lo fas nen? = non lo fai? (la forma "lo fas-to nen?" sarebbe, come minimo, inusuale).
l'has-to nen dajlo? = non glelo hai dato?


Forma passiva e forma riflessiva (e reciproca)

Non sono molto diverse dalle costruzioni italiana e francese.

Per la forma passiva (verbi transitivi) viene utilizzato l'ausiliare esse.
La costruzione come quella italiana, facendo attenzione, come al solito, all'interrogazione e la negazione. Diamo qualche esempio:
mi i son fërmà dai civich, ti it ses fërmà dai civich, chiel a l'é fërmà dai civich, ... e così via (traduz.: io sono fermato dai vigili, ... etc. ....)
mi i bèivo ël nebieul, ël nebieul a l'é beivù da mi. = Io bevo il nebiolo, il nebiolo è bevuto da me
mi i bèivo nen ël nebieul, ël nebieul a l'é nen beivù da mi. = Io non bevo il nebiolo, il nebiolo non è bevuto da me
Quindi ancora la negazione nen (oppure p) nella tipica posizione piemontese.
mi i bèivo ël nebieul? ël nebieul l'é-lo beivù da mi? = Io bevo il nebiolo?, il nebiolo è bevuto da me?
l'-lo p beiv da ti 'l nebieul? = non bevuto da te il nebbiolo?
Non vi sono, dunque, particolarit di rilievo da segnalare. Facciamo i seguenti esempi di frase positiva, interrogativa, negativa ed interrogativo-negativa per la forma attiva e la forma passiva di un imperfetto indicativo:
Italiano ........................................... Piemontese
davamo il biglietto i daso 'l bijet
il biglietto era dato da noi ël bijet a l'era dit da noiutri
davamo il biglietto? dasj-ne 'l bijet?
il biglietto era dato da noi? ël bijet l'er-lo dit da noiutri?
non davamo i biglietti i daso nen ij bijet
il biglietto non era dato da noi ël bijet a l'era nen dit da noiutri
non davamo i biglietti? dasj-ne nen ij bijet
il biglietto non era dato da noi? ël bijet l'er-lo nen dit da noiutri?



Anche Per la forma riflessiva (verbi transitivi) viene utilizzato l'ausiliare esse.
Si è già indicato quali possono essere le differenze, essenzialmente legate al modo d'uso dei pronomi, rispetto all'italiano ed al francese.
chiel a grata = lui gratta. -> chiel a (ë)s grata = chiel as grata = lui si gratta.
L'unico punto critico è la forma riflessiva della seconda persona singolare, che pu far fare qualche confusione:
ti it grate = tu gratti. -> ti it ët grate = ti it-t grate = tu ti gratti,
Con i tempi composti le cose si semplificano:
ti it ses gratàte = tu ti sei grattato.
Dunque nei tempi semplici il pronome personale riflessivo precede il verbo e collassa di solito in particella pronominale con il pronome verbale, mentre nei tempi composti il pronome personale riflessivo segue il participio passato e vi si unisce (la "s" del pronome "se" di solito raddoppia, per mantenere il suono sordo).
Rimandiamo comunque anche agli esempi fatti a proposito dei pronomi riflessivi.
Nella forma riflessiva interrogativa valgono le osservazioni fatte prima circa la presenza di particelle pronominali, in quanto ora , naturalmente, sempre presente la particella riflessiva. La coniugazione interrogativa dunque usabile solo con i tempi composti. Questo vale anche per la forma riflessiva interrogativo-negativa. Facciamo alcuni esempi con il verbo dësvijsse = svegliarsi:
Italiano ........................................... Piemontese
si sveglia as dësvija
si svegliato a l' dësvijsse
si sveglia? as dësvija?
si svegliato? l'-lo dësvijsse?
ci eravamo svegliati i j'ero dësvijsse
non ci svegliavamo is dësvijavo nen
non ti sarai svegliato it saras nen dësvijate
non ti sarai svegliato? saras-to nen dësvijate?
ci salutavamo tutte le mattine is salutavo tute le matin
si salutvano una volt? as salutavo na vira?

.

avanti indice casa

argentera
Argentera invernale. Ecco un'altra inquadratura della bella montagna