A.I.R.

Archivio Immagini di Radiologia

Casi di radiologia clinica

e-mail:archivio.radiologia@libero.it

 

 

 

 premessa

sommario

pubblica le tue immagini

entra nel forum

 

 

 

Precedente ] Su ]

 

ascessi cerebrale TAC 1.jpg (48133 byte)ascessi cerebrale se T1.jpg (32761 byte)ascessi cerebrale FLAIR.jpg (38843 byte)ascessi cerebraleT1 gad.jpg (42115 byte)ascessi cerebrale diffusione.jpg (29778 byte)

 

ASCESSO

Area di necrosi focale con formazione di membrana periferica.

Nel 25% dei casi (come in questo) la causa Ŕ oscura. Negli altri casi deriva: 

a) dalla estensione di infezioni dei seni paranasali (41%); da otiti (5%); da infezioni dei tessuti molli della faccia; da ascessi dentali.

b) da setticemie (32%)

c) da traumi penetranti o chirurgici.

Dovuto nella maggior parte dei casi a streptococchi anaerobi, ma anche stafilococchi; nel 20% dei casi a batteri multipli; nel 25% dei casi la coltura Ŕ sterile (come in questo caso)

riconoscibile in RM per la presenza di area centrale necrotica iperintensa in T2 e ipointensa in T1. Presenza, inoltre, di orlo di demarcazione macrofagica con produzione di radicali liberi dotati di effetto paramagnetico con accorciamento del tempo di rilassamento T1 e T2 e quindi di anello periferico iperintenso in T1 e ipointenso in T2.

Il cercine di solito Ŕ sottile e presenta uno spessore maggiore sul versante che si affaccia alla corteccia cerebrale.

Spesso si assiste alla "gemmazione" dell'ascesso con nascita di ascessi figli e aspetto plurilobato.

L'immagine pesata in diffusione (ultima a destra) fornisce una diagnosi differenziale con tumori necrotici: il tumore ha un basso segnale mentre l'ascesso ha un incremento della intensitÓ di segnale.

 

 dott. Enrico Di Cesare 

Ospedale S. Eugenio Roma 0651002366-2637

Tel.:3298603658 - e-mail: enrdices@tin.it--di.cesare.enrico@aslrmc.it

 

 

 

 

Progetto del Dott.Enrico Di Cesare Ospedale S.Eugenio Roma 06-5100-2636.
Aggiornato il: 01-05-04.