Progetto Sorriso

  Associazione O.N.L.U.S. Associazione O.N.L.U.S.

Chi siamo

Cosa facciamo

I nostri obiettivi

 

Carta dei diritti del malato terminale

Centri di terapia del dolore

Testimonianze 

Info:

progettosorriso@libero.it

Sede operativa: U.O. Terapia del dolore c/o P.O. di Pescara Via Fonte romana n. 8 Tel. 085/4252706 

c/c bancario n. 1473 c/o BNL sede di Pescara ABI 1005 CAB 15404

c/c postale 18276618  

 

 

 

 

Dal 1998 l'Unita' di Terapia del dolore opera ufficialmente ed in maniera continuativa all'interno del servizio di Anestesia, Rianimazione e Terapia del dolore, presso il P.O. di Pescara. Centinaia di persone sono state curate dagli operatori sanitari dell'unita' che hanno messo a disposizione tempo e professionalit'.

Dalla ns. esperienza e' nata la convinzione che l'ambiente pi' confortevole e sicuro per effettuare terapie croniche e' il domicilio del paziente , l'ospedalizzazione infatti peggiora le condizioni psichiche e fisiche di chi deve subire terapie lunghe che possono essere realizzate correttamente anche a casa.

La ns. associazione si propone di aiutare i malati a superare le barriere burocratiche ed economiche che spesso limitano l'attivit' delle unita' di Terapia del dolore nei vari ospedali, necessariamente sottoposti a vincoli organizzativi e finanziari .

"Progetto Sorriso"   una associazione che viene ad integrare e a completare l'attivit' di Terapia del dolore, contribuendo ad umanizzare le attivit svolte nell'ambito ospedaliero, il cui tecnicismo d'altra parte   indispensabile per il raggiungimento di un efficace controllo del dolore.

 

 

 

Chi siamo

Progetto Sorriso   iscritta alla Federazione cure palliative, organizzazione nazionale senza fini di lucro, attiva nel campo delle delle cure palliative e del volontariato a stretto contatto con associazioni che ne fanno parte.  

 

Cosa facciamo

Erogazione cure palliative. 

Formazione volontari per cure palliative.

Promozione della cultura e della ricerca nelle cure palliative.

 

 I nostri obiettivi

Assistere i malati in fase terminale fino all'ultimo istante di vita.  


Offrire ai malati un sostegno finalizzato all'accompagnamento verso una morte serena e dignitosa.

Offrire un sostegno ai familiari,  anche dopo il decesso del proprio congiunto.

 

 

                                                        

 

 

realizzato da  Archea