CINCIALLEGRA

Caratteristiche - Diffusione - Habitat - Riproduzione - Alimentazione - Bibliografia


Ordine: Passeriformi

Famiglia: Paridi

Genere: Parus 

Specie: Parus major

 Ascolta il canto

E' la pi grande delle Cince.

                                                       

Caratteristiche

La cinciallegra (Parus major) lunga circa 15 cm ed ha un piumaggio verdastro nelle parti superiori e giallastro in quelle inferiori, il vertice e la gola sono nere, le guance bianche ed una striscia nera longitudinale attraversa l'addome.

Molto attiva, curiosa e allegra, la cinciallegra scende di rado al suolo. Il suo canto semplice, ma non sgradevole, e le sue note sono limpide e chiare come suoni di campanelli.

Nonostante abbia un'indole socievole si dimostra poco tollerante con gli altri uccelli. Si assistito ad episodi in cui un esemplare debole o malato fosse assalito e maltrattato a morte da un suo simile.

Non di rado attacca anche uccelli di dimensioni maggiori, ai quali pu provocare gravissimi danni assalendoli di sorpresa nel tentativo di fratturare loro il cranio con il becco.

Caratteristico risulta il suo continuo svolazzare tra i rami e l'appendersi a testa in gi per beccare formiche e pidocchi delle piante lungo i rami.

Indice


Diffusione

E' diffusissima in tutta l'Europa ed presente anche nell'Africa nord-occidentale, nelle Canarie e nell'Asia centro-meridionale. 

In Italia molto diffusa, anche in Sardegna, ed ovunque stazionaria e di passo. Secondo il Birdlife International in Italia si stimano da 1 a 2 milioni di coppie nidificanti.

In Campania presente nel Parco Nazionale del Vesuvio.

Indice


Habitat

Vive sia nei boschi misti che in quelli di conifere. Si trattiene non di rado nei frutteti e nei giardini dove per non nidifica. Evita quasi sempre la vicinanza dell'uomo.

Indice


Riproduzione

Entrambi i coniugi covano da 6 a 14 uova, di colore bianco macchiate di rossiccio, e se la stagione favorevole la femmina depone una seconda volta.

Le uova vengono covate per 13-14 giorni dalla femmina, alimentata dal maschio. I giovani vengono alimentati da entrambi i genitori e lasciano il nido dopo 18-20 giorni. 

 

                                                        

Indice


Alimentazione

E' un uccello voracissimo, si ciba prevalentemente di insetti, e loro larve, e continua ad ucciderne anche quando sazio.

Nel periodo invernale arriva a snidare le api rinchiuse negli alveari. Sminuzza il cibo con il becco tenendolo saldo con le zampe come fanno corvi e cornacchie.

Quando il cibo abbonda ne tiene da parte delle riserve per i giorni di magra. 

Completa la sua dieta con ragni, piccoli molluschi, lombrichi, frutti e semi. Se ne ha l'occasione non esita ad uccidere i nidiacei di altri uccelli.

Indice


Bibliografia

AA.VV. - Rassegna completa degli uccelli d'Europa, Rizzoli, Milano 1972;

AA.VV. - Il mondo degli animali, Rizzoli, Milano 1970.