Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 
Remailer
News&Search
Sottobicchieri
R F C
java - php
lista mp3
password
S P P
wingate
joke :-)
News linux
Navighiamo
Bookmark
Crittografia
Firewall
Linux
D V D
BreakingDES
PDF encryption
Vado via

L'arte della crittografia

Apparso sul n° 10 di NetRunners, la e-zine
degli Spippolatori, e nella sezione Utili dell'ottimo Alt.
Linkato da SuperEva
di ADaM "Unno" unno@softhome.net

SOMMARIO


Storia della crittografia
Algoritmi a chiave simmetrica (o segreta)
    DES, Data Encrytion Standard
        Violare il DES
     IDEA, International Data Encryption Algorithm
Algoritmi a chiave pubblica o crittografia asimmetrica
     Diffie-Hellmann
     RSA
         Fattorizzato RSA-129
         Fattorizzato RSA-140
         Fattorizzato RSA-155
TWINKLE, la macchina per fattorizzare
Servizi di email criptate web-based
Link
 

Storia della crittografia      ^


La crittografia come modifica volontaria del testo esisteva già al tempo
degli egiziani nel 1900 a.C. (tomba del faraone Knumotete II).
La parola crittografia ha origine greca e significa "nascosto". Un'altra
parola correlata è steganografia che significa scrittura nascosta. Un
esempio legato all'antichità è di scrivere messaggi segreti non
sull'argilla che ricopriva le tavolette, ma sulle stesse tavolette che
venivano poi ricoperte d'argilla e sembravano non usate.

Gli Spartani per crittare un messaggio segreto di tipo militare usavano
2500 anni fa una striscia di papiro avvolta a spirale attorno ad un bastone
(che costituirà la chiave di decodifica). Una volta scritto il messaggio in
verticale sul papiro questo veniva consegnato al destinatario che, con un
bastone dello stesso diametro poteva leggere il messaggio in chiaro. Questo
metodo è di trasposizione perchè il messagggio è in chiaro ma l'ordine
delle lettere è da scoprire.

Un altro metodo, questa volta di sostituzione, è stato inventato da Giulio
Cesare: la chiave è un numero n stabilito e si sostituisce ogni lettera del
messaggio con l'ennesima seguente.
Esempio: pippo con chiave 3 diventa snssr.
Questo metodo è facilmente attaccabile perchè basta confrontare la
frequenza delle lettere nella lingua italiana con la frequenza dei simboli
usati nel messaggio cifrato. Bisogna inoltre considerare che le chiavi
possibili sono solo 26, quindi al limite con un brute force si potrebbe
scovare la chiave. Data la bassa complessità [tanto bassa non è, numero di
combinazioni possibili: 26!=4*(10^26)] del metodo usato da Cesare è chiaro
che non fosse infallibile, ma dati i risultati militari è stato efficace!
Il metodo di Cesare ha ispirato un sistema usato ancora oggi, il ROT-13
dove la chiave è appunto 13, quindi A->N, B->O, etc.

Il metodo che usavano gli ebrei è detto ATBASH. La sostituzione avviene
utilizzando questa tabella dove le lettere della seconda riga sono scritte
in ordine decrescente:
a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z
z y x w v u t s r q p o n m l k j i h g f e d c b a
Messaggio:       Il  Libro di  Geremia
Testo Cifrato:  Ro Oryil wr Tvivnrz

Lo storico greco Polibio inventò una tecnica di codifica legando le lettere
a una coppia di numeri che ne indicava la posizione in una tabella. La
coppia di numeri era comunicata nella notte attraverso delle torce. Ecco un
esempio di tabella:
 

1 2 3 4 5
1 a b c d e
2 f g h i j k
3 l m n o p
4 q r s t u
5 v w x y z

pippo diventa (3,5) (2,4) (3,5) (3,5) (3,4)
Se la disposizione delle lettere nella tabella non seguono l'ordine
alfabetico si capisce la difficoltà di trovare la chiave che in questo caso
è la tabella.

L'imperatore romano Augusto usava invece un altro interessante metodo di
sostituzione usando come chiave un'altra parola o frase. La chiave e il
testo avevano un corrispettivo numerico, il testo cifrato risultava una
sfilza di numeri ottenuti come somma fra testo e chiave. Esempio (testo:
spippolatori, chiave: decifralo):
 
a b c d e f g h i l m n o p q r s t u v z
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

 

testo in chiaro s p i p p o l a t o r i
chiave d e c i f r a l o d e c

 
valore 13testo 17 14 9 14 14 13 10 1 18 13 16 9
valore chiave 4 5 3 9 6 16 1 10 13 4 5 3
valore cifrato 21 19 12 23 20 29 11 11 31 17 21 12
testo cifrato z u n b v h m m m s z n

Se la somma (valore cifrato) eccede 21 si ricomincia dalla a; ciò equivale
a fare una somma modulo 21.
La decifrazione è una semplice sottrazione.
La criptoanalisi di questo metodo non beneficia della frequenza delle
lettere della lingua usata. Questo metodo può essere attaccato con un brute
force utilizzando un dizionario di parole. Ovviamente ci si può difendere
non usando come chiave parole di senso compiuto, ma un insieme di lettere
generate in maniera casuale.

E, se ogni volta si cambia la chiave generandola casualmente, stiamo usando
un metodo chiamato One-Time Pad, che è difficile da superare senza
conoscere la chiave e generando in maniera "davvero" casuale la chiave (e
non è facile perchè si può ottenere solo osservando fenomeni casuali
naturali). Occorre notare che non bisogna usare questo metodo per due
diversi messaggi con la stessa chiave perchè la differenza tra testo
cifrato e testo in chiaro è uguale e, in unione a un bruteforce, aiuta di
parecchio la criptoanalisi di questo metodo. Infatti, trascurando il
discorso della somma modulo 21 per semplificare il discorso risulta che:
1) Cifrato1 = Testo1 + Chiave
2) Cifrato2 = Testo2 + Chiave
Sottraendo si ha:
Cifrato1 - Cifrato2 = Testo1 + Chiave - (Testo2 + Chiave) = Testo1 - Testo2

Altri metodi usatissimi per centinaia di anni prevedevano la sostituzione
delle singole parole con altre che costituivano la chiave. Spesso si
usavano più metodi insieme.
Siamo nel quindicesimo secolo quando nasce la crittografia moderna con Leon
Battista Alberti, artista rinascimentale poliedrico, amico di un
funzionario pontificio che gli chiese di inventare un metodo di
crittografia.
L'idea partì dall'osservazione che un criptoanalista può essere aiutato
dalle caratteristiche di una lingua come le frequenza delle lettere, le
sillabe impossibili o più frequenti, le sequenze di lettere caratteristiche
come le desinenze. Per rendere più difficile il lavoro del criptoanalista
altro non c'era da fare se non cambiare durante il procedimento l'alfabeto
da cui pescare la lettera cifrata: questo è il sistema polialfabetico.

Altro esempio di cifratura con il sistema del polialfabeto è quello
inventato da un tedesco contemporaneo dell'Alberti: Johannes Trithemius. Il
sistema fa uso di una tabella che si chiama tabula recta, formata da 26
righe (tante quante le lettere dell'alfabeto inglese) riportanti ognuna un
alfabeto scalato di una posizione rispetto a quello precedente. La tabella
si usa così: la prima lettera da cifrare rimane la stessa, la seconda si
cifra con il secondo alfabeto, la terza lettera userà il terzo alfabeto e
così via fino a ricominciare dal primo alfabeto dopo la ventiseiesima
lettera. Per rendere difficile il lavoro dei criptoanalisti si può usare un
alfabeto disordinato o, meglio ancora (è più facile da ricordare e
comunicare al destinatario del messaggio) una frase chiave.

L'uso della criptografia continua intensificandosi sempre di più e
migliorandosi con il tempo fino ad avere importanza tale da cambiare il
corso della storia durante le due guerre mondiali quando appaiono le prime
macchine elettriche per cifrare i messaggi ma, soprattutto, per la
criptoanalisi.
I tedeschi usarono per tutta la seconda guerra mondiale una macchia
chiamata Enigma che avrebbe dovuto cifrare i messaggi in maniera sicura.
Così non successe, perchè inglesi e polacchi unendo le loro forze furono in
grado di decifrare quasi tutti i messaggi intercettati.
L'Enigma era una macchina elettromeccanica con contatti, lampadine, rotori
e una tastiera. Ogni lettera veniva cifrata con un alfabeto diverso dando
luogo ad un numero sproposito di combinazioni che rendevano la decodifica
teoricamente impossibile per l'epoca. Ma ciò non fermò gli inglesi che
trassero grande beneficio dai messaggi decodificati.

Per anni la regola generale è stata di creare algoritmi semplici e di
impiegare chiave molto lunghe per rendere difficile la vita al
criptoanalista. Oggi l'orientamento è opposto data la potenza di calcolo di
cui si può disporre per fare un bruteforce, quindi si creano algoritmi
complicatissimi da decifrare in modo che anche se il nostro avversario
avesse parecchio materiale su cui condurre un'analisi, gli sarebbbe
pressocchè inutile.
Oggi la crittografia serve per il commercio elettronico, l'autenticazione,
la riservatezza delle informazioni, etc. Uno dei presupposti fondamentali è
che si suppone che il criptoanalista di turno conosca in generale il nostro
metodo di crittografia, questo perchè è davvero un disastro cambiare ogni
volta metodo di crittografia ogni qual volta si ha il sospetto che qualcuno
sia riuscito a infrangerlo. Da questo presupposto segue che i metodi si
basano sulle chiavi di codifica e decodifica.
Se la chiave è la stessa sia per la codifica che per la decodifica
ricadiamo nel caso delle crittografia classica: questi sono i metodi a
chiave simmetrica o segreta. Gli algoritmi a chiave asimmetrica o pubblica
(che risalgono agli anni '70) utilizzano coppie di chiavi complementari.
Una delle due chiavi è pubblica e conosciuta da tutti e serve per cifrare i
messaggi, mentre l'altra è segreta e riservata al destinatario dei messaggi
che la utilizzerà per decifrarli. Le chiavi vanno a coppie e quindi solo
una chiave può decifrare il messaggio generato utilizzando la chiave a lei
complementare. In questo modo possiamo trasmettere tranquillamente la
nostra chiave pubblica senza paura che venga intercettata.

Spesso ci si orienta per metodi ibridi simmetrici-asimmetrici (come succede
nel famoso PGP) perchè il solo metodo asimmetrico non è efficiente (è
lento!) per grandi moli di dati e, se dovessimo inviare lo stesso messaggio
a più persone, dovremmo cifrarlo ogni volta con la giusta chiave.
PGP (Pretty Good Privacy) è un pacchetto freeware che
realizza la crittografia a chiave pubblica; permette l'interscambio di
documenti elettronici realizzando segretezza, autenticità, integrità dei
dati su un canale insicuro. PGP è principalmente pensato per lo scambio di
documenti via Internet, ma può essere usato su un qualsiasi canale
insicuro; è indubbiamente un prodotto di qualità, e non c'è da dubitare
dell'integrità morale del suo autore (che potrebbe come sempre aver
lasciato delle trap-door), Philip Zimmerman. Egli infatti lo ha sviluppato
con il chiaro intento di permettere la privacy nell'interscambio di posta
elettronica su Internet, con un approccio fortemente critico verso la
politica di NSA e del Congresso Americano di progettare un monopolio dei
sistemi di crittografia; P. Zimmerman è stato sotto inchiesta per due anni
e mezzo, accusato di esportazione non autorizzata di materiale
crittografico, ed è recente la notizia che le autorità federali
statunitensi hanno deciso di non perseguirlo penalmente.
 

Algoritmi a chiave simmetrica (o segreta)      ^

DES, Data Encrytion Standard      ^


Standard federale ancora oggi ufficiale (nella versione triplo-des) per gli
USA, è nato nel 1977 per implementazioni per lo più hardware come
derivazione di Lucifer, un algoritmo di IBM nato nel '70, su insistenza del
National Bureau of Standard per difendere dati riservati ma non segreti
militari.
Il DES brevettato nel 1976 da IBM è royalty-free dal 1993.
Il DES è un codice cifrato a blocchi (si dice che un codice è cifrato a
blocchi quando si applica un codice cifrato a un bit, byte, parola o gruppi
di parole alla volta). Il blocco che si usa per crittografare è di 64 bits
(8 sottoblocchi da 8 bits). Dato che l'ultimo bit di ogni sottoblocco è di
controllo, i bit utili sono 56.
Per cifrare il testo si divide in blocchi da 64 bits che sono cifrati in
successione. Se un messaggio non riempie i 64 bits si può completare in
diversi modi: si possono aggiungere zeri, si possono aggiungere bit random
specificando nell'ultimo quanti se ne aggiungono, etc.
Il DES è molto usato in ambito commerciale perchè nonostante consti di
numerosi passaggi, questi sono tutti relativamenti semplici come XOR,
sostituzioni e permutazioni.
Occorre ricordare che il DES cambia solo la chiave; questo porta vantaggi
economici immediati, ma appena verrà scoperto il modo per forzarlo (senza
bruteforce) occorrerà cambiare radicalmente tutto. Un altro difetto
fondamentale è lo spazio limitato delle chiavi pari a 2^56. Per ovviare al
problema si tenta di allungare le chiavi o di applicare più volte il DES
(triplo-DES o TDES).
Il progetto originale dell' IMB per il DES prevedeva una chiave più lunga
dei 56 bits usati di default. Probabilmente il progetto originario fu
influenzato dall'NSA che impose all'IBM una chiave sicura, ma comunque alla
portata dei loro potenti mezzi.
 

Violare il DES      ^


Nel gennaio 1998 la RSA Laboratories lanciò il "DES challenge II"
coordinato e risolto da distributed.net in 39 giorni.
Record presto battuto, nel 17 luglio 1998.
L'EFF, Electronic Frontier Foundation's, costruì una macchina (DES Cracker
machine) per distruggere il DES e ha scritto un libro (maggio 1998) dove è
spiegato nei minimi dettagli come si è proceduto.
La macchina del costo di 210.000 $ (80.000 per lo sviluppo e il rimanente
per i materiali impiegati, il software è stato scritto da volontari in 2
settimane) forza un DES-56 bits in meno di 3 giorni. Il progetto è stato
completato in 18 mesi.
Hanno così dimostrato ai loro "stolti" (così li definiscono nel libro)
governanti che il DES può essere forzato con una macchina dedicata. Qualche
giorno prima un funzionario del dipartimento di giustizia, Robert Litt, si
affannava a dire che non era possibile che l'FBI possesse macchine per
craccare il DES.
6 mesi dopo, 19/01/1999, Distributed.Net lavorando con un network mondiale
in Internet di 100.000 pc e con il DES Cracker della EFF, vinse l'RSA Data
Security's DES Challenge III con il tempo record di 22 ore e 15 minuti!

Dal novembre 1998 il DES non è più l'algoritmo standard federale; è
sostituito dal triplo-DES finchè il nuovo AES non sarà pronto.
 

IDEA, International Data Encryption Algorithm      ^


Creato nel 1991 da Xuejja Lai e James L. Massey, è, come il DES, codice
cifrato a blocchi di 64 bits con chiave, però, di 128 bits. Anche IDEA usa
calcoli semplici basati su operazioni (addizioni e moltiplicazioni)
modulari, scambi e concatenamenti. Le sottochiavi usate nel procedimento
sono tutte diversi e a 16 bits.
 
 

Algoritmi a chiave pubblica o crittografia asimmetrica       ^


Con questo tipo di crittogafia è stato risolto il problema della gestione
delle chiavi che non occorre più trasmettere al destinatario del messaggio
per la decodifica. Il concetto di crittografia simmetrica è stato
introdotto nel 1976 da Whitfield Diffie e Martin Hellman e si basa sul
concetto fondamentale che un messaggio codificato con una precisa chiave
pubblica può essere decodificato SOLO dalla corrispondente chiave privata
che è unica ed associata strettamente a quella pubblica; ciò si basa anche
su un dato matematico per cui, impiegando 1024 bits, per ottenere la
(unica) chiave segreta da quella pubblica occorrerebbe una potenza di
calcolo pari a una rete di milioni di computer al lavoro per 1000 anni!
Gli algoritmi a chiave pubblica, per la loro lentezza, sono usati spesso
per cifrare la chiave di sessione con cui verrà codificato il messaggio
usando la crittografia simmetrica.
 

Diffie-Hellmann      ^


Nel 1976 due crittologi americani, Diffie ed Hellmann, pubblicarono un
fondamentale lavoro teorico nel quale, ipotizzando di poter disporre di un
cifrario "asimmetrico", dimostravano la fattibilità di sistemi
crittografici di nuovo tipo, adatti alla crittografia di massa mediante il
concetto delle "chiavi pubbliche".
Questo algoritmo è stato sotto brevetto fino al 29/4/97. Basa la sua
difficoltà di decodifica sui problemi logaritmici. E' considerato sicuro
con chiavi lunghe e generatori adatti.
 

RSA        ^


Nato a due anni dal Diffie-Hellman (e brevettato il 29/9/1983 , scadenza
nel 2000 in USA, libero nel resto del mondo), questo algoritmo è ancora
oggi molto usato (dato in licensa a 350 compagnie, conta un numero di
motori di codifica installati pari a circa 300 milioni). L'acronimo
individua le iniziali degli inventori, i tre ricercatori del MIT Ron
Rivest, Adi Shamir e Leonard Adleman. La sua potenza si basa sull'estrema
difficoltà di ricreare la chiave segreta da quella pubblica basandosi su
funzioni unidirezioni e quindi invertibili ma tali che la funzione diretta
sia banale, ma quella inversa sia estremamente difficoltosa. Ecco un
esempio che dovrebbe chiarire e che è appunto l'idea su cui si basa l'RSA:
è facilissimo trovare il prodotto di due numeri molto grandi, ma dato il
prodotto sarà estremamente difficoltoso trovarne i 2 fattori primi.
Illustriamo i passaggi e l'esempio (che sarà fatto con numeri piccoli per
non complicare):

1) Prendiamo due numeri primi p(=3) e q(=11) molto grandi ed n(=33) sia il
loro prodotto.

2) Prendiamo e(=3) che deve essere: minore di n, dispari e primo con
(p-1)(q-1). [ (p-1)(q-1)=(3-1)(11-1)=2*10=20 ]

3) Calcolare d(=7) in modo che: d*e=1 MODULO (p-1)(q-1). Significa che d*e
diviso (divisione intera) (p-1)(q-1) dà come risultato 1. Infatti
d*e=3*7=21/20=1.

4) Cifriamo il testo con c=(t^e) MODULO p*q.
t, intero positivo, è il testo in chiaro. il risultato c è il testo
cifrato.

La chiave pubblica conterrà n ed e(esponente pubblico), quella privata n e
d(esponente privato).

Se t sono i numeri da 0 ad 8, li cifreremo elevandoli alla terza e facendo
il risultato modulo 33.

   plain-text        cipher-text
        0  _____________   0
        1  _____________   1
        2  _____________   8
        3  _____________   27
        4  _____________   31   4*4*4=64 MODULO 33 = 31
        5  _____________   26   5*5*5=125 MODULO 33 = 125-(33*3)=26
        6  _____________   18   6^3=216-(33*6)=18
        7  _____________   13   7^3=343-(33*10)=13
        8  _____________   17   8^3=512-(33*15)=17

La chiave per l'RSA è il modulo n. Più è grande la chiave, più sarà sicura
(ma lenta) la cifratura. Con 1024 bits si è abbastanza (molto?) sicuri.
Per craccare un RSA a 256 bits basta un potente home computer; andando a
384 bits servirebbe un'organizzazione universitaria o una grande azienda;
la crittografia a 512 bits può essere superata da agenzie statali. Solo
chiavi a 2048 bits possono ritenersi sicure per qualche anno a ogni livello
(e chissà...).

Se volessimo usare un sistema ibrido si potrebbero usare RSA e DES. Con il
DES produciamo una chiave casuale (che cifreremo con l'RSA) che servirà per
crittare il messaggio in maniera simmetrica. Spedisco poi il messaggio e la
chiave DES cifrata con la chiave pubblica RSA al suo proprietario che con
la sua chiave segreta decritterà prima la chiave che impiegherà per
decodificare il messaggio.
Questo si fa perchè DES è da due (a livello software) a 4/5 ordini (a
livello hardware) di grandezza più veloce dell'RSA.
 

Fattorizzato RSA-129      ^


Nel marzo 1994, usando 1600 computer connessi a Internet, Atkins e altri
fattorizzarono un numero di 129 cifre (426 bits) in 8 mesi di lavoro.
Una studio del 1997 stimava in un milione di dollari il costo per forzare
un RSA con chiave a 512 bits.
Curiosità: il numero di numeri primi minori o uguali a n è asintotico a
n/ln n. Quindi il numero di numeri primi di lunghezza minore o uguale a 512
bits è di circa 10^150, cioè più grande del numero degli atomi
dell'universo conosciuto. Questo la dice lunga sull'enorme disponibilità di
chiavi diverse.
 

Fattorizzato RSA-140      ^


Notizia del marzo 1999 apparsa sul mensile Crypto-Gram: è stato
fattorizzato un RSA-140. Un nuovo record è stato stabilito da Herman Riele
e il suo gruppo ad Amsterdam avendo fattorizzato un numero di 140 cifre
(456 bit). Questo numero è stato una delle sfide dell'RSA, era il prodotto
di due numeri primi molto grandi, proprio il tipo di numeri usati nel
criptosistema RSA.
La mole di lavoro è stata stimata in 2000 anni-mips (mips=milioni di
istruzioni al secondo, un anno-mips corrisponde alla potenza di calcolo di
una macchina che macina per un anno un milione di istruzioni al secondo. Un
DEC 11/780 è una macchina mips. Un Pentium II di fascia alta è una macchina
da 200 mips. Il supercomputer per simulare esplosioni nucleari installato
al Sandia National Laboratory è una macchina da 1.8 milioni di mips).
Per l'impresa è stato usato un algoritmo detto "a setaccio di numeri", lo
stesso usato per fattorizzare un RSA-130 impiegherebbe 1000 mips-anni, per
un RSA-150 1500 mips-anni. L'algoritmo non scala come ci si aspetterebbe,
ma le tecniche di fattorizzazione diventano sempre più efficienti e veloci
perchè i computer diventano sempre più veloci, le macchine possono lavorare
in rete, gli algoritmi migliorano continuamente di pari passo alle ricerche
di matematica.
E' stato già avviato un progetto per fattorizzare un RSA-155 (512 bit) che
sarà pronto per fine 1999.
 

Fattorizzato RSA-155      ^


Sono stati un pò più veloci della fine d'anno promessa e così è il 22
agosto quando il solito Herman Riele annuncia l'impresa compiuta ad
Amsterdam su un numero da 155 cifre (512 bit) del tipo degli stessi usati
per l'RSA in quanto prodotto di due fattori primi da 78 cifre. 300 macchine
tra workstation SGI e PC Pentium hanno lavorato alacremente per sette mesi
durante la notte e i weekend. Usando il solito algoritmo a setaccio si sono
impiegati 8000 anni-mips in 3.7 mesi per la fase cosiddetta "di setaccio" e
224 ore-CPU e 3.2 Gigabytes di memoria per la seconda fase di riduzione
matriciale su un Cray C916.
Lo sforzo è stato 50 volte più facile che craccare il DES. Fattorizzare le
chiavi usate per il commercio elettronico è sempre più facile e lo sarà
ancor di più in futuro. Questa impresa deve mettere in allarme perchè la
maggior parte dei protocolli sicuri usati in Internet usano RSA a 512 bits.
Grosse e medie società come Compaq e Microsoft usano ancora per i loro
magazzini on-line l'RSA a 512 bit. Occorre inoltre riflettere sul fatto che
è probabile che qualche organizzazione in segreto già forzi abitualmente
comunicazioni private e/o segrete.
 
 

TWINKLE, la macchina per fattorizzare      ^


All'Eurocrypt '99, Adi Shamir (la S dell'acronimo RSA) presenta l'idea per
una macchina che potrebbe incrementare la velocità di fattorizzazione
attuale di 100-1000 volte. Chiamata TWINKLE (The Weizmann INstitute Key
Locating Engine), fattorizza chiavi di 512 bits.
La macchina opera essenziamente in due passi: il primo fa da setaccio e
attua una massiccia ricerca parallela di equazioni con una certa relazione.
Appena un certo numero di relazioni è trovato, c'è una massiccia operazione
matriciale per risolvere un'equazione lineare e produrre i fattori primi.
Shamir ha teorizzato l'uso di tecniche elettro-ottiche per la prima fase di
setaccio, idea peraltro non nuova perchè si rifà a quella di D.H. Lehmer
che pensò nel 1930 di usare tecniche meccanico-ottiche. La macchina sembra
non sia ancora stata costruita.  E' da notare che questa nuova macchina non
risolve il problema di prestazione del secondo passaggio che riguarda
operazioni sulla matrici. La complessità del secondo passaggio esplode
nella fattorizzazione di numeri enormi: con un numero a 1024 bit, per
esempio, il secondo passaggio richiederebbe 10 terabytes di memoria (non di
memoria di immagazzinamento ma di vera memoria per il computer).
Questa macchina non introduce nessun concetto matematico innovativo, ma
semplicemente esegue operazioni già conosciute più velocemente.
 
 

Servizi di email criptate web-based      ^


L'idea è semplice: così come si entra in Hotmail e si spediscono e ricevono
messaggi, allo stesso modo lo si può fare, utilizzando però email criptate
senza dover scaricare nessun software.
HushMail, basato su PGP e S/MIME-like, sfrutta java.
Il mittente entra in HushMail e, attraverso un'applet java, può
mandare un'email criptata. Anche il destinatario deve avere un account su
HushMail. Gli account possono essere anonimi. Gli algoritmi sono ElGamal a
1024 bit e Blowfish. La chiave privata personale è immagazzinata sul server
di HushMail e l'unica cosa che la protegge da accessi più o meno illegali
al server è una passphrase. L'altra debolezza è costituita dall'applet java
che non si può mai sapere se è quella corretta o un cavallo di Troia. Anche
certificando l'applet ci sarebbero dei problemi. L'ultimo problema è legato
alla collocazione fisica del server, che nonstante la compagnia che lo
gestisce sia di Antigua, è collocato in Canada, che notoriamente è molto
più suscettibile ad azioni legali.
Nonostante tutto HushMail sembra una ragionevole implementazione dell'idea.
Esistono altri servizi come http://www.ziplip.com, http://www.ynnmail.com,
http://www.zixmail.com che sono molto meno sicuri fornendo una protezione
davvero blanda e facilmente attaccabile.
Insomma, le email web-based criptate sono più sicure di una email non
criptata, ma meno sicure di una email criptata con PGP per molti motivi: i
server sono obiettivi di attacchi, le connessioni anche se SSL non sono
immuni da spoofing, etc.
 
 

L I N K        ^


La Guida Introduttiva al Programma di Crittografia a Chiave Pubblica PGP,
di Giorgio Chinnici, chiara e completa.
http://www.ecn.org/crypto/crypto/guidapgp.htm

Cracking DES: Secrets of Encryption Research, Wiretap Politics, and Chip
Design by the Electronic Frontier Foundation
http://www.eff.org/descracker/
http://cryptome.org/cracking-des.htm

RSA DES Challenge II
http://www.rsa.com/rsalabs/des2/

Cryptographic Algorithms
http://www.cs.hut.fi/ssh/crypto/algorithms.html

CRYPTO-GRAM
A free monthly newsletter providing summaries, analyses, insights, and
commentaries on computer security and cryptography.
CRYPTO-GRAM is written by Bruce Schneier. Schneier is founder and CTO of
Counterpane Internet Security Inc., the author of "Applied Cryptography"
(John Wiley & Sons, Inc., 1996) and an inventor of the Blowfish, Twofish,
and Yarrow algorithms.  He served on the board of the International
Association for Cryptologic Research, EPIC, and VTW.
http://www.counterpane.com/crypto-gram.html

Crypto++ is a fine, free crypto source code library. You can find download
instructions on the Crypto++ home page at:
http://www.eskimo.com/~weidai/cryptlib.html

Crittografia e Sicurezza su Reti - UNISA

Articolo di del0rean apparso su BUTCHERED FR0M iNSiDE n° 6
CRiTT0SiSTEMi A CHiAVE PUBBLiCA : [DH76] & RSA

[Back]