Mercoled 3 Aprile 2002

LA SPARATORIA DI CORCIANO

Poliziotto ucciso, tra i fuggitivi un altro killer pericoloso
Il mistero dello zainetto con armi e munizioni: stato lasciato dai banditi poco prima di un posto di blocco?

di MARCO DE RISI

Continuano senza sosta nella capitale le indagini per catturare gi ultimi due ricercati del commando che ha ucciso l'agente della stradale Luca Benincasa, 28 anni, e ferito in modo grave il collega Lamberto Crescentini. Intanto, s' appreso che un ricercato sarebbe un personaggio di grande spessore criminale. Un problema in pi per i tanti poliziotti che gli stanno dando la caccia.
Sanno che l'uomo, romano, sarebbe capace di sparare ancora contro la polizia per sfuggire alla cattura. Proprio come ha fatto la mattina del 22 marzo sulla Perugia Bettolle contro l'equipaggio della Stradale. Da indiscrezioni, in passato sarebbe stato coinvolto in episodi simili e che, quindi, gi avrebbe sparato per uccidere. E' per questo che nella massiccia caccia all'uomo di questi giorni, i poliziotti indossano giubetto antiproiettile e mitra. Intanto, continuano gli interrogatori dei due criminali finiti in manette: Marco Silvestri colui che guidava il taxi e di Walter Bucciarelli, uno dei killer della Perugia Bettolle.

Il tassista stato accompagnato dalla polizia nei luoghi dove s'era recato con i tre complici. In questo modo stato possibile il recupero delle armi, due pistole una mitraglietta che dovrebbe essere marca "Skorpion". Solo ieri s' appreso che lo zainetto stato trovato ai bordi dell'"E45" nei pressi di Montone. Pare che la banda l'abbia lanciato dal taxi durante la fuga quando si accorta di un vicino posto di blocco. Sembrerebbe anche che la pattuglia non abbia fermato lauto con i quattro a bordo presa dopo la fuga al parcheggio dellIpercoop.

Si stanno svolgendo accertamenti sulle armi per stabilire quali abbiano sparato contro i poliziotti e chi le abbia usate.