Fiori sechi


GhŔ storie che gnanca le stelle ne conserva la memoria, e l'Ŕ quele che no se sen nascorze de viver tutti i giorni, ogni mattina e ogni sera 'na storia l'Ŕ za passÓ.

L'Ŕ proprio n'Ó storia semplice e normale, de quele che no te nascorzi del segno che le te ghÓ lassÓ, se non dopo tanti anni, che voi contar adesso.
Come quando, da 'n vecio baul empolverÓ salta fora 'na foto 'ngialida che te fa ricordar en passato ormai desmentegÓ.
Stamatina ho ciapÓ la coriera per nar a laorar a Trento, perchÚ il mio vecio diesel el spuza nell'aria neta della zitÓ, e per via del bus de l'ozono no podo doprarlo.
Nel montar sulla corriera dell'Atesina o meio, Trentino Trasporti ades, m'Ŕ piombÓ adoso a una a una tutte le monade che da bocia se combinava sulla coriera.

Non vedo p¨ quella magica macchinetta che i dopreva per far i biglieti, che gherÓ p¨ tasti coloradi che scatola, no ghŔ p¨ spuza de fum, se viaza comodi ades.
Se viaza comodo si, ma se viaza e basta, no se parla, no se scherza p¨, solo musichette sfigade dei celulari, con la zente con la spiza al cul che no la riese a parlar 'nde quele carabatole stando sentÓ.
I volarea parlar caminando en vanti en drio per el coridor se i podesa, se parla con tuto el mondo, ma no se parla con nisuni en coriera a quatro oci, per parlar col vizin de sedile bisognarea farghe 'na mail, en fas o en mms o come ostia se ciameli.
Da rider l'Ŕ che ghŔ ancora el cartelo, " Non parlare con l'autista" mandeghe 'na meil anca a quelo per domandar se el se ferma en S.Colomban.
Cosý me son ricordÓ de l'omenet come el ciameveni noi boci delle medie, ma el so vero nome no'l ha mai sav¨ e forse mai el saver˛.
El monteva s¨ en par de fermate dopo de la mia, ma no gherÓ case lý, gherÓ solo la fermata sulla strada, ogni mattina l'era lý, fiss come en bacalÓ, co' l sguardo perso en vanti, el se nascorzeva che era arrivÓ la coriera, solo perchÚ tutto entorno a l¨ deventeva tutto de'n boto bl¨.
El monteva s¨ lentamente, ma dal de drio, e senza presia el vardeva nella quarta fila dal fondo se el posto l'era libero, ormai tutti i lo saveva, quel lý l'era el scranio de l'omet.
Pareva en cretino embalsamÓ, stesso capotto grigio, braghe verdi en tinta col cappel, e sul capel el gheva en mazet de fiori secchi e spelacchiadi, non l'era proprio vecio, ma la barba incolta, i cavei longhi sul de drio i ghe deva almanco quindese o vinti anni dep¨.
Tutte le matine, mai en saluto o 'na parola, apena sentÓ el toleva 'na cartina e la scatola del tabaco, na piegada, na leccada e 'l so zigaret l'era bel e pronto, scatola di solfranei, 'na gheba tuto en torno.
FinchŔ no se arriveva en stazion quei lý l'era i so unici movimenti, perchÚ smorzata la cicca l'era solo en gran ronfar nonostante le curve o el gazer de noi boci.
No s˛ cosa che el neva a far z˛ en zitÓ ma per tutto quell'inverno la scena l'Ŕ stÓ sempre la stessa, tutte le sante matine.
En giorno, credo dopo le vacanze de Pasqua gherÓ en sole splendido, che era riflesso dalla neve che gherÓ ancora nei prai.
Arrivem alla so fermata, tutta la corriera en silenzio varda quell'uomo che fa 'n cenno all'autista per ciamar la fermata el monta dal davanti, e dopo aver rispettosamente saludÓ l'autista con en sorridente "buon giorno" el se senta sul primo sedile per godere del panorama.
Vestito a puntino completo marroncin, camisa color panna, cravatta scura, fiori freschi en man e sul cappello.
Dopo esserse girÓ a vardarne e dopo averne sorriso el se empirÓ 'na cicca de marca " STOP" col filtro, roba de classe.
L'Ŕ stÓ sveglio tutto il viazo, e alla stazion squasi el salta z˛ per i scalini el sparise a passo svelto.
Per tutta la stimana la Ŕ nada en vanti cosý, se capiva dal profumo, dalla barba fatta e dai cavei taiadi che el noso ometto l'era innamora, tutta la corriera l'era felice.
El luný dopo anche el tempo l'era cambiÓ, pioveva a seci roversi, ricordo ancora l'angoscia che ho provÓ nel riveder alla fermata dopo la curva il noso omet, con el vecio cappotto e'l vecio cappello, sguardo perso e barba incolta.
L'autista el sŔ fermÓ propri davanti a l¨, ma questo l'ha fatto tutta la corriera a de volta per montar dal de drio, mi che ero sentÓ en quarta fila, al so posto 'nden batter de oci me er˛ spostÓ de do file almanco.
La solita leccata alla cartina, tabacco e spuzza, poi oci seradi per dormir.
Alla stazione per˛ el continueva a dormir, nessuni i voleva dighe che erem arivadi, finchŔ l'autista el se ghÓ rotto e l'Ŕ nÓ a darghe 'na scorlada.
Ma nulla poteva far i scorloni perchÚ co'l'amore l'era finida anche la vita, ed anche i fiori sul cappel del noso omet i era secchi.

Questo l'Ŕ quel che m'ha contÓ l'amico Carlo Piz, tanti anni fa 'n de 'nÓ canzon.



Rolando Piazza



Il sito internet dedicato a Carlo Piz: www.carlopiz.it

www.vallarsa.com > Indice > Arte e Cultura > Fiori sechi