LESS THAN HUMAN


DISUMANIZZAZIONE SUI MEDIA

Ho visto due detenuti nudi, uno masturbarsi e l'altro inginocchiato con la bocca aperta. Ho pensato che avrei dovuto andarmene da lì. Non pensavo fosse giusto... Ho visto SSG Frederick camminare verso di me e ha detto: "Guarda cosa fanno questi animali quando li lasci soli per due secondi".

SPECIALISTA DELL'ESERCITO USA MATTHEWWILSON, TESTIMONIANZA RIGUARDO A ABU GHRAIB

La disumanizzazione è stimolata, esacerbata e sfruttata dalla propaganda. È risaputo che, prima e durante il genocidio del 1994, le trasmissioni radiofoniche del governo caratterizzavano i tutsi ruandesi come scarafaggi e che la Germania nazista aveva un apparato di propaganda dedicato alla pittura di immagini orribili di ebrei e altri presunti nemici del Volk. L'arte politica russa degli anni '30 e '40 ritraeva i fascisti tedeschi e italiani ei loro alleati come un vero serraglio, inclusi ratti, serpenti, maiali, cani e scimmie. E quando i fascisti erano raffigurati in forma umana, erano dotati di attributi subumani, come orecchie appuntite, zanne o carnagione non umana. Ma a parte esempi famigerati come questi, c'è poca consapevolezza della misura in cui i mass media sono strumentali per propagare stereotipi disumanizzanti.

I giornalisti hanno sempre avuto un ruolo importante da svolgere, diffondere falsità per plasmare l'opinione pubblica, e questo spesso comporta la disumanizzazione degli oppositori politici e militari.

In un discorso tenuto alla Royal Albert Hall di Londra nel 1936, sullo sfondo della tempesta crescente del fascismo in Europa, Aldous Huxley ha sostenuto che la disumanizzazione è la primaria funzione della propaganda.

La maggior parte delle persone esiterebbe a torturare o uccidere un essere umano come loro. Ma quando si parla di quell'essere umano come se non fosse un essere umano, ma come il rappresentante di un principio malvagio, perdiamo i nostri scrupoli ... Tutta la propaganda politica e nazionalista mira a una cosa sola; persuadere un gruppo di persone che un altro gruppo di persone non è realmente umano e che è quindi legittimo derubarlo, truffarlo, prepotente e persino ucciderlo. Collezioni di manifesti politici del ventesimo secolo confermano che la propaganda visiva proveniente da Stati Uniti, Germania, Gran Bretagna, Francia, Unione Sovietica, Corea e altrove ha spesso ritratto "il nemico" come una minacciosa creatura non umana. Ma non è necessario setacciare archivi storici per trovare esempi di disumanizzazione nei media popolari. Tutto quello che devi fare è aprire un giornale o accendere la radio. Il 4 settembre 2007, il Columbus Dispatch ha pubblicato una vignetta che ritrae l'Iran come una fogna da cui sgorga uno sciame di scarafaggi. Il sottotesto non era sottile e i lettori hanno capito rapidamente il messaggio. "Trovo estremamente preoccupante che il tuo giornale si comporti come i giornali hutu ruandesi che hanno anche pubblicato cartoni animati raffiguranti esseri umani ... come scarafaggi", ha scritto un lettore, "chiedendo che vengano soppressi, portando al genocidio". Un altro ha scritto: "Descrivere gli iraniani come scarafaggi che escono da una fogna era un vile insulto al popolo iraniano ... Cartoni animati come questo fanno solo suonare più forte i tamburi neoconservatori della guerra per un disastroso attacco militare contro l'Iran".

Tre anni prima, quando lo scandalo della prigione di Abu Ghraib in Iraq divenne pubblico, Rush Limbaugh - l'emittente radiofonica più popolare negli Stati Uniti, il cui programma radiofonico sindacato ha, alla fine, 13 milioni di ascoltatori - descrisse i prigionieri che erano stati uccisi, violentata, torturata e umiliata da o per volere del personale militare statunitense, in quanto meno che umana. "Sono quelli che sono malati", si arrabbiò Limbaugh.
Sono quelli che sono pervertiti. Sono quelli che sono pericolosi. Sono quelli che sono subumani.
Sono loro che sono detriti umani, non gli Stati Uniti d'America e non i nostri soldati e non le nostre guardie carcerarie.

Il punto di vista di Limbaugh sui detenuti è stato condiviso dai membri dell'establishment militare statunitense, inclusi, presumibilmente, i loro persecutori. Il comandante di Abu Ghraib, il generale di brigata Janis Karpinski, ha successivamente rivelato che il maggiore generale Geoffrey Miller gli aveva detto di assicurarsi che i prigionieri fossero trattati come animali. "Ha detto che sono come i cani e se permetti loro di credere in qualsiasi momento che sono più di un cane, allora hai perso il controllo di loro", ha detto. (Miller aveva precedentemente "riformato" le tecniche di interrogatorio militare in Iraq lungo le linee usate a Guantanamo Bay, ed è diventato vice comandante generale per le operazioni dei detenuti in Iraq dopo la rimozione di Karpinski.)

Michael Savage (lo pseudonimo di Michael Alan Weiner) è un altro popolare conduttore radiofonico il cui programma radiofonico sindacato è seguito da 8-10 milioni di ascoltatori. Come Limbaugh, Savage ha deriso i detenuti definendoli "subumani" e "parassiti" e ha suggerito che la conversione forzata al cristianesimo è "probabilmente l'unica cosa che può trasformarli in esseri umani". E con parole che ricordano stranamente le diatribe di Adolf Hitler contro gli ebrei, l'emittente radiofonica Neal Boortz ha definito l'Islam un "virus mortale che si diffonde in Europa e in Occidente", aggiungendo: "Aspetteremo troppo a lungo per sviluppare un vaccino da trovare un modo per combatterlo."
Limbaugh, Boortz e Savage suonano alla galleria xenofoba, quindi non sorprende che di tanto in tanto si abbandonino a una retorica disumanizzante. Ma questo tipo di discorso non si limita ai populisti di destra; è ben rappresentato nei media mainstream da giornalisti di tutti i livelli politici. Vincitore del premio Pulitzer New York Times L'editorialista Maureen Dowd ha scritto in un editoriale del 2003 che i terroristi musulmani "si replicano e ci attaccano come scarafaggi".

La disumanizzazione crea strani compagni di letto.

I titoli dei giornali sono una fonte primaria di retorica disumanizzante. Sono progettati per catturare l'attenzione e motivarti a leggere oltre. Descrivere gli esseri umani come animali assetati di sangue o pericolosi parassiti ci fa guardare perché gioca su alcune delle nostre paure più profonde. Tecniche come queste suscitano terrore e chiudono le menti. Se i conflitti internazionali sono spiegati dal fatto che i nostri nemici sono creature subumane malvagie, non sono necessarie ulteriori analisi.

I ricercatori di propaganda Erin Steuter e Deborah Wills sottolineano:
Il lessico simbolico usato dai media dall'11 settembre mostra un modello chiaro. Sospetti terroristi, leader militari e politici nemici e, in ultima analisi, intere popolazioni sono metaforicamente legati agli animali, in particolare alla preda. Questo vale sia a livello nazionale che internazionale: i titoli dei giornali di molte affiliazioni politiche negli Stati Uniti, in Europa e in Australia generano, con notevole coerenza, questa inquadratura giornalistica del nemico come animale braccato.

A volte le guerre in Iraq e Afghanistan sono presentate come spedizioni di caccia ("Mentre gli inglesi si avvicinano a Bassora, gli iracheni scappano via"; "La caccia al terrorismo trappola venticinque"; e "La rete si chiude intorno a Bin Laden") con basi nemiche come animali nidi ("I pakistani rinunciano alla tana di Osama"; "Il nido del terrore a Falluja è attaccato") da cui la preda deve essere cacciata ("Perché Bin Laden è così difficile da fumare"; "Il nuovo dilemma americano: come fumare Bin Laden fuori dalle caverne ”). Dobbiamo intrappolare l'animale ("La trappola può catturare il capo dei talebani"; "Il terrore dell'FBI pungola i leader delle moschee") e rinchiuderlo in una gabbia ("Anche rinchiuso in una gabbia, Saddam rappresenta un serio pericolo"). A volte il nemico è un rapace predatore ("Bestia incatenata - Saddam incatenato trascinato in tribunale"), o un mostro ("Il mostro del terrorismo"; "Di mostri e musulmani"), mentre altre volte è un fastidioso roditore ("Gli americani hanno ripulito il nido dei topi in Afghanistan"; "La tana del topo di Hussein"), un serpente velenoso ("La vipera attende"; "L'ex potere arabo è 'serpente velenoso'"), un insetto ("Le forze irachene trovano 'vespaio' a Fallujah"; "Operazione parassita nel deserto"; "I terroristi, come ratti e scarafaggi, si nascondono nell'oscurità"), o anche un organismo patogeno ("Al Qaeda muta come un virus"; "Solo i leader musulmani possono rimuovere il cancro in diffusione del terrorismo islamico"). In ogni caso, si riproducono a un ritmo allarmante ("Iraq che alleva killer suicidi"; "Il continente è un terreno fertile per come topi e scarafaggi, si nascondono nell'oscurità "), o anche un organismo patogeno (" Al Qaeda muta come un virus ";" Solo i leader musulmani possono rimuovere il cancro in diffusione del terrorismo islamico "). In ogni caso, si riproducono a un ritmo allarmante ("Iraq che alleva killer suicidi"; "Il continente è un terreno fertile per come topi e scarafaggi, si nascondono nell'oscurità "), o anche un organismo patogeno ("Al Qaeda muta come un virus";"Solo i leader musulmani possono rimuovere il cancro in diffusione del terrorismo islamico"). In ogni caso, si riproducono a un ritmo allarmante (“Islam").

Pensi che stia facendo troppo di questi esempi?

Forse sono solo metafore, solo modi colorati di parlare e scrivere che non dovrebbero essere interpretati per implicare che qualcuno sia considerato subumano. Avrai notato che anche Steuter e Wills li descrivono esplicitamente come metafore. È vero, a volte questo tipo di linguaggio è metaforico, ma è sciocco pensarlo come appena metaforico. Descrivere gli esseri umani come topi o scarafaggi è un sintomo di qualcosa di più potente e più pericoloso, qualcosa che è di vitale importanza per noi capire. Riflette come uno pensa su di loro, e pensare a una persona come subumana non è la stessa cosa che chiamarla per nome. Chiamare le persone con nomi è uno sforzo per ferirle o umiliare. È l'uso del linguaggio come arma. Ma disumanizzare una persona implica giudicarla meno che umana. È inteso come una descrizione piuttosto che come un attacco, e come tale è un allontanamento dalla realtà, una forma di autoinganno. Qualunque sia la propria opinione sui nemici della propria nazione, resta il fatto che sono esseri umani, non animali subumani.

Finora, la maggior parte dei miei esempi sono stati tratti dalla storia recente.
Ma la disumanizzazione è molto più diffusa di così. Si trova in un ampio spettro di culture e sembra essere persistito per l'intero arco della storia umana, e forse anche nella preistoria. Appare in Oriente e in Occidente, tra i sofisticati del mondo sviluppato e tra le remote tribù amazzoniche. Le sue tracce sono incise su antiche tavolette cuneiformi e gridano sui titoli dei giornali di oggi. La disumanizzazione non è appannaggio esclusivo di nazisti, comunisti, terroristi, ebrei, palestinesi o di qualsiasi altro mostro del momento. Siamo tutti potenziali disumanizzatori, così come siamo tutti potenziali oggetti di disumanizzazione. Il problema della disumanizzazione è di tutti problema. Il mio compito è spiegare perché.

Capitolo tratto dal libro Less Than Human (Meno Che Umano) scritto da David Livingstone Smith

Why we demean, enslave and exterminate others (Perché umiliamo, schiaviziamo e sterminiamo gli altri)



[Taoagi Home Page]