PAOLINO un scito do belin! Bandea Zena sventola

Origini della Bandiera di Genova
Òrigini da Bandêa de Zena

La bandiera di Genova è costituita da una croce rossa su campo bianco: è detta anche croce di San Giorgio e nell'antichità era simbolo dei pellegrini che si recavano presso i luoghi santi del Cristianesimo e che dopo il 1095, anno in cui Gerusalemme fu conquistata dai Turchi selgiuchidi, mossi in gran parte (inizialmente) da spirito sincero di missione, decisero di prendere la croce ed armarsi per liberare la terra dove nacque e visse Gesù Cristo, in risposta ai ripetuti attacchi subíti dai Turchi, decisi - soverchiati gli Arabi - a spingersi alla conquista dell'impero Bizantino.
La simbologia del Salvifico vessillo della vera croce - come il frate domenicano Jacopo da Varagine (o da Varazze, † 1293) indicò la croce di San Giorgio - determinò nel medioevo, per i "pellegrinaggi armati", l'appellativo di crociate cristiane.
Bandiera Genova
I Genovesi, che intesero sempre costituire una nazione a sé stante anche rispetto agli altri italiani, nel loro determinante intervento alla conquista del S. Sepolcro (prima crociata, anno 1099) assunsero a loro insegna la croce rossa in campo bianco senza mai più abbandonarla. Quale segno della passione di Cristo e simbolo del Cristianesimo, essa significa Vittoria e Liberazione.
L'uso della bandiera da parte dei Genovesi pare risalire ad epoche remote, quando l'esercito bizantino stanziava nella città ed il vessillo della guarnigione (una croce rossa in campo bianco) veniva portata in omaggio nella piccola chiesa di San Giorgio. Genova era chiamata anche "Repubblica di San Giorgio", dal nome del Santo protettore della città e da quello datosi dal Banco (glorioso organo finanziario d'avanguardia del XIV secolo con sede nell'omonimo palazzo nel Porto Antico).
Genova1198
Genova da sempre sventola questo vessillo e, nel XIII secolo, lo esponeva a terra, sulle galere e sulle navi mercantili: in origine sul drappo era rappresentato lo stesso San Giorgio. Questo Gonfalone (con 4 code nei primi tempi) è disegnato negli Annali Genovesi fin dall'anno 1198 ma probabilmente esiste fin dai primi giorni della Repubblica, cioè prima dell'anno 1099 quando Genova partecipa alla Crociata con una propria insegna. La Repubblica Ligure la adottò ufficialmente alla fine del XVIII. Durante la dominazione francese e sotto il regno sardo la bandiera venne ammainata, ma oggi è tornata ad essere il vessillo ufficiale di Genova. La città ligure, all'epoca della Serenissima repubblica, aveva una sorta di bandiera di stato, detta "della signoria" che riproduceva la croce di San Giorgio su uno scudo sostenuto ai lati da due grifoni, forse a rimarcare l'indipendenza dal vassallaggio francese e sforzesco. Il grifone (leone alato dalla testa d'aquila) è un simbolo genovese antichissimo.

La croce di San Giorgio, veniva battuta dalle navi della Repubblica marinara di Genova (che era molto forte) e rappresentava una sorta di immunità per chi si imbatteva nelle navi musulmane che, per evitare il conflitto, giravano al largo. La notizia si diffuse subito nel mondo e così altre Nazioni trattarono con Genova l'uso della sua Bandiera Crociata.
Nel 1190 Londra e l'Inghilterra chiesero e ottennero la possibilità di utilizzo della bandiera crociata per avere le loro navi protette dalla flotta genovese nel Mar Mediterraneo e in parte del Mar Nero dai numerosi attacchi di pirateria (si mosse in prima persona Riccardo Cuor di Leone alla partenza per la Terza Crociata); per questo privilegio il monarca inglese corrispondeva al Doge della Repubblica di Genova un tributo annuale. Secondo altre fonti, la bandiera crociata venne utilizzata ufficialmente dagli Inglesi per la prima volta nel 1249 e si trasformò nella bandiera dell'Inghilterra nel 1277.
L'Inghilterra e la città di Londra issano tutt'oggi la bandiera di San Giorgio ed è la loro bandiera nazionale. Lo stemma di Londra è molto simile a quello di Genova, esso reca una croce rossa in campo bianco. Fra i dettagli, che lo differenziano dall'emblema della città di Genova, si nota la spada verticale in alto a sinistra, accanto alla grande croce recante il motto latino: “Domine dirige nos” (Signore guidaci).
Stemma
Stemma di Genova
Flag
Stemma di Londra

Bandiera Inglese
È costituita da 2 croci: quella di Sant'Andrea e quella di Cristo; sono rosse bordate di bianco e la base è blu. Perché è fatta così? Perché gli Inglesi hanno messo la loro e quella di Genova insieme.
Le cose sarebbero andate così. Eravamo ai tempi in cui la flotta spagnola, più o meno intorno al 1500, era la più potente del mondo. Erano già alcuni anni che Colombo aveva scoperto l'America e gli Iberici avevano cominciato a sfruttare quelle terre e a portarsi a casa le ricchezze che trovavano, oro compreso. Anche gli Inglesi, a loro volta, erano impegnati ad arraffare quello che potevano dalle terre (America del Nord) che avevano occupato. Succedeva però che quando le navi spagnole e inglesi si incontravano, dato che storicamente erano nemiche, erano scontri che solitamente finivano a favore degli spagnoli che rapinavano i valori delle navi inglesi. Per questo gli Inglesi si erano rivolti a Genova che, sebbene non fosse più forte come in passato, era ancora temuta in mare; avevano chiesto di poter mettere in cima all'albero della nave, sopra alla loro bandiera, quella di Genova cosicché gli altri vedendo l'insegna genovese non l'attaccassero.
Bandiera
Genova
croce rossa
in campo bianco
Flag
Inghilterra
croce rossa
in campo bianco
Flag
Londra
croce rossa
in campo bianco
Evoluzione bandiera
Gran Bretagna

Ricordiamoci che la presenza di Genova nei confronti dell'Inghilterra non si limita alla bandiera, ma anche ad una grossa quantità di denaro che gli Inglesi si erano fatti prestare e che non hanno mai restituito, cosicché ancora oggi sono nostri debitori. A proposito di soldi, se guardiamo una sterlina d'oro, vediamo che su una faccia c'è il profilo della Regina, mentre dall'altro c'è San Giorgio a cavallo contro il drago.
Questo fatto della bandiera è stato ricordato dal Console d'Inghilterra, intervenuto all'inaugurazione dell'Acquario di Genova nel 1992 alle Colombiadi, nel suo discorso parlando proprio degli antichi rapporti fra la sua Nazione e Genova.

Bandiera di Milano
Anche la Lombardia aveva chiesto di poter usare il simbolo. Il giorno della battaglia di Legnano, 29 maggio 1176, i milanesi insieme alle città che aderirono alla Lega Lombarda issarono sul pennone del Carroccio (grande carro montato su 4 ruote e trascinato da altrettanti buoi), situato in cima ad una torre, il gonfalone bianco con una croce rossa.
Lo storico Francesco Maria Accinelli erroneamente indica lo stemma milanese come derivazione di quello genovese ("E mandati dalla Repubblica 500 balestrieri con la suddetta insegna in soccorso dei Milanesi nel 1247, espugnata col loro valore la città Vittoria nuovamente fabbricata da Federico II vicino a Parma, vollero i Milanesi per maggiore onore assumersi dello stendardo de' Genovesi l'insegna"), che invece risale al 1066, quando l'effige venne consegnata ufficialmente dal papa Alessandro II (il milanese Anselmo da Baggio) ad Erembaldo, capitano del popolo di Milano in rivolta contro l'Impero.
Curiosità: la casa del Municipio (dov'è il sindaco di Milano) si chiama Palazzo Marino. Questo palazzo era di proprietà, che se l'erano fatto costruire per avere una base per i suoi commerci a Milano, di una famiglia di commercianti genovesi: i De Marini.

San Giorgio: Non ci sono notizie certe sulla sua vita ed esistenza; pare fosse originario della Cappadocia (Turchia), visse nel III secolo e morì intorno al 303. Giorgio, il cui sepolcro è a Lydda (Lod) presso Tel Aviv in Israele, venne onorato, almeno dal IV secolo, come martire di Cristo in ogni parte della Chiesa. La tradizione popolare lo raffigura come il cavaliere che affronta il drago, simbolo della fede intrepida che trionfa sulla forza del maligno. La sua memoria è celebrata il 23 aprile. È patrono dell'Inghilterra, di intere regioni Spagnole, del Portogallo, di Campobasso, Ferrara, Venezia, ecc. L'etimologia del nome Giorgio = che lavora la terra, dal greco.

  Grazie a Antonio Piero Fioravanti - Genova  per alcune notizie storiche.

HOMEPAGE CULTURA E TRADIZ. FOTO LIGURIA STORIA Rep. GE