Dedico queste pagine ai pittori della mia famiglia: Ermanno Toschi e Paolo Toschi.

autoritratto Ermanno Toschi Ermanno Toschi
Ermanno Toschi nasce a Lugo di Romagna il 4 aprile 1906, all’età di 14 anni si trasferisce con la famiglia a Firenze e viene avviato alla Scuola d’Arte in Via Magliabechi in S. Croce dove segue il corso operaio di Decorazione Industriale avendo come insegnanti Luigi Cavalieri e Giacomo Lolli. Nel 1922 incontra il valente pittore Silvio Bicchi che lo invita a seguirlo come collaboratore per l’esecuzione di affreschi nella villa dell’Onorevole Magni a Canzo nei pressi di Como. Nei primi anni trenta frequenta la Scuola Libera del Nudo all’Accademia di Belle Arti. In quelli anni allestisce varie mostre personali e collettive, partecipa con successo a molti concorsi di pittura, fa amicizia con artisti quali Capocchini, Annigoni, Zuccoli, Pignotti ed altri. Dal 1935 al ’52 è presente alle Quadriennali di Roma; nel 1936 sue opere vengono esposte alla Biennale di Venezia dove negli anni ’38 e ’40 esegue affreschi sul posto. Notevole l’attività nel campo dell’arte sacra con opere in chiese fiorentine. Alla fine degli anni ’50 la pittura di Ermanno (che ama sperimentare tecniche diverse) ha una svolta, comincia a preparare le tele, compensati, faesite con impasti a base di rena, cemento, polvere di marmo, ecc. E' una pittura più luminosa i colori sono più brillanti il soggetto ricorrente è la maternità. Nel 1994 all’Accademia delle Arti del Disegno in Piazza S. Marco viene allestita una grande mostra. Muore a Fiesole l'11 febbraio 1999.
natura morta Paolo Toschi Paolo Toschi
Paolo Toschi nasce a Firenze nel 1938.
La vicenda artistica di Paolo Toschi vanta ormai diversi decenni di vivace e feconda operosità. Nel suo itinerario operativo dagli anni ‘50 ad oggi, ancorchè lungo e vario, vi è però un’interna, sottile continuità, che scandisce, senza brusche interruzioni o scarti improvvisi, il progressivo evolversi dell’opera, caratterizzandone i tratti con coerenza e rigore.
Per meglio capire la qualità e la continuità di questa linea occorrerà risalire al Paolo Toschi degli inizi, al giovane studente dell’Istituto d’Arte di Porta Romana a Firenze, grande fucina di artefici e di mestieri, non dimenticando il privilegio di una contiguità operativa con il padre Ermanno Toschi, maestro notissimo del ‘900 toscano...