Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 
RIPRODUZIONE - INNESTI - TALEA - MARGOTTA - POTATURA

PAGINA N°2


TALEA di CRISANTEMO
Nel mese di giugno si può effettuare anche la talea del crisantemo per avere piante già sviluppate l'autunno prossimo è importante prelevare le talee da piante adulte sane e ben ramificate
Si inizia a preparare un miscuglio di terriccio formato da cinque parti di torba quattro parti di terriccio universale mettendo e miscelando insieme del concime universale granulare a lenta cessione
Da una pianta adulta si prelevano talee apicali lunghe 10cm eliminare le foglie basali lasciando 2-3 apicali utilizzando delle forbici ben affilate per non sfilacciare i tessuti della pianta
In un vaso da 18cm riempito con il composto fatto inserire tre talee e affondarle nel terriccio per almeno due nodi che è rappresentato dal punto d'inserzione della foglia con il fusto
Quando le piante sono alte 15cm bisogna cimarle si elimina così la sommità dei germogli della pianta favorendo la tamificazione laterale questa operazione è da farsi ogni 20 giorni fino alla fine d'agosto
Tenere i vasi in posozione ombreggiata all'aperto il segnale dell'avvenuta radicazione è dato dallo sviluppo di un germoglio apicale a radicazione avvenuta dopo 15 giorni iniziare a concimare utilizzando concime liquido per piante fiorite
TALEA DI DIEFFEMBACHIA in primavera è il momento migliore da effetuarsi con la pianta già adulta prive delle foglie basali prima di iniziare l'operazione è consigliabile munirsi di guanti in quanto la pianta lascia un lattice che è irritante al contatto con la pelle
Per prima cosa tagliare lo stelo con un taglio netto quindi tagliare lo stelo in pezzi lunghi 6-8cm immergere la base della taela in ormone radicante e poi metterlo in un vasetto di 10cm di diametro pieno do torba premere delicatamente intorno al fusto della talea
Coprire il vasetto come per fare una piccola serra con della plastica trasparente con circa 22-24gr° ma non coprire il fusto della talea
Dopo 5 settimane si iniziano a vedere delle foglioline sul fusto allora togliere il sacchetto e annaffiare per inumidire il terriccio
Quando la pianta ha raggiunto 10-15cm d'altezza svasarla e trapiantarla in un vasetto di 13cm con del terriccio universale miscelato a torba in parti uguali
TALEA alla BEGONIA
in genere è una pianta da interno che si divide in 3 gruppi in base al tipo di radice se rizomatose o tuberose o fascicolate le rizomatose come la masoniana la versocilor la rex sono delle sempreverdi coltivate per il valore decorativo delle foglie
La talea di questa pianta si fa da aprile entro la fine di maggio e si inizia tagliando dalla begonia una foglia adulta e sana poi con un taglierino ben disinfettato con l'alcol si incide le nervature principali della foglia in senso orizzontale alla stessa nervatura poi come seconda operazione si capovolge la foglia e la si posa in una cassetta riempita di torba e di sabbia miscelata in parti uguali si ferma la foglia applicando lungo i bordi dei fermagli questa foglia la si tiene nella cassetta a 16-20gr° al riparo dai raggi diretti del sole mantenendo il terriccio umido in breve tempo spunteranno delle giovani piante dalle incisioni dopo un mese le piante saranno già sviluppate e quindi possono essere separate dalla foglia madre e messe in singoli vasi in un terriccio universale da giardino con torba miscelati in parti uguali con le giuste condizioni in un anno si ottiene una bella pianta ben sviluppata la talea consente di avere nuove piante con le stesse caratteristiche di quella originale
TALEA di RODODENDRO
l'operazione la si effettua nel mese di agosto vanno prelevate delle talee lunghe 5-8cm si tagliano le foglie basali e le si immergono in un omone radicante le talle vanno piantate in un numero di 4 se si vuole in un vaso da 12cm di dametro in un miscuglio di sabbia e torba in parti uguali poi si annaffia le si colloca in un posto ombreggiato ma non al sole diretto poi all'arrivo dell'inverno le si porta al riparo mettendole in un posto luminoso durante questo periodo bisogna mantenere il terriccio umido ma non inzuppato d'acqua poi in primavera si metteno le talee ormai radicate nel terreno o nei vasi ricordandosi che i rododendri hanno bisogno di terra acida
TALEA di LAVANDA
operazione che si fa in agosto prelevando dai germogli laterali che non hanno fiorito talee lunghe 8-10cm cimando le punte si effettua il taglio basale a circa 10cm dalla cima della talea eliminando le foglie dalla metà inferiore della talea e si immerge la talea in un ormone radicante le si mettono in vasetti sa 10cm di diametro con una miscela di sabbia e torba in parti uguali in genere un vasetto contiene 3 talee si collocano i vasi in semiombra e si annaffiano appena il terriccio diventa secco si mettono definitivamente a dimora nel periodo tra marzo e aprile se si mettono nei vasi se sono rotondi devono essere di un diametro di 45cm se rettangolari devono essere lunghi 70cm e profondi 30cm la posizione ideale è quella in pieno sole orientati verso sud
TALEA di AGRUMI
sono piante rustiche ma non tollerano il freddo crescono bene all'aperto la talea di fusto e l'innesto sono le uniche tecniche di propagazione per avere le stesse qualità della pianta madre e sopratutto per avere la stessa qualità dei frutti tra le due tecniche la talea è la più facile da realizzare da praticare verso la metà di agosto bella primavera successiva la nuova pianta sarà pronta
Come prima operazione da farsi in piena estate nel mese di agosto si taglia una talea di 15cm all'apice dei rami già semilegnosi si eliminano tutte le foglie tranne le ultime cinque all'apice della talea nel taglio si usano forbici ben affilate per non sfilacciare il fusto
Come seconda operazione si immerge la base della talea in una ciotola piena di ormone radicante in polvere facendo in modo che la polvere copra bene la superficie del taglio l'uso dell'ormone radicante accelera l'emissione delle radici
Si riempie poi una miniserra ottenuta con terriccio e torba in parti uguali interrare il fusto della talea o più talee a 2-3cm di profondità e mantenere la serra a una temperatura di 18gr° in primavera tra marzo e aprile la talea si potrà trapiantare in giardino o in vaso in un terreno fertile e ben drenato annaffiare il terreno per tenerlo umido
Si lascia la giovane pianta a dimora un anno poi l'anno seguente la si può potare per darle un assetto regolare e ordinato
TALEA DI ANANAS
la pianta richiede calore e umidità la temperatura ideale è di 22gr° da coltivare preferibilmente in casa ha bisogno di un terreno leggero e leggermente acido composto da 2 parti di terriccio fibroso da 1 parte di terriccio di foglie o di torba e 1 parte di sabbia si può avere una nuova pianta prelevando la rosetta di foglie verdi poste all'apice del frutto operazione che si effettua in primavera tra marzo e aprile l'ananas si può propagare anche staccando i germogli che si formano alla base della pianta sempre tra marzo e aprile ripiantandoli nel terreno
Come prima operazione con un coltello ben affilato si recide il ciuffo di foglie poste all'apice del frutto asportando anche 2-3cm di guscio con la punta di un coltellino altrettanto affilato si elimina più polpa possibile si lascia seccare la parte 24 ore può bastare per evitare che marcisca è meglio tenerla in un luogo ventilato e asciutto poi passato questo lasso di tempo si interra un vaso di terracotta tanto ampio da contenere l'apice dell'ananas nel terreno in una posizione ombreggiata e riparata dal vento il terriccio da usare è composto da parti uguali di torba e sabbia e lo si copre con una campana di vetro
Il seganle dell'avvenuto radicamento è dato dall'emissione di nuove foglie al centro del ciuffo verde dopo un mese dall'interramento durante il radicamento
TALEA DEL PEPE
operazione che si fa tra la metà del mse di luglio e la fine di agosto si prelevano talee lunghe 15-20cm dagli steli dell'anno coperti di foglie si eliminano le foglie basali sa taglia la talea sotto la gemma fogliare più bassa e si spunta subito l'apice sopra una foglia ora le talle sono lunghe 8-10 cm e si interrano per 1\3 della lunghezza in un conteniore con del terriccio si mantengono umide e dopo 3 settimane si prelevano si separano e si mettono in vasi singoli di 8cm di diametro quando saranno radicate bene di solito occorrono 3 settimane si mettono a dimora in piena terra o in vaso di cm 20-25 di diametro
TALEA del CONVOLVO o VILLUCCHIO si ottengono delle piante identiche alle originali l'operazione della talea la si fa nel periodo tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate operazione che inizia prendendo un vaso di 13cm di diametro mettendo una miscela di 3 parti di terriccio universale 2 parti di sabbia e 1 parte di torba si scelgono i getti sani e lunghi almeno 15cm prelevandoli con un coltellino ben affilato per non sfilacciare i rametti la forbice non va bene perchè schiaccia la base del rametto poi si sunta il fusto di ogni talea finoa 10cm subito sotto un nodo e si tolgono le foglie basali si immerge la base della talea in una polvere fungicida si mettono 3-4 talee per ogni vasetto con lefoglie più basse appena che sporgono dal terreno si inumidisce il terreno utilizzando un nebulizzatore si posizionano i vasi all'interno di una vaschetta di plastica con coperchio dopo circa sei settimane le talee si possono trapiantare in singoli contenitori mettendo nei nuovi vasi una miscela costituita da 2 parti di torba e 1 parte di sabbia poi si nebulizza con acqua a temperatura ambiente
TECNICA dell'INNESTO A SPACCO per ALBERI da FRUTTO
è una pratica che si utilizza per avere sulla stessa pianta varietà di frutto è una operazione che và effettuata entro la fine di aprile
Consiste nell'immettere sopra una pianta definita portainnesto o soggetto una parte di un'altra pianta detto nesto gentile oppure marza è una operazione come detto che
serve per ottenere sulla stessa pianta due varietà di frutto diverse quelle che provengono dai rametti innestati e quelle che provengono dalla parte della pianta non innestata
Importante effettuare l'innesto con l'apposito coltellino ben pulito e affilato per evitare infezioni e malattie
L'innesto a spacco si pratica sui rami da 3 a 5 cm di diametro a seconda che si innestino 1 o 2 marze viene chiamato semplice o doppio questa operazione è possibile su
qualsiasi albero da frutto
Come prima operazione si effettua un taglio verticale lungo 6cm facendo attenzione di non fendere il ramo per non frantumarlo poi il ramo d'innesto che andremo
a mettere deve avere almeno 2 coppie di gemme ben sviluppate bisogna praticare sotto le ultime due gemme due tagli obliqui in modo da ottenere una punta quindi la si và
a mettere nel taglio di 6cm che abbiamo praticato si legano le parti con filo di rafia inumidita ben stretti intorno al punto d'innesto in questo modo le parti saranno in perfetto
contatto poi al termine dell'operazione con un pennello si spalma uno strato di mastice per innesti

TECNICA della PROPAGINE
Questa tecnica di riproduzione è l'ideale per le specie di piante che hanno rami lunghi e flessibili da poter fare radicare nel terreno
Prendiamo come esempio l'azalea che è una pianta rustica che ben si adatta in casa o in giardino ed è reperibile tutto l'anno
Il mese di marzo è ideale per questa ma per ogni varietà ci può essere il suo periodo ma di norma questi mesi dopo l'inverno sono i più propizi perchè le piante entrano
in fase vegetativa La prima fase è di scegliere un ramo di azalea più vicino al terreno togliendo tutti i rami secondari e le foglie per una lunghezza di 15cm lasciando intatta
la parte terminale del ramo Come seconda fase si scava una buca di 20*20cm smuovendo il terreno miscelato a torba interrando il rametto spoglio per una profondità di 10cm bloccando il rametto con un pezzo di legno a forma di forcella
Passato un'anno bisogna tagliare il rametto nrl punto in cui esce dal terreno la nuova pianta è pronta per essere collocata in un vaso da 15cm con terriccio per piante acidofile
ma se non si ha fretta lasciare il rametto che si è tagliato ancora un poco nel suo pane di terra ha un migliore sviluppo radicale
RINVASO dell'ANTURIOè il mese di febbraio è una pianta da interno facile da coltivare è una specie che richiede un ricambio di vaso anche per avere nuove specie
Questa operazione è da farsi quando la pianta è nel vaso da 3 anni e più allora il mese di febbraio è quello adatto durante il rinvaso si può dividere in due l'apparato radicale se è in eccesso bisogna usare un contenitore nuovo con un diametro di 2cm più grande
Si svasa delicatamente la pianta afferrando il pane radicale e dividendo il cespo con attenzione a non spezzare le radici si dispongono i nuovi cesoi nei contenitori utilizzando terriccio per piante acidofile miscelato a terriccio universale si annaffia e si sistemano le piante dove la temperatura è di 18-20gr°
torna alla pagina n°1
vai alla pagina n°3