walter torquati
e-mail:

Clicca l'immagine per andare su facebook
vedere sito su facebook

Free counter and web stats

_________________________________________________


Non c'è amore sprecato

momenti di vita con esperienze paranormali

(A book with paranormal experiences)
_____________________________

Click here for Click here for english version english version




Una doppia dimostrazione con Gordon Higginson

Ero ancora a Londra e continuavo a frequentare alcune organizzazioni spiritualiste, sperando di trovare quella dove ero atteso.
Tornai di nuovo alla S.A.GB. per assistere ad una doppia dimostrazione di trance e ritratti psichici.
I sensitivi da vedere sul podio sarebbero stati Coral Polge e Gordon Higginson.
La prima è una grande medium artista molto abile nel fare disegni di entità spirituali. Il secondo è un trance-medium abbastanza osannato dagli inglesi.
Quel giorno Coral Polge era malata e così un'altra disegnatrice prese il suo posto.
La doppia dimostrazione si tenne nella sala grande delle conferenze.


The Oliver Lodge Hall della SAGB, la sala delle letture e delle dimostrazioni

Vi erano più di 70 persone che occupavano già i posti in prima fila.
Arrivai e mi sistemai dietro a tutti, in ultima fila. Gordon Higginson cadde in trance e si mise a parlare di certi valori spintuali, passeggiando lungo il corridoio centrale.
L'entità che incorporava lo faceva camminare ricurvo e zoppicando (nda: questo significa che era un'entità legata ancora al piano inferiore astrale poiché lo spirito non è zoppo).
Quando Higginson tornò in sé, tenne un breve discorso su quello che nel frattempo la disegnatrice stava completando: ritratti psichici di alcune persone del pubblico in sala.
Mr Higginson si mise a descrivere ciò che vedeva nei quattro ritratti psichici che la disegnatrice gli aveva dato.
Ogni disegno era un ovale con dentro diverse linee e spirali. Il primo raffigurava lo spirito di una signora seduta in prima fila.
Quando prese il secondo disegno, Higginson disse:
-Ora passerò a questo gentiluomo, "very old" molto anziano, vecchissimo.-
Poi chiese alla disegnatrice quale fosse il signore descritto in quel ritratto. Ella si alzò dalla sedia e, indicando verso di me, disse:
-Quella persona seduta in ultima fila -
Rivolgendosi a me, Mr Higginson riprese a parlare:
- Ma tu non sei molto anziano!(avevo 34 anni)
Eppure sul tuo ritratto psichico risulti essere molto vecchio. Poi, mi dirai quanti anni hai ?-
Nel sentire il tono scherzoso del medium, tutti i presenti si misero a ridere. Higginson disse ancora:
-Vedo che hai la conoscenza spirituale. Vedo che conosci la verità e nessuno ti farà cambiare idea.
Hai lo scettro del comando... probabilmente sei un vecchissimo spirito.-

Vi fu un momento di pausa per studiare meglio il mio ritratto psichico e poi riprese a dire:
-Volevi prendere ministero e farti monaco ?-
Risposi di non aver mai avuto una simile idea, ma avrei tenuto presente quello che mi stava dicendo.
-Vedo che avrai una vita abbastanza agiata ma non eccessivamente. Vedo che hai due donne, è vero? -
Risposi dicendo di non saperlo. Con tono scherzoso, Higginson aggiunse:
- Come sarebbe non lo sai? E chi altri può saperlo meglio di te stesso? Ad ogni modo, nella vita avrai due donne molto importanti. Vedo che hai un compito spirituale, una specie di missione.-
Mr Higginson passò alla descrizione degli altri due ritratti psichici. Quando tutti uscimmo dalla sala, Gordon Higginson mi venne vicino e mi fece vedere il mio ritratto psichico.
Avrei potuto tenerlo, ma lo lasciai nelle mani di Mr Higginson che gradì di portarlo con sé per studiarlo meglio.
Per un po' di tempo non andai più alla S.A.GB., dovevo proseguire nel mio lavoro. Ogni tanto frequentavo i diversi Centri Spiritualisti nella zona Londinese di Bayswater.
Erano tutti collegati fra di loro e, naturalmente, avevano diversi medium chiaroveggenti che si esibivano dopo le funzioni religiose.
Quasi sempre si manifestavano spiriti di individui defunti che dovevano dare un messaggio ai loro cari, per salutarli, rassicurarli o toglierli dal loro angosciante dolore per la perdita del proprio caro trapassato.
I giorni trascorrevano senza che me ne accorgessi.........

Nota: questa è una parte del libro"non c'è amore sprecato" riguardante il medium Gordon Higginson



Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per vederla ingrandita

walter torquati
FENOMENI PARANORMALI
Forze Occulte, Possessioni e Fantasmi della Mente
160 pagine - 53 illustrazioni a colori - Prezzo € 16,00

Per ordinare il libro in forma cartacea clicca qui:
Per ordinare il libro in forma cartacea clicca qui

GRATIS
il libro nei formati DOC e PDF
 Clicca qui per scaricare GRATIS il libro in formato DOC ...  Clicca qui per scaricare GRATIS il libro in formato PDF
clicca per scaricare il formato preferito

___________________________________________________________


IL SOLE


Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla


Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla

Il Sole vive e risplende della propria Luce.
Non ha bisogno di Luce poichè è già Luce.
E la Luce è Amore.
E il tuo Amore è l'enorme calore atomico del tuo affetto.


Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla


I miracoli del Sole
A seguito delle tante cronache sulle guarigioni miracolose, mi sembra doveroso tornare a “Domenica In” dell'11 Aprile 2010, nella trasmissione "l'Arena di Giletti". Dopo il video dove si vedeva un'immagine luminosa di una figura femminile durante l'adorazione con la veggente Marija di Medjugorje, il conduttore Giletti proponeva la testimonianza di una guarigione miracolosa avvenuta a Medjugorje quando il Sole si mise a roteare. Il Sole trasmette amore incondizionato e tutti lo percepiamo attraverso la sua luce e il suo calore. Pochi si rendono conto di cosa rappresenta il Sole. Provate a guardarlo per un attimo ed a trasmettere al Sole il vostro amore... e non meravigliatevi di provare nuove sensazioni. Siamo tutti amati da Dio ed il Sole è un Suo strumento per creare la vita su questo pianeta. E' il Logos cristico. Guardatevi il filmato e meditate... Per arrivare a fare le guarigioni che fa il Sole, occorre essere dei giganti spirituali. Solo chi possiede la Luce dell'Amore è in grado di agire con questo potere diventando un canale di connessione con la Luce spirituale. Allora non sarà più il profeta che va alla montagna, ma sarà la montagna a scendere vicino al profeta.



La termodinamica dell'Amore
Che cosa è l'Amore? L'Amore è l'enorme calore atomico del tuo affetto.
Quando due persone si abbracciano chi ha di più trasmette all'altro che ha di meno. Sia con l'Amore, con la Luce, con l'energia vitale. Quindi, dovrebbe funzionare anche con quella della riconnessione, se così è giusto chiamarla, ma meglio sarebbe definirla energia magnetica. Siamo tutti connessi a Dio da sempre e non è il caso di fare alcuna riconnessione. Se c'è disconnessione da Dio, vuol dire che non si esiste. In Amore chi ha di più da dare è l'amante (colui che ama) e chi lo riceve è l'amato. Quindi chi ama trasmette Amore e chi si innamora riceve Amore. Supponiamo che, se uno ha 100 e l'altro 20, quello che ha 100 cede all'altro 40, così entrambi hanno 60, che moltiplicato per 2 fa 120 che sarebbe la somma delle due energie iniziali. E' come nella termodinamica. Se poniamo un corpo caldo a contatto con uno più freddo, poco dopo entrambi i corpi avranno la stessa temperatura, intermedia rispetto alle rispettive temperature iniziali. In questo caso a diffondersi non sono gli atomi che costituiscono i corpi, ma l’energia ad essi associata. In effetti la temperatura è una misura dell’energia cinetica connessa al moto di agitazione termica degli atomi che oscillano attorno al proprio punto di equilibrio. Maggiore è la temperatura, più veloci – e dunque più energetiche – sono le oscillazioni atomiche. Quando il corpo più freddo viene messo a contatto con quello più caldo, gli atomi di quest’ultimo "tamburellano" con maggiore vigore contro la superficie del corpo freddo. Gli atomi caldi comunicano parte del loro moto e della loro energia a quelli freddi che aumentano così la propria temperatura. L'esempio citato rispetta il primo principio della termodinamica che stabilisce la conservazione dell’energia. Il corpo freddo aumenta la propria energia termica a spese di quella del corpo caldo in maniera che l’energia del sistema nel suo complesso rimane la stessa. Il Sole trasmette amore incondizionato e tutti lo percepiamo attraverso il suo calore. Pochi si rendono conto di cosa rappresenta il Sole. Provate a guardarlo per un attimo ed a trasmettere al Sole il vostro Amore... e non meravigliatevi di provare nuove sensazioni. Siamo tutti amati da Dio ed il Sole è un Suo strumento per creare la vita su questo pianeta.

___________________________________________________________

Una Sfera di Fuoco nel Cielo

Nel 1973, verso la fine di Settembre, mentre ero intento a scrivere il mio terzo libro, accadde qualcosa che fece cambiare la mia esistenza terrena. Erano le 23,30 circa e stavo scrivendo, quando ad un tratto mi sembrò di dover morire. Una morsa gigantesca attanagliò il mio petto lasciandomi senza respiro. Mentre cadevo a terra per l'immenso dolore, la mia mente rivolse un pensiero allo Spirito Supremo: - Non ancora Signore - dissi – Non ho ancora fatto quello che devo fare. - Fui ricoverato in ospedale con le gambe che tremavano e la mia mente che non era più in grado di controllarle. Mi fecero una iniezione di sedativo per calmare il mio sistema nervoso. Dopo 10 minuti mi tranquillizzai fisicamente, ma i miei pensieri andavano verso Dio per chiedere cosa mi stava accadendo e perché avevo detto “Non ho ancora fatto quello che devo fare”. Ma che cosa dovevo fare? Sulla destra della stanza dove fui portato vi era una finestra che dava verso Est, in direzione del mare Adriatico. Dal mio letto potevo vedere i1 cielo meravigliosamente stellato, in quella notte di Settembre che non dimenticherò mai. Mia madre era seduta al mio fianco sinistro del letto ed anche lei poteva vedere il cielo. Mio padre, pensieroso, si avvicino alla finestra dove rimase per alcuni minuti scrutando il cielo. Di colpo si voltò verso noi due e disse : - Guardate cose c'è in cielo ! - Alzammo gli occhi e vedemmo una enorme sfera di fuoco scendere obliqua da Nord verso Sud. Pensai subito che fosse una meteora candente. Questa sfera infuocata era grande come appare la Luna ai nostri occhi e lasciava una scia di fiamme. All'improvviso si fermò in cielo a circa 200 metri da noi, roteando su sé stessa e diventando di color azzurro. Sembrava una sfera di cristallo azzurra circondata da un alone di Luce. Poi si mise in movimento orizzontale, da Ovest verso Est, ad una velocità sostenuta e scomparve all'orizzonte in direzione della Jugoslavia. A quel punto pensai che tutti noi avevamo avuto un contatto UFO. II giorno seguente mio padre mi confidò che, avvicinandosi alla finestra e guardando il cielo, aveva chiesto a Dio di aiutarmi; quella presenza nel cielo era stata la risposta alla sua preghiera? E' probabile che quella sfera di Luce provenisse dai piani spirituali per il mio risveglio…





In cielo apparve una sfera di fuoco come se fosse un meteorite che scendeva da Nord verso Sud.
La sfera infuocata era simile a questa riportata nel filmato. All'improvviso si fermò in cielo roteando
su sé stessa e diventando di color azzurro come cristallo trasparente. Poi si mise in movimento
da Ovest verso Est ad una velocità sostenuta e scomparve in direzione della Jugoslavia.

_______________________________________________________________________

ALCUNI SPIRITI GUIDA CHE AGISCONO AL MIO FIANCO

Clicca la foto per ingrandire l'immagine

Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla

Monaco tibetano

E' un'entità molto combattiva pronta a
sconfiggere l'egoismo per far emergere
la Luce dell'Amore.

________________________

Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla

Monaca cristiana

Mi aiuta con la sua gentilezza femminile quando occorre agire con delicatezza.

________________________

Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla

Giosué

Il suo nome ebraico è Yhshvh e rappresenta la Luce. Interviene col suo colore azzurro per ridonare la pace e la serenità.

________________________

Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla

Americano indiano

E' stato un saggio capo tribù e possiede la conoscenza della medicina omeopatica.

________________________

________________________

Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla

Giornalista inglese

E' stato molto amico dello scrittore Sir Arthur Conan Doyle,
il creatore di Sherlock Holmes.
Egli mi aiuta quando devo scrivere.

_______________________________________

Clicca l'immagine per vederla ingrandita . . . . . Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca le immagini per vederle ingrandite

Nonna Materna

Immagine disegnata da Coral Polge nel 1989 che raffigura mia nonna come vuole apparire in spirito
Per la somiglianza disse di andare a vedere una vecchia foto che riporto qui accanto

__________________________________________________________

I disegni visti sono stati realizzati a Londra dalla sensitiva Coral Polge presso la S.A.GB. "The Spiritualist Association of Great Britain". Alcuni di essi raffigurano quelle Guide Spirituali che intervengono al mio fianco per portare aiuto a coloro che soffrono. In molti casi, si sono verificati fenomeni di visualizzazione di queste entità da parte di alcune persone che avevo toccato con la mano.

Vedere le foto dell'Arte Psichica di Coral Polge


Coral Polge
Clicca la foto per vedere il reportage su Coral Polge



Clicca la foto di GIOIA per vedere il reportage
di Manuela Pompas riguardo alla sensitiva Coral Polge



Coral Polge parla
della coscienza spirituale

Clicca per ascoltare l'audio di Coral Polge Audio di Coral Polge - coralshorwebt.mp3


Clicca l'immagine per vederla ingrandita . . . . . Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca le immagini per vederle ingrandite

Maurice-Quentin de La Tour (1704 -1788)

Due autoritratti a pastello eseguiti dallo stesso Maurice de La Tour nel 1760 e nel 1764.
Coral Polge era guidata artisticamente dallo spirito di Maurice de La Tour nell'eseguire
i disegni delle entità che la sensitiva riusciva a vedere a fianco alle persone che la consultavano.
Vedere Maurice de La Tour


Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Isabelle de Charrière scrittrice olandese (1740-1805)
Ritratto a pastello su carta eseguito da Maurice-Quentin de La Tour nel 1766.

________________________

Clicca l'immagine per vederla ingrandita . . . Clicca l'immagine per vederla ingrandita . . . Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca le immagini per vederle ingrandite
La Dama in Rosa - Museum of Fine Arts, Boston.
La Marchesa di Pompadour - Museo del Louvre, Parigi.
Henry Dawkins MP inglese - National Gallery, Londra.

La Dama in Rosa, ritratto a pastello su carta eseguito da Maurice-Quentin de La Tour nel 1755.
La Marchesa di Pompadour, ritratto a pastello su carta eseguito da Maurice-Quentin de La Tour nel 1748.
Henry Dawkins MP inglese, ritratto a pastello su carta eseguito da Maurice-Quentin de La Tour nel 1750.
Si nota l'alta qualità dei dettagli che l'artista francese riusciva a fare con l'uso dei semplici pastelli.
Lo stile di Maurice de La Tour si ritrova facilmente nei disegni eseguiti da Coral Polge.

Scarica l'audio sulla Filosofia di Coral Polge
Clicca per ascoltare l'audio di Coral Polge Audio Coral Polge - 1.9 MB WAV audio file)

Guarda il filmato sull'Arte Psichica di Coral Polge


Guarda la dimostrazione di Coral Polge sui Ritratti Psichici

Scarica il Filmato sull'Arte Psichica di Coral Polge
Clicca per vedere il video su  Coral Polge Video Arte Psichica di Coral Polge - 47,1 MB WMV file)

Scarica il Filmato sulla Filosofia Spirituale di Coral Polge
Clicca per vedere il video su  Coral Polge Video Filosofia Spirituale di Coral Polge - 65,8 MB WMV file)

Visita il sito su Coral Polge

______________________________________________________

SAGB

Clicca l'immagine per entrare nel sito S.A.GB
Clicca la foto per entrare alla S.A.G.B

The Spiritualist Association of Great Britain
11 Belgrave Road - London SW1V 1RB - GB
Phone +44 (0)20 7931 6488 - Fax +44 (0)20 7931 6489

Vedere il sito della SAGB



Tessera di Socio a Vita della SAGB
Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla

_______________________________________

Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla

Ritratto Psichico dell'Aura

Immagine disegnata da Dorice Hannan esperta in Auragrafia presso la S.A.GB
Per il significato del disegno leggere qui

______________________________________________________

Clicca l'immagine per vederla ingrandita . . . . . Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca le immagini per vederle ingrandite

Cecila e Annamaria

Immagini disegnate da una artista sensitiva inglese
Cecilia è uno Spirito Guida per i bambini ed è legato a me da una passata incarnazione
Annamaria una ragazza suicida che è stata aiutata a ritrovare il tunnel verso la Luce

________________________

Veronica e le telefonate di uno spirito

Conobbi Veronica un pomeriggio d'estate. Entrò nel negozio di antichità col suo bambino e si mise a curiosare tra gli oggetti antichi. Come se fosse stato tutto programmato dall'Alto, mi disse:
- Non hai paura di vendere oggetti che sono appartenuti a persone defunte?
- No! Non c'è nulla da temere quando certe cose vengono fatte con amore. - le risposi.
Iniziammo così un bel dialogo sulle scienze occulte. Veronica mi disse che era nata in Argentina da famiglia italiana ed ora si era trasferita a vivere qui in Italia col marito Gino. Dopo aver detto che ero stato per molti anni a Londra mi rivelò di sentirsi molto attratta dalla Gran Bretagna pur non essendoci mai stata. Mi accorsi che stava soffrendo per qualcosa, così le presi la mano e Veronica sentì un' intenso calore pervaderla. Rimase alquanto scossa per ciò che aveva provato ma diventò molto più serena. Ogni pomeriggio durante la passeggiata con suo figlio passava a trovarmi e mi esponeva il suo desiderio di approfondire maggiormente la conoscenza spirituale. Un giorno dopo la sua solita visita nel negozio, ritornò da me in compagnia del marito per raccontarmi qualcosa di particolare che era accaduto. Veronica aveva detto a Gino di avere conosciuto una persona che si interessava di fenomeni paranormali, ma non le aveva rivelato il mio nome. Gino si mostrava sempre indifferente a certe situazioni e, invece di uscire con sua moglie e suo figlio, preferiva farsi un sonnellino sulla poltrona. Dopo la solita visita al mio negozio, Veronica tornò a casa e trovò Gino che le disse:
- Ho fatto un sogno! Ho visto via Alessandro Volta tutta dipinta di bianco, ad eccezione di un negozio. E' venuto un uomo e mi ha detto: "Questo è il negozio dove tua moglie si reca mentre tu dormi."
Il marito disse che quella figura vestita di nero gli aveva detto anche dove abitavo e il numero di telefono. Pensai che si trattasse di un' entità che voleva far ingelosire il marito, così spiegai ogni cosa a Gino. Diventammo subito amici e mi riferì che in Sud America sua madre era una medium e che lui stesso aveva spesso sogni premonitori. Dissi a Gino che volevo indagare di più su quello che era accaduto ed il perché Veronica si sentiva fortemente attratta dalla Gran Bretagna, oltre ad accusare molta debolezza sempre alle ore 23,00 di tutti i giorni. Decidemmo di incontrarci la sera stessa nel negozio per effettuare un esperimento. Veronica e Gino arrivarono alle 22.50 e si sedettero. Mi accostai a Veronica e le chiesi di chiudere gli occhi, le puntai due dita sulla fronte dicendole di visualizzare la Gran Bretagna. All'improvviso squillò il telefono, andai a rispondere ma l'apparecchio dava il suono di libero. Misi la cornetta a posto e tornai su Veronica. Il telefono suonò ancora. Quando andai a prenderlo dava il segnale di occupato. Ritornai a mettere le dita sulla fionte della signora e ricominciarono gli squilli. Alzai il telefono ed una voce di uomo mi parlò in inglese:
- Questa è la voce dello spirito -
Pensai che un mio amico mi stesse facendo uno scherzo di cattivo gusto, così riagganciai il telefono senza rispondere. Proseguii ad agire su Veronica ma il telefono riprese a squillare con insistenza. Andai a rispondere, pensando si trattasse del solito scherzo. La stessa voce mi parlò ancora dicendomi:
- Sono lo spirito! Lascia andar via la ragazza. Hai cinque minuti di tempo per farlo. -
Questa volta la linea non si interruppe. Rimasi in silenzio con la cornetta telefonica all'orecchio, poi riagganciai. Gino e Veronica non immaginavano cosa stava succedendo. Di colpo accusai un intenso brivido di freddo seguito da un forte calore che mi stava avvolgendo. Ebbi un po' di timore e dissi agli altri di aver ricevuto una telefonata da uno che diceva di essere uno spirito e che voleva lasciassi andar via Veronica. Il telefono squillò ancora e questa volta la voce tornò a parlare con tonalità violenta, cercando di intimorirmi.
- Hai sentito cosa ti ho detto? Sono uno spirito! Lascia andare la ragazza, hai ancora pochi minuti di tempo. Dopo di che vedrai cosa ti combino!
Mi venne subito in mente che poteva far volare in aria tutta la merce antica e romperla. In quel momento giunse la voce rasserenante di una delle mie Guide:
- Non temere! Anche tu sei uno spirito. Prova ad usare la tua forza e mostragli quello che sei. -
Le parole dette dal Maestro mi fecero riflettere. Non mi ricordavo di essere anch'io uno spirito incarnato in un corpo fisico. A volte uno non ci pensa e si considera semplicemente una persona. Allora capii che dovevo muovermi ed agire attraverso il mio spirito, adoperando il pensiero. Rimasi in comunicazione telefonica con quella entità restando in silenzio e, concentrandomi col pensiero, cercai di creare una barriera. La voce dello spirito continuò a parlarmi:
- You are too big for me! Sei troppo grande per me, lasciami parlare con la ragazza. -
Sentivo che la mia forza gli era di ostacolo e così cercai di dialogare con lui per saperne di più.
- Non ti faccio parlare con la ragazza se prima non parli con me. Come ti chiami? - gli chiesi.
- Il mio nome è Alfred! Ora lasciami parlare con la ragazza. -
Parlò con Veronica e le disse di andarsene subito via e di tornare a casa. Ripresi in mano il telefono ma si interruppe la comunicazione come se Alfred sapesse, dalla mia energia, che stavo per intervenire. Richiamò ancora e mi disse:
- Hai ancora tre minuti di tempo, dopo di che vedrai cosa ti succede!-
Non riusciva più a spaventarmi. Intervenne nuovamente il Maestro che mi sussurrò all'orecchio:
- Fai sentire la tua forza, usa la Spada! -
Chiusi gli occhi e mi concentrai sulla figura di Alfred. proiettandomi con la Spada fiammeggiante in pugno. Quando ebbi la sua visione stavo per far partire un colpo che gli avrebbe mozzato la testa, ma il Maestro me lo impedì dicendomi:
- Non quella spada! Usa l'Amore! -
Rimasi bloccato dalle parole della mia Guida ed improvvisamente sentii come un forte calore riempire il mio plesso solare e provare un intenso Amore per Alfred. Quasi mi vergognavo di dirglielo, ma poi presi coraggio e gli parlai:
- Senti cosa provo per te? Qui noi tutti ti amiamo! -
- Grazie! Grazie! Ci sentiremo domani sera alla stessa ora. - rispose in inglese e andò via.
Il giorno seguente chiesi informazioni su Alfred ad una mia amica veggente. Ecco il messaggio ricevuto:
" Lo spirito Solare ti fa sapere che nella vita terrena di tutti c'è sempre qualcuno molto importante e che lui non può dimenticare tanto facilmente poiché si è comportato molto male in una sua vita passata. Sta espiando per quello che ha fatto con la sua assurda gelosia, rinchiudendo la donna che amava dentro il suo castello senza mai farle vedere la luce del Sole, per paura che altri potessero averla. Ora lui come vede la Luce (quale effetto karmico) si sente male ed emana dei lunghi sospiri. Lui sa la pena che dovrà affrontare e già si sta preparando. Alfred può essere aiutato attraverso la Luce che le persone buone emanano, ma quella trasmessa da te è troppo forte per il suo spirito che non è abituato alla visione della Luce astrale. Ci vuole pazienza. Inizialmente Alfred non comprenderà tutto, ma la Luce da te emanata, anche se lo acceca, gli infonderà piano piano tanto Amore e Alfred ti sarà eternamente grato. Veronica era la sua donna segregata e martorizzata dalla sua assurda gelosia. Verrà anche senza Veronica, se tu gli farai capire che l'Amore è grande e che Veronica lo perdona del male che lui le ha fatto. Millenni sono passati e millenni passeranno, ma i piani divini (il karma) non muteranno. Alfred ha molte bende da togliere per far emergere la sua Luce e solo l'Amore può aiutarlo. Solo la Luce è l'arma che dovrai usare, poiché è l'unica che lui teme."
Verso le 23,00 ero in negozio con Veronica e Gino. Mi ero organizzato collegando al telefono un registratore, Arrivò la telefonata di Alfred e Veronica andò a rispondere:
- Hallo, sono Veronica, come va? - disse la ragazza in inglese.
- Bene, molto bene - rispose Alfred.
- Ti amo! - disse Veronica

Breve audio di Veronica con Alfred
Clicca per ascoltare l'audio di Alfred Audio Veronica con Alfred - Alfred1. mp3 (990 Kb)

Alfred sospirò e si mise a fischiettare. Presi in mano il telefono e gli parlai:
- Tu già mi conosci. Cerca di tenere bene la linea. Ho ricevuto l'ordine dalla Luce di aiutarti. Non puoi restare attaccato alle cose materiali, comprendi? - dissi ad Alfred.
- Si - rispose.
- Hai una missione da portare a termine. Devi aiutare qualcuno... tu sai bene chi. - gli dissi .
- Perché? - rispose.
- Devi aiutare qualcuno. - dissi ad Alfred.
- Che cosa vuoi? - mi disse.
- Cosa puoi fare per me? - chiesi ad Alfred.
A questo punto si interruppe la comunicazione, poi mi richiamò al telefono e continuai a parlargli:
- La Luce mi ha detto che appartenevi ad una famiglia scozzese, è vero? -
- Solo il mio nome - rispose.
- Non puoi rimanere legato a quel vecchio castello! - dissi.
- Si , comprendo. - rispose.
- Devi risalire più in alto verso la Luce! Capisci quello che voglio dire? Tu già mi conosci, prova a guardare il mio spirito! - gli dissi.
Alfred rimase in silenzio per alcuni secondi, come se fosse venuto a scrutare bene la mia entità, poi emise un gemito di spavento e la comunicazione si interruppe. Quando ritornò, mi disse:
- Dimmi solo il nome, solo il nome. -

Breve audio telefonata con Alfred
Clicca per ascoltare l'audio di Alfred Audio con Alfred - Alfred2. mp3 (1,72 Mb)

Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla

Alfred

Immagine disegnata da una sensitiva inglese
Alfred uno Spirito sofferente che in vita era stato un nobile scozzese
Ha avuto la forza di infiltrarsi nella linea telefonica ed ho registrato le sue chiamate

Cadde nuovamente la linea e terminò il collegamento telefonico. Per tre giorni Alfred non si fece più sentire. Mi recai ad una trasmissione televisiva per parlare di cose spirituali e conobbi una signora sensitiva. Quando la signora tornò a casa. mi telefonò per raccontarmi che davanti alla sua auto aveva visto svolazzare, per tutto il viaggio, una grossa figura con la barba rossa. La signora ebbe un'apparizione di Alfred e rimase molto spaventata. Andai in seduta da questa signora. Alfred non aveva rispettato un appuntamento telefonico ed io ero un po' infastidito per questo motivo. Mi comunicò di aver avuto alcune difficoltà ad usare il telefono. Disse che intorno a lui vi erano come dei demoni che gli facevano da barriera. Gli risposi subito che il diavolo non esisteva e che quelli che vedeva erano solo forze basse, forme pensiero create da lui stesso durante la sua ultima incarnazione. Doveva annientarli usando la Luce e l'Amore! Gli promisi un raggio di Luce che avrebbe dovuto usare come arma per bucare quei palloni gonfiati. L'unico mio problema era quello di sgretolare le barriere egoistiche che egli stesso aveva costruito. Interpellai ancora la mia amica veggente per sapere quello che dovevo fare con Alfred.
"Alfred è assetato di Luce e si aggrappa a tutti pur di salire. Bisogna aiutarlo. In cambio Alfred potrà portare un aiuto per la tua missione spirituale e materiale. Dovrai chiedere il suo aiuto in nome della Luce, poiché è solo con questo nome che puoi comandare Alfred e solo a questo nome è obbligato a rispondere: "The light." Solo questo nome dovrà servire... only this name. Devi dargli tanta Luce e tanto Amore. Devi stare attento a non diventare suo debitore."
Il giorno dopo verso le 11 di sera. mi trovavo seduto in negozio e preso da un po' di sconforto mi venne da dire:
- Dio aiutami! -
Appena terminai la frase il telefono squillò. Andai a rispondere pensando che fosse quello spirito. Come d'abitudine, misi in moto il registratore. Non mi sbagliai mi aveva chiamato Alfred:
- Hallo! Hai ricevuto il mio aiuto? - dissi.
- Si - rispose.
- Come va adesso la tua esistenza? - chiesi.
- Meglio! - mi rispose.
Non mi preoccupai di dare risposta a quel famoso "only name", poiché il mio primo desiderio era quello di dare ad Alfred la forza per rompere le barriere di tenebre che lo tenevano ancora legato.
- Nel nome della Luce prendi la mia Luce. - gli dissi.
- Parla italiano - mi disse.
Udii arrivare al telefono tre colpi come di un martello, sembrava che venissero dall'oltre tomba. Subito dopo cadde la comunicazione. Vi erano interferenze di altre entità. Provai un fortissimo mal di testa ed una sensazione di svenimento, ma il mio pensiero rimase fermo come una roccia. Per sollecitare un immediato aiuto ad Alfred, chiesi l'intervento di un mio Spirito Guida. Suonò ancora il telefono ed io ripresi a parlare con Alfred:
- Mi senti? - gli dissi.
- Si - rispose.
- E' venuta una mia Guida a portarti aiuto? - chiesi.
- Si, sto molto meglio adesso. - rispose.
La comunicazione con Alfred terminò in questo modo e non ebbi più occasione di ascoltarlo. In seguito seppi che era riuscito a salire nella Luce e che si stava riposando, godendo di una certa beatitudine prima di rimettersi in contatto con me. Non so quando e come avverrà tutto questo, ma sono sicuro che un giorno lo farà. Per dargli più forza, ogni tanto gli mando un pensiero d'Amore.

________________________

Clicca l'immagine per vederla ingrandita . . . . . Clicca l'immagine per vederla ingrandita . . . . . Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca le immagini per vederle ingrandite

Tre disegni creati da una sensitiva italiana

L'immagine a sinistra è un messaggio che indica di prendere la penna e scrivere
Quella centrale è per non dimenticare la veste da indossare e la spada fiammeggiante
L'immagine a destra incita ad usare lo Scudo di Luce per respingere le negatività

________________________

Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca l'immagine per ingrandirla

Spirito Maestro

Disegno dell'Antico dei Giorni
Questa figura è soltanto un raggio del più Vecchio Spirito
Indossa un saio logoro da monaco e porta con se la Luce Cosmica
Egli rappresenta l'antico dei Giorni, l'Anziano degli Anziani

________________________

Clicca l'immagine per vederla ingrandita . . . . . Clicca l'immagine per vederla ingrandita
Clicca le immagini per vederle ingrandite

Evoluzione Spirituale

L'evoluzione spirituale nell'uomo si manifesta spontaneamente con i suoi sette centri
Quando questi vortici si mettono in moto si produce Luce Spirituale che può essere usata per guarire

________________________

Il Karma


Ascolta l'audio del maestro Kempis

La legge di Causa ed Effetto spiegata da una entità spirituale

Gli aspetti principali della Legge di Causa ed Effetto (detta Karma) si possono riassumere come segue:

1) Ogni attività promossa o indotta, o liberamente avviata, reca con sé un effetto.
2) Tale principio vale per il mondo fisico, per quello delle sensazioni, per quello del pensiero, insomma per ogni mondo e per ogni categoria di fenomeni.
3) L'effetto è della stessa natura della causa ed è strettamente legato ad essa.
4) Si creano cause tanto volontariamente quanto involontariamente perché l'accadere dell'effetto non è subordinato alla consapevole consumazione della causa.
5) L'effetto ricade su chi ha mosso la causa.
6) L'effetto ricade col fine di dare coscienza al soggetto che lo promosse.
7) L'effetto ricade quando il soggetto è pronto a comprendere. Cioè quando il soggetto dall'effetto trova la coscienza che gli mancava.

La catena di cause ed effetti che muovono e promuovono la vita degli individui si incrociano ed hanno continue ricorrenti connessioni. Non può essere diversamente. Se Tutto è UNO deve esistere una stretta dipendenza tra i soggetti. Come prima ho detto, non c'è una sola particella elementare che sia assolutamente isolata. Qualunque cosa ha un rapporto di dipendenza con qualcos'altro. Se esistesse, per assurda ipotesi, qualcosa che fosse assolutamente indipendente, sarebbe fuori della Realtà. Perciò nessuno può essere fuori dalla catena di Cause ed Effetti di dipendenze che lega tutto quanto esiste e se si dice che tutto è Karma, lo si dice perché appunto il Karma è la catena di cause ed effetti che lega il Tutto. Nessuno può sottrarsi al Karma. Certo c'é Karma e Karma. Ma soprattutto c'è la possibilità di compiere quei salti di qualità nella catena di cause ed effetti di cui prima parlavo. Compiere salti di qualità costituisce "la libertà", l'autonomia dell'individuo. Ora, siccome la libertà è la possibilità di agire in modo contrario a quello a cui condurrebbe una catena di cause ed effetti e siccome è la coscienza costituita che dà all'individuo la facoltà di sottrarsi agli impulsi dei suoi veicoli inferiori (egoismo, passioni e via dicendo) e conseguentemente agli stimoli ambientali, e siccome la coscienza si costituisce quanto più si evolve e viceversa, è chiaro che la "libertà" è proporzionale all'evoluzione. Ma badate bene, l'evoluto non è fuori da ogni catena di Cause ed Effetti, perché sarebbe fuori dalla Realtà. Egli compie salti di qualità. Cioè, per la sua coscienza sente il modo che gli consente di non essere trascinato inesorabilmente dalla necessità; che gli permette di vivere in modo sereno ciò che per altri è fonte di angoscia; che NON gli fa creare ombre torturatrici e che NON gli fa muovere cause che portano effetti dolorosi. Tuttavia, questo non significa che l'evoluto non senta, per esempio, la stanchezza quale effetto di una causa da lui promossa. Quella stanchezza la vivrà in modo diverso dall'inevoluto, NON ne sarà condizionato. Saprà come smaltirla brevemente, ma non potrà non avvertirla. Il Karma, o quello che si intende con questa parola, cioè una condizione limitante simile per più persone è vissuta in modo diverso anche se presenta la stessa impostazione. Una cecità, ad esempio, può essere vissuta serenamente o angosciosamente. In modo analogo, fra più persone, fare una stessa cosa può dar luogo a Karma diversi ed è logico che sia così. Infatti il vero bersaglio e la vera fonte del Karma, come ho detto, è la coscienza individuale. Quindi è il sentire, l'intenzione che pilota tutta l'attività dell'individuo ed è quello che deve essere corretto e che quindi è oggetto dell'effetto correttore. Se la natura e il contenuto dell'effetto fossero analoghi solo a quello che è stata la manifestazione esteriore dell'individuo agente, l'effetto non farebbe quasi mai centro. Perché quante azioni nascondono intenzioni opposte a quelle che possono trasparire. Una condotta "altruistica" che nasconda un fine "egoistico" non può recare un effetto eguale a quella condotta che è altruistica per intenzione. Infatti, l'effetto non è un premio o un castigo, è qualcosa che tende a correggere, all'origine, la natura di chi muove le cause, cioè dell'essere e quindi a mutare l'intenzione. Pensate un po', per giungere a ciò di quanti fattori deve tenere conto il Karma. Eppure tutto si attua mirabilmente. Non c'è nessuno che tiene registri di dare ed avere, ma per il principio di causa ed effetto, la concatenazione (in qualche modo intuita dai deterministi) è garanzia che niente cade a vuoto, che tutto si tramanda, che tutto ritorna come immagine riflessa di sé stessi perché si prenda cognizione delle proprie deficienze e si colmino. La concezione della realtà, in cui niente avviene casualmente ed ognuno ha ciò che gli spetta per averselo procurato, toglie ogni frustrazione che deriva dal sentirsi perseguitati, sfortunati, oggetto di ingiustizie. Quanto ognuno patisce, corrisponde ad una misura di giustizia che non lascia margini a privilegi ed errori, dove la sofferenza è solo un momento transitorio in cambio di una perenne acquisizione. La possibilità dell'uomo di sottrarsi ad influenze ed impulsi, allorquando è capace di compiere un salto di qualità, gli conferisce quell'autonomia che lo riscatta dalla rigida tutela a cui sono sottoposti gli esseri con una coscienza elementare. Guardandovi attorno, si può verificare tutto ciò e crederlo senza dover compiere atti di fede, senza forzature, con il solo strumento del raziocinio. A quel punto non si può che riflettere ed esclamare, rivolgendosi a quell'Ente inafferrabile che pure deve esistere e che, se esiste, non può che essere la vera ragione del Tutto:
"Signore, la logica mi fa concludere che il caso non può esistere, e che una catena di cause e di effetti mi indirizza nel mio vivere, pur consentendomi quella libertà che è ignota agli esseri dalla coscienza impotenza. Signore, posso riconoscere il fine immediato della vita naturale, che è quello di perpetuare sè stessa, perciò ragionevolmente posso credere che tutto ciò abbia un fine più ampio, che sfugga alla mia constatazione. Se Tu sei capace di trasformare la materia insensibile nella coscienza del santo, allora Signore, Tu sei Amore! E benchè non abbia la percezione di quanto Tu sei, umilmente Ti ringrazio con tutto l'amore di cui sono capace e che Tu giorno per giorno, istante per istante alimenti, alimentando la mia stessa esistenza. Signore, fa che il Tuo amore riunisca tutti noi tuoi esseri e che non venga mai meno, ma anzi sia sempre in noi, giorno per giorno, istante per istante. Perchè così Ti conosceremo e nulla più ci sarà oscuro".
Pace a voi.
(Kempis - Cerchio Firenze 77) www.cerchiofirenze77.org

Scarica la seduta in 4 brani dove il maestro Kempis offre una lezione esauriente sul Karma
Clicca per scaricare i brani su Karma e LibertàKarma e Libertà- Kempis (Zip 41,6 MB) dal sito Cerchio Firenze 77


Come funziona il karma?

Questo filmato è una breve sintesi per far capire come funziona il karma (la legge di causa ed effetto).
Prima di fare un'azione occorre meditare per bene quello che si vuole fare. Potremmo danneggiare altri e noi stessi.



Clicca per vedere il filmato


NOTA: Se qualcuno pensa che gli attuali insegnamenti provenienti dal mondo spirituale e trasmessi al "Cerchio Firenze 77" (pochi decenni orsono) siano superati da pseudo dottrine del new age o da pratiche di teorismo relativo promulgate da alcuni pensatori del XIX° secolo, venga pure a dire la sua verità portando risultati tangibili su come affrontare e superare un Karma doloroso messo in atto dal proprio "io egoistico" che di riflesso, per una legge di Causa ed Effetto, crea un tremendo contraccolpo in rapporto all'azione scaturita. Ad esempio, un pensiero di rabbia e di odio verso un altro essere umano crea un contraccolpo che, molte volte, si manifesta con uno sconvolgimento psichico e con evidenti casi di possessione.

________________________________________



(la nostra dimora)
sottotitoli in italiano
è un film molto interessante e penso che
possa portare a tante riflessioni



Clicca la foto per vedere il trailer del film in italiano

Scarica il film completo con sottotitoli in italiano


NOSSO LAR

E' la storia di un medico e della sua odissea nel mondo spirituale dopo la sua morte. Basato sul libro omonimo del medium brasiliano Francisco Cândido Xavier, noto come Chico Xavier. La prima edizione inglese del libro è stata pubblicata nel 1944. Il film narra la storia del medico André Luiz che muore improvvisamente e, attraverso il medium Chico Xavier, racconta come è avvenuto il suo passaggio verso l'aldilà, nel quale è incluso il tempo trascorso nel basso livello astrale di purificazione del pensiero chiamato "Umbral". Come dice lo stesso André Luiz, è una sorta di purgatorio per prendere coscienza di ciò che si è fatto, inquanto la sua vita terrena venne vissuta in parte egoisticamente. Ma alla fine il dottor André si mette a pregare per chiedere un aiuto divino. Ad un tratto arrivano i soccorritori astrali per assisterlo e portarlo ad un livello superiore di esistenza spirituale, a "Nosso Lar" (la nostra dimora).

________________________________________


Clicca qui per vedere alcuni casi di possessione
Vedi alcuni casi di fenomeni e possessioni


Fantasmi della mente

In tutti i tempi si è fatto un gran parlare di storie di fantasmi, suscitando irrazionalmente incredulità o paura. Ma i veri fantasmi che si debbono temere non sono quelli che frequentano antichi manieri, plaghe solitarie o salotti di spiritisti. Sono quelli che nascono e dimorano nella mente degli uomini. Sono quelli che torturano i mistici; che tentano i casti; che, alimentati dalla gelosia, ammorbano le unioni più felici. Cavalcando il dubbio disperdono gli slanci della fede; minando la fiducia di sé affossano nella mediocrità l'uomo più dotato. Assalgono con l'incertezza, paralizzano con l'esitazione, partoriscono l'ambiguità e l'ombrosità, fanno regnare l'indeterminatezza e la perplessità. Sanno qual'è il lato debole di ognuno e da lì si insinuano: rodono, corrodono, svaniscono e ritornano. Evocando la paura sono più forti degli uomini forti; fanno di chi si lascia dominare un burattino, lo manovrano a capriccio e, alla fine, lo lasciano senz'anima in un mare di guai. Subdoli e velenosi, portano la palma dei mali consiglieri; sono peggiori dei vampiri perché ti tolgono la felicità, ti distraggono dalla vita concreta con inutili, vuote, formali, assurde convenzioni. Allora, il sogno diventa più importante della realtà. La legge dell'uomo è l'aria fritta dei fatti concreti. Il dolore che i fantasmi della mente possono provocare è di più e più grande della sofferenza fisica. Ebbene, non vi pare sia giunto il momento, anziché subirli, di imparare ad esorcizzarli, scoprendo come nascono e perché vi posseggono? Spetta a voi analizzarli individualmente, non temete, Claudio vi guida con preziose indicazioni. Ascoltatelo! (Kempis - Cerchio Firenze 77) www.cerchiofirenze77.org

Esorcizzare i fantasmi creati dalla mente è una tappa che ogni individuo (maschio o femmina), volente o nolente, deve toccare e che nessuno può conquistare per lui, al posto suo. Perciò, coraggio, decidetevi, e se lo farete queste sono preziose e adatte indicazioni. Se invece non vi sembra essenziale, noi restiamo qui ad attendere che la vita con le sue esperienze vi convinca e qui vi riconduca, certi che non mancherete all'appuntamento.

Dal sito Cerchio Firenze 77 www.cerchiofirenze77.org scarica i brani a voce
"I Fantasmi della Mente" - "Fatture e Possessioni" - " La Ragione del dolore"

Clicca per scaricare il brano sui Fantasmi della menteI Fantasmi della Mente- Kempis (Zip 3,04 MB) dal sito Cerchio Firenze 77

Clicca per scaricare il brano su Fatture e PossessioniFatture e Possessioni- Kempis (Zip 15,4 MB) dal sito Cerchio Firenze 77

Clicca per scaricare il brano su La Ragione del DoloreLa Ragione del Dolore- Kempis (Zip 18,0 MB) dal sito Cerchio Firenze 77

________________________

Quale può essere una diversa visione del dolore?

Con pazienza e con tanto amore vi parliamo di queste verità; cerchiamo di ampliarle gradualmente, in maniera che non restiate turbati e possiate crederle pianamente, per piccoli passi. Perchè esse vi mostrano un aspetto del tutto diverso del mondo nel quale vivete, riescono a farvi toccare con mano, poco a poco, lo scopo per il quale siete legati ad una dimensione così faticosa e affannosa, la dimensione nella quale, talvolta, siete schiantati dal dolore e nella quale cercate di trovare risposte alle cose che vi capitano, agli eventi che vi colpiscono. Forse, se l'uomo non provasse dolore sarebbe portato a cercare e rimanere nelle gioie della vita, mentre il richiamo del dolore lo fa risvegliare, porre su una posizione del tutto diversa da quella che prima aveva, gli fa dimenticare tutto nella ricerca del perchè di quel dolore, lo fa allontanare dalle cose futili, che una volta occupavano tutta la sua vita, non lasciando spazio ad altro che fosse costruttivo e più basato. Dimenticando tutto alla ricerca del perchè del suo dolore, l'uomo si desta, e seppure nel pianto, nella grande amarezza, trova a poco a poco una via che lo conduce ad avere una vita diversa, il tipo di vita per il quale è nato. Allora, non abbiate sempre paura del dolore, non vedetelo come qualcosa di maledetto che distrugge la vostra vita, ma sappiate capire il bene che dietro ad esso si cela, il suo potere di rompere le cristallizzazioni che soffocano il vostro spirito, che vi trattengono nella materia e, rompendo quelle, il potere che esso ha di innalzarvi. Niente veramente è perduto, niente e nessuno. Così, se questo dolore che provate è nato dalla scomparsa di un vostro caro, ricordatevi che lo rivedrete, che lo riabbraccerete e lo amerete più di sempre e con il suo amore avrete ritrovato il vero senso della vostra vita.
C'è nella vita di alcuni un susseguirsi continuo di dolori o di delusioni che li portano piano piano ad una sorta di apatia nella quale passano addirittura anni! In questo caso il dolore, invece di far comprendere, sembrerebbe avere l'effetto opposto.
Accade spesso che quando siamo incarnati e subiamo certe esperienze della vita ci domandiamo: "Ma perchè mi è successo questo? Che cosa significa?", e questo perchè non sappiamo quali sono gli antecedenti, qual è la ragione per la quale viviamo quella esperienza. La vedremo solo al termine della vita, quando, dopo il trapasso, la potremo mettere in relazione con le vite precedenti e quindi, solo allora, comprendere il perchè di certe esperienze, incomprensibili senza una visione globale di ciò che le ha determinate. E' chiaro che il dolore così senza ragione sembra che peggiori l'individuo, rendendolo apatico e chiudendolo in sè nella ricerca di una comprensione di ciò che gli accade, comprensione che non riesce a raggiungere, e in un certo senso è proprio ciò che il dolore deve fare. Ed è anche molto difficile dire quale possa essere la ragione per cui un individuo si trova in questo stato d'animo di annichilimento, di scoraggiamento, di pessimismo, perchè più che di avvenimenti, si tratta di stati d'animo che l'individuo ha avuto in una precedente vita, i quali l'hanno condotto a compiere certe azioni, le quali azioni hanno poi creato certi karma che adesso, nella vita attuale, l'individuo si trova a subire a scopo - ricordate sempre - di comprensione. Per quanto gravoso possa essere il dolore, è sempre un rimedio naturale indispensabile a quell'individuo per fargli comprendere qualcosa che non ha capito e non capirebbe altrimenti. (Kempis - Cerchio Firenze 77) www.cerchiofirenze77.org

________________________

Dialoghi con Dio

Figlio mio, non ostinarti a cercare la felicità dove non l'ho posta.
Essa non è nel possesso dei beni materiali, nell'appagamento dei sensi, nell'esaltazione del tuo io
o nell'accondiscendenza che tu puoi avere nei riguardi dei tuoi simili.
Io solo sono la vera beatitudine.
Il mondo dei fenomeni in cui ti muovi ed agisci non deve essere lo scopo della tua vita,
ma solo un mezzo che ti conduce a Me, perché, io solo sono la tua vera esistenza, la tua vera essenza.
Per quanto tu sia debole, insufficiente e misero, per quanto abbietto tu sia giudicato, o tu sia, ricordati:
io ti amo, perché io solo sono il vero Amore.
Cercami e non sarai deluso, trovami e non conoscerai mai più il dolore.
Pace - (Kempis - Cerchio Firenze 77) - www.cerchiofirenze77.org

________________________

Che cosa è l'immaginazione

Chi resisterebbe alle situazioni più disperate e senza via d'uscita, se non potesse evadere sul filo della fantasia con l'immaginazione? Eccola l'amica dell'uomo, colei che lo riscatta da un'esistenza brutale e lo cinge del serto dei poeti! E' lei che abbellisce la vita, lei che nutre l'arte e crea le civiltà, perché è potere creativo. Che cos'è il genio se non immaginazione controllata dalla ragione? Gli uomini privi di immaginazione non compiono mai nulla di bello perché non sanno andare oltre la pochezza del loro essere. Ma tanta benedizione non poteva essere data all'uomo se non avesse potuto trasformarsi in una droga pericolosa. L'immaginazione è come una lente che ingigantisce la visione di chi vi guarda attraverso; se la si usa abitualmente non si sa più distinguere la realtà concreta dalla fantasia. E chi l'adopera senza controllo, è come se cavalcasse un indomito cavallo senza redini e speroni. Tutto ciò che essa immagina lo crea e ciò che è creato esiste anche se solo nella mente. In questo modo rende credibile ciò che non lo è e per questo molte delle cosiddette tragedie della gelosia in effetti non sono che tragedie dell'immaginazione. Se con essa guardate i vostri simili, potete farne dei Santi o degli Assassini e quando l'associate al richiamo sessuale che qualcuno esercita su di voi, cadete perdutamente innamorati.

(Leggere tutto il testo cliccando il link del Cerchio Firenze 77 qui sotto)

L'immaginazione - Kempis - dal sito Cerchio Firenze 77

__________________________

L'isterico è colui che con la mente crea un castello.
Il pazzo è quello che ci abita.
Lo psichiatra è colui che riscuote l'affitto.

__________________________

Sull'argomento riguardante "Fantasmi della mente e Dolore" leggere qui:

Fantasmi della mente - Kempis - dal sito Cerchio Firenze 77

La ragione del dolore - Kempis - dal sito Cerchio Firenze 77


______________________________________________________

Milarepa

Milarepa fu mago e lama buddhista, vissuto nel Tibet poco dopo l'anno 1000.
Un uomo dotato di un estremo vigore fisico e di una volontà eccezionalmente tenace.
La sua storia dimostra come il dominio sul corpo sia la condizione indispensabile per il controllo della mente.


clicca la foto per ingrandirla

Ciò che appare come demone, che è chiamato demone,
che è riconosciuto come demone, esiste dentro lo stesso
essere umano e scompare con lui.
(Milarepa)

Milarepa nacque nell'agosto del 1051 nel villaggio tibetano di Kyagnatsa nella provincia di Gung-thang (al confine con il Nepal) e trascorse una infanzia felice. Quando ebbe 7 anni, poco dopo la nascita della sorella Peta, suo padre si ammalò gravemente e prima di morire lasciò i suoi beni di contadino in usufrutto ai parenti, finché il ragazzo non avesse raggiunto la maggiore età. Benché avessero giurato di rispettare la volontà del morto, immediatamente gli zii ridussero Mila, con sua madre e sua sorella, alla condizione di schiavi e godettero dei beni acquisiti per circa 10 anni. Quando poi giunse il tempo di tenere fede al giuramento, negarono la validità del testamento e si rifiutarono di applicarlo. Non avendo alcun mezzo per difendersi la madre di Mila, Karmo-kyen, vendette l'anello di turchese del matrimonio e mandò il giovane ad imparare la magia nera per potersi vendicare: "Io desidero che tu, dopo aver imparato a fondo la magia, distrugga per primi tuo zio e tua zia, poi la gente del paese e i vicini che ci hanno fatto del male." Nel suo lungo pellegrinaggio alla ricerca di un mago qualificato, Mila incontrò ogni genere di truffatori e ciarlatani, che gli portarono via tutti i suoi miseri averi. Alla fine raggiunse il lama Yontan Gyathso, al quale raccontò la sua triste storia ed offrì in dono il suo corpo. Il lama impietosito insegnò al giovane il modo di creare i terremoti e così egli ne inviò uno terribile nel suo paese, facendo 35 morti. Ma un eremita viandante alcuni giorni dopo riferì che i parenti rimasti in vita minacciavano inferociti di uccidere la madre e la sorella di Mila. Allora il lama insegnò a Mila la magia della grandine, che fu subito lanciata e distrusse tutti i raccolti senza provocare altre vittime. A questo punto i parenti si arresero al potere magico di Mila. "Precipitando in una sola massa, la grandine si abbatté sul raccolto e su tutta la vallata, fino all'altezza di tre strati di muro. Tutta la montagna si trasformò in torrenti e la gente del paese, non vedendo più messe, singhiozzava." Pentito ed addolorato per il male fatto, Mila decise di partire alla ricerca di un maestro che lo liberasse dalla colpa insegnandogli il buddismo. Dopo un lungo viaggio incontrò in una valle un monaco che arava, gli chiese dove fosse il famoso lama Marpa e il monaco rispose: "Vado ad avvisare il lama, continua tu ad arare e quando hai finito vieni dentro la casa che vedi sulla collina." Entrando in casa Mila trovò colui che credeva un semplice monaco che invece istruiva i discepoli seduto su un alto cuscino: prostrandosi ai sui piedi, egli gli raccontò i propri delitti e chiese di poter ricevere l'insegnamento. Marpa rispose che lo avrebbe accontentato in cambio della costruzione di una torre tonda in onore di suo figlio sulla cima orientale del monte, dato che non aveva beni materiali da offrire. Ma quando un mese dopo la torre fu pronta, il lama gli disse di smontarla e costruirne un'altra a forma di mezzaluna sulla cima occidentale. La stessa cosa si ripeté per una torre triangolare sulla cima settentrionale ed una quadrata su quella meridionale. Allora Mila disse a Marpa: "Ti ho fatto omaggio delle torri costruite per tuo figlio senza neppure un compagno che portasse una sola pietra grossa come una testa di capra, un solo cesto di terra, un solo secchio d'acqua, un solo mastello di calcina. Hai promesso di darmi la dottrina e per questo sono qui." E Marpa rispose: "Grande mago (tu-chen) hai fatto una torretta grande appena come un braccio che non vale certo la dottrina che con difficoltà ho portato dall'India. Se hai il prezzo dell'insegnamento, portalo, oppure vattene." "Così detto il lama mi prese a schiaffi e, tirandomi per i capelli, mi buttò fuori. Avrei voluto morire e piansi tutta la notte." La mattina successiva il lama chiese di costruire una torre di dieci piani come santuario in cambio dell'insegnamento e Mila si mise di nuovo tenacemente al lavoro. Dopo qualche mese si presentò da Marpa con la schiena coperta di piaghe e di pus, ma il lama fece a pezzi la sua veste e gli ordinò di usarla come lo straccio che si applica alle ferite dei somari e continuare il lavoro. Mila tentò di farlo, ma cadde malato e decise di arrendersi fuggendo per tornare al suo paese. Nel viaggio verso casa Mila incontrò il maestro Gnogpa dal quale ricevette l'iniziazione al buddismo e l'ordine di ritirarsi a meditare in una grotta. Quando poi Gnogpa venne invitato alla festa per la maggiore età del figlio di Marpa, Mila chiese di poterlo accompagnare come servitore. In quell'occasione Mila fu accettato come discepolo da Marpa, nominato monaco minore (ge-nyen) e inviato a meditare per un anno in una grotta. Al termine del periodo prescritto, Marpa convocò i suoi principali discepoli e trasmise a ciascuno di essi uno degli insegnamenti ricevuti dal suo maestro Naropa: il corpo illusorio (sgyu-lus), la luce radiante (hod-gsal), lo stadio intermedio (bar-do), il controllo del sogno (rmi-lam) e il trasferimento della coscienza (pho-wa). A Mila venne trasmesso il potere del calore miracoloso (gtum-mo), che consente di non usare vesti di lana e così da quel giorno egli prese il soprannome di re-pa (vestito di tela).
"In una notte gelida d'inverno, coloro i quali si ritengono capaci di superare con successo la prova, sono condotti sulla sponda di un fiume o di un lago; se tutti i corsi d'acqua della regione sono gelati viene praticato un foro nel ghiaccio. Viene scelta una notte di luna con forte vento, cosa non rara in Tibet nei mesi invernali. I neofiti siedono nudi sulla terra e dei teli vengono immersi nell'acqua ghiacciata: ogni uomo si avvolge in uno di essi e deve farlo asciugare sul proprio corpo. Non appena il telo è asciutto viene di nuovo immerso nell'acqua e la cerimonia va avanti fino allo spuntare del giorno. Alcuni teli sono piccoli come asciugamani per il viso ed altri sono grandi come scialli. La regola prevede che si debbano asciugare almeno tre teli per essere autorizzati a portare le insegne di esperto nel calore miracoloso" (da Alexandra David-Néel, Mistici e maghi del Tibet).
Quando l'addestramento di Milarepa fu completato, egli ricevette dal suo maestro Marpa queste istruzioni: "Parti da qui, recati a rendere omaggio al lama Gnogpa e riparti immediatamente per raggiungere il deserto. Non fermarti nel tuo paese, vai a vagare nei deserti di orrori e di nevi, e sprofondati nella contemplazione." Mendicando i cereali dai coltivatori della pianura ed i condimenti dai pastori delle montagne, Milarepa si mise alla ricerca di una caverna adatta per la meditazione. Giunse infine alla grotta della Roccia Bianca (Drag-kar Ta-so) e vi si chiuse per tre anni, determinato a proseguire fino al raggiungimento della liberazione della mente. "Crescevano molte ortiche e c'era dell'acqua eccellente: le ortiche mi fornivano un tessuto per il riparo esterno del corpo ed una farina senza sapore per il nutrimento interno. Così il mio corpo diventò simile ad uno scheletro, la pelle prese il colore dell'ortica e la consistenza della cera ed anche i peli divennero ispidi, verdi. Tutte le mie ossa sporgevano e le mie membra stavano per staccarsi." A questo punto la sorella di Milarepa, Peta, nella festa annuale del paese venne a sapere che suo fratello era vivo e decise di mettersi in viaggio per raggiungerlo. Dopo un mese lo raggiunse portando farina, burro e vino. "Accettai le offerte di Peta e mangiai e bevvi, così che immediatamente la mia intelligenza finalmente si rischiarò." La storia di Milarepa fu scritta nel dodicesimo secolo dal suo discepolo Rechungpa, nel Tibet è molto conosciuta e ne esistono parecchie edizioni. Tutte si chiudono con la scena di Milarepa ormai vecchio ed in punto di morte, che riunisce i suoi discepoli e rivolge loro queste parole: "Prestate dunque fede ed attenzione alla legge del karma che regola le cause e gli effetti: ricordatevi l'ignoranza dell'ora della nostra morte e i castighi della vita mondana. Coloro che sono pieni di desideri mondani non possono niente per la causa altrui e non giovano neppure a se stessi. Giacché lo spazio è illimitato e le creature innumerevoli avrete sempre l'occasione di agire a vantaggio degli altri, quando sarete in grado di farlo. Cominciate con l'occupare l'ultimo posto, rinunciate alle vesti, al cibo e alla parola. Caricate il vostro corpo di fatiche e la mente di doveri."

Nell'individuo la volontà è la base della potenza.
La comprensione quella dell'amore.
La consapevolezza quella della saggezza.



Breve video durante un esorcismo di Milingo

_________________________________________________________________________

Clicca qui per la versione in Arabo
Versione in Arabo

Maometto profeta per gli ismaeliti

Le profezie bibliche sull'avvento del profeta Maometto sono la prova della verità dell'Islam per il popolo che crede nella Bibbia. Nel Deuteronomio 18, Mosè riferì che Dio gli disse: Per LORO farò uscire un profeta come te tra i loro fratelli; metterò le mie parole nella sua bocca e lui dirà LORO (agli ismaeliti) tutto ciò che gli comanderò. Se qualcuno non ascolterà le mie parole che il profeta pronuncia in mio nome, Io stesso gliene chiederò conto....... (Deuteronomio 18:18-19).

Da questi versi profetici si conclude che il Profeta descritto deve avere le seguenti tre caratteristiche:
1) Dovrà essere come Mosè.
2) Proverrà dai fratelli degli Israeliti, cioè gli Ismaeliti.
3) Che Dio porrà le Sue parole nella bocca di questo profeta e che proclamerà ciò che Dio gli comanderà.

Però tutto questo è per LORO (per i popoli arabi) non per gli altri popoli (ebrei e popoli di razza europea). LORO sono i discendenti di Ismaele che sino all'avvento di Maometto erano Idolatri. Ora stanno facendo la LORO evoluzione. Altri popoli frequentano altre classi di evoluzione spirituale. Colui che considera tutti parte di Dio è con Dio e la sua evoluzione procede con rapidità. Egli non è un cristiano, né un musulmano, né un ebreo. Egli è con Dio al di sopra di tutti poiché sa che Dio è puro Spirito.

_______________________________________

Un cavaliere crociato e un terrorista islamico alla ricerca della Luce

Conobbi una sensitiva etiope di nome Lella che viveva dalle mie parti. Una donna matura, figlia di padre italiano e madre etiope, espulsa dalla sua terra nativa insieme a tanti coloni italiani, poiché figlia di italiano. Una donna che aveva passato molte tribolazioni e patimenti. Un figlio di 14 anni avuto dal primo matrimonio con un italiano, deceduto con un incidente stradale. Un secondo figlio di 2 anni avuto in seconde nozze con altro italiano. Matrimonio fallito in breve tempo a causa delle incompatibilità di razza. Una donna che racchiudeva in se tutto il dolore degli avvenimenti che il Karma le aveva portato. La sua costante tensione spirituale le aveva aperto il terzo occhio. Il suo ESP (Extra Sensorial Perception) ovvero la sua Percezione Extra Sensoriale era in piena attività. Riusciva a vedere entità spirituali, tra le quali lo stesso primo marito che giornalmente si presentava in casa per far visita al figlio quattordicenne. Riusciva a sentire le voci di alcune sue Guide spirituali che le davano consigli per affrontare i problemi giornalieri. E di problemi ne aveva molti da risolvere per le altre persone. Si era creato un nome come sensitiva e molte persone le facevano visita per un consulto. Quando la conobbi e le strinsi la mano mi disse che avevo una Guida molto combattiva. Poi ebbe un forte sussulto e nel riprendersi dallo spavento per ciò che vedeva, mi disse che erano quattro le Guide spirituali che avevo.
- Sono tutte intorno a te. - affermò Lella.
Le mostrai il libro che avevo pubblicato, dove ci sono i volti delle 4 Guide spirituali.
- Sono questi? - le chiesi.
Rimase stupefatta poiché i disegni mostravano perfettamente ciò che lei stessa stava vedendo. Il fatto che li aveva visti la rendevano felice poiché le veniva data una conferma delle sue stesse qualità. Ci frequentammo per diversi giorni e non finiva mai di chiedermi spiegazioni su ciò che le accadeva. Un giorno mi telefonò dicendomi che un uomo di nome Giacomo aveva visto lo spirito di un monaco e che lei stessa lo aveva identificato come una delle mie Guide. Giacomo è una guardia notturna che faceva servizio presso gli stabilimenti della Breda-Nardi, dove venivano costruiti elicotteri. Una fabbrica che dista circa 2 chilometri dalla mia abitazione. Giacomo tutte le sere entrava nello stabilimento per il consueto giro di ispezione in tutti i locali dello stabilimento. Mentre camminava in un vasto corridoio della fabbrica, ben illuminato dalle luci di sicurezza, vide a distanza un vecchio monaco con un saio logoro che si appoggiava ad un bastone. Gli veniva incontro camminando molto lentamente. Giacomo poteva aspettarsi di tutto e sarebbe stato pronto ad impugnare la pistola e ad affrontare ogni intruso. Ma quel monaco lo prese alla sprovvista.
- Cosa ci fa questo frate qui dentro? - si chiese Giacomo, mentre la figura avanzava sempre di più. La mente di Giacomo stava cercando di capire cosa stava vedendo. Mentre scrutava il monaco che gli andava incontro, mille pensieri si accavallavano nella sua mente. Arrivata a 5 metri di distanza la figura del monaco svanì come una nebbia che si dissolve improvvisamente. Questo è tipico di una entità di luce astrale che appare visibile per alcuni secondi sul piano fisico dove le vibrazioni sono più lente di quelle dei piani spirituali più elevati. Con questa apparizione, il povero Giacomo non sapeva darsi spiegazione ed è così che decise di rivolgersi a Lella. L'etiope gli disse subito che quel monaco era uno Spirito Guida di Walter e che avrebbe fatto in modo di farci conoscere. Una sera ci incontrammo nella casa di Lella. Erano presenti Lella, Giacomo con la moglie ed io stesso. Dopo le presentazioni Lella si rivolse a me dicendo che in un angolo della stanza c'era il monaco in piedi e a braccia conserte. Era lì pronto ad intervenire per portare un eventuale aiuto, in caso di bisogno. Ci sedemmo intorno ad un tavolo quadrato e subito Lella vide che stava arrivando lo spirito di un uomo vestito con una specie di una tunica bianca che aveva una croce rossa centrale. Pensai che si trattasse di un barelliere della croce rossa.
- No! Si tratta di un antico cavaliere, un Crociato - disse Lella, mentre lo seguiva col suo sguardo. Questa entità si avvicinò a Giacomo il quale stava provando per la prima volta l'effetto di una trance immediata. Infatti Lella disse che la figura del guerriero si stava sovrapponendo al corpo fisico di Giacomo. Avvenne così la trance medianica.

....


- Tradimento! Hanno ucciso tutti, mia moglie e mia figlia. Sono tutti morti. Fratello aiutami. - disse l'entità.
- Riesci a vedere i tuoi cari? Cosa posso fare per te? - risposi.
- No! Non vedo nessuno, tu solo puoi aiutarmi - continuò.
- Fratello non puoi stare bloccato sul piano fisico, devi rientrare nella Luce. Ti ricordi il suono sacro degli orientali? - gli dissi.
- Si, lo ricordo - rispose.
- Allora dillo ad alta voce -
Ad un tratto la bocca di Giacomo si aprì e l'entità iniziò a pronunciare il suono sacro.
- Aum, Aum, Aummmmm - scandiva a voce alta. Mi unii al suo suono pronunciandolo anch'io. Di colpo Lella disse che stava vedendo un enorme fascio di Luce che stava investendo la figura del medium. Una Luce invisibile per i nostri comuni occhi ma non per quelli della veggente Lella.
- Adesso riesco a vedere mia moglie e mia figlia. Grazie. - mormorò l'entità, mentre Lella ci descriveva che la figura era diventata tutta luminosa e stava lasciando il corpo di Giacomo, assorbita dalla grande scia di Luce che andava oltre il soffitto della stanza dove eravamo. Giacomo tornò in sé. Passarono alcuni minuti prima che si riprendesse del tutto. Non ricordava nulla di ciò che aveva detto in trance.
- Ma tu lo sai cos'è il suono sacro? - chiesi a Giacomo. Lo stavo mettendo alla prova. Del resto lo avevo appena conosciuto ed ero molto prudente nell'accettare la sua medianità improvvisa.
- Non so cosa sia questo suono di cui parli - rispose Giacomo. Rimasi un attimo in silenzio e rivolgendomi a Lella le chiesi se il monaco era ancora al suo posto.
- Si, è sempre in piedi nell'angolo - rispose.
All'improvviso Giacomo iniziò ad agitarsi come se fosse investito da una forza incontrollabile. Subito afferrai il cuscino di una poltrona e lo sistemai sulla parte del tavolo di fronte al medium. Giacomo cadde nuovamente in trance ed il cuscino si dimostrò molto utile poiché la sua testa vi si adagiò violentemente.

La voce che emetteva era un brontolio incomprensibile. Toccai la sua testa con una mano e Giacomo si sollevò parlando in una lingua per me incomprensibile.
- Ma che lingua parla? - dissi.
- Sta parlando in arabo - rispose Lella.
- E tu come fai a capire che parla arabo? - dissi.
- Perché in Etiopia noi parliamo l'arabo - rispose Lella.
- Allora fatti dire perché è venuto qui - dissi.
Iniziò così un dialogo a tre, tra l'entità, Lella e me. Lella faceva le domande in arabo, l'entità rispondeva e poi Lella traduceva in italiano a me. Le mie domande in italiano venivano tradotte in arabo da Lella. E cosi via. Gli chiesi perché era venuto qui da noi, in Italia. - Sono qui per la Luce - disse.
Pensai che fosse stato mandato per portare un po' di serenità a Lella, visto che aveva parenti etiopi defunti i quali avrebbero solo parlato in arabo. Ma non era così. L'entità parlò nella sua lingua e Lella tradusse immediatamente.
- Sono venuto qui perché ho bisogno di Luce - mi disse.
- Se la Luce di Dio non ti arriva, perché te la devo dare io? Non posso andare contro il volere di Dio. - risposi.
- Tu solo puoi aiutarmi - mi disse.
- Se non dici quello che hai fatto in vita, non ti posso aiutare. - risposi.
Dopo un po' che ripetevo la stessa domanda, l'entità si decise a parlare.
- Ho fatto esplodere un aereo in volo con tutti i passeggeri e sono morto anch'io. Sono stato un terrorista di "Settembre Nero" e ora non riesco a vedere la Luce, non vedo niente dove mi trovo. Sono venuto qui perché sono stato attirato dalla Luce che voi emanate. - mi disse.
Prendendo forza dal mondo spirituale ed immedesimandomi nel dolore che questo fratello musulmano stava sperimentando a livello spirituale, gli parlai così:
- Ma ti rendi conto di quello che hai fatto? Hai troncato la vita di molte persone che stavano facendo la loro evoluzione spirituale attraverso la vita terrena e attraverso le diverse razze e religioni. Guardali bene quelli che hai ucciso. Sono tuoi fratelli e sorelle. Sono una parte di Dio anche loro. Ecco perché adesso non puoi vedere la Luce. Solo quando prenderai coscienza di quello che hai fatto potrai tornare nella Luce. Devi assolutamente renderti conto di questo. Solo così ti si aprirà la porta di quel tunnel che porta alla Luce. Ma da quel momento in poi dovrai lavorare per la stessa Luce e dovrai intervenire nel contrastare i pensieri di altri terroristi che vogliono commettere stragi di innocenti. I tuoi fratelli musulmani sbagliano nel predicare le stragi di innocenti e non sanno che dopo la morte fisica non troveranno la Luce né le famose vergini Uri. Tu stesso hai sperimentato il buio delle tenebre. Ricorda che Dio soltanto è il vero Amore. Adesso guarda in alto poiché verrà a prelevarti uno Spirito Guida che ti condurrà al tuo livello spirituale di evoluzione. In un'altra vita affronterai il tuo Karma subendo lo strazio di dolore che hai provocato agli altri -
Dopo queste mie parole, Lella disse che il monaco lo aveva prelevato e portato via. La legge Karmica (causa ed effetto) vale per tutti gli assassini e terroristi di qualsiasi razza e religioni. Dio non fa sconti. Giacomo tornò cosciente e un po' risentito dello sforzo che aveva sostenuto.
- Quante altre lingue parli? - chiesi a Giacomo.
- Solo l'italiano. Nella mia vita non ho avuto tempo per studiare - rispose.
Questo mi tranquillizzò e scacciò via ogni forma di dubbio che potevo avere sulla validità della trance alla quale avevo assistito.

La mancanza di conoscenza può essere
compensata dalla bontà del cuore.

_______________________________________

Fanatismo religioso con componente sessuale

Il discorso sul fanatismo religioso sostenuto da molti Imam è un argomento che va ripreso con forza spirituale. Secondo una credenza islamica ogni beato ha diritto a tante vergini urì quanti sono i digiuni effettuati durante il Ramadan e quante le opere buone compiute. La perizia psichiatrica disposta dal magistrato milanese Elio Ramandini sul primo pentito italiano di Al Qaeda, Rihad Jelassi, ha fornito prove impressionanti sulle motivazioni sessuali dei terroristi. Ecco alcune delle stupefacenti confessioni rese da Jelassi al criminologo Nico Zanovello incaricato della perizia. - Per mesi, a volte per anni - ha raccontato Jelassi - gli Imam, che anche nelle moschee italiane preparano i ragazzi alla guerra santa contro i nemici di Allah (cioè tutti i non musulmani), spiegano con dovizia di particolari come sono e che cosa fanno le famose 72 vergini-uri che, in Paradiso, bramose e bramate attendono il kamikaze. Le 72 vergini - assicurano gli imam - sono bellezze tipicamente arabe, d'altezza variabile da 1,65 a 1,70, che pesano dai 70 agli 85 chili (conforme alle preferenze mediorientali per la donna bene in carne) hanno i seni opulenti e sodi, il naso piccolo, la bocca piccola, grandi occhi neri, capelli lunghi e nerissimi, il culo sodo e formoso e indossano abiti arabi eleganti. E per di più sono donne molto sensuali cosicché, "dinanzi alla fulgida bellezza di cui risplende il martire in Paradiso, alcune di loro svengono per il desiderio". Il martire in Paradiso può godersi tutte queste fanciulle uri senza alcuna fretta. - La giornata in Paradiso dura settantamila anni. Tu quindi - dicono gli Imam al futuro kamikaze - hai tutto il tempo che vuoi per accoppiarti. Passi dieci anni con una, cento coll'altra e così via.
E identiche confessioni sono state rese alla magistratura tedesca dal collaboratore di giustizia giordano Shadi Abdallà . Patetiche (e indicative dei segreti desideri dei futuri martiri e dei loro maestri) sono le confidenze degli imam circa le inclinazioni erotiche delle 72 vergini: - In Paradiso - assicurano gli Imam - le vergini godono molto dei piaceri del sesso, dicono parole oscene durante il coito per accrescere il godimento del maschio e lassù ti stanno già aspettando. E appena ti sarai fatto esplodere, la prima cosa che vedrai saranno le Vergini bellissime. Due di loro accorreranno a consolarti e ti riempiranno di baci. -
E Jelassi continua: - In Paradiso - ci dicevano gli Imam - non ci sono lacrime e i corpi non puzzano. Perfino la cacca è profumata. E noi giovani, che non avevamo mai fatto l'amore con una donna, impazzivamo di voglia quando ci parlavano così e ci addormentavamo impugnando il pene duro e aspettando l'incontro con le 72 fanciulle Uri -

Già nel 2002 era stata segnalata l'ovvia componente sessuale del terrorismo islamico, emersa chiaramente quando la polizia francese aveva scoperto che Hassan Jandoubi, il terrorista islamico che s'era fatto esplodere con l'intero stabilimento chimico AZT di Tolosa, uccidendo 9 operai e ferendo e intossicando 2.500 cittadini di Tolosa, prima del suo martirio aveva indossato la bellezza di cinque paia di mutande, una sopra l'altra. Non era una bizzarria personale: indossando quel complicato abbigliamento intimo Hassan aveva eseguito una precisa prescrizione del Manuale del terrorista musulmano, distribuito a centinaia di copie tra i candidati al martirio nel nome di Allah. Quel rituale che dovrebbe avere lo scopo preciso (secondo i terroristi) di portare i genitali sani, salvi e puri tra le mani e tra le gambe delle 72 vergini uri incaricate di deliziarlo in Paradiso. Così veniva rivelata già chiaramente agli occhi di uno psicologo, la forte motivazione sessuale dei terroristi. Oggi le confessioni di Jelassi e Abdallà vengono a confermare pienamente certe segnalazioni. I meccanismi psicologici dovuti al lavaggio del cervello di questi pericolosissimi individui che sognano e preparano la loro morte e quella degli altri è senz'altro dovuta a certi fanatici Imam. Nella psiche del terrorista viene inculcato il proprio destino di morte. Ma intanto gli Imam continuano a vivere la loro vita terrena, omaggiati, riveriti e pieni di opulenza. Loro non si fanno esplodere, loro si godono la vita. Ma tutto viene registrato e scritto nel Grande Libro del Karma e al momento opportuno Dio rimetterà in equilibrio la bilancia con la legge cosmica di causa ed effetto. Fin dai primordi, l'uomo ha cercato di difendersi dalla morte, sviluppando fantasie e credenze in una vita d'oltretomba, di cui si trova conferma documentale già nei reperti delle sepolture paleolitiche di 100 mila anni fa. Purtroppo, col tempo queste credenze si sono cristallizzate in religioni dogmatiche che hanno instillato nei loro seguaci la convinzione non solo di appartenere all'unica vera fede capace di assicurare la felicità eterna e la resurrezione della carne nella purezza, ma anche di dover distruggere i seguaci di falsi Dei bugiardi, delle altre fedi, in quanto agenti del male percepito come minaccia alla credenza della propria immortalità. In verità una minaccia anche per gli Imam che potrebbero perdere definitivamente ogni potere temporale ottenuto dal rango che ricoprono. Tutto questo non è opera del profeta Maometto, ma di individui che si fanno chiamare Imam e che spiritualmente non lo sono. Per queste colpe, prevedo che la mano di Dio si poserà su molte nazioni musulmane che stanno violando le leggi della fratellanza cosmica. Vi saranno catastrofi, terremoti, maremoti, epidemie e gravi incidenti con perdite di molte vite umane.Tutto questo avverrà affinché certi popoli si domanderanno: perché Dio ci fa questo? Allora bisognerà che questi fratelli ricerchino la Verità. Essa appartiene a tutti e non è un dogma religioso. Dio non è ebreo, né musulmano, né cristiano, né buddista, né induista. Dio è Dio ed Assoluto. Ciò vuol dire che nulla esiste al di fuori di Dio. Ecco perché la Verità proviene solo esclusivamente dal mondo spirituale e non dagli Imam. Forse qualcuno ha dimenticato che parlando di Dio si parla di Puro Spirito? Spero proprio di no! Pregare vuol dire entrare in contatto con Dio. E se il contatto avviene con una profonda meditazione, lo potremo anche sentire ma non vedere, poiché la Sua Luce potrebbe accecare la vista. E' come la voce che esce dalla bocca: non si può vedere ma si può sentire..... a meno che uno non sia sordo.

_______________________________________



Maestri del Tutto ... e Maestri del Nulla!

Un vero Maestro non ha un diploma o certificati da mostrare. Nessun certificato rilasciato da qualsiasi organizzazione terrena, spesso con scopi lucrativi, è in grado di produrre maestri spirituali. Neppure la quota monetaria di partecipazione ad uno dei tanti seminari in circolazione, può concedere il diritto di proclamarsi maestro. Il vero Maestro ha un certificato invisibile donatogli da Dio; è dentro al suo spirito e lo fa risplendere di Luce e di Amore perché gli viene da Dio. E' come una veste invisibile di color oro, concessagli gratuitamente. Un vero Maestro non vende amuleti o ipotetiche rice-trasmittenti di atlantide con speciali poteri, non vende simboli magici, lezioni su dischi cd rom, elisir di lunga vita o potentissimi dischi di (ipotetica) guarigione miracolosa al costo di 28.000 dollari. I maestri del nulla vendono soltanto aria fritta. Maestri di questo e di quello, maestro del pranic healing, maestro della riconnessione healing, maestro della tecnica rubino healing, maestro dell'effusione con lo Spirito Santo, maestro della trasmutazione, maestro di mudra , maestro dei sigilli arcangelici, maestro portatore di Inipi. E chi più ce ne ha più ce ne metta. Poi vi sono i maestri dell' amore incondizionato (parola tanto di moda nel thetahealing) che per 60 Euro ti garantiscono la guarigione. E' vero che col denaro si possono comprare molte cose materiali che fanno parte di questo pianeta. Infatti coi soldi si possono soddisfare tanti desideri: belle automobili, gioielli, oro, case o ville, abiti, cibi costosissimi, animali e, tra l'altro, si possono comprare anche uomini e donne che si lasciano comprare. Ma le abilità e le qualità dello Spirito non possono essere acquistate per mezzo del denaro. Non esistono fabbriche o negozi che vendono Amore e poteri spirituali. Chi promette simili qualità spirituali in cambio di denaro non ha nulla di diverso da chi estorce denaro con minacce di morte. Purtroppo, per molti il sogno diventa più importante della realtà: La legge dell'uomo è l'aria fritta dei fatti concreti. Un vero Maestro utilizza la Luce dell'Amore impersonale per cercare di guarire gli altri... e lo fa sempre gratuitamente. Poiché chi gratuitamente ha ricevuto, gratuitamente deve donare. Chi è un vero Maestro fa del bene e poi scompare. Questa è la legge cosmica dell'Amore!

Ovunque si parla di Amore incondizionato, parola tanto di moda in questi tempi... Dal mio punto di vista, l'Amore incondizionato è il divino Amore che abbiamo nel nostro spirito ed è dato da Dio gratuitamente, in proporzione alla nostra evoluzione spirituale raggiunta finora. Incondizionato significa che viene dato senza mettere alcuna condizione; senza alcun pagamento o scambio di alcun genere. Viene donato e basta. L'Amore non si deve pagare poiché parte spontaneamente da colui che lo dona senza chiedere nulla, poiché vi è più gioia nel dare che nel ricevere. E questa è già una grande ricompensa che Dio (la Sorgente) elargisce a chi lo dona senza alcuna condizione. E' quindi un dare unilaterale che proviene da colui che possiede Amore per grado di evoluzione, a favore di colui che ne è mancante e sta vivendo una situazione restrittiva dalla quale non riesce ad uscire. Farsi pagare per elargire Amore incondizionato equivale a comportarsi come fa la prostituta che concede la sua prestazione in cambio di denaro. Come dice l'entità spirituale di un Maestro: "Se puoi capire che sia giusto e bello che ogni uomo non viva solo per se stesso, ma concepisca e viva la sua vita nella solidarietà con i propri simili, pronto a sostenere la parte più umile nella scala sociale, pronto a dare anche se non ha ricevuto, come facente parte di una sola, grande famiglia, allora perché pensi solo a te stesso e aspiri a posizioni di preminenza e prima di dare - se dai - fai il bilancio di cosa hai avuto e frapponi mille condizioni al tuo dare, finanche esigere che chi ha bisogno risponda al tuo ideale di bisognoso o addirittura ti sia simpatico? "

L'AMORE
Se il vostro amore non conosce condizioni, dubbi, tepidezze; se amate senza essere riamati,
se quell'amore vi rende costantemente felici, paghi;
se ininterrottamente vi dà la pienezza,
se trovate la felicità solo nella felicità degli amati,
se date prima ancora che vi sia richiesto,
e se l'amare è il solo compenso che gioiosamente vi ripaga di ogni fatica,
di ogni sacrificio per gli amati, voi siete fra quelli che possono lontanamente
immaginare cosa sia l'amore divino, quell'amore che a ognuno così parla:
"Figlio mio, più che amare e suscitare l'amore, voglio che tu sia l'amore stesso .
Così, se è l'amore materno che può avviare un tale miracolo, ti farò madre ed io sarò tuo figlio.
Se è l'amore sensuale, allora non mi scandalizzerò ad esserti amante.
Se sarà l'amicizia a potere tanto, io sarà il tuo fedele amico.
Ma se sarà l'amore agli altri, anonimi, allora in ognuno di essi mi vedrai quale veramente io sono e comprenderai,
essendolo tu stesso, l'essenza del vero amore."
(Dali - Cerchio Firenze 77)


Insegnamenti spirituali trasmessi al Cerchio Firenze 77



-:-

Ascolta le comunicazioni di alcune Entità Spirituali

_______________________________________



Buddha e la cortigiana (prostituta)

A Buddha e ai suoi discepoli capitò un curioso avvenimento che, per un po' di tempo, lasciò i seguaci perplessi riguardo al carattere del loro Maestro. Il Buddha e i suoi discepoli avevano fatto voto di castità e di rinuncia all'amore carnale. Eppure un giorno, mentre il Buddha e i suoi discepoli riposavano all'ombra di un albero, si avvicinò una cortigiana, attratta dal corpo e dal volto luminoso del Maestro. Non appena la cortigiana vide il viso celestiale del Buddha, se ne innamorò e corse a braccia aperte verso di lui per abbracciarlo e baciarlo, esclamando a gran voce:
“ Oh, mio bellissimo e splendente Signore, io ti amo!
I discepoli rimasero sorpresi quando udirono la risposta del Buddha alla cortigiana:
“Mia amata, anch'io ti amo. Però adesso non toccarmi. Non ancora.”
La cortigiana replicò:
”Tu mi chiami amata e per me sei il mio amato. Perché, allora, non vuoi che io ti tocchi?”
Il Maestro Buddha rispose:
“Mia amata, te lo ripeto ancora, ti toccherò più tardi, ma non adesso.”
I discepoli rimasero sconvolti, pensando che il Maestro si fosse innamorato della cortigiana. A quella risposta del Buddha, la donna si allontanò con una certa delusione. Dopo qualche anno, mentre il Buddha meditava coi suoi discepoli, all'improvviso esclamò:
“Devo andare! La mia amata, la cortigiana, mi chiama. Ha bisogno di me, adesso. Devo mantenere la mia promessa.”
I discepoli corsero dietro al Maestro, sperando in qualche modo di salvarlo, sebbene sembrasse che fosse follemente innamorato della cortigiana. Il Buddha, seguito con ansia dai discepoli preoccupati, andò sotto lo stesso albero dove l'aveva incontrata. Lì giaceva la donna col suo bel corpo ricoperto da piaghe maleodoranti e putrescenti prodotte dal vaiolo. I discepoli provarono orrore e si tennero lontani da lei. Il Buddha, però, prese il suo corpo in putrefazione e lo abbracciò come fosse un bambino, poggiando la testa della donna sul suo grembo e sussurrandole:
“ Mia amata, sono venuto a dimostrare il mio amore per te e per mantenere la promessa di toccarti. Ho aspettato a lungo per dimostrarti il mio sincero amore, perché io ti amo quando tutti gli altri hanno smesso di amarti. Io ti tocco, quando tutti i tuoi amici di un tempo hanno paura di toccarti.”
Così dicendo, il Buddha guarì la cortigiana e la invitò, ormai purificata da ogni desiderio carnale, ad unirsi al suo folto gruppo di discepoli. L'amore personale è amore egoistico e considera soltanto i propri interessi, spesso a costo di tutto il resto. L'amore Divino, quello impersonale, è altruista e cerca la felicità dell'oggetto del proprio amore, e non è limitato o parziale. Dio ama allo stesso modo sia i buoni che i cattivi, perché sono Suoi figli. Tutti quelli che aspirano a conoscere il Padre, devono emanare un amore simile a quello di Dio, un amore per tutti, un amore impersonale e incondizionato. Quando un figlio/a dimostra che ama tutti indistintamente, buoni e cattivi, allora Dio dirà:
“ Mio nobile figlio, accetto il tuo amore, perché tu ami tutti col Mio amore, proprio come faccio Io.“
Amare coloro che ti amano è naturale, ma quasi sempre è amore ispirato dall'ego. Amare coloro che non ti amano, o che addirittura ti odiano, è l'espressione dell'amore soprannaturale. Quello che fa riconoscere Dio in tutti gli esseri viventi.
(Paramhansa Yogananda)
dal libro: Come Amare ed Essere Amati


_______________________________________

LIBRI D'INSEGNAMENTO SPIRITUALE


Scarica gratis i libri in formato PDF



Cerchio Firenze 77 - ascolta i messaggi medianici

San Giuseppe Moscati: il dottore guaritore

San Vincenzo Ferrer: il monaco dei miracoli

Padre Pio da Pietrelcina: ascolta la sua voce

San Giuseppe da Copertino: il monaco che volava

Sintesi della Tradizione Esoterica

Un belllissimo gattino di nome Jonny









Icone Antiche ed Oggetti d'Arte


icone antiche