Sostieni Amnesty International

Sostieni Emergency
© 2001-2003, Cristiano Quaglia, Milano (Italy). La riproduzione di tutto cio' che compare in questo sito è liberamente consentita citando e linkando la fonte.

Il sito
    Home Page
   
Perchè questo sito
    Ringraziamenti
    Webmaster
    Links

Brett Lunger
    Dati anagrafici
    Biografia
    Carriera
    Immagini
 
Formula 1
    Cifre
    Immagini

Formula 5000
    Cifre
    Immagini
   
Formula 2
    Cifre
    Immagini

Altre Gare
    Cifre
    Immagini
   

BS Fabrications '78
Nel 1978 Brett Lunger partecipa alla sua quarta ed ultima stagione del campionato del mondo di F.1. Anche in questa stagione il pilota statunitense gareggia con una McLaren provata, appoggiandosi alla struttura della scuderia inglese BS Fabrications. Dopo aver iniziato la stagione con "vecchia" McLaren M23B, a partire da metà stagione Lunger ha a disposizione la McLaren M26, vettura che l'anno prima aveva debuttato con i piloti della scuderia ufficiale James Hunt e Jochen Mass. Per prendere confidenza con la vettura la BS Fabrications decide di iscrivere Brett Lunger alla tappa olandese della serie Aurora (campionato organizzato in Inghilterra dove correvano vetture di Formula 1 delle stagioni precedenti) sulla pista di Zandvoort dove il pilota americano giunge 5. e sigla il giro più veloce. Successivamente la M26 diventa la "prima vettura" debuttando al Gran Premio del Belgio valido per il mondiale F.1.
Da quel momento la scuderia BS Fabrications si trova ad avere a disposizione un parco macchine di ben tre vetture:
McLaren M26 (vettura da gara di Lunger)
McLaren M23B (muletto di Lunger)
McLaren M23 (telaio di scorta)
Grazie ai buoni uffici del patron della scuderia Marlboro McLaren, Teddy Mayer, il telaio di scorta viene affidato ad un giovane brasiliano proveniente dal campionato inglese di Formula 3, che aveva debuttato nel Gran Premio di Germania a bordo di una Ensign: Nelson Piquet.
Piquet partecipa al Gran Premio di Austria con la McLaren M23 sponsorizzata Chesterfield, mentre nelle successive gare di Olanda e Italia la sua vettura sarà addirittura nei colori Marlboro della scuderia ufficiale. Anche in queste tre corse il giovane Piquet, sfruttando pure i consigli del vecchio Brett, mostrerà le sue qualità attirando l'attenzione di Ecclestone, che per soffiarlo alla McLaren, organizza in fretta e furia l'allestimento di una terza vettura per farlo partecipare con la Brabham all'ultimo Gran Premio della stagione in Canada, sul nuovo circuito di Montreal facendogli firmare un contratto che, negli anni successivi, farà nacere uno dei "matrimoni" più vincenti della storia della F.1.
ha selezionato una serie di immagini di Nelson Piquet nei tre gran premi nei quali è stato compagno di squadra di Lunger.