C'erano una volta due fratelli africani, Said e Mahmud, che un giorno decisero di andare in Italia perchÚ pensavano che almeno lÓ si potesse guadagnare qualcosa.

Appena arrivati a Roma, si misero a cercare lavoro. Said fu assunto come muratore e Mahmud come uomo delle pulizie.

I primi giorni i due fratelli dormirono per strada, poi un ragazzo italiano, chiamato Leonardo, vedendoli tutte le sere sotto i portici, decise di ospitarli a dormire a casa sua.

Tutte le mattine i tre andavano a lavoro e la vita trascorreva serenamente. Un pomeriggio, per˛, mentre i due fratelli rincasavano, furono fermati da un gruppo di ragazzi che iniziarono ad insultarli. Said e Mahmud cercarono di scappare ma i ragazzi li inseguirono e li picchiarono.

Leonardo, non vedendoli tornare, and˛ a cercarli e trov˛ Said ferito e Mahmud sdraiato a terra. L'amico italiano li port˛ a casa e spieg˛ loro che erano stati aggrediti da un gruppo di giovani convinti di appartenere ad una "razza" superiore alle altre.

Qualche sera dopo, tornando da lavoro, i fratelli africani videro sul ciglio della strada uno dei loro aggressori, gravemente ferito, che chiedeva aiuto. Senza esitare Said e Mahmud lo soccorsero e chiamarono l'autoambulanza, salvandogli cosý la vita.

In seguito a questo episodio il gruppo di teppisti si pentý di aver discriminato i giovani africani e si scus˛ con loro. Said, Mahmud ed il gruppo di ragazzi italiani diventarono cosý amici.

 

indice