da "La Ludla", il periodico dell'Associazione "istituto Friedrich Schurr"  

Una Sra a e Racz

cun la Bugani, Felici Orsini

eCasamurata

di Gianfranco Camerani

File0210.JPG

felice-orsini-1.jpg

Chi mai, quale associazione pu permettersi la distinzione di un avviso cos? In Rumagna sl cvi de Racz ad Furl indo che Urbano Bezzi l e Segretri e Sanzio Zoli e Minstar! La Schrr e e Racz sono associazione sorelle che, ciascuno con le proprie modalit, perseguono gli stessi obiettivi, in favore del dialetto e della cultura romagnola, anche nei suoi aspetti popolari e vernacolari, sicch i soci sono in buona parte comuni, come puri i protagonisti delle iniziative culturali. Recentemente ad una delle celebri serate conviviali e culturali sono stati protagonisti Addis Meleti e il suo libro Dialetto in controluce (IL Ponte vecchio, Cesena 2007); ma ora vorremmo parlarvi di un'altra serata, quella tenuta da Flavia Bugani su Felice Orsini, poi illustrata in versi da Arrigo Casamurata con la proverbiale sarcasticit; e ad alcuni dei suoi torniti endecasillibi ci affidiamo per riassumere l'evento.

And a magn a e Racz: grn bla csa!/  Boni al pjetnz, slta la cumpagn;/ unatmusfra viva, spiritsa./ tra tent amigh chi zrca laligr;/ su-n fos che fni dmagn, dp sparci i pit/ e ven un qujcadun a cunt di ft./  Met t pa dbu piutst in abundnza,/ met tpa lavur tot qunt e d/ e tsenta za dla pişanteza dpnza:/ u-n zva par tnit sveg gnnca e caf./ Su s-i met un uratr cun dla maleta/ e b dlimcontar l gvint na şdeta./ La Bugani la j na bona fjla:/ moltistruida e pin ad bl manir,/ e stavlta la s cunt na fla/ dun tl sugt d ca nstra, n frustir./ A j cap, par, dp e prm fat/ chla scurva sicura dun caz-mat/ Un zrt Felice Orsini: grnd bl m,/ cha- vasicur che, sa lincontr ad nta,/ a scap coma sa vdes un brnch ad Rom

E via cos, ripercorrendo le vicende private e pubbliche del Meldolese, fino al gesto finale - l'attentato a Napoleone il Piccolo, sicario della Repubblica Romana e quindi affossatore della Repubblica Francese - e la morte nel patibolo parigino. In tempi di scatenati processi, ai protagonisti della nostra vita politica e culturale, alla fine non poteva mancare la domanda di rito:

E la quis-cion la putreb ls questa:/ l st un eroe o frsi un teruresta?

Noi siamo certi che la ben nota dottrina della relatrice (ed anche note illustre consocia) Flavia Bugani, il celebrato equilibrio del Minestar  Sanzio Zoli moderatore della serata, nonch l'intelligenza che il pubblico avr sicuramente espresso nel dibattito saranno stati in grado di dirimere al meglio la questione perci non resta che avviarci lestamente al finale; anzi al doppio finale: il primo elevato ed aulico, il secondo ben pi corrivo, ma a suo modo anch'esso esemplare:

Finla  

U s rasun tnt sra ste fat:/ sl st disperazion, sl st curag:/ sl st st imprudenza avuda da un mz mat/ quel chl sicur, l nd un PARSUNAG/ E quel chlimpresiunep e mond intr/ e va arcurd cun scurs e cun bandir.

Sgonda finla  

 (ad ca nstra e un p sbuchda)

 Pinsend cun chlra bl, piaş al burdli/ nench a Furl u s truv e md giost/ par unurl: faşend na str par queli/ dispsti a d a la vita un p pi ad gost./ Parec, a so sicur, j arcrda ben/ Via Felice Orsin: sr di caşen!  

 

alla pagina precedente