il sito di storia salernitana

a cura di Vincenzo de Simone

home siti migliori

 

 

Abbagnano Nicola, filosofo

Adinolfi Francesco, missionario

Adinolfi Matteo, politico

Adinolfi Renato, scacchista

Ajmone Cat Mario, generale

Alfani Alfredo, politico

Alfani Tommaso Maria, teologo

Alfano I, arcivescovo

Amato, vescovo, cronista medievale

Amaturo Enrico, matematico

Andria Alfonso, politico

Angrisano Antonio, attore, doppiatore

Ariano Gianmarco, maresciallo

Avallone Enzo, ballerino e cantante

Avallone Giuseppe, pittore

Avallone Mario, pittore

Avallone Pasquale, pittore, scultore

Avallone Salvatore, calciatore

Bandini Filippo, vescovo

Barbagallo Francesco, storico

Barliario Pietro, medico, alchimista

Barracano Luigi, manager d'impresa

Befulco Pietro, pittore

Bencivenni Alessandro, sceneggiatore

Beraglia Arturo, scultore, pittore

Beraglia Guglielmo, pittore

Binga Tomaso, poetessa

Boccia Vincenzo, industriale

Boggi Cavallo Pina, psicologa

Bonavitacola Fulvio, politico

Braca Vincenzo, medico, scrittore

Brindisi Bruno, disegnatore di fumetti

Brun Stefano, manager d'impresa

Buono Alessandro, pittore

Buono Pietro, pittore

Buonocore Vincenzo, giurista

Cacciatore Francesco, filosofo

Cafaro Girolamo, latinista

Calenda Costanza, medico

Califano Luigi, patologo, botanico

Calogrosso Gianotto, letterato

Calvanese Francesco, politico

Camardella Pietro, designer

Canzio Giovanni, magistrato

Canzio Mario, economista

Capece Ferrante, missionario

Capomazza Emilio, politico

Capone Antonio, calciatore

Capone Arturo, storiografo

Capone Cristoforo, medico di corte

Capone Pasquale, maggiore di artiglieria

Capone Raffaele, vescovo

Caposcrofa Nicolò, giurista

Caputo Ulisse, pittore

Caravano Ciro, cantante

Caravano Gonzalo, cantante

Carbone Vira, conduttrice televisiva

Carfagna Mara, showgirl, politica

Carmando Salvatore, fisioterapista

Carrara Domenico, acquerellista

Carucci Arturo, storiografo

Casaburi Max, maggiore

Casaburi Vittorio, chimico

Casalbore Renato, giornalista

Castellomata Abella, medico

Castellomata Giovanni, medico

Castellomata Pirro Luigi, vescovo

Cattaneo Cesare, medico pediatra

Cattaneo Francesco, canottiere

Cesaro Vito, attore, regista

Chiaromonte Gaetano, scultore

Cimino Fabrizio, vescovo

Coda Notari Elvira, regista

Cofone, medico

Colucci Gaetano, politico

Conti Rossini Carlo, studioso etiopista

Coppola Massimo, autore televisivo

Correale Matteo, capitano di vascello

Cugia Stanislao, giurista

Cuomo Giovanni, politico

D'Addario Arnoldo, archivista, storico

d'Agostino Gaetano, pittore

d'Aiello Matteo, politico

Dall'Ora Fidenzio, generale

d'Altavilla Guglielmo, duca

d'Amato Felice, vescovo

da Procida Giovanni, politico

D'Avino Giuseppe, calciatore

d'Avossa Giovanni, politico

de Angelis Michele, ingegnere, storico

De Cesare Ciro, calciatore

de Divitiis Massimo, cantante

De Donato Massimo, giornalista

De Fazio Aldo, calciatore

De Fazio Mario, politico

D'Elia Pietro, arbitro di calcio

della Porta Eufranone, domenicano

della Porta Giovanni, arcivescovo

della Porta Matteo, giurista

della Porta Tommaso, giurista

De Martino Carmine, politico

De Michelis Eurialo, letterato

de Rogata Vincenzo, pittore

de Ruggiero Matteo, funzionario regio

de Ruggiero Trotula, medico

De Sio Giuliana, attrice

de Stellatis Bernardo, funzionario regio

de Vicariis Biagio, vescovo

de Vicariis Ferdinando, vescovo

de Vivo Francesco Saverio, arcivescovo

di Capua Giuseppe, canottiere

Di Comite Francesco, politico

Di Giovanni Augusto, attore

Di Marino Gaetano, politico

di Pastina Ippolito, rivoluzionario

Discepolo Matteo, pittore, scultore

d'Onofrio Francesco, politico

Elefante Alessandro, politico

Esposito Gaetano, pittore

Fasano Alessio, medico pediatra

Fasano Enzo, politico

Fava Saverio, diplomatico

Feo Fabrizio, giornalista

Fierro Jole, attrice

Filardi Massimo, calciatore

Finizio Gennaro, calciatore

Fiore Gennaro, medico pediatra

Florenzano Giovanni, politico

Forte Casimiro, pittore

Forte Gaetano, pittore

Fortunato Andrea, calciatore

Franco Matteo, vescovo

Frugardo Ruggero, medico

Fuccillo Mino, giornalista

Fusco Luca, calciatore

Gaitelgrima, principessa di Capua

Galderisi Giuseppe, calciatore

Galdi Davide, scrittore

Galdi Federico Maria, vescovo

Galdi Matteo Angelo, patriota

Gallo Marco, velista

Garioponto, medico

Gasparini Paolo, attore

Gatto Alfonso, poeta

Gentile Carmine. calciatore

Giannattasio Nicola, calciatore a cinque

Gigliotti Vittorio, ingegnere

Giordano Silvia, cantante, attrice

Giordano Silvia, politica

Gorini Mario, letterato, pittore

Granito Matteo, arcivescovo

Grassadonia Gianluca, calciatore

Greco Matteo, cronista

Gregorio Rossella, schermitrice

Guaimario IV, principe

Guardati Tommaso, novelliere

Guarna Cola Matteo, giureconsulto

Guarna Giacomo, condottiero

Guarna Giovanni, beato

Guarna Giovanni, condottiero

Guarna Rebecca, medico

Guarna Romualdo, arcivescovo

Gugliucci Yari, attore

Guizzi Francesco, storico del diritto

Iacovazzo Carmine, calciatore

Ianniello Antonio, attore

Iannuzzi Tino, politico

Imparati Francesco, arcivescovo

Imperiali Guglielmo, diplomatico

Indelli Enrico, politico

Irace Fulvio, storico dell'architettura

Lamanda Carmine, banchiere

Lamberti Gianfranco, politico

Liberatore Matteo, teologo

Limoncelli Antonio, politico

Limoncelli Mattia, politico

Lista Stanislao, pittore, scultore

Longo Eva, politica

Longo Franco, pittore

Loria Vincenzo, pittore

Luciani Matteo, politico

Luciani Pietro, filosofo

Manzione Roberto, politico

Marchiafava Matteo, funzionario regio

Marino Camillo, critico cinematografico

Martino Renato Raffaele, cardinale

Martucci Mario, generale

Martuscelli Guido, politico

Martuscelli Vittorio, magistrato, politico

Massimino, domenicano

Mauro, medico

Mauro Clemente, politico

Mauro Gianni, cantautore, attore

Mazzella Luigi, giurista

Medici Giacomo, gerarca fascista 

Menichelli Alfredo, attore

Menna Filiberto, storico dell'arte

Mezzacapo Francesco, politico

Milanese Guido, politico

Mordente Fabrizio, matematico

Moscati Amedeo, storiografo, politico

Napoli Olga, pittrice

Nicastri Luciano, latinista

Niccolò, medico

Nuzzo Giuseppe, storico

Olivieri Achille, martire di Cefalonia

Onorato Elio, calciatore

Oricchio Antonio, politico

Orlando Angelo, sceneggiatore, attore

Paglia Ciro, giornalista

Papa Annie, attrice

Pappacarbone Alferio, abate, santo

Pappacarbone Pietro, abate, santo

Pastore Giampiero, schermitore

Patroni Dino Vincenzo, scultore

Pecoraro Scanio Alfonso, politico

Pecoraro Scanio Marco, politico

Pelo Pippo, conduttore, showman, attore

Persiano Pascal, calciatore, attore

Petrocello, medico

Petrone Carlo, politico

Pietro da Salerno, vescovo, santo

Pinto Fortunato Maria, arcivescovo

Pirro Ugo, sceneggiatore

Pisano Girolamo, politico

Piva Alessandro, regista, sceneggiatore

Plateario Giovanni, medico

Plateario Matteo, medico

Popolo Jerry, sassofonista

Priore Rosario, magistrato

Provenza Nicola, politico

Quagliariello Ernesto, biochimico

Quagliariello Gaetano, biochimico

Ragone Carlo, attore, autore teatrale

Ragosta Michele, politico

Raiola Alfredo, scultore, pittore

Ramarino Girolamo, pittore

Rescigno Pietro, giurista

Ricciardi Mario, politico

Rienzi Aida, calciatrice

Rienzi Carlo, fondatore del Codacons

Righelli Gennaro, regista

Ruggi Antonio, rivoltoso nel 1799

Ruggi Ferdinando, rivoltoso nel 1799

Russo Ivo, politico

Russo Salvatore, calciatore

Sabatini Andrea, pittore

Saggese Matteo, compositore, tastierista

Salerno Nicola Maria, letterato, pittore

Salvia Vincenzo Romano, pittore

Sanseverino Antonello, politico

Santoro Michehe, giornalista

Santucci Matteo, calciatore

Schiavo Armando, storico dell'architettura

Schiavo Olga, pittrice

Schiavone Annabella, attrice

Scozia Michele, politico

Sementa Luigi, generale dei carabinieri

Settembrino Rinaldo. calciatore

Sichelgaita, principessa

Silvatico Matteo, medico

Siniscalchi Luigi, disegnatore di fumetti

Soddu Ubaldo, generale

Soglia Gerado, politico

Sorgente Camillo, arcivescovo

Spampanato Bruno, giornalista

Stanzione Ugo, tenente

Tafuri Clemente, pittore

Tafuri Felice, pittore

Tafuri Lucio, pittore

Tafuri Raffaele, pittore

Testamento Rosa Alba, politica

Tofalo Angelo, politico

Torretta Aniello, pittore

Villani Anna, maratoneta

Visconti Roberto, politico

Vita Vincenzo Maria, politico

Vitale Mario, attore

Zottoli Angelandrea, critico letterario

 

Nota:

per Abella Salernitana si veda Castellomata Abella

per Amato di Montecassino si veda Amato

per Alfano Salernitano si veda Alfano I

per Andrea da Salerno si veda Sabatini Andrea

per Bianca Pucciarelli si veda Binga Tomaso

per Cesare Falcone si veda Pelo Pippo

per Giacomaccio da Salerno si veda Guarna Giacomo

per Gianotto da Salerno si veda Calogrosso Gianotto

per Giovanni da Salerno si veda Guarna Giovanni

per Girolamo da Salerno si veda Ramarino Girolamo

per Masuccio Salernitano si veda Guardati Tommaso

per Massimino da Salerno si veda Massimino

per Mauro Salernitano si veda Mauro   

per Niccolò Salernitano si veda Niccolò

per Pietro da Salerno (pittore) si veda Buono Pietro

per Romualdo Salernitano si veda Romualdo II Guarna

per Ruggero Salernitano si veda Frugardo Ruggero

per Sinis si veda Siniscalchi Luigi

per Ugo Mattone si veda Pirro Ugo


 

 

 

 

 

Nicola Abbagnano (15 luglio 1901 – 9 settembre 1990), filosofo

Figlio di Ulisse e di Amelia Bernabò, nel novembre 1922 si laureò in Filosofia a Napoli con una tesi che fu fondamento del suo primo libro, Le sorgenti irrazionali del pensiero (1923). Negli anni successivi insegnò filosofia e storia al liceo Umberto I di Napoli e dal 1927 al 1936 tenne l'incarico di pedagogia e di filosofia presso l'Istituto di magistero Suor Orsola Benincasa; nello stesso periodo collaborò attivamente alla rivista Logos. Dal 1936 al 1976 fu professore ordinario di storia della filosofia nell'Università di Torino, prima nella facoltà di magistero, poi, dal 1939, in quella di lettere e filosofia. Nell'immediato dopoguerra fu tra i fondatori del Centro di Studi metodologici di Torino. Nel 1950 fondò, insieme a Franco Ferrarotti, i Quaderni di sociologia; e dal 1952 fu condirettore, con Norberto Bobbio, della Rivista di filosofia. Tra il 1952 e il 1960 fu l'ispiratore del gruppo neoilluministico italiano, promotore di una serie di convegni cui parteciparono studiosi impegnati nella costruzione di una filosofia laica. Nel 1964 iniziò la collaborazione a La Stampa. Nel 1972 si trasferì a Milano, dove cominciò a collaborare al Giornale di Montanelli, e dove ricoprì la carica di consigliere comunale, eletto nelle liste del Partito Liberale, e di assessore alla Cultura.

Abbagnano fu fra i primi a diffondere in Italia, negli anni trenta e quaranta, la conoscenza delle correnti esistenzialistiche francesi e tedesche, in particolare Heidegger, Jaspers, Sartre. Fondamentale nell'espressione del suo pensiero è La struttura dell'esistenza, opera pubblicata nel 1939. Definì la propria visione filosofica come esistenzialismo positivo; esso, pur non esplicitamente formulato sistematicamente, individua la centralità dell'esistenza come momento fondativo, considerando la razionalità dell'uomo come il primo strumento in grado di garantire a questo fondamento un valore positivo contro ogni possibile nichilismo.

Oltre a porre la ragione come unico mezzo per creare un legame tra l'uomo e il mondo che lo circonda, il suo pensiero insistette molto su un chiarimento dell'orizzonte categoriale della possibilità, in contrasto con quello della necessità, tipico proprio dell'idealismo romantico e dell'esistenzialismo tedesco e francese, fatto che spiega la sua forte critica a queste due scuole filosofiche. Anche il positivismo ottocentesco fu oggetto di critica tramite la contrapposizione con le filosofie di Kant e di Kierkegaard.


torna all'indice

 

 

 

 

Francesco Adinolfi (5 giugno 1831 – 4 febbraio 1874), missionario, detto in cinese Li

Figlio di Stefano, medico, e di Carmela Celentani, entrato nella Compagnia di Gesù a Napoli nel 1847, dopo un breve periodo trascorso a Malta chiese di essere inviato in Cina, ove sarà ordinato sacerdote nel 1856. Fu rettore del collegio di Zikawei ove, nelle difficili condizioni determinate dal 1860 al 1863 dall'assedio di forze ribelli, istituì varie opere pie, fra cui l'orfanotrofio. Dal 1863 al 1865 resse i seminari minore e maggiore di Tongkatu e dal 1866 al 1868, tornato a Zikawei, vi tenne la direzione di tutte le opere gesuitiche.

La fama di eminente sinologo fece sì che gli fosse affidato nel 1872 l'ufficio d'interprete del consolato francese.


torna all'indice

 

 

 

 

Matteo Adinolfi (16 marzo 1885 – 23 gennaio 1953), politico

Figlio di Gaetano, tesoriere comunale, e di Maria Teresa Avellino, avvocato, fu eletto alla Camera dei deputati per la XXVII legislatura del Regno (1924-1929). Sottratto di fatto ai cittadini il potere elettivo, fu designato deputato dal Gran Consiglio del Fascismo per la XXVIII legislatura (1929-1934) e per la XXIX (1934-1939). Creata la Camera dei fasci e delle corporazioni al posto di quella dei deputati, vi fu designato consigliere nazionale per la XXX legislatura (1939-1943). Nel corso della XXVIII legislatura, fu membro della Giunta per il regolamento interno dal 6 dicembre 1932 al 19 gennaio 1934. Nella corso della XXIX, fu commissario per l'esame delle richieste di autorizzazione a procedere in giudizio.

 

Scheda elettorale con già stampato il per approvare la lista dei deputati designati per le legislature XXVIII e XXIX.


torna all'indice

 

 

 

 

Renato Adinolfi (9 febbraio 1929 – 16 novembre 2007), scacchista

Figlio di Vincenzo, negoziante, e di Carmela Gattola, vinse il campionato italiano assoluto di scacchi per corrispondenza nel 1976, concludendo il torneo imbattuto, con 8,5 punti su 10, davanti a Gasser e al campione uscente Baiocchi. In quello stesso anno, si ritirò dalle competizioni scacchistiche per dedicarsi al bridge.


torna all'indice

 

 

 

 

Mario Ajmone Cat (5 febbraio 1894 – 20 marzo 1952), generale

Nato da Ferdinando, all'epoca capitano dei carabinieri, e da Maria Domenica Sparano, nel 1907 entra al Collegio militare di Roma e nel 1911 all'Accademia di Torino, ove nel 1913 è nominato sottotenente di artiglieria. Nel 1915 frequenta il corso di osservatore d'aeroplano. Nel 1916, come capitano, è assegnato al battaglione Squadriglie Aviatori; nello stesso anno segue a Mirafiori il corso di pilotaggio. L’anno successivo è al comando della 33ª squadriglia Farman, poi rinominata 3ª squadriglia Saml, con la quale prende parte alla campagna di Macedonia. Fino al 1923 fa parte del 3° raggruppamento da ricognizione; il 16 ottobre 1923, cessa di appartenere all'esercito ed entra in aeronautica, prestando servizio presso il 19° stormo aeroplani da ricognizione.

Nel 1927, da tenente colonnello, assume il comando della Scuola di Osservazione Aerea, che tiene fino all'ottobre del 1929, quando, promosso colonnello, diviene comandante del 2° stormo, per poi passare alla Direzione Generale dei Servizi, del Materiale e degli Aeroporti fino al 1931; comanda in seguito il 7° stormo bombardamento fino al 15 ottobre 1932, quando assume le funzioni di sottocapo di Stato Maggiore della 3ª Zona Aerea Territoriale, incarico che lascia nel 1934 per passare a comandare la Scuola di Guerra Aerea; mantiene tale incarico a più riprese fino al 15 febbraio 1940. La prima interruzione è fra l'agosto del 1935 e l'agosto del 1936, quando da generale di brigata partecipa alla guerra in Africa Orientale come comandante dell'Aeronautica di quell'area. Nel febbraio 1936 è promosso generale di divisione, mentre la promozione a generale di squadra l'avrà il 14 aprile del 1939. Dopo un secondo incarico di comandante della Scuola di Guerra, fra il 19 novembre 1936 e il 16 maggio 1939 è comandante della 4ª Zona Aerea Territoriale, e poi, dopo un terzo incarico alla Scuola di Guerra, il 28 giugno 1940 è comandante della 3ª squadra aerea e poi, dal febbraio 1941, della 5ª squadra aerea in Libia.

In seguito a dissapori con i comandi tedeschi da un lato e con il comando terrestre italiano, viene sollevato dall'incarico e chiamato al Comando Generale delle Scuole. Dopo l'armistizio dell'8 settembre, è collocato in licenza illimitata e rimane a Roma durante l'occupazione nazista; il 13 novembre 1944 viene nominato capo di Stato Maggiore dell'aeronautica, incarico che riveste con continuità fino al 5 febbraio 1951.


torna all'indice

 

 

 

 

Alfredo Alfani (14 settembre 1938 – 5 marzo 1984), politico

Nacque in via Vernieri da Mario, ragioniere, e da Nicoletta di Vita. Impiegato residente a Teramo, fu eletto al Senato per la IX legislatura (1983-1987), che non portò a compimento morendo prematuramente, nella regione Abruzzo con il Partito Comunista Italiano. Dall'11 agosto 1983, fu segretario dell'8ª commissione (Lavori pubblici e Comunicazioni).


torna all'indice

 

 

 

 

Tommaso Maria Alfani (1679 circa – 26 agosto 1742), teologo

Vestì l'abito domenicano il 29 dicembre 1698 nel convento cittadino di Santa Maria della Porta, ove nel 1709 fondò l'accademia degli Irrequieti; si porterà poi a Napoli, nel convento di San Domenico Maggiore. Studioso di storia letteraria, filologia classica, erudizione sacra e profana, dopo il 1714 le sue ricerche lo portarono in viaggiò per tutto il Regno, con lungo impegno presso l'archivio della Santissima Trinità di Cava.

Ebbe rapporti amichevoli e carteggi con i principali studiosi dell'epoca, tra cui Giambattista Vico, Pier Catterino, Apostolo Zeno, Angelo Calogerà, Lodovico Antonio Muratori, Jean Leclerc. Sua prima pubblicazione fu il volumetto De summi pontificis auctoritate (1715). Fra le altre si ricordano: Istoria degli anni santi dal di loro solenne incominciamento per insino a quello del regnante sommo pontefice Benedetto XIII (1725); Vita ed uffizj del vescovo (1729); Racconto istorico della vita e morte di S. Montano (1730); Il celeste principato di S. Michele arcangelo come signifero della croce (1731).


torna all'indice

 

 

 

 

 

Antico stemma dell'ordine

benedettino

Alfano I (1017 circa – 9 ottobre 1085), arcivescovo di Salerno (1058-1085),

detto Alfano Salernitano

Di nobile famiglia, coltiva la musica, la poesia, la medicina nella Scuola cittadina. Conosce il monaco Desiderio, venuto in città in cerca di cure mediche. Esposto a pericoli non chiari, forse perché i suoi fratelli sono coinvolti nella congiura che porta all’uccisione del principe Guaimario IV (1052), parte per Benevento, ove rimane per qualche tempo nel monastero di Santa Sofia, dal quale passa a quello di Montecassino.

Nel 1057, richiesto da Gisulfo II, è eletto abate di San Benedetto di Salerno. Stefano IX, suo amico e confratello nell’abbazia di Montecassino, lo promuove arcivescovo l’8 marzo 1058; con bolla del 24 seguente gli conferma diritti e privilegi; per la prima volta compare come suffraganea di Salerno la diocesi di Martorana e per l’unica volta quella di Cassano. Nel marzo 1066 erige la diocesi di Sarno, di cui nomina Riso primo vescovo. Nel 1067 farà altrettanto per Nusco e fra il 1070 e il 1080 per Acerno. Il 1° ottobre 1071 interviene alla solenne consacrazione della basilica di Montecassino, eretta dall’amico Desiderio.

Il 13 dicembre 1076, dopo un assedio che durava da maggio, Roberto il Guiscardo entra in città; dovrà lottare ancora fino agli inizi di giugno prima che Gisulfo II, rifugiatosi nel castello, sia convinto ad arrendersi dalla promessa di lasciare incolume la città; si recherà prima a Napoli e Capua, quindi a Roma. Alfano si ritrova con il duca Roberto colto dalla scomunica fin dal 1074, rinnovata dal sinodo romano del 24-28 febbraio 1075. La vicenda si conclude felicemente con l’incontro di Ceprano fra il Guiscardo e Gregorio VII del 29 giugno 1080. Nel settembre successivo sono già in corso i lavori per l'edificazione del duomo normanno e in ottobre Roberto conferma alla Chiesa salernitana beni, prerogative e quant’altro. Nel giugno 1084 avviene la consacrazione della nuova cattedrale da parte di Gregorio VII.

In campo medico, Alfano tradusse dal greco il Premnon physicon o De natura hominis di Nemesio e fu autore di più opere tra cui De pulsis, Experimenta archiepiscopi salernitani, Tractatus de quibusdam medicinalibus, De quattuor humoribus corporis humanis.   


torna all'indice

 

 

 

 

Amato (1010 circa – 1° marzo di un anno imprecisato di fine XI secolo), vescovo, cronista medievale, detto Amato di Montecassino

Esponente della fioritura anche letteraria che caratterizzò la vita del monastero dei benedettini cassinesi nell'XI secolo sotto la guida dell'abate Desiderio, Amato è detto salernitano (de la cité de Salerno) dal volgarizzatore della sua Historia Normannorum, ancorché il de Bartholomaeis ne dubiti senza, però, portare solide argomentazioni. Certamente fu anche vescovo, forse identificabile con l'Amato che resse la diocesi di Capaccio certamente dal 1047 al 1058; in tale ipotesi, la sua monacazione farebbe seguito all'episcopato, cui avrebbe rinunziato.

Oltre che della citata Historia Normannorum, in otto libri, dedicata al suo abate Desiderio, la cui narrazione va dal 1016 al 1078, purtroppo giunta fino a noi solo in una vulgata francese del XIV secolo, fu autore del De Gestis apostolorum Petri et Pauli, in quattro libri in versi esametri, dedicato a Gregorio VII, composto forse fra il 1077 e il 1079; del De laude eiusdem pontificis (Gregorio VII), come ci informa Pietro Diacono, andato perduto; del De duodecim lapidibus et civitate caelesti Hierusalem.       


torna all'indice

 

 

 

 

Enrico Amaturo (22 maggio 1863 – 25 maggio 1946), matematico

Figlio di Gaetano, possidente, e di Carmela Pepe, si laureò a Napoli in matematica nel 1884 e in ingegneria civile nel 1886. Fu prima assistente, poi libero docente di geometria descrittiva e di storia delle matematiche. La sua attività riguardò principalmente la teoria dell'elasticità, la geometria descrittiva e la geometria algebrica (particolari trasformazioni cremoniane). Suoi studi furono stampati dall'accademia Regia delle Scienze fisiche e matematiche.

Nel 1887 aveva tentato di mettere a frutto la sua seconda laurea con un progetto di sventramento del centro storico cittadino, in particolare Fornelle e San Giovanniello, che per fortuna della città non ebbe seguito.


torna all'indice

 

 

 

 

Alfonso Andria (27 maggio 1952), politico

Laureato in giurisprudenza, dirigente dell'Ente provinciale del turismo, è stato consigliere comunale a Salerno e presidente della provincia dal 1994 al 2004, quando è eletto al Parlamento europeo per la lista Uniti nell'Ulivo. Europeista convinto, aderisce al Partito Democratico Europeo ed è iscritto al gruppo dell'Alleanza dei Democratici e Liberali per l'Europa. È membro della commissione per lo Sviluppo regionale; della commissione per l'Ambiente, la Sanità pubblica e la Sicurezza alimentare; della delegazione per le relazioni con gli Stati Uniti; della delegazione per le relazioni con Svizzera, Islanda e Norvegia.

Sconfitto da Vincenzo De Luca (pidiessino in rottura con la linea del partito in Campania) nelle elezioni comunali del 2006, nel 2008, in presenza di una legge elettorale che sottrae agli elettori la scelta dei parlamentari demandandola alle dirigenze dei partiti, è designato senatore per la XVI legislatura (2008-2013). Sarà prima membro, poi vicepresidente della 9ª commissione (Agricoltura e Produzione agroalimentare) e, dal 9 maggio 2008 al 21 febbraio 2009, ministro ombra delle Politiche agricole per il Partito Democratico.


torna all'indice

 

 

 

 

Antonio Angrisano (15 dicembre 1956), attore, doppiatore

Figlio dell'attore Franco, ha iniziato a recitare da bambino partecipando agli sceneggiati televisivi La vita di Giuseppe Marotta e I ragazzi di Padre Tobia. Nel 1977-80 partecipa a Settembre al borgo, rassegna teatrale di Casertavecchia. Nel 1979 è con Eduardo De Filippo in La donna è mobile e La fortuna di Pulcinella. Nel 1990 recita nella commedia musicale Tripoli bel suol d'amore di Gianni Gugliotta. Nel '99, all'Estate versiliana, porta in scena L'ereditiera di Annibale Ruccello. Nel 2007 è protagonista di Merçi beaucoup, thank you, grazie tante Gorni Kramer per la regia di Paolo Modugno.
Per la televisione è stato impegnato, fra l'altro, nelle commedie di Eduardo De Filippo Le voci di dentro, Il sindaco del rione Sanità, Il contratto, Il cilindro e nelle serie Un posto al sole, La squadra, Carabinieri 4, Incantesimo 5, Lui e lei, Tequila & Bonetti, Distretto di polizia 8 e 9, Crimini bianchi, Il tredicesimo apostolo 2, Squadra antimafia 6, Impazienti.

In cinema, ha partecipato a Razza Selvaggia di Pasquale Squitieri (1979), a Mafia, una legge che non perdona di Roberto Girometti (1980) e a Così vanno le cose di Francesco Bovino (2007). Quale doppiatore, oltre a dare voce a diversi cartoni animati, fra cui Flip in L'ape Maia e Poseidone in Ulisse - Il mio nome è Nessuno, ha doppiato, fra i tanti, Jude Ciccolella in Million dollar baby, Flenn Morshower in Good night and good luck, Jimmy Palumbo in Cose nostre - malavita, Simon Yam in Wake of death.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Gianmarco Ariano (21 ottobre 1970), maresciallo dei carabinieri, medaglia d'oro al valor civile

[D.P.R. 12 maggio 2003]. Roma, 8 marzo 2002. Con ferma determinazione e cosciente sprezzo del pericolo, si poneva all’inseguimento di tre malviventi autori di una rapina ai danni di un istituto di credito, riuscendo a raggiungere uno dei malfattori e desistendo solo dopo che, nel corso di una violenta colluttazione, veniva raggiunto da un colpo di pistola esploso dal rapinatore per assicurarsi la fuga. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere.


torna all'indice

 

 

 

 

Enzo Avallone (8 ottobre 1955 – 3 gennaio 1997), ballerino, cantante e attore

Giovanissimo allievo del Centro studi danze classiche di Salerno, perfezionò gli studi con Walter Venditti della Scala di Milano, con Rossella Hightower a Cannes, con Alfredo Koller

a Bologna. Debuttò in teatro come primo ballerino ai primi anni settanta con la Carmen di Bizet, condividendo la scena con Kayo Mafune e Margherita Trayanova.
Nel 1977 fu scelto per il programma televisivo Piccolo Slam, cui seguirà, 1979, Fantastico, al fianco di Heather Parisi. Nello stesso anno apparve sul grande schermo in Baila Guapa di Adriano Tagliavia con lo pseudonimo di Al Midweg. Nel 1980 incise un 45 giri con i brani Ti chiami Africa e l'ironico Sorrisi, cui seguiranno l'album Viaggio (stesso anno), e gli altri singoli Ghiaccio (1981) e Calypso (1982), inferiori per successo al disco di esordio.
In quello stesso anno, l'esclusione dell'ultima ora, per motivi mai chiariti, dallo sceneggiato televisivo Marco Polo, di cui avrebbe dovuto essere il protagonista, segnò l'inizio della parabola discendente, nonostante continuasse ad impegnarsi in spettacoli teatrali anche di un certo successo. Nel 1988, il clamoroso arresto per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti segnò la fine della carriera. L'AIDS lo spegnerà a quarantuno anni.
In sua memoria la Associazione Culturale Diffusione Danza di Salerno ha istituito il Premio Enzo Avallone, conferito annualmente ad un personaggio dello spettacolo, ad una carriera artistica, al talento di un giovane promettente.


torna all'indice

 

 

 

 

Giuseppe Avallone (6 gennaio 1856 – 1940), pittore

Nacque alle Fornelle da Pasquale, pescivendolo, e da Francesca Grippa. Frequentò il Regio Istituto di Belle Arti di Napoli, ove fu allievo prediletto di Domenico Morelli, che lo segnalò per l'assegnazione di una borsa di studio che gli permise di recarsi a Vienna nel 1873 in occasione dell'Esposizione Universale. Nel suo periodo napoletano decorò una sala dello stesso Istituto di Belle Arti e collaborò alla decorazione del caffè Gambrinus. Tornato a Salerno, fu insegnante presso scuole cittadine, oltre che maestro privato dei figli Pasquale e Mario e dei nipoti Arturo e Guglielmo Beraglia. Abile decoratore, eseguì grandi cicli in chiese e edifici pubblici della Campania e della Basilicata (chiese di Santa Maria dei Greci e di Santa Caterina a Caggiano, cattedrale di Muro Lucano, chiesa di San Nicola a Coperchia, sale consiliari delle province di Salerno e di Potenza) e in numerosi palazzi e case nobiliari. Innumerevoli e di pregio i ritratti e i paesaggi.

 

 

Giuseppe Avallone, La danza delle Muse, soffitto del salone di Palazzo Materazzi a Serramezzana (SA); a destra, particolare.


torna all'indice

 

 

 

 

Mario Avallone (16 novembre 1898 – 10 agosto 1953), pittore

Figlio di Giuseppe, pittore, e di Anna Avallone, autodidatta sotto la guida del padre e del fratello maggiore Pasquale, sviluppa una pittura costruita con pochi elementi e fortemente intimista. Dopo aver collaborato ad alcuni periodici cittadini come disegnatore caricaturista, a metà degli anni venti del Novecento si reca a Venezia, attratto dall'atmosfera decadente della città, ove realizza un gran numero di opere che esporrà a Salerno nel 1929 nella mostra Paesaggi veneziani.

Ragazzo, aveva partecipato alla prima guerra; è richiamato per la seconda, uscendone profondamente segnato nello spirito. L'ultimo decennio di vita lo trascorre dedicandosi essenzialmente ad una ritrattistica dalle pennellate lievi, di effetto fotografico, in contrasto con l'esuberanza dei tratti sanguigni del concittadino Clemente Tafuri.

Mario Avallone, Donna al grammofono.


torna all'indice

 

 

 

 

Pasquale Avallone (3 giugno 1884 – 18 febbraio1965), pittore e scultore

Figlio di Giuseppe, pittore, e di Anna Avallone, allievo prima del padre, poi presso il Regio Istituto di Belle Arti di Napoli, al quale fu ammesso nel 1903 grazie ad una borsa di studio della Provincia e presso la quale ebbe il concittadino Stanislao Lista quale maestro di disegno, fu, oltre che scultore (monumenti a Matteo Luciani, ai caduti a Baronossi, alle vittime dell'alluviane), ritrattista e paesaggista incline alla riflessione lirica, affreschista (chiesa di Santa Caterina a Caggiano), ma soprattutto decoratore di edifici pubblici cittadini (Banca d'Italia, Camera di Commercio, sede della Provincia, Palazzo di Città); è in quest'ultimo ambito che si coglie il suo accostarsi ai miti e ai riti celebrativi del fascismo con le loro tendenze all'eroica, che vediamo esplodere nel fregio del salone dei Marmi della sede comunale, nel quale è descritta la storia della città.

 

Pasquale Avallone,

Fregio del salone dei Marmi, Salerno, Palazzo di Città.

 

L'opera è costituita da dodici pannelli che si sviluppano per centoventidue metri quadrati.


torna all'indice

 

 

 

 

Salvatore Avallone (30 agosto 1969), calciatore (centrocampista), dirigente sportivo

Dopo due stagioni al Valdiano (1986-87 e1987-88) è in serie A con la Juventus (1988-89 e 1989-90) vincendo la Coppa UEFA 1989-90 con presenza nella finale di ritorno contro la Fiorentina. Sarà poi all'Avellino (1990-91), al Casale (1991-92), all'Alessandria per cinque stagioni (1992-97), alla Nocerina per altre cinque (1997-02), al Varese (2002-03 e 2003-04), alla Juve Stabia (2004-05 e 2005-06).
Dopo il ritiro, ha prima svolto il ruolo di team manager nella Salernitana, per poi essere dirigente del Messina con il collega Angelo Fabiani. Direttore sportivo del Sorrento Calcio dalla stagione 2010-11, dopo un passaggio alla Juve Stabia, ritorna alla Salernitana nella stagione 2014-15.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Filippo Bandini (7 maggio 1733 – 1806), vescovo di Larino (1798-1806)

Figlio di Pietro e di Elisabetta Pandolfo, nacque nella parrocchia di San Grammazio. Fu ordinato sacerdote il 3 aprile 1756 con dispensa per età insufficiente, quindi fu membro del capitolo della cattedrale. Il 9 gennaio 1798, a seguito della nomina regia del precedente novembre, fu confermato da Pio VI vescovo di Larino, ove sopraelevò l'episcopio, restaurò la cattedrale, fondò monti di pietà e un ospedale con oltre cento posti letto.


torna all'indice

 

 

 

 

Francesco Barbagallo (5 febbraio 1945), storico

Figlio di Corrado, impiegato, e di Anna Senatore, si laurea in giurisprudenza all’Università di Napoli nel 1967. Assistente ordinario di storia moderna nello stesso ateneo dal 1969, è professore incaricato di storia delle istituzioni politiche nell’Università di Salerno dal 1972 e ordinario di storia dei movimenti e dei partiti politici nel 1980. Dal 1981 al 2015 è ordinario di storia contemporanea all’Università di Napoli, direttore del dipartimento di discipline storiche e presidente del corso di laurea magistrale in scienze storiche.Dal 1983 al 2016 è stato direttore della rivista Studi Storici.

I suoi studi interessano la storia contemporanea, in particolare del Mezzogiorno, nelle varie dinamiche sociali, politiche, culturali e delle organizzazioni criminali. Fra le sue opere si segnalano: Mezzogiorno e questione meridionale, 1860-1980 (1980); Stato, parlamento e lotte politico-sociali nel Mezzogiorno, 1900-1914 (1980); Napoli fine Novecento. Politici, camorristi, imprenditori (1997); Il potere della camorra, 1973-1998 (1999); Lavoro ed esodo nel sud (2008); Storia dell'Italia repubblicana (2009); Storia della camorra (2010).


torna all'indice

 

 

 

 

 

Salerno, Museo diocesano,

Crocifisso detto di Barliario.

Pietro Barliario (1055 – 24 marzo 1149), astrologo, medico, alchimista

La fantasia popolare ne fece una figura di mago e negromante, creandogli intorno innumerevoli episodi fantastici. Secondo il testo a lui riferito più antico giunto fino a noi, Pietro, che doveva i suoi poteri soprannaturali al possesso di un libro magico ottenuto attraverso un patto col demonio, si sarebbe pentito in vecchiaia della sue relazioni pericolose a seguito della tragica morte dei nipotinì, che, inconsciamente, avevano trafficato nel suo laboratorio alchemico e sfogliato il libro diabolico. A seguito dell'episodio, entrato in religione presso il monastero di San Benedetto di Salerno, vi sarebbe morto il 24 marzo 1149, all'età di poco più di novantatre anni.

Gli episodi più noti attribuiti a Pietro sono la costruzione, con l'ausilio di demoni, in una sola notte, dell'acquedotto medievale di Salerno e il perdono dei peccati ottenuto con tre giorni e tre notti di preghiere, recitate in ginocchio, davanti ad un crocefisso dipinto su legno, allora custodito presso il monastero benedettino, oggi presso il Museo diocesano, che in segno di assenso alle sue invocazioni chinò il capo. Il secondo episodio, richiamando folle accorse per a loro volta invocare l'icona, diede l'avvio alla fiera del Crocifisso, che ancora si tiene in città nei venerdì di marzo, escluso quello eventualmente coincidente con il Venerdì Santo.    


torna all'indice

 

 

 

 

Luigi Barracano (24 febbraio 1860 – 2 giugno 1950), manager d'impresa

Figlio di Carmine, negoziante, e di Raffaela Pagliara, diplomatosi ragioniere, nel 1883 fu assunto alla Camera di commercio della quale raggiungerà, nel 1908, la vicepresidenza. Nel contempo, dette il suo apporto ad imprese nei settori più disparati: dai laterizi della Solid, ai cementi di una società che nel 1926 sarà assorbita dall'Italcementi; dai cuoiami della Conceria salernitana, alla refrigerazione della Società industriale meridionale; dagli alimentari de La Meridionale e della Società molini e pastifici meridionali, alle costruzioni della Società anonima per l'incremento edilizio del Mezzogiorno. Fu anche chiamato alla presidenza della Banca del Mezzogiorno, nella speranza che la sua esperienza e le sue molteplici relazioni potessero imprimerle quell'impulso necessario per avviarla a destini più fulgidi, scriveva Il Risorgimento salernitano il 25 febbraio 1924.

In politica, fu consigliere comunale di Salerno dal 1905 al 1912 e in occasione delle elezioni politiche del 1919 accettò la candidatura nella lista del giolittiano e massone Giovanni Camera, ma ottenne meno di ottocento suffragi. Fervente fascista della prima ora, alla caduta dal regime si ritirerà a vita privata. Nel 1932 era stato insignito della commenda dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro.  

 

Secondo alcune fonti, il cognome della madre sarebbe stato Pagliasco. Quello qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1860 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Pietro Befulco (XV-XVI secolo), pittore

Dell'artista esiste alla Pinacoteca di Capodimonte a Napoli una tavola raffigurante la Madonna e cinque santi firmata e datata 1490. La sua analisi stilistica ha permesso a Ferdinando Bologna di attribuirgli le opere del cosiddetto Monogrammista PTR, ossia di un artista che con tale sigla si firmava, che invece precedentemente era stato identificarsi con l'altro salernitano Pietro Buono.    

Monogrammista PTR (Pietro Befulco), Madonna col Bambino in trono fra i Santi Teodoro e Girolamo, 1500. Cassano Allo Ionio, Museo diocesano; una volta nella chiesa di San Teodoro a Laino Castello. 


torna all'indice

 

 

 

 

Alessandro Bencivenni (8 gennaio 1954), sceneggiatore

Laureato in lettere, diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia, dopo una esperienza di sceneggiatore nel campo dei fumetti con Topolino, passa a scrivere per il cinema con il regista Neri Parenti per il film Superfantozzi (1986) con Paolo Villaggio. Successivamente è abitualmente incluso nel gruppo di Neri Parenti per le sceneggiature dei film interpretati da Villaggio. Con Enrico Oldoini e Domenico Saverni concepisce la serie televisiva Don Matteo (2000) con Terence Hill. Nel 2006 torna con Neri Parenti per le sceneggiature dei cinepanettoni, da Natale a New York a Colpi di fortuna (2013), per poi proseguire nella saga natalizia con il regista Volfango De Biasi. Con Domenico Saverni e Mario Monicelli collabora alla scrittura de Le rose del deserto (2006), candidato per la sceneggiatura ai Nastri d'Argento. Dal 2000 affianca l'attività a quella di docente di sceneggiatura ed è autore di numerosi articoli e saggi sul mondo del cinema, quali le monografie su Luchino Visconti, Peter Greenaway e Hayao Miyazaki, o il volume sulla scrittura cinetelevisiva Ricordare, sognare, sceneggiare (2009). Ha vinto per dieci volte le Chiavi d'Oro, premio degli esercenti ai maggiori successi dell'anno.


torna all'indice

 

 

 

 

Arturo Beraglia (2 aprile 1886 – 1968), scultore, pittore

Figlio di Alfonso, sarto, e di Cristina Avallone, fu allievo, con i cugini Pasquale e Mario e con il fratello Guglielmo, dello zio materno Giuseppe. Sopratutto scultore, come è definito il 16 giugno 1928 nell'atto del matrimonio con Antonietta Casella, quando aveva già realizzato, fra l'altro, il medaglione bronzeo per la tomba della famiglia Colella nel cimitero cittadino e il pannello sul portale della chiesa di Sant'Agostino, in pittura, in particolare nella paesaggistica, il suo stile risentì ampiamente sia delle influenze naturalistiche dei modi familiari che delle suggestioni impressionistiche, come nel piccolo lavoro (solo cm. 10,5x15), convenzionalmente detto Marina, qui riprodotto.

 

Alcune fonti indicano la data di nascita genericamente al 1885 o al 1895. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1886 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Guglielmo Beraglia (27 ottobre 1898 – 23 novembre 1978), pittore

Figlio di Alfonso, sarto, e di Cristina Avallone, fu allievo, con il fratello Arturo e i cugini Pasquale e Mario, dello zio materno Giuseppe. Artista eclettico, dagli innumerevoli modi espressivi, passa dall’olio al pastello, dal ritratto al paesaggio, fatto di marine, di paesetti della costiera amalfitana, di angusti sentieri tra i monti cilentani, con la stessa intensità di emozioni e armonia di linguaggio. Il suo stile, alieno a manifestazioni d’avanguardia, rientra nella tradizione naturalistica della pittura partenopea e, soprattutto, salernitana. 
La vivacità cromatica racchiusa in un luminoso e sensibile equilibrio, la pennellata scorrevole e precisa, la trasparenza del colore, la limpidezza delle immagini dal sicuro disegno, fanno delle sue opere arte genuina e autentica, di una comunicazione diretta e schietta, che rappresenta il fine cui ogni artista tende: trasmettere all'osservatore il proprio messaggio di intima poesia.
 

Guglielmo Beraglia, Donna seduta


torna all'indice

 

 

 

 

Tomaso Binga (20 febbraio 1931), poetessa, al secolo Bianca Pucciarelli

Figlia di Nicola, impiegato, e di Maria Bucciano, sposerà a Roma, il 15 giugno 1959, lo storico dell'arte moderna Filiberto Menna. Lo pseudonimo Tomaso Binga lo adotta in forma di protesta a fronte dei privilegi del mondo maschile rispetto al femminile. Ha insegnato teoria e metodo dei mass media presso l'Accademia delle Belle Arti di Frosinone e dal 1970 si occupa di scrittura verbovisiva e poesia sonora, visiva e performativa di cui è fra le figure di punta. Oltre ad aver partecipato a numerose rassegne, manifestazioni e festival di poesia d'avanguardia, ha portato la scrittura verbovisiva e la poesia sonora al grande pubblico partecipando a trasmissioni radiofoniche e televisive, in particolare, negli anni Novanta, ad alcune puntate del Maurizio Costanzo Show. Dal 1974 dirige l'associazione culturale Lavatoio Contumaciale che si occupa di poesia, arti visive, letteratura, musica e multimedialità. Dal 1992 è vicepresidente della fondazione Filiberto Menna, centro studi d'arte contemporanea di Salerno, che promuove iniziative e progetti volti a diffondere ed approfondire la conoscenza del presente dell'arte.


torna all'indice

 

 

 

 

Vincenzo Boccia (12 gennaio 1964), industriale

Figlio di Orazio, fondatore nel 1961 di una tipografia artigianale che sei anni dopo diventa la società a responsabilità limitata Arti Grafiche Boccia, laureato all'Università degli studi di Salerno in economia e commercio, è amministratore delegato dell'azienda di famiglia. Già vicepresidente nazionale dei giovani imprenditori nel 2000, è stato presidente regionale per la Campania della piccola Industria nel 2003, qiondi vicepresidente nazionale nel 2005; dallo stesso anno è stato anche vicepresidente nazionale di Confindustria. Il 31 marzo 2016 il consiglio generale dell'associazione lo designa presidente nazionale ed effettivamente ne sarà eletto nell'assemblea del 25 maggio 2016 per il quadriennio 2016-2020.


torna all'indice

 

 

 

 

Pina Boggi Cavallo (10 aprile 1933 – 15 aprile 2016), psicologa

Nacque da Paolo, meccanico, e da Anna Armido e fu registrata all'anagrafe come Maria Giuseppa. Ordinario di psicologia all’Università di Salerno, è stata fra i primi studiosi a considerare in chiave femminista della figura della medichessa Trotula de Ruggiero, a cui ha dedicato il libro Sulle malattie delle donne (1979). Autrice di numerose pubblicazioni, fra cui La costruzione sociale del sé: divisione fra i sessi e identità di ruolo (1983), Gruppi di adolescenti e processi di socializzazione (1990), Il bambino e lo sviluppo (1996), ha portato sempre contributi di idee innovative e personali. Una grande maestra di scienza, di vita, di umanità - fu, in sua scomparsa, il ricordo commosso di Mario Capunzo, direttore del dipartimento di Medicina, Chirurgia ed Odontoiatria dell’Università di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Fulvio Bonavitacola (18 novembre 1957), politico

Avvocato amministrativista, già consigliere comunale, assessore e vicesindaco di Salerno (1980-1993), nel 2008, in presenza di una legge elettorale che sottrae agli elettori la scelta dei parlamentari demandandola alle dirigenze dei partiti, fu designato alla Camera dei deputati per la XVI legislatura (2008-2013) nella circoscrizione Campania 2 con il Partito Democratico. Sarà membro della 9ª commissione (Trasporti, Poste e Telecomunicazioni). Confermato nel 2013 per la XVII legislatura, è stato alla 5ª commissione (Bilancio, Tesoro e Programmazione) e all'11ª (Lavoro). Nominato vicepresidente della regione Campania il 6 luglio 2015, il 25 successivo, a causa dell'incompatibilità tra le cariche ricoperte, rassegna le dimissioni da quella di parlamentare, cessando il mandato il 29 luglio.


torna all'indice

 

 

 

 

Vincenzo Braca (1566 – dopo il 1614), medico e scrittore

Sposato con Angela Corbellese, fra il 1593 e il 1596 si laureò medico presso la Scuola salernitana, essendo priore Metello Grillo; quindi esercitò prima a Napoli poi a Cava e nel 1612 lo ritroviamo fra i membri dell'Almo Collegio.  

Ma il suo nome è associato soprattutto al genere letterario della farsa cavaiola. Le opere a lui riconducibili sono raccolte in due manoscritti conservati dalla Biblioteca Nazionale di Napoli (ms. IX.F47 e XIV.E45): il primo è considerato autografo, per cui il suo contenuto è da attribuire interamente a Braca; il secondo, non autografo, ha molte composizioni in comune con il primo.

La farsa cavaiola fu genere teatrale incentrato sull'archetipo del cavaiuolo, ossia il villico cavese che dai salernitani è immaginato in tratti grossolani e caricaturali. Il genere dovette conoscere una notevole fioritura, con numerose produzioni, ma di quello che doveva costituire un cospicuo corpus è sopravvissuto ben poco. La penuria di testimonianze rende Vincenzo Braca praticamente l'unico autore di cui si conosca il nome. I soli componimenti giunti fino a noi che lo precedono sono il Cartello di sfida cavajola e la Ricevuta dell'imperatore, entrambi di autori rimasti anonimi.

 

Mario Lamberti, saggio sull'opera di Vincenzo Braca, 2017


torna all'indice

 

 

 

 

 

Bruno Brindisi (3 giugno 1964), disegnatore di fumetti

La prima parte della carriera è simile a quella di Roberto De Angelis e Luigi Siniscalchi, con i quali forma la cosiddetta scuola salernitana (pur essendo De Angelis napoletano); esordisce infatti sulla rivista Trumoon, fra i cui fondatori figurano il cavense Raffaele Della Monica e il giffonese Giuliano Piccininno, per poi passare a disegnare fumetti erotici per la Blue Press e per la Ediperiodici, quindi per le Edizioni Cioè e le Edizioni Acme.

Nel 1991 è arruolato da Bonelli per lo staff di Dylan Dog; per lo stesso editore lavora anche ad episodi di Nick Raider e al Tex speciale del 2002, su testi di Claudio Nizzi. Dopo una parentesi con il primo episodio di Brad Barron di Tito Faraci, prosegue la collaborazione con il Dylan di Bonelli, di cui è diventato uno degli autori più rappresentativi, arrivando a realizzare episodi importanti come il n. 200 della serie regolare e quelli del ventennale della testata pubblicati nel 2006.

Per la qualità del suo lavoro è insignito del premio della giuria del Comicon 2003: Ad un giovane caposcuola del fumetto che ha dimostrato qualità tecniche ed artistiche di eccezionale livello. Per la capacità di descrivere ed evocare incubi e sogni, paesaggi reali e fantastici, mettendo il proprio stile a servizio dell’avventura e del divertimento.

Nel 2009 rilascia una intervista per il volume Lezioni di Fumetto: Bruno Brindisi. Una linea chiara per raccontare l'orrore (Coniglio Editore) nella quale racconta la sua infanzia, gli esordi, i rapporti con i personaggi che lo hanno reso famoso e le sue tecniche di disegno.

Nel 2012, approda all'Astorina, disegnando l'albo Il segreto di Diabolik; nel dicembre di quell'anno esce La rivolta dei Sepoy, terzo numero della collana Le storie. Il 21 febbraio 2013 è stato pubblicato il primo numero della Collezione storica a colori, ristampa della serie Dylan Dog con copertine inedite da lui firmate.


torna all'indice

 

 

 

 

Stefano Brun (10 febbraio 1882 8 novembre 1961), manager d'impresa

Figlio di Luigi, impiegato, e di Lucrezia de Vito, laureatosi in ingegneria industriale a Napoli nel 1904, lavorò prima alla Compagnia napoletana del gas quindi alla Società generale di elettricità assumendo la direzione degli impianti di Castellammare di Stabia e, dal 1911, anche di quelli di Torre Annunziata. Durante la prima guerra mondiale lavorò per il Comitato di mobilitazione industriale e collaborò alla direzione dello spolettificio torrese. Dal 1922 al 1929 diresse la Società elettrica della Campania; fu quindi amministratore delegato della Società generale elettrica napoletana, poi assorbita dalla Società meridionale di elettricità di cui fu consigliere di amministrazione. Nel secondo dopoguerra fu anche consigliere della Società generale pugliese di elettricità e presidente della Società lucana di elettricità e della Compagnia meridionale del gas. Nel settore elettromeccanico, fu amministratore poi presidente dell’Officina costruzioni napoletana.

Dal 1945 al 1961, quando abbandona le attività, è presidente della Camera di commercio di Napoli. Nel contempo (1954-1959) è presidente dell’Istituto per lo sviluppo economico dell’Italia meridionale e dell’Unioncamere (1947-1961), segnalandosi per la creazione del Bureau international d’information pour les Chambres de commerce in seno alla Camera di commercio internazionale. Ancora è consigliere d'amministrazione della Banca dei comuni vesuviani, della Fabbrica accumulatori Partenope, della Società autostrade meridionali; vicepresidente della Navalmeccanica; presidente della società di navigazione Tirrenia.
In campo extra industriale, fu presidente dell’Istituto d’arte e consigliere d’amministrazione dell’Università di Napoli e dell’Istituto suor Orsola Benincasa.
Insignito di molte onorificenze italiane e straniere, fra le quali la commenda della Legion d'onore e la gran croce della Repubblica tedesca, nel 1952 è nominato cavaliere del lavoro.


torna all'indice

 

 

 

 

Alessandro di Pietro Buono (XV-XVI secolo), pittore

Figlio di Pietro, anch'egli pittore, nel 1512 fu chiamato a collaborare con il padre all’esecuzione di una pala d’altare destinata a Laurino, nel Cilento. Le sue opere rimangono di difficile identificazione, tuttavia Riccardo Naldi (Università di Siena, Istituto di storia dell'arte, Prospettiva, 1991) lo identifica con il cosiddetto Maestro dell'Adorazione di Glasgow.

 

A lato: Maestro dell'Adorazione di Glasgow (Alessandro Buono), The Adoration of the Magi, 1503-1510 ca, Glasgow Museums; in basso: particolare.

 


torna all'indice

 

 

 

 

Pietro Buono (XV-XVI secolo), pittore, detto Pietro da Salerno

Certamente poco noto al grande pubblico, erroneamente parte della critica gli attribuisce le opere del cosiddetto Monogrammista PTR, ossia di un artista che con tale sigla si firmava, che invece pare sia da identificarsi con l'altro salernitano Pietro Befulco.

La tavola qui riprodotta è un lavoro commissionato dai benedettini di Monte Oliveto Maggiore (Siena), come dimostrano gli emblemi di quell'abazia posti in basso. La circostanza certifica che Pietro non operò solo in un ambito provinciale o regionale, ma che seppe porsi all'attenzione anche dei sofisticati ambienti toscani.   

A sinistra: Pietro Buono, Madonna con Bambino in

trono, Crocifissione e santi Pietro, Andrea e Paolo.

(casa d’aste Sotheby's, New York).

A destra: stemma dell'abbazia di Monte Oliveto Maggiore.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Vincenzo Buonocore (8 aprile 1932 – 17 gennaio 2009), giurista, politico

Figlio di Luigi, avvocato, e di Adele Falvella, nel 1954 si laurea in giurisprudenza a Napoli. Libero docente di diritto commerciale nel 1960, dal 1962 insegna alla facoltà di Cagliari, ove dal 1965 sarà titolare di cattedra e preside dal 1967 al 1969, quando è chiamato ad insegnare alla facoltà di economia e commercio dell'Università di Perugia, per poi passare, l'anno successivo, alla facoltà di giurisprudenza della stessa università per insegnarvi diritto privato a per assumerne, dal 1972 al 1974, le funzioni di preside. Nel 1974 è alla facoltà di economia e commercio dell'Università di Napoli, dove insegna diritto commerciale fino al 1978, quando passa alla facoltà di giurisprudenza dell'Università di Salerno per insegnare diritto privato e, a partire dal 1999, diritto commerciale, ricoprendo anche, per supplenza, diritto civile nel 1994 e teoria dell'interpretazione nel 1999. A Salerno è anche preside di giurisprudenza nell'anno 1979-80 e rettore dell'Università dal 1980 al 1987. Numerosi sono i testi monografici che lascia, fra cui notevoli Le situazioni soggettive dell'azionista (1960) e Contrattazione d'impresa e nuove categorie contrattuali (2000). 

Per la X legislatura (1987-1992) fu eletto alla Camera dei deputati per la Democrazia Cristiana. Sarà componente della 7ª commissione (Cultura, Scienza e Istruzione). Fu primo firmatario di un progetto di legge relativo alle carriere accademiche che non ebbe seguito.


torna all'indice

 

 

 

 

Giuseppe Cacciatore (2 dicembre 1945), filosofo

Figlio di Francesco, avvocato, e di Maria Agrillo, laureatosi in filosofia presso l’Università La Sapienza di Roma nel 1968, sarà borsista all’Istituto Italiano di Studi Storici Benedetto Croce. Dal 1970 all’Università di Salerno, è assistente ordinario di storia della filosofia e (1972-80) professore incaricato di filosofia della politica e storia delle dottrine politiche.

Dal 1981 è all'Università Federico II di Napoli quale ordinario di storia della filosofia, di cui, tra il 1990 e il 1995, è anche presidente del corso di laurea; presso lo stesso ateneo, dal 2001 al 2007, è direttore del dipartimento di filosofia Antonio Aliotta e coordinatore del dottorato di ricerca in scienze filosofiche dal 2014. 

Fra le molteplici cariche ricoperte, nel 1995 è direttore del Centro di Studi Vichiani del CNR di Napoli; è vicepresidente del CdA, membro del comitato scientifico e, dal 2007, direttore dell'Istituto di Studi Latino Americani di Pagani; è stato Presidente della Società Italiana degli storici della filosofia dal 2010 al 2014; è presidente della Società Salernitana di Storia Patria dal 2013; nel 2015 è stato nominato rappresentante dell'Università di Napoli nel comitato tecnico-scientifico del consorzio universitario Civiltà del Mediterraneo.

Socio corrispondente dell'Accademia nazionale dei Lincei dal 2007, nel 2013 è stato insignito del premio nazionale Frascati Filosofia.     


torna all'indice

 

 

 

 

Girolamo Cafaro (XVI secolo), latinista

Svolse la sua attività lontano da Salerno. Fu a Cortona nel 1541, ove pubblicò gli Annales in esametri del Francani ed ove insegnò nell'anno successivo avendo fra gli scolari i fratelli Benedetto e Bono di Dionigi Boni, che saranno giuristi di rilievo. Nella stessa città pubblicò la Epitome grammatices (1545), e l'anno successivo la Grammatices phoenix e il De conscribendis epistolis et de orthegraphia. A Roma apparvero le Clausulae atque flosculi ex Ciceronis epistolis…selectae linguaque etrusca expositae, i Notanda quaedam ac Dialegus de interpretatione cuiuslibet autoris (1552) e, senza data, l'Ex Hadriano Cardinale de latino sermone.

Lo ritroviamo a Venezia il 30 settembre 1560, nell'atto di scrivere una lettera al discepolo cortonese Filippo Venuti di approvazione del progetto di pubblicare un Dittionario volgare et latino, che apparirà a Venezia nel 1561.
Girolamo trasse dall'insegnamento del latino spunti per interessarsi anche della grammatica italiana, di cui tenne lezioni nella scuola che aveva aperto a Venezia, l'Accademia Cafarea. Altre sue opere di carattere didascalico sono: il De metro et orthographia, il De multiplici ratione variandae orationis atque conficiendarum epistolarum, il De structura orationis carmine exametro, la Grammatice (Venezia 1577). Pure di carattere eminentemente scolastico sono le Elocutiones atque clausolae e singulis Ciceronis epistolis familiaribus selectae (Venezia 1584) e le Ciceronis Phrases dedicate a Ippolito II d'Este (Venezia 1588).


torna all'indice

 

 

 

 

Costanza Calenda (XV secolo), medico

Nobile salernitana della famiglia patrizia ascritta al sedile del Campo, figlia di Salvatore, priore del Collegio medico di Napoli, e di Masella Scillato, è considerata come facente parte del gruppo detto delle Mulieres salernitanæ, ancorché si laureasse e insegnasse presso l'Università napoletana. Sposò Baldassarre Santomango. Fu autrice dei trattati De crisibus, De febre pestilenziale, De curatione vulnerum, De unguentis.

 

Stemma della famiglia Calenda. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale di Salerno


torna all'indice

 

 

 

 

Luigi Califano (12 ottobre 1901 14 gennaio 1976), patologo, biologo, botanico

Figlio di Giuseppe, magistrato, e di Elimena Maida, si laureò a Napoli il 23 luglio 1924 in medicina. Nel 1925 ebbe prima l'incarico di assistente, poi quello di aiuto presso l'Istituto napoletano di patologia generale. Nel biennio 1927-28 fu a Berlino, ove, presso l'Istituto Koch per le malattie infettive, condusse studi, fra gli altri, sulla simbiosi tra amebe e batteri. Libero docente nel 1928, fra il 1933 e il 1971 ricoprì le cattedre di patologia delle Università di Perugia, Bari, Napoli.

La sua attività scientifica si può schematicamente suddividere in tre grandi linee di studio: una sul metabolismo dei tessuti in condizioni normali e patologiche; un'altra sui meccanismi delle ossidazioni biologiche; l'ultima sulla fisiologia e la biochimica batteriche. Egli lasciò un'impronta nell'ambito della ricerca scientifica italiana e internazionale non soltanto per gli studi, ma anche per l'impulso dato all'attività di ricerca dell'istituto di patologia generale di Napoli, che all'epoca costituì un modello sia per l'organizzazione dei suoi laboratori che per l'interesse dei quesiti scientifici che venivano affrontati.

Califano fu socio dell'Accademia dei Lincei, dell'Accademia di scienze mediche e chirurgiche, dell'Accademia dei XL; membro della Societé de biologie française e del Consiglio superiore della Pubblica Istruzione.

Oltre che patologo e biologo, fu appassionato naturalista e botanico, interessato ai musei naturalistici e agli orti botanici. Il volume sugli orti botanici italiani, il progetto del Museo nazionale di storia naturale, la  fondazione dell'Associazione nazionale musei scientifici, orti botanici, giardini zoologici, acquari sono esempi di iniziative da lui volute per far rivivere in Italia la tradizione degli studi naturalistici.
Tramite l'Accademia dei Lincei organizzò alcune spedizioni di ricerche botaniche, nel corso di una delle quali, in Messico, nello stato di Oaxaca, fu rinvenuta una nuova specie di Dioon appartenente alla famiglia delle Zamiaceae, in suo onore denominata Dioon califanoi. L'amore per le piante gli aveva fatto acquisire una specializzazione soprattutto per le Cycadaceae e per le Bromeliaceae, delle quali possedeva una ricca collezione, poi donata all'orto botanico di Napoli. Presso tale istituzione sono state create le Serre Califano e apposta una targa in suo onore.


torna all'indice

 

 

 

 

Gianotto Calogrosso (XV secolo), letterato, detto Gianotto da Salerno

Gianotto scrisse in volgare, intorno al 1450, un'operetta mista di prosa e versi che si trova contenuta nel manoscritto Italiano 1036(8145ª) della Biblioteca nazionale di Parigi. Anche se il testo appare anonimo, la presenza al suo interno delle sestine Splendida nympha e candida colomba e Sacrate muse e donne mie dilecte, attribuibili certamente a Gianotto in quanto come a lui commissionate da Sante Bentivoglio per Nicolosa Castellani, seconda moglie di Nicolò Sanuti, sono presenti nel codice Isoldiano di Bologna, ha permesso di attribuirglielo. Argomento dell'opera, che si colloca nel genere che ha come precedenti la Vita Nova e i romanzi boccacceschi, è l'amore fra Sante, che assume il nome di Filoteo, e Nicolosa, mai nominata se non per un acrostico da cui si ricava Nicolosabella; ed appunto con il titolo di Nicolosa bella il testo è stato edito nel 1959.

Un altro sonetto del codice Isoldiano, Eccho el giulglello e la candida perla, scritto, ancora su commissione da Gianotto in lode di Margherita di Gianfrancesco Bevilacqua di Verona, andata sposa nel 1458 al conte Iacopo Sacrati di Ferrara, riconferma la sua immagine di tipico rappresentante di quella poesia che nelle corti italiane rispondeva ad intenti di natura non soltanto poetica, ma anche di celebrazione sociale e politica, e che ha il suo testo più noto nel Liber Isottaeus di Basinio da Parma.             


torna all'indice

 

 

 

 

Francesco Calvanese (14 febbraio 1947), politico

Nacque da Gaetano, impiegato, e da Aurora Linguiti. Laureato in lettere e filosofia, docente presso l'Università di Salerno, fu eletto alla Camera dei deputati per la XII legislatura (1994-1996) nel collegio Salerno - Mercato San Severino con la Federazione dei Verdi. Aderì al gruppo parlamentare Rifondazione Comunista-Progressisti. Fu membro della commissione speciale per le politiche comunitarie, della 9ª (Attività produttive, Commercio e Turismo) e dell'11ª (Lavoro). Fu primo firmatario del progetto di legge Istituzione di una casa da gioco nel comune di Salerno che non ebbe seguito.


torna all'indice

 

 

 

 

Pietro Camardella (1957), designer

Dal 1984 lavora alla Pininfarina studi e ricerche dove disegna, tra le altre, le Ferrari F40, 512tr, F50 e 456gt, oltre al concept Ferrari Mythos; le ultime due realizzazioni vincitrici di un car award. Di questi anni sono anche le realizzazioni di product design, arredi e imbarcazioni come le Bénétéau first e flyer. Dal 1993 è chief designer d'esterni alla Lancia, dove sviluppa il concept Lancia Dialogos e imposta auto di produzione come Lancia Y. Nel 2000 diventa responsabile del Centro Ricerche Design FIAT, dove torna ad occuparsi anche di disegno industriale, sviluppa il concept Lancia Nea ed altri progetti di advanced design per il gruppo Fiat; nel 2005 sigla per il salone di Barcellona il concept sperimentale Sportiva Latina, marchiato Mazel, premio per il concept innovativo dell'anno dalla Società Tecnica dell’Automobile spagnola. Nel 2006 è responsabile dell'advanced design del Centro Ricerche FIAT. Nel 2008 disegna e coordina la realizzazione del concept Phylla. Nel 2010 per IVECO sigla il prototipo del camion Glider.


torna all'indice

 

 

 

 

Giovanni Canzio (1° gennaio 1945), magistrato

Figlio di Aldo, impiegato, e di Maria Giannone, laureatosi nel 1966 presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università di Napoli, ha iniziato la propria carriera in magistratura nel 1970, prestando servizio presso il tribunale di Vicenza, la Procura della Repubblica e il tribunale di Rieti. Dal 1995 al 2009 ha svolto presso la Corte di Cassazione le funzioni di consigliere della prima sezione penale e di componente-coordinatore delle sezioni unite penali, figurando quale relatore-estensore di numerosissime sentenze, fra le altre quelle sull'omicidio di Mino Pecorelli e sulla strage delle Fosse Ardeatine. Ha svolto le funzioni di vice direttore prima, e di direttore poi, dell'Ufficio del Massimario della Suprema Corte. Nel 2009 è stato nominato presidente della Corte d'appello de L'Aquila e dal 28 settembre 2011 presidente della Corte d'appello di Milano. È tornato in Cassazione il 7 gennaio 2016 quale Primo presidente. 

Docente dei corsi di Ordinamento giudiziario e Casi e questioni di giustizia penale presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università Cattolica di Milano, svolge un’intensa attività in campo scientifico quale autore di numerosi studi di diritto e procedura penale e in materia di organizzazione giudiziaria. Fra i vari incarichi, è stato componente della commissione ministeriale Grosso per la riforma del codice penale e della commissione ministeriale Riccio per la riforma del codice di procedura penale.


torna all'indice

 

 

 

 

Mario Canzio (16 marzo 1947), economista

Figlio di Aldo, impiegato, e di Maria Giannone, laureatosi in economia presso l'Università di Napoli nel 1970, nel 1972 entra all'allora ministero delle Finanze fino a quando diviene Ispettore generale per gli affari economici della Ragioneria. Il 20 maggio 2005 è nominato Ragioniere generale dello Stato per delibera del Consiglio dei ministri (governo Berlusconi III), in sostituzione di Vittorio Grilli, che era nominato direttore generale del Dipartimento del Tesoro del ministero dell'Economia e delle Finanze. È il 19° ragioniere generale dello Stato italiano dal 1870, quando la carica fu istituita.


torna all'indice

 

 

 

 

Ferrante Capece (1546 31 luglio 1586), missionario

Figlio di Muzio, gentiluomo napoletano, e di Margherita Gambacorta, nel 1571 fu ammesso nella Compagnia di Gesù con esame sostenuto il 16 agosto; nelle scuole dell'Ordine compì gli studi di filosofia e teologia, addottorandosi in queste discipline; quindi insegnò a Roma matematica e filosofia e collaborò alla prima organizzazione del Collegio degli Inglesi. Nel febbraio 1583 fu nominato rettore del collegio di Cluj-Napoca, in Transilvania. Pronunciata la professione solenne, partì in agosto e, dopo una lunga permanenza a Cracovia, fu in sede il 30 dicembre. La situazione politico-religiosa che trovava era di netta frattura fra una persistente adesione delle classi inferiori al cattolicesimo e il protestantesimo professato dal ceto nobile-borghese, naturalmente avverso alla presenza dei gesuiti.

Ferrante, mentre introduceva nel collegio lo studio della filosofia e tentava la diffusione nella regione del calendario gregoriano, operò per la rottura dell'isolamento attraverso audaci contatti con le autorità ottomane, che sembravano tenere atteggiamenti benevoli verso i cattolici preferendoli ai protestanti. Ma il fondo della sua personalità era mite, da uomo di studio, certamente non adatto alla reconquista cattolica della regione che forse da lui ci si attendeva; quindi il giudizio dell'Ordine sul suo operato sarà solo in parte positivo: mentre si riconosceranno senza riserve le sue alte qualità morali, gravi dubbi saranno avanzati sulla sua capacità d'imporsi e di amministrare abilmente le potenzialità del collegio.

Morirà per una epidemia di peste diffusasi in città a partire dal giugno 1586.


torna all'indice

 

 

 

 

Emilio Capomazza di Campolattaro (12 settembre 1849 – 16 maggio 1932), politico

Nacque a Santa Teresa, in parrocchia di Santa Trofimena, da Carlo, allora giudice presso il Tribunale civile, poi consigliere di Corte d'appello, e da Giuseppa Blanch, marchesa di Campolattaro, dalla quale erediterà il titolo. Successivamente visse a Napoli nel palazzo di famiglia nel quartiere San Giuseppe e fu sindaco di quella città dal 26 agosto 1896 al 23 luglio 1898. Fu eletto alla Camera dei deputati per la XXIV legislatura del Regno (1913-1919). Fra i suoi interventi in aula, interrogazioni ai ministri competenti sull'incremento della marineria da pesca e sul trattamento economico dei marinai impegnati nelle colonie.


torna all'indice

 

 

 

 

Antonio Capone (12 giugno 1953), calciatore (attaccante)

Formatosi fra i giovani della Salernitana, esordisce con la prima squadra in serie C nel 1971. Nel 1975 è in serie B al Brindisi; l'esperienza non è esaltante e nel mercato invernale torna alla Salernitana. Ceduto all'Avellino, è ancora in serie B nella stagione 1976-77. Per il campionato successivo, il Napoli lo prende in comproprietà facendolo esordire nella 3ª gara a San Siro contro l'Inter; la domenica successiva è titolare in Napoli-Genoa. Segna i suoi primi due gol in serie A in Napoli-Lazio e in Coppa Italia, il 17 maggio 1978, realizza la tripletta al Taranto nella gara valevole per il girone finale. Nell'estate 1981 va in prestito alla Pistoiese in serie B, ove disputa la sua migliore stagione realizzando dieci gol in ventisette presenze. Torna al Napoli l'estate successiva, per essere, poi, ceduto al Lecce per la stagione 1982-83. Sarà al Modena (1983-84) e alla Spal (1984-85) in serie C, ove chiude la carriera da professionista a 32 anni. Giocherà ancora con la Fermana in interregionale nelle stagioni 1985-86 e 1986-87.


torna all'indice

 

 

 

 

Arturo Capone (17 agosto 1868 – 11 settembre 1944), storiografo

Figlio di Vincenzo, avvocato, e di Teresa Errico, nacque alla Dogana Nuova, in parrocchia dei Santi Apostoli e Sant'Agostino. Frequentò la facoltà di lettere e filosofia all'Università di Napoli per poi vestire l'abito talare. Lo zio Raffaele, vescovo a Muro Lucano, lo volle con sé in quella sede episcopale, ove fa amministratore della mensa vescovile e insegnò lettere nel seminario diocesano, divenendone vicerettore. Tornato a Salerno, dal 1904 al 1916 fu direttore della rivista Il buon senso, organo della regione ecclesiastica salernitano-lucana. Nel 1935 promosse la fondazione del Museo storico della Cattedrale. Storiografo della città e della chiesa salernitana, pubblicò, tra l'altro, S. Tommaso d'Aquino e la città di Salerno (1908), In memoria del Can. diacono Francesco Saverio Salerno (1919), Il cerimoniale della Cattedrale di Salerno: Quando v'intervenivano in forma ufficiale il Magistrato ed il Tribunale della Città (1924), Relazioni tra la città di Salerno e S. Tommaso d'Aquino (1924), Il duomo di Salerno (1927-1929), Il seminario di Salerno dalle sue origini ai nostri giorni (1565-1932) (1933). Inoltre fu curatore dell'edizione del De Salernitanae Ecclesiae Episcopis et Archiepiscopis catalogus di Gaspare Mosca (1930).


torna all'indice

 

 

 

 

 

Salerno, rione Fratte: rudere della  vecchia chiesa della Sacra Famiglia.

Cristoforo Capone (4 febbraio 1820 – 23 dicembre 1899), medico alla corte borbonica, cofondatore della chiesa della Sacra Famiglia a Fratte

Figlio di Giovanni, negoziante, e di Maria Giovanna Scarano, laureato in medicina e chirurgia nel 1842, ottenne per concorso un posto di medico-chirurgo nella Regia Marina. Nel 1859, a Bari, ebbe modo di eseguire un piccolo intervento su Ferdinando II, che lo volle a corte. Da Francesco II ebbe il ruolo di Chirurgo di Camera e il cavalierato del prestigioso ordine Costantiniano. Quando lo stesso sovrano fu esule, prima a Roma, poi a Parigi, lo seguì e gli rimase accanto fino al 1882, quando, su pressioni dei fratelli Vincenzo e Raffaele, fece ritorno a Salerno. Qui, sollecitato dall'allora arcivescovo Laspro, si assunse l'onere di cofondatore della chiesa della Sacra Famiglia a Fratte, finanziandone la costruzione, con l'annessa casa conventuale, su un terreno donato da Michele Peluso. 


torna all'indice

 

 

 

 

Pasquale Capone (29 settembre 1896 – 16 settembre 1943), maggiore di artiglieria, medaglia d’oro al valor militare alla memoria

Figlio di Matteo, negoziante, e di Carmela Formisano, ufficiale di complemento alla grande guerra, passato in servizio permanente effettivo nel secondo conflitto, aveva combattuto in Africa settentrionale. Posto in aspettativa nel 1941, si era ritirato nella sua casa di campagna a Castagneto di Cava de' Tirreni. Qui, otto giorni dopo l'armistizio, vide un drappello tedesco che stava per fucilare alcuni civili. Col solo aiuto del vecchio padre – dice la motivazione della medaglia alla memoria – con armi proprie, apriva decisamente il fuoco contro il drappello stesso, impedendo così la immanente tragica esecuzione. Visto cadere al suo fianco il genitore, noncurante del rischio cui esponeva se stesso ed il proprio figlioletto decenne, ultimate le munizioni, offriva ancora al drappello tedesco, che era riuscito a penetrare nella casa, la più strenua difesa, finché veniva sopraffatto, strappato al figlio e, solidamente avvinto, trascinato in un bosco vicino, ove affrontava fieramente il supremo sacrificio.


torna all'indice

 

 

 

 

Raffaele Capone (22 agosto 1829 22 marzo 1908), vescovo titolare di Esebon (1873-1883), vescovo di Muro Lucano (1883-1908)

Nacque nella parrocchia di San Giovanni de Cannabariis da Giovanni, negoziante, e da Maria Giovanna Scarano. Entrato nella congregazione dei redentoristi nel 1847, il 14 novembre 1852 fu ordinato sacerdote e il 22 dicembre 1873 nominato vescovo titolare di Esebon (in Giordania, allora nell'Impero ottomano) e coadiutore del vescovo di Muro Lucano, cui succederà il 23 gennaio 1883. Fra le opere intraprese, la ricostruzione della cattedrale, il restauro dell'episcopio e del seminario, la fondazione di un orfanotrofio, l'edificazione della Casa della carità a Castelgrande. Morì a Napoli e fu sepolto nel cimitero di Salerno.   


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia Caposcrofa. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale

di Salerno

Nicolò Caposcrofa (metà XIII secolo 1316 o 1317), giurista

Patrizio salernitano del sedile di Porta Rotese, iuris civilis professor, lo troviamo nel 1281 fra i sei preposti all'arsenale di Salerno. Portatosi a Napoli, il 30 maggio 1295 ottenne il  rilevante ufficio di patrono del Fisco presso la Magna Curia, carica che eserciterà per più di vent'anni. Nell'esercizio delle sue funzioni, preoccupato per l'eccessiva durata dei processi (nulla é mutato nei secoli), propose e si vide approvare, nell'ottobre 1307, una riforma che, sottraendo al sovrano il diritto di ultima decisione, permetteva alla Magna Curia di chiudere i processi fiscali con maggiore rapidità, purché il contenzioso non superasse le 200 once.

L'apice della carriera giunse per Nicolò il 23 luglio 1313, quando re Roberto lo nominò maestro razionale della Magna Curia, stabilendo che dovesse godere di tutti i privilegi di tale magistratura senza tuttavia abbandonare le funzioni di patrono del Fisco presso la  stessa Curia. Successivamente fu preposto a Salerno alla costruzione di macchine belliche per la guerra di Sicilia, ma non poté portare a compimento l'incarico: morì mentre vi stava attendendo, tra il luglio del 1316 e il marzo dell'anno successivo.

Egli fu autore di una serie di glosse alle Constitutiones Regni Siciliae, ma la sua opera di maggior rilievo è la compilazione, redatta intorno al 1313 e corredata di glosse, dei Ritus della Magna Curia di Napoli, opera che, rielaborata ed ampliata, ebbe il riconoscimento ufficiale di Giovanna II e, con ulteriori modifiche, fu la base dei Riti della Gran Corte della Vicaria, che rimasero per secoli in vigore nel Regno di Napoli quali norme fondamentali in materia processuale.   


torna all'indice

 

 

 

 

 

Ulisse Caputo,

Les bas verts, 1914.

Ulisse Caputo (5 novembre 1872 13 ottobre 1948), pittore

Figlio di Ermenegildo, pittore, e di Francesca Sanmartino, già seguito da Riccardo Alfieri, all'Istituto di Belle Arti di Napoli fu alunno di Stanislao Lista e di Domenico Morelli. Insoddisfatto dell'insegnamento impartito da quest'ultimo, chiuso alle nuove tendenze che lo interessavano, preferì frequentare lo studio del concittadino Gaetano Esposito, artista ardente e inquieto che con il vigore plastico e la forza dei chiaroscuri, sia pure attraverso l'influenza del Fortuny, aveva superato la visione morelliana.

Portatosi a Parigi dopo le delusioni alla Triennale di Milano del 1897 e alla Promotrice Salvator Rosa di Napoli, ove le sue tele Dopo la sonata e Andante appassionato passano del tutto inosservate, inizia la creazione di opere nelle quali si  pone quale disinvolto evocatore di scene e di figure della vita della metropoli. I suoi lavori figurano in tutte le più importanti mostre: da quella italiana di Londra del 1904, all'Esposizione del Cairo dell'anno seguente; dalla Mostra nazionale di Milano del 1906, a quella di Buenos Aires del 1910. Presente a tutte le esposizioni internazionali di Venezia anteriori alla prima guerra mondiale, si distingue soprattutto nel 1907 con Alle prove, nel 1909 con Effetto di notte, che venne acquistato da Vittorio Emanuele III, nel 1910 con Un concerto all'aria aperta e Le due sorelle  

 

Alcune fonti indicano la data di nascita al 4 novembre. Il dato qui riportato, così come la professione del padre, è stato rilevato dal registro dei nati nel 1872 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

 

 

Ciro Caravano (15 Febbraio 1971), cantante del gruppo Neri per caso

Per il gruppo musicale Neri per caso, per metà salernitano, essendo nati in città Ciro e Gonzalo Caravano e Massimo de Divitiis, il successo giunge con la vittoria nella sezione Nuove proposte al Festival di Sanremo 1995, con la canzone Le ragazze di Claudio Mattone.

Il loro modo di cantare, a cappella, cioè senza l'ausilio di strumenti musicali, prima del loro avvento poco diffuso in Italia, suscitò interesse ed il loro primo disco, Le ragazze, contenente cover di famose canzoni italiane e due brani inediti, ottenne subito successo, raggiungendo il traguardo di sei dischi di platino. Nel 1996 con il brano Mai più sola, anch’esso di Claudio Mattone, il gruppo ripete l’esperienza del Festival, giungendo al quinto posto fra i Big. A Sanremo 2008 sono stati ospiti di Mietta nella serata dedicata ai duetti, in cui hanno riarrangiato a cappella, insieme alla cantante pugliese, la canzone Baciami adesso, regalando un momento d'arte vocale e grande spettacolo che ha registrato il picco d'ascolto con oltre 11 milioni di telespettatori.

Gli altri componenti del gruppo sono Mimì (Madrid, 27 Luglio 1969) e Diego (Napoli, 26 Ottobre 1972) Caravano e Mario Crescenzo (Nocera Inferiore, 11 Agosto 1969).


torna all'indice

 

 

 

 

 

 

Gonzalo Caravano (16 Febbraio 1974), cantante del gruppo Neri per caso

Per il gruppo musicale Neri per caso, per metà salernitano, essendo nati in città Ciro e Gonzalo Caravano e Massimo de Divitiis, il successo giunge con la vittoria nella sezione Nuove proposte al Festival di Sanremo 1995, con la canzone Le ragazze di Claudio Mattone.

Il loro modo di cantare, a cappella, cioè senza l'ausilio di strumenti musicali, prima del loro avvento poco diffuso in Italia, suscitò interesse ed il loro primo disco, Le ragazze, contenente cover di famose canzoni italiane e due brani inediti, ottenne subito successo, raggiungendo il traguardo di sei dischi di platino. Nel 1996 con il brano Mai più sola, anch’esso di Claudio Mattone, il gruppo ripete l’esperienza del Festival, giungendo al quinto posto fra i Big. A Sanremo 2008 sono stati ospiti di Mietta nella serata dedicata ai duetti, in cui hanno riarrangiato a cappella, insieme alla cantante pugliese, la canzone Baciami adesso, regalando un momento d'arte vocale e grande spettacolo che ha registrato il picco d'ascolto con oltre 11 milioni di telespettatori.

Gli altri componenti del gruppo sono Mimì (Madrid, 27 Luglio 1969) e Diego (Napoli, 26 Ottobre 1972) Caravano e Mario Crescenzo (Nocera Inferiore, 11 Agosto 1969).


torna all'indice

 

 

 

 

Elvira Carbone detta Vira (3 agosto 1969), giornalista e conduttrice televisiva

Avvocato, giornalista professionista dal 2003, collabora in Rai a Donne al Bivio e, come inviata, a Porta a Porta. Quindi è conduttrice di Musicultura (2005-2007); di
Buongiorno Italia (2006-2007); di Il dolce e l’amaro, approfondimento domenicale su un tema di attualità. Oltre che singoli eventi (Un pensiero stupendo e Le Note degli angeli, entrambi nel 2008). Ha condotto Sabato, domenica &..., prima con Corrado Tedeschi e Sonia Grey, poi con Franco Di Mare. Nell'estate del 2011 ha condotto Uno mattina estate insieme a Gianni Milano, Ingrid Muccitelli e Claudia Andreatti. Dal 2014 conduce su Rai Uno Buongiorno Benessere, ove a fine anno 2016 fece scalpore il suo look per l'esibizione di un corpetto strizzatissimo che le esaltava il décolleté, fatto che pare i vertici Rai non abbiano molto gradito; ma il fatto non era nuovo, qualcosa di simile era già avvenuta a Uno mattina nel 2012.
Nel 2007 ha partecipato al film Last minute Marocco di Francesco Falaschi.

È autrice dei volumi La bellezza a fior di pelle (2015) e Bellezza da bere (2016).


torna all'indice

 

 

 

 

Maria Rosaria Carfagna detta Mara (18 dicembre 1975), showgirl, politica

Dopo aver partecipato nel 1997 al concorso di Miss Italia risultando sesta, fra il 2000 e il 2006 ha partecipato al programma televisivo La domenica del villaggio in qualità di co-conduttrice accanto a Davide Mengacci. Nel 2006 ha condotto Piazza grande insieme a Giancarlo Magalli. Inoltre, ha fatto parte del cast de I cervelloni, Vota la voce e Domenica In. Intanto, nel 2001, aveva conseguito la laurea in giurisprudenza presso l'Università di Salerno con una tesi in diritto dell'informazione nel sistema radiotelevisivo.

Nelle elezioni per la XV legislatura (2006-2008), in presenza di una legge elettorale che sottrae agli elettori la scelta dei parlamentari demandandola alle dirigenze dei partiti, è designata alla Camera dei deputati da Forza Italia, cosa che si ripete per la XVI legislatura (2008-2013) quando diviene ministro per le Pari opportunità nel 4° governo Berlusconi ed è prima firmataria di alcuni progetti di legge, fra cui quello convertito nella legge 112 del 2011 Istituzione dell'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza

Intanto, nel gennaio 2007, era stata al centro della nota diatriba fra Silvio Berlusconi e la moglie Veronica Lario, mentre nel giugno 2008 conquisterà spazio sul giornale argentino El Clarín, non per le sue attività ministeriali, ma per l’intercettazione di un presunto dialogo fra lei e il presidente del Consiglio Berlusconi con allusioni ad un rapporto di sesso orale.

Confermata alla Camera dei deputati per la XVII legislatura (2013-2018) è membro della 3ª commissione (Affari esteri e comunitari). Il 24 marzo 2014 diventa membro del comitato di presidenza di Forza Italia. Nel 2016 è capolista a sostegno del candidato a sindaco di Napoli Gianni Lettieri, che non sarà eletto, mentre lei risulterà il candidato al consiglio più votato in assoluto.

Confermata alla Camera dei deputati per la XVIII legislatura (in corso dal 23 marzo 2018) con elezione nel collegio plurinominale Campania 1 - 02, è fra i quattro vicepresidenti.  


torna all'indice

 

 

 

 

Salvatore Carmando (29 ottobre 1943), fisioterapista

Figlio di Angelo e di Vincenza Stabile, diplomatosi in massofisioterapia, nel 1974 approdò al Napoli Calcio come massaggiatore della squadra primavera. Dalla stagione 1976-77 fu il primo massaggiatore della prima squadra, mantenendo il ruolo fino all'estate del 2009, salvo la stagione 1998-99.

Fu anche massaggiatore della Nazionale durante la gestione di Azeglio Vicini, dal 1987 al 1991. In quest'ultimo ruolo, ha partecipato agli Europei del 1988 e ai mondiali del 1990.


torna all'indice

 

 

 

 

Domenico Carrara, Villa Ricciardi

Domenico Carrara (8 settembre 1885 – 1953), acquerellista

Figlio di Girolamo, patrizio salernitano, e di Maria Antonietta Cavaliero dei patrizi di Montecorvino, il 12 dicembre 1924 si vide riconoscere il titolo di conte, già concesso all'antenato Domenico Nicola nel 1734.

Personaggio contemplativo, celibe, fu acquerellista fecondo ed abile, dedito, nell'epoca segnata dalle due guerre, alla raffigurazione di scorci dell'area allora rurale di Pastena, ove amava soggiornare nella villa di famiglia. Il suo fu stile pulito e preciso, sopratutto apprezzabile nella tecnica dell'acquerello, ove non sono ammessi errori o ripensamenti.


torna all'indice

 

 

 

 

Arturo Carucci (2 luglio 1912 – 12 gennaio 2006), storiografo

Nacque in via san Benedetto, alla cosiddetta Torretta Carucci, da Carlo, insegnante, e da Virginia Capone. Ordinato sacerdote nel 1935, fu viceparroco della parrocchia di San Matteo e San Gregorio Magno, cappellano del sanatorio Giovanni da Procida e canonico. Nel 1944 fu nominato direttore del Museo della Cattedrale, carica che manterrà per oltre un sessantennio. Nel 1962 diede alle stampe una Guida del Duomo e del suo Museo, cui fecero seguito Gli avori salernitani del secolo XII (1965) e Il rotolo salernitano dell’Exultet (1971). Fece parte della commissione per l’Arte sacra con l’ingegner Stefano Santoro ed il professor Ugo Pecoraro, che nel 1978 lo affiancò come vicedirettore nella conduzione del museo e con lui collaborò alla realizzazione del libro Strutture architettoniche e forme d’arte della Cattedrale di Salerno. La cripta, primo di una serie di quattro volumi, di cui, però, ne saranno pubblicati solo due. Oltre che storiografo, è stato traduttore di testi medievali, quali la Historia Langobardorum di Erchemperto, il Chronicon Salernitanum, i Carmi di Alfano, il Chronicon Sublacense.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Max Casaburi (26 luglio 1906 – 28 aprile 1945), maggiore, medaglia di bronzo al valor militare alla memoria

Figlio di Alfonso, ingegnere, e di Eleonora Ludvvig, militare di carriera, risiedeva a Parma nel 1941, quando fu destinato in Jugoslavia con il reggimento carristi leggeri San Giusto. Sospettato di condotta filoebraica, fu richiamato in Italia e aggregato al  reggimento Vittorio Emanuele di stanza a Roma. Dopo la vana difesa della capitale contro l'occupazione delle forze naziste (9-10 settembre 1943), fu arrestato e avviato verso la Germania. Riuscito a fuggire, raggiunse Parma, ove si unì alle locali forze della Resistenza e, per intervento della Missione Nemo, fu nominato capo di stato maggiore del Comando Piazza di Parma. Poi, nell'ottobre 1944, allorché il comandante della piazza fu trucidato dalle SS, gli subentrò per un breve periodo. Arrestato di nuovo a seguito di una dilazione, nel marzo 1945 fu tradotto nel lager di Gries (Bolzano); vi resterà sino al 21 aprile, quando gli internati furono rilasciati dai nazisti in fuga. Presa la via di casa in compagnia di tre parmigiani ex compagni di lotta a Parma, sfortuna volle che a Mattarello (Trento) il gruppo incappasse proprio una colonna di SS in fuga da Parma. Furono riconosciuti e trucidati sul posto.           


torna all'indice

 

 

 

 

Vittorio Casaburi (4 novembre 1881 – 20 dicembre 1939), chimico

Figlio di Enrico, avvocato, e di Maria Abbondati, nel 1903 si diplomò in chimica al politecnico di Zurigo; nel 1904 frequentò in Inghilterra la sezione industrie del cuoio dello Yorkshire College di Leeds, conseguendone il diploma; nel 1905 si laureò in chimica pura presso l'Università di Genova, quindi tornò a Londra come assistente  presso il London Leather Industries Laboratory Herolds Institute (laboratorio per l'industria del cuoio). Si trasferì in seguito negli Stati Uniti, alla Ford Morocco & C. di Wilmington, dove fu vicedirettore, quindi in Germania, presso la Badische Anilin und Soda Fabrik (BASF) di Ludwigshafen.

Nel 1911 vinse il concorso per direttore della Stazione sperimentale per l'industria delle pelli e delle materie concianti, alla quale da allora in poi dedicherà tutta la sua attività. Sotto la sua guida la Stazione, fondata a Napoli nel 1885 per affiancare e migliorare l'attività dell'industria conciaria e guantaia campana, divenne, ampliata e potenziata, istituto di interesse nazionale, prima, e internazionale, poi. Nel 1923 fondò il Bollettino della Stazione, di cui fu condirettore; fu anche responsabile del relativo Supplemento tecnico, pubblicato fino al 1935.

Pubblicò anche il Dizionario teorico-pratico dell'industria del cuoio (1923) ed Elementi di chimica applicata alle industrie del cuoio (1935). Di importanza generale sono anche il manuale Hoepli Concia e tintura delle pelli (1913) e una serie di studi da lui condotti sotto l'impulso della politica autarchica fascista per cercare di migliorare e rendere di pratica applicazione la concia con sali di ferro e per la razionale utilizzazione della pelle e del pelo di coniglio, con il quale riuscì a produrre filati e un tessuto da lui battezzato tessuto-pelliccia (1939).

A margine della sua attività, depositò numerosi brevetti, fra cui Miglioramenti nella concia con sali di alluminio (1936-37-39) e Perfezionamenti al trattamento del pelo per renderlo feltrabile e tingibile (1938).  


torna all'indice

 

 

 

 

Renato Casalbore (23 ottobre 1891 – 4 maggio 1949), giornalista

Figlio di Roberto, ragioniere, e di Almerida Trani, nacque in via Indipendenza. Direttore sportivo alla Gazzetta del Popolo di Torino dal 1913, esperto di sport in generale, di calcio in particolare, che egli stesso aveva intensamente praticato. Critico equilibrato, dalla prosa garbata, dallo spunto signorile, rimase ininterrottamente alla Gazzetta fino al 1941, quando se ne staccò per fondare Tuttosport, che, quale direttore, porterà presto all'avanguardia per esattezza di cronache e correttezza di critica.

Il 4 maggio 1949 era a bordo dell'aereo che riportava a Torino la squadra granata dopo una partita amichevole in Spagna con il Benfica e che si schiantò contro il terrapieno della basilica di Superga. Perirono i ventisette passeggeri e i quattro membri dell'equipaggio.

 

Alcune fonti indicano la data di nascita al 1° gennaio. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1891 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Abella Castellomata (XIV secolo), medico della Scuola salernitana,

detta Abella Salernitana

Nobile salernitana della famiglia patrizia ascritta al sedile del Campo, figurò fra le donne medico, prima alunne poi insegnanti nella Scuola cittadina, appartenenti al gruppo detto delle Mulieres salernitanæ. Fu autrice dei trattati De atrabile (sulla bile nera) e De natura seminis humani (sullo sperma), purtroppo andati perduti. 

                                

L’immagine si riferisce alla Scuola salernitana, ma non ha attinenza con Abella


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia Castellomata. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale

di Salerno

Giovanni Castellomata ( 1258), medico della Scuola salernitana, vescovo di Policastro (1254-1258)

Patrizio salernitano del sedile del Campo, compare a Roma, nell'aprile 1213, fra i testimoni che sottoscrivono il testamento di Maria di Montpellier, moglie di Pietro II d'Aragona. La sua frequentazione di un ambiente di tale livello era dovuta al ruolo che svolgeva presso la corte papale: egli era, infatti, il  medico di Innocenzo III; come tale è il primo archiatra pontificio ad essere documentato. Diventerà vescovo di Policastro nel 1254.


 

Pirro Luigi Castellomata (1608 – 1656), vescovo di Ascoli Satriano (1648-1656)

Patrizio salernitano del sedile del Campo, figlio di Francesco e di Brianda Antinore, fu canonico della cattedrale; pubblicò il De Rebus Friderici imperatoris e il De patriæ amore. Già vicario generale nelle diocesi di Matera, Siracusa e Acerra, fu eletto vescovo di Ascoli Satriano da Innocenzo X il 23 novembre 1648. In quella sede, restaurò il seminario, la chiesa della Santissima Annunziata, presso la quale istituì il collegio dei chierici, la stessa cattedrale di San Potito martire, che arricchì della cappella di San Leone. Morirà di peste.  


torna all'indice

 

 

 

 

Cesare Cattaneo (13 agosto 1871 – 30 dicembre 1930), medico pediatra

Figlio di Carlo, insegnante, e di Amabile Carrara, trasferitosi a Parma quando il padre vi fu nominato ispettore scolastico, conseguì la laurea in medicina e chirurgia nel 1894. Interessato alla pediatria, si portò a Padova, ove soltanto dal 30 marzo 1882 era attivo, unica sede in Italia, l'insegnamento della disciplina. Alla scuola del prof. Cervesato apprese le nozioni fondamentali, quindi presso la clinica pediatrica dell'Università di Berlino acquisì il metodo di studio e arricchì la propria esperienza clinica; a quel periodo risalgono le sue prime ricerche su L'alimentazione del bambino e le questioni che ad essa si collegano (1897), e sulla stipsi, con Della costipazione abituale dei bambini e suo trattamento meccanico, pubblicata sia in Germania che in Italia nel 1898.

Rientrato a Parma nel 1900, nell'autunno conseguì la libera docenza in clinica pediatrica, discutendo uno Studio eziologico, sintomatico, terapeutico sul catarro gastro-enterico infantile. Nel 1903 fu nominato direttore dell'Ospedale dei bambini di Parma, carica che mantenne fino al 1915; intanto, nel 1905, gli era stato affidato ll'insegnamento alla clinica pediatrica presso la facoltà dell'Università della stessa città, ove profuse ogni energia per la creazione di un istituto efficiente e moderno.

Nel 1911 conseguì per concorso la nomina a direttore dell'Ospedale pediatrico di Milano e nel 1915, istituita la clinica pediatrica presso quell'Università, ne ebbe la direzione, divenendo però ordinario solo nel 1926. A Milano diede impulso alle ricerche sulla tubercolosi infantile e la clinica da lui diretta divenne un dei centri diagnostici per l'Opera antitubercolare infantile. Eletto nel 1929 presidente della Società italiana di pediatria, ebbe modo, con molteplici iniziative, di divulgare quanto più possibile i problemi dell'età infantile. Fu anche presidente del Consiglio di consulenza delle terme di Salsomaggiore, direttore del periodico milanese La Medicina italiana, fondatore della Scuola di cultura medica per stranieri di Varese, ispettore della Opera nazionale maternità e infanzia.

 

Alcune fonti indicano la data di nascita al 12 agosto e riportano un doppio cognome della madre: Carrara Zanotti. I dati qui riportati sono stati rilevati dal registro dei nati nel 1871 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Francesco Cattaneo (30 aprile 1970), canottiere

Atleta prima del Circolo canottieri Irno, poi del Gruppo nautico Fiamme Gialle, fra il 1989 e il 1994 ha conquistato dodici titoli italiani nelle categorie Under 23, Pesi leggeri e Senior A su due tipi di barca: il quattro senza e l'otto. Nelle competizioni internazionali, ha ottenuto una medaglia d'oro al mondiale junior di Milano (1988) e nei mondiali assoluti due argenti, rispettivamente a Vienna (1991) e a Montreal (1992), e un bronzo a Račice (1993) nella categoria pesi leggeri. Si è classificato sesto al mondiale di Indianapolis (1994).
Ritiratosi dall'attività agonistica, nel 1996 è divenuto allenatore del Gruppo nautico Fiamme Gialle, per poi passare fra i tecnici della nazionale, occupandosi in particolare del quattro senza pesi leggeri che ha vinto la medaglia di bronzo alle olimpiadi di Atene 2004 e del doppio senior  medaglia d'argento alle olimpiadi di Londra 2012.

Il 17 dicembre 2016 è stato nominato direttore tecnico della nazionale per il quadriennio 2017-2020.


torna all'indice

 

 

 

 

Vito Cesaro (18 ottobre 1966), attore, regista, autore e produttore teatrale

Nel 1986 frequenta l'Accademia Napoletana di Teatro per poi trasferirsi a Roma dove partecipa a diversi laboratori e seminari. Dall'incontro con Liliana de Curtis nasce lo spettacolo Pardon Monsieur Totò (1993) di cui è autore e protagonista. Fra il 1995 e il 2000 è in teatro con Aldo Giuffrè. Fra le tante partecipazioni e regie si ricordano Signori si nasce di Castellano e Pipolo (2000-2001); Boeing Boeing di Marc Camoletti (2003-2004); Totò 110 e Lode di Vito Molinari (2008); Il Gioco delle parti (2012-2013); Circe, la figlia del Sole di Ettore Romagnoli (2013-2014). Nel 2011 è stato autore e regista de Il ragazzo di Marzabotto e nel 2013 de Il ratto ovvero donne violate. In televisione ha partecipato, fra l'altro, a I fatti vostri (Rai Uno, 1991); Domenica In (Rai Uno, 1998); Buona domenica (Canale 5, 2003); La vita in diretta (Rai Uno, 2006); Sky show (Sky, 2007); Verissimo (Canale 5, 2008). Per il cinema è stato autore e regista del film Volevo solo vivere (2013).


torna all'indice

 

 

 

 

 

Presentazione di un'opera in terracotta

di Gaetano Chiaromonte.

Gaetano Chiaromonte (18 marzo 1872 – 6 novembre 1962), scultore

Figlio di Ferdinando e di Lucia Cosimato, fu artista fecondo, molto attivo negli anni successivi alla grande guerra nella realizzazione di monumenti ai caduti, fra cui quello di piazza Ferrovia a Salerno.

Precedentemente, il 16 giugno 1912, la città aveva visto inaugurato il suo monumento ai martiri salernitani delle guerre di indipendenza, oggi comunemente detto statua della libertà, oggetto di furiose polemiche. Il 20 giugno Salerno Nuova scriveva: La visione di quella possente figura femminile, libera di veli su cui lo sguardo riposa e la mente ricorda, canti l’eterno inno alla vita rigogliosa e prospera come quel seno forte ed eretto a mò di sfida e serva di incitamento e di sprone per la generazione presente che conserva nei suoi centri nervosi la feconda attività dei padri gloriosi. Il 1° luglio Il Buon Senso (organo diocesano), riprendendo uno scritto di Giovanni Lanzalone, definiva la statua la donnaccia ignuda e ne chiedeva la rimozione. Forse i pii redattori de Il Buon Senso si rabbonirono ammirando l’altra grande opera dell’artista, la statua della Madonna di Pompei, alta tre metri e venticinque centimetri, realizzata in un solo blocco di marmo di Carrara, issata sul fastigio della basilica pontificia di quella città.

Nel 1937 Chiaromonte realizzò tre grandi altorilievi in bronzo (m. 2,50x2,00x0,35), raffiguranti Roberto il Guiscardo, L’entrata a Salerno di Gregorio VII e di Roberto il Guiscardo e La fertilità della terra, destinati alla facciata del Palazzo Comunale, oggi conservati nell’ambulacro antistante il salone dei marmi nello stesso edificio. Nel 1924, tramite la prefettura, aveva inviato al Duce una statua in bronzo raffigurante lo stesso Mussolini nell’atto di salutare romanamente. La Camera dei deputati conserva il suo Ritratto di Emanuele Gianturco del 1910.


torna all'indice

 

 

 

 

Fabrizio Cimino (29 marzo 1733 – 22 marzo 1818), vescovo di Oria (1797-1818)

Nacque nella parrocchia di Sant'Andrea de Lavina dal dottor Lorenzo, di Gragnano, e dalla salernitana Giovanna Angela Siniscalco. Nel 1750 entrò nella congregazione dei padri redentoristi fondata da Alfonso Maria de' Liguori e appena approvata da Benedetto XIV. Fu ordinato sacerdote il 13 marzo 1756 ed eletto Consultore generale della congregazione nel 1767. Nel 1779, col confratello padre Maione, si recò a trattare l'approvazione definitiva della regola presso Carlo III, che ottenne cedendo ad alcune interferenze regie, cosa che procurò ad entrambi le ire dei confratelli fino al punto che il santo fondatore fu costretto ad espellerli. L'anno successivo si ritirò a Gragnano, patria paterna, ove fu canonico della collegiata e curato della parrocchia di San Giovanni Battista. Conseguita a Napoli la laurea in teologia il 22 settembre 1797, il 24 ottobre successivo ebbe la nomina regia a vescovo di Oria confermata da Pio VI.     

 

Alcune fonti indicano Gragnano come luogo di nascita di Fabrizio Cimino. I dati qui riportati sono tratti dal libro dei battezzati della parrocchia salernitana di Sant'Andrea de Lavina, oggi presso l'Archivio Diocesano. 


torna all'indice

 

 

 

 

(Maria) Elvira Coda Notari (10 febbraio 1875 – 17 dicembre 1946), regista

Figlia di Diego, negoziante, e di Agnese Vignes, registrata all'anagrafe con il primo nome di Maria, fu una delle prime donne regista della storia del cinema e la prima in assoluto in Italia. Trasferitasi a Napoli, nel 1902 vi sposò il fotografo Nicola Notari e insieme fondarono la casa di produzione cinematografica Film Dora producendo, con la tecnica pionieristica della colorazione a mano dei singoli fotogrammi, documentari di attualità e cortometraggi. Più tardi la casa, col nuovo nome di Dora Film, produsse lungometraggi, spesso tratti da romanzi popolari della tradizione meridionale, diventando una delle più importanti case di produzione del cinema italiano dell'epoca; del 1916 è Carmela la sartina di Montesanto, da un romanzo del concittano Davide Galdi, in cui fa l'esordio cinematografico Tina Pica. 

Elvira esercitò l'attività di regista con precisione e rigore, scegliendo come set privilegiato delle sue storie la Napoli popolare e impegnando nella recitazione familiari, amici e qualche volta se stessa, dando vita a personaggi tipici napoletani di indimenticabile impatto emotivo. Il mondo ritratto nei suoi film era quello dei bassi, dei pescatori, dei guappi, degli scugnizzi, un mondo di forte disagio sociale sulle cui ingiustizie e drammi finiva sempre col trionfare l'amore. Aprì anche una scuola ove insegnava una recitazione lineare, senza eccessi in rapporto al gusto dell'epoca, e un metodo di esprimere le emozioni basato, modernamente, sulla dimensione psicologica.

La Dora Film ebbe una sede anche a New York dove i film erano molto seguiti dalla popolazione di origine italiana. Chiuse le sue attività nel 1930. Elvira si ritirò a Cava de' Tirreni dove morirà. Aveva diretto circa sessanta film, alcuni di enorme successo di pubblico.


torna all'indice

 

 

 

 

Cofone (XI-XII secolo), medico della Scuola salernitana

Citato nel De mulierum passionibus di Trotula de Ruggiero, nella Practica brevis di Giovanni Plateario e nell'Antidotarium di Niccolò Salernitano, Cofone è ritenuto autore di diversi trattati, quali il De aegritudinum curatione, la Practica secundum humores, il Liber de corporibus purgandis, il De modis medendi, il De urinis etearundem significationibus, l'Ars medendi, che pare, a giudicare da quanto si legge nel codice trecentesco Med. Vindobon. CXCIII della Biblioteca imperiale di Vienna, sia stato scritto con l'ausilio di altri medici salernitani o, più probabilmente, di allievi dello stesso Cofone.

L'Ars medendi, di cui nella prima metà del Cinquecento si ebbero varie edizioni a stampa, offre un quadro d'insieme dei metodi terapeutici noti a Salerno fra XI e XII secolo, metodi fondati sulle teorie ippocratico-galeniche con qualche influenza di scuola araba, caratterizzati da un indirizzo eminentemente pratico.


torna all'indice

 

 

 

 

Gaetano Colucci (18 gennaio 1935 – 12 novembre 2008), politico

Figlio di Raffaele, possidente, e di Margherita Adinolfi, laureato in giurisprudenza, fu eletto alla Camera dei deputati per la X (1987-1992) e la XI (1992-1994) legislatura nel collegio di Benevento per il Movimento Sociale Italiano, e per la XII (1994-1996) e XIII (1996-2001) nel collegio di Salerno con lo stesso partito, che intanto aveva cambiato la denominazione in Alleanza Nazionale. Nella X legislatura fu membro dell'8ª commissione (Lavori pubblici) e dell'11ª (Lavoro). Nella XI legislatura fu membro dell'11ª commissione (Lavoro). Nella XII legislatura fu segretario dell'Ufficio di presidenza e membro dell'11ª commissione (Lavoro) e della 6ª (Finanze). Nella XIII legislatura fu vicepresidente dell'11ª commissione (Lavoro). Fu primo firmatario di undici progetti di legge, di cui due, relativi alla previdenza sociale, accolti nella legge 335 del 1995 e uno, Concessione di un contributo annuo dello Stato all'Unione italiana ciechi, convertito nella legge 24 del 1996.


torna all'indice

 

 

 

 

Carlo Conti Rossini (25 aprile 1872 – 24 agosto 1948), etiopista e funzionario statale

Figlio di Gaudenzio, ingegnere del genio civile, e di Vittoria Vaudagnotti, impiegato presso l'amministrazione dello Stato ancor prima di laurearsi in legge a Roma nel 1894, nel 1899 è inviato in Eritrea, ove sarà direttore degli Affari civile del governo coloniale fra il 1900 e il 1903. Richiamato in Italia e poi inviato a Parigi quale rappresentante del Tesoro dello Stato (1907-1910), ritorna alle colonie nel 1914 quale segretario generale per gli Affari politici e civili in Tripolitania. Ancora richiamato, è direttore generale al Ministero del tesoro dal 1917 al 1925, quindi consigliere di Stato. Va ricordata anche la carica di vicepresidente della Banca nazionale del lavoro, ricoperta per lunghi anni, e poi quella di presidente nel 1943, per brevissimo periodo.

Ancor prima dell'esperienza eritrea, sull'onda dell'impresa coloniale, Carlo era stato attirato dallo studio della storia e delle lingue di quella parte dell'Africa, seguendo i corsi di Ignazio Guidi, al quale nel 1885 era stato affidato quell'insegnamento presso l'Università di Roma. Egli, conducendo per tutta la vita sistematici studi, abbracciò l'intero arco dell'etiopistica raggiungendo una eccezionale competenza nelle lingue, indagate glottologicamente e filologicamente, che gli avvalse l'insegnamento presso la stessa Università di Roma (1920- 1949) succedendo al suo antico maestro Guidi, che lasciava per raggiunti limiti di età.

Autore di molteplici pubblicazioni sui temi più disparati connessi al Corno d'Africa, fra le altre Principi di diritto consuetudinario dell'Eritrea (1916) e Proverbi, tradizioni e canzoni tigrine (1941), fu fin dal 1914 socio dell'Accademia dei Lincei e vicepresidente nel 1948; carica che dal 1947 al 1949 ricoprì anche presso l'Istituto italiano di antropologia.


torna all'indice

 

 

 

 

Massimo Coppola (6 giugno 1972), autore televisivo

Dopo essersi laureato in filosofia della scienza nel 1999 con tesi sulla Coscienza, svolge un dottorato di ricerca in scienze cognitive, ma dopo due anni di attività presso le facoltà di filosofia di Milano e di scienze cognitive a Torino abbandona la carriera accademica. Nel 2004, con Luca Formenton e Giacomo Papi, fonda a Milano la Isbn Edizioni, di cui sarà direttore editoriale.

Ha ideato, scritto e condotto i programmi televisivi Brand:New, MTV, 2000-2003; Cocktail d’amore, Raidue, 2001-2003; Pavlov, MTV, 2003-2004; Avere vent'anni, MTV, 2004-2006 e LA7 2008. Ha scritto e diretto i documentari: La regola del contemporaneamente, 2002; Il pareggio non esiste, 2002; Politica zero, 2006; Solomon, 2006; Bianciardi!, 2007; Parafernalia, 2008. Nel 2010 ha presentato alla 67ª edizione del Festival di Venezia il suo lungometraggio Hai paura del buio. Ha pubblicato i libri Nove domande sulla coscienza nel 2000 e Brand:new nel 2002. È stato direttore di Rolling Stone Italia dal 16 febbraio 2015 al 17 marzo 2016. Attualmente (2017) è consulente RAI per le Strategie Editoriali.

Compare come attore, con il personaggio Umberto, nel film di Guido Chiesa Lavorare con lentezza - Radio Alice 100.6 MHz del 2003.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia Correale. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale

di Salerno

Matteo Correale (22 dicembre1764 10 aprile 1836), capitano di vascello

Figlio del barone Pasquale e di Teresa de Vicariis, patrizio salernitano del sedile di Porta Rotese, giovanissimo fu avviato alla carriera militare entrando all'Accademia navale nel 1778. Dopo un periodo di formazione nella marina da guerra francese, ove raggiunse il grado di alfiere di vascello per l'eroismo tenuto il 12 aprile 1782 nella battaglia delle Antille contro la flotta inglese, nel 1783 fu richiamato a Napoli per essere assegnato al vascello San Gioacchino, poi al San Giovanni, che erano parte di una squadra navale attiva contro i pirati algerini. Tenente di vascello nel 1787, capitano nel 1797, nel 1799, a Repubblica napoletana finita, sospettato di avervi aderito, fu imprigionato e processato; contrariamente ai concittadini fratelli Ruggi, ebbe la fortuna di essere graziato e messo a riposo.

Nel 1806, all'arrivo dei napoleonidi, fu richiamato e gli fu affidata la cura dell'arsenale di Napoli con il grado di capitano di fregata. Capitano di vascello nel 1808, partecipa agli scontri con la flotta inglese. Al ritorno dei Borbone, è di nuovo fortunato, in quanto il trattato di Casalanza (20 maggio 1815) tutela i diritti acquisiti di chi ha combattuto per i francesi. 

Nel 1822, un altro infortunio, un sospetto di connivenza con gli austriaci, lo costringe di nuovo a riposo e ad implorare una nuova grazia, che otterrà soltanto nel 1831. Richiamato ancora in servizio, sarà alla direzione dell'Orfanotrofio militare per la marina, poi, dal 1833, alla direzione del Dipartimento del cantiere di Castellammare.    


torna all'indice

 

 

 

 

Stanislao Cugia (13 maggio 1877 – 11 maggio 1952), giurista

Figlio di Pasquale, impiegato, e di Teresa Giani, portatosi in Sardegna, regione di origine della famiglia, si laureò a Cagliari in giurisprudenza; quindi a Napoli si perfezionò nelle materie romanistiche alla scuola di Carlo Fadda, che era allora il massimo continuatore della dottrina pandettistica tedesca. Nel 1903 dette una notevole prova delle sue capacità collaborando alla grossa impresa che fu la traduzione, con note critiche, del vasto Commentario alle Pandette del Glück.

Libero docente e professore pareggiato a Napoli nel 1906, nel 1910 vince la cattedra di istituzioni di diritto romano presso la libera Università di Firenze. Nel 1925 entra nella carriera universitaria statale come titolare della cattedra di diritto romano all'Università di Cagliari; nel 1926 si trasferisce all'Università di Napoli, infine, nel 1927, a quella di Firenze.

Fra le sue pubblicazioni, notevoli, per le implicazioni revisioniste degli assunti allora correnti, sono gli scritti sull'interpretazione del termine causa, quali i saggi Il termine "piae causae": contributo alla terminologia delle persone giuridiche nel diritto romano (1906) e L'espressione "mortis causa". Indagini sulla dottrina della causa nel negozio giuridico (1910) insieme al volume Acceptilatio solutioni comparatur. Indagini sulla dottrina della causa nel negozio giuridico (1924), naturale esplicitazione dei concetti proposti nel lavoro del 1910, che troverà un seguito logico nell'altro volume Confusione perinde extinguitur obligatio ac solutione. Indagini sulla dottrina della causa nel negozio giuridico (1927). 


torna all'indice

 

 

 

 

Giovanni Cuomo (29 dicembre 1874 – 24 marzo 1948), politico

Figlio di Carmine e di Angiolina de Feudis, laureato in lettere e in giurisprudenza, insegnò materie letterarie e discipline sociali presso l'Istituto commerciale cittadino, di cui sarà poi preside. Cofondatore del giornale La Sveglia di tendenze socialiste, il 16 settembre 1898 è eletto consigliere comunale. Entrato nella giunta de Leo nel 1902, assunse la delega alle Finanze che, insieme a quella alla Pubblica Istruzione, terrà ininterrottamente fino al 1920.

Eletto deputato al parlamento prefascista del Regno nella XXV e nella XXVI legislatura con la lista Democrazia liberale, il suo impegno non travalicò mai i confini provinciali della sua terra e della sua città, verso le quali continuò a prodigare ogni sorta di cure. Membro della commissione permanente per la Pubblica istruzione per il periodo 1920-1921 e di quella Finanze e Tesoro per il biennio 1921-22 e 1922-23, si segnalò per energici interventi in aula sul problema delle opere pubbliche, sul Mezzogiorno e sulla politica economica e finanziaria del governo.

All'avvento del fascismo, di cui fu fervente oppositore, ritornò all'insegnamento a Salerno, per essere poi, dal 24 agosto 1943 al 14 gennaio 1944, commissario prefettizio della città.

Per la sua figura di antifascista, fu chiamato nel primo governo Badoglio come sottosegretario all'Educazione nazionale; divenuto dall'11 febbraio al 24 aprile 1944 ministro dello stesso dicastero, riuscì a far istituire a Salerno una facoltà di magistero, difendendola dai successivi tentativi di soppressione; tale facoltà, in seguito a lui dedicata, divenne il nucleo costitutivo dell’attuale Università di Salerno. Eletto deputato all'assemblea Costituente, aderì prima al gruppo parlamentare Unione Democratica Nazionale (1946-1947), poi a quello Liberale (1947-1948). Dal 24 settembre 1946 a fine mandato (31 gennaio 1948) fu componente della commissione per l’esame dei disegni di legge.


torna all'indice

 

 

 

 

Arnoldo D'Addario (16 dicembre 1922 – 30 maggio 2006), archivista, storico

Figlio di Francesco Paolo, impiegato, e di Vincenzina Visconti, nel 1934 si trasferisce con la famiglia a Firenze, ove si laurea in lettere nel 1947. L'anno successivo vince il concorso di archivista all'Archivio di Stato di Lucca, iniziando una carriera che lo porterà a Firenze, ad Arezzo, ed alla Soprintendenza Archivistica per la Toscana. Nel 1959 ottiene la libera docenza in archivistica e, nel 1971, la cattedra della disciplina alla facoltà di magistero dell'Università di Lecce, divenendone successivamente preside. Nel 1975, é alla cattedra di storia moderna della facoltà di magistero dell'Università di Perugia; nel 1977 passa alla cattedra di archivistica generale e storia degli archivi nella Scuola speciale per archivisti e bibliotecari, divenendone preside (1982-87), prima di passare alla cattedra di archivistica della facoltà di lettere e filosofia di Firenze.
Ha pubblicato studi storici di ambito toscano, fra i quali Il problema senese nella storia italiana della prima metà del Cinquecento: la guerra di Siena (1958), Burocrazia, economia e finanze dello Stato Fiorentino alla metà del Cinquecento (1963), Aspetti della Controriforma a Firenze (1972), La formazione dello Stato moderno in Toscana: da Cosimo il Vecchio a Cosimo de' Medici (1976), Alle origini dello Stato moderno in Italia: il caso toscano (1998). Ha collaborato all'Enciclopedia Dantesca, al Dizionario Biografico degli Italiani e a riviste quali la Rassegna degli Archivi di Stato, L'educazione giuridica, la Rassegna storica toscana, Archivalische Zeitschrift, l'Archivio storico italiano, di cui è stato anche direttore responsabile. Nel 1999 gli fu conferito il titolo di professore emerito dal Ministro dell'Università e della Ricerca scientifica e tecnologica.


torna all'indice

 

 

 

 

Gaetano d'Agostino (16 maggio 1838 17 settembre 1914), pittore

Nacque in parrocchia di Santa Trofimena da Fortunato, pittore, e da Maria Giovanna Amaturo. Formatosi al Regio Istituto di Belle Arti di Napoli, città nella quale lavorò per importanti committenze nella chiesa del Gesù Vecchio, nella sala del rettorato dell'Università, nel Conservatorio di musica, dal 1869 al 1872, con il padre, il fratello Antonio, il cugino Ermenegildo Caputo (figlio della sorella della madre Lucia) e un gruppo di notevoli artisti partenopei, fra cui Domenico Morelli, lavorò alle decorazioni del nuovo teatro Comunale (poi intitolato a Giuseppe Verdi dopo la morte del compositore): oltre ai medaglioni raffiguranti i principali musicisti, poeti e artisti italiani, eseguirono anche le pitture murali e le tele che ornano le sale dell'annesso Casino dei Nobili.

Nel corso della sua lunga attività, realizzò numerosi dipinti di soggetto neopompeiano ispirati alla vita nella Roma antica. Fra questi, all'esposizione di Napoli nel 1877 fu presente con I saltimbanchi a Pompei e La vita romana all'epoca di Claudio, il secondo esposto anche alla Mostra nazionale di Torino del 1884, e alla Salvator Rosa del 1906 con Pro patria ad erarium.

 

Molte fonti indicano il solo anno di nascita al 1837; alcune indicano la data completa al 16 maggio 1837. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1838 dello Stato Civile del comune di Salerno.

 

 

Gaetano d'Agostino, I saltimbanchi a Pompei.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia d'Aiello. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale

di Salerno

Matteo d’Aiello (1115 circa – 18 luglio 1193), politico

Pietro da Eboli, fautore di Enrico VI di Svevia, descrive il filo-normanno Matteo d’Aiello come plebeo, di origini africane, brutto, bigamo, dedito a pratiche stregonesche. In realtà, la famiglia pare avesse origini calabresi, del feudo di Aiello, di cui il figlio Riccardo sarà conte, sarà ascritta alla nobiltà cittadina del seggio di Porta Rotese e darà alla chiesa salernitana l’arcivescovo Nicola, altro figlio di Matteo, mentre Giovanni, fratello dello stesso Matteo, fu arcivescovo di Catania. L’accusa di bigamia, sulla quale Pietro molto insistette, appare almeno singolare, poiché se è vero che Matteo ebbe due mogli (Sica Capece, dei feudatari di Ascoli di Capitanata, morta prima del 1171, e Giuditta, morta il 25 giugno 1180), sposò la seconda essendo rimasto vedovo, non quando ancora viveva la prima.

Figlio di Nicola e di Marotta, giovanissimo, Matteo si trasferisce a Palermo, dove entra a far parte della curia Regia e, qui, per il suo grande ingegno, fu posto a capo della segreteria della Corona, svolgendo un ruolo fondamentale in tutti i più importanti affari del Regno normanno fra cui la redazione, nel 1156, del trattato di Benevento che, grazie alla mediazione dell’altro salernitano Romualdo Guarna, finalmente chiudeva un periodo di aspre incomprensioni tra Guglielmo I  e papa Adriano IV. Molte furono le occasioni in cui Matteo si dimostrò degno amministratore, tanto che alla morte di Guglielmo I (1166) fu, per disposizione testamentaria, tra coloro che fecero parte del consiglio della reggente regina Margherita.

Raggiunta la maggiore età, Guglielmo II tenne al governo il suo precettore Gualtieri d’Offamil e Matteo, ufficialmente come vice-cancelliere, in realtà quale cancelliere a tutti gli effetti, poiché durante tutto il suo regno il cancelliere non fu mai nominato. Contestualmente a quanto faceva per Salerno, Matteo, fra le altre opere, fece edificare a Palermo un ospedale, quello di Tutti i Santi.

Morendo Guglielmo II il Buono senza figli (1189), si pose il problema della successione al trono, sul quale Enrico VI di Svevia aveva posto una ipoteca a suo favore sposando nel 1186 Castanza d’Altavilla, zia di Guglielmo. Nel 1191 Enrico VI scese in Italia. In tutto il Regno si animarono fazioni a suo favore o a sostegno di Tancredi d’Altavilla, cugino di Guglielmo II, incoronato a Palermo l’anno precedente. A Salerno a capo del partito degli Altavilla era Nicola d’Aiello, figlio di Matteo, e successore di Romualdo II Guarna alla cattedra arcivescovile. che fu fra i più audaci organizzatori della disperata resistenza agli invasori. Per momentanea fortuna, Enrico, ammalatosi, fu costretto a rientrare in Germania.

Matteo d’Aiello, nominato finalmente cancelliere da re Tancredi dopo anni da vice di un capo inesistente, morendo il 18 luglio 1193, non vide il precipitare degli eventi. Quello stesso anno muore il giovane Ruggero, che il padre Tancredi aveva associato al trono, e l’anno successivo lo stesso re. Rimane sul trono l’altro suo figlio, il piccolo Guglielmo d’Altavilla, sotto la reggenza della madre Sibilla. Una nuova invasione permetterà ad Enrico VI di sedere sul trono siciliano.


torna all'indice

 

 

 

 

Senato

del Regno

 

 

Fidenzio Dall’Ora (20 febbraio 1879 – 4 febbraio 1961), generale

Figlio di Anselmo, alla sua nascita tenente di fanteria, e di Amalia Fiore, fu, come il padre, militare di carriera raggiungendo il grado di generale di corpo d'armata (31 luglio 1938). Partecipò alla campagna d'Africa (1905-1906), alla guerra italo-turca (1911-1912), alla grande guerra (1915-1918) e a quella d'Etiopia (1935-1936). senatore del Regno per nomina del 12 ottobre 1939 con convalida del 14 novembre, fu membro della commissione delle Forze armate (23 gennaio 1940-11 febbraio 1941), della commissione dei Lavori pubblici e delle Comunicazioni (9 gennaio-5 agosto 1943) e supplente nella commissione d'appello dell'Alta Corte di giustizia (25 gennaio 1940-5 agosto 1943). Fu insignito di molteplici onorificenze del Regno, fra le quali l'ordine della Corona d’Italia e quello dei Santi Maurizio e Lazzaro, e del Sovrano Ordine di Malta.


torna all'indice

 

 

 

 

Guglielmo d'Altavilla (1096 circa – 28 luglio 1127), duca di Puglia e Calabria 

Figlio di Ruggero Borsa, duca di Puglia dal 1085 al 1111, e di Ala, figlia di Roberto, conte di Fiandra, minorenne alla morte del padre, sarà investito del ducato da papa Pasquale II durante il sinodo di Ceprano dell'ottobre 1114; quello stesso anno sposa Gaitelgrima, figlia di Roberto de Airola, conte di Caiazzo.

Ancorché il suo titolo si riferisse alle sole Puglia e Calabria, il dominio ereditato attraverso il padre dal nonno Roberto il Guiscardo si estendeva all'intero meridione, essendo egli erede sui domini già del principato di Salerno (infatti intestava i suoi atti gratia Dei princeps et dux) e avendo quali feudatari il conte di Sicilia Ruggero II, cugino del padre, e Roberto di Capua, da lui definito principis dilectissimi consanguinei ac baronis nostri. Ma il controllo debole sul vasto territorio, già esercitato dal padre, e la reggenza della madre, avevano fortemente indebolito l'autorità ducale, sicché forti erano divenute le turbolenze dei feudatari minori, tanto che Guglielmo sempre più spesso si vide costretto a sollecitare interventi a volte diplomatici, più spesso militari, del conte di Sicilia.

Alla sua morte senza figli, sarà proprio Ruggero II di Sicilia a rivendicare il ducato, ottenuto il quale, nel 1130 si proclamerà re di Sicilia. Con la morte di Guglielmo terminavano gli oltre tre secoli e mezzo che avevano visto Salerno capitale di uno stato. 


torna all'indice

 

 

 

 

Felice d'Amato (9 giugno 1692 – 22 gennaio 1764), vescovo di Ischia (1743-1764)

Figlio di Vincenzo e di Anna Donadeo, nacque nella parrocchia di Santa Maria dei Barbuti. Studiò nel seminario di Salerno e nel collegio della Sapienza a Roma, laureandosi in diritto civile e canonico il 3 aprile 1719. Ordinato sacerdote, fu professore nel seminario di Sarno, canonico di quella cattedrale e vicario generale, carica che ricoprì anche presso le diocesi di Nola e di Benevento. Il 15 luglio 1743 fu nominato vescovo di Ischia, ove restaurò l'allora cattedrale e il seminario. Sarà sepolto al centro del coro di quella stessa cattedrale, poi distrutta nel 1809 da un cannoneggiamento inglese.  


torna all'indice

 

 

 

 

Giovanni da Procida (1210 – 1298),  politico

Nato nella famiglia dei signori dell'isola omonima, che sarà ascritta alla nobiltà salernitana del seggio di Portanova, Giovanni raggiunse nel regno di Sicilia la stessa posizione di potere che era stata del concittadino Matteo d’Aiello, anche se quest’ultimo ufficialmente fu vice-cancelliere e Giovanni gran cancelliere. La sorte volle che i due potenti salernitani si trovassero, in due secoli diversi, a lottare su fronti opposti, essendosi strenuamente battuto Matteo per impedire che il Regno cadesse nelle mani degli Svevi e battendosi con altrettanta energia Giovanni affinché ad essi tornasse dopo l’invasione angioina.

Medico della Scuola salernitana, già consigliere di Federico II, fu al fianco di Manfredi fino alla disfatta di Benevento del 1266 e, due anni dopo, con Corradino alla battaglia di Tagliacozzo; quindi cominciò a viaggiare fra le corti europee tessendo trame diplomatiche tese alla realizzazione della cacciata dei francesi dalla Sicilia e dalla penisola italiana; fu particolarmente attivo a Roma, a Costantinopoli e in Aragona, dove offrì per lungo tempo i suoi servigi al re Giacomo I e in seguito al figlio Pietro che, avendo sposato Costanza di Hohenstaufen, era anche genero di Manfredi. Fu fra i principali organizzatori e animatori dei vespri siciliani e della guerra che ne seguì, così come dell'intervento di Pietro d'Aragona in Sicilia. Ma il suo sogno di restuire agli svevi l’intero Regno rimase non realizzato, poiché gli angioini continueranno a regnare a Napoli e sulla sua città natale ben oltre l’epoca della sua morte.

Per Salerno, Giovanni ottenne da Manfredi, nel 1259, l’istituzione della fiera di san Matteo, che diventerà la maggiore del meridione d’Italia e sarà definita autentico strumento di politica economica; e proprio per favorire ed ampliare il mercato meridionale, l’anno successivo fu approvato anche l’ampliamento del porto salernitano. In campo medico, Giovanni da Procida lascia pregevoli traduzioni di Galeno, di Giovanni Alessandrino (VII secolo) e del musulmano Ibn Abi Usaybiah, medico personale dell’Emiro di Sarkhad.


torna all'indice

 

 

 

 

Giuseppe D'Avino (10 settembre 1927 – 12 marzo 2011), calciatore (attaccante)

Figlio di Alferio, operaio, e di Carmela De Donato, esordisce con la Salernitana nel 1946 per passare poi alla Nocerina (1946-47) e alla Torrese (1947-48). In serie A approda il 24 ottobre 1948 con la Lazio allenata da Orlando Tognotti; con la squadra romana, poi affidata a Mario Sperone, mette a segno due reti in sette partite. Nella stagione 1949-50 torna alla Salernitana in serie B segnando sette reti in ventisette presenze, per poi passare all'Empoli (1950-51), al Catanzaro, con il quale disputerà ben centotrentuno partite fra 1951 e 1957, ancora alla Nocerina (1957-58) e a  fine carriera alla Battipagliese.

Memorabile rimane la decima giornata della stagione di serie C 1956-57, quando si gioca Catanzaro-Salernitana, ove il bomber di casa è D'Avino e l'estremo difensore ospite è il cognato De Fazio (D'Avino aveva sposato la sorella di De Fazio). Quando, al 19°, i due si trovano faccia a faccia D'Avino segna il gol che determina la sconfitta salernitana. Gesto di lealtà sportiva, che gli costerà la freddezza del cognato per molti anni a venire e la pubblica ostilità della tifoseria granata.  

 

Alcune fonti indicano la data di nascita al 9 settembre. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1927 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Senato

del Regno

 

Giovanni d'Avossa (1° febbraio 1808 – 21 aprile 1868), politico

Figlio di Clemente, compiuti gli studi giuridici a Napoli, fu avvocato in Salerno. A seguito della concessione della costituzione da parte di Ferdinando II (29 gennaio 1848), fu eletto capo della guardia nazionale cittadina e nell'aprile successivo fu per pochi giorni ministro degli Interni del governo Troja, prima di essere eletto alla camera dei deputati. Rieletto il 15 giugno, dopo lo scioglimento del parlamento seguito dei moti del 15 maggio, sarà arrestato il 24 settembre 1849, dopo la sospensione della costituzione, proprio con l'accusa di aver partecipato a quegli eventi. Rinchiuso prima nelle carceri di San Francesco, poi in quelle di Castel Sant'Elmo con Silvio Spaventa, nell'aprile 1853 fu assolto dal reato imputatogli, ma rinviato alla Gran Corte speciale di Salerno per rispondere di altri reati politici commessi nel salernitano. Mentre era in attesa di giudizio, chiese e ottenne di ritirarsi in esilio; partito il 26 giugno 1855, si portò a Malta, stabilendosi a La Valletta.

Caduto il regime borbonico, rientrò in patria e fu nominato avvocato generale presso la Corte suprema di Napoli (decreto dittatoriale del 17 settembre 1860). Eletto deputato di Salerno per la VIII legislatura (1861-1865), cessò dal mandato nel maggio 1861 essendo destinato, quale vicepresidente, alla Corte di Cassazione. Fu creato senatore del Regno per nomina del 15 maggio 1862 convalidata il 1° luglio. Al momento di quest'ultima nomina risulta detenere i titoli di nobile di Salerno e di signore di Bergara.

 

 

Alcune fonti indicano quale anno di nascita il 1798. Il dato qui riportato è tratto dall'Archivio storico del Senato. 


torna all'indice

 

 

 

 

 

Michele de Angelis (30 maggio 1875 – 28 aprile 1939), ingegnere, storico

Figlio di Luigi, possidente, e di Anna Maria Conforti, fu nel ventennio fascista il progettista di importanti opere pubbliche in città, quali le scuole Barra e il liceo Tasso (1928). Nei primi anni Trenta diresse il restauro del duomo, nel corso del quale fu rinvenuta la cattedra detta di San Gregorio VII, il che gli valse la pubblicazione di due volumi: una relazione sui lavori eseguiti nell'edificio (1936) e una Nuova guida (1937).

Fin dal 1923 si era cimentato in una serie di studi sull'evoluzione urbanistica di Salerno che, pur col merito di essere i primi tentati, ebbero il grosso limite di essere basati su un numero relativamente limitato di documenti, le cui carenze furono integrate con sue illazioni. Ipotizzò in tal modo andamenti di mura, ampliamenti della città mai avvenuti, posizioni di porte; in particolare, identificò (1924), erroneamente, la porta di Rateprando con l'arco che vediamo a meridione della chiesa di Sant'Andrea de Lavina e pose la porta di Elino (1925), in modo altrettanto erroneo, a meridione del monastero di San Benedetto.

Un progetto suo e del fratello Luigi (luglio 1928) che per fortuna della città non ebbe seguito prevedeva la demolizione del tessuto urbano a settentrione e ad occidente di piazza Sedile del Campo, fontana vanvitelliana e porta di Rateprando comprese, allo scopo, nell'ottica fascista del piccone demolitore e risanatore, di ampliare gli spazi. Il progetto prevedeva anche di demolire l'area a occidente dell'imbocco di via Porta di Mare, torre di Guaiferio inclusa, allo scopo di fare largo ad un nuovo Palazzo di Città.

Nel 1932, approfittando del fatto di essere stato nominato membro della commissione per la revisione dei nomi delle strade della città, imporrà che il vicolo che corre sotto l'arco a meridione di Sant'Andrea de Lavina fosse rinominato via Porta Rateprandi e che la calata Dogana Nuova prendesse il nome di via Porta Elina.

 

A lato: la Cattedra al momento del ritrovamento e il volume Nuova guida del duomo di Salerno

 

Per l'attività di storico di Michele de Angelis si veda in questo sito il capitolo Gli studi di Michele de Angelis alla sezione studi di urbanistica > la città medievale


torna all'indice

 

 

 

 

Ciro De Cesare (16 dicembre 1971), calciatore (attaccante)

Cresciuto calcisticamente nella Cavese, dopo tre stagioni fra serie D e C1, per la stagione 1997-98 è alla Salernitana in B, alla cui promozione in serie A contribuisce con cinque reti in trenta gare. Dopo solo due presenze in massima serie, è ceduto al Chievo Verona in B, ove rimane per tre stagioni, con un breve ritorno a Salerno nel 2000. Nella stagione 2000-01, con otto reti in trentacinque partite, contribuisce alla promozione del Chievo in serie A. Questa volta in massima serie collezionerà tre presenze prima di passare in prestito al Siena in B (2001), quindi allo Spezia in C1 (2002). Nell'estate 2002 ritorna in massima serie con il Como; disputa cinque partite e nel gennaio 2003 passa al Piacenza per sedici presenze con tre reti, con cui retrocede in B. Nel decennio 2003-2013, prima di ritirarsi, milita in una lunga serie di squadre minori, con due ritorni a Salerno (2005-06 e 2011-12). 


torna all'indice

 

 

 

 

 

 

 

Massimo de Divitiis (27 maggio 1973), cantante del gruppo Neri per caso

Per il gruppo musicale Neri per caso, per metà salernitano, essendo nati in città Ciro e Gonzalo Caravano e Massimo de Divitiis, il successo giunge con la vittoria nella sezione Nuove proposte al Festival di Sanremo 1995, con la canzone Le ragazze di Claudio Mattone.

Il loro modo di cantare, a cappella, cioè senza l'ausilio di strumenti musicali, prima del loro avvento poco diffuso in Italia, suscitò interesse ed il loro primo disco, Le ragazze, contenente cover di famose canzoni italiane e due brani inediti, ottenne subito successo, raggiungendo il traguardo di sei dischi di platino. Nel 1996 con il brano Mai più sola, anch’esso di Claudio Mattone, il gruppo ripete l’esperienza del Festival, giungendo al quinto posto fra i Big. A Sanremo 2008 sono stati ospiti di Mietta nella serata dedicata ai duetti, in cui hanno riarrangiato a cappella, insieme alla cantante pugliese, la canzone Baciami adesso, regalando un momento d'arte vocale e grande spettacolo che ha registrato il picco d'ascolto con oltre 11 milioni di telespettatori.

Gli altri componenti del gruppo sono Mimì (Madrid, 27 Luglio 1969) e Diego (Napoli, 26 Ottobre 1972) Caravano e Mario Crescenzo (Nocera Inferiore, 11 Agosto 1969).


torna all'indice

 

 

 

 

Massimo De Donato (5 giugno 1968), giornalista

Laureato in scienze politiche, diviene giornalista professionista nel 1997 specializzato nel settore dell'economia dei trasporti. Dal 1998 al 2011 è al Gruppo editoriale Domus, di cui diviene caporedattore. Dal luglio 2011 è direttore responsabile di TIR, rivista mensile edita dal Ministero dei Trasporti. Fin dal 1999 era entrato in Rai, a Radio1, con la conduzione di Uomini e Camion. Tra il 1999 e il 2010 è autore e conduttore di rubriche legate al mondo dei trasporti per il canale di pubblica utilità Isoradio, tra cui Dodiciruote e Trasporti Italia. Dal 2015 è autore e conduttore di Container a Radio 24, approfondimento settimanale dedicato al mondo dei trasporti e della logistica. In televisione, fra il 2011 e il 2015 è stato curatore e conduttore a Rai Uno della rubrica Car&Work all'interno di Easy Driver, storica produzione dedicata al mondo dei motori.


torna all'indice

 

 

 

 

Aldo De Fazio (26 maggio 1927 – 19 maggio 2009), calciatore (portiere) e allenatore

Figlio di Michele, macchinista, e di Anna Schiano, si pone in luce nel dopoguerra giocando prima con la Nocerina in serie C (1946-47), poi fra i cadetti con l'Arsenal Taranto (1947-48) e la Salernitana (1948-49). Chiamato alla Lazio in serie A, trova difficoltà ad emergere per la presenza di Sentimenti IV come primo portiere, tant'è che la società lo spedisce a Lucca (1951-52), ove gioca un torneo ad altissimo livello. Rientrato alla Lazio, sarà ancora riserva di Bob Lovati scendendo in campo saltuariamente, fin quando, per la stagione 1956-57, è richiesto dalla Salernitana, con la quale giocherà con la continuità mancata a Roma.

Fra il 1968 e il 1987 sarà allenatore.


torna all'indice

 

 

 

 

Mario De Fazio (12 marzo 1920 – 12 marzo 1979), politico

Nacque al Conservatorio Vecchio da Michele, ferroviere, e da Anna Schiano. Professore di materie letterarie al liceo cittadino Torquato Tasso all'epoca del movimento sessantottino, fu in polemica costante con gli studenti della sinistra estrema. Fu consigliere alla provincia di Salerno e al comune di Baronissi. Eletto al Senato per la VI legislatura (1972-1976) nelle fila del Movimento Sociale Italiano-Destra Nazionale, sarà membro della 7ª commissione (Istruzione pubblica).


torna all'indice

 

 

 

 

Pietro D'Elia (29 aprile 1946), arbitro di calcio

Figlio di Angelo, impiegato, e di Mafalda Cingolo, debuttò in serie A il 22 maggio 1977 (Catanzaro - Lazio) dando inizio ad una carriera che lo avrebbe portato a raccogliere 192 presenze nella massima divisione fino al 1992, anno in cui smise di arbitrare per raggiunti limiti d'età. Era stato promosso al ruolo di internazionale nel 1982 e lo rimarrà fino alla fine della carriera. In tale ambito, nel 1990 diresse la finale di andata degli europei di calcio Under 21 e il 6 maggio 1992 la finale di Coppa delle Coppe di Lisbona tra Werder Bremen e Monaco.

Nel 1991 un incidente di percorso ne appanna la carriera quando è sospeso per qualche settimana dal designatore Paolo Casarin, perché sorpreso a cenare in un ristorante con l'allora dirigente del Torino Luciano Moggi, contravvenendo alle regole deontologiche di categoria. Passato al settore dirigenziale, nel 1999 incorse nella squalifica di un anno in relazione alla gara di serie D Rieti-Pomezia della stagione 1996-97, quando rivestiva il ruolo di responsabile degli arbitri di categoria, essendo stato ritenuto colpevole dalla Corte Federale FIGC di aver esercitato pressioni al fine di falsificare il referto arbitrale.

 

Alcune fonti indicano la data di nascita al 20 aprile. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1927 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Eufranone della Porta (XIII secolo), domenicano

Patrizio salernitano, nato nella famiglia ascritta al sedile di Porta Rotese che vantava origini longobarde e parentela con Gisulfo II, già sposato e con una figlia, Regale, rimasto vedovo, entrò nell'ordine domenicano e nel 1269 lo troviamo priore di San Domenico Maggiore a Napoli. Nel 1272 è a Salerno quando il cugino Matteo, arcivescovo dal 1263, concede al suo ordine, per reverenza verso san Domenico, per l'amore portato a Tommaso d'Aquino e a lui stesso, definito providus et religiosus, la chiesa di San Paolo de Palearia, posta nel suburbio della città. Questa, trasferita con le sue pertinenze nelle mani di Eufranone, si trasformerà nella chiesa di Santa Maria della Porta, costruita a cura della figlia Regale e consacrata nel 1277, accanto alla quale sorgerà il monastero che ancora si osserva.

Dopo la morte dell'arcivescovo Matteo, avvenuta il 25 dicembre 1273, Eufranone è fra i candidati alla successione, ma i suoi sostenitori risultano minoranza. Nominato nel 1274 definitore dal capitolo provinciale di Napoli, morirà nel 1275 sulla via per Bologna, ove stava recandosi per il capitolo generale.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia della Porta. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale

di Salerno

Giovanni della Porta (XIV secolo), arcivescovo di Brindisi e Oria (1348-1353), arcivescovo di Capua (1353-1357)

Patrizio salernitano del sedile di Porta Rotese, di questa famiglia che vantava origini longobarde e parentela con Gisulfo II, già arcivescovo di Corfù, trasferito da Clemente VI il 30 maggio 1348 alla sede metropolitana di Brindisi e Oria, il 18 gennaio 1353 è creato da Innocenzo VI arcivescovo di Capua.

Quello stesso anno, con il vescovo di Troia e l'arcivescovo di Napoli, è incaricato dal pontefice di intimare alla regina Giovanna il rispetto delle prerogative della Sede apostolica in materia di signoria feudale sul regno di Napoli. Sarà soltanto la prima di una serie di delicate missioni che Innocenzo VI gli affiderà nell'ambito dei rapporti spesso problematici fra il papato e il Regno, come il mancato versamento delle rate del censo per il quale si era impegnato il sovrano consorte Luigi di Taranto, che porterà alla sua scomunica, sull'applicazione della quale lo stesso Giovanni sarà chiamato a vigilare; ma, nel caso, l'ubbidienza al Papa certamente poneva in crisi la politica filo angioina da sempre professata dalla sua famiglia, forse per questo lo troviamo, nel 1355, ambasciatore ad Avignone dello stesso Luigi di Taranto insieme al suo consanguineo Matteo, fidato familiare di Giovanna I e all'epoca reggente della Gran Corte della Vicaria.

Nominato il 5 novembre dello stesso anno nunzio apostolico presso Edoardo, principe del Galles, e Giacomo di Borbone, connestabile di Francia, morirà prima dell'agosto1357.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia della Porta. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale

di Salerno

Matteo della Porta (XIV secolo), giurista, funzionario regio

Patrizio salernitano, figlio di Tommaso, nato nella famiglia ascritta al sedile di Porta Rotese che vantava origini longobarde e parentela con Gisulfo II, iuris civilis professor nel 1331, nel biennio 1334-1335 condusse missioni diplomatiche per Roberto d'Angiò presso i regnanti d'Aragona, a Genova, a Pisa. Nel 1336 entrò stabilmente nell'amministrazione dello Stato come presidente della Camera della Sommaria, mentre al 1344, al momento della morte di Roberto, lo troviamo anche maestro razionale. Confermato negli uffici dal Consiglio che resse il Regno per la minore età di Giovanna I, si vide chiamare nella ristretta cerchia del consiglio del cardinale Aimeric de Châtelus quando questi assunse il governo quale legato apostolico di Clemente VI. In tale ambito, egli formulò pareri legali su questioni delicate e sue relazioni addirittura furono basi di ordinanze e decreti regi.

Fedele più allo Stato che ai re, Matteo non lasciò Napoli al momento dell'invasione di Luigi d'Ungheria, ed infatti tutti i decreti della breve occupazione (27 gennaio - 15 aprile 1348) risultano di sua mano. Né il ritorno di Giovanna (agosto successivo) mutò la sua posizione, poiché il diploma della regina in data 23 novembre, con il quale si concedeva ai regnicoli la libertà di associarsi in corporazioni di mestiere, anche risulta di sua mano.

Nel 1351, forse l'atteggiamento tenuto gli valse la partecipazione alle trattative di pace fra i due contendenti che si tennero ad Avignone, ove ebbe modo di farsi apprezzare dal Papa, che l'anno successivo sollecitava la Regina a nominarlo protonotaro del Regno.

L'apice della carriera sarà raggiunto nel 1353 con la nomina a reggente della Gran Corte della Vicaria, il che lo poneva al vertice dell'amministrazione giudiziaria del Regno. L'ultima nota che lo certifica ancora in vita è del 2 maggio 1358.        


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia della Porta. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale

di Salerno

Tommaso della Porta (XIII secolo), giurista, funzionario regio

Patrizio salernitano del sedile di Porta Rotese, di questa famiglia che vantava origini longobarde e parentela con Gisulfo II, figlio di Giovanni e fratello dell'arcivescovo Matteo, al marzo 1260 lo troviamo, essendo regnante Manfredi, avvocato fiscale presso la Magna Curia, carica di grande prestigio e autorità, cui spettava la difesa delle ragioni del Fisco nelle vertenze giudicate dalla Magna Curia. Con l'avvento dei d'Angiò, nel giugno 1266 lo troviamo rientrato a Salerno, in qualità di procuratore del fratello arcivescovo.

Nel 1269, in occasione della leva militare disposta da Carlo I, Tommaso risulta rientrato nella regia Curia con il vecchio incarico di avvocato fiscale. Consigliere e familiare regio, fu chiamato (forse 1270) a insegnare diritto civile nello Studio napoletano, compito che  assolse frammisto ad altri, come quando, il 4 settembre 1274, fu sottoscrittore del trattato di alleanza fra Carlo d'Angiò e le comunità di Sebenico e di Spalato; o nel febbraio 1276, quando risulta nella comitiva regia che seguì a Roma il Re che andava ad esercitare il ruolo di senatore della città. A partire dal 1277 fece parte, con il rango di cavaliere, dell'Ospizio regio, l'amministrazione, cioè, degli uffici domestici che Carlo I andava organizzando sul modello dell'Hôtel regio francese. Morirà prima dell'8 gennaio 1280.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Vignetta da Salerno amabile revival

Carmine De Martino (6 marzo 1898 29 marzo 1963), politico

Nacque alla Rotonda da Vincenzo, sellaio, e da Maria Abbundo. Laureato in scienze economiche e commerciali, nel 1941 lo troviamo nel gruppo dei soci accomandatari della Società Agricola Industriale del Mezzogiorno (SAIM), attiva nel settore dei tabacchi. Deputato all'Assemblea costituente (1946-1948), sarà eletto alla Camera dei deputati nelle prime tre legislature (1948-1963), nel collegio di Benevento, per la Democrazia Cristiana. Fu sottosegretario agli Affari esteri nel governo Zoli (1957-1958) e nel primo governo Segni (1959-1960). Fu primo firmatario di dieci progetti di legge, fra cui uno solo, a favore delle zone colpite dalle alluvioni in Campania, fu convertito nella legge 1255 del 1957. 
Nella seconda metà degli anni cinquanta del Novecento, fu fra i fautori dello sciagurato progetto di dotare Salerno di un nuovo porto a occidente, tant'é che promosse la costituzione di un consorzio per la raccolta dei fondi utili all’esecuzione dei primi lavori. Venuto egli a mancare, montò per anni una interminabile querelle tra chi voleva il porto a occidente e chi lo voleva ad oriente. Alla fine la spuntarono gli occidentalisti, grazie anche alla volontà di Fiorentino Sullo, allora ministro dei Lavori Pubblici. La città non avrà più le belle spiagge in continuità con la Costiera, la litoranea orientale non avrà il porto in continuità alla zona industriale.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Giovanni Guerrini,

Ritratto di Eurialo De Michelis, 1933.

Eurialo De Michelis (23 ottobre 1904 – 17 dicembre 1990), poeta, scrittore, saggista

Figlio di Rennepout Cesare, pastore della Chiesa evangelica, e di Ida Della Torre, si trasferì giovanissimo a Vicenza. Nel 1927 esordì con la raccolta di versi Aver vent'anni cui fece seguito Adamo (1930), prima opera letteraria considerata l'avvio del realismo letterario. Dopo due altre raccolte di prose, Bugie e Distacco, si dedicò principalmente alla saggistica; intanto fondava, con Mario Pannunzio, il settimanale Oggi (1933) e promuoveva con alcuni amici la rivista Marsia. Il ritorno alla poesia si ebbe nel 1962 con la raccolta Poesie a ritroso e quello alla narrativa nel 1965 con Viaggio in carrozza.

Membro dell'Accademia dell'Arcadia, ebbe vari riconoscimenti fra cui i premi Fracchia, Manzoni, D'Annunzio e Roncaglia dell'Accademia dei Lincei per l'attività saggistica.

Suoi manoscritti sono depositati presso il Centro manoscritti dell'Università di Pavia e l'Archivio dell'Università di Padova.


torna all'indice

 

 

 

 

Vincenzo de Rogata (XV secolo), pittore

Di Vincenzo de Rogata si conoscono solamente tre opere; un trittico, originariamente ubicato nella congrega di San Bernardino da Siena, nel Duomo di Salerno, un Cristo in pietà ora nel museo di Capodimonte a Napoli e una tavola con la Madonna, il Bambino e i santi Matteo e Marco (datata 1498) ora nella chiesa parrocchiale di Scorrano, in Puglia, ma in origine nella badia di San Marco a Salerno.

(Francesco Abbate, Storia dell’arte nell’Italia meridionale, Il Cinquecento, 2001, p. 15)

 

Vincenzo de Rogata, Madonna con Bambino e santi, 1493. Salerno, Museo diocesano. Trittico già nella congrega di San Bernardino da Siena.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia de Ruggiero. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale

di Salerno

Matteo de Ruggiero (XIII secolo), funzionario regio

Patrizio salernitano, nato nella famiglia ascritta al sedile di Porta Rotese che rimane nella storia cittadina anche per aver ceduto a Roberto il Guiscardo una parte dei propri terreni per la costruzione del Duomo normanno, all'avvento di Carlo I d'Angiò fu giustiziere della Sicilia ultra flumen Salsum per due anni indizionali, fra il settembre 1266 e l'agosto 1268. Dal febbraio 1272 a quello del 1274 fu investito della stessa carica per la Calabria, ove si profuse per il riarmo della flotta angioina in vista della progettata spedizione anti Bisanzio, facendo consegnare, nell'aprile del 1273, agli incaricati della riparazione e del riarmo delle navi nelle Puglie duemila remi da galera che aveva fatto costruire e portare a Badolato.

Nel 1277 gli fu affidato il nuovo ufficio di provisores et prepositi navigii vassellorum et tarsianatuum curie per il distretto di Principato e Terra di Lavoro, per cui nel 1278 sarà impegnato a far approvvigionare dieci galere nei cantieri di Napoli, Gaeta, Ischia, Amalfi e Salerno. Nello stesso anno, il suo ufficio fu mutato in viceammiragliato, carica che manterrà fino al 26 novembre 1283. Già accolto fra i familiari del Re nell'ottobre precedente, ebbe la nomina a maestro razionale, il che lo pose fra i membri dell'organo preposto al controllo delle finanze dello Stato. Morirà prima del 3 giugno 1284.


torna all'indice

 

 

 

 

Trotula de Ruggiero (XI secolo), medico della Scuola salernitana

Nobile salernitana, nata nella famiglia che rimane nella storia cittadina anche per aver ceduto a Roberto il Guiscardo una parte dei propri terreni per la costruzione del Duomo normanno e che sarà ascritta al seggio di Porta Rotese, Trotula ebbe l'opportunità di intraprendere studi di medicina nella famosa Scuola salernitana. Sposò Giovanni Plateario, medico, al quale diede due figli che seguirono le orme dei genitori.

Trotula, la cui autorità rimase indiscussa per tutto il medioevo, fu una delle più note Mulieres salernitanæ ovvero le studiose che insegnavano o erano attive intorno alla Scuola medica. Le sue lezioni furono incluse nel De agritudinum curatione, una raccolta degli insegnamenti di sette grandi maestri e pare collaborasse con il marito ed i figli alla stesura del manuale Practica brevis, comunemente assegnato al figlio Giovanni. Ella ebbe idee innovative sotto molti punti di vista: considerava che la prevenzione fosse l'aspetto principale della medicina e propagava nuovi e per l'epoca insoliti metodi, sottolineando l'importanza dell'igiene, dell'alimentazione equilibrata e dell'attività fisica per la salute. Le sue conoscenze in campo ginecologico furono eccezionali e fece scoperte anche nel campo dell'ostetricia e delle malattie sessuali. Cercò nuovi metodi per rendere il parto meno doloroso e per il controllo delle nascite. Si occupò del problema dell'infertilità, cercandone le cause non soltanto nelle donne, ma anche negli uomini, in contrasto con le teorie dell'epoca. Fu autrice del De passionibus Mulierum Curandarum, divenuto successivamente famoso con il nome di Trotula Major, quando venne pubblicato insieme al De Ornatu Mulierum, un trattato sulle malattie della pelle.

Nel XIII secolo le idee e i metodi curativi di Trotula erano conosciuti in tutta Europa e i suoi trattati utilizzati come testi classici presso le scuole di medicina più rinomate. Successivamente il Trotula Maior, come altri testi scritti da donne, fu attribuito ad un autore di sesso maschile: ad un anonimo, al marito o ad un fantomatico medico Trottus. Nel XIX secolo alcuni storici, tra cui il tedesco Karl Sudhoff, negarono la possibilità che una donna avesse potuto scrivere un'opera così importante e cancellarono la presenza di Trotula dalla storia della medicina. La sua figura fu recuperata, con studi di fine Ottocento, da storici italiani, fra cui Salvatore de Renzi, per i quali l'esistenza di Trotula e delle Mulieres Salernitanae è sempre stata incontestabile.

 

Trotula in una raffigurazione da un codice medioevale; medaglia a lei dedicata nel 1834


torna all'indice

 

 

 

 

 

Giuliana De Sio (2 aprile 1957), attrice

Inizia l'attività televisiva con Gianni Bongioanni nello sceneggiato Una donna (1977); l'anno successivo è nel telefilm Le mani sporche. Sarà poi, fra l'altro, in La Medea di Porta Medina, di Piero Schivazappa (1981); Cuore, di Luigi Comencini (1984); Gli amici di Gesù - Maria Maddalena, di Raffaele Mertes (2000); Il bello delle donne, di Maurizio Ponzi (2001); Caterina e le sue figlie, tre stagioni con registi diversi (2005-2010); Non smettere di sognare, di Salvatore Samperi (2011); Il bello delle donne... alcuni anni dopo, di Eros Puglielli (2017).

Al cinema raggiunge il successo nel 1983 con Scusate il ritardo di Massimo Troisi e Sciopèn di Luciano Odorisio; quello stesso anno riceve il Nastro d'argento, il David di Donatello, il Globo d'oro e la Grolla d'oro come migliore attrice protagonista per Io, Chiara e lo Scuro di Maurizio Ponzi (1982). Con Ponzi lavorerà ancora in Italiani (1996), Besame mucho (1999), A luci spente (2004). Nel 1986 aveva vinto un Ciak d'oro con Speriamo che sia femmina di Mario Monicelli. Ha dimostrato la sua versatilità anche in film drammatici, quali Cento giorni a Palermo, di Giuseppe Ferrara (1984); Cattiva, di Carlo Lizzani (1991), con cui vince un secondo David di Donatello e una seconda Grolla d'oro.

A teatro, notevole la sua interpretazione di Adriana nel dramma Notturno di donna con ospiti, per la regia di Enrico Maria Lamanna, nelle stagioni dal 1996 al 2003, poi ripreso dal 2014 al 2016.        


torna all'indice

 

 

 

 

Bernardo de Stellatis (XIII-XIV secolo), funzionario regio, duca di Atripalda

Figlio di Romualdo, patrizio salernitano del sedile di Portanova, giustiziere in Sicilia Ultra prima della conquista dell'isola da parte di Pietro III d'Aragona, il 19 giugno 1284 ebbe da Carlo I d'Angiò la nomina a giustiziere di Principato Citra, carica che presumibilmente terrà fino al 1288. Nello stesso 1284 era stato inviato da Carlo lo Zoppo, allora erede al trono e, quindi, principe di Salerno, a trattare con papa Martino IV lo stanziamento di 28.394 once d'oro destinato a finanziare lo sforzo bellico nella guerra del Vespro, che da circa due anni dilaniava il Regno. Ancora nel 1284, il 5 settembre, quale giustiziere di Principato Citra, gli viene assegnata la difesa della provincia dagli attacchi degli almugaveri che, stanziati fra Agropoli e Castellabate, si spingevano fino ai monti Picentini. Nel giugno del 1285, Carlo II, a ricompensa dei servigi resi alla corona, gli concede il feudo di Atripalda con il titolo di duca, come si rileva da una citazione del 1291, anno nel quale Carlo Martello, divenuto principe di Salerno nel 1285 per l'ascesa al trono del padre Carlo lo Zoppo, gli affida il compito di nominare il comandante di una nuova campagna contro gli almugaveri.          

 

Sopra: particolare del coperchio del sarcofago di Bernardo nella navata destra della cattedrale di San Matteo. Questo sarcofago per lungo tempo è stato ritenuto di Ruggero Borsa, senza rilevare l'incongruenza con la foggia dell'armatura, lo stile della scultura, la presenza sulla sopracotta dello stemma della famiglia de Stellatis (stella d'argento a otto punte in campo azzurro). L'equivoco è stato chiarito prima da studi indipendenti di Antonio Braca (1995-2003) e di Vincenzo de Simone (2010), poi dal saggio di Giovanni Amatuccio Un nome per l'ignoto cavaliere della Cattedrale di Salerno, in «Rassegna Storica Salernitana», 57, 2012, pp. 81-95.  


torna all'indice

 

 

 

 

Biagio de Vicariis (3 febbraio 1660 – 6 settembre 1731), vescovo titolare di Cafarnao (1728-1731)

Nacque da Ferdinando, patrizio salernitano del seggio di Portanova, cavaliere dell'ordine di San Giacomo della Spada, e da Lucrezia Capuano, dei patrizi di Napoli. Frequentò il seminario di Salerno e la facoltà di teologia alla Sapienza di Roma. Ordinato sacerdote il 26 febbraio 1684, sarà canonico, docente di teologia e filosofia al seminario di Salerno, esaminatore sinodale, protonotario apostolico, per quattro volte vicario capitolare in sede vacante. Il 18 novembre 1728, papa Benedetto XIII lo crea vescovo titolare di Cafarnao. Morirà il 6 settembre 1731 è sarà tumulato nella cappella di famiglia in cattedrale.   


torna all'indice

 

 

 

 

Ferdinando de Vicariis (8 marzo 1728 – 21 gennaio 1780), vescovo di Melfi e Rapolla (1766-1780)

Nacque da Giuseppe, patrizio salernitano del seggio di Portanova, e da Teresa Carrara nella parrocchia di Santa Maria de Alimundo. Entrò nell'ordine benedettino cassinese della primitiva osservanza nel monastero dei Santi Severino e Sossio in Napoli, ove il 15 marzo 1750 fu ordinato sacerdote. Nell'ordine fu lettore di filosofia e, successivamente, di teologia morale e dogmatica nell'archidiocesi napoletana; fu anche giudice sinodale e esaminatore del clero secolare. Designato vescovo di Melfi e Rapolla, fu consacrato a Roma il 20 aprile 1766. Dotò l'antica cattedrale di Melfi, già sede del concilio del 1089, di sontuosi arredi dopo aver estinto il debito di quattordicimila ducati contratto dal suo predecessore per i restauri del seminario e dell'episcopio.  

 

Stemma ricostruito idealmente da quello che si vede nel salone degli stemmi dell'episcopio di Melfi.


torna all'indice

 

 

 

 

Francesco Saverio de Vivo (16 luglio 1727 – 27 giugno 1797), arcivescovo di Lanciano (1786-1792), arcivescovo di Nusco (1792-1797)

Nacque nella parrocchia di San Gregorio da Giulio e da Vittoria Bruno. Fu ordinato sacerdote il 19 dicembre 1750. Il 18 dicembre 1786 fu designato arcivescovo metropolita di Lanciano. Resasi vacante, nel 1788, la sede vescovile di Nusco, suffraganea della primaziale di Salerno, nel 1791 vi chiese il trasferimento, che ottenne il 27 febbraio 1792 conservando il titolo ad personam di arcivescovo. Nella nuova sede restaurò cattedrale ed episcopio e fondò monti di pietà per sottrarre gli indigenti all'usura.  

 

Stemma della famiglia de Vivo elaborato da quello che si vede al civico 27 di via Duomo.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Giuseppe di Capua  (15 marzo 1958), canottiere (timoniere)

Nato a Salerno da genitori stabiesi, trascorre l'intera vita a Castellammare di Stabia.

Nel suo palmarès due medaglie d'oro nel due con alle olimpiadi di Los Angeles (1984) e di Seul (1988) e una d'argento a Barcellona (1992) con i fratelli Carmine e Giuseppe Abbagnale, con i quali è stato campione del mondo nel 1981, 1982, 1985, 1987, 1989, 1990, 1991. Il team ha conquistato anche numerosi titoli italiani. Nel 1982, inoltre, Giuseppe ha vinto il titolo mondiale timonando l'otto con pesi leggeri.

Il 5 maggio 1996 Peppino ha dato l'addio al canottaggio, che aveva cominciato a praticare all'età di 14 anni.

Il 15 gennaio 1993 era stato insignito dell’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica.


torna all'indice

 

 

 

 

Francesco Di Comite (28 novembre 1949), politico

Diplomato all'istituto tecnico per geometri, di professione dirigente d'azienda, fu eletto alla Camera dei deputati per la XIII legislatura (1996-2001), con il sistema proporzionale, nella XX circoscrizione Campania 2 con Forza Italia. Sarà segretario della 10ª commissione (Attività produttive, Commercio e Turismo). Fu primo firmatario dei progetti di legge (che non ebbero seguito) Nuove norme in materia di crediti insoluti e Norme per l'occupazione dei lavoratori impiegati nelle borse di lavoro. Fra il 19 febbraio e il 17 marzo 1998 lasciò il gruppo parlamentare berlusconiano per una breve adesione al gruppo Centro Democratico Cristiano.


torna all'indice

 

 

 

 

(Agostino) Augusto Di Giovanni (27 marzo 1900 – 16 dicembre 1975), attore

Nacque a San Giovanniello da Carlo, bracciante, e da Benedetta Pansera e fu registrato all'anagrafe con il nome di Agostino, che cambierà in Augusto per ragioni artistiche. Dopo esperienze di teatro fin da quindicenne, nel 1919 esordì nel cinema con La pettinatrice di Marechiaro. L'anno successivo è nella compagnia di Annibale Ninchi, per poi passare con Eduardo De Filippo, Raffaele Viviani, Titina De Filippo, Agostino Salvietti. Il dottor Antonio di Enrico Guazzoni (1937) costituirà il suo esordio al cinema sonoro, cui seguirà (1938) L'ultimo scugnizzo del concittadino Gennaro Righelli. Nel 1940 è Benvenuto Cellini in Sei bambine e il Perseo di Gioacchino Forzano. Dello stesso anno è l'ottima interpretazione del guappo Peppino Esposito nel San Giovanni decollato di Amleto Palermi. Ancora, fra le altre, si ricordano le sue partecipazioni a I bambini ci guardano di Vittorio De Sica (1944) ed a Totò, Peppino e la malafemmina di Camillo Mastrocinque (1956). 

 

Molte fonti indicano diverse date di nascita fra il 1900 e il 1910. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1900 dello Stato Civile del comune di Salerno. Che l'Agostino nato il 27 marzo 1900 fosse il nostro Augusto lo dimostra la registrazione della nascita del figlio Carlo (15 giugno 1920) in cui egli è identificato come Agostino Di Giovanni, di anni venti, di professione artista cinematografico.    


torna all'indice

 

 

 

 

Gaetano Di Marino (26 marzo 1922 – 28 febbraio 2011), politico

Figlio di Domenico, proprietario, e di Teresa Vestuti, avvocato, fu eletto alla Camera dei deputati (collegio di Benevento) per la V legislatura della Repubblica (1968-1972) nelle fila del Partito Comunista Italiano e fu membro della 13ª commissione (Lavoro, Assistenza e Previdenza sociale). Rieletto per la VI legislatura (1972-1976), sarà all'11ª commissione (Agricoltura e Foreste). Il 14 luglio 1972 intervenne nell'interrogazione al ministro dell'interno Rumor sulle indagini in corso per l'uccisione a Salerno dello studente iscritto al Movimento Sociale Italiano Carlo Falvella. Fu primo firmatario di cinque progetti di legge relativi alla previdenza sociale del mondo agricolo che non ebbero seguito.   

Per la VII legislatura (1976-1979) fu eletto senatore e sarà nella 5ª commissione (Bilancio) e nella Giunta per gli affari delle Comunità europee. Rieletto al Senato per la VIII legislatura (1979-1983), sarà alla 5ª commissione (Bilancio) e alla 9ª (Agricoltura), nonché nelle tre commissioni speciali istituite in relazione al terremoto del novembre 1980.


torna all'indice

 

 

 

 

Ippolito di Pastina (XVII sec.), rivoluzionario

Umile pescivendolo, nato nel rione delle Fornelle, parallelamente ai moti guidati da Masaniello a Napoli, Ippolito aizzò il popolo salernitano (1647-1648) contro le ingiustizie sociali che funestavano la città e, più in generale, i possedimenti italiani della monarchia asburgica. All'epoca dei moti, le condizioni sociali ed economiche del popolo salernitano rasentavano la miseria più nera. Quando le voci sulla rivolta napoletana raggiunsero Salerno, Ippolito si era appena arruolato nelle milizie mercenarie del Duca di Nocera, composte perlopiù da briganti e delinquenti senza scrupoli, che approfittavano della caotica situazione dovuta alla caduta della famiglia Sanseverino per portare scompiglio in città. La sua abilità consistette nel trasformare delle semplici razzie da briganti in un moto popolare organizzato, toccando il tasto della vendetta sociale e cavalcando l'entusiasmo che avevano provocato le voci provenienti dalla capitale.

Raggruppò, quindi, un esercito di popolani, male armati e per nulla istruiti in strategie militari, e prese possesso di Salerno e di molti paesi della provincia dislocando il comando della rivolta nel forte La Carnale. Gli spagnoli ripresero una prima volta la città, ma l'8 dicembre 1647, Ippolito marciò nuovamente su Salerno e la rioccupò. I francesi, in lotta con gli spagnoli per il predominio politico sul meridione d’Italia, appoggiarono la rivolta salernitana e Ippolito approfittò dell'improvviso potere per costruirsi una notevole ragnatela di rapporti, mostrando capacità politiche insospettate. Dopo la morte di Masaniello, il Duca di Guisa gli conferì l’incarico di vicario generale della Basilicata e del Principato, estendendone, di fatto, l'autorità anche su Napoli, dove si trasferì.

Il pescivendolo divenuto condottiero sarà travolto dal ritorno dagli Asburgo, che rioccuperanno Napoli il 5 aprile 1648, costringendolo alla fuga, prima verso Salerno, poi a Roma.

Basterà poco, però, per vederlo tornasse prepotentemente sulla scena, il 9 agosto 1648, nel golfo di Salerno, a fianco di Tommaso Carignano di Savoia, comandante della flotta francese; ma gli aspri combattimenti non avranno la conclusione sperata, nonostante l'aiuto dall'interno della città e la creazione di una testa di ponte a Vietri. Nel 1654, infine, spalleggiato dal Duca di Guisa, tenterà con uno sbarco a Castellammare di Stabia, di agitare una nuova sommossa contro gli Asburgo, ma l’azione non avrà successo.

Di Ippolito di Pastina si perdono le tracce nel 1656. Potrebbe essere morto di peste, durante la terribile epidemia di quell'anno; un'altra ipotesi è che sia morto successivamente in Francia. Il suo nome per secoli sarà accomunato a quello dei tanti delinquenti comuni messi a morte dagli Spagnoli nel periodo della loro dominazione sul Meridione, e anche questa potrebbe essere la verità.


torna all'indice

 

 

 

 

Matteo Discepolo (1° ottobre 1932), pittore e scultore

Figlio di Michele, commerciante, e di Gaetana D'Agostino, allievo dell'Accademia di Belle Arti di Napoli, all'esordio si aggiudica il Primo Premio Nazionale di Incoraggiamento del Ministero della Pubblica Istruzione (1958), cui seguiranno altri riconoscimenti quali il Premio Nazionale Massa Carrara e il Premio 11 febbraio a Roma. Dal 1967 si ha studio a Cagliari. Ha esposto in Italia e all'estero ottenendo consensi di critica e di pubblico; sue opere sono ospitate in gallerie e musei e sue sculture ornano spazi pubblici. Alcune suoi dipinti sono stati battuti in aste nazionali.

 

Matteo Discepolo, Senza titolo, 1966.


torna all'indice

 

 

 

 

Francesco d'Onofrio (3 agosto 1939), politico

Figlio di Alberto, impiegato, e di Filomena Colantuoni, professore ordinario di Istituzioni di diritto pubblico presso la facoltà di scienze politiche dell'Università La Sapienza di Roma, é eletto al Senato nel Lazio per la IX legislatura (1983-1987) con la Democrazia Cristiana. Per le tre successive legislature (1987-1994) è invece eletto alla Camera dei deputati nel collegio di Roma ed entra a far parte del 7° Governo Andreotti come sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri; con le dimissioni del ministro Antonio Maccanico, nel 1991 gli sarà conferita anche la delega alle Riforme istituzionali e agli Affari regionali.

In seguito allo scioglimento della DC, D'Onofrio approda nel CCD di Pierferdinando Casini e Clemente Mastella, che fa parte dello schieramento di centrodestra, di cui fin da subito diviene una personalità di rilievo, tant'é che, nel 1994, dopo la vittoria del Polo alle elezioni per la XII legislatura, Silvio Berlusconi lo fa nominare ministro della Pubblica istruzione. Nel 1996, per la XIII legislatura, è rieletto al Senato ed è capogruppo del CCD. Fra il 2001 e il 2006 (XIV legislature) è a capo dei senatori del Biancofiore, gruppo che vede uniti il CCD di Casini ed il CDU di Buttiglione. Nel 2006, per la XV legislatura, in presenza di una legge elettorale che sottrae agli elettori la scelta dei parlamentari demandandola alle dirigenze dei partiti, è designato senatore per il Veneto.

Nell’estate del 2003 è stato uno dei quattro esponenti della Casa delle Libertà (i cosiddetti saggi della CdL), con Pastore, Calderoli e Nania, che scrissero la riforma costituzionale approvata dal centrodestra, ma poi bocciata dal referendum costituzionale del 2006.

Nel 2013 è nominato da Enrico Letta in una nuova commissione dei Saggi, questa volta di centrosinistra, per le riforme costituzionali. Anche questo lavoro sarà bocciato dagli elettori nel 2016 con la sonora sconfitta che porterà alle dimissioni del governo Renzi. 


torna all'indice

 

 

 

 

Alessandro Elefante (11 agosto 1859 – ?), politico

Nacque alla via di Santa Teresa, in parrocchia di Santa Trofimena, da Sebastiano, guardia doganale, e da Rosa de Sio. Fu designato dal Gran Consiglio del Fascismo alla Camera dei deputati per la XXVIII legislatura del Regno (1929-1934). Fu presidente di commissione per i disegni di legge. Intervenne in aula sulla politica portuale e a più riprese sulla politica ferroviaria in relazione all'incremento industriale e commerciale e alla necessità di ridurre la burocrazia nel sistema. Su quest'ultimo argomento non mancarono scambi di battute fra il faceto e il velenoso con il ministro delle comunicazioni Costanzo Ciano.

 

Il Portale storico della Camera dei deputati riporta come data di nascita il 12 agosto. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1859 dello Stato Civile del comune di Salerno.

 

Scheda elettorale con già stampato il per approvare la lista dei deputati designati per le legislature XXVIII e XXIX.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Gaetano Esposito,

Tentazione, 1883.

Gaetano Esposito (17 novembre 1858 – 7 aprile 1911), pittore

Figlio di Antonio, marinaio, e di Fortunata Principe, ebbe i primi insegnamenti di disegno da Gaetano d'Agostino; notato da Domenico Morelli, nel 1872 è il suo interessamento che gli assicura l'ammissione e il pensionato presso il Regio Istituto di Belle Arti di Napoli ove, oltre ai corsi accademici, frequenta la scuola serale di Stanislao Lista.

Nel 1877, dopo aver partecipato a diverse mostre partenopee, vince con due disegni un viaggio di studio a Firenze; ma suo modello rimane la pittura del Seicento napoletano, traendo grande ispirazione dai valori tonali di Bernardo Cavallino e di Massimo Stanzione. Oltre alle tematiche di genere, spesso venate di patetismo, e a quelle religiose, dipinge numerosi ritratti, nei quali eccelle. Tra le sue opere restano notevoli Simm'arrivate (1882), Tentazione (1883), In chiesa (1893), Attesa (1897) e le paesaggistiche, in particolare marine, .Palazzo di Donn'Anna a Posillipo (1893) e Marina di Napoli (1897).

Esposito è attivo anche nella decorazione di edifici, fra cui il Caffè Gambrinus (1887) e il palazzo della Borsa a Napoli (1897-98).

Gli anni immediatamente anteriori al 1897 sono quelli nei quali il suo studio è frequentato dall'altro salernitano Ulisse Caputo, anch'egli in fuga dalla visione morelliana, che per molti versi lo prenderà a maestro. 

Già in precarie condizioni psichiche, nel 1910 rimarrà sconvolto dal suicidio per questioni di cuore di una sua giovane allieva, il che lo porterà a sua volta a togliersi la vita a Sala Consilina.


torna all'indice

 

 

 

 

Alessio Fasano (9 luglio 1956), pediatra gastroenterologo

Laureato in medicina e chirurgia presso l'Università Federico II di Napoli nel 1981, presso lo stesso ateneo si specializza in pediatria nel 1986. Nel 1993 si trasferisce negli Stati Uniti d'America, all'Università del Maryland a Baltimora, ove ricoprirà la carica di primario del reparto di gastroenterologia pediatrica della facoltà di medicina fino al 2009. Nel 1993 fonda il Center for Celiac Research, che nel 2013 entrerà nell'ambito del MassGeneral Hospital for Children, di cui ricopre la carica di primario del reparto di gastroenterologia e nutrizione pediatrica.

A Fasano e al suo team all'Università del Maryland va il merito di aver scoperto, nel 2000, la zonulina, una proteina correlata alle aptoglobine; essa è l'analoga dell'enterotossina zonula occludens prodotta dal batterio del colera ed è responsabile della diminuzione della permeabilità intestinale nell'uomo. Dal 2015 è stabilito il suo ruolo nella patogenesi della celiachia e del diabete mellito di tipo 1. Fin dai primi anni 2000 Fasano ha promosso attivamente l'etichettatura degli alimenti senza glutine negli Stati Uniti e, grazie all'impegno della comunità celiaca, degli operatori sanitari e di alcuni membri del Congresso, è stato redatto il Food Allergen Labeling and Consumer Protection Act, che attribuisce la qualifica di alimenti senza glutine. Dal 2012, in collaborazione con la Harvard Medical School, coordina uno studio presso ill MassGeneral Hospital for Children consistente nel monitorare bambini con familiari affetti da celiachia al fine di diagnosticare precocemente la malattia.


torna all'indice

 

 

 

 

Vincenzo Fasano detto Enzo (2 settembre 1951), politico

Laureato in filosofia, insegnante, fu eletto alla Camera dei deputati per la XIV legislatura (2001-2006) nel collegio di Battipaglia con Alleanza Nazionale. Fu all'11ª commissione (Lavoro), alla 13ª (Agricoltura) e alla 14ª (Politiche dell'Unione Europea). Per la legislatura successiva (XV, 2006-2008), in presenza di una legge elettorale che sottrae agli elettori la scelta dei parlamentari demandandola ai dirigenti dei partiti, fu candidato in una posizione che non gli permise di accedere al Senato. Sarà favorito per la XVI legislatura (2008-2013)

con Il Popolo della Libertà e sarà membro della 6ª commissione (Finanze e Tesoro), della 9ª (Agricoltura e Produzione agroalimentare) e dell'11ª (Lavoro e Previdenza sociale).
Designato per il Senato anche per la XVII legislatura (2013-2018) per Forza Italia - Popolo della Libertà è stato segretario della 4ª commissione (Difesa) e membro della 7ª (Istruzione pubblica, beni culturali), dell'8ª (Lavori pubblici, comunicazioni), dalla 9ª (Agricoltura e Produzione.agroalimentare) e della commissione straordinaria per la tutela dei diritti umani.

Per la XVIII legislatura (in corso dal 23 marzo 2018) è stato eletto alla Camera dei deputati nel collegio plurinominale Campania 2 - 03. È membro della 13ª commissione (Agricoltura).


torna all'indice

 

 

 

 

 

Senato

del Regno

 

Saverio Fava (7 luglio 1832 – 2 ottobre 1913), diplomatico

Figlio di Francesco, controllore dei dazi indiretti, e di Nicoletta Paoletta Profitti, intraprese la carriera consolare per il regno delle Due Sicilie il 23 maggio 1853 con la destinazione ad Algeri in qualità di viceconsole. Dopo diversi trasferimenti (a Genova, 1855; a Trieste 1857; a Marsiglia, 1859), il 20 giugno 1860 fu destinato a Torino; promosso console di seconda classe il 16 agosto successivo, fu dirottato su Monaco di Baviera, ma il 7 settembre Napoli vedeva l'ingresso dei garibaldini, per cui, colpito dall'ostracismo del governo dittatoriale, fu esonerato l'11 ottobre e posto in aspettativa il 9 giugno 1861 dal governo italiano.

Riammesso nel servizio diplomatico il 18 maggio 1862, fu destinato a Berna con il grado di segretario di legazione di prima classe; a L'Aja, ove era stato trasferito su sua richiesta, lo raggiunse, nel dicembre 1867, la promozione a consigliere di legazione. Dopo una veloce permanenza ad Istanbul nel 1868, alla fine dello stesso anno fu destinato a Bucarest quale console generale: vi rimase undici anni e dal 1878 in qualità di ministro plenipotenziario.

Con lo stesso grado, nel 1879, fu destinato a reggere la legazione di Rio de Janeiro, ma egli stesso fece notare al ministro degli Esteri (forse con sottile sarcasmo, visto che egli si considerava emarginato per i suoi trascorsi borbonici) che l'imperatrice del Brasile era una principessa dei Borboni-Napoli, zia dell'ex re Francesco, per cui si chiedeva se ciò non determinasse un conflitto di interessi; in conseguenza di ciò, ebbe per nuova destinazione Buenos Aires. Quella che considerò una conferma dell'ostracismo alla sua persona giunse nel 1881 con la destinazione a Washington, allora considerata dal Corpo diplomatico la peggiore sede possibile per l'inconsistenza politica degli Stati Uniti.

Il ventennio americano di Fava (vi rimarrà fino al 18 aprile 1901) fu caratterizzato da una lunga crisi diplomatica fra i due stati innescata proprio dal suo atteggiamento intransigente nella difesa dei diritti degli immigrati italiani, in particolare in occasione di un linciaggio verificatosi nel 1891 a New Orleans. La sua ferma presa di posizione, sostenuta dal Regio governo, portò non solo al pagamento di indennità alle famiglie delle vittime, ma anche all'elevazione della delegazione italiana negli USA a livello di ambasciata, di cui Fava fu il primo titolare. Con il rientro dagli Stati Uniti terminava la travagliata carriera diplomatica.

Intanto era stato creato senatore del Regno per nomina del 17 novembre 1898 convalidata il 24. Il 7 luglio 1901 gli fu concesso il titolo di conte.

 

 

Alcune fonti indicano Nicoletta Paoletta Profitti come moglie di Fava. Che ne fosse la madre è stato rilevato dall'Archivio storico del Senato e confermato dal registro dei nati nel 1832 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Fabrizio Feo (25 luglio 1957), giornalista

Dopo esperienze in radio e periodici locali, fra 1977 e '84 è alla redazione napoletana de l'Unità, occupandosi in particolare di inchieste sulla camorra e sui rapporti tra politica e crimine organizzato. Collabora a Dossier Sud, a il Manifesto, alla rubrica del TG2 Dossier, a L'Ora di Palermo, a Paese Sera, a l'Espresso, a Epoca, a Il Giornale di Napoli.   
Dal 1991 lavora a Lezioni di Mafia, programma ideato dal giudice Giovanni Falcone con il direttore del Tg2 Alberto La Volpe e Raffaele Genah. Al Tg2 dal 1992, realizza speciali per le edizioni del telegiornale e la rubrica Pegaso. Dal 1995 lavora a Format e a Mixer ed è fra gli autori di Drug Stories. Dal 1999 è al Tg3; come inviato RAI, torna in Afghanistan, ove era già stato dal 1996 a più riprese, per documentare la produzione di oppio.

Feo è autore dei libri Uomini e affari della camorra, per il quale riceve il premio Giancarlo Siani 1988; Persone e luoghi della droga a Napoli (1989); Matteo Messina Denaro, la mafia del camaleonte (2011); La regola del terrore, stragi di mafia: enigmi, silenzi e verità negate (2012). Fra i diversi premi conseguiti, Premio cronista dell'anno 2004, per i servizi sulla criminalità organizzata e ambientale; Premio Gerbera Gialla 2006, con il procuratore Piero Grasso, il giornalista de La Stampa Francesco La Licata e i dirigenti e funzionari della polizia di Stato che hanno catturato Bernardo Provenzano, per l'impegno contro le organizzazioni mafiose; Premio Nazionale Borsellino 2015.


torna all'indice

 

 

 

 

Jole Fierro (22 novembre 1926 – 27 marzo 1988), attrice

Nel giugno 1954 recita nella commedia surreale scritta e diretta da Dario Fo, con Parenti e Durano, I sani da legare, per poi passare nello stesso anno nella prestigiosa compagnia di Eduardo De Filippo, dove ottiene ruoli abbastanza soddisfacenti in commedie di grande successo di pubblico. Si fa inoltre notare in Miseria e nobiltà di Scarpetta e in Palummella zompa e vola di Antonio Petito, commedia messa in scena per l’inaugurazione del restauro del teatro San Ferdinando di Napoli. Con Nino Taranto recita nella prima italiana de Il califfo Esposito (1956) di Marotta e Randone.

Al cinema compare in parti marginali, in una sequela di film distribuita lungo oltre un trentennio: da Quel fantasma di mio marito di Mastrocinque (1950) a La donna delle meraviglie di Bevilacqua (1985), passando, tra molti altri, per Il bell’Antonio di Bolognini (1960); Il bestione di Corbucci (1974); Il bandito dagli occhi azzurri di Giannetti (1980).


torna all'indice

 

 

 

 

Massimo Filardi (20 dicembre 1966), calciatore (difensore)

Cresciuto calcisticamente nel Varese, esordisce in prima squadra nella stagione 1984-85 in serie B. Nelle quattro stagioni successive è in serie A con il Napoli, esordendo, con la maglia numero tre, l'8 settembre 1985 nella vittoriosa gara casalinga contro il Como. La prova convince mister Ottavio Bianchi, che lo tiene titolare per l'intero stagione a formare con Ciro Ferrara la coppia di terzini più giovane del campionato. Nella stagione 1986-87,  in cui il Napoli vince scudetto e Coppa Italia, un infortunio lo tiene fuori dal campo l'intera annata. È l'evento che lo taglierà fuori dalla rosa titolare della squadra partenopea, pur con due convocazioni nella nazionale under 21 (1986-87 e 1987-88). Nell'estate del 1989, pur di giocare titolare accetta la serie B, passando in prestito prima all'Avellino, poi al Taranto, ove segnerà l'unico gol in carriera. Per la stagione 1991-92 torna al Napoli per cinque gare. Scaduto il contratto col club partenopeo, decide di ritirarsi, salvo ripensarci due anni dopo, quando accetta di giocare in Serie C2 con il Benevento, ove chiuderà definitivamente la carriera alla fine della stagione 1994-1995.


torna all'indice

 

 

 

 

Gennaro Finizio (7 giugno 1901 – 1990), calciatore (portiere)

Figlio di Vincenzo, commerciante, e di Anna Esposito, esordisce con la Salernitana nella stagione 1921-22, che segna la retrocessione della squadra dalla massima serie. Ritorna in squadra nei campionati 1923-24 e 1924-25 con la nuova compagine Salernitanaudax. Per lo scioglimento di quest'ultima, trascorse le stagioni 1925-26 e 1926-27 a Napoli, alla Ilva Bagnolese. La ricostituzione della squadra cittadina lo richiama a Salerno per le stagioni 1927-28 e 1928-29, quando pone fine alla carriera.

 

Alcune fonti indicano la data di nascita al 26 giugno. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1901 dello Stato Civile del comune di Salerno. 


torna all'indice

 

 

 

 

Gennaro Fiore (2 gennaio 1882 – 1 settembre 1959), medico pediatra

Figlio di Enrico, possidente, e di Clotilde Ajello, laureatosi a Firenze nel 1907 in medicina e chirurgia, nel 1916 conseguì la libera docenza in clinica pediatrica. Durante la prima guerra mondiale, dall'agosto del 1916 al luglio del 1918 fece parte, come ufficiale medico, della spedizione in Macedonia, raggiungendo il grado di tenente colonnello e guadagnando la croce al merito di guerra.

Vincitore del concorso per la cattedra di clinica pediatrica dell'Università di Cagliari nel 1921, nell'ottobre del 1923 fu chiamato alla direzione della stessa cattedra a Pisa. Qui avviò la fondazione dell'istituto di clinica pediatrica e dette un valido impulso all'attività didattica istituendo, nel 1926, la scuola di specializzazione nella stessa disciplina. Tra i primi in Italia, intuì l'importanza degli studi di nipiologia e paidologia e, di queste, nel 1951, organizzò il primo corso di perfezionamento.

Fra i molti studi che condusse, Individuò una sindrome asfittica del bambino, talora mortale, da ipertrofia del timo e dei linfonodi mediastinici; studiò le miopatie progressive, come le distrofie muscolari fetali e infantili precoci; indagò quella che chiamò malattia da virus poliomielitico, che riteneva fosse assai più diffusa della forma paralitica e in grado di conferire un'immunità naturalmente acquisita; fece ricerche di clinica neurologica infantile. Fu fondatore di un centro di studi talassologici a Viareggio e di un dispensario antitubercolare, del quale fu direttore; fu presidente della federazione dell'Opera nazionale maternità e infanzia.

Lasciò l'insegnamento per raggiunti limiti di età nel 1953. 


torna all'indice

 

 

 

 

Giovanni Florenzano (24 gennaio 1841 – 16 ottobre 1916), politico

Nacque a Capopiazza, in parrocchia di Santa Maria dei Barbuti, da Candido, medico, e da Maria Francesca Carimando. Laureato in giurisprudenza, poeta e saggista, già assessore al comune di Napoli, fu eletto alla Camera dei deputati (collegio del Vallo di Diano) per la XVI legislatura del Regno (1886-1890). Intervenne in aula sui bilanci di alcuni dicasteri, in particolare presentando interrogazioni sulla pubblica istruzione. Quale Commissario per le petizioni, relazionò su diversi argomenti, fra cui il disegno di legge per i rimboschimenti; quelli relativi ai tributi locali; alle Casse di risparmio; alle pensioni dei maestri elementari; all'emigrazione, argomento sul quale aveva pubblicato il volume Della emigrazione italiana in America (1874); alle circoscrizioni giudiziarie; al credito fondiario. Fu sostenitore della politica coloniale.

 

Alcune fonti indicano l'anno di nascita al 1840 o al 1842. Il dato qui riportato è stato rilevato dal Portale storico della Camera dei deputati e confermato dal registro dei nati nel 1841 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Casimiro Forte (15 luglio 1939), pittore

Figlio di Mattia, impiegato, e di Anna Guariglia, frequenta il Liceo artistico e l'Accademia di Belle Arti di Napoli, quindi insegna educazione artistica e storia dell'arte fino al 1984. La sua intensa attività espositiva inizia nel 1964 con consensi di critica e di pubblico. Sue opere sono in permanenza alle gallerie Liolàrt di Terrasini, Fidia di Roma, San Barnaba di Milano, Il Tarlo di Lugano e all'associazione culturale il Cortile di Catania.   

Casimiro Forte, Nido, acquerello


torna all'indice

 

 

 

 

 

Gaetano Forte,

Giovane ussaro dell'esercito

murattiano a Napoli.

Gaetano Forte (12 dicembre 1790 – 27 settembre 1871), pittore

Figlio di Carmineantonio, pittore e decoratore, e di Caterina Quaranta, ebbe i primi rudimenti artistici dal padre. All'Accademia napoletana studiò pittura, con Cammarano e Wicar, e architettura. Al 1807 risale il ritratto della madre (Napoli, Galleria dell'Accademia), in cui sono già evidenti le doti di spiccato realismo tipiche della sua produzione successiva.

Ritornato a Salerno e sposata Anna Galdi, fondò una scuola privata di pittura e fu nominato professore di disegno presso il liceo cittadino, incarico che poi lasciò per lavorare come architetto presso l'ufficio di ingegneria giudiziaria. Successivamente si trasferirà ancora a Napoli ove, nel 1835, sarà nominato professore onorario dell'Accademia e dove rimarrà fino alla morte.

Sporadicamente paesaggista (Vallata dell'Irno e Terrazzo con pergolato), è nei ritratti, ove maggiori sono le influenze del neoclassicismo, che appare la sua capacità di elaborare un linguaggio autonomo dalle correnti ufficiali. In definitiva, la sua pittura, sviluppatasi sostanzialmente a Salerno, in ambiente culturale lontano da quello della capitale, si rivelò sempre più realistica ed espressiva. Esempi ne rimangono il Ritratto del duca di Vetticano (Napoli, Museo di San Martino) del 1823, in cui il soggetto, pur rappresentato in atteggiamento solenne e sfarzoso, appare lontano dalla disumanizzazione tipica dei modi accademizzanti; il Ritratto del canonico Nicola Giordano (Roma, Galleria nazionale d'arte moderna) del 1828; e, databile allo stesso periodo, il Ritratto di Silvio Ortolani, conservato dell'Istituto universitario Suor Orsola Benincasa di Napoli. 


torna all'indice

 

 

 

 

Andrea Fortunato (26 luglio 1971 – 25 aprile 1995), calciatore (difensore)

Professionista dalla stagione 1989-1990 con la maglia del Como, che disputava il campionato di serie B, dopo una stagione in C1 con la stessa squadra, nell'estate del 1991 fu ingaggiato dal Genoa, che prima lo diede in prestito al Pisa, che giocava in serie B, poi lo fece esordire in serie A. Per il campionato 1993-1994 fu ceduto alla Juventus, ove fu subito titolare.

Arrigo Sacchi, in quel momento tecnico della Nazionale, qualche volta lo chiamò in azzurro, affidandogli anche la fascia di capitano, tuttavia non lo convocò per il campionato del mondo 1994, poiché in primavera Andrea ebbe un rallentamento fisico per molto tempo inspiegabile; alla fine, in maggio, gli fu diagnosticata una forma di leucemia linfoide acuta. Trasferito all'ospedale di Perugia, fu sottoposto ad un trapianto di midollo osseo che ne migliorò le condizioni, tanto da essere convocato per la partita Sampdoria-Juventus del 26 febbraio 1995.

Quando tutto sembrava volgere al meglio, un improvviso abbassamento delle difese immunitarie causato da un'influenza lo stroncò, togliendogli la vita prima ancora dei ventiquattro anni. Si era alla vigilia della gara che la Nazionale giocò a Vilnius contro la Lituania e che si risolse in una vittoria a lui dedicata.

La sua morte colpì profondamente i tifosi bianconeri e tutti gli sportivi, che ricordano in maniera affettuosa Fortunato, instancabile guardiano della fascia sinistra dei campi di calcio. Inserito, comunque, nella rosa juventina della stagione 1994-1995, vinse postumo lo scudetto. A lui fu anche dedicata dall'allenatore gialloblù Nevio Scala la vittoria della Coppa Uefa di quello stesso anno, conseguita dal Parma proprio in una finale contro la Juventus.

Nel 2006 l’associazione sportiva Fioravante Polito di Santa Maria di Castellabate (SA) ha intrapreso la realizzazione della Biblioteca del Calcio Andrea Fortunato.


torna all'indice

 

 

 

 

Matteo Franco (22 aprile 1771 – 27 agosto 1851), vescovo di Catanzaro (1829-1851)

Nacque nella parrocchia di Santa Maria dei Barbuti da Gennaro e da Teresa Festa. Entrò nella congregazione dei Pii operai e fu ordinato sacerdote il 13 marzo 1802; quindi fu insegnante di teologia, Procuratore generale della sua congregazione in Roma e parroco dell'antica chiesa di San Giorgio Maggiore in Napoli. Il 24 gennaio 1829 fu eletto vescovo di Catanzaro da Francesco I delle Due Sicilie e confermato da Leone XII. Nel 1831 diede l'avvio all'edificazione del nuovo seminario; abbellì la cattedrale con un nuovo pulpito e un nuovo altare maggiore. Sarà sepolto nella cappella di Santa Filomena in quella stessa cattedrale.   


torna all'indice

 

 

 

 

Ruggero Frugardo (XIII secolo), medico della Scuola salernitana

Fu l'ispiratore, se non lo scrittore in prima persona, del Practica Chirurgiæ, noto anche come Chirurgiæ Magistri Rogerii, dizione che, appunto, fa pensare ad una raccolta di sue osservazioni compilata da un discepolo. Il testo, articolato in quattro libri sulle varie parti del corpo (testa, collo, torace e arti superiori, arti inferiori), è considerato di importanza primaria per la conoscenza dello stato della chirurgia all'epoca. Esso rappresenterà la base di questo settore dell'arte medica e sarà ripreso da altri grandi chirurghi, oltre che essere usato nelle prime Università quali quelle di Bologna e di Montpellier.

Lo stile è asciutto, tipico di un manuale pratico piuttosto che di un trattato erudito. In esso è stupefacente la descrizione che si fa di alcune tecniche riguardanti la sutura dei vasi sanguigni con fili di seta, di quelle riguardanti la cura delle lesioni viscerali nella traumatologia aperta dell’addome, delle pratiche di trapanazione del cranio e della terapia medica del gozzo con spugne e alghe contenenti iodio.


torna all'indice

 

 

 

 

Eutimio Fuccillo detto Mino (13 febbraio 1949), giornalista

Inizia la carriera a il manifesto per poi entrare a la Repubblica nel 1979. Nel 1998, per pochi mesi, è direttore de l'Unità. Nel 2004 pubblica Fenomenologia di Bruno Vespa. Dal 2009 scrive su blitz quotidiano. Nel 2011 su Rai News è stato tra i conduttori dell'edizione del sabato del programma Il punto alle 20.


torna all'indice

 

 

 

 

Luca Fusco (31 agosto 1977), calciatore (difensore)

Cresciuto nella Salernitana, per la stagione 1996-97 va in prestito alla Cavese, giocando per la promozione in C2. Tornato a Salerno, contribuisce alla vittoria nel campionato di B, divenendo titolare per la stagione 1998-99 in serie A, che si conclude con la retrocessione. Rimane fino alla stagione 2002-03, al termine della quale la squadra precipita in C. Per la stagione 2003-04 passa al Messina, contribuendo alla promozione in serie A; ma l'anno seguente colleziona solo cinque presenze in massima serie a causa di un infortunio che lo costringe a saltare quasi l'intera stagione. Nel corso del campionato 2005-06, non trovando spazio in squadra, passa al Genoa in C1, ottenendo la quarta promozione in carriera. Dopo essere stato in prestito al Crotone, nel 2007-08 ritorna alla Salernitana; il campionato si conclude positivamente con il ritorno dei granata in B. Dal 2010 al 2013 è alla Paganese, ove termina la carriera.


torna all'indice

 

 

 

 

Gaitelgrima (circa 1050 fra il giugno 1104 e il 9 dicembre 1108), principessa reggente di Capua (1090-1092)

Figlia di Guaimario IV e della sua terza moglie Gemma, da non confondersi con la omonima sorellastra che il padre aveva avuto dalla seconda moglie Porpora, di cui la nota a lato, sposò (1077) un principe di Capua. Secondo gli annali di Romualdo, il principe sarebbe stato Riccardo I (regnante 1057-1078), vedovo di Fredesenda d'Altavilla, che effettivamente ebbe una seconda moglie, che però nessuna altra fonte nomina. Nel 1082, Giordano I, figlio ed erede di Riccardo, che regnerà fino al 1090, risulta sposato con Gaitelgrima, che però nessuna fonte cita come vedova del padre. Che sia la stessa Gaitelgrima lo conferma, fra le altre fonti, Guglielmo de Jumièges, che la cita come sorella minore di Sichelgaita, moglie di Roberto il Guiscardo, sposata con Giordano principe di Capua.

Gregorio VII, il 21 aprile 1079, aveva scritto a Giordano rimproverandolo per aver costretto la matrigna a risposarsi; questa lettera, unita alla nota di Romualdo di cui sopra, ha indotto diversi storiografi a ritenere che Gaitelgrima sia stata prima moglie del padre, poi costretta a sposare il figlio. Il problema è che il Papa non accusa Giordano di aver costretto la matrigna, che non nomina, a sposarlo, ma a risposarsi, il che certamente si riferisce alla vedova del padre, ma non certamente a Gaitelgrima, se accettiamo l'ipotesi di una svista di Romualdo che la da sposa, nel 1077, a Riccardo invece che a Giordano.

In ogni caso, costretta o no a sposarlo, Gaitelgrima darà al marito due figli maschi, Riccardo e Roberto (tre, secondo alcune fonti, che aggiungono un Giordano), e almeno una femmina. Rimasta vedova, terrà la reggenza del principato prima di essere esiliata da una congiura di palazzo. Intanto (1091) si era risposata con Ugo di Faida. Il figlio Riccardo, nel 1098, riconquisterà Capua con l'aiuto di Ruggero di Sicilia e di Ruggero Borsa. Sarà sostituito dal fratello Roberto nel 1106. 

 

Guaimario IV, principe di Salerno (regnante 1027-1052) ebbe due figlie di nome  Gaitelgrima: l'una (prima del 1032) dalla seconda moglie Porpora; l'altra, di cui qui si tratta (circa 1050), dalla terza moglie Gemma.

La prima Gaitelgrima sposò (1046) Drogone d'Altavilla, (1052) Roberto di Lucera e, in epoca imprecisata, Alfredo di Sarno.

Fibula longobarda,

 senza attinenza alle principesse salernitane


torna all'indice

 

 

 

 

Giuseppe Galderisi (22 marzo 1963), calciatore (attaccante)

Cresce nelle giovanili della Salernitana e nel 1980 viene acquistato dalla Juventus, dove rimane tre stagioni vincendo due scudetti ed una Coppa Italia. Dal 1983 gioca nell'Hellas Verona, contribuendo, nella stagione 1984-1985, alla vittoria dello scudetto (ventinove presenze con undici reti). Per il campionato 1986-1987 si trasferisce al Milan, giocando ventuno partite.

Nella stagione 1987-1988 è in serie B con la Lazio; nell'annata seguente torna al Verona. Passa poi al Padova con il quale gioca cinque partite nella serie cadetta e due nella serie A. Conclude la carriera negli Stati Uniti d'America, disputando un campionato con i New England Revolution e uno con i Tampa Bay Mutiny, vincendo con questi ultimi lo scudetto.

In nazionale vanta dieci presenze. Partecipa al mondiale 1986 in Messico, giocando le quattro partite che disputa la squadra. Si ritira dall'agonismo nel 1997.

Successivamente fonda a Padova una scuola calcio e si dedica alla carriera di allenatore.


torna all'indice

 

 

 

 

Davide Galdi (27 febbraio 1853 – 1930 ?), scrittore

Figlio di Domenico Antonio, avvocato, e di Lucia Rossi, fu autore di alcuni romanzi di appendice pubblicati a puntate dal Roma e ripresi dal Mezzogiorno e da altri quotidiani, ma editi anche in volume, fra i quali degni di nota La Regina Giovanna; Nannina la figlia del marinaio; Nennella, dal quale la Partenope Film dei fratelli Troncone trasse nel 1919 il film omonimo.

Ma noto sopratutti rimane Carmela la sartina di Montesanto, "tutto un poema - si scrisse, ove - amore e morte è il binomio tragico dell'eterno dramma allorché la passione trascina nei suoi gorghi"; adattato per il teatro da Crescenzo Di Majo e andato in scena al San Ferdinando nel 1895, ne sarà prodotta anche una versione cinematografica (1916) dalla Dora Film, per la regia della salernitana Elvira Coda Notari, che vedrà il debutto sullo schermo di Tina Pica.


torna all'indice

 

 

 

 

Federico Maria Galdi (24 gennaio 1823 – 9 marzo 1899), vescovo di Andria (1872-1899)

Figlio di Matteo, proprietario, e di Elisabetta (Bettina) Avigliano, nacque nel casale di Ogliara, ove sarà parroco e vicario foraneo dopo l'ordinazione sacerdotale del 26 ottobre 1845. Quindi fu canonico e rettore del seminario; dottore in teologia, pubblicò l'opera in due volumi Istituzioni complete di logica e metafisica (1858). Il 23 febbraio 1872 fu nominato vescovo di Andria, ove fondò un convitto per ragazze e sostenne l'orfanotrofio locale e quello di Minervino Murge. Sarà sepolto nella cripta del santuario della Madonna dei Miracoli.


torna all'indice

 

 

 

 

Matteo Angelo Galdi (5 ottobre 1765 – 31 ottobre 1821), patriota

Nacque da Pasquale e da Eugenia Fiore a Coperchia, oggi frazione del comune di Pellezzano, allora casale di Salerno. Studente in legge a Napoli negli anni in cui erano vivi i benefici dell'azione riformatrice del Tanucci, che aveva suscitato tra gli intellettuali meridionali speranze di un rinnovamento della monarchia borbonica, a re Ferdinando IV dedicò un'Analisi ragionata del Codice Ferdinandino per la popolazione di San Leucio (1790), che poneva in luce le innovazioni legislative sviluppate per favorire quell'insediamento manifatturiero; ma la fine del riformismo e le notizie dalla Francia rivoluzionaria lo spinsero, come tanti, verso il radicalismo, per cui nel 1794  si trovò coinvolto marginalmente in una congiura, il che gli costò soltanto una sanzione pecuniaria, che, tuttavia, lo spinse all'esilio in Francia.

Nel 1795 si arruolò nell'armata d'Italia, raggiungendo il grado di capitano. Rientrato in Italia, nella Milano occupata dai francesi fu al servizio della luogotenenza del Bonaparte, quale segretario e traduttore;  nel contempo iniziò una intensa attività pubblicistica, in cui spiccano Effemeridi repubblicane, Necessità di stabilire una repubblica in Italia e Discorso sui rapporti politico-economici dell'Italia libera con la Francia e col resto d'Europa (1796), in cui sostenne l'opportunità di estendere la rivoluzione dalla Cisalpina a tutti gli altri Stati italiani, avanzando il progetto di una Repubblica italiana unitaria.

Schierato con i democratici contro i tentativi direttoriali dell'ambasciatore francese Rivaud du Vignaud, dopo aver subito anche una breve carcerazione, forse con l'intento di toglierlo dalla scena milanese, fu nominato agente della Repubblica Cisalpina a L'Aja, ove rimarrà fino al 24 aprile 1808. Rientrato a Napoli, sul cui trono ora sedeva Gioacchino Murat, l'anno successivo fu intendente del Molise e poi della Calabria Citeriore. Nel 1812 il Re lo pose a capo della appena istituita direzione generale della Pubblica Istruzione, il che gli permise di realizzare, con l'attuazione di progetti che nutriva da tempo, una riorganizzazione del sistema scolastico del Regno che resterà immutato fino al 1860. Nominatolo già cavaliere del Real Ordine delle Due Sicilie nel 1810, il repubblicano Galdi, pochi mesi prima dell'addio di Murat al trono, si vide creare barone.

Con la restaurazione non soffrì persecuzioni, anzi re Ferdinando lo pose, nel 1815, alla presidenza della Giunta superiore d'Istruzione pubblica. Gli avvenimenti del 1820 videro Galdi ancora protagonista: dopo che, in luglio, il Re aveva concesso la Costituzione, fu eletto prima deputato, poi presidente del Parlamento.  


torna all'indice

 

 

 

 

Marco Gallo (13 giugno 1985), velista

Impegnato nel tempo nelle più varie discipline sportive (atletica leggera, taekwondo, karate) lascia predominante la passione velica, coltivata prima nel gruppo agonistico della Lega Navale Italiana di Salerno (1991-1998), quindi nel circolo Canottieri Irno, ove cresce nella disciplina della classe Laser barca olimpica, infine (dal 2010) nelle Fiamme Gialle, in cui è arruolato con il grado di finanziere scelto mare. Primo in competizioni di coppe italiane ed europea (Imperia 2010, Trento e Salerno 2011, Gaeta 2012) e ben classificato a livello mondiale (quarto al Rolex Miami OCR II Tappa W. Cup 2012, quinto al Campionato del mondo Mexico 2016), si laurea campione italiano a Napoli nel 2015 e a Genova nel 2018.  


torna all'indice

 

 

 

 

Garioponto (X-XI secolo), medico della Scuola salernitana

Ecclesiastico del Capitolo di Salerno oltre che medico, la sua firma appare subito dopo quella dell'arcivescovo Grimoaldo in un atto di concessione del 1035; quindi, fra i maestri salernitani, è il primo di cui sia rimasta traccia di attività, oltre l'opera.

Nei suoi scritti, nomina con familiarità altri esponenti di quella societas doctorum phisicalium cittadina della quale è membro, quali Paterniano, farmacologo, e il socio Albicio, con l'aiuto del quale, oltre che di altri, procedette alla compilazione e alla revisione del Passionarius, trattato che sarà edito più volte nella prima metà del XVI secolo, sebbene attribuito a Galeno. La sua fu un'opera principalmente di compilazione, soprattutto dagli autori greci, che nasceva dalla necessità, tipica del tempo, di disporre di nuove sinossi che raccogliessero le conoscenze mediche degli antichi, in continuazione della medicina greco-latina del tardo impero.

Per omogeneità stilistica con il Passionarius, gli sono attibuiti il De medicamentis expertis, il De chirurgia, il Liber phisicorum, il De dynamidis, il De febribus e altre opere, ma con qualche dubbio.

Garioponto risulta già morto nel giugno 1056.     


torna all'indice

 

 

 

 

Paolo Gasparini (12 giugno 1969), attore

Debutta in cinema nel 1995 prendendo parte a Uomini uomini uomini diretto da Christian De Sica. Sarà poi in Santo Stefano di Angelo Pasquini (1997); Billo - Il grand Dakhaar di Laura Muscardin (2007); Piede di Dio di Luigi Sardiello (2009); Buongiorno papà di Edoardo Leo (2013); Regalo a sorpresa di Fabrizio Casini (2013); War Machine di David Michôd (2017). In televisione è nelle serie Mamma per caso; Tutti gli uomini sono uguali; Commesse; Non lasciamoci più; Sospetti 2; La squadra; Un papà quasi perfetto; Distretto di Polizia 4; La tassista; Amiche; La stagione dei delitti; Don Matteo 5, 7 e 10; Il commissario Manara; I Cesaroni 5, Un posto al sole; Una pallottola nel cuore 2. In tutte le stagioni (1996-2008) de Il maresciallo Rocca interpreta il brigadiere Banti. Nel film TV Papa Giovanni - Ioannes XXIII (Rai Uno, 2002) è nel ruolo del cardinale Loris Francesco Capovilla. Nel 2011 è nel film TV L'età del dubbio della serie Il commissario Montalbano.


torna all'indice

 

 

 

 

Alfonso Gatto (17 luglio 1909 – 8 marzo 1976), poeta

Nacque da Giuseppe e da Erminia Albirosa, in una famiglia di marinai e piccoli armatori proveniente dalla Calabria. Nel 1926 si iscrisse all'Università di Napoli, che dovette tuttavia abbandonare qualche anno dopo a causa di difficoltà economiche. Da quel momento la sua vita fu irrequieta e avventurosa, trascorsa in continui spostamenti e nell'esercizio di molteplici lavori: dapprima commesso di libreria, in seguito istitutore di collegio, correttore di bozze, giornalista, insegnante. Nel 1936, a causa del suo dichiarato antifascismo, venne arrestato e trascorse sei mesi nel carcere di San Vittore a Milano.

Durante quegli anni Gatto era stato collaboratore delle più innovativi periodici di cultura letteraria. Nel 1938 fondò, con Vasco Pratolini, la rivista Campo di Marte per l'editore Vallecchi, ma il periodico durò un solo anno; fu comunque, questa, una esperienza significativa per il poeta, che ebbe modo di cimentarsi nella letteratura militante di maggior impegno.

Nel 1941 Gatto ricevette la nomina ad ordinario di Letteratura italiana per chiara fama presso il Liceo Artistico di Bologna e fu inviato speciale de L'Unità assumendo una posizione di primo piano nella letteratura di ispirazione comunista. Dopo la guerra riprese l’attività di giornalista e continuò a portare avanti il suo impegno di poeta. Nel 1955 ricevette il Premio Bagutta per la sua opera La forza degli occhi, edita da Mondadori.

Erede di una tradizione poetica ricca di musicalità e colore, si affermò come lirico dotato di gusto fin dalle prime raccolte, Isola (1932) e Morto ai paesi (1937). Fu uno degli interpreti più originali della corrente ermetica in Poesie (1939, 1943); le vicende della guerra lo portarono a maturare una vena più dolente e complessa , in Amore della vita (1944), Il capo sulla neve (1949) e Nuove poesie (1950). Ma gli esiti più alti dell’opera di Gatto sono affidati all’elaboratissimo travaglio formalistico, legato a una sofferenza più fonda e alla caduta delle illusioni, di La forza degli occhi (1954), Osteria flegrea (1962), La storia delle vittime (1966), Rime di viaggio per la terra dipinta (1969).

Alfonso Gatto muore a Capalbio, in provincia di Grosseto, in un incidente automobilistico. È sepolto nel cimitero di Salerno. Sulla sua tomba, che ha un macigno per lapide, è inciso il commiato dell'amico Eugenio Montale: Ad Alfonso Gatto - per cui vita e poesie - furono un'unica testimonianza - d'amore


torna all'indice

 

 

 

 

Carmine Gentile (5 aprile 1954), calciatore (difensore)

Cresciuto nella Salernitana, debutta in serie A con la maglia del Foggia, per poi trasferirsi prima al Verona, quindi al Genoa. Nell'ottobre 1983 viene acquistato dall'Atalanta, con la quale conquista due promozioni in massima serie e partecipa, nella stagione 1987-88, alla europea Coppa delle Coppe con la fascia di capitano, in quella che è stata la sua ultima stagione da giocatore. Memorabile la sua unica rete in maglia nero-azzurra che consentì all'Atalanta, a tre minuti dalla fine, di completare la rimonta da 2-0 a 2-2 nel match contro il Milan disputato a San Siro nel campionato 1984-85.
Al termine della carriera agonistica, comincia una nuova esperienza nella dirigenza della stessa società bergamasca, ove ricopre il ruolo di direttore generale sotto la presidenza di Antonio Percassi dal 1991 al 1994.


torna all'indice

 

 

 

 

Nicola Giannattasio (15 dicembre 1980), calciatore a cinque

Residente a Prato, nella squadra di quella città inizia la carriera di portiere, fino a conquistare due scudetti (2001-02 e 2002-03), una coppa Italia (2001-02) ed una supercoppa Italiana (2002). Ha giocato poi nel San Michele Poggio a Caiano (2003-04), nell'Atlante Grosseto (2004-05 e 2005-06), ancora nel Prato (2006-07), nel Kaos Futsal (2007-08); attualmente gioca nella Poggibonsese.

Giannattasio è anche scrittore e giornalista: nel 2004 pubblica, con la collaborazione dell'amico ed ex compagno di squadra Pippo Quattrini il libro Il Calcio a 5, unico libro pubblicato in Europa che parla della nascita e dell'evoluzione del calcetto nel mondo; già collaboratore del Corriere di Prato e del Corriere di Firenze, dal 2007 è direttore responsabile del settimanale Pallaalcentro.org, rivista specializzata del calcio a cinque nella regione Toscana.


torna all'indice

 

 

 

 

Salerno, chiesa della Sacra Famiglia.

Vittorio Gigliotti (25 maggio 1921 – 24 settembre 2015), ingegnere

Figlio di Lorenzo, commerciante, e di Clorinna Laurenzi, conseguita la laurea in ingegneria civile a Napoli, dal 1948 fu libero professionista. Dopo la collaborazione con Bruno Zevi nello studio AZ Architetti ed Ingegneri, nel 1964 apre con Paolo Portoghesi lo Studio di Porta Pinciana a Roma. Il sodalizio si imporrà fra i maggiori esponenti dell'architettura postmoderna per la qualità dei progetti realizzati in Italia e all'estero, quali le Biblioteche civiche di Avezzano e di Vasto, la chiesa della Sacra Famiglia a Salerno, il Grand Hotel di Khartoum (Sudan), il palazzo reale di Amman (Giordania), la moschea di Roma. Nella ricostruzione postsisma del 1980, Vittorio Gigliotti realizza, in collaborazione con l'architetto Carlo Cuomo, la chiesa di San Lorenzo a Caposele. 


torna all'indice

 

 

 

 

Silvia Giordano (25 febbraio 1980), cantante e attrice

Nata come cantante allo Zecchino d'oro, diciannovenne è protagonista della sit-com Bim Bum Manga di Italia 1. Successivamente partecipa come protagonista di puntata a Casa Vianello ed è in Camera Café, nel film Two families di Romano Scavolini (2007), nella soap opera Un posto al sole, ove, dal 2005 al 2007, interpreta il ruolo di Ludovica Mancini, per poi comparire ancora in alcune puntate del 2008. Nello stesso anno e nel 2009 è nel cast principale della soap Un posto al sole d'estate, con lo stesso ruolo, ma con maggiore spazio per le sue doti canore.


torna all'indice

 

 

 

 

Silvia Giordano (13 aprile 1986), politica

Studentessa al momento della sua candidatura da parte del Movimento 5 Stelle per la XVII legislatura (2013-2018) della Camera dei deputati, è eletta nella circoscrizione Campania 2. Sarà segretario della 12ª commissione (Affari sociali) e membro della commissione per l'Infanzia e l'adolescenza.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Mario Gorini,

Comitiva notturna.

Mario Gorini (26 settembre 1907 – 21 aprile 1984), scrittore, poeta, pittore Figlio di Giovanni, ingegnere, e di Gaetana di Pierro, fu attivo in Alto Adige, Pesaro e soprattutto, dal 1956, a Padova come direttore di pubblicazioni letterarie quali il Sentiero dell'Arte e Contrappunto. Frequentatore di Fabio Tombari, Cesare Pavese, Corrado Govoni, Salvatore Quasimodo, pubblicò diverse raccolte di versi: Poesie per Padova, Nozze con la terra, Padova mia città di elezione, e opere di narrativa, fra le quali Gli Specchi dei cieli. Sue opere sono inserite in alcune antologie, quali Orfeo, tesoro della lirica universale a cura di Errante (1949). Fu anche pittore: suoi quadri si trovano in diverse collezioni pubbliche e private italiane ed estere.

Alcune fonti indicano la data di nascita al 12 settembre. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1907 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Matteo Granito (1578 – 31 maggio 1638), vescovo di Cava (1622-1635), arcivescovo di Amalfi (1635-1638)

Patrizio salernitano del sedile del Campo, figlio di Loisio e di Ovidia d'Afflitto, nacque nella parrocchia di Santa Maria de Lama, di cui sarà parroco. Da canonico, nel 1605, eseguì la ricognizione del corpo di san Gregorio VII. Nominato vescovo di Cava nel 1622, sarà promosso arcivescovo di Amalfi nel 1635. Il suo monumento si osserva nella navata destra della cattedrale di Salerno, addossato al pilastro fra la III e la IV cappella.

 

Alcune fonti indicano la data di morte al 30 maggio. Il dato qui riportato è stato rilevato dagli Status animarum della parrocchia di Santa Maria de Lama in Archivio Diocesano di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Gianluca Grassadonia (20 maggio 1972), calciatore (difensore centrale)

Dopo tre presenze nella Salernitana in C1 nella stagione 1988-89, un passaggio al Milan (1989-91) senza mai scendere in campo e sedici partite ancora con la Salernitana in serie B nella stagione 1991-92, approda alla serie A con il Foggia nel campionato 1992-93. Nel novembre 1993 è ancora alla Salernitana in C1; con i granata promossi in B giocherà le due stagioni successive, per poi passare al Cagliari in A (1996-97) con il quale rimarrà con l'alternarsi delle serie A e B fino al dicembre 2003, con una parentesi al Cosenza in B per ventitre presenze fra 1996 e 1997. Nel gennaio 2003 è al Chievi Verona in A, poi in B al Venezia (2003-04), quindi in C1 alla Fidelis Andria (2004-05), alla Juve Stabia (2005-06), alla Salernitana per le ultime dieci partite della carriera, dopo un breve passaggio in serie D con il Sant'Antonio Abate. Era stato convocato con tre presenze in campo nel 1989 nella nazionale Under 18 guidata da Giancarlo De Sisti.

Sarà ancora alla Salernitana in serie B in veste di allenatore nella stagione 2009-10. Quindi allenerà la Casertana, la Paganese, il Messina e il Pro Vercelli.     


torna all'indice

 

 

 

 

Matteo Greco (25 ottobre 1718 – 1787), cronista

Figlio di Donato e di Maddalena Palladini, nacque ai Barbuti. Sacerdote il 23 settembre 1741, fu canonico della Cattedrale il 22 luglio 1753, esaminatore sinodale, convisitatore, sacrestano maggiore della cripta di san Matteo, rettore del seminario.

Oltre che ecclesiastico, fu cronista attento, al limite della pedanteria, nella Salerno del suo tempo, lasciando un Libretto di memorie, che sarà edito nel 1985 a cura di Emidio Pettine sotto il titolo di Cronaca di Salerno (1709 - 1787); una Succinta relazione della carestia sortita nel principio dell'anno 1764, e mortalità di poi seguita; il diario di un Viaggio in Roma e Toscana


torna all'indice

 

 

 

 

 

Rossella Gregorio (30 agosto 1990), schermitrice (sciabola)

Nel suo palmares si segnalano i seguenti risultati:

Vincitrice Coppa del mondo under venti, 2007-2008. Campionati del mondo under venti, 2009, argento a squadre; 2010, bronzo a squadre. Campionati europei under venti, 2008, oro a squadre; 2009, oro individuale e a squadre, 2012, bronzo a squadre. Campionati europei, 2013, 2014, 2015, bronzo a squadre. Campionati italiani under venti e ventitre, 2009, 2010, 2012, oro individuale. Campionati assoluti italiani, 2005, 2006, oro a squadre; 2015, oro individuale. Campionati Europei assoluti 2017, medaglia d'argento individuale e medaglia d'oro a squadre.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Follaro di

Guaimario IV

e Gisulfo II

(1042-1052)

Guaimario IV († 3 giugno 1052), principe di Salerno (1027-1052, associato al padre Guaimario III dal 1018)

Figlio di Guaimario III e della seconda moglie Gaitelgrima, sposò Gemma, Porpora e una seconda Gemma, figlia di Laidolfo di Capua; fu associato dal padre al principato nel 1018 a seguito della morte del fratellastro Giovanni, che era stato associato fra il 1015 e quello stesso anno; a sua vola, nel 1027, per alcuni mesi, associò la madre e nel 1037 il figlio maggiore Giovanni, che però gli premorì l’anno successivo; nel 1042 associò l'altro figlio Gisulfo, che gli succederà dopo il brevissimo governo dell’usurpatore Pandolfo III.

Fu figura di rilievo nella fase storica fra il tramonto del dominio bizantino nel Mezzogiorno d’Italia e il sorgere della potenza normanna. Amato di Montecassino lo definisce più coraggioso del padre, più generoso e più cortese; possessore di tutte le qualità che un laico dovrebbe avere, eccetto un'eccessiva passione per le donne.

Fin dall'inizio del suo regno si impegna nell’estendere il proprio controllo sul meridione della penisola, obiettivo già perseguito dei suoi predecessori. Nel 1035 conquista Sorrento e ne affida il ducato al fratello Guido. Nel 1038 ottiene dall'imperatore Corrado II il principato di Capua, mentre al suo alleato Rainulfo Drengot, normanno, viene attribuito il titolo di conte di Aversa con legame di vassallaggio verso Salerno. L'anno successivo ottiene la conferma della sovranità su Amalfi e nel 1040 su Gaeta. Nel 1042, a richiesta degli alleati normanni, approva l'elezione a conte di Puglia di Guglielmo Braccio di Ferro, ottenendo in cambio, l’anno successivo, l'acclamazione a duca di Puglia e Calabria, in aperta opposizione alle rivendicazioni bizantine su quei territori. Nel 1044, con Guglielmo, inizia la conquista della Calabria, ma il dominio del principato di Salerno, pure in continua espansione, non è più facilmente gestibile: negli ultimi anni della sua vita, infatti, Guaimario incontra numerose difficoltà nel conservare i propri possedimenti contro le rivendicazioni dell'imperatore e degli stessi normanni. Rainulfo Drengot, che aveva mantenuto il dominio su Aversa, muore nel 1045 e il feudo, nonostante le proteste di Guaimario, passa al nipote Asclettino; verso la fine di quello stesso anno, Guaimario si oppone alla successione del cugino di Asclettino, Rainulfo II Trincanotte, ma ancora una volta la sua autorità è ignorata. Queste contese spingono Aversa, un tempo leale al principe salernitano, ad allearsi con Pandolfo di Capua, tornato dall’esilio di Costantinopoli. La guerra contro Pandolfo riprende nel 1042 e dura cinque lunghi anni, durante i quali Guaimario rafforza la propria posizione attraverso il riconoscimento, nel 1046, del fratello del defunto Guglielmo, Drogone d'Altavilla, al quale concede in sposa la figlia Gaitelgrima. L'obiettivo è chiaramente quello di mantenere i normanni dalla sua parte e in posizione di vassallaggio.

Nel 1047, però, quella che era stata per Guaimario l'impresa di una vita è completamente annullata: l'imperatore Enrico III, giunto nel sud Italia a chiedere atto di sottomissione ai principi locali, restituisce Capua a Pandolfo e pone sotto la propria giurisdizione i domini di Aversa e di Melfi; infine priva Guaimario del titolo ducale di Puglia e Calabria, mettendo fine a quella singolare condizione così scomoda per la sovranità dell’impero. Nonostante l’azione imperiale, Guaimario e Drogone d'Altavilla continuano a costituire una potenza politica e militare invisa a molti, il che li porterà alla fine: Drogone cade assassinato il 10 agosto 1051, probabilmente ad opera di una congiura bizantina; stessa sorte tocca, il 3 giugno 1052, a Guaimario, che cade sotto i colpi dei suoi quattro cognati, che occupano la città con le armi ed eleggono principe Pandolfo III; è l’intervento del fratello del principe ucciso, il duca Guido, e dei normanni Umfredo di Puglia e Riccardo d'Aversa, che pone fine all’usurpazione con il massacro di Pandolfo III, dei quattro fratelli e di altri trentasei familiari.

Guaimario fu senz'altro l'ultimo grande principe della longobardia minore e secondo alcuni storici il migliore in assoluto. Il figlio e successore Gisulfo II vedrà svanire il principato longobardo di Salerno ad opera di quegli stessi normanni che avevano vendicato il padre e gli avevano reso il trono.


torna all'indice

 

 

 

 

Stemma della

famiglia Guardati. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale di Salerno

Tommaso Guardati (1410 circa – 1475), novelliere, detto Masuccio Salernitano 

Patrizio salernitano del sedile del Campo, figlio di Loisio e di Margherita Mariconda, dopo studi ecclesiastici, segue a Napoli il padre, segretario del principe di Salerno Raimondo Orsini. Alla corte di Alfonso d'Aragona, ha modo di frequentare, fra altri umanisti, Giovanni Pontano. Quando Roberto Sanseverino acquisisce la signoria salernitana, nel 1463, ritorna a Salerno quale segretario del nuovo principe.

Masuccio lascia un'unica opera, il Novellino, raccolta di racconti pubblicata postuma nel 1476 a cura di Francesco del Tuppo, con dedica ad Ippolita Sforza, moglie di Alfonso di Calabria. L'opera si compone di cinquanta novelle divise in cinque decadi, ciascuna con un proprio tema: la perfidia dei religiosi, la gelosia beffata, gli inganni delle donne, novelle a lieto fine alternate a novelle lacrimevoli, la magnificenza dei principi. Ciascuna novella è poi articolata in tre parti: esordio dedicato a personaggi della corte aragonese, narrazione e considerazioni conclusive. Se il modello del Decamerone di Boccaccio rimane un punto di riferimento, l'impostazione di Masuccio apre ad una maggiore libertà nelle scelte tematiche e ad un maggiore movimento nell'articolazione dei toni, che trova riscontro nella sintassi nervosa e nel linguaggio spesso colorito. Il testo, impregnato di forte carattere anticlericale, figura nel primo Indice dei libri proibiti promulgato dalla Congregazione dell'Inquisizione romana. La novella XXXIII, Mariotto e Ganozza, attraverso varie ricopiature, giungerà ad ispirere il Giulietta e Romeo di Shakespeare.

Secondo lo storico Matteo Fiore, Masuccio sarebbe stato sepolto nella chiesa di Santa Maria de Alimundo, di cui fu compatrono insieme allo zio Tommaso Mariconda e di cui il figlio Loisio era abate, in una fossa priva di iscrizione; ma molto più probabilmente egli fu deposto nella sepoltura di famiglia nell’atrio di San Francesco dei conventuali.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia Guarna. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale di Salerno

 

Cola Matteo Guarna (XIV-XV secolo), giureconsulto

Patrizio salernitano del sedile di Porta Rotese, figlio di Andrea e di Cizza Cavaselice, reggente della Magna Curia della Vicaria nel 1434, è investito del ruolo di consigliere e ambasciatore con Renato d'Angiò Valois, padrone del regno di Napoli nel 1435. Nel 1438 lo troviamo da Francesco Sforza con il compito di indurlo a muovere contro il pretendente aragonese Alfonso V; è poi rappresentante del Regno presso le repubbliche di Firenze e Venezia. Nel 1441 è di nuovo presso lo Sforza, a Cremona, per sollecitarlo ad intervenire ancora nel Regno, cosa che ottiene con l'impegno del condottiero a muovere con mille lance e mille fanti. Ma la caduta di Napoli, il 2 giugno 1442, permette ad Alfonso di disporre di forze soverchianti che, mandate incontro agli sforzeschi, con il quale viaggia Cola Matteo, li sconfiggono a Sessano del Molise (29 giugno) catturandolo.

Ancorché il trattamento dell'aragonese sia magnanimo, come dall'appellativo che lo caratterizzava (breve prigionia e restituzione dei beni feudali e burgensatici già l'anno dopo), il destino di Cola Matteo resta legato a quello di Francesco Sforza, del quale già in quel 1443 risulta delegato ad importanti affari politici. Nella fase cruciale che porterà il condottiero ad insignorirsi di Milano, lo rappresenta efficacemente proprio nella città meneghina, tenendolo costantemente informato del susseguirsi degli eventi.

Morirà fra il 1453 e il 1454, dopo aver visto il figlio maggiore Giacomo cadere contro i veneziani.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia Guarna. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale di Salerno

Giacomo Guarna ( novembre 1452), condottiero, detto Giacomaccio da Salerno

Patrizio salernitano del sedile di Porta Rotese, figlio di Cola Matteo, giureconsulto presso Francesco Sforza, e di Angela; fratello di Giovanni, anch'egli condottiero. Il 27 luglio 1444 entrò anch'egli al servizio dello Sforza, nel cui esercito militerà per poco meno di un decennio, al comando di trecento cavalli, con un contratto biennale; allo scadere, si vide confermato l'ingaggio con un aumento della truppa a quattrocento cavalli e cinquanta fanti.

Posto a presidio di Cremona, dote di Filippo Maria Visconti per la figlia Bianca Maria che aveva sposato lo Sforza, nel 1446 vanificò prima il tentativo del Visconti di rimpossessarsi della città, poi quello di stringerla d'assedio da parte della repubblica di Venezia. Stretto, poi, un patto fra lo Sforza e Venezia contro Milano, nella primavera del 1449 Giacomo fu inviato a contenere la penetrazione nel Novarese delle truppe del duca di Savoia, alleato dei milanesi; lo scontro decisivo avvenne il 23 aprile e vide la rotta delle pur preponderanti schiere savoiarde. La guerra si concluse con la Sforza insignorito della stato milanese; la vittoria portò a Giacomo, oltre il titolo di cavaliere aurato, i feudi piacentini già appartenuti ai conti Scotti e case ed altri beni in Cremona.

Morirà mentre, rovesciate ancora le alleanza, sarà impegnato contro i veneziani sul fronte occidentale dello Stato milanese. Per la sua sepoltura, il figlio Bartolomeo farà erigere la cappella di San Pietro Martire nella chiesa di San Domenico in Cremona.    


torna all'indice

 

 

 

 

Giovanni Guarna ( 1243 circa), beato, detto Giovanni da Salerno

Patrizio salernitano, domenicano, fu predicatore prima a Bologna poi a Firenze, ove, giunto nel 1219 con undici confratelli, risedette nell'ospedale cittadino di San Pancrazio prima di  ottenere per il suo ordine, nel 1221, la piccola chiesa di Santa Maria delle Vigne (dell’XI secolo), all’epoca fuori dalle mura, intorno alla quale crescerà il monastero di Santa Maria Novella, di cui ebbe il priorato (1221-1232).

Fu tenuto in grande considerazione da papa Gregorio IX che, con bolla del 20 giugno 1227, gli conferiva il mandato di controbattere le tesi della setta eretica del patarino Filippo. Lo stesso pontefice, nel 1230, gli affidava la riforma del monastero di Sant’Antimo, in diocesi di Chiusi, ove si lamentavano deviazioni dalla dottrina; due anni dopo, l'incarico fu esteso alla riforma dei conventi di tutte le diocesi toscane e di quella perugina. L'ultima missione nota di Giovanni per il Papa è del settembre 1232, quando, con il cappellano Goffredo, fu inviato ai podestà e ai consigli di Siena e di Firenze per manifestare lo sdegno pontificio per il prolungarsi dello stato di belligeranza tra i due comuni e a minacciare la scomunica se non fosse stata stipulata la pace o almeno un armistizio. Benché le volontà di Gregorio trovassero in quell'occasione solo un formale rispetto, poi disatteso nei fatti, la scelta di Giovanni per un compito di tale rilievo prova quanto si confidasse nel suo carisma.

Sarà beatificato il 2 aprile 1783. Si celebra il 9 agosto.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia Guarna. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale di Salerno

Giovanni Guarna (XV secolo), condottiero

Patrizio salernitano del sedile di Porta Rotese, figlio di Cola Matteo, giureconsulto presso Francesco Sforza, e di Angela; fratello minore di Giacomo, anch'egli condottiero. Familiare di Roberto Sanseverino, conte di Marsico, che nel 1463 diverrà principe di Salerno, allo scoppio della guerra per la successione ad Alfonso V d'Aragona tenne, come da tradizione familiare, per la parte angioina e corse a militare tra le schiere dei ribelli, ricevendo dal capo della fazione Giovanni di Lorena i beni feudali e burgensatici che erano stati dell'altro salernitano Troiano di Santomango, partigiano aragonese. Nel dicembre 1460 fu catturato da Roberto Sanseverino, suo antico signore, e dagli sforzeschi, passati all'aragonese; ma la prigionia fu breve, poiché in gennaio evase dal munitissimo castello di San Severino, con sconcerto di Ferdinando d'Aragona e sospetti su un doppiogiochismo di Roberto.

Nel 1462 lo ritroviamo a Salerno durante l'estrema resistenza di questa alle armi aragonesi, guidate dal conte di Sanseverino, che vi pose l'assedio dal giugno al settembre e che riuscì alla fine a farla capitolare per patti. Esule volontario, come ricorda Masuccio Salernitano, suo intimo amico, nell'esordio della novella XLIII del Novellino, Giovanni riappare nel 1466 a Milano, presso Sforzino, figlio illegittimo del duca Francesco. Con questi, lo ritroviamo al soldo del veneziano Colleoni, il 25 luglio 1467, alla battaglia della Riccardina (Bologna), ove è ferito, contro una coalizione di cui è parte, fatalmente, Ferdinando d'Aragona.

Ancora al soldo di Venezia è nel 1477 fra i condottieri accorsi a contenere il dilagare delle milizie del sangiaccato di Bosnia, entrate in Friuli dopo aver travolto gli armati di Girolamo Novello da Verona.

Morirà forse nel 1480, a Venezia, e sarà sepolto nella chiesa dei Santi Giovanni e Paolo.


torna all'indice

 

 

 

 

Rebecca Guarna (XIV secolo), medico della Scuola salernitana

Nobile salernitana della famiglia patrizia ascritta al sedile di Portarotese, figurò fra le donne medico, prima alunne poi insegnanti nella Scuola cittadina, appartenenti al gruppo detto delle Mulieres salernitanæ. Fu autrice dei trattati De febribus, De urinis, De embryone.

                                

L’immagine si riferisce alla Scuola salernitana, ma non ha attinenza con Rebecca


torna all'indice

 

 

 

 

 

Salerno, cattedrale,

ambone Guarna

Romualdo II Guarna († 1° aprile 1181), arcivescovo di Salerno (1153-1181), detto Romualdo Salernitano

Patrizio salernitano del sedile di Porta Rotese, figlio del conte Pietro, fu pastore zelante e munifico, letterato, medico e politico.

In data imprecisata arricchisce il Duomo del prezioso ambone che da lui prende il nome, artisticamente rilevante per la parte scultorea e le decorazioni musive, più piccolo del posteriore di Nicola d’Aiello, ma certamente di maggiore eleganza. È autore del Chronicon sive annales, testo fondamentale per la conoscenza di fatti e personaggi a lui coevi e antecedenti, molti dei quali assenti in altre fonti.

Nel 1166, nella chiesa di Santa Maria in Palermo, unge e incorona re di Sicilia il dodicenne Guglielmo II; quindi rimane presso la corte quale familiare e consigliere in aiuto alla regina Margherita, che cura l’amministrazione del regno ob Willelmi secundi infantiam. L’anno successivo il Re dona alla Chiesa salernitana il feudo di Montecorvino. Nel 1177 partecipa alla firma del trattato di pace di Venezia fra l’imperatore Federico Barbarossa e Alessandro III. In riconoscenza, e anche per riverenza verso le tombe di san Matteo e di Gregorio VII, il pontefice concede a lui e ai suoi successori il privilegio, all’epoca singolare, di farsi precedere, in città e nella provincia ecclesiastica, dalla croce inalberata; precedentemente, nel 1156, aveva mediato per il trattato di Benevento che chiudeva un periodo di aspre incomprensioni tra Guglielmo I  di Sicilia e Adriano IV.

Secondo il Liber confratrum Romualdo muore il 1° aprile 1181, XIII indizione; ma l’aprile XIII indizione era 1180.


torna all'indice

 

 

 

 

Yari Gugliucci (15 ottobre 1974), attore

Figlio di Nicola, medico, e di Ermanna Guarino Grimaldi di Monaco, anglista. Dopo il liceo classico, il 14 ottobre 2001 si laurea in sociologia presso l'Università di Salerno; consegue anche una specializzazione in filosofia presso l'Universita La Sapienza di Roma. Attore fin da giovanissimo presso il teatro San Genesio di Salerno, esordisce nel cinema con il film Isotta di Maurizio Fiume, regista che qualche anno dopo gli darà la possibilità di interpretare il ruolo del giornalista Giancarlo Siani, assassinato la sera del 23 settembre 1985, in Ed io ti seguo, film boicottato in Italia, ma che gli valse la nomination al Festival Internazionale di Montreal e, a Baden Baden, insieme al parlamentare Leoluca Orlando, il Nastro d'oro per l'impegno civile nella lotta alla criminalità organizzata.

Nella sua carriera non mancano collaborazioni con grandi registi come i Fratelli Taviani, con Luisa Sanfelice, e Lina Wertmüller, con Francesca e Nunziata e Ferdinando e Carolina. Il regista polacco Rebinsky lo vuole nella sua produzione teatrale all'Oliver Theatre di Londra, accanto a Michelle Pfeiffer e Kevin Kline, The  Tempest di William Shakespeare. È il regista Stefano Reali a riportarlo in Italia per il ruolo dell'ultimo Re di Napoli, Francesco II, nella miniserie televisiva Eravamo solo mille e quello di Mimmo ne La terza verità. Yari Gugliucci si era già imposto al pubblico televisivo vestendo i panni di uno strampalato avvocato divorzista in Cuore contro cuore di Riccardo Mosca.

Yari è anche autore di sceneggiature quali Acqua Passata, Tirez-bouchon, Santi Martiri e del suo spettacolo Necessito un drink con la piccola orchestra Astroklide, i cui incassi sono devoluti alle associazioni umanitarie S.O.S solidariety e Indian Children Comunity.


torna all'indice

 

 

 

 

Francesco Guizzi (20 ottobre 1933), storico del diritto romano, politico

Figlio di Giuseppe, all'epoca capitano del regio esercito, e di Carmela Aveta, registrato all'anagrafe anche con il nome di Benito, si laureò in giurisprudenza all'Università di Napoli nel 1956. Ha conseguito la libera docenza nel 1960 ed ha vinto il concorso a cattedra nel 1975. Nei suoi studi si è occupato principalmente degli assetti istituzionali di Roma antica;  fra essi si ricordano Aspetti giuridici del sacerdozio romano: il sacerdozio di Vesta (1968), Il principato tra res publica e potere assoluto (1974), Augusto. La politica della memoria (1999), Variazioni sul tardoantico (2011). È stato professore ordinario di diritto romano alle università di Ferrara, Bari, Napoli, Roma La Sapienza e LUISS. È stato componente del collegio giudicante nel processo costituzionale nei confronti dei ministri Luigi Gui e Mario Tanassi, nonché nei confronti degli altri soggetti imputati per le vicende di corruzione legate allo scandalo Lockheed (1977-1979) e membro del Consiglio Superiore della Magistratura (1981-1985). È stato eletto senatore per la X legislatura (1987-1992) nel collegio di Torre del Greco per il Partito Socialista Italiano, mandato interrotto il 21 novembre 1991 in quanto eletto giudice della Corte costituzionale, di cui sarà vicepresidente dell'11 novembre 1999 al 21 novembre 2000. Nel corso del mandato parlamentare è stato vicepresidente della 1ª commissione (Affari costituzionali) e vicepresidente (1991) dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa.


torna all'indice

 

 

 

 

Carmine Iacovazzo (16 gennaio 1920 – 16 giugno 1998), calciatore (centrocampista)

Figlio di Carlo, bracciante, e di Angiolina Scaramella, esordì giovanissimo nella stagione 1936-37 con la Salernitana in serie C. Al termine della sua seconda stagione, la squadra conquistò la promozione in serie B (1938-39). Nella serie cadetta giocò ventitre gare con la realizzazione di tre reti. Tornata la squadra in serie C, vi disputò le stagioni successive fino all'interruzione dei campionati nel 1943. Alla ripresa dell'attività agonistica (stagione 1945-46) fu ancora con la Salernitana nella serie mista, quindi in serie B (1946-47) e in serie A (1947-48). Nella massima serie disputò ventisei gare, ma la stagione si concluse con la retrocessione in serie B della squadra, con la quale giocò ancora nel campionato 1948-49, ultimo del suo lungo rapporto con il sodalizio cittadino che l'aveva visto presente in campo in duecentocinquantasei gare con la realizzazione di undici reti. Giocherà ancora con la Nocerina (1949-50), la Toma Maglie (1950-53) e la Battipagliese (1953-54).

 

Nell'immagine (1938) Iacovazzo indossa la maglia a righe verticali bianche-celesti utilizzata dalla Salernitana fra il 1929 e il 1943.


torna all'indice

 

 

 

 

Antonio Ianniello (23 giugno 1979), attore

Cultore di scultura e pittura, diplomato di liceo scientifico, nel 1998 si trasferisce a Roma ove viene ammesso all'Accademia d'Arte Drammatica Silvio D'Amico, diplomandosi nel 2003. Intanto ha già debutto a teatro con Attempts on her life, regia di Massimiliano Farau (2000); cui seguiranno: Norway, Today di Pietro Bontempo (2001), Pericle principe di Tiro, ancora di Farau (2001) e altri lavori, fra cui di assoluto rilievo Gomorra (2007) tratto dai testi di Roberto Saviano con la regia di Mario Gelardi.

Debutta al cinema con il drammatico Balletto di guerra di Mario Rellini (2004). Avrà anche ruoli, fra gli altri, in Il siero della vanità (2004), Il sole nero (2007), Alice (2010).

In televisione, lavora nei telefilm Distretto di polizia (2002 e 2006), Il Maresciallo Rocca (2003), Il capitano (2005 e 2007), Gli ultimi del Paradiso (2010) ed altri; e nelle fiction Madre come te (2004), Il mondo è meraviglioso (2005), Gomorra (2007).


torna all'indice

 

 

 

 

Tino Iannuzzi (17 dicembre 1960), politico

Laureato in giurisprudenza, è avvocato nel settore amministrativo. Consigliere comunale di Salerno dal 1990 al 2001, fu eletto alla Camera dei deputati per la XIV legislatura (2001-2006) con il polo di centrosinistra nel collegio Salerno-Mercato San Severino. Per la XV legislatura (2006-2008), in presenza di una legge elettorale che sottrae agli elettori la scelta dei parlamentari demandandola alle sfere dei partiti, è designato dall'Ulivo per la conferma. Sarà ancora confermato per la XVI (2008-2013) e per la XVII legislatura (2013-2018) dal Partito Democratico. Nel corso della XVI legislatura fu primo firmatario del progetto di legge (convertito nella legge 92 del 2009) Disposizioni per la valorizzazione dell'Abbazia della Santissima Trinità di Cava de' Tirreni. Per tutte le legislature cui ha partecipato e stato componente dell'8ª commissione (Ambiente, Territorio e Lavori pubblici).


torna all'indice

 

 

 

 

Francesco Imparati (9 luglio 1838 – 11 luglio 1892), arcivescovo di Venosa (1880-1890), arcivescovo di Acerenza e Matera (1890-1892)

Registrato all'anagrafe come Graziano Giuseppe Mariano, nacque alle Fornelle, in parrocchia di Santa Trofimena, da Leopoldo, gendarme a cavallo, e da Rosolia La Placa. Il 4 ottobre 1853 entrò nell’ordine dei frati minori a Napoli assumendo il nome di Francesco. Trasferito a Roma, vi compì gli studi letterati e scientifici. Ordinato sacerdote nel 1861, sarà lettore di filosofia e teologia nell’archiginnasio francescano di Aracœli e insegnante di sacra eloquenza e di diritto canonico. Nel 1869 divenne segretario generale dell’Ordine. Eletto vescovo di Venosa il 27 febbraio 1880, è promosso all'arcidiocesi di Acerenza e Matera il 23 giugno 1890.


torna all'indice

 

 

 

 

Senato

del Regno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Guglielmo Imperiali di Francavilla (19 agosto 1858 – 20 gennaio 1944), diplomatico

Figlio del marchese Francesco, magistrato, e di Clementina Volpicelli, laureatosi in giurisprudenza a Napoli nel 1880, nel febbraio 1882 è primo in graduatoria al concorso per la carriera diplomatica, per cui è chiamato al ministero degli Affari esteri, presso la Divisione politica. Nel maggio 1884 è destinato a Berlino, quindi a Parigi ove rimane fino al 1889, quando è inviato a Washington, allora considerata dal Corpo diplomatico la peggiore destinazione possibile per l'inconsistenza politica degli Stati Uniti, ove il capomissione è l'altro salernitano Saverio Fava.

A Bruxelles nel 1895, nel 1901 ritorna come incaricato d'affari a Berlino; è poi (1903) console generale a Sofia, quindi ambasciatore a Costantinopoli (1904) e a Londra (1910), ove partecipa alla stesura dell'accordo del 17 agosto 1917 con il quale l'Italia aderisce al trattato franco-britannico del 1916 e si recepiscono l'accordo di San Giovanni di Moriana e quello italo-francese del 26 luglio 1917. Alla fine della guerra, è fra i firmatari della pace di Versailles (1919) e in seguito rappresentante dell’Italia presso la Società delle Nazioni. Subito dopo la marcia su Roma, antifascista della prima ora, chiede di essere collocato a riposo.

Era stato nominato senatore del Regno il 16 ottobre 1913, con convalidata del 6 dicembre. Nel 1932 il Re gli conferirà il collare della Santissima Annunziata.


torna all'indice

 

 

 

 

Enrico Indelli (21 giugno 1954), politico

Figlio di Vincenzo, che fu senatore democristiano, laureato in medicina e chirurgia, aderì anch'egli alla DC, per poi avvicinarsi (1993) al movimento referendario di Mariotto Segni, con il quale fu eletto alla Camera dei deputati per la XII legislatura (1994-1996), con il sistema proporzionale, nella XX circoscrizione Campania 2. In Parlamento, fu dapprima al gruppo misto, quindi aderì a quello dei Democratici. Fu all'8ª commissione (Lavori pubblici) e alla 10ª (Attività produttive), nonché in quella speciale per le politiche comunitarie.


torna all'indice

 

 

 

 

Fulvio Irace (12 maggio 1950), storico dell'architettura

Laureatosi in architettura presso l'Università di Napoli, dopo essere stato ricercatore dal 1982 e professore associato dal 1988, dal 2000 è professore ordinario a tempo pieno di Storia dell'architettura presso il dipartimento di design del Politecnico di Milano. Dagli anni settanta del Novecento ha organizzato mostre di arte e architettura in Italia e all'estero ed è stato responsabile per il settore Architettura della Triennale di Milano tra il 2005 e il 2009.

Nel 1980, con Aldo Grasso e il regista Giampiero Viola, ha curato per la RAI una serie di sei documentari sull'architettura intitolata La tradizione ritrovata. Passato e presente nella nuova architettura italiana, poi apparsa in videocassetta nel 1983. Attivo nella pubblicistica di settore, quale redattore di Domus (1980-86) e di Abitare (1987-2007), nel 2005 ha ricevuto il premio nazionale Ance-In/Arch Bruno Zevi per un servizio di informazione di massa per l'articolo Dietro il muro mediatico pubblicato su Il Sole 24 Ore del 18 giugno 2000. Numerose sono le monografie pubblicate come autore o curatore, da Assenza-presenza. Un'ipotesi di lettura per l'architettura del 1979 a Mondi a Milano. Culture ed esposizioni 1874-1940 del 2015, passando per Precursors of post-modernism. Milan 1920-30s e Emerging skylines. The new American skyscrapers, edite a New York nel 1982 e nel 1990.


torna all'indice

 

 

 

 

Carmine Lamanda (2 giugno 1941), banchiere e dirigente d'azienda

Figlio di Aldo, cancelliere, e di Elda Cammarella, laureato in giurisprudenza all'Università di Perugia, nel luglio del 1968 entra in Banca d'Italia e dal 1970 è presso l'amministrazione centrale quale collaboratore di Guido Carli per gli aspetti di vigilanza bancaria; identico rapporto conserva con i governatori Paolo Baffi e Carlo Azeglio Ciampi. È l'architetto della riforma della banca pubblica a stretto contatto con il ministro del Tesoro Giuliano Amato, poi del Testo Unico Bancario del 1993, che Antonio Fazio presenta al governo e Ciampi firma come presidente del Consiglio. Nel 1994 è distaccato presso il ministero del Tesoro, guidato da Lamberto Dini, che gli conferisce l'incarico di capo gabinetto; qui, con Mario Draghi, lavora alla delega per la riforma della finanza. Nel 1996, con il governatore Fazio, affronta i temi della riduzione dei costi operativi nelle banche.

Nel 1997 Cesare Geronzi lo chiama in Banca di Roma, dove segue le strategie del gruppo e, con Giorgio Brambilla, la ristrutturazione dei costi. È protagonista, con il presidente dell'ABI Maurizio Sella e con Alessandro Profumo, dell'accordo sindacale del 1997. Dal luglio del 2003 è direttore generale di Capitalia; è presente nei consigli di amministrazione delle più importanti società del gruppo.


torna all'indice

 

 

 

 

Gianfranco Lamberti (25 gennaio 1947), politico

Figlio di Pasquale, professore, e da Anna D'Abbruzzo, laureatosi in medicina e chirurgia presso l'Università di Napoli, nel 1972, si è specializzato in ortopedia e traumatologia presso l'Università di Padova. Ha operato come aiuto presso l'Istituto Ortopedico Toscano di Firenze e successivamente presso gli Ospedali Civili di Livorno, fino alla sua elezione a Sindaco di quella città nel 1992, confermata, con l'elezione diretta al primo turno, nel 1995 e nel 1999.

La sua attività politica inizia nel sindacato, CGIL, sulle tematiche della sanità, con particolare riguardo alla applicazione della legge 180. Iscritto al Partito Comunista Italiano dal 1976, ha contribuito alla nascita del Partito Democratico della Sinistra e poi dei Democratici di Sinistra. È stato membro per l'Italia del Comitato delle Regioni dell'Unione Europea, nel quale ha ricoperto l'incarico di responsabile della delegazione italiana, di vicepresidente del gruppo Partito Socialista Europeo e (2000-2004) di vicepresidente dello stesso Comitato. Durante questa esperienza a Bruxelles, ha curato le tematiche connesse alle politiche euromediterranee, dando vita a numerose iniziative e producendo scritti riguardanti l'evoluzione del Processo di Barcellona. Inoltre si è occupato, con pareri ufficiali trasmessi al Parlamento Europeo dal CdR, della Sicurezza in mare, contribuendo alla costituzione della Agenzia Europea della Sicurezza in Mare.


torna all'indice

 

 

 

 

Matteo Liberatore (14 agosto 1810 – 18 ottobre 1892), teologo

Figlio di Nicola, magistrato, e di Caterina de Rosa, entrò al collegio dei gesuiti di Napoli nel 1825 e, non ancora sedicenne, chiese di entrare alla compagnia di Gesù, nella quale iniziò il noviziato il 9 ottobre 1826. Terminati gli studi con inusuale successo, afferma la Catholic Enciclopedia, insegnò filosofia per undici anni, dal 1837 al 1848, quando la rivoluzione lo indusse a trasferirsi a Malta. Al ritorno in Italia insegnò teologia.

Nel 1841 fondò a Napoli, con il filosofo e teologo Gaetano Sanseverino (1811-1865), il periodico La Scienza e la Fede, con lo scopo di criticare le nuove idee del razionalismo, dell'idealismo e del liberalismo; dalle sue pagine sarà sostenuta una strenua battaglia a favore del brigantaggio, interpretandolo come movimento politico contrario all'unità d'Italia è legittima resistenza di un popolo ad una conquista non solo territoriale, ma principalmente ideologica, ovvero La cagione del brigantaggio è politica, cioè l'odio al nuovo governo, tesi che con i padri Carlo Maria Curci, Carlo Piccirillo e Raffaele Ballerini continuerà a sostenere dalla pagine de La Civiltà Cattolica, la pubblicazione per la difesa della chiesa cattolica e del papato e per la diffusione della dottrina di san Tommaso d'Aquino, di cui era stato cofondatore nel 1850. Liberatore fu fra gli estensori delle encicliche di Leone XIII Aeterni Patris (1879), Immortale Dei (1885), Rerum Novarum (1891), quest'ultima con i cardinali Zigliara e Mazzella.

La chiesa cattolica del suo tempo vide in lui per più di mezzo secolo l'infaticabile campione della verità nei campi della filosofia e della teologia. Egli fu studioso dei problemi della vita cristiana, delle relazioni tra chiesa e stato, tra la morale e la vita sociale. Fra i suoi scritti vi sono compendi di logica, metafisica, etica e diritto naturale.


torna all'indice

 

 

 

 

 

 

 

Antonio Limoncelli (7 dicembre 1888 – ?), politico

Nacque al vicolo Masaniello da Domenico, industriante, e da Luigia Bevilacqua. Laureato in ingegneria, fu designato consigliere nazionale alla Camera dei fasci e delle corporazioni per la XXX legislatura del Regno (1939-1943). Non risultano suoi interventi in aula.

 

Fu registrato all'anagrafe con il cognome Lomenciello. Una prima variazione, in Limongiello, fu decretata dal tribunale civile il 29 giugno 1909; una seconda, in Limoncelli, si ebbe per uguale decreto del'11 maggio 1933.


 

Mattia Limoncelli (24 marzo 1880 – ?), politico

Figlio di Gerardo, possidente falegname, e di Lucia Amaturo, nacque alla Dogana Nuova. Avvocato, fu designato dal Gran Consiglio del Fascismo alla Camera dei deputati per la XXVIII legislatura del Regno (1929-1934). Fu relatore sulle richieste di autorizzazioni a procedere contro i deputati Sorgenti degli Uberti e Pesenti. Intervenne in aula sull'istituzione di un ente di previdenza a favore degli avvocati e dei procuratori; sull'educazione nazionale, in particolare sulle accademie di belle arti; sulla riforma della giustizia; sulle corporazioni.

 

Distintivo da consigliere nazionale della Camera dei fasci e delle corporazioni (XXX legislatura); scheda elettorale con già stampato il per approvare la lista dei deputati designati per le legislature XXVIII e XXIX.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stanislao Lista (8 dicembre 1824 – 12 febbraio 1908), pittore e scultore

Figlio di Giuseppe, ingegnere, e di Anna Maria Mastrocinque, nel 1844 si portò a Napoli, a lezioni di pittura dal concittadino Gaetano Forte e poi di scultura da Gennaro Calì. Allievo al Regio Istituto di Belle Arti, ne sarà poi docente, avendo a sua volta allievi, fra gli altri, Vincenzo Gemito, Francesco Jerace, Ettore Ximenes, Costantino Barbella, Antonio Mancini e i salernitani Ulisse Caputo, Gaetano Esposito, Pasquale Avallone.

Dagli anni sessanta decise di dedicarsi quasi esclusivamente alla scultura, tuttavia notevoli rimangono in pittura il Ritratto di padre Cappelloni (Napoli, chiesa del Gesù Nuovo) e L'asmatico (Napoli, Galleria dell'Accademia). Tra le sue opere scultoree si annovera uno dei quattro leoni in marmo di piazza dei Martiri, a Napoli; il leone, trafitto da una spada, è dedicato ai caduti carbonari del 1820. Nella facciata del Duomo della stessa città suoi sono gli angeli con i simboli di san Gennaro, che si trovano nel torrione di destra. Nel vestibolo del teatro San Carlo si trova una sua grande statua di Giovanni Paisiello. Suo è il monumento al vescovo Zottoli nella navata destra della cattedrale di Salerno.

 

Nella notte del 30 novembre 2007 un atto vandalico danneggiò il suo leone di piazza dei Martiri. L’immagine è relativa al recupero delle parti staccate della coda.


torna all'indice

 

 

 

 

Eva Longo (8 gennaio 1949), politica

Insegnante, con lunga militanza democristiana e nel Centro Cristiano Democratico, è stata sindaco di Pellezzano dal 1990 al 1995 e dal 1999 al 2009; consigliere provinciale, nonché presidente del Consiglio provinciale di Salerno dal 2009 al 2010 e consigliere regionale della Campania dal 2010 al 2013, quando, in presenza di una legge elettorale che sottrae agli elettori la scelta dei parlamentari demandandola alle dirigenze dei partiti, è designata al Senato per la XVII legislatura (2013-2018) dal Popolo della Libertà. Nel 2015 lascerà il gruppo di elezione per passare prima ai Conservatori-Riformisti, poi ai Liberalpopolari, che si fonderanno con Scelta Civica, per assumere in fine la denominazione Alleanza Libera  Popolare - Partito Repubblicano Italiano. Nel corso della legislatura è stata vicepresidente della 6ª commissione (Finanze e Tesoro) e membro della 9ª (Agricoltura e Produzione agroalimentare), nonché di quelle per l'attuazione del federalismo fiscale e di inchiesta sul femminicidio e sulle intimidazioni nei confronti degli amministratori locali.


torna all'indice

 

 

 

 

Francesco Longo detto Franco (18 dicembre 1945), artista multimediale

Nato in via Trotula de Ruggiero da Giuseppe, operaio, e da Maria Cuoco, frequenta l'Accademia di Belle Arti di Napoli e insegna discipline pittoriche e percezione visiva presso il Liceo artistico di Salerno. Pittore, ceramista, creatore di istallazioni e performance audiovisive, allestisce personali in città, alle gallerie La Seggiola (1965), Einaudi 691 (1969), Taide (1979); al Castello Arechi (1984); all'ex chiesa di San Giovanni di Dio (1989 e 1992); al Tempio di Pomona (1993); allo Studio 34 (2002). A Roma, alla galleria Lavatoio Contumaciale della concittadina Bianca Pucciarelli (1977). Allo Studio Trisorio (1982) e all'ex ospedale di Santa Maria della Pace (1996) di Napoli. Al Musée Municipal de Saint-Paul in Francia (1994). Partecipa a

numerose collettive e rassegne in Italia (a Roma, Bologna, Napoli, Ferrara, Milano, Bari) e all'estero (in Danimarca, Iugoslavia, Brasile, Germania). Nel 1981 è segnalato da Filiberto Menna per il catalogo Bolaffi Arti Grafiche. 

 

Franco Longo, Shaman


torna all'indice

 

 

 

 

Vincenzo Loria (17 settembre 1849 – 31 ottobre 1939), pittore

Figlio di Gaspare Antonio, machinista, e di Caterina Severino, nacque al Carmine Vecchio, in parrocchia di San Pietro in Camerellis. Fu allievo di Domenico Morelli presso il Regio Istituto di Belle Arti di Napoli, città in cui si trasferì e ove nel 1890 aprirà una galleria d'arte, prima in via Vittoria, poi in via Partenope, che presto diventerà un punto di riferimento della scuola napoletana del secondo Ottocento. Oltre ad essere un apprezzato pittore, in special modo acquerellista, fu litografo, incisore, decoratore su ceramica e sperimentò anche la tecnica della fotografia. Notevoli, oltre le opere a soggetto marinaresco, le vedute che raffigurano scorci pompeiani e le riproduzioni delle pitture murali della città sepolta riscoperte durante gli scavi, commissionategli dal ministero della Pubblica Istruzione retto dall'on. Antonio Scialoja per la diffusione presso licei e facoltà universitarie.

Partecipò a esposizioni a Napoli, Milano, Torino, Palermo e nel 1931 allestì una personale alla Casa d'Arte di La Spezia, città ove si era trasferito dopo la morte della moglie (1929) in casa del figlio Ettore, magistrato presso quel tribunale, e dove morirà.  


torna all'indice

 

 

 

 

Senato

del Regno

 

Matteo Luciani (23 gennaio 1812 – 11 settembre 1888), politico

Figlio di Gregorio, che nel 1799 aveva aderito alla Repubblica napoletana e nel 1820 aveva preso parte al moto per la costituzione, e di Vittoria de Cositore, fratello maggiore di Pietro, fu medico come il padre. Dopo l'unità d'Italia, sarà sindaco di Salerno (6 gennaio 1862-24 gennaio 1874) e (1867-1873) presidente del Consiglio provinciale; la carica di sindaco ricoprirà ancora successivamente (16 febbraio 1879-19 settembre 1882 e 5 aprile 1884-28 giugno 1886).

Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro dal 20 febbraio 1881, fu creato senatore del Regno con nomina del 26 novembre1884 convalidata il 13 dicembre.

 

La scheda sul sito del Senato riporta in nota che alcune fonti indicano la data di nascita al 26 novembre 1812; la stessa scheda non riporta il nome della madre. I dati qui riportati sono tratti dal registro dei nati nel 1812 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Pietro Luciani (22 febbraio 1823 –  28 ottobre 1900), filosofo

Figlio di Gregorio, medico, che nel 1799 aveva aderito alla Repubblica napoletana e nel 1820 aveva preso parte al moto costituzionale, e di Vittoria de Costore, fratello minore di Matteo, nel 1848 appoggiò il governo costituzionale; fu in prima fila nelle manifestazioni patriottiche e nella repressione del 15 maggio salì sulle barricate, il che gli costò la prigione. Liberato ai primi del 1852, poté rientrare a Salerno, ove si dedicò agli studi intervallanti da frequenti viaggi a Napoli per prendere parte al dibattito filosofico.

Già autore de Il pensiero moderno. Discorso in proposito degli Scritti di Silvestro Centofanti (1861) contro l'intedescamento della filosofia italiana, intraprese una tenace polemica contro l'interpretazione spinoziana e hegeliana che lo Spaventa aveva dato del pensiero giobertiano con Del libro di Bertrando Spaventa intitolato "La filosofia di Gioberti". Considerazioni (1864); a tale premessa fece seguito il suo lavoro di maggiore mole: i tre volumi Gioberti e la filosofia nuova italiana, comparsi fra il 1866 e il 1872.

Fra gli altri suoi scritti, si ricordano Sulla formola "Libera Chiesa in libero Stato" (1867), Roma capitale d'Italia (1868), Del socialismo vero e falso (1896).


torna all'indice

 

 

 

 

Roberto Manzione (2 giugno 1953), politico

Avvocato penalista, eletto alla Camera dei deputati per la XIII legislatura (1996-2001) nel collegio Salerno-Mercato San Severino, sarà membro della 2ª commissione (Giustizia) e capogruppo dei Popolari UDEUR dal febbraio 2000. Per la XIV legislatura (2001-2006) è eletto al Senato è sarà vicepresidente del gruppo Democrazia e Libertà-la Margherita fino al marzo 2002. Per la XV legislatura (2006-2008), in presenza di una legge elettorale che sottrae agli elettori la scelta dei parlamentari demandandola ai partiti, è automaticamente confermato senatore e ricopre la carica di vicepresidente della 2ª commissione (Giustizia).

Nel settembre 2007 lascia la Margherita e con il senatore Willer Bordon fonda il movimento dell'Unione Democratica, in protesta per l'adesione di quel gruppo al Partito Democratico. Successivamente l'UD di Manzione avvierà un processo costituente con i Consumatori Uniti, dando vita all'Unione Democratica per i Consumatori. L'impegno di questa è subito indirizzato sui versanti della riduzione del costo della politica e della tutela dei consumatori e utenti. Infatti, nel varo della legge finanziaria per il 2008, sono accolti tre emendamenti particolarmente significativi. Il primo prevede la riduzione numerica della composizione del governo che scende da centotre a sessanta componenti; gli altri due prevedono la tutela degli utenti nei servizi pubblici locali e l'introduzione della class action (azioni collettive). Quest’ultimo emendamento è approvato dall'aula del Senato anche grazie al disguido di un senatore dell'opposizione che erroneamente vota a favore. Con la class action si rende effettiva la tutela dei consumatori e degli utenti, recependo nell'ordinamento italiano uno strumento che consente di collegare ad un unico procedimento giudiziario una molteplicità di richieste di danno individuali, originate da un unico fatto illecito, estendendo gli effetti della decisione a tutti i soggetti coinvolti.


torna all'indice

 

 

 

 

Matteo Marchiafava († 1° agosto 1237), funzionario regio

Membro di una famiglia salernitana di miles, che derivava il cognome da una possessione forse suffeudale nel casale della Pastena, ma che non sarà ascritta ai seggi del patriziato cittadino, è nominato nel 1233 capo dell'amministrazione finanziaria della Calabria e della Sicilia, regnante Federico II di Svevia, dopo che, nel 1230, era stato magister camerarius in Puglia e nel Principato. Nel 1234 e nel 1235, impegnato a risolvere questioni giuridico-finanziarie, si qualifica imperialis dohane secretus et questorum magister.

Fra le altre incombenze affidatagli dall'Impero vi furono le rifondazioni delle città di Valentia, che assunse il nome di Monteleone (odierna Vibo Valentia), e di Heraclea (odierna Gela) e la messa in circolazione in Sicilia e in Calabria delle nuove monete coniate a Messina.

 

Denaro di Federico II coniato a Messina nel 1236


torna all'indice

 

 

 

 

 

Camillo Marino (14 ottobre 1925 – 30 settembre 1999), autore e critico cinematografico

Nacque all'allora via Caracciolo (oggi Andrea Sabatini) da Ettore, macchinista ferroviario, e da Anna Spera. Già giovanissimo resistente antifascista in Irpinia, lascia la facoltà di fisica dell'Università di Napoli ad un solo esame dalla laurea per dedicarsi al cinema neorealista. Fonda Cinemasud, rivista d'avanguardia, che sarà crogiolo ideale del festival Laceno d'Oro, lanciato nel 1959 con Giacomo D'Onofrio e Pier Paolo Pasolini. La sua passione di cinefilo è immortalata da Ettore Scola in C'eravamo tanto amati, film in cui il personaggio di Nicola Palumbo (professore campano amante di cinema ed ex partigiano), interpretato da Stefano Satta Flores, è dichiaratamente ispirato  a lui. Da ricordarsi alcune sue brevi apparizioni nei film Due soldi di felicità (1954) di Roberto Amoroso, Capriccio (1987) di Tinto Brass e La donnaccia (1964), di cui fu autore del soggetto insieme al regista Silvio Siano e a Pasquale Stiso. Sempre nel 1964 scriverà anche il soggetto di un altro film diretto da Siano, La vedovella, con Margaret Lee, Peppino De Filippo e Aroldo Tieri.
Il 1988 sarà l'anno dell'ultima edizione del Laceno d'Oro: Marino decise di porre fine alla vita della sua creatura per non rischiare di consegnarla nelle mani della politica locale. A due anni dalla sua scomparsa, nel 2001, è stato istituito un premio in suo onore e dal 2003 la manifestazione ha assunto il nome di Premio Camillo Marino – Laceno d'Oro.

 

Alcune fonti indicano la data di nascita al 5 maggio. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1925 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

Renato Raffaele Martino (23 novembre 1932), cardinale

Figlio di Alessandro, ingegnere, e di Teresa Greco, ordinato sacerdote il 20 giugno 1957, il 14 settembre 1980 fu promosso arcivescovo e pronunzio in Thailandia, delegato apostolico in Singapore, Malaysia, Laos e Brunei, ricevendo l'ordinazione episcopale il 14 dicembre di quell'anno nella basilica dei Santi XII Apostoli in Roma per mano di monsignor Gaetano Pollio e dell'arcivescovo di Bamgalore (India). Da Giovanni Paolo II,  nel concistoro del 21 ottobre 2003, è stato creato cardinale diacono di San Francesco di Paola ai Monti.

Entrato nella diplomazia vaticana nel 1962, ha lavorato nelle nunziature di Nicaragua, Filippine, Libano, Canada e Brasile. Tra il 1970 e il 1975 è stato responsabile della sezione per le Organizzazioni internazionali della Segreteria di Stato. Nel 1986 ha ricevuto l'incarico di osservatore permanente della Santa Sede alle Nazioni Unite; in tale veste ha partecipato attivamente alle maggiori conferenze internazionali promosse dall'Onu. Notevole eco hanno avuto i suoi numerosi interventi alle assemblee dal 1987 al 2002, trattando i più disparati argomenti, dal disarmo allo sviluppo, dalla povertà alla difesa dei diritti dei minori, dalla Palestina ai rifugiati, alla libertà religiosa e alla promozione dei diritti umani. Nel 1991, nell'ambito delle sue funzioni alle Nazioni Unite, ha istituito la Path to Peace Foundation allo scopo di sostenere e potenziare le iniziative della missione della Santa Sede all'Onu.

Dopo sedici anni passati alle Nazioni Unite fu chiamato da Giovanni Paolo II il 1° ottobre 2002 a guidare il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace. Già all'inizio del mandato rivolse il suo interesse alla difficile situazione in Venezuela e al grave conflitto civile in Costa d'Avorio: soprattutto non ha fatto mancare la sua voce sulla tragica situazione in Medio Oriente. Nel 40° anniversario dell'enciclica Pacem in terris, durante l'anno 2003, è stato impegnato in sedute di studio, dibattiti e conferenze sull'attualità e sull'importanza dell'enciclica di Giovanni XXIII. Dall'11 marzo 2006 e il 28 febbraio 2009 è stato presiedere del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti; é stato, inoltre, membro della congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli, del Pontificio Consiglio Cor Unum, dell'amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica. Il 23 novembre 2012, raggiunti gli 80 anni, è uscito dal numero dei cardinali elettori. 

Per la sua costante attività in favore delle pacifiche relazioni tra i popoli, della promozione umana e della cultura, gli sono state conferite diverse lauree honoris causa ed onorificenze.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Medaglia del decennale della

Regia Aeronautica (1923-1933)

Mario Martucci (20 giugno 1892 – 26 settembre 1933), generale

Nacque in via Tasso da Camillo, ispettore telegrafico, e da Errichetta Primerano. Dopo un avvio di carriera nell'esercito, entrò nel Servizio Aeronautico, brevettandosi, il 1° maggio 1915, osservatore d'aeroplano. Prestò servizio in zona di guerra come ufficiale aviatore, dapprima nella 1ª, poi nella 14ª, quindi nella 36ª squadriglia aeronautica per l'artiglieria. Promosso capitano, fu comandante del 12°, quindi del 20° gruppo aeroplani. Il 16 ottobre 1923 passò nella neo costituita Regia Aeronautica, frequentando il corso di qualificazione che lo porterà, il 2 luglio 1925, a conseguire il brevetto di pilota; il 17 ottobre successivo, con il grado di maggiore, fu inviato a frequentare la Scuola di Guerra Aerea di Torino. Nel corso del 1926 è promosso al grado di tenente colonnello. L'anno successivo è in servizio presso il 20º stormo. In quegli anni è anche istruttore di navigazione aerea presso la Regia Accademia Aeronautica di Caserta. Promosso colonnello nel 1929, il 10 giugno 1930 fu nominato comandante del 20º stormo aeroplani da ricognizione con base all'aeroporto di Montecorvino. Comandante della Regia Accademia Aeronautica di Caserta dal 15 ottobre 1932, fu elevato al grado di generale di brigata aerea il 15 maggio 1933. La morte lo colse a Caserta mentre era candidato ad ottenere la nomina a sottocapo di Stato Maggiore della Regia Aeronautica.


torna all'indice

 

 

 

 

Guido Martuscelli (28 luglio 1905 – 27 novembre 1987), politico

Nacque al largo Scuola Salernitana da Alberto, avvocato, e da Rosina Carrano. Laureato in chimica ed in giurisprudenza, esercitò la professione di avvocato. Fu proclamato eletto alla Camera dei deputati il 19 settembre 1951, nel corso della I legislatura repubblicana (1948-1953), per il gruppo comunista, in sostituzione del defunto on. Luigi Cacciatore. Fece parte della Giunta per le autorizzazioni a procedere in giudizio e della 1ª commissione (Affari interni). Fu rieletto per la II legislatura (1953-1958) nel collegio di Benevento, per lo stesso partito. Fece parte ancora della Giunta per le autorizzazioni a procedere in giudizio e della 3ª commissione (Giustizia). Fu primo firmatario di tre progetti di legge, di cui uno, a favore degli insegnanti elementari fu convertito nella legge 155 del 1956.


torna all'indice

 

 

 

 

Vittorio Martuscelli (28 febbraio 1917 – 14 maggio 2003), magistrato, politico

Figlio di Alberto, avvocato, e di Rosina Carrano, laureato in giurisprudenza come il padre e il fratello maggiore Guido, entrò in magistratura raggiungendo l'apice della carriera come presidente di sezione presso la Corte di cassazione.
Eletto alla Camera dei deputati per la IV legislatura (1963-1968) nel collegio di Benevento, con il Partito Socialista Italiano, sarà segretario della 1
ª commissione (Affari costituzionali) e della commissione per l'esame dei progetti di legge aventi per oggetto la disciplina dei contratti di locazione degli immobili urbani e membro della giunta delle elezioni, della 4ª commissione (Giustizia), della commissione inquirente per i procedimenti d'accusa. Fu primo firmatario di dieci progetti di legge, di cui tre, relativi alla costituzione dei Consigli giudiziari, all'Avvocatura dello Stato e al Consiglio superiore della Magistratura, furono convertiti nelle leggi 825 e 1035 del 1966 e 1198 del 1967.


torna all'indice

 

 

 

 

Massimino (XIV-XV secolo), domenicano, detto Massimino da Salerno

Nato fra il 1365 e il 1370, fu frate nel convento di San Domenico di Castello, a Venezia, e autore di una Legenda parva di Caterina da Siena; nel prologo afferma di averla composta nel 1417, su richiesta di Tommaso di Antonio da Siena, priore del convento, promotore di una tenace opera tesa ad ottenere la canonizzazione di Caterina, per il quale scopo era stato organizzato un vero e proprio scriptorium, che raccoglieva e riproduceva tutto quanto fosse relativo alla Santa. In tale ambito, Massimino aveva già scritto un Sermo tripartitus et compositus ob reverentiam beate Katerine de Senis Ordinis de penitentia.

La Legenda è inserita nel ms. T.I.2 della Biblioteca comunale di Siena e nel ms. F.4.14 del Cambridge Magdalene College, che colma alcune lacune del codice senese. Il Sermo è nel ms. Strozzi 3 della Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze.       


torna all'indice

 

 

 

 

Mauro ( 24 febbraio 1214), medico della Scuola salernitana, detto Mauro Salernitano

Fu autore dei trattati De Urinis e Regulae urinarum, che codificarono l'indagine uroscopica presso la Scuola cittadina. Nel primo sono contenute le indicazioni per un corretto esame uroscopico da realizzarsi tramite la raccolta nella matula (vaso di vetro a collo largo) e l'osservazione del colore, della quantità, del sedimento delle urine. Nel secondo l'argomento è ripreso insieme alle problematiche della flebotomia e delle febbri.

Le opere di Mauro, insieme all'altro De Urinis di Urso di Calabria, furono diffuse dal francese Egidio di Corbeil, studente a Salerno, tramite un ulteriore De Urinis, che divenne un classico dell'uroscopia adottato come testo fino al XVIII secolo nelle scuole di medicina d'Europa.

Nel Necrologio della Chiesa salernitana si legge: M.CC.XIIII ob. magister Maurus optimus fisicus; il frammento di calendario degli anniversari, facente parte dello stesso codice, alla data 24 febbraio riporta: D[ominus] Maurus doctor in phifica.               

L’immagine si riferisce ad un pagina del De Urinis di Egidio di Corbeil


torna all'indice

 

 

 

 

Clemente Mauro (16 agosto 1860 – 8 febbraio 1926), politico

Figlio di Pietro, postiere del lotto, e di Amalia Centola, nacque a Porta di Ronca. Avvocato, fu eletto alla Camera dei deputati per le legislature del Regno XXV (1919-1921, la prima con elezione a suffragio universale dei cittadini maschi almeno ventunenni) e XXVI (1921-1924). Fu membro della commissione permanente Esercito e Marina per l'esercizio 1921 e della commissione permanente Terre liberate e redente per l'esercizio 1922.

 

A lato, particolare del busto posto nella villa Comunale di Salerno nel 1949.


torna all'indice

 

 

 

 

Giovanni Mauro detto Gianni (26 febbraio 1955), cantautore, attore

Ottenuto nel 1976 un contratto dalla RCA come autore di testi e musica, l’anno successivo pubblica due dischi e inizia una collaborazione con Gabriella Ferri, che incide alcuni suoi brani, fra cui Lunedì. Da una sua strampalata idea del 1978 che egli stesso definisce Il manifesto scellerato di una generazione allo sbando, ovvero la canzone demenziale Tu fai schifo sempre, nasce il gruppo I Pandemonium, che partecipa al Festival di Sanremo del 1979 aprendo l'Italia al demenzial-surreale. Mauro aveva già partecipato l’anno prima al festival con Rino Gaetano, col brano "Gianna". Successivamente si divide fra le attività di autore, di cantante, di attore teatrale, iniziando anche una collaborazione nel cinema con Detto Mariano, con il quale è coautore di numerose canzoni in film di grande successo quali Il bisbetico domato, Il ragazzo di campagna, Spaghetti a mezzanotte.

In televisione partecipa con I Pandemonium a programmi di Pippo Baudo, Raffaella Carrà, Oreste Lionello, Gino Bramieri, Pippo Franco. In teatro lavora con Renato Rascel, Gabriella Ferri, Gino Bramieri, Oreste Lionello, Vittorio Marsiglia, Pippo Franco, Gigi Proietti. Come giornalista ha collaborato con il mensile Cultura occupandosi di satira di costume.

Nel 2007 inizia l’attività di scrittore di narrativa con titoli emblematici, quali Aiuto! Mi si è aperto il rubinetto dell'anima! e Storie disordinate di straordinaria ordinarietà. Seguiranno,

fra gli altri, Vite diverse (23009), Meno di Niente Emilia (2010), La quadratura del cerchio (2013), Una voce che ha emozionato il mondo - biografia di Bruno Venturini (2016). 


torna all'indice

 

 

 

 

Luigi Mazzella (26 maggio 1932), giurista

Figlio postumo di Luigi, possidente, e di Renata Ricciardi, laureatosi in giurisprudenza nel 1954 presso l'Università di Napoli, vinse il concorso per l'Avvocatura dello Stato nel 1956. Ha svolto incarichi direttivi presso pubbliche istituzioni a livello regionale e nazionale e il ruolo di capo gabinetto in ambito ministeriale. È stato nominato avvocato generale dello Stato il 13 dicembre 2001. Dal 14 novembre 2002 al 2 dicembre 2004 è stato ministro della Funzione Pubblica nel 2° governo Berlusconi. È stato eletto alla Corte Costituzionale dal Parlamento il 15 giugno 2005. Il 29 gennaio 2013 è stato nominato vice presidente vicario della stessa Corte.

Ha pubblicato libri, saggi e articoli in materie giuridiche.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Giacomo Medici del Vascello (1° aprile 1883 – 15 agosto 1949), gerarca fascista

Figlio di Francesco, ingegnere, e di Elvina Rocca, fu anch'egli ingegnere. Designato alla Camera dei deputati dal Gran Consiglio del Fascismo per la XXVIII legislatura (1929-1934) e confermato per la XXIX (1934-1939), fu sottosegretario alla Presidenza del Consiglio del governo Mussolini dal 1935 al 1939 e console generale della Milizia Volontaria per la sicurezza nazionale. Nella XXX legislatura (1939-1943), soppressa la Camera dei deputati e istituita la Camera dei fasci e delle corporazioni, vi fu designato consigliere nazionale.

 

I Medici piemontesi, che nulla hanno a che fare con gli omonimi toscani, erano una famiglia borghese che ebbe il titolo di marchese, il predicato del Vascello e l'uso dello stemma per il fatto che un altro Giacomo (1817-1882) nel 1849, alla difesa della repubblica romana, alla guida di volontari lombardi, respinse i francesi del maresciallo Oudinot alla località del Vascello, presso porta San Pancrazio. Alla sua morte senza eredi, titolo e predicato passarono per grazia regia al cugino Luigi che, morendo anch'egli senza eredi nel 1915, lo trasmise al fratello Francesco, ossia al padre del nostro Giacomo. Alla sua nascita, quindi, come dal registro dei nati nel 1883 dello Stato Civile del comune di Salerno, il Nostro aveva il solo cognome Medici e il padre nessun titolo nobiliare. Alcune fonti indicano erroneamente il primo Giacomo come nonno del Nostro.         


torna all'indice

 

 

 

 

Alfredo Menichelli (17 febbraio 1900 3 luglio 1979), attore

Figlio di Cesare, artista comico, e di Francesca Malvica, nacque alla Dogana Vecchia. Fu fratello minore della più celebre Pina e di Dora, nella cui compagnia teatrale lavorò agli inizi di carriera. Passò, quindi, ad altri sodalizi, quali il Teatro degli Arcimboldi di Milano diretto da Gero Zambuto. Nel 1931 costituì una propria compagnia di rivista con Giuseppe Achille. Fu anche attore cinematografico, esperienza che iniziò negli anni venti in alcune pellicole come Liberazione (1920), La seconda moglie (1922), Triboulet (1923), e che riprenderà successivamente con film sonori quali 13 uomini e un cannone (1936), Le sorprese del divorzio (1939), La canzone rubata (1940). Nei film a cui prese parte recitò in prevalenza in ruoli secondari o da comparsa.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Immagine di

Agnese De Donato, courtesy Fondazione Filiberto Menna, Centro Studi di Arte Contemporanea

Filiberto Menna (11 novembre 1926 – 9 febbraio 1989), storico e critico dell'arte moderna

Figlio di Alfonso e di Gemma Giuliano, sposerà a Roma, il 15 giugno 1959, la poetessa Bianca Pucciarelli, in arte Tomaso Binga. Docente universitario dapprima a Salerno, poi presso La Sapienza di Roma, è autore di numerose pubblicazioni fra cui una monografia dedicata a Mondrian (1962, riedita nel 1999), cui segue, nel 1967, quella su Prampolini, che rivelano interessi rivolti soprattutto alle tematiche del moderno e delle avanguardie; è  del 1968 il libro più impegnato in questa direzione: Profezia di una società estetica, riedita nel 2001. Del 1975 è il suo libro più noto: La linea analitica dell'arte moderna, cui segue, nel 1980 una riflessione sullo statuto della critica in Critica della critica. Nel 1982 pubblica Quadro critico, dalle avanguardie all'Arte Informale. Industrial design (1962) e La regola e il caso, architettura e società (1970) raccolgono, invece, i suoi interventi più direttamente rivolti al tema della progettazione architettonica.

La sua attività di critico d'arte comincia nel 1960, dapprima su Il Mattino, poi su Telesera e Il Globo, infine, su Paese sera, (1978-1989) dove, caso abbastanza raro nei quotidiani italiani, curerà una pagina interamente dedicata all'arte. Nel 1982 fonda la rivista Figure, dedicata a riflessioni teoriche sull'arte contemporanea e sull'estetica del moderno. È stato commissario alla Biennale di Venezia e consigliere d’amministrazione della Quadriennale di Roma. Anche politicamente impegnato, nel 1975 è consigliere regionale della Campania quale indipendente eletto nelle liste del Partito Comunista Italiano.


torna all'indice

 

 

 

 

Francesco Mezzacapo (7 maggio 1816 – 12 dicembre 1865), politico

Nacque a Porta di Ronca, in parrocchia di Santa Maria dell'Olmo, da Guido dei marchesi di Monterosso e da Raffaela Rapuano. Fu eletto alla Camera dei deputati (collegio di Amalfi) per l'VIII legislatura del Regno (1861-1865) e rieletto per la IX (1865-1867). Nel corso del primo mandato si schierò a favore dell'abolizione della pena di morte, ma l'emendamento al codice penale sabaudo fu bocciato dall'assemblea e si dovrà attendere fino al 1889 per l'abolizione della pena con il Codice Zanardelli, anche se il patibolo era andato di fatto in disuso fin dal 1877con l'amnistia generale di Umberto I. 


torna all'indice

 

 

 

 

Guido Milanese (11 luglio 1951), politico

Laureato in medicina e chirurgia, docente universitario, fu eletto alla Camera dei deputati per la XIV legislatura (2001-2006), con il sistema maggioritario, nella XX circoscrizione  Campania 2, collegio di Scafati, con la lista Abolizione scorporo. Aderirà al gruppo Forza Italia. Sarà membro della 4ª commissione (Difesa), della 7ª (Cultura, Scienza e Istruzione) e della 12ª (Affari sociali), nonché della commissione per le questioni regionali. Fu primo firmatario di ben trentadue progetti di legge, di cui uno solo fu convertito nella legge 38 del 2006 Disposizioni in materia di lotta contro lo sfruttamento sessuale dei bambini e la pedopornografia anche a mezzo Internet.  


torna all'indice

 

 

 

 

 

Firenze, Istituto e Museo di Storia della Scienza, compasso di proporzione a otto punte di

Fabrizio Mordente (fine sec. XVI)

Fabrizio Mordente (1532 1608 circa), matematico

Fu inventore di uno strumento, che denominò compasso proporzionale a otto punte, dotato di cursori sui bracci, atto a risolvere i problemi della misurazione della circonferenza, dell'area del cerchio e delle frazioni d’angolo; su di esso pubblicò un trattato in un unico ampio foglio illustrato a Venezia nel 1567. Nel 1572 fu a Vienna, alla corte di Massimiliano II, e dal 1578 a Praga, a quella di Rodolfo II, al quale dedicò la nuova edizione di Anversa del 1584; a Praga fu amico di Michel Coignet, che pubblicherà alcuni scritti sullo strumento.
Nel 1585 Giordano Bruno, incontrato a Parigi, colse implicazioni filosofiche nell’invenzione in relazione alla sua teoria atomistica, per cui scrisse i dialoghi Mordentius e De Mordentii circino, dei quali diversi passaggi sollevarono le proteste del matematico, alle quali il filosofo rispose polemicamente nel 1586 con le violente satire dell’Idiota triumphans e del De somnii interpretatione.
Nel 1591, dalla corte di Alessandro Farnese, Mordente pubblicherà, con la collaborazione del fratello Gaspare, l'ultima versione del suo strumento.


torna all'indice

 

 

 

 

Amedeo Moscati (25 giugno 1876 – 2 novembre 1970), storiografo, politico

Figlio di Filippo, possidente, e di Antonietta Lacci, laureato in giurisprudenza e in scienze economiche e commerciali, possedendo immobili e attività economiche in Faiano, allora frazione di Montecorvino Pugliano, nel 1905 fu eletto consigliere in quel comune. Si batterà, insieme ad esponenti della borghesia locale, per l'istituzione del comune di Pontecagnano-Faiano, scopo raggiunto con Regio decreto del 18 giugno 1911, cui seguirà la sua elezione a primo sindaco (1911-1914). Sarà presidente della Provincia (1923-1925) e della Società Economica salernitana (1926-1970). Esponente del liberismo prefascita a Salerno, sarà deputato alla Consulta nazionale nella fase di transizione costituzionale (1945-1946) e alla Costituente (1946-1948).

Pubblicò in forma anonima La Provincia di Salerno vista dalla Reale Società Economica (1936), Salerno e Salernitani dell'ultimo Ottocento (1952) e I Ministri del Regno d'Italia, otto volumi relativi ai capi dicastero, dal governo piemontese del 1848 all'ultimo Crispi.        

 

Alcune fonti danno il figlio Ruggero, storico, docente universitario, come nato a Salerno il 20 ottobre 1908. Egli nacque, invece, a Napoli il 19 novembre dello stesso anno.


torna all'indice

 

 

 

 

Olga Napoli (2 luglio 1903 – 15 maggio 1955), pittrice

Figlia di Michele, gioielliere, e di Carmela Di Giovanni, abilitata insegnante elementare nel 1923, espone per la prima volta nel 1932. Nel 1933 é alla II Mostra salernitana d’arte, mentre del 1935 è la presenza alla Mostra d’arte del Circolo Gaetano Esposito, ove, nel 1942, terra una personale; del 1944 è quella allestita nei locali di Salerno della Croce Rossa e inaugurata, il 12 febbraio, dal presidente del Consiglio dei ministri Badoglio e dal colonnello Robertson, governatore militare alleato. Seguiranno personali alla galleria La Tavolozza di Napoli (1950), alla galleria Gavioli di Milano (1952), al Circolo degli artisti di Torino (1953). Numerose sono le rassegne e premi cui è presente in quegli anni: a Bari, a Roma, a Firenze, mentre nel 1954 è tra i partecipanti selezionati per la Biennale di Venezia. Il suo fu un modo di dipingere in controtendenza rispetto al panorama salernitano, nel quale, negli anni in cui operò, andavano per la maggiore gli Avallone e i Tafuri.

Olga Napoli, Contadino.


torna all'indice

 

 

 

 

Luciano Nicastri (9 luglio 1936 – 17 ottobre 2013), latinista

Figlio di Alfredo, applicato di pubblica sicurezza, e di Annunziata Precenzano, insegnante, seguì gli studi classici alla Scuola Normale di Pisa per poi portarsi all'Università di Napoli, ove si laureò con la tesi La formazione culturale di Apuleio. Alla Federico II fu assistente del professore Armando Salvatore e dal 1983 al 1985 professore associato di didattica del latino. Dal 1986 al 2006 è stato professore ordinario di letteratura latina presso l'Università di Salerno. Fra le sue opere, Riflessioni critiche sul Partenio I di Alcmane (1963), Catullo traduttore del Plokamos (1970), Contributi di filologia latina (1990), Properzio Coturnato: l'itinerario poetico di Pomponio Gaurico elegiaco, (1992), Classici nel tempo: sondaggi sulla ricezione di Properzio, Orazio, Ovidio (2003), Per una iniziazione a Virgilio (2006). 


torna all'indice

 

 

 

 

Niccolò (XII secolo), medico e prepositus della Scuola salernitana,

detto Niccolò Salernitano

Fu autore del trattato noto come Antidotarium Nicolai, considerato la prima fra le farmacopee di tipo moderno per l'esauriente esposizione delle composizioni, a volte molto complesse, e delle proprietà di preparati di utilizzo pratico. Causa la sua complessità, per favorirne una maggior comprensione terminologica, spesso era accompagnato all’interno dei manoscritti da elenchi di Synonima o da sillogi dei vari componenti (i semplici), rimedi vegetali o minerali che potevano anche essere usati da soli per una medicina quotidiana; così come da prontuari come il Quid pro quo necessari per conoscere le alternative esistenti in mancanza di un ingrediente. Elevato da Federico II a testo ufficiale della farmacologia europea, rimase fondamento anche per testi rinascimentali e di inizio dell’età moderna.

Nel contesto particolare della tradizione medica toscana della seconda metà del XIII secolo si colloca una sua volgarizzazione conservata presso la Osler Library della McGill University di Montréal. Volgarizzato anche in inglese, francese, arabo, ebraico, tedesco,  olandese, spagnolo, fu edito per la prima volta a Venezia nel 1471 presso Nicolas Jenson.   


torna all'indice

 

 

 

 

Giuseppe Nuzzo (11 luglio 1902 – 22 ottobre 1996), storico

Figlio di Angelo Emanuele, professore in lettere, e di Elvira Staibano, diplomato in Paleografia e Archivistica, si laureò in Lettere presso l’Università di Napoli il 23 aprile 1925. Vincitore del concorso a cattedra di Storia e Filosofia nel 1927, conseguita nel 1938 la libera docenza in Storia del Risorgimento, tenne corsi presso la stessa Università di Napoli (1939-49) e presso l’Istituto Universitario di Magistero di Salerno, per poi passare all’Università di Salerno dal 1967 al collocamento a riposo nel 1972.

Quale storico Nuzzo ha dedicato il più e il meglio delle sue energie al tema della storia diplomatica del regno di Napoli nella seconda metà del XVIII secolo, attraverso un percorso lungo un sessantennio, dal saggio del 1930 La politica estera della monarchia napoletana alla fine del secolo XVIII, apparso sulla Nuova Antologia, al volume A Napoli nel tardo Settecento, la parabola della neutralità (1990), passando attraverso La monarchia delle Due Sicilie tra ancien régime e rivoluzione (1972).

Di rilievo nel lavoro di Nuzzo la rivalutazione della figura e dell’opera di John Acton.


torna all'indice

 

 

 

 

 

 

Achille Olivieri (26 ottobre 1911 – 24 settembre 1943), martire di Cefalonia, medaglia d’oro al valor militare alla memoria

Nacque da Michele, allora maresciallo del 63° fanteria, e da Margherita Costa. Tenente cartografo della divisione Acqui, dispiegata sul fronte greco-albanese, fu catturato il 22 settembre dai nazisti. Due giorni dopo, insieme ad un numero mai precisato di commilitoni, fu fucilato alla Casetta Rossa di Capo San Teodoro, a sud del golfo di Argostoli dell’isola di Cefalonia.

Nel dicembre 1944 la Psychological Warfare Branch, scriveva nel suo bollettino: Il comportamento degli ufficiali italiani alla triste ‘Casetta rossa’ di Cefalonia non appartiene alla storia, ma al mito. Ad uno ad uno, nobilissimi cavalieri del dovere e dell’onore, essi salirono con sublime serenità il calvario che ancora li separava dalla gloria.


torna all'indice

 

 

 

 

Elio Onorato (18 ottobre 1924), calciatore (attaccante)

Figlio di Amerigo, impiegato, e di Margherita Petrone, militante nella Salernitana in serie C nei campionati 1941-42 e 1942-43, quando la squadra fu promossa in serie B, dopo la soppressione dell'attività per il 1943-44, si trovò proiettato, per il 1944-45, nel Campionato Misto (A+B) Bassa Italia, che raccoglieva undici squadre superstiti dell'Italia meridionale dopo i disastri bellici. Classificatasi la Salernitana nona, fu considerata qualificata per la B nazionale 1946-47, ove vinse il proprio girone portando Onorato in serie A per il 1947-48. Retrocessa la squadra, nei tre campionati successivi sarà ancora nella massima divisione con Milan, Lucchese e Torino. Tornerà in serie B con il Vicenza (1951-52 e 1952-53) e ancora con la Salernitana (1953-54), per terminare con la Turris (1954-55) in serie D. Negli anni settanta sarà allenatore della Salernitana femminile capitanata dalla figlia Patrizia.     


torna all'indice

 

 

 

 

Antonio Oricchio (4 agosto 1958), politico

Magistrato, fu eletto alla Camera dei deputati per la XIV legislatura (2001-2006), con il sistema maggioritario, nella XX circoscrizione Campania 2, collegio di Vallo della Lucania, con la lista Abolizione scorporo. Aderirà prima al gruppo parlamentare Forza Italia (2002-2005), poi al Poplare-UDEUR. Sarà segretario della 1ª commissione (Affari costituzionali, della Presidenza del consiglio e Interni) e membro della 2ª (Giustizia) e dell'11ª (Lavoro), nonché membro del comitato per i procedimenti di accusa. Fu primo firmatario di quattro progetti di legge in materia giudiziaria recepiti nella legge 150 del 2005.


torna all'indice

 

 

 

 

Angelo Orlando (6 dicembre 1962), sceneggiatore, regista, attore

Ha debuttato come regista cinematografico nel 1994 con L'anno prossimo vado a letto alle dieci. Ha scritto e diretto nel 1998 il suo secondo film, Barbara, poi riscritto per il teatro nel 2002. È stato inoltre autore di altri testi teatrali come Messico e nuvole, Cafè, Domani notte a mezzanotte qui, Deliri metropolitani, Casamatta vendesi. Nel 1999 ha firmato la sceneggiatura di Tobia al caffè di Gianfranco Mingozzi e collaborato alla stesura di Ormai è fatta di Enzo Monteleone. Nel 2005 dirige il suo terzo lungometraggio, Sfiorarsi. Nel 2015 torna a firmare, dopo Sandrine nella pioggia del 2008, una sceneggiatura per il regista Tonino Zangardi: L'esigenza di unirmi ogni volta con te.  

Come attore ha lavorato con Federico Fellini (Nestore, nel suo ultimo film La voce della luna), con Nanni Loy, Maurizio Nichetti, Mario Monicelli, Enzo Decaro e altri registi tra cui Massimo Troisi. Ha ricevuto il David di Donatello per il miglior attore non protagonista per il film Pensavo fosse amore invece era un calesse. Nel 2015 ha recitato in Babbo Natale non viene da Nord di Maurizio Casagrande, girato a Salerno.

Ha esordito nel 2002 nella narrativa con il libro Quasi Quattordici. Per le Edizioni Piemme ha pubblicato la raccolta di poesie Per l'amore bisogna averci la passione.


torna all'indice

 

 

 

 

Ciro Paglia (3 novembre 1940 – 7 novembre 2013), giornalista

Nacque da Vito, all'epoca caporal maggiore del Regio esercito di stanza a Tripoli, e da Anna Fiorillo. Redattore a Il Mattino di Napoli dal 1965, negli anni Settanta lo troviamo impegnato in una vigorosa campagna di stampa in cui denuncia le aberrazioni dei manicomi a fianco degli psichiatri Franco Basaglia (ispiratore della legge omonima del 13 maggio 1978 che abolirà formalmente quegli istituti) e Sergio Piro. 

Nell'autunno del 1980, una serie di articoli in cui denunciava con durezza le angherie della camorra di Cutolo, che ebbe il picco massimo il 26 ottobre con il titolo Imputato Cutolo Raffaele ora basta, gli valse una lettera densa di minacce dal carcere di Poggioreale in cui il capocamorra era detenuto. In conseguenza di ciò fu prima dotato di una scorta, poi (1982) trasferito alla redazione di Roma del giornale, ove svolse il ruolo di caporedattore. Rientrò a Napoli nel 1986 essendo stato nominato redattore capo centrale de Il Mattino, incarico che terrà fino al 1995, quando si dedicherà alla realizzazione di inchieste giornalistiche come freelance. 

 

Il 2 dicembre 1980, Gianluca Grimaldi, nipote di Anna Parlato Grimaldi, all'epoca amante di Ciro Paglia, fu rapito dalla camorra dei Mallardo, che lo libererà soltanto il 13 agosto 1981 dietro il pagamento di un riscatto di un miliardo e ottocentottanta milioni di lire. Nel marzo, la Parlato pare abbia tentato di ottenere una improbabile mediazione da parte di Cutolo a favore del nipote, ignorando che i Mallardo avevano rapito Gianluca proprio per reperire soldi necessari alla loro guerra contro i cutoliani. Il 31 marzo, Anna fu uccisa. Le indagini portarono all'arresto e al processo per Elena Massa, moglie di Ciro Paglia, che alla fine sarà assolta per insufficienza di prove. Soltanto nel 1997 un pentito di camorra rivelerà che ad uccidere la Parlato furono i camorristi mallardiani. 


torna all'indice

 

 

 

 

Annie Papa (29 Giugno 1955), attrice

Inizia la carriera artistica nel 1978 con il film La fine del mondo nel nostro solito letto in una notte piena di pioggia di Lina Wertmüller. Successivamente recita in La casa con la scala nel buio di Lamberto Bava (1983), Un complicato intrigo di donne vicoli e delitti di Lina Wertmüller (1986),  Caramelle da uno sconosciuto di Franco Ferrini (1987), Sottozero di Gian Maria Polidoro (1987), Tenera storia di Joan Russell (1992). È apparsa sul piccolo schermo per alcune puntate nella soap opera Centovetrine (2009).


torna all'indice

 

 

 

 

Alferio Pappacarbone († 12 aprile 1050), fondatore e primo abate della badia di Cava (1011-1050), santo

Nobile salernitano, ministro alla corte di Guaimario III, Alferio fu inviato, nei primi anni dell'XI secolo, per una ambasceria in Germania e in Francia. Attraversando le Alpi Cozie fu colto da un malore che lo costrinse ospite nella badia di San Michele della Chiusa; in quell’ambiente maturò un ardente desiderio di pace che lo portò, qualche anno dopo, ad emettere la professione monastica nell’abbazia di Cluny e ad essere elevato al sacerdozio.

Ritornato a Salerno su pressione del Principe che intendeva impegnarlo in una riforma dei monasteri cittadini, si sottrasse alla vita di corte ritirandosi con due compagni a vita eremitica nella grotta Arsicia della Cava. alle falde del monte Finestra (1011). Nel 1025, con un gesto di generosità, Guaimario III e il figlio Guaimario IV vollero attestare il loro affetto ad Alferio, definito spirituali patri nostro, donandogli la proprietà della vallata formata dal fiumicello Selano a ridosso della grotta e l'ampia zona sovrastante su cui poi sorgerà l'attuale frazione Corpo di Cava dei Tirreni, con il diritto all’indipendenza del monastero che vi sarebbe sorto nel governo spirituale e materiale. Alferio improntò la sua vita e quella dei suoi compagni ad una forma media fra l’eremitica e la cenobitica, non volle perciò che il numero dei suoi monaci oltrepassasse il dodici, facendo di questa limitazione un precetto rigido che ritratterà soltanto poco prima della morte.

Fra i discepoli che accorsero a vestire l’abito monastico sotto la guida di Alferio va ricordato Desiderio, congiunto dei principi di Benevento, che sarà abate di Montecassino (1058-1087), papa con il nome di Vittore III (1087) e beato.

Alferio muore la sera del giovedì santo del 1050 ed è sepolto nel cimitero abbaziale. Pare avesse l’età di centoventi anni. Sarà proclamato santo con decreto di papa Leone XIII del 1893. Si commemora il 12 aprile.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Antico stemma dell'ordine

benedettino

Pietro Pappacarbone (1038 circa – 4 marzo 1123), terzo abate della badia di Cava (1079-1123), santo

Nobile salernitano, nipote di Alferio, dopo aver soggiornato nel cenobio fondato dallo zio sotto la guida dell’abate Leone, nella abbazia di Cluny, ove lo zio aveva ricevuto l’abito benedettino, e nel monastero di Sant’Arcangelo del Cilento, fu nominato dal principe Gisulfo II vescovo di Policastro, alla cui sede rinunciò per riprendere la vita ascetica a Cava, ove il vecchio maestro Leone lo associò alla guida dell’abbazia. Dopo un nuovo allontanamento, vi fece ritorno e, alla morte dello stesso Leone, subentrò in pieno nella carica di abate.

L’abbazia e le sue dipendenze godevano di privilegi ed esenzioni, con l’indipendenza assoluta dai vescovi locali, mentre i principi longobardi e i signori normanni l’avevano dotata di poteri feudali. Per controllare meglio il buon andamento delle dipendenze, sia dal punto di vista spirituale che economico, Pietro introdusse la visita periodica dei monasteri. Fu rigoroso nell’esercizio delle virtù monastiche, specialmente nell’orazione e nella penitenza.

Si racconta di lui una sequenza di avvenimenti miracolosi che diffusero la sua fama in tutto il Meridione d’Italia. Nei primi giorni di settembre del 1092 papa Urbano II, che l’aveva conosciuto a Cluny, arrivò alla Cava con un seguito di cardinali, vescovi, principi e baroni, compreso il duca Ruggero, per la consacrazione la nuova chiesa abbaziale, ampliata e trasformata in basilica a più navate, concedendo all’abate le insegne vescovili.

Se lo zio Alferio fu il fondatore della badia, Pietro Pappacarbone, Pietro I come abate della Santissima Trinità, è riconosciuto come il vero organizzatore della sua vita monastica e la fonte dell’impulso dato, negli anni del suo abaziato, all’espansione della congregazione Cavense, l’Ordo Cavensis. Quando assunse il governo della badia, questa era ancora di minime proporzioni, con poche celle in fondo alla grotta, una piccola chiesa, un angusto refettorio, una minuscola sala capitolare. Nel giro di pochi anni il monastero uscì dalla caverna, divenne grande, ricco, si rivestì di splendore. Si cistruirono muraglioni, si gettarono terrapieni, si imbrigliarono le acque del fiume Selano per alimentare un mulino, si recinse di mura con tre porte e otto torri il nascente Corpo di Cava, il tutto coronato dall’edificazione della nuova chiesa.

Pietro fu sepolto nella grotta Arsicia, accanto allo zio e al suo maestro Leone. Sarà proclamato santo, come i suoi due predecessori, con decreto di papa Leone XIII del 1893. Policastro l’ha eletto suo patrono, celebrandone la festa al 4 marzo.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Giampiero Pastore (7 maggio 1976), schermitore (sciabola)

Nel suo palmares compaiono i seguenti risultati:

Olimpiadi: Atene 2004, argento a squadre; Pechino 2008, bronzo a squadra. Campionati del mondo cadetti: 1992, bronzo individuale; 1993, argento individuale. Campionati del mondo: 2002, 2005, 2009, argento a squadre; 2007, 1011, bronzo a squadre. Campionati europei: 1998, 2002, 2003, argento a squadre; 1999, bronzo a squadre; 2009, bronzo individuale; 2009, 2011, oro a squadre. Giochi del Mediterraneo: 1997, oro individuale.

Universiadi: 1997, oro a squadre; 2001, argento individuale, argento a squadre. Coppa del mondo giovani: 1995, 1° classificato. Campionati assoluti italiani: 1996, 1998-2000, 2002-2012, oro a squadre; 2002, oro individuale.

Il 27 settembre 2004 è stato insignito dell’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica.


torna all'indice

 

 

 

 

Dino Vincenzo Patroni (19 novembre 1947), scultore, pittore, ceramista

Figlio di Corrado, impiegato, e di Carmela Giuliana, registrato all'anagrafe come Vincenzo Daniele Antonio, frequentò a Napoli l'Accademia di Belle Arti, ove fu allievo di Giuseppe Capogrossi, Giovanni Brancaccio, Antonio Venditti. Il suo percorso artistico è un continuo attraversare i confini delle diverse discipline che lo vedono impegnato nella sua officina di Maratea: egli è, infatti, scultore, ceramista, pittore dalle più varie tecniche, e ancora medaglista e produttore di istallazioni. Ha effettuato mostre personali e collettive in Italia e all'estero; sue opere adornano piazze ed edifici e sono presenti in musei nazionali e stranieri. Di lui hanno scritto importanti critici e lo storico dell'arte Giorgio Di Genova lo ha inserito nella Storia dell'Arte Italiana del '900. Fino al 2010 è stato titolare della cattedra di Plastica ornamentale all'Accademia di Belle Arti di Frosinone.

 

Dino Vincenzo Patroni, 2007, La bicicletta di un giovane artista scaramantico

(Pinacoteca Comunale di Vitulano, Benevento).

 

Nella registrazione della nascita presso l'anagrafe di Salerno, il padre Corrado è definito impiegato. In realtà, egli fu anche scultore, pur se nel ristretto ambito locale, sulla scia del padre Diomede, irpino di nascita, ma salernitano di adozione. A Salerno, la villa comunale conserva la sua statua di Giovanni Nicotera, mentre nel cimitero è suo il ritratto che orna la sepolture di Silvio Baratta.  


torna all'indice

 

 

 

 

Alfonso Pecoraro Scanio (13 marzo 1959), politico

Figlio di Giuseppe, avvocato, e di Ileana Petretta, maestra elementare, nel 1981 si laurea in giurisprudenza, succederà al padre nello studio legale di questi. Iniziata l’attività politica con i movimenti nonviolenti, nel 1985 è uno dei primi consiglieri comunali dei Verdi nel Sud, a Salerno, e nel 1987 assessore nella prima giunta rosso-verde della città; poi consigliere regionale della Campania e, dal 1992, consigliere comunale a Napoli. Eletto alla Camera dei deputati nel collegio di Napoli per le legislature dalla XI alla XIV (1992-2006), vi sarà automaticamente designato anche per la XV (2006-2008), quando la legge elettorale a liste bloccate sottrasse agli elettori la scelta dei parlamentari demandandola ai partiti.

Nel corso della XI legislatura, fu primo firmatario del progetto di legge (convertito nella legge 473 del 1993) Nuove norme contro il maltrattamento degli animali e, nel corso della XII, del progetto (convertito nella legge 589 del 1994) Abolizione della pena di morte nel codice penale militare di guerra. È stato sostenitore dei referendum contro il finanziamento pubblico ai partiti, la caccia, il nucleare e di numerose campagne in difesa dell'ambiente.

Ministro delle Politiche agricole e forestali nel 2° governo Amato (2000-2001), il 17 maggio 2006 è ministro dell’Ambiente nel 2° governo Prodi, il cui programma aveva contribuito a formare facendosi portavoce, in particolare, della necessità del riconoscimento dei diritti delle civili coppie di fatto, del ritiro immediato delle truppe italiane dall'Iraq e della lotta al precariato mediante il superamento della Legge 30 del 2003.  

Nel 2008 fu presentata in Parlamento una mozione di sfiducia nei suoi confronti dalle forze politiche di opposizione che lo ritengono tra i principali responsabili della emergenza dei rifiuti in Campania; la mozione non arriverà al voto in aula per la caduta del governo.


torna all'indice

 

 

 

 

Marco Pecoraro Scanio (24 dicembre 1962), calciatore, politico

Figlio di Giuseppe, avvocato, e di Ileana Petretta, maestra elementare, è fratello minore del leader Verde Alfonso. Quindicenne, inizia l'attività calcistica nel settore giovanile dell'Inter. Passa all'Avellino nella stagione 1980-81 con cui vince la Coppa Italia categoria Primavera (1982); nello stesso anno debutta in Serie A. Passa poi al Rimini (1982-83), quindi alla Salernitana (1983-84), ancora all'Avellino in Serie A (1984-86), quindi al Cagliari (1986-87) e al Genoa (1987-88). Nel 1988 torna a Salerno. Giunge nel 1991 all'Ancona, che approda alla serie A e nella stagione 1993-94 conquista la finale di Coppa Italia. Termina la carriera a Lecce in Serie B a trentatré anni. Quindi si laurea in giurisprudenza presso l'Università di Salerno, con la tesi Il caso Bosman sulla libera circolazione dei calciatori in Europa.

Alla fine della carriera calcistica, nel 1997, si candida alle amministrative del comune di Ancona ove è assessore con deleghe allo sport ed al turismo fino al 2004. In quell’anno è nominato assessore allo Sport, Salute e Qualità della vita, Sicurezza alimentare e Tutela degli animali alla Provincia di Salerno, incarico che lascia nel 2006, quando, in presenza di una legge elettorale che sottrae agli elettori la scelta dei parlamentari demandandola alle dirigenze dei partiti, è designato senatore; sarà membro della 6ª commissione (Finanze e Tesoro) e della 10ª (Industria, Commercio e Turismo). Nel 2008 non sarà confermato.


torna all'indice

 

 

 

 

Pippo Pelo (16 settembre 1966), conduttore radiofonico, showman, attore, al secolo Cesare Falcone

Laureato in giurisprudenza, è a Radio Kisskiss Network dal 1990, ove ha ideato e condotto numerosi programmi di successo, che gli varranno l'Oscar della radio nel 2006 e la Grolla d'oro nel 2009. Per il cinema ha preso parte ad Amore a prima vista di Vincenzo Salemme (1999), ad Apri gli occhi e... sogna di Rosario Errico (2000), a Parentesi tonde di Michele Lunella (2006), a Il principe abusivo di Alessandro Siani (2013). In televisione è stato nel programma Cronache marziane (Italia 1, 2004-2005) come conduttore della rubrica Centro di ricerche marziane. Nel 2014 prende parte al film tv per Rai Uno L'oro di Scampia di Marco Pontecorvo. Nel 2017 è uno dei concorrenti vip in gara durante l’edizione di Zero e Lode Special condotta da Alessandro Greco su Rai Uno.


torna all'indice

 

 

 

 

Pascal Persiano (9 Novembre 1960), ex calciatore, attore

Già calciatore in serie D (Cavese) e in C (Salernitana), abbandona per un grave infortunio e si dedica al canto e alla recitazione, diplomandosi alla scuola teatrale "Fersen". Attore di fotoromanzi delle riviste Lancio e Grand Hotel, passa poi a teatro, cinema e televisione.
Tra i suoi film, ricordiamo: Dèmoni 2 di Lamberto Bava (1986), Paganini horror di Luigi Cozzi (1989), Voci dal profondo di Lucio Fulci (1991), Fermo posta Tinto Brass di Tinto Brass (1995), La donna lupo di Aurelio Grimaldi (1999).
In televisione ha recitato in L'ombra nera del Vesuvio di Steno (1987), Le lunghe ombre di Gianfranco Mingozzi (1987), La dolce casa degli orrori di Lucio Fulci (1989), Un caso di coscienza di Luigi Perelli (2003) e nelle serie CentoVetrine e La squadra. Nel 2008 e in alcune puntate del 2009 è ancora in CentoVetrine.


torna all'indice

 

 

 

 

Petrocello (XI secolo), medico della Scuola salernitana

Forse discepolo di Garioponto, poiché numerose sono le analogie che si trovano tra le loro dottrine, mentre il Practica Petrocelli Salernitani, oggi alla Bibliothèque nationale de France a Parigi, contiene, oltre i principi cardini della teoria umorale ippocratica e delle conoscenze anatomiche del mondo classico, ampie trascrizioni dalle opere del maestro. Altro riferimento per Petrocello fu il Rerum Medicarum Libri Quatuor di Teodoro Prisciano, vissuto oltre mezzo millennio prima, dal quale non disdegnò di trarre qualche nozione.

Dal punto di vista linguistico, gran parte delle speculazioni presentano traduzioni latine delle terminologie di epoca ippocratica o trascrizioni delle parole greche indicanti le patologie. Per quanto concerne la trattazione medica, si mantenne nelle linee guida di Garioponto. In definitiva, Petrocello non fu un innovatore della medicina per il suo tempo, tuttavia sue ricette furono tradotte in francese e inserite in un manoscritto oggi al St John's College dell'Università di Cambridge.    


torna all'indice

 

 

 

 

Carlo Petrone (11 agosto 1899 – 21 novembre 1961), politico

Nacque alla Dogana Regia da Pasquale, impiegato, e da Concetta Lo Pinto. Fu deputato alla Consulta nazionale (1945-1946) ed eletto per la I legislatura (1948-1953) nelle fila della Democrazia Cristiana. Fu membro dell'11ª commissione (Lavoro, Previdenza e Assistenza sociale). Fu primo firmatario del progetto di legge (convertito nella legge 60 del 13 febbraio 1953) Incompatibilità per i membri del Parlamento a ricoprire cariche in determinati enti e società e del progetto di legge (che non ebbe seguito) Costituzione del comune di Acquavella in provincia di Salerno 


torna all'indice

 

 

 

 

Pietro da Salerno ( 3 agosto 1105), vescovo di Anagni (1062-1105), santo

Benedettino, forse figlio del principe Guaimario IV, per questo detto Pietro de principibus, entrato alla Curia romana grazie alla stima del cardinale Ildebrando (futuro papa Gregorio VII), fu eletto dal clero e dal popolo alla cattedra episcopale di Anagni dopo la morte del vescovo Bernardo. Fu consacrato a Roma da Alessandro II, del quale era stato cappellano. Riformatore della vita del clero, curò la ricostruzione della cattedrale anagnina dal 1073 al 1104 e, nell'occasione, la tradizione gli assegna il ritrovamento delle reliquie di san Magno, in modo analogo a quanto avvenuto a Salerno poche decenni prima nei confronti di quelle di san Matteo.

Fu canonizzato il 4 giugno 1110 da Pasquale II, a seguito della peroratio di Bruno di Segni, all’epoca monaco o forse già abate cassinese, con la Dominum excelsum, che concedeva alle diocesi campane l’autorizzazione solenne per il suo culto pubblico. La Chiesa anagnina lo celebra tuttora il 3 agosto, ma poiché egli è paironus minus principalis della città e della diocesi, il suo busto di rame argentato, con reliquia, opera del 1541, viene esposto accanto al busto simile del martire Magno nelle celebrazioni patronali del 19 agosto.

Nel IX centenario del transito (2005) la diocesi di cui fu titolare ha voluto celebrarne la figura con il volume Pietro da Salerno curato da Lorenzo Cappelletti e da Angelo Molle.  


torna all'indice

 

 

 

 

Stemma ricostruito idealmente

Fortunato Maria Pinto (7 settembre 1740 – 20 novembre 1825), arcivescovo di Salerno (1805-1825)

Nato da Matteo, patrizio salernitano del sedile di Portanova, e da Laura de Fusco, patrizia di Ravello, canonico della cattedrale dal 1762, sacerdote dal 1763 con dispensa pontificia per difetto di tredici mesi di età, vescovo di Tricarico dal 1792, è proposto da re Ferdinando per Salerno nel febbraio 1805 e confermato dal Papa il 26 giugno; riceve il pallio il successivo giorno 28.

Nel corso del suo ministero, fra il 1806 e il 1812, subisce il doloroso calvario della soppressione napoleonica di quasi tutti i monasteri e conventi della città e della diocesi. Con perseveranza, tenta ogni via per ridurla di estensione. Esorta, supplica, scongiura le autorità locali e centrali, alle quali non disdegna di umiliarsi. Quando non può salvare le comunità religiose, tenta almeno di ottenere che rimangano aperte al culto le rispettive chiese, scontrandosi con il potere civile che tende, invece, anche alla riduzione del numero delle parrocchie. Dopo la dominazione francese, al ritorno dei Borbone, moltiplica le sollecitudini per riaprire almeno alcuni conventi e ricostituire alcune parrocchie.

Per il concordato del 7 marzo 1818 fra la Santa Sede e il Regno di Napoli si ha una ristrutturazione delle diocesi, per cui a Salerno viene assegnata in amministrazione la sede vescovile di Acerno. Nel 1822 la commissione dei vescovi presso il ministero del Culto, trattando il piano della restrizione delle sedi vescovili, sta per prendere la risoluzione di ridurre l’arcivescovado di Salerno a vescovado. Si tratta di una nuova tenzone per l’arcivescovo Pinto, ottantaduenne, che si reca immediatamente a Napoli rivolgendosi direttamente al Re fino ad ottenere, non senza traversie, che rimanesse immutato lo status della diocesi salernitana.
Il 1° ottobre 1819 aggiorna lo statuto del Seminario perseguendo una migliore formazione degli alunni, rispondente alle esigenze del tempo. Il 2 agosto 1824, a richiesta della segreteria di Stato degli affari Ecclesiastici, dichiara che la retta dei seminaristi è di 60 ducati annui per i diocesani e di 72 per i forestieri, pagabili in due rate: a novembre e ad aprile; informa, inoltre, che ai diocesani si concedono riduzioni secondo le finanze delle famiglie.

Muore il 20 novembre 1825 ed è sepolto nella cappella della sua famiglia nella cattedrale.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Ugo Pirro (26 aprile 1920 – 18 gennaio 2008), sceneggiatore, al secolo

Ugo Mattone

Nacque da Umberto, impiegato, e da Livia Turco. La sua notorietà è legata soprattutto alla collaborazione con il regista Elio Petri, dalla quale videro la luce quattro film: A ciascuno il suo (1967), Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (1970, vincitore del premio Oscar quale miglior film straniero nel 1971), La classe operaia va in paradiso (1971), La proprietà non è più un furto (1973). I primi tre hanno come protagonista Gian Maria Volontè, e rientrano a pieno titolo nel filone del cinema di impegno civile e politico particolarmente rigoglioso in Italia tra la fine degli anni Sessanta e gli anni Settanta e di cui il terzetto Petri-Pirro-Volontè rappresentò la punta di diamante. In particolare, poi, Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, La classe operaia va in paradiso e La proprietà non è più un furto, quest'ultimo con Flavio Bucci e Ugo Tognazzi, costituiscono quella che la critica ha definito la trilogia sul potere o, secondo altri, della nevrosi petriana. Il Nostro ha collaborato, tra gli altri, con Carlo Lizzani, Vittorio De Sica (Il giardino dei Finzi-Contini, altro Oscar quale miglior film straniero nel 1972), Damiano Damiani, Gillo Pontecorvo.

È stato anche autore con Le soldatesse (1956), portato sullo schermo da Valerio Zurlini nel 1965; Osteria dei pittori; Jovanka e le altre, anch'esso portato sullo schermo da Martin Ritt nel 1960. Di taglio autobiografico sono Figli di ferroviere, Mio figlio non sa leggere, Celluloide, dal quale Carlo Lizzani trasse l'omonimo film nel 1996, e il suo ideale seguito Soltanto un nome nei titoli di testa.

Importante, infine, è stata la sua attività didattica, svolta prevalentemente presso il Centro sperimentale di cinematografia a Roma.


torna all'indice

 

 

 

 

Girolamo Pisano (11 aprile 1974 ), politico

Ingegnere elettronico per laurea conseguita nel gennaio 2001 presso l'Università degli studi di Salerno, nel 2005 consegue un diploma al master Direzione Aziendale per ingegneri. Dal 2006 inizia ad interessarsi di attivismo politico e si avvicina alle tematiche trattate da Beppe Grillo attraverso il Metup di Salerno. Candidato dal Movimento per la XVII legislatura (2013-2018) della Camera dei deputati, risulta eletto nella circoscrizione Campania 2. Sarà membro della 6ª commissione (Finanze).    


torna all'indice

 

 

 

 

 

Alessandro Piva (8 aprile 1966), regista e sceneggiatore

Piva arriva alla regia attraverso un percorso da fotografo, montatore e sceneggiatore. Terminati gli studi di montaggio al Centro Sperimentale di Cinematografia nel 1990, lavora come documentarista in Italia e all’estero.

Come regista ha all’attivo La Capa Gira, presentato al Festival di Berlino e vincitore di numerosi premi, fra i quali il David di Donatello e il Ciak d'Oro nel 2000; Mio Cognato, presentato al Festival di Locarno nel 2004; Henry (2011); Milionari (2015).

È Amministratore di una società di produzione, la Seminal Film, con la quale realizza i propri progetti audiovisivi. Tra il 2002 e il 2006 ha diretto diversi atti unici di Radio3 Rai. Nel 2007 si è cimentato nella sua prima regia teatrale, con un allestimento de Il Cappello di Paglia di Firenze di Nino Rota, per la Fondazione Petruzzelli e Teatri di Bari.

Piva si è impegnato in campagne sociali nel Mezzogiorno, come l’iniziativa Perotti Point legata all’abbattimento dell’ecomostro di Punta Perotti a Bari, che ha portato in Puglia filmaker di tutta Italia per costruire un documentario collettivo sull’evento. Ha una consolidata esperienza nella comunicazione politica e istituzionale. È membro dell’Accademia del Cinema Europeo.


torna all'indice

 

 

 

 

Giovanni Plateario il giovane (XI-XII secolo), medico della Scuola salernitana

Figlio di Giovanni il vecchio, anch'egli medico, e di Trotula de Ruggiero, la più nota fra le Mulieres salernitanæ, seguì, come il fratello Matteo, le orme dei genitori.

Fu autore dei trattati Practica brevis, un sintetico prontuario di cure con finalità pratiche e didattiche (cui pare abbiano posto mano anche i genitori e il fratello), e Aegritudinum curatione. Del primo, un esemplare membranaceo prodotto nel XIII secolo, costituito da sessanta carte, fu acquistato dall’Amministrazione Provinciale di Salerno nel 2003 ad un’asta pubblica presso la casa londinese Christie’s, nell'ambito dell’intento di restituire alla città le opere fondamentali dei suoi maestri in medicina, che resero famosa la Scuola cittadina nel corso del medioevo e nell'età moderna.

Giovanni nelle sue opere non manca di citare il fratello e il padre, del quale tende a dimostrare la perizia riportandone diversi pratiche, fra le quali quelle per rianimare gli affetti da letargia e per sedare gli epilettici.


torna all'indice

 

 

 

 

Matteo Plateario il giovane (XII secolo), medico della Scuola salernitana

Figlio di Giovanni il giovane, ebbe lo stesso appellativo del padre per distinzione dallo zio, detto Matteo il vecchio.

Fu autore del trattato Circa instans, che ripropone le dottrine terapeutiche salernitane sull'uso dei semplici attraverso una dettagliata descrizione di circa cinquecento piante. L'orientamento è quello didattico e tecnico della Scuola; vi si ritrovano Cofone, maestro Salerno e i più autorevoli esponenti dell'istituzione salernitana; vi si rinvengono le cognizioni sui semplici secondo le teorie di Galeno, si delineano le loro proprietà, si individuano piante fino ad allora sconosciute definendo per ognuna l'origine geografica; si riportano le denominazioni greche e latine, accompagnate, in alcuni casi, dai nomi in volgare. Il testo originario del Circa instans, conosciuto fino al secolo scorso soltanto nella ridotta versione a stampa del 1488, si è potuto ricostruire grazie a due pregevoli esemplari del XIV secolo, l'uno in latino, l'altro in francese, conservati presso la Biblioteca estense di Modena.

Fra i suo altri scritti si annoverano le Glosse, che dimostrano una conoscenza della medicina araba mutuata dalle opere tradotte da Costantino.


torna all'indice

 

 

 

 

Jerry Popolo (27 dicembre 1964), sassofonista

Diplomatosi al conservatorio di Salerno in clarinetto, ha proseguito gli studi dedicandosi al sax, all'improvvisazione jazz e all'armonia. Dal 1985 svolge l'attività professionale sia in ambito jazzistico che in produzioni televisive e di pop music, partecipando ad incisioni e tour con artisti quali Andrea Bocelli, Buddy Miles, Kenny Barron, Steve Grossman, Loretta Goggi, Loredana Bertè, Gerardina Trovato, Mango, Gigi D'Alessio, Renzo Arbore, Dionne Warwick, Stefano Palatresi, Sergio Cammariere, Tullio De Piscopo, Antonello Venditti, James Senese, Renato Zero.
Ha pubblicato due album: Soul eyes (2003) e Optimum (2008).


torna all'indice

 

 

 

 

Rosario Priore (23 settembre 1939), magistrato

Figlio di Luigi e di Carmela Viscido, per oltre un trentennio, fin dai primissimi anni Settanta, quando arrivò come giudice istruttore al tribunale di Roma, ha seguito molti dei casi di terrorismo (interno e internazionale) più importanti della storia politico-giudiziaria italiana: dall'eversione nera ad Autonomia operaia, dal caso Moro a quello di Ustica, dagli attentati palestinesi al tentato omicidio di Giovanni Paolo II.

Ha pubblicato Intrigo internazionale, (2010) scritto con Giovanni Fasanella; Chi manovrava le Brigate rosse, (2011) con Silvano De Prospo; I segreti di Bologna, (2016) con Valerio Cutonilli.

A riposo dal 28 ottobre 2008 con funzioni di consigliere di Corte di Cassazione.  


torna all'indice

 

 

 

 

Nicola Provenza (5 maggio 1960), politico

Gastroenterologo, figlio di Vittorio, sindaco di Salerno dal 9 marzo 1977 al 24 marzo 1978 e dal 6 marzo 1985 al 12 settembre 1985, è eletto con il Movimento 5 Stelle per la XVIII legislatura (in corso dal 23 marzo 2018) nel collegio uninominale Campania 2 08 - Salerno in competizione diretta con Piero De Luca, figlio di Vincenzo, ex sindaco di Salerno dal 6 dicembre 1993 al 15 maggio 2001 e dal 15 giugno 2006 al 24 gennaio 2015, ex deputato della XIV legislatura (2001-2006), attuale governatore della Campania. È membro della 12ª commissione (Affari sociali).   


torna all'indice

 

 

 

 

Ernesto Quagliariello (1° novembre 1924 – 2004), biochimico

Figlio di Matteo, avvocato, e di Anna Ricciardi, laureatosi in medicina presso l'Università di Napoli, dal 1960 è stato professore di chimica biologica presso l'Università di Bari, di cui sarà rettore dal 1970 al 1977. Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche dal 1976 al 1984, ha svolto attività di ricerca sulla biochimica dei mitocondri, organizzando su tale tematica simposi internazionali e pubblicando lavori su riviste scientifiche internazionali. Ha pubblicato ricerche sul metabolismo triptofano-acido nicotinico, l'ossidazione dell'acido glutammico nei mitocondri, i substrati respiratori nei mitocondri, la sintesi di acidi grassi nei mitocondri e nei microsomi, avendo tra i vari collaboratori il prof. Marcello Piazza.
Fra i riconoscimenti si ricordiamo la medaglia d'oro al merito della sanità pubblica e la nomina membro dell'Accademia Pontaniana.


torna all'indice

 

 

 

 

Gaetano Quagliariello (19 dicembre 1883 – 2 giugno 1957), biochimico

Figlio di Francesco, avvocato, e di Marianna Santoro, nacque nella storica via Tasso. Dal 1926 ricoprì presso l'Università di Napoli la prima cattedra italiana di biochimica e chimica fisiologica prima di essere nominato rettore della stessa Università. Contribuì, fra l'altro, all'applicazione dei metodi chimico-fisici allo studio dei liquidi degli organismi animali, alle conoscenze sulla fisiologia muscolare, all'impostazione di importanti problemi di scienza dell'alimentazione. Socio dell'Accademia dei Lincei (1935) e della Pontificia accademia delle scienze (1942), fece parte del comitato per le scienze biologiche del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Eletto senatore per la I legislatura della Repubblica (1948-1953) nel gruppo Democratico Cristiano, fu membro della 6ª commissione (Istruzione pubblica e Belle arti), della quale fu presidente dal giugno 1948 al luglio 1950, e membro del comitato per l'incremento della ricerca scientifica.

 

A piazza Sedile del Campo una lapide affissa sulla facciata dell'immobile contrassegnato dal civico 10 lo indica come casa natale di Gaetano Quagliariello. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1883 dello Stato Civile del comune di Salerno.  


torna all'indice

 

 

 

 

Carlo Ragone (20 gennaio 1967), attore, cantante, autore e regista teatrale

Ballerino fin da bambino, nel 1985 si porta a Roma, dove frequenta l'Accademia nazionale Renato Greco, quindi in Francia, per perfezionarsi nel balletto classico. Lavora in teatro come attore e cantante, spaziando dai classici shakespeariani (Romeo e Giulietta; Molto rumore per nulla; Sogno di una notte di mezza estate; Il mercante di Venezia) ai musical (Francesco, il musical di Vincenzo Cerami; Il gatto con gli stivali di Charles Perrault; Joseph e la strabiliante tunica dei colori in technicolor di Tim Rice e Anderw Lloyd Webber) a propri testi e regie (Il sogno di Pulcinella; ; Intestamè). In televisione è nel film TV Il destino ha quattro zampe (2002) e nelle serie Un medico in famiglia; La squadra; Un posto al sole; Don Matteo; Distretto di polizia; Sotto copertura - La cattura di Zagaria. Per il cinema partecipa a L’albero dei desideri sospesi di Rachid Benhadj (1997); Le quattro porte del deserto di Antonello Padovano (2004); All'improvviso un uomo di Claudio Insegno (2014); Se Dio vuole di Edoardo Falcone (2015).


torna all'indice

 

 

 

 

Michele Ragosta (4 marzo 1955), politico

Imprenditore diplomato ragioniere, ex segretario provinciale della Federazione dei Verdi e consigliere e assessore al comune di Salerno, è eletto al consiglio regionale nel 2005; ricandidato nel 2010 con Sinistra Ecologia Libertà, non viene rieletto, così come non era stato eletto alle europee del 2009 per il mancato raggiungimento da parte del partito della soglia di sbarramento del 4%.

Candidato per la XVII legislatura (2013-2018) della Camera dei deputati, risulta eletto nella circoscrizione Campania 2. Sarà alla 6ª commissione (Finanze), alla 9ª (Trasporti, Poste e telecomunicazioni), alla 10ª (Attività produttive, Commercio e turismo), alla 14ª (Politiche dell'Unione europea). Nel 2014 passa al Partito Democratico, per approdare nel 2017 ad Articolo 1 - Movimento democratico e progressista - Liberi e uguali.       


torna all'indice

 

 

 

 

Alfredo Raiola (3 maggio 1948), scultore, pittore

Figlio di Mario, operaio, e di Iolanda De Martino, frequenta la scuola d'arte annessa all'istituto Umberto I, quindi l'Accademia di Belle Arti di Napoli, per ottenere, nel 1976, l'abilitazione all'insegnamento. Dal 1968 si cimenta in numerose personali e collettive, conseguendo riconoscimenti e citazioni su varie testate giornalistiche. Per la chiesa di Maria Santissima di Pompei a Mariconda di Salerno realizza la serie di quattordici tele raffiguranti i Misteri del Rosario e sette stazioni della Via Crucis. Nel 1998, per l'altra chiesa di Santa Maria a Mare nella parte orientale di Salerno, scolpisce il Cristo flagellato e pone in opera l'ambone e il fonte battesimale. Il 2004 e il 2006 sono gli anni di due imponenti mostre incentrate principalmente sull'ultima tappa raggiunta dal costante giocare con la materia: sono, ora, i Nodi a catalizzare l'attenzione scultorea dell’artista, sia in realizzazioni di piccole e medie dimensioni, che in istallazioni per l'aperto. Il Nodo di fuoco, una istallazione da consumarsi a simbologia dell'effimero, è l’ultima ricerca scultorea oltre l'astrazione.

 

Alfredo Raiola, in alto: Cristo flagellato; in basso: Nodo di Savoia     


torna all'indice

 

 

 

 

Girolamo Ramarino (XV-XVI secolo), pittore, detto Girolamo da Salerno

Artista ispirato dai modi di Cesare da Sesto e del concittadino Andrea Sabatini, protagonisti nel sud del manierismo rinascimentale che fu originato da Leonardo e Raffaello.

Girolamo da Salerno, Adorazione dei Magi, 1520 ca. Napoli, Pio Monte della Misericordia; una volta nella chiesa di Santa Maria del Parto della stessa città.

Dipinto considerato il capolavoro dell'Artista.


torna all'indice

 

 

 

 

Pietro Rescigno (15 gennaio 1928), giurista

Figlio di Matteo, professore, e di Maria Giannantonio, insegnante di lettere, laureatosi in giurisprudenza all'Università di Napoli nel 1948, assistente volontario, poi ordinario, infine professore incaricato, nel 1950 ottiene la libera docenza e nel 1952 vince il concorso a cattedra ed è chiamato alla facoltà di giurisprudenza dell'Università di Macerata, per poi passare all'ateneo di Pavia nel 1958 e nel 1960 a quello di Bologna. Nel 1970 è chiamato a La Sapienza di Roma, ove conclude la carriera accademica come professore emerito nel 2005. In quelle facoltà ha insegnato istituzioni di diritto privato e diritto civile, tenendo anche corsi presso le scuole di specializzazione. Ha anche tenuto corsi e seminari in altre università italiane, europee e dell'America Latina, ove è stato nominato professore honoris causa delle Università San Marcos di Lima e Externado di Bogotá.

Le sue monografie giovanili Incapacità naturale e adempimento (1950), Interpretazione del testamento (1952) e Studi sull'accollo (1958) ancora oggi rappresentano riferimento nella scienza e nella pratica del diritto. Oltre che di innumerevoli altri studi, fra cui notevoli I sindacati nello Stato moderno (1965), Persona e comunità (1966) e Persona e comunità, II (1988), è stato autore o curatore di pubblicazioni, fra cui i fondamentali Trattato di diritto privato e Trattato dei contratti, quest'ultimo diretto con Enrico Gabrielli.    


torna all'indice

 

 

 

 

Mario Ricciardi (20 agosto 1908 – 8 marzo 1952), politico

Nacque in via Tasso da Edilberto, avvocato, e da Linda Argenziano. Conseguita la laurea in giurisprudenza presso l'Università di Napoli nel 1930, esercitò la professione forense ed entrò in politica aderendo al Partito Nazionale Monarchico di Alfredo Covelli, con il quale fu eletto alla Camera dei deputati, nel collegio di Benevento, per la I legislatura postfascista (1948-1953), che non portò a termine morendo prematuramente. Fu componente della 1ª commissione (Affari interni) e dell'8ª (Trasporti). Fu primo firmatario di un progetto di legge relativo alle carriere melle ferrovie dello Stato che non ebbe seguito.


torna all'indice

 

 

 

 

Aida Rienzi (1953 – 14 maggio 2012), calciatrice (portiere), presidente della Salernitana femminile

Era una promessa del nuoto quando, negli anni Settanta, Mario Saracino, allenatore del settore giovanile della Salernitana maschile, la selezionò per farle difendere i pali della nascente Salernitana femminile. Nel 1976, la squadra, guidata da Lino Coppola, si laurea campione dell'interregionale, ottenendo la promozione in serie A. Fallita la società a fine del campionato successivo, la Rienzi gioca nel Catania, conquistando lo scudetto nel 1978 con l’amica di sempre Patrizia Onorato. Appesi gli scarpini al chiodo, nel 1983 inizia a maturare il progetto della rinascita del calcio femminile in città, che si concretizza l'anno successivo con l'iscrizione al campionato di serie B della A.C.F. Salernitana, di cui sarà presidente fino al 2008.


torna all'indice

 

 

 

 

Carlo Rienzi (8 ottobre 1946), fondatore del Codacons

Figlio di Vincenzo, professore di matematica, fondatore del sindacato della scuola Sasmi, poi Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori Scuola (Snals) e membro del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, e di Maria Rosapepe, laureatosi presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università degli Studi di Roma nel 1968 con specializzazione in diritto scolastico e diritto amministrativo, nel 1986, da un comitato già attivo per l'autoriduzione, fonda il Codacons, rendendolo un coordinamento di associazioni di consumatori diffuso in tutt'Italia, di cui è attualmente (2013) presidente.

Abbassiamo i prezzi, non le mutande e Organizzarci per non farci più fregare sono stati suoi famosi gridi di battaglia.


torna all'indice

 

 

 

 

(Salvatore) Gennaro Righelli (12 dicembre 1885 – 6 gennaio 1949), regista

Registrato all'anagrafe come Salvatore, ma noto come Gennaro, nacque al largo San Petrillo da Angelo, artista drammatico, e da Maria Galassi, anche lei artista di teatro. Giovane attore con i genitori, nel 1911 si accostò al cinema prima come attore, poi come attore-regista, quindi come regista e sceneggiatore. Ai primi anni Venti si portò in Germania ove partecipò alla fondazione della casa di produzione Maria Jacobini Film GmbH e dove diresse una nutrita serie di pellicole, al ritmo di due o tre all'anno, fra le quali Bohème-Künstlerliebe (1923), Die Puppenkönigin (1924), Der Bastard (1925), Der Meister der Welt (1927), Der Präsident (1928).

Tornato in Italia, alla Cines Pittaluga, fu preferito ad Alessandro Blasetti per la regia del primo film sonoro italiano, La canzone dell'amore, con protagonisti Dria Paola (1930), ispirato ad un'opera di Pirandello. In patria riprese il vorticoso giro di regie, che videro, fra le tante, L'aria del continente (1935), Pensaci, Giacomino! (1936), Lo smemorato (1936), Gatta ci cova (1937). Nell'immediato dopoguerra diresse Anna Magnani in Abbasso la miseria! (1945) e Abbasso la ricchezza! (1946), il secondo interpretato dall'attrice romana al fianco di Vittorio De Sica.   

 

Molte fonti indicano come anno di nascita il 1886. Il dato qui riportato è stato rilevato dal registro dei nati nel 1885 dello Stato Civile del comune di Salerno.


torna all'indice

 

 

 

 

 

Stemma della

famiglia Ruggi. Elaborazione dal Manoscritto Pinto, Biblioteca provinciale

di Salerno

Antonio Ruggi (1761 – 7 dicembre 1799), rivoltoso della Repubblica napoletana

Patrizio salernitano del sedile del Campo, figlio del marchese d. Matteo e di d. Maddalena Cavaselice, avvocato in Napoli, con il fratello Ferdinando aderì alla repubblica proclamata il 23 gennaio e crollata il 13 giugno 1799. Sarà decapitato in piazza del Marcato a Napoli.


 

Ferdinando Ruggi (23 maggio 1760 – 7 dicembre 1799), rivoltoso della Repubblica napoletana

Patrizio salernitano del sedile del Campo, figlio del marchese d. Matteo e di d. Maddalena Cavaselice, tenente di vascello della regia marina borbonica, con il fratello Antonio aderì alla repubblica proclamata a Napoli il 23 gennaio e crollata il 13 giugno 1799 ricoprendo il ruolo di governatore del Dipartimento del Sele (Salerno e provincia). Sarà decapitato in piazza del Marcato a Napoli.         


torna all'indice

 

 

 

 

Ivo Russo (28 settembre 1961), politico

Figlio di Gaspare, avvocato, sindaco di Salerno (1970-1974) e presidente della regione Campania (1975-1979), laureato in scienze economiche e commerciali, di professione commercialista, fu eletto alla Camera dei deputati per la XI legislatura (1992-1994) con la Democrazia Cristiana. Nel corso del mandato parlamentare, il 27 gennaio 1994, aderirà al Partito Popolare Italiano di Martinazzoli. Fu segretario dell'11ª commissione (Lavoro) e primo firmatario del progetto di legge (che non ebbe seguito) Norme per l'istituzione e la regolamentazione delle case da gioco sul territorio nazionale.   


torna all'indice