Ritorna alla pagina "Antologia"


ER  SECONNO  DILUVIO


      Er Padreterno, ner vedè la gente,
che, invece de campà tranquillamente
co ’na vita de pace e de lavoro,
s’ammazzaveno sempre fra de loro
fece chiamà San Pietro e je fa, dice:
- L’omo è un ingrato e dà solo amarezza!
Quello che ho fatto perché sia felice,
invece de godello lo disprezza;
ma nun so’ tipo io da famme sfotte,
faje un antro diluvio e bonanotte.
Ma un diluvio completo, senza l’arca,
senza le coppie e senza er patriarca. –

      San Pietro, poveraccio, tanto bono,
cercava de carmallo: - Nu’ lo fa!
Pe’ ’sta vorta concedeje er perdono,
vedrai... se cambierà... -

      - No... nun se cambia... è inutile che speri!
Da quanno che j’ho dato l’esistenza
Num m’ha saputo dà che dispiaceri,
m’ha fatto perde sempre la pazienza.
Co’ ’sta razzaccia l’acqua è puro poco...
Nun merita pietà, nun po’ fa pena,
dovrei fa piove foco...
Pietro, ubbidisci... tira la catena.

      San Pietro, senza più poté discore,
dové ubbidì sippuro a malincore;
però, de sotterfuggio,
fece annisconne un omo in un rifuggio.
Doppo un mese se volle levà er gusto
D’annallo a visità,
ma prima d’arivà sentì un trambusto
come gente che stasse a litigà.
- Chi è che fa caciara a ’sta maniera? -
Annò pe’ vede ma restò perplesso
Perché trovò, davanti a ’na specchiera,
l’omo che litigava co’ se stesso.

      - Signore mio, Signore Onnipotente,
dicevi giusto: nun c’è da fa gnente!
E io co’ tanto zelo
Lo difennevo, me pijavo pena!...
Tornò de corsa in cielo
E giù ’n’antra tirata de catena.

      E se dice che abbia borbottato:
- L’hai voluta da te... mor’ammazzato!


                da: Checco Durante
                “I miei ricordi - Le mie poesie”
                Ediz. Don Guanella, 1969.
                Pagg. 183-185.

        Checco Durante, poeta e commediografo, è morto circa una trentina di anni fa. Le sue commedie e le sue poesie in dialetto romanesco hanno rallegrato per decenni i romani presso il Teatro Rossini di Roma e, d'estate, presso la Villa Aldobrandini a Via Nazionale.
Questa poesia, comprensibile anche per chi non è "romano de Roma", scritta oltre quarant'anni fa, è di una attualità sorprendente, e può anche costituire uno spunto di riflessione in questo mondo travagliato da guerre devastanti e da litigi meschini...

Ritorna alla pagina "Antologia"