Home
Autori
Letteratura
Grammatica
Crediti

Newsletter

Collaborazioni
Scrivi al Webmaster
Links Collaboratori


Orazio

Odi

III, 23


Vai al brano corrispondente in Latino

Se, o Fidile che vieni dalla campagna, hai rivolto le mani
al cielo con le palme verso l'alto durante il novilunio,
se hai placato i Lari con l'incenso,
con i frutti di stagione e con un'ingorda scrofa;
non sentirÓ la fertile vite il funesto Africo
nÚ i campi coltivati la sterile ruggine del grano
o i teneri figli nella stagione fruttifera
il tempo malsano.
Infatti una vittima pronta al sacrificio che
pascola sull'Algido nevoso fra querce e lecci
o cresce sugli erbosi prati Albani,
tingerÓ con il sangue del collo la scure
dei pontefici: non ti importa affatto
forzare degli umili dei con grande strage
di pecore mentre li incoroni con della rugiada
di mare ed un fragile mirto.
Se una mano senza colpe, non pi¨ gradita
di una sontuosa vittima, ha toccato l'altare,
ha placato i Penati avversi
con pio farro e saltellanti chicchi di sale.




Hai trovato degli errori nella traduzione? Non esitare e invia la tua correzione compilando il modulo sottostante, specificando il punto in cui, nella traduzione, Ŕ presente l'errore. Grazie.
Nickname
Correzione




Letteratura:

- Orazio

Home | Autori | Letteratura | Grammatica | Crediti | Newsletter | Collaborazioni | Webmaster | Links | Bibliografia

AbZe31 Creations © 2002 - Tutti i diritti riservati