Biospeleologia del Piemonte

Atlante Fotografico Sistematico

   
Pagina web creata e aggiornata da Enrico LANA
   
Italiano
Franšais
English
Espa˝ol
Deutsche

Fungi

Nel mondo privo di luce delle grotte le piante non possono sopravvivere, ma vi si possono trovare altri organismi di un regno vivente parallelo i cui rappresentanti non hanno bisogno dei raggi solari per crescere. Si tratta del regno dei Funghi (latino "Fungi"), alcuni dei quali sono divenuti parassiti di Coleotteri (come le Laboulbeniales che parassitano i Trechinae del genere Duvalius). Altre specie crescono sui corpi senza vita di Insetti che muoiono in grotta, come queste farfalle del genere Triphosa che sono rimaste attaccate alle pareti su cui sono morte durante il letargo invernale nella Grotta del Lupo superiore (Gola delle Fascette, CN).

       

Altri funghi con carpofori (i corpi fruttiferi o "carpofori" sono quelli che sono comunemente conosciuti e consumati come "Funghi" e sono gli organi riproduttivi del corpo vero del fungo, costituito dalla rete di ife sotterranee che colonizzano il terreno) di dimensioni medie, in un'atmosfera con un tasso di umidità relativa prossima al 100%, assumono forme inconsuete.

 

Nella Grotta di Rio Martino l'autore ha osservato per due anni consecutivi questi strani funghi dal gambo peloso.

Il prof. Ceruti, celebre micologo dell'Orto Botanico di Torino li ha attribuiti dubitativamente al genere Mycena in quanto i carpofori non erano maturi. Benchè si sia cercato di coltivarli, non è stato possibile ottenere delle spore, essenziali per la determinazione della specie. In ambiente epigeo i funghi del genere Mycena sono esili ed alti poco più di una decina di cm e con gambo liscio. Al Rio Martino se ne sono osservati con gambi irti di ife aeree e lunghi fino a 50 cm.

Questo gruppo di carpofori, trovato dentro le Grotte del Caudano, presentano un aspetto simile a quello delle Mycena del Rio Martino e si potrebbe trattare di un'altra specie di questo genere, oppure di un caso di convergenza morfologica dovuta all'ambiente simile. In effetti, i funghi presentano in grotta un habitus allungato ed una lunga durata dei corpi fruttiferi, a differenza che in ambiente epigeo.

La specie qui rappresentata è Hypholoma fasciculare, la cosiddetta "Famigliola cattiva" che si sviluppa copiosamente sulle assi di legno di Ontano (Alnus sp.) che costituiscono le passerelle dei rami non turistici di Bossea. Le ife erano probabilmente presenti già nel legno originale, ma si sviluppano da decenni su questi manufatti.

Il Coprinus narcoticus cresce talvolta su pezzi di legno molto umido in ambiente cavernicolo e si pu˛ facilmente riconoscere per il colore candido e le piccole o piccolissime dimensioni dei corpi fruttiferi; il carpoforo nella foto a lato Ŕ stato ripreso nella grotta dell'Orso di Ponte di Nava su residui di legno nella sala dell'ingresso.


Il Coprinus domesticus è un fungo che all'esterno, come le specie dello stesso genere, ha un carpoforo che in un solo giorno nasce, cresce, avvizisce e si affloscia.


A Bossea, l'autore ha osservato carpofori di questa specie che si sono sviluppati per un'intera settimana. Questi funghi, piuttosto umili all'esterno, vengono esaltati in ambiente ipogeo.

    Glossario
Sottofondo:
BIBLIOGRAFIA
SPECIFICA
      
BIBLIOGRAFIA
BIOSPELEOLOGICA
      
BIBLIOGRAFIA
GENERALE

Indice Sistematico

 

 

 

Pagina iniziale HOME


 Alcuni abbellimenti, javascript, ecc. sono stati tratti e modificati dal sito "A SBAFO !
Tutto per il WEB gratis e in italiano...", che l'autore vi consiglia vivamente di visitare
 




BABEL ALTA VISTA - TRADUTTORE ON LINE