Community
 
Aggiungi lista preferiti Aggiungi lista nera Invia ad un amico
------------------
Crea
Profilo
Blog
Video
Sito
Foto
Amici
   
 
 
img
home page | percorso
filosofia
| percorso
storia
| percorso
didattica
| percorso
italiano
| percorso
semiserio
| oltre il sito
img

GRIGLIA delle VALUTAZIONI


Livelli (e voto) Descrittori del livello di apprendimento
10 = eccellenteConoscenze approfondite, bagaglio culturale notevole, personale orientamento di studio.
Capacità di collegamento, organizzazione, rielaborazione critica e autonoma nella formulazione di giudizi con argomentazioni coerenti e documentate espresse in modo brillante.
9 = ottimoConoscenze approfondite, preparazione e bagaglio culturale (ove necessario) notevole, emergenza di interessi personali o di personale orientamento di studio.
Uso decisamente appropriato dello specifico linguaggio.
Capacità di collegamento, autonomia di valutazione critica sul generale e specifico.
8 = buonoConoscenze approfondite [analisi] e buon livello culturale evidenziato.
Linguaggio preciso e consapevolmente utilizzato.
Capacità di orientamento e collegamento [sintesi], autonomia di valutazione dei materiali.
7 = discretoConoscenze ordinate e esposte con chiarezza.
Uso generalmente corretto del linguaggio, sia del lessico sia della terminologia specifica.
Capacità di orientamento relativa ad alcune tematiche o su testi specifici [analisi].
Collegamenti sviluppati con coerenza, ma senza evidenti o spiccate capacità sintetiche, con relativa prevalenza di elementi analitici nello studio e nell’esposizione.
6 = sufficientePreparazione aderente ai testi utilizzati, presenza di elementi ripetitivi e mnemonici d’apprendimento e nell’uso (semplice) delle conoscenze che restano però ordinate e sicure.
Capacità di orientamento e collegamenti non sempre pienamente sviluppati, sporadica necessità di guida nello svolgimento del colloquio.
Evidenza di imprecisioni espositive, ma anche capacità di autocorrezione.
N.B. Gli standards minimi per storia e per filosofia relativi agli obiettivi disciplinari vengono definiti nel piano di lavoro.
5 = insufficientePreparazione superficiale in elementi conoscitivi importanti, permanenza di elementi di preparazione e di nuclei di conoscenza aventi qualche organicità e precisione analitica, ma che non risultano dominanti e caratterizzanti il quadro generale.
Difficoltà, quindi, nello sviluppo dei collegamenti e degli approfondimenti.
Linguaggio specifico ed espositivo non pienamente e correttamente utilizzato, senza precise capacità di autocorrezione.
4 = gravemente
  insufficiente
Preparazione frammentaria ed evidentemente lacunosa.
Persa ogni possibilità di collegamenti e sintesi organica dei materiali, assenza di capacità di autonomo orientamento sulle tematiche proposte.
Uso episodico dello specifico linguaggio.
Resta comunque qualche elemento di positività, che riesce ad emergere unicamente per una azione di orientamento e supporto.
3 = netta
impreparazione
Non si evidenziano elementi accertabili, per manifesta e netta impreparazione, anche a livello elementare e di base.
2 = preparazione
   nulla
Non si evidenziano elementi accertabili, per totale impreparazione o per dichiarata (dall’allievo) completa non conoscenza dei contenuti anche elementari e di base.
Si procede comunque a più tentativi «tecnici»di accertamento, onde maturare la completa sicurezza di valutazione della condizione di completa impreparazione.
1 = rifiutoNon si evidenziano elementi accertabili, per il rifiuto da parte dell’allievo di ogni preparazione, delle verifiche o della materia stessa.





Indicatori generali e voto corrispondente alla loro verifica:

1.conoscenza di contenuti, argomenti, lessico (non in senso nozionistico) e comprensione: 6

sono questi i due obiettivi minimi da raggiungere (su contenuti fondamentali) e da cui partire per lo sviluppo di ulteriori abilità (ovviamente la loro mancata verifica comporta una valutazione inferiore);


2.uso di una terminologia tecnica e lessico appropriato; capacità espositive chiare e di produzione: 7

è questo il livello dell’applicazione (nella comprensione di un testo storico, storiografico o filosofico) che si congiunge con quello dell’esposizione, essendo le abilità espositive, di organizzazione dei contenuti e di produzione della lingua gli ambiti applicativi privilegiati dalle discipline umanistiche;


3.capacità di approfondimento analitico, di elaborazione e sintesi, di valutazione personale: 8 o più

questi obiettivi consentono di verificare abilità complesse e di ulteriore sviluppo delle capacità espositive, anche su un piano personale.

Ultimo aggiornamento: Lunedì, 23 settembre 2002

backindietro alla home page |  up
torna all'inizio
 |  continua questo percorsogo on