Lilith e la luna nera

 

La Tradizione che riguarda la Stregoneria e la Magia, ci offre una immagine di Lilith abbastanza particolare; sempre pronta ad un amplesso mai consumato, travolge i sensi degli uomini donando la finzione di un amplesso coinvolgente e distruttivo, alla fine del quale rimane sempre vergine.

I rari trattati in materia di Occultismo che affrontano la figura di Lilith, la considerano spesso come un principio negativo, un antispirito femminile dell'oscuritÓ, alcune tradizioni magiche la pongono come protettrice dei negromanti durante le evocazioni o come guida sulla terra per gli Spiriti assetati di vapori sanguigni. Tutto ci˛ lascia comunque molto spazio alla fantasia ed alla suggestione, gli occultisti pi¨ fini e smaliziati considerano invece Lilith come una entitÓ che influenza gli esseri umani nel loro aspetto sessuale - celebrale, provocando un forte eccitamento intellettuale ed una ipersensibilitÓ erotica, entrambi a volte indice di genialitÓ e sregolatezza, ma anche di "alterazioni" sessuali quali il sadismo. Tralasciando questa prima analisi Ŕ comunque universalmente accettata l'immagine di Lilith come quella di una forza bipolare, in grado di provocare attraverso manifestazioni bivalenti (femminili e maschili), anche fenomeni di infestazioni, squilibri, disarmonie ed a volte follie autodistruttrici.

Nonostante questo il fascino rimane e Lilith Ŕ ancora oggi un personaggio misterioso, poco studiato ed a volte dimenticato, a volte per paura oppure per ignoranza; anche se in Astrologia il simbolo della Luna Nera ha avuto una maggiore applicazione e, di conseguenza, un maggior approfondimento, non si pu˛ dire lo stesso per quel che riguarda la Magia sia Teorica che Pratica; da questo punto di vista gli unici approfondimenti si sono avuti da parte della Psicologia che ha dedicato uno studio a Lilith, riducendola per˛ ad archetipo di ancestrali paure, paure di madri oppressive, di mogli distruttrici; si sono sprecate analisi sulla vagina quale simbolo di un baratro mortale nel quale l'uomo castrato e ritornato feto ha pura di cadere.

Tutto questo non riguarda per˛ la Magia, rimane per lo pi¨ un riscatto dell'ideologia femminista, dove si Ŕ voluta vedere Lilith come simbolo del riscatto della donna ma non si Ŕ mai approfondito il suo profondo significato spirituale. Data la segretezza che ancora oggi  accompagna questa figura e la paura che essa ispira, coloro che si interessano seriamente al suo studio sono davvero pochi; esistono per˛ delle Congreghe formate esclusivamente da elementi femminili che evocano la Dea attraverso riti sessuali e la onorano con particolari feste magiche. Il loro simbolo Ŕ spesso formato da un pipistrello o da un teschio bianco (la morte vivente)