STORIA DI BALSORANO

 

..........................................................................................................................................................

EPOCA MEDIEVALE: 800-1504

 

________________

800 - 900 circa:  Nasce il paese di Balsorano che deriva il suo nome dalla correzione di Valle Soriana fatta in periodo alto medievale. Il paese di Balsorano nasce con molta probabilità nell'alto medioevo, sull'altura attuale per meglio difendersi dagli attacchi dei Saraceni.

 

__________________

1000 circa: Con il tempo il paese acquista, per la sua posizione strategica dato che si erge all'imbocco della Valle Roveto, una funzione difensiva come una sorta di vedetta che da l'allarme in caso vengano nemici dalla vicina zona di Sora.

 

______________

1000-1100: Con il tempo il paese di Balsorano è entrato a far parte della Contea dei Marsi sotto la famiglia Berardi.

- I Berardi costruiscono diversi castelli lungo la Valle Roveto e ciò sia per sicurezza che per difesa da attacchi esterni. I castelli e i relativi paesi sono eretti in punti impervi.

____________

1143: I Normanni conquistano la contea dei Marsi.

 

______________

1143-1200: La storia di Balsorano prosegue per tutto il basso medioevo sempre con funzione difensiva per la contea, anche dopo che i Normanni s'impadroniscono della Marsica e riducono i Berardi all'obbedienza.

1143-1380 circa: La Valle Roveto è aggregata al feudo di Avezzano che è in questo momento indipendente

__________

1380: I Conti Berardi di Celano annettono alla contea la Valle Roveto

- Da ora la Valle Roveto seguirà le sorti della contea di Celano

 

__________

1400-55: Nel corso del '400 I Berardi si estinguono e dopo alterne vicende il possesso della contea di Celano (e con essa  Balsorano) passa alla famiglia Piccolomini.

 

.........................................................................................................................................................

EPOCA MODERNA: 1504-1915

 

_______________

1591: La famiglia Piccolomini si estingue nel ramo principale, perdendo la contea di Celano che passa ad altre famiglie, ma mantiene nei rami secondari il possesso di Balsorano con il suo castello.

_______________

1656: Una grave pestilenza colpisce tutta la Marsica. Ci sono diversi morti anche nella Valle Roveto

_______________

1700-40: I Piccolomini si estinguono completamente e Balsorano passa alla famiglia Testa, imparentata ai vecchi Piccolomini

 

_____________

1806: Abolizione dei feudi.

- A Balsorano i Testa perdono il controllo del paese, ma mantengono la proprietà del castello.

_________________

1811: Riforma amministrativa del Governo Murat

_________________

1815: Cade il governo filo-francese di Murat. I Borbone tornano sul trono di Napoli con il nuovo titolo di Re delle Due Sicilie.

 

___________

1816: Nuova riforma amministrativa.

- Balsorano passa con tutta la Valle Roveto dal distretto di Sulmona a quello di Avezzano

 

___________

1820-50: La recrudescenza delle condizioni economiche e altre motivazioni spingono molta gente a darsi al brigantaggio. Nella Valle Roveto il fenomeno del brigantaggio è molto attivo

_________________

1850: L'ultimo discendente dei Testa vende il castello a Carlo Lefebvre, imprenditore francese che per aver importato l'industria cartaria nel regno borbonico è nominato conte da Ferdinando II.

_________________

1861: Formazione del Regno d'Italia sotto la dinastia Savoia

___________

1862-70: Il nuovo esercito italiano stermina il fenomeno del brigantaggio

_________________

1854-76: Nel corso del secondo ottocento la Marsica è soggetta ha un profondo mutamento ambientale, a causa del prosciugamento del lago del Fucino.

___________

1880-90: Diverse persone della Valle Roveto vanno a lavorare i campi del Fucino

1880-90: Viene avviata la costruzione della linea ferroviara Sora-Avezzano

1880-90: La fame e la povertà sono ancora ben presenti nella Valle Roveto

___________

1890-1900: Nella Valle Roveto molte persone partono per l'estero in cerca di fortuna

___________

1900-1910: Nonostante una certa ripresa economica presente in alcune zone della Marsica, la fame e la povertà dominano ancora la maggior parte delle famiglie. Ciò spinge molti giovani  ad emigrare all'estero verso USA, Canada e Sud America. Il tasso di emigrazione in questo decennio da questo territorio è nettamente superiore a quello precedente.

........................................................................................................................................................

EPOCA CONTEMPORANEA: 1915-OGGI

 

1915 13 gennaio: Un tremendo terremoto semina morte e distruzione in tutta la Marsica, Balsorano inclusa. Qui il terremoto provoca la morte di molta gente, la distruzione completa del paese, e il danneggiamento del castello.

 

________________

1915-30: In seguito il vecchio abitato viene abbandonato e la popolazione si trasferisce pochi km più a nord, dove viene eretto un nuovo abitato, Balsorano Nuovo.

 

_______________

1920-30:  I Lefebvre iniziano il restauro del vecchio maniero.

___________

 

1929: I Lefebvre vendono il castello alla famiglia Fiastri-Zannelli.

__________

 

1929-39: I Fiastri-Zannelli completano il recupero del vecchio maniero e lo trasformano verso la fine del secolo in un albergo.

 

_____________

1939: Inizio della 2 guerra mondiale

 

_____________

1939-45: Per gli abitanti di Balsorano Nuovo sono anni duri e di grande privazione economica.

_________

1945-55: Finisce la guerra e inizia la ricostruzione materiale e sociale del paese, che torna alla vita e lentamente migliora economicamente.

 

_____________

1955-70: Molti giovani di Balsorano si trasferiscono nelle grandi città italiane o emigrano all'estero. il paese tende a spopolarsi

_____________

1970-80: Grazie alla presenza di alcune famiglie e del castello anche il paese di Balsorano Vecchio riprende vita.

________

1980-2000: Il paese di Balsorano seppure fra alti e bassi registra un miglioramento economico

 

.......................................................................................................................................................

Bibliografia

 

1) www.trasacco.terremarsicane.it

2) http://www.fucino.altervista.org/pagina-875327.html

3) LA STORIA D'ITALIA A FUMETTI di Enzo Biagi

4) http://santanatolia.it/storia/capitolo-iv

5) http://www.comune.avezzano.aq.it/index.php?id_sezione=427

6) http://www.pereto.terremarsicane.it

7) http://www.celano.terremarsicane.it/index.php?module=CMpro&func=viewpage&pageid=26

8) http://www.icastelli.it

9) www.lucodeimarsi.terremarsicane.it

10) Articolo scientifico : "Tracce archeologiche di un terremoto tardo-antico nella Piana del Fucino (Italia centrale) di F. Galadini, E. Falcucci, A. Campanelli, E. Ceccaroni.

11) www.terremarsicane.it/marsica/?qnode/187

13) V.D’Ercole, L’italia prima di Roma, Pescara 1998

14) Van Wonterghem, I Peligni e il loro territorio prima della conquista romana

16) www.spaziovidio.it

17) www.wikipedia.org

18) Santellocco A.F. (2004) - MARSI STORIA E LEGGENDA - TOVTA MARSA (Luco dei Marsi)

19) http://www.pereto.info/contemporanea.htm

20) http://www.fucino.altervista.org/pagina-875327.html

21) http://www.itisavezzano.it/pagine/b00012.asp

22) http://www.santemarie.terremarsicane.it/

23) http://www.terremarsicane.it/category/luco-dei-marsi/

24) http://www.tagliacozzo.terremarsicane.it

25) www.civitellaroveto.org

26) www.civitellaroveto.terremarsicane.it

27) Marco Bianchini - Edilizia storica della Marsica occidentale - Editrice Dedalo di Roma

28) http://www.santemarie.terremarsicane.it/

29) www.albafucens.info,

30) www.mondomedievali.net

31) Testo di Ireneo Bellotta " I CASTELLI D'ABRUZZO" - Newton Compton Editori

32) www.avezzano/terremarsicane.it

33) www.comune.avezzano.aq.it

34) Amendola V. 1990. Ortona dei Marsi: 2300 anni di storia. Edizioni dell'Urbe. Parrocchia San Giovanni Battista.

35) Buccella G. 1970 Ortona dei Marsi in una cronaca inedita del XVIII sec. Fratelli Palombi Editori, Roma.

 

.......................................................................................................................................................

BALSORANO